Rubriche di
Patrizia Fontana Roca

 

MOSTRE, RICORRENZE ED INIZIATIVE VARIE 2017

 

In questa pagina troverete, di volta in volta, notizie dedicate ad iniziative e/o Mostre su soggetti di interesse comune: a tematica religiosa, collezionismo vario, recensioni su novità editoriali, ecc. Spero possa esservi utile!

Si declina, comunque, ogni responsabilità circa l'eventuale mancata realizzazione delle stesse o altre inesattezze, non imputabili a Cartantica, che si fa soltanto tramite delle informazioni.

Alcune delle iniziative vengono riportate anche se in ritardo, compatibilmente con gli aggiornamenti del sito.

 

 

I commenti di don Gigi


NATALE messa del giorno 25-12-2017 – Gv 1, 1-18

   1 In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio e Dio era il Verbo.  2 Questi era in principio presso Dio. 3 Tutto per mezzo di lui fu fatto e senza di lui non fu fatto nulla di ciò che è stato fatto.  4 In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini;   5 e la luce nelle tenebre brilla e le tenebre non la compresero. 6 Ci fu un uomo mandato da Dio; il suo nome era Giovanni. 7 Questi venne come testimone per rendere testimonianza alla luce, affinché tutti credessero per mezzo di lui. 8 Non era lui la luce, ma per rendere testimonianza alla luce.  9 Era la luce vera, che illumina ogni uomo, quella che veniva nel mondo.10 Era nel mondo e il mondo fu fatto per mezzo di lui e il mondo non lo riconobbe. 11 Venne nella sua proprietà e i suoi non lo accolsero. 12 A quanti però lo accolsero diede il potere di divenire figli di Dio, a coloro che credono nel suo nome, 13 i quali non da sangue né da volontà di carne né da volontà di uomo ma da Dio furono generati. 14 E il Verbo si fece carne e dimorò fra noi e abbiamo visto la sua gloria, gloria come di Unigenito dal Padre, pieno di grazia e di verità.15 Giovanni rende testimonianza a lui e proclama: «Questi era colui di cui dissi: "Colui che viene dopo di me ebbe la precedenza davanti a me, perché era prima di me"». 16 Della sua pienezza infatti noi tutti ricevemmo e grazia su grazia; 17 poiché la legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità divennero realtà per mezzo di Gesù Cristo. 18 Dio nessuno l'ha visto mai. L'Unigenito Dio, che è nel seno del Padre, egli lo ha rivelato.

«La luce vera... fra la sua gente... figli di Dio...» Notizie importanti, notizie che fanno bene, di quelle che si aspettano da tanto tempo e finalmente arrivano: sì, arrivano ma... c'è sempre un "ma" o un "eppure" che ci mettono in imbarazzo e non ci lasciano tranquilli. Le notizie rimangono intatte, sono scolpite e scritte nell'Infi­nito, ma... eppure...Siamo davvero gente strana: finalmente arriva Colui che si aspettava da sempre e non riusciamo ad accoglierLo. Sembrava che tutto fosse pronto e invece ci siamo girati dall'altra parte per­ché forse sono arrivate altre notizie che ci sembravano più intri­ganti, più alla nostra portata, più immediate nel farsi capire...Finalmente arriva Chi si aspettava da sempre e lo confondia­mo con Babbo Natale...Stiamo brancolando paurosamente nel buio e ci dà fastidio che arrivi la Luce.Forse perché ci fa sentire nudi e brutti, pallidi o troppo obe­si... forse perché ci fa sentire in colpa per le piccole lampadine che ci sembrava fossero sufficienti ad illuminare la nostra sto­ria e la Storia...Ma niente paura: Lui lo sa e lo sapeva e non si lascia intimorire dalle nostre paure e dalle nostre vergogne, Lui ci chiama ancora la "sua gente", anzi di più, Lui ci chiama Figli e Fratelli, Amici.Natale è la notizia che ci deve ridare il coraggio della fatica e ridare la fatica del coraggio. Da allora non siamo più soli; c'è un compagno di viaggio che ci starà per sempre al fianco e dipenderà da me accettarlo e lasciar­gli fare il suo mestiere: quello di illuminare la nostra strada, di scaldarla di Amore premuroso e sincero. Attenzione a non farci imbrogliare ancora una volta da chi con­fonde la Luce vera con una lampadina. 

Il Verbo è ciò che l'uomo ha avuto in eredità genetica venendo al mondo. Chi lo ha dato all'Uomo? L'Altissimo, attraverso la luce che illumina ciò che sta attorno al mondo. E la luce è il panora­ma del Verbo, del linguaggio che significa ogni elemento che noi possiamo conoscere e comprendere. Buon Natale !

 

I commenti di don Gigi

 

Domenica 24/12/2017 – Lc 1, 26-38

   In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

   In un mondo di imboscati o dove si tenta di farlo con una facilità imbarazzante...fa bene sentire un “eccomi” motivato e voluto. E’ proprio questa disponibilità ad esserci e a mettersi totalmente in gioco che rende possibile il Natale, l’inizio dei tempi nuovi nei quali il male è destinato ad essere sconfitto. E’ questo “voler esserci” che rende la Storia affascinante e vera e non soltanto tempo perso dietro ai soliti fantasmi o ai soliti miti capaci anche di grandi orrori. “Eccomi! “. Lei c’è, Lei ci vuole essere perché si fida della parola. “Eccomi! “. Adesso però tocca a noi piantarla di giocare a nasconderci e a scaricare responsabilità: tocca sempre agli altri, noi non abbiamo mai tempo perché c’è comunque qualcos’altro da fare; dobbiamo piantarla di piangerci addosso il triste e noioso “tocca sempre a me! “ Se voglio un mondo migliore tocca a me buttarmi nella mischia e urlare il mio “eccomi! “ alla vita che ho davanti: Natale inizia da lì e va dritto fino alla Risurrezione. In un mondo di ‘prime donne’ e di protagonismi esasperati, di primi posti e di podi cercati in tutti i modi...beh, in un mondo così fa bene sentire che qualcuno vuole essere “servo”: ma del Signore Gesù e cioè dell’Amore. “Servo”...capace cioè di mettermi al Suo servizio, ad andargli dietro, a lasciare Lui al primo posto, a rischiare di non capire...esattamente come ha fatto Lei. Si preoccuperà Lui a chiamarci “amici e non più servi”...intanto però cominciamo a voler fare i “servi” come lo ha fatto Lei. Buon cammino. Un abbraccio. Ciaooooo

Don Gigi

******

 

SANTO NATALE

 

 



Puoi vederlo su Youtube


e su Facebook

 

 

IV DOMENICA D'AVVENTO

 




Puoi vederlo su Youtube

e su Facebook



******

 

 

Commento di Don Luigi Pini

Dal Vangelo secondo Giovanni (1, 6-8.19-28)
Venne un uomo mandato da Dio:
il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Non era lui la luce,
ma doveva dare testimonianza alla luce.
Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e levìti a interrogarlo: «Tu, chi sei?». Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo». Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elia?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il profeta?». «No», rispose. Gli dissero allora: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». Rispose: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaìa». 
Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?». Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell’acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, colui che viene dopo di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo». 
Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.

Giovanni sarà per sempre il testimone di Colui che dovrà essere il punto di riferimento del nostro camminare nella vita: testimone della Luce, di Chi cioè è capace di farci “vedere”. 
Vedere...sì, perché c’è una strada da scegliere, perché c’è una vita da vivere: la mia, la tua.
Ma dove mettere i piedi, dove puntare la prua della barca, dove andare sull’orizzonte della Storia...quale lampadina accendere, quale interruttore schiacciare?
“Sei il profeta?...sei Elia?...sei il Cristo? “.
Tanti si propongono come ‘lampadine’ ed ‘interruttori’, tanti si propongono come capaci di orientare ed indirizzare.
Tanti? Bene, anche Lui allora si propone!
Anche Lui come tanti, come troppi ?
Lui, comunque, si propone e Giovanni ne è il testimone concreto e ne è “indicatore” fedele. A me tocca la fantasia e la voglia di provare a conoscerlo e a capirlo.
“Sei il profeta?...sei Elia?...sei il Cristo?...” 
Chi sei?
Provare a conoscerlo, ad ascoltarlo, a capirlo e poi decidere quale scelta fare, quale ‘luce’ scegliere, quale ‘interruttore’ schiacciare, quale strada camminare per vivere la vita e costruire un mondo più bello.
Una Luce si è proposta e si proporrà sempre: Gesù di Nazareth, il Figlio di Dio.
Adesso tocca a te e tocca a me scegliere.
Dobbiamo scegliere...perchè, alla fine, siamo noi che come Giovanni dobbiamo “rendere testimonianza alla luce”.
E la testimonianza siamo chiamati a darla con la vita e non con le chiacchiere!
Giovanni la sua testimonianza l’ha fatta fino alla fine, fino alla decapitazione!
Buon cammino con un grande e forte abbraccio. Ciaooooo

 

don Gigi

*******

 

 

III DOMENICA D'AVVENTO - GESU' VERA LUCE

 

Puoi vederlo su Youtube

 

e su Facebook

 

 

*******

 

 

Commento di don Luigi Pini

           

 

2^ Domenica di Avvento Mc 1, 1-8 

 

 Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio. Come sta scritto nel profeta Isaìa: «Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero: egli preparerà la tua via. Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri», vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

    Sono le prime due indicazioni sul cosa fare per ‘preparare la strada’ e l’incontro quindi con il “Papà”. Tutto assomiglia molto alla strada che percorre il “figlio prodigo” così come quel ‘papà’ assomiglia molto a quel “padrone di casa”. Convertirsi allora ! E’ la prima indicazione, il primo ‘comando’ ed è anche il modo di “vegliare”. - Convertirsi che vuol dire “cambiare direzione”, ritornare indietro o in avanti, certamente “non stare fermi” ! La conversione ha bisogno di un cammino ed è quello dell’anima, del cuore. - Ma la conversione ha soprattutto bisogno di rendersi conto del “dove” si è e del “che cosa” si sta facendo e del “dove” si sta andando. Non esiste una conversione tanto per fare qualcosa: sarebbe un cammino a vanvera e stupido. - Conversione è rendersi conto e prendere coscienza delle scelte fatte, dei comportamenti concreti che sono la quotidianità del mio vivere, delle relazioni con le persone con le quali cammino la storia… ...e poi c’è la seconda indicazione: “confessare i propri peccati”. * Confessare i peccati non è l’umiliazione di chi se sente un verme o un fallito, ma è la voglia matta di liberarsi di pesi che stanno condizionando negativamente la vita e la voglia matta di liberarsi da maschere strane che stanno fregando anche te stesso… * Confessare per essere finalmente liberi di capire, di scegliere , di essere se stessi fino in fondo. * Confessare è fare esperienza di Amore, di un abbraccio che libera la tua sete di amare e di essere amato; confessare è fare esperienza di perdono, di chi cioè vuole diventare un “dono-per” noi… E’ un Sacramento: segno della Sua presenza, della Sua voglia di stare con Me e darmi una mano a vivere a testa alta. Non siamo soli, mai...Lui c'è: tocca a me fare 'la scelta'. Buon cammino d'Avvento...incontro a Lui. Un grande e forte abbraccio.

 

 

 

  Ciaooooooooo - don Gigi

 

 

 

II DOMENICA DI AVVENTO - PREPARA LA VIA AL SIGNORE

 

Puoi vederlo su Youtube

e su Facebook

******

 

IMMACOLATA CONCEZIONE

Puoi vederlo su Yuutube

e su Facebook

 

******

1 Domenica Avvento –03/12/2017 – Mc 13, 33-37

    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare. Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati. Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!». Incomincia un anno nuovo per tutte le comunità cristiane: un cammino che si snoda domenica dopo domenica. L’inizio è deciso e non ammette repliche: “state attenti” - “vegliate” ! Sono due ‘ordini’ che Lui ci lascia per aiutarci a non sbagliare la partenza e per non perderci così dietro a falsi progetti e inutili traguardi. Sono due ‘ordini’ diversi ma che viaggiano insieme: il secondo dà senso al primo e viceversa. “ Vegliate”...e non sarà un ‘vegliare’ qualsiasi. Non basta vegliare’ insomma, anche perché lo facciamo già abbastanza spesso rintronandoci per ore su divani saturi di TV o su strade colme di velocità assassine e suicide o in locali riempiti di decibel al massimo e di parole o in stanze o in strade piene di solitudini angosciose… Non basta ‘vegliare’...e però è indispensabile farlo: è un ordine ! Ma come farlo allora? Qual è lo stile di ‘questo’ vegliare ? Lo “stile” è quello dello “stare attenti” !  Ma attenti a chi ? a che cosa ? Perché stare attenti...se è così facile e comodo e a volte anche divertente ‘vegliare’ senza farsi tanti pacchi e senza farsi tante menate? Attenti a chi allora ? - Attenti al “padrone di casa”...di quella casa che è il Creato, il mondo, la mia Valle, la mia vita. Non abito in un condominio anonimo o in una città stressata o in un paese tranquillo e solo...abito in una “casa” che ha un Papà: Padre nostro… Scopriremo più avanti cosa e come comanda. - Attenti anche alla “strada”: perché non sono tutte uguali e perchè non portano tutte dalla stessa parte...ci sono troppi venditori di sogni a buon mercato e di pifferai che mi vogliono sulla ‘loro’ di strada e semplicemente per la loro sete di potere o di successo o di denaro...e io invece mi sento e voglio una strada di libertà, di giustizia, di amore, di “luce” e di “colori”. Che sia quella che mi propone il “padrone di casa”, il “Papà” ? Abbiamo davanti un anno per ascoltarlo e capire. Buon Anno con un grande e forte e caldo abbraccio.

Ciaooooo, don Gigi

******

 

I DOMENICA D'AVVENTO - SVEGLIA



 

Carissimo/a puoi donare l’5x1000, a favore di ASS.NE MARIAGABRIELLALASTILLA - ROMA pro BURKINA-FASO ONLUS a te non costa nulla; devi solo inserire il codice del beneficiario C.F. 97442950586 apponendo la tua firma. GRAZIE

 

 

 

DEMETRIO GUZZARDI


A CATANZARO - SEDE DI SOCIOLOGIA
(via Scesa degli Eroi - di fronte Teatro Masciari)
conversazione con proiezione

LA CALABRIA CRISTIANA

TRA ORIENTE ED OCCIDENTE

Mercoledì 20 dicembre 2017, con inizio alle ore 18 (termine previsto ore 20), a Catanzaro nella sede di Sociologia dell'Università "Magna Graecia (via Scesa degli Eroi - di fronte il Teatro Masciari), nell'ambito del Master di primo livello su "Beni culturali e beni ecclesiastici: analisi, gestione e fund raising", il rettore dell'Universitas Vivariensis, l'editore cosentino Demetrio Guzzardi, terrà una conversazione su "La Calabria cristiana tra Oriente ed Occidente". L'incontro sarà aperto da un saluto del direttore del master prof. Antonino Mantineo e da una introduzione di Luigi Mariano Guzzo.

******

A SAN MARCO ARGENTANO FINO AL 13 DICEMBRE 2017

Verso la conclusione della terza edizione

della Settimana della santità calabrese

Visita alle chiese, Messa all’abbazia della Matina, presentazioni di libri e degustazioni di gastronomia devozionale

IL PROGRAMMA COMPLETO

https://issuu.com/deguzza/docs/programma-settimana-santita-calabre

 

IL TEATRO DIALETTALE

SALE IN CATTEDRA

Sabato 2 dicembre 2017 a Rende presentazione

del volume «Le commedie di Ruggero Ciancio e…»

C’è grande attesa nel mondo del teatro dialettale calabrese per la presentazione ufficiale del volume «Le commedie di Ruggero Ciancio e…», pubblicato dall’editoriale progetto 2000 di Cosenza e che contiene al suo interno sette commedie in dialetto, scritte da Ruggero Ciancio insieme a Mirella Claudio, Massimo Bruno e Cesare Castiglione.

L’iniziativa si terrà sabato 2 dicembre 2017, con inizio alle ore 17 nel centro storico di Rende nei locali del Museo Civico – Palazzo Zagarese. I saluti inaugurali saranno portati dal sindaco di Rende, Marcello Manna e dal vice presidente dell’Amministrazione provinciale di Cosenza, Mario Bartucci, la conduzione della serata, l’Associazione “Aria nuova” di Rende, l’ha affidata allo stesso editore del volume, Demetrio Guzzardi.

Significativa la presenza degli attori e registi Max Mazzotta e Lindo Nudo, amici di vecchia data dell’autore Ruggero Ciancio.

Hanno segnalato la loro partecipazione alcune compagnie teatrali (con i loro responsabili), che hanno già rappresentato i lavori di Ruggero Ciancio. "I Pagliacci" di Montalto Uffugo con il regista Paolo Guglielmelli; "Stuazzi & pitazzi" di Carolei, con il presidente Franco Natale Passaniti; "Quinta Scenica" di Castrolibero, regista e attore Alessandro Chiappetta; "I Mietituri" di Bianchi, regista Caterina Fazio; "L'istrione" di Marano Principato, regista Giuseppe Salerno; Compagnia teatrale “Santo Stefano" di Rende, regista Immacolata Gabriela; “Saremo famosi" di Rende centro storico, attore Francesco Rossiello e il "Gruppo teatrale Città di Rende" di Rende centro storico, compagnia con la quale l’autore - da giovane – ha iniziato a recitare prima e a scrivere commedie poi.

Ruggero Ciancio è nato a Rende (CS) il 23 agosto 1951, vive e lavora a Rende, come bibliotecario della struttura comunale del centro storico. Ricercatore attento delle tradizioni popolari rendesi: dalle feste, ai giochi di una volta, dai canti alle credenze, dai proverbi, fino alle antiche ricette. È autore e curatore di pregevoli pubblicazioni, giornalista pubblicista, ha lavorato sia come corrispondente per la carta stampata che come ideatore e conduttore di trasmissioni televisive. Nel settembre 2017, nel corso dell’ottava edizione della Settimana della cultura calabrese, ha ricevuto il “Premio Cassiodoro” per il teatro dialettale.

 

Tutto pronto a San Marco Argentano per la terza edizione della Settimana della santità calabrese, un evento culturale in programma da giovedì 30 novembre 2017 a mercoledì 13 dicembre, per celebrare la firma del decreto che ha reso venerabile, mons. Agostino Ernesto Castrillo, un frate campano, che nei primi anni Cinquanta del Novecento, fu vescovo di San Marco Argentano e Bisignano per soli 670 giorni.

Si partirà giovedì 30 novembre alle ore 17.00, presso il chiostro del convento della Riforma, col taglio del nastro e la visita guidata alla mostra Santi, santità e santini di Calabria; subito dopo la presentazione dell'ultimo lavoro editoriale di Antonio Modaffari, sulla figura del venerabile mons. Castrillo. Il giorno dopo (venerdì 1 dicembre) si parlerà di giovani e pietà popolare, nel corso della presentazione del saggio di don Gian Franco Belsito, «Via Matris»; la serata verrà dedicata alla memoria di mons. Ignazio Schinella, deceduto lo scorso 2 novembre, che aveva firmato la post-fazione del volume.

In una nota stampa il rettore dell'Universitas Vivariensis, Demetrio Guzzardi ha dichiarato: «Questa terza edizione, dopo quella di Roma e di Corigliano Calabro, è stata resa possibile grazie all'impegno del vescovo di San Marco Argentano-Scalea, mons. Leonardo Bonanno, e patrocinata dal Comune di San Marco Argentano. Oltre alla mostra, aperta tutti i giorni, si terranno tanti momenti culturali: presentazioni di libri, “gastronomia devozionale”, collezionismo e filatelia, seminari, visite guidate nei luoghi religiosi di San Marco Argentano e del circondario. Domanica 10 dicembre è prevista una camminata dal Santuario dei martiri argentanesi all’Abbazia cistercense de La Matina. Anche in questa manifestazione si svolgerà “Gazza ladra”, la distribuzione mattutina gratuita nei migliori bar cittadini di libri di argomento religioso. Tutto questo per raccontare la santità calabrese. Devo dire, conclude Guzzardi, che l’entusiasmo è già tanto ed abbiamo ricevuto adesioni da diversi paesi della Calabria, ma anche dalla Puglia e dalla Campania».

 

 

 

 

➨ Tutti i venerdì del mese alle ore 8,00 Parrocchia di San Massimo San Massimo a Penne (Pescara), sito in Via Battaglioni 1 S. Messa in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario chirurgico e chimico e dell’eutanasia.

➨ Tutti i lunedì del mese dalle ore 15,00 alle 16,45 dalle suore Orsoline nella cappella della casa natale di sant’Angela Merici, in località Grezze a Desenzano del Garda (Brescia) adorazione eucaristica, coroncina della divina misericordia, vespri e Rosario in difesa della Vita.

➨ Venerdì 1 Dicembre dalle ore 20,30 alle 21,00. Adorazione eucaristica in riparazione dell’aborto presso la casa di cura S.Camillo in V. Filippo Turati 44, Brescia.

➨ 1 Dicembre – Venerdì e 19  Dicembre – Martedì dalle ore 9,30 alle ore 12,00 Ospedale San Massimo a Penne (Pescara), sito in Via Battaglioni 1 Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.

➨ Venerdì  1 Dicembre dalle ore 17,00 alle 18,00. Cappella dell’Ospedale Santa Maria delle Croci a Ravenna Ore 17,00 Adorazione Eucaristica e ore 17,30 Santo Rosario meditato in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.

4 e 13 Dicembre dalle 9,00 presidio davanti al Tribunale di Milano per il processo a Marco Cappato sul caso dj Fabo.  Ora et Labora parteciperà insieme ad altre associazioni pro-life. Sul fronte opposto saranno presenti anche i radicali con i loro simpatizzanti.

➨ 7 Dicembre – Giovedì e 19 Dicembre – Mercoledì dalle ore 9,00 alle ore 12,00 Ospedale Civile S. Spirito, a Pescara, via Fonte Romana, 8 Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.

➨ Lunedì  11 Dicembre  dalle ore 7,00 alle 18,00. Giornata per la Vita fuori dagli Spedali civili di Brescia.

➨ Venerdì 29 Dicembre dalle ore 9,00 alle 12,00 Ospedale Nuovo San Gerardo, a Monza, via Pergolesi, 33 Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia

➨ Venerdì 22 Dicembre dalle ore 9,00 alle ore 11,30 presso il Presidio Ospedaliero Sant’Antonio Abate di Cantù (CO) in via Domea 4 Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia nel giorno in cui nell’ospedale vengono effettuate le visite pre aborto

Conferenze e Incontri

➨ Lomazzo (CO) Sabato 16 Dicembre ore 15 Convegno nazionale UML. Noi ci siamo e voi? Quale futuro per l’Italia. Relatore: Giorgio Celsi - Iniziativa “CamminiAMO per LA VITA” mese di Novembre

➨ Sabato 16 Dicembre  dalle ore 17.00 alle 19.00 CamminiAMO per la vita. Adorazione presso Cappella del Collandone (Centro storico di Perugia) e volantinaggio

➨ Pescara – Sabato 30 Dicembre – Presso il Santuario della Divina Misericordia del Sacro Cuore, sito in Corso Umberto, ci si ritrova alle ore 15 in Chiesa per l’Esposizione del Santissimo, poi un gruppo che rimarrà per l’Adorazione e un altro andrà per le strade del centro città per la testimonianza (eventualmente si potrebbero dare il cambio, organizzando dei turni) ci si riunisce poi tutti in chiesa alle ore 17,30 per la Santa Messa.

➨ Brescia – Giovedì 28 Dicembre – giorno dei santi innocenti martiri, presso la Chiesa di Sant'Antonio in via degli Antegnati 17, ci si ritrova alle ore 15,30 in Chiesa per l’Esposizione del Santissimo, poi un gruppo che rimarrà per l’Adorazione e un altro andrà per le strade del centro città per la testimonianza (eventualmente si potrebbero dare il cambio, organizzando dei turni) ci si riunisce poi tutti in chiesa alle ore 17,30 per la Santa Messa.

Per info 3467035866 Giorgio

«Difendi la Vita, rinascerà la Speranza»
http://www.oraetlaboraindifesadellavita.org/
https://www.facebook.com/giorgio.celsi
ti preghiamo di diffondere fra i tuoi contatti le iniziative di "ORA et LABORA in Difesa della Vita" a difesa della vita dal concepimento alla morte naturale

 

 

il prof. Renzo Barbattini ci comunica che il suo articolo sulle "Api e i Santi" presente su Cartantica è stato citato dalla rivista ApiInsieme

 

 

 

 

Cari amici e conoscenti, nell’augurare a voi e ai vostri cari un sereno Natale ed un ottimo anno nuovo, vi comunico, se può essere di vostro interesse, che la casa editrice Dino Audino di Roma ha pubblicato il mio libro “Storia dell’Arte della cartapesta” con l’introduzione del grande storico dell’arte Claudio Strinati.    Il libro è, in questo momento, in esposizione presso lo stand della casa editrice alla fiera Più libri più liberi (in programma alla Nuvola-Eur). Il libro sarà presentato al pubblico della Capitale il 16 febbraio alle ore 17,00 presso la Fondazione Besso di Largo di Torre Argentina, 11.  I relatori saranno gli storici e critici d’arte Claudio Strinati e Nicoletta Cardano. Coordinerà i lavori lo scrittore e storico del cinema italiano Ennio Bispuri. In prossimità della presentazione vi spedirò l’invito.  

Un caro saluto e a presto, Ezio

 

Ricerche 32 | dicembre 2017 | 160 pagine | 20 €

Lo studio dell’arte della cartapesta – in Occidente un’eccellenza della cultura italiana – è stato in passato penalizzato dai pregiudizi legati alla sua materia, originata da umili stracci e ritenuta perciò sostanza vile e inadatta alla produzione di opere d’arte.
Questo libro, scritto da uno scenografo maestro della cartapesta, attraverso un esame rigoroso e meticoloso ne rivaluta l’arte, dalle prime sperimentazioni nelle botteghe toscane della metà del ’400 sino all’arte moderna. Vengono così esaminate con passione e competenza le opere degli artisti del passato e di quelli moderni che hanno creato opere d’arte di cartapesta di grande rilievo, come Jacopo della Quercia, Donatello, Antonio Rossellino, Benedetto da Maiano, Desiderio da Settignano, Jacopo Sansovino, Ferdinando Tacca, Beccafumi, Bernini, Algardi, Angelo Gabriello Piò, Sanmartino, sino a Dubuffet e agli ultimissimi sperimentatori.
Nello studio meticoloso di Flammia emerge ancor più un patrimonio  straordinario, dai giocattoli alle arti applicate, dalle suppellettili agli allestimenti scenici eeffimeri.

«Flammia è senza ombra di dubbio il massimo esperto d

d ell’argomento, conoscitore profondo delle procedure esecutive, storico di indiscussa competenza, critico sensibile e dotto. Flammia, però, è anche e soprattutto artista di qualità cospicua, erede di una tradizione che, appunto, egli consacra nel libro manifestando un amore e una dedizione all’argomento invero encomiabili.»
    Dall’Introduzione di Claudio Strinati

Ezio Flammia, artista e scenografo, maestro della cartapesta, ha esposto in Italia e all’estero.
Ha realizzato scenografie e costumi per numerose opere teatrali e ha collaborato all’allestimento di varietà in prima serata per Rai 2. Ha restaurato importanti opere di cartapesta per il Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari (Roma). Nel 1996 ha ricevuto presso la Camera dei Deputati il premio internazionale alla carriera per le arti, La Plejade. È autore di Fare cartapesta e scultura di stoffa (Dino Audino editore, 2014).

 

 

 

Ancona, 17 dicembre 2017

 

PER SCONFIGGERE LA CULTURA DELLA MORTE

 

LORETO E GUADALUPE I DUE SANTUARI DELLA MATERNITA' DI MARIA

Cfr. in Internet:
http://lavocecattolica.it/santacasa.htm

- LORETO- BALUARDO DELL’EUROPA CRISTIANA PER LA “NUOVA EVANGELIZZAZIONE” nel tempo dell’“apostasia silenziosa”

Verso la Civiltà dell’Amore profetizzata da Paolo VI
“La Civiltà dell'Amore prevarrà nell'affanno delle implacabili lotte sociali, e darà al mondo la sognata trasfigurazione dell'umanità finalmente cristiana".

(Paolo VI, discorso del 25 dicembre 1975)

 
A LORETO (nella Santa Casa) è avvenuto il miracoloso ed immacolato concepimento di Gesù Cristo in Maria Vergine, per l'opera dello Spirito Santo, a  GUADALUPE l'immagine formatasi miracolosamente sul mantello di San Juan Diego rappresenta la Vergine al terzo mese di gravidanza, come i rilievi scientifici hanno appurato. Vi è perciò come un gemellaggio tra i due Santuari Mariani: l'uno prosecuzione dell'altro nel testimoniare la VITA, dal momento del concepimento e nel suo sviluppo successivo nel grembo di una madre.

- LE APPARIZIONI DI GUADALUPE A SAN JUAN DIEGO - LA PERFETTA E SEMPRE VERGINE MARIA, MADRE DEL VERO DIO DA CUI PROVIENE OGNI VITA

- L'INTRODUZIONE DELL'EUTANASIA IN ITALIA - ULTIMO TRAGUARDO DELLA CULTURA DELLA MORTE

- I PONTI SENZA VERITA' NN REGGONO

- GRIDO AI VESCOVI. "BASTA POLITICA, EDUCATECI ALLA FEDE" 

- DON GNOCCHI - "NEL CROCIFISSO VIVE IL SENSO DI OGNI DOLORE"

*******

Ancona, 9 dicembre 2017

 NONO ed ULTIMO GIORNO DELLA NOVENA  

- La solenne approvazione e consacrazione pontificia della Santa Casa

 

 

Ancona, 8 Dicembre 2017

 OTTAVO GIORNO DELLA NOVENA  

 

Ancona, 7 dicembre 2017

 SETTIMO GIORNO DELLA NOVENA  

 

 

 

Ancona, 6 Dicembre 2017

SESTO GIORNO DELLA NOVENA

 

 

Ancona, 5 dicembre 2017

 

QUINTO GIORNO DELLA NOVENA  

 

 

Ancona, 4 dicembre 2017

 

QUARTO GIORNO DELLA NOVENA  


APPUNTAMENTO ALLA BANDERUOLA per Sabato 9 dicembre 2017 - ore 21.00

Torna, come ogni anno, l'evento più atteso per Orme lauretane ... Il racconto itinerante della Traslazione della Santa Casa di Loreto, nella sua veste tradizionale della Festa della Venuta, quando le campagne intorno al santuario si accendono di fuochi votivi mentre il mormorio delle litanie lauretane rompe il freddo silenzio di dicembre e i racconti delle nonne riempiono le case di magia. Un momento imperdibile per i loretani e non solo e vi invitiamo a passarlo con noi, anche sopportando il freddo, con l'aiuto del fuoco acceso dal buon Enrico, custode della Banderuola e dei campi circostanti.

- Ore 20.30-20.45: Ritrovo a Loreto in Piazza dei Galli e partenza a piedi per la Chiesa della Banderuola attraverso Porta Marina e Villa Costantina.

- Ore 21.00 circa l'accensione del tradizionale "fogarò" accanto alla Banderuola e litanie lauretane.

Attenderemo il fuoco in compagnia di Enrico, con un po' di vin brulè, leggendo insieme qualche racconto popolare che rendeva allegro e vivo nelle campagne questo magico momento di festa. L'evento è a partecipazione gratuita e include un bicchiere a testa di vin brulè. Chiunque è libero di portare un po' di cibo da condividere (dolci natalizi o frutta) in attesa dell'accensione del fuoco-

E' gradita la prenotazione chiamando o inviando un messaggio whatsapp al numero 333 4615772 oppure un'email a info@ormelauretane.it, possibilmente entro la sera precedente l'evento. E' necessario un abbigliamento consono alla stagione, cammineremo su strade per lo più asfaltata ma è bene venire con scarpe comode e impermeabili, k-way giacca a vento, cuffia o cappello. E' utile anche una torcia e naturalmente la macchina fotografica.

Vi invitiamo a scattare fotografie dei momenti più emozionanti per condividerle poi con noi e iniziare a realizzare un archivio immagini della festa più suggestiva di Loreto. 

Info utili: +39 +39 333 461 5772 - info@ormelauretane.it - Website

Ancona, 3 dicembre 2017

TERZO GIORNO DELLA NOVENA

 

 

 

Ancona, 2 dicembre 2017  

 

 

 

 SECONDO GIORNO DELLA NOVENA  -  2 dicembre

  

APPELLO AL NUOVO VESCOVO DI LORETO Mons. FABIO DAL CIN

di celebrare il 10 dicembre la Liturgia stabilita dalla Chiesa

della TRASLAZIONE MIRACOLOSA DELLA SANTA CASA

 

GUARDA OGNI GIORNO UN VIDEO DI APPROFONDIMENTO

Nel video della prima Trasmissione del Prof. Giorgio Nicolini in èTvMarche

le "prove" del "falso storico" del "Chartularium Culisanense",

le verifiche archeologiche dei contemporanei (da Tersatto e da Recanati),

le tradizioni locali, "prove" storiche e archeologiche,

le approvazioni dei Vescovi e dei Papi dell'epoca delle traslazioni,

il Giubileo indetto da Bonifacio VIII nel 1300 per far conoscere il miracolo delle traslazioni.

 www.telemaria.it

 

 

 

Ancona, 1 dicembre 2017

 

Ultime notizie

 NOVENA IN PREPARAZIONE DELLA FESTA DELLA "VENUTA" DELLA MIRACOLOSA TRASLAZIONE DELLA SANTA CASA (10 dicembre 2017)

- PRIMO GIORNO DELLA NOVENA 1° dicembre 2017  

APPELLO AL NUOVO VESCOVO DI LORETO Mons. FABIO DAL CIN di celebrare il 10 dicembre la Liturgia stabilita dalla Chiesa della TRASLAZIONE MIRACOLOSA DELLA SANTA CASA

- Nel video dell'intervista al Prof. Giorgio Nicolini "LE PROVE DEL "FALSO STORICO" del "Chartularium Culisanense" e della falsa e dissacrante "ipotesi" del trasporto di pietre della Santa Casa da parte dei principi Angeli dell'Epiro

-

LA TRADIZIONE DEI FUOCHI DELLA VENUTA

Nella notte tra il 9 e il 10 dicembre, è tradizione popolare e religiosa accendere dei grandi falò, comunemente chiamati «focaracci», a simboleggiare l’attesa della Venuta della Santa Casa di Nazareth a Loreto, ricordando il momento in cui, nel 1294, il luogo sacro dove la Madonna nacque, visse e ricevette l’annuncio dell’arcangelo Gabriele, fu trasportata nel territorio delle Marche (da Tersatto, a Posatora di Ancona, poi nella selva della signora Loreta e sul campo di due fratelli, e infine sulla pubblica via che attraversava la sommità del Monte Prodo). L’accensione del fuoco, dunque, quale "tradizione", con l’intento di far memoria di quel “percorso” miracoloso nel buio della notte, viene riproposto in molte comunità delle Marche. I fuochi si accendono alle prime ombre della sera nelle campagne, nei paesi ed anche nel capoluogo, Ancona, dove i vari rioni gareggiano per allestire il fuoco più alto e bello. Intorno al fuoco si recitano ancora, come voleva la tradizione, le Litanie Lauretane, invocando la protezione della Madonna, "Porta del Cielo" e "Stella del mattino". All'inizio tale festa dei "fuochi" per la "venuta" nacque spontaneamente. Dal 1617, grazie all'iniziativa del frate cappuccino anconitano fra' Tommaso, l'usanza si diffuse capillarmente in tutte le Marche. Anche in Umbria si celebra, in alcuni centri, la festa della Venuta con l'accensione dei "fuochi": ad esempio a Cascia (ove viene chiamato "Focone della Venuta"), e ad Assisi. La festa che si tiene per celebrare la traslazione della Santa Casa in Umbria si chiama "Festa del Passaggio", anziché "della Venuta". La tradizione popolare vuole infatti che la Santa Casa sia passata per l'Umbria prima di arrivare nelle Marche.

*******

Ancona, Domenica 26 novembre 2017

NEL CENTENARIO DI FATIMA (1917-2017)

 

NOSTRO SIGNORE GESU' CRISTO RE DELL'UNIVERSO 

IN PREPARAZIONE DELLA FESTA DELLA "VENUTA"

DELLA MIRACOLOSA TRASLAZIONE DELLA SANTA CASA

(10 dicembre 2017)

 

Ultime notizie-

XXXIV domenica del Tempo Ordinario - NOSTRO SIGNORE GESU' CRISTO, RE DELL'UNIVERSO
Dal Vangelo secondo Matteo - Il giudizio finale (Mt.25,11-46)

- Venga il tuo regno - Dall'opuscolo «La preghiera» di Origène, sacerdote (Cap. 25; PG 11, 495-499)

- LA REGALITA' DI CRISTO CONTRO GLI STATI ATEI E SECOLARIZZATI di Cristina Siccardi

- LA FESTA DI CRISTO RE

- CRISTO RE DELL'UNIVERSO - ATTO DI CONSACRAZIONE DEL GENERE UMANO A CRISTO RE

 

- QUANDO SI FA REGNARE CRISTO NEI CUORI  -
LA STORIA - Sposati civilmente, vivono castamente per 25 anni

 

 

 

 

 

 

Cara Amica, caro Amico,

mancano pochi giorni alla notte più santa dell’anno: la notte di Natale. È una grande occasione per accogliere sempre più profondamente il significato di salvezza che la nascita di Gesù rappresenta e per far entrare la sua presenza nella nostra vita, ogni giorno, senza timore.

L’invito a non aver paura riecheggia in tutte le pagine della Scrittura. Sono parole usate anche da Giovanni Paolo II, quando disse in visita a Betlemme: “Non temete di preservare la vostra presenza e il vostro patrimonio cristiani nel luogo stesso in cui il Salvatore è nato”.

Ed è proprio questa la nostra missione: preservare i luoghi in cui Cristo è nato ed è vissuto.

In questo Santo Natale, ti rivolgiamo una speciale richiesta di sostegno: aiutaci a mantenere vivi i Luoghi Santi. Entra anche tu a far parte di una grande famiglia che non solo ha a cuore la Terra Santa, ma che la custodisce e la protegge.

Il tuo gesto di carità ti permetterà di rafforzare il legame con questi Luoghi Santi. Il tuo nome verrà, infatti, scritto all’interno del Libro dei Benefattori di Terra Santa, custodito nel Convento di San Salvatore, nel cuore della Gerusalemme antica, dai frati francescani della Custodia di Terra Santa.

Ti ringraziamo di cuore.

Buon Natale!

Associazione pro Terra Sancta

 

 

 

 

 

Asta di dicembre N°29


Data chiusura 21-12-2017

Asta on line di dipinti antichi, dipinti del XIX e XX secolo, arte moderna oggetti e varie.

Tutte le opere sono visibili su appuntamento presso la nostra sede.

Per info contattare info@sesarts.com

    
Davide Cenedella  +393473467273

www.sesarts.com

Copyright © 2017 Peacock, All rihts reserved.
iscritti asta in corso

Our mailing address is:

Peacock
Via Filatoio, 16, Lonato del Garda, 25017 BS, Italia
Lonato del Garda, Lombardia 25017

 

 

Scriveva Albert Einstein: "(noi uomini) siamo nella situazione di un bambino che entra in una vasta biblioteca riempita di libri scritti in molte lingue diverse. Il bambino sa che qualcuno deve aver scritto quei libri. Egli non conosce come. Il bambino sospetta che debba esserci un ordine misterioso nella sistemazione di quei libri, ma non conosce quale sia...". Il cosmo e la natura sono regolati da un ordine misterioso, in parte comprensibile per l'intelligenza dell'uomo, in parte ad essa superiore.

Desideravamo terminare il 2017 toccando questo argomento con alcuni tra i più autorevoli astronomi, filosofi, matematici, fisici, medici, genetisti, ingegneri contemporanei, intervistati per noi da Francesco Agnoli. Una piacevole lettura che ci immergerà nella bellezza dell'Infinito, con la semplicità e la delicatezza di una fiaba a lieto fine... che sarete voi a raccontare...

Gli SCIENZIATI di fronte al MISTERO del cosmo e dell'uomo - piccoli dialoghi su GRANDI temi. Autore Francesco Agnoli, interviste a: Piero Benvenuti - Federico Faggin - Paolo Musso - Mauro Stenico - Giovanni Straffelini - Alfio Quarteroni - Enrico Bombieri - Francesco Malaspina - Gian Battista Vai - Dino Aquilano - Massimo Gandolfini  - Luca Surian - Carlo Bellieni - Matteo Bertelli - Giuseppe Baldacchini  - Giulio Fanti.

Il libro ordinabile da ora sul sito www.dominusproduction.com (oppure chiamando lo 055.0468.068 Lun. - Ven. 8.30 - 18.00), sarà spedito da mercoledi 20 Dicembre su tutto il territorio nazionale.
Che l'arrivo del Signore porti Pace, Gioia e Serenità nei vostri ambienti di lavoro, nelle vostre famiglie e nei vostri cuori.  

LE ALTRE PROPOSTE DOMINUS PRODUCTION

SPECIALE THE SUN 20 - CD MUSICA - Edizione Speciale per i primi 20 anni di attività della band: 2 cd con inediti e 1 libro fotografico: 40 brani con i maggiori successi della band e numerosi inediti composti e registrati per l’occasione, un booklet fotografico di 72 pagine con foto esclusive e tanti racconti scritti da Francesco, Ricky, Lemma e Boston. 10 gli inediti tra nuove canzoni e brani mai pubblicati su cd.


THE SUN -  CUORE APERTO DELUXE - CD MUSICA - Speciale Confezione Regalo Deluxe contenente 2 cd musicali (Cuore Aperto e B-side), 1 DVD (report della settimana di viaggio in TerraSanta; Spiriti del Sole - fan made videoclip - ; un anno di Officina del Sole; le Case di Mosul - videoclip ufficiale), 1 Libro di racconti e fotografie esclusive del gruppo (64 pagine di racconto e fotografie; Il significato dei testi; cuore Aperto per Matteo, Gianluca e Riccardo) e 1 Poster.

THE SUN - CUORE APERTO - CD MUSICA - Cuore Aperto, terzo album in italiano della band, 12 tracce inedite di rock e nuove sonorità vi guideranno in un profondo percorso fatto di fiducia in voi stessi, bene per il prossimo, amore sotto ogni sua sfumatura, gratitudine e coraggio, coraggio di seguire i propri ideali anche quando opposti a ciò che ci viene imposto dai media e dalle mode.

"La migliore educazione scaturisce dalla musica perché l’armonia ed il ritmo penetrano nel più profondo dell’anima e se ne impossessano donando a colui che ne beneficia saggezza e ragione". PLATONE

L'8 Dicembre lo straordinario gruppo THE SUN compie 20 anni di emozionante musica. DOMINUS PRODUCTION non poteva che proporvi il loro ultimo lavoro THE SUN 20, insieme al precedente album CUORE APERTO e al meraviglioso CUORE APERTO DELUXE.

La musica può essere il linguaggio più alto per toccare il cuore di ogni persona ... anche quello apparentemente più duro! ...Se poi la musica è quella dei THE SUN non può che lasciare una breccia indelebile: la loro storia e il loro essere, uniti alla loro arte, offre un mix esplosivo di infinita Bellezza!

a voi l'ascolto! www.dominusproduction.com/musica

ORDINA ora sullo store Dominus www.dominusproductionstore.com oppure chiamaci al numero 0550468068 dal Lunedi al Venerdi 8.30-18.00 (festivi esclusi) spedizioni a partire dal 15 Dicembre 2017.


LE ALTRE PROPOSTE DOMINUS PRODUCTION

IL RISVEGLIO DI UN GIGANTE
- DVD Italiano - film documentario sulla straordinaria vita della mistica Santa Veronica Giuliani (1660-1727) . L'esperienza di Santa Veronica è stata accompagnata sin dal suo inizio da segni soprannaturali - il rapporto quotidiano con Dio, le innumerevoli visite in paradiso, in inferno e in purgatorio e la comprensione dei più grandi misteri della fede - culminati con la stigmatizzazione a 33 anni. Questa eccezionale vita tra grandi doni e combattimenti contro i demoni fu vissuta nel nascondimento all’interno del convento delle clarisse cappuccine a Città di Castello in Umbria ed è arrivata fino a noi tramite un vastissimo diario di oltre 22.000 fogli manoscritti, che lei dovette scrivere per obbedienza.

IL MIO CUORE TRIONFERA' - LIBRO Italiano - la prima autobiografia di Mirjana Soldo. La storia degli accadimenti di Medjugorje dal principio, visti dagli occhi di chi per primo ne ha ricevuto i dieci segreti. Un libro straordinario che immerge il lettore nel contesto storico e politico in cui sono avvenute gli accadimenti di Međugorje. Il libro offre una carica di BELLEZZA e SPERANZA per il mondo intero.

L'UOMO, IL MITO, IL MESSIA - LIBRO Italiano - Il libro associato al film GOD's NOT DEAD2, in cui l'autore si interroga sulla più grande domanda della Storia: Gesù Cristo è davvero esistito? Basandosi sui documenti storici e utilizzando gli strumenti della più trasparente storiografia contemporanea, il testo dimostra che Gesù di Nazareth è realmente vissuto e che la Sua morte e resurrezione rivelano la Sua identità di Messia.

GOD'S NOT DEAD2 - Dio non è morto2 - DVD Italiano - Ispirato a una causa legale reale GOD'S NOT DEAD 2 affronta il delicato tema della difesa del diritto alla libertà di espressione e di opinione. Il film evidenzia inoltre il pericolo di manipolazione delle informazioni da parte dei principali media e invita lo spettatore ad interrogarsi sui grandi valori della vita, arrivando a domandarci... quanto siamo disposti a rischiare per difendere la Verità?

GOD'S NOT DEAD - Dio non è morto - DVD Italiano - Come GOD's NOT DEAD2 si ispira ad un caso realmente accaduto. Al centro della storia, una sfida intellettuale tra una matricola universitaria, Josh Wheaton (Shane Harper), e un prestigioso docente di filosofia, il Professor Radisson (Kevin Sorbo). Superbo e autoritario, il Professor Radisson ha costruito la sua brillante carriera e la sua intera vita privata sulla tesi che Dio non sia mai esistito e che ogni religione sia un’inutile superstizione. Di forte temperamento, esige che i suoi studenti sposino la stessa idea. La matricola Josh, unico nel suo corso, non accetta la tesi "imposta" dal professore. Superando difficoltà esterne e momenti di crisi interiore, il giovane dovrà dimostrare l’esistenza di Dio al professore e all’intera classe.

DIO NON E' MORTO: prove dell'esistenza di Dio in un'epoca di incertezza
- LIBRO Italiano - L’autore Rice Broocks, traendo spunto dalla sua personale vicenda di riscoperta del messaggio cristiano, spazia dalla filosofia alla scienza, dalle prove storiche alla teologia per dimostrare che l’universo e la vita umana hanno origine da Dio e da Lui traggono scopo. Di fronte al diffondersi dell’ateismo nella scuola e nella società civile, il libro offre ai credenti valide argomentazioni a favore dell’esistenza di Dio e si propone di stimolare gli interrogativi degli atei e di coloro che sono ancora alla ricerca della Verità.

MARIE HEURTIN - DAL BUIO ALLA LUCE
- DVD Italiano - La vera storia della ragazza sordo-muta e cieca - che impara a conoscere il mondo grazie alla fiducia che la perseverante Suor Marguerite ripone in lei - offre una splendida testimonianza della ricchezza che si racchiude in ogni essere umano. Il dvd contiene inoltre i sottotitoli per i non-udenti mentre la descrizione delle scene per i non-vedenti è disponibile sulla piattaforma Movie Reading.

LA GRANDE STORIA DELLA CARITA' - LIBRO Italiano - L’autore, Francesco Agnoli, racconta di donne e uomini semplici eppur straordinari, che hanno saputo fare dell'amore e del servizio al prossimo la propria ragione di vita. Consigliato da abbinare al dvd di MARIE HEURTIN, considerata la vicinanza dei temi trattati e l'attenzione verso i più piccoli ed emarginati.

IL MISSIONARIO - DVD Italiano - Al centro della storia, i rischi che si presentano alle nuove generazioni e la difficile stagione dell'adolescenza, che  evidenziano l'importanza della fede in CRISTO e della famiglia come sicuro rifugio dalle effimere promesse del mondo. IL film è particolarmente consigliato per insegnanti e tutti coloro che abbiano attività con i ragazzi in età adolescenziale.

JOSE' SANCHEZ DEL RIO - LIBRO Italiano - la prima biografia italiana di San José Sanchez del Rio, martire della CRISTIADA messicana. Il giovane martire disposto a sacrificare la vita per amore di Cristo e della Chiesa, invita ad alzare lo sguardo oltre i personali limiti umani, in vista dell'unico vero Bene. Il testo, scritto dal Postulatore della Causa di Canonizzazione, è la prima biografia disponibile in Italia dedicata al giovane Santo, canonizzato il 16 Ottobre dello scorso anno e già protagonista del film CRISTIADA.

CRISTIADA - DVD Italiano - Enrique Gorostieta Velarde (Andy Garcia), il più importante stratega militare del Messico anni ‘20, è un uomo ateo e scevro da ogni ideologia. Mosso da un profondo ideale di giustizia e amareggiato dalla situazione di repressione in atto nel Paese - che soffre il regime autoritario e antireligioso del Presidente Plutarco Elìas Calles - decide di mettere il suo genio militare a disposizione del popolo cristiano perseguitato. Con perseveranza e dedizione, il Generale Gorostieta riuscirà a trasformare un gruppo eterogeneo di contadini, studenti ed intellettuali nella forza militare della Cristiada.

PRESSBOOK CRISTIADA - LIBRO Italiano - il Pressbook ricostruisce con precisione il contesto storico nel quale si svolse la lotta per la libertà di culto in Messico, fra il 1926 e il 1929, e offre interessanti retroscena sulla produzione e realizzazione del film CRISTIADA. Sono riportate anche le interviste al cast artistico e tecnico del film.

GOD'S NOT DEAD: Evidence for God in an Age of Uncertainty - LIBRO Inglese - Traendo spunto dalla sua personale vicenda di riscoperta del messaggio cristiano, l’autore Rice Broocks spazia dalla filosofia alla scienza, dalle prove storiche alla teologia per dimostrare che l’universo e la vita umana hanno origine da Dio e da Lui traggono scopo. Di fronte al diffondersi dell’ateismo nella scuola e nella società civile, il libro offre ai credenti valide argomentazioni a favore dell’esistenza di Dio e si propone di stimolare gli interrogativi degli atei e di coloro che sono ancora alla ricerca della Verità.

MAN, MYTH, MESSIAH: answering history's greatest question - LIBRO Inglese - dopo il successo di "God’s Not Dead", l’autore Rice Broocks si interroga sulla più grande domanda della Storia: Gesù Cristo è davvero esistito? I Vangeli raccontano una vicenda che le fonti possono documentare oppure attingono a miti e leggende? Basandosi sui documenti storici, il testo dimostra che Gesù di Nazareth è realmente vissuto e che la Sua morte e resurrezione rivelano la Sua identità di Messia.

Per tutti i nostri film sono disponibili le schede professori con le ricadute ditattiche di ogni pellicola sul programma delle scuole secondarie di primo e di secondo grado: http://www.dominusproduction.com/scheda-didattica.html

Per ordinativi, sia per i negozi che per i privati, consultate il sito www.dominusproductionstore.com o chiamateci allo 055.0468068, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.00 (festivi esclusi).
Missione di DOMINUS PRODUCTION è diffondere Bellezza e Virtù. Dai il tuo "mi piace" alla nostra pagina facebook https://www.facebook.com/dominusproductionsrl/

 

 

NOTIZIE DA LUCA PREATO

Gentilissimi volevo sollevare un problema da poter cercare di sciogliere in modo umano. Mi sto accorgendo di come sia facile prendere una multa attraverso i sistemi automatici di controllo del traffico pur superando di poco il limite consentito. ANCHE SE NEL CASO SPECIFICO NELL’ULTIMA MULTA DA POCO PRESA HO SUPERATO A DIFFERENZA DELLE ULTIME PRECEDENTI DI MOLTO IL LIMITE CONSENTITO

Attualmente questo sta diventando un problema dato che ULTIMAMENTE pur superando di poco i limiti le multe si stanno facendo frequenti e sono dissocupato E MIO PAPÀ È ANZIANO E INVALIDO. Credo che bisognerebbe rimettere al centro l'uomo che interpreta il codice automobilistico e non una macchina, bisognerebbe tornare a mettere al centro l'uomo e non un meccanismo che può creare anche terrore a chi guida un auto. Chiedo si possa fare quanto vi fosse possibile fare per PRESENTARE una soluzione anche se non diversamente semplicemente con la Preghiera. I limiti a volte lungo le strade sono di 50 Km/h e rispettando il limite si creano intasamenti al traffico. cONSTATO EVIDENTI SUONATE DI CLACSON. Mi pare un problema CHE IMPEDISCE UNA VITA NORMALE.

QUESTA E’ L’ULTIMA MAIL CHE INVIO SU QUESTO ARGOMENTO SCUSATE IL DISTURBO.

GRAZIE

Luca Preato

 

 

Mercoledì a Roma la presentazione del nuovo libro di Gaetano Quagliariello

Clicca qui per chiedere una copia saggio per recensione

Si terrà il prossimo 13 dicembre a Roma, presso lo storico Palazzo Wedekind di Piazza Colonna, alle ore 11,00, la prima presentazione ufficiale di “Sereno è. Scena a retroscena di una legislatura pericolosa”, il nuovo libro del Senatore Gaetano Quagliariello appena edito da Rubbettino.
All’evento, moderato da Bianca Berlinguer, prenderanno parte Fedele Confalonieri, Antonio Polito e Luciano Violante (sarà presente l'autore).
L’iniziativa è organizzata in collaborazione con la fondazione Magna Carta (RSVP segreteria@magna-carta.it).

Il libro
Il pareggio elettorale, la nascita e la fine del governo Letta, la condanna di Berlusconi e la sua straordinaria tenacia, l'ascesa di Matteo Renzi e il tracollo referendario, il bis di Napolitano e l'elezione di Mattarella, passando per la diaspora del centrodestra fino all'alba della sua rinascita. Attraverso retroscena inediti, spesso sorpendenti, e la testimonianza di uno dei suoi protagonisti, questo libro racconta la storia e svela il dietro le quinte di una legislatura spericolata. La prima che ha visto un Papa emerito, un Presidente della Repubblica succedere a se stesso e un giovane premier arrivare alla guida del governo in un baleno, come fosse una mano di poker, e con la stessa velocità rischiare di perdere tutta la posta.

Clicca qui per scaricare la rassegna stampa
Clicca qui per scaricare la copertina in alta risoluzione

 


commerciale@rubbettino.it - www.rubbettinoeditore.it - tel. 0968 6664209

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

v

 

FORUM "MOBILITA' E SVILUPPO"
Cosenza – Teatro “A Rendano”

Con una qualificata partecipazione si è tenuto a Cosenza, nell’accogliente Sala Quintieri del Teatro “A. Rendano”, l’atteso forum Mobilità & Sviluppo – Criticità, evoluzioni e prospettive di miglioramento nei settori dell’agroalimentare d’eccellenza, del turismo ed industria culturale calabresi, indetto dal Coordinamento Calabria del centro studi del pensiero liberale.

Sono intervenuti all’iniziativa, moderata dallo scrivente: Osvaldo Piacentini, membro del Comitato Organizzativo Nazionale e Coordinatore Regionale del Centro Studi del Pensiero Liberale; Piercarlo Chiappetta, consigliere comunale; Vincenzo Caputo, vice Presidente, Fondatore e Tesoriere del C.s.p.l.; Demetrio Festa, docente ordinario Università della Calabria, esperto in progettazione infrastrutture e pianificazione dei trasporti; Giorgio Chambeyront, dirigente Ministero dell’Economia e delle Finanze, Presidente Collegio Sindacale S.a.cal. Lamezia Terme Airport; Mauro D’Acri, consigliere regionale con delega all’Agricoltura; Ferdinando Verardi, responsabile Sede UniPegaso di Cosenza; Maria Cerzoso, direttore Museo dei Brettii e degli Enotri; Salvatore Barbaro, responsabile provinciale (RC) del Centro Studi del pensiero liberale, esperto conoscitore degli assets economico-aziendali del porto di Gioia Tauro; Giovanni Perri, Past Presidente Federazione degli ordini dottori agronomi della Calabria e Paolo Ippolito, imprenditore vitivinicolo in Cirò (KR).

Nel corso del dibattito è emerso chiaramente che non può esistere sviluppo se non esiste spostamento: la mobilità è sviluppo. Quest’ultimo inteso come miglioramento del turismo enogastronomico, del segmento agroalimentare d’eccellenza calabrese, e delle sane politiche volte a creare un business legato anche ai beni culturali regionali.
Al dibattito sono stati presenti, inoltre, tutti i responsabili provinciali calabresi del Centro Studi (Aristide Vercillo Martino per Cosenza, Giorgio Isabella per Crotone, Nicola Trapasso per Catanzaro, Domenico Letizia per Vibo Valentia e il già citato Salvatore Barbaro per Reggio Calabria), imprenditori agricoli, esponenti di qualificate associazioni ed amministratori pubblici.
Il centro studi del pensiero liberale ha lo scopo - come ribadito da Caputo e da Piacentini - di ricercare, studiare e valorizzare gli elementi del pensiero filosofico e dell’etica liberale, perseguendo la rinascita di una cultura consapevole e di un impegno politico-economico e sociale diffuso.
Secondo il coordinatore regionale Piacentini <<il Centro Studi è una viva palestra comune. Esempio lampante è stato questo primo forum regionale, che ha permesso di confrontarsi, migliorarsi e promuovere una funzione sociale di Ricerca & Sviluppo. Rappresenta, quindi, un grande spazio in cui si ritrovano giovani imprenditori e professionisti che vogliono migliorare la nostra bella Italia. Sono fermamente convinto - conclude Osvaldo Piacentini - che lo sviluppo economico oggi passi per il settore agroalimentare, il turismo enogastronomico e che la cultura di comparto sia la chiave del successo>>.

Cosenza - Teatro A. Rendano

Cosenza,  18 dicembre 2017
                                                                    
SILVIO  RUBENS  VIVONE

******

COMUNICATO STAMPA

Polo Museale della Calabria
Museo Navigante

Anche il Polo Museale della Calabria, diretto da Angela Acordon, ha aderito al Museo Navigante che ha la finalità di valorizzare il patrimonio culturale marittimo italiano e che da gennaio 2018, con l’inizio dell’Anno del patrimonio culturale Europeo, salperà, a bordo della goletta Oloferne, e farà rotta dall’Adriatico al Tirreno, con tappe in tutte le regioni costiere, per arrivare infine a Sète (Francia) in occasione della manifestazione Escale à Sète in rappresentanza dei musei italiani.
Il Polo Museale della Calabria è rappresentato dal Museo  Archeologico dell’antica Kaulon, diretto da Rossella Agostino e dal Museo Archeologico Nazionale di Capo Colonna – Crotone, diretto da Gregorio Aversa.

Museo Kaulon

Museo  archeologico dell’antica Kaulon – Monasterace (Reggio Calabria)
Il percorso espositivo – come specifica la dottoressa Agostino -  illustra  la storia della colonia magno-greca di Kaulonia dall’età di fondazione, ad opera dei crotoniati, fino ad età ellenistico-romana ed ospita anche reperti subacquei tra cui, ancore e resti di colonne lavorate da aree limitrofe all’odierno Museo situato a poca distanza dalla costa nei pressi di Punta Stilo caratterizzata  dalla presenza del Faro. L’esposizione presenta per alcuni settori parziali ricostruzioni di edifici abitativi e  sacri finalizzate ad una migliore lettura da parte del pubblico. Le Collezioni più importanti sono – come precisa il direttore del Museo -: rocchi di colonne in marmo anche lavorate rinvenute nelle acque antistanti il sito dell’antica città di Kaulonia;  Tetto tempio del Colle della Passoliera di età greca caratterizzato da una ricca policromia; Collezione numismatica e fra i “pezzi” più significativi l’attenta studiosa indica: manufatti bronzei, tra cui specchi, elementi di armature ed una interessante iscrizione votiva in lingua achea dall’area del tempio dorico; Mosaico pavimentale policromo con la raffigurazione di drago di età ellenistica dall’abitato.

Museo Archeologico Nazionale di Capo Colonna – Crotone
Il museo è suddiviso in tre sezioni principali dedicate la prima (“Terra”) ai resti dell’insediamento sorto sul promontorio in età romana, la seconda (“Sacro”) al santuario di età greca sviluppatosi sullo stesso luogo e, infine, una terza (“Mare”) destinata ad illustrare le problematiche dell’archeologia subacquea, espone una parte del carico di marmi trasportati dalla nave naufragata presso Punta Scifo e databile al III sec.d.C., oltre ad altre suppellettili rinvenute durante lo scavo del relitto e oggetti prelevati da altri contesti sottomarini. Terrecotte architettoniche, vasi a figure nere, vasetti miniaturistici, bronzetti figurati attestanti la frequentazione del santuario greco e appartenenti al cd. Tesoro di Hera, formano – come afferma il direttore Aversa – le collezioni più importanti. Fra i pezzi di maggior pregio il dott. Aversa indica frammenti in marmo pario appartenenti alla decorazione del grande tempio di ordine dorico di cui, all’interno dell’attiguo Parco Archeologico, si conserva parte del

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile)
Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246 - pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

 

 

*******

 

 

I Forum C.S.P.L. Calabria
Mobilità & Sviluppo
Cosenza – Teatro “A Rendano”
Sabato 16 dicembre 2017 – Ore 9.00/13.00

Sabato 16 dicembre 2017, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, si terrà a Cosenza, nel prestigioso Teatro “A. Rendano”, il primo forum regionale organizzato dal Coordinamento Calabria del centro studi del pensiero liberale (in sigla C.S.P.L.), sul tema Mobilità & Sviluppo – Criticità, evoluzioni e prospettive di miglioramento nei settori dell’agroalimentare d’eccellenza, del turismo ed industria culturale calabresi.

Parteciperanno all’assise regionale, moderata dallo scrivente: Osvaldo Piacentini, membro del Comitato Organizzativo Nazionale e Coordinatore Regionale del Centro Studi del Pensiero Liberale; Francesco Ferri, Presidente Nazionale e Fondatore del Centro Studi del Pensiero Liberale; Vincenzo Caputo, vice Presidente, Fondatore e Tesoriere del C.s.p.l.; Mario Occhiuto, Sindaco di Cosenza; Gino Mirocle Crisci, Magnifico Rettore Università della Calabria; Andrea Manna, Presidente Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Cosenza; Demetrio Festa, docente ordinario Università della Calabria, esperto in progettazione infrastrutture e pianificazione dei trasporti; Emanuele Proia, direttore generale ASSTRA Roma; Giorgio Chambeyront, dirigente Ministero dell’Economia e delle Finanze, Presidente Collegio Sindacale S.a.cal. Lamezia Terme Airport; Mauro D’Acri, consigliere regionale con delega alla Agricoltura, Pesca e Forestazione; Ferdinando Verardi, responsabile Sede UniPegaso di Cosenza; Maria Cerzoso, direttore Museo dei Brettii e degli Enotri; Samuele Furfaro, presidente Gruppo giovani imprenditori Confindustria Reggio Calabria e Paolo Ippolito, imprenditore vitivinicolo in Cirò. Presenzieranno anche tutti i responsabili provinciali calabresi del Centro Studi (Aristide Vercillo Martino per Cosenza, Giorgio Isabella per Crotone, Nicola Trapasso per Catanzaro, Domenico Letizia per Vibo Valentia e Salvatore Barbaro per Reggio Calabria) nonché molti esponenti delle associazioni.
L’iniziativa è indetta dal Centro Studi del Pensiero Liberale Calabria al fine di favorire la crescita economica e culturale della nostra Regione.
La “mission” del forum vuole fare emergere che non può esistere sviluppo se non esiste spostamento: la mobilità è sviluppo. Quest’ultimo inteso come miglioramento del turismo enogastronomico, del segmento agroalimentare d’eccellenza Calabrese, e delle sane politiche volte a creare un business connaturato ai beni culturali regionali (c.d. rinascita della “industria culturale” Calabrese); sono tutti assets fondamentali per la ripresa ed il definitivo riscatto econonico-culturale della Calabria!

Principali targets che si intendono perseguire con il I Forum Calabria CSPL:-

Mobilità e Turismo: un binomio calabrese inscindibile. Non può esistere turismo se non esiste spostamento: un viaggiatore è, per definizione, una persona che si muove, si sposta; pertanto la mobilità è una condizione imprescindibile affinché il turismo non solo prosperi ma esista. L’esistenza della mobilità è quindi indispensabile alla sopravvivenza stessa del turismo perché essere turisti significa muoversi verso una nuova destinazione, lasciare il posto in cui si risiede per partire e raggiungere una nuova meta. Ma ciò non significa che la mobilità non abbia i suoi lati negativi, le sue ombre. Appurato che la mobilità turistica fa parte dell’anima stessa del turismo, resta da capire in che modo mirare a una mobilità più “pura”: perché la mobilità turistica sia sostenibile sono infatti diversi i fattori da tenere in considerazione e occorre lavorare su diversi elementi per fare in modo che nella mobilità non prevalgano gli aspetti negativi

Promozione, valorizzazione e commercializzazione dei prodotti agricoli Calabresi di alta qualità, anche attraverso marchi e sistemi di certificazione (Agricoltura sostenibile, Produzione e consumi sostenibili, Tracciabilità e rintracciabilità, Etichettatura con informazioni chiare, corrette, complete ed esaurienti, Eco-certificazione, Certificazione DOP, IGP, STG, BIO, ecc., Agricoltura biodinamica e/o biologica)

Promozione dei prodotti agricoli Calabresi “a km zero”, con la creazione di “spazi rurali” dedicati all'interno delle città, delle aree urbane, per consentire ai produttori di poter incontrare i consumatori e vendere i loro prodotti. Questo è utile per costruire e fare crescere la cultura del cibo buono e sano

Il turismo può dare un forte impulso all’occupazione nel campo dei trasporti

Quando una località viene valorizzata dal punto di vista turistico tutta la sua economia può trarne beneficio perché sono svariati i settori che in maniera più o meno diretta possono essere collegati all’ambito turistico. Se un luogo ha successo in campo turistico ecco che, per esempio, gli introiti del settore dei trasporti vivono un momento di impennata

Esaltare le potenzialità turistiche di un posto vuol dire quindi stimolare la mobilità verso questo luogo e all’interno delle varie zone di questo territorio. E questo ha delle ricadute economiche positive perché più un settore, in questo caso quello dei trasporti, è attivo, più necessità di forza lavoro e più forza lavoro è necessaria più si assumono nuove leve.

Cosenza,  13 dicembre 2017
                                                                    SILVIO RUBENS VIVONE

*******

 

COMUNICATO STAMPA

Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità
Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide – Cassano all’Ionio (Cosenza)
13/14 dicembre 2017

Il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide aderisce alla Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità promuovendo per il 13 e per il 14 dicembre 2017, dalle ore 9.30 alle ore 13.30, alcune attività didattiche, rivolte soprattutto ad un pubblico scolastico, per accrescere la conoscenza dei beni archeologici e paesaggistici del territorio della Sibaritide al fine di favorire il processo di integrazione sociale attraverso l’uso del museo come luogo di incontro e scambio di esperienze interculturali.
Il programma disposto da Adele Bonofiglio, direttore del museo e da Anna Lucia Casolaro, responsabile dei Servizi Educativi, prevede:
Laboratorio didattico “Archeologia e natura”
Visita guidata
La Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità ricorre il 3 dicembre. Il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide la celebra in data successiva per permetterne la partecipazione al mondo della Scuola.

Il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide afferisce al Polo Museale della Calabria diretto da Angela Acordon.

Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide – Cassano all’Ionio (Cosenza)
Direttore: Adele Bonofiglio
mail: pm-cal.sibaritide@beniculturali.it
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) - Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

 

 

 

XXXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO - Giudicati sulla vera Carità

SOLENNITA' DI CRISTO, RE DEL'UNIVERSO

 

 

******

 

 

Commenti al Vangelo di Domenica 19 Novembre 2017 - La parabola dei talenti - Mt 25, 14-30

 In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: «Avverrà come a un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e consegnò loro i suoi beni. A uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno, secondo le capacità di ciascuno; poi partì. Dopo molto tempo il padrone di quei servi tornò e volle regolare i conti con loro. Si presentò colui che aveva ricevuto cinque talenti e ne portò altri cinque, dicendo: “Signore, mi hai consegnato cinque talenti; ecco, ne ho guadagnati altri cinque”. “Bene, servo buono e fedele – gli disse il suo padrone –, sei stato fedele nel poco, ti darò potere su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone”».

Dopo aver abitato in mezzo a noi, Gesù di Nazareth è partito, è tornato a “casa” e ritornerà qui “alla fine dei tempi”. Adesso è il tempo della Chiesa, è il tempo del ‘popolo nuovo’ guidato dallo Spirito Santo. Adesso siamo nel “tempo” per vivere fino in fondo la “vocazione” ricevuta nel Battesimo: quella di figli, quella di amici…”non vi chiamo più servi ma vi ho chiamato amici “ (Giovanni 15, 15 ). Non so quanti “talenti” possa avere ciascuno di noi…ma so di sicuro che almeno un “talento” ci è stato dato per realizzare la nostra ‘missione’…è quello del ‘tempo’: i giorni, le settimane, i mesi, gli anni del mio vivere. E’ un “talento” importante perché è quello che mi fa esistere e che mi fa esserci “adesso”. Cosa ne sto facendo allora del “mio tempo” ? Dove e come lo sto “usando” ? Dove o come lo sto nascondendo ? Non ho nessuna scusa possibile da tirar fuori per giustificare una mia eventuale incapacità di condividerlo con gli altri…e la Parola di Domenica prossima me lo dirà in modo chiaro e preciso ! Non posso quindi pensare di tenermelo tutto per me: per i miei interessi, per il mio lavoro, per la mia preghiera, per la mia famiglia, per i miei amici, per il mio divertimento…perché dentro a tutte queste realtà non ci può essere solo il “mio” ma anche il “loro” di tempo. Il “talento” prende senso e colore solo quando lo so usare in una condivisione vera e sincera con chi vive intorno a me…solo allora “renderà”, per me e per gli altri. Il rischio di essere dei “fannulloni” impegnatissimi a ‘custodire’ il proprio tempo…questo rischio è molto elevato e, oltretutto, richiede molta fatica e molta fantasia…peccato che sia sterile ed inutile ! Ma, alla fine, il “Padrone del tempo” ce ne chiederà conto. Buona vita con un grande e forte abbraccio.

Ciaoooo. don Gigi

 

******

 

XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO - FEDELE NEL POCO, POTERE SU MOLTO

Puoi vederlo su Youtube


e su Facebook

 

 

******

 

I COMMENTI di Don Gigi - Vangelo di Matteo 25, 1-13 Domenica 11/11/17 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: «Il regno dei cieli sarà don Gigisimile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l’olio; le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l’olio in piccoli vasi. Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono. A mezzanotte si alzò un grido: “Ecco lo sposo! Andategli incontro!”. Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. Le stolte dissero alle sagge: “Dateci un po’ del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono”. Le sagge risposero: “No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene”. Ora, mentre quelle andavano a comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: “Signore, signore, aprici!”. Ma egli rispose: “In verità io vi dico: non vi conosco”. Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora».

“Vegliate…” Ci sarà ripetuto all’inizio del nuovo anno liturgico...all’inizio dell’Avvento, verso il Natale… Deve essere lo stile del nostro camminare i giorni della vita e cioè la nostra voglia di andare incontro a Lui, il Figlio che è venuto ad abitare in mezzo a noi per darci le ‘regole’ del ‘camminare’: le Beatitudini; l’ Amare il Padre, gli altri e se stessi… regole che sono scritte nel Vangelo e che domenica dopo domenica mi vengono lette, spiegate e pregate per essere tradotte dentro al nostro tempo, dentro al nostro territorio. Tutta la mia vita vuole essere un andare incontro a Lui e rimane quindi indispensabile avere una “lampada” che mi permetta di vedere dove mettere la testa e il cuore in questo mio “cammino”; rimane indispensabile avere “l’olio” che la tenga accesa… - e Lui, Gesù di Nazareth, sarà “quella lampada”; - e la sua Parola e i Sacramenti, che sono i ’segni della Sua presenza’, saranno “quell’olio” che mi faranno stare legato a Lui e daranno sempre luce al mio andare nella vita. Sarà allora una questione di scelte: quale lampada e quale olio prenderò con me e cioè chi e che cosa metterò al centro del mio vivere: ...il denaro? Il potere? Il successo? l’immagine? O ci metterò Lui? Lui non mi lascerà mai da solo ma rispetterà fino in fondo la mia libertà di scegliere: tocca a me decidere e vivere. Buon cammino e con Lui al centro sarà stupendo. Un grande abbraccio.

Ciaoooooooooo   don Gigi

******

XXXII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO
- VIGILANTE ATTESA DEL SIGNORE - LE VERGINI STOLTE

Puoi vederlo su Youtube

e su Facebook

 

******

 

 

Commento alla 31 Domenica T.Ordinario – 05/11/2017 – Mt 23, 1-12

In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo: 
«Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno. Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito. 
Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente: allargano i loro filattèri e allungano le frange; si compiacciono dei posti d’onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati “rabbì” dalla gente. 
Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate “padre” nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste. E non fatevi chiamare “guide”, perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo. 
Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato».

Sono alcune righe del Vangelo di Matteo che ho letto tante volte...e, ogni volta, mi prende l’imbarazzo dell’incoerenza: “dicono e non fanno…” e sto pensando alla mia vita di prete.
Lui, il Capo, ancora una volta mi spiazza e mi dice chiaramente che non sa cosa farsene dei riti belli ma vuoti di Lui...vuoti perchè poi non entrano nella "vita" e non diventano lo 'stile del servire', cioè del tempo dato a chi ha bisogno del tuo tempo per riprendere a "sognare" e "costruire" la propria di vita, il proprio territorio, la propria famiglia ...ma con le Sue Regole al centro. quelle delle Beatitudini.
Non è più tempo di chiacchiere: Lui mi chiede di mettermi al servizio vero e coerente.
Non è più tempo di ‘fuochi d’artificio’: c’è bisogno del caldo vero e della luce vera, c’è bisogno di Lui.
Dai allora, riprendiamoci in mano i nostri giorni e non saremo mai soli perchè Lui "è venuto ad abitare in mezzo a noi". Buona vita e un grande e forte abbraccio. Ciaoooooo

don Gigi

 

 

 

XXXI Domenica Tempo Ordinario - CHI SI UMILIA SARA' ESALTATO




Lo puoi vedere su Youtube

e su Facebook

 

******

 

 

2 NOVEMBRE - COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI

 

Cari Amici.

A PROPOSITO DI HALLOWEEN vi riporto un interessante articolo per una maggior conoscenza del fenomeno relativo alla festa delle “zucche vuote”.  

   Premesso che Hallowen è una squallida festa commerciale che, a differenza di quella del papà o della mamma, non gratifica alti sentimenti umani bisogna sapere che questa festa pagana ha origini sataniche ed è portata avanti dai nemici della chiesa cattolica per oscurare la festa d’Ognissanti che celebra l’immenso valore della santità. Con un pò di pazienza leggi tutto. Far passare halloween come un’ingenua festa per bambini è non riconoscere i lupi vestiti da agnelli...

CHIESA E HALLOWEEN

   C'è chi la chiama notte di Halloween e non vede l'ora di scatenarsi tra balli, maschere, vampiri, streghe e zucche. Per i cristiani, però, la sera del 31 ottobre è prima di tutto e soprattutto la notte dei Santi. Ecco perché alcuni giovani desiderano viverla e celebrarla "col sale in zucca". Si chiama così la sfida lanciata dalla diocesi di Torino: una serata di riflessione e preghiera, ma anche di divertimento. Una proposta che non sceglie la strada della condanna, ma piuttosto quella dell'ironia. «L'idea ci è stata suggerita da un team di ragazzi spiega don Luca Ramello,  direttore Ufficio Pastorale Giovanile Diocesano – Sono stati loro a ribadire la necessità di richiamare il senso cristiano di questa festa e non restare culturalmente passivi. Senza però alzare muri o palizzate. Ci sono tanti giovani cattolici che fanno festa il 31, senza per questo mettere in discussione la loro fede. Halloween è un fenomeno culturalmente complesso e quindi anche la nostra risposta deve essere complessa. Altrimenti, semplificando, rischiamo di escludere qualcuno».    

   Sale in zucca, dunque, ma anche sale della terra e del cuore. «Abbiamo scelto – prosegue don Ramello – di partire dall'esortazione di Papa Benedetto XVI, meditando le parole della sua lettera per l'Anno della Fede: «non possiamo accettare che il sale diventi insipido e la luce sia tenuta nascosta». Vorremmo però che questa testimonianze fosse resa col cuore leggero. Con intelligenza, un pizzico di provocazione e la scioltezza tipica dei giovani. Insomma, con un approccio "easy", come direbbero i ragazzi. Non dimentichiamoci dell'ironia di Gesù, così ben tratteggiata dal Vangelo di Giovanni. Ironia che è sinonimo di libertà». 

******

 

 

 

1° Novembre - SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI

Puoi vederlo su Youtube


e su Facebook

******

Commento alla Parola di Dio di don Gigi Pini

In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?». Gli rispose: «"Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».

   Altro giro..altro tranello ! I farisei non mollano la presa e, ancora una volta, organizzano il ‘trappolone’ per il “Maestro!!!”. Ancora bruciava la risposta data ai sadducei: “Date a Cesare…date a Dio…”. Ci provano allora con i “comandamenti”. Quale sarà mai il “primo”, il più importante, quello che dà senso a tutti gli altri ? La domanda è una di quelle toste, perché sono convinti che, comunque risponda, dopo lo si potrà attaccare ! Ancora una volta invece la trappola non scatta perché la risposta mette insieme Dio e l’uomo, esattamente come è il Progetto dell’Alleanza, e cioè il Dio che si fa uomo per salvare, attraverso l’uomo, tutta la Creazione, per recuperare il Progetto dell’Inizio. - IL “Maestro” chiarisce, a loro e a noi, che c’è un ordine di importanza…ma Dio non vuole fare a meno dell’uomo e l’uomo non può fare a meno di Dio. - Il “Maestro” smonta la religione fatta di una astratta ideologia e la riporta alla “fede”, alla scelta cioè di un Dio Padre da amare, alla scelta di quel Figlio che entra nella Storia per riportarla alla Risurrezione. - Il “Maestro” smonta le religione fatta di riti e di formalità e la fa, invece, andare ben dentro all’uomo con il comandamento dell’Amore, del prendersi cura degli altri e di se stessi. - Il “Maestro” ci consegna una “religione” che prende forza da un Dio Padre che ci rimanda subito nella vita, una vita fatta di relazioni ma con al centro Lui e la Sua Parola…quella Parola che diventa filtro per capire ed interpretare la stessa vita. - Nella risposta del “Maestro” c’è tutta la chiarezza del cosa vuol dire “credere”…e la risposta è: Credere vuol dire amare Dio, gli altri, se stessi. E’ una risposta che spiazza i farisei e che, forse, spiazza anche noi...e se provassimo ad "ascoltarlo" davvero? Buona vita e un grande abbraccio. Ciaooooooo

don Gigi     

******

XXX Domenica Tempo Ordinario - AMA DIO E IL PROSSIMO

Puoi vederlo su Youtube


e su Facebook

 

Carissimo/a puoi donare l’5x1000, a favore di ASS.NE MARIAGABRIELLALASTILLA - ROMA pro BURKINA-FASO ONLUS a te non costa nulla; devi solo inserire il codice del beneficiario C.F. 97442950586 apponendo la tua firma. GRAZIE

 

 

LISTA DEI SITI CATTOLICI
www.siticattolici.it

GLI ULTIMI ARRIVI

GRATIS IL CALENDARIO DEI SACERDOTI 2018
- Dedicato all’impegno dei 35.000 sacerdoti diocesani in missione nelle parrocchie e tra la gente. Ogni mese troverai il racconto dell’esperienza di uno di loro. Storie di fiducia e speranza che ti faranno apprezzare ancora di più quanto i sacerdoti fanno per noi e per chi ha bisogno d'aiuto.
Clicca qui per ricevere gratis il Calendario 2018 Storie di fiducia e di speranza

Lunedì 23 Ottobre 2017

- PimeGiovani - PIME


Venerdì 20 Ottobre 2017

- Uff. Pastorale Migranti - Diocesi Ravenna
L'Ufficio offre un servizio alla Chiesa locale, con l'attenzione rivolta al fenomeno delle migrazioni in genere e alle testimonianze storiche degli immigrati della Diocesi.


Martedì 10 Ottobre 2017

- Verità di fede (a cura di Roberto Pacillo)
Le principali verità della fede tratte dal Catechismo della Chiesa Cattolica.


Lunedì 9 Ottobre 2017

- OFS - Ordine Francescano Secolare - Fraternità Padre Santo - Genova


Venerdì 6 Ottobre 2017

- GR - Grosseto - Parrocchia San Francesco


Mercoledì 4 Ottobre 2017

- CMD Nardò-Gallipoli (LE) - Missione Uganda
Il Centro Missionario Diocesano è luogo e strumento della Chiesa di Nardò-Gallipoli per promuovere, sostenere e coordinare l’impegno missionario di tutta la Diocesi. Sul portale troverai tutte le notizie sui progetti di cooperazione in corso con l'Arcidiocesi di Gulu in Uganda e tanto altro.


Mercoledì 27 Settembre 2017

- NA - Napoli - Parrocchia S. Teresa di Gesù Bambino
La nostra comunità parrocchiale in rete. Per condividere la bellezza del Dio della Speranza e le meraviglie che opera in noi. Per attraversare la Storia ed incontrare i fratelli percorrendo le vie telematiche. - Diocesi: NAPOLI -


Martedì 26 Settembre 2017

- Avanti con gioia (a cura di Don Marco Zappa)
Il frutto di queste pagine nasce dal desiderio di alcuni amici di poter condividere la predicazione della Parola di Dio che in ogni celebrazione ci è donata dalla Liturgia come fontana a cui attingere abbondantemente per il cammino della vita.


Lunedì 25 Settembre 2017

- Movimento Gloriosa Trinità
E' un cammino vissuto nell'amore di Dio, rivolto a tutti, per il risveglio della fede nel cuore di ogni uomo. Ispirato e sostenuto dalla Santissima Trinità, è un progetto di evangelizzazione che porta alla comunione dei cuori, su imitazione delle prime comunità cristiane.

- AGESCI - Zona Tuscia (VT)
Il sito contiene tutte le attività che vengono svolte, le informazioni utili e i documenti ufficiali della nostra zona.


Giovedì 14 Settembre 2017

- Rinnovamento Carismatico Cattolico - Comunità dell'Amen - Palermo
Il sito della Comunità è dedicato al coordinamento dei suoi membri ma anche all’evangelizzazione, anche tramite le Edizioni Amen. Organizza ritiri di preghiera e formazione, momenti di adorazione eucaristica, cenacoli di preghiera e concerti di musica cristiana.


Lunedì 11 Settembre 2017

- MN - Stradella di Bigarello - Parrocchia Natività della Beata Vergine Maria


Venerdì 8 Settembre 2017

- La Domenica della Parola
La Domenica della Parola è un’occasione speciale per raccogliere il popolo di Dio attorno alla Bibbia, come ci invita a fare papa Francesco. Una giornata di festa e celebrazione per rimettere al centro della vita, accanto all’Eucaristia, l’ascolto della Sacra Scrittura, attraverso esperienze e momenti di lettura, approfondimento e riflessione spirituale da vivere in comunità.

-Se queste sono le briciole (Blog di Francesca Burigotto)
Blog di formazione e informazione cattolica, catechismo per adulti, preamboli della fede, musica cristiana, segnalazione risorse cattoliche online, gioia del Vangelo, radici cristiane dell'Europa.


Mercoledì 6 Settembre 2017

- Don Ulisse Bresciani (1941-2013)


Lunedì 4 Settembre 2017

- PA - Aliminusa - Parrocchia Sant'Anna
Il sito nasce dall'esigenza di migliorare la comunicazione tra Parrocchia e assemblea laica alla luce dei processi di digitalizzazione che caratterizzano la nostra quotidianità.



I nuovi siti dei giorni scorsi li trovi nella pagina degli ULTIMI ARRIVI

(per contattarci non rispondere a questo messaggio ma scrivi a info@siticattolici.it)


Lista dei Siti Cattolici in Italia - http://www.siticattolici.it - info@siticattolici.it

LaChiesa Liturgia: http://www.lachiesa.it/liturgia
Enciclopedia Santi e Beati:  http://www.santiebeati.it

 

 

ecco un importante episodio della nostra grande campagna per la difesa dei bambini nel grembo materno...

Dopo la petizione che abbiamo lanciato "Affinché le donne siano davvero informate sull'aborto" (ti invito a firmarla cliccando qui), ti annuncio il nuovo tour di Gianna Jessen in Italia, per portare in diverse città la sua testimonianza per la vita e contro l’aborto.
Avrai probabilmente già sentito parlare di Gianna: testimone di eccezione perché ha vissuto sulla propria pelle un aborto salino quando la madre era a trenta settimane di gravidanza. Tuttavia è riuscita a sopravvivere e racconta il punto di vista dei bambini la cui voce non possiamo più ascoltare.
Gianna porta i segni dell’aborto sul suo corpo e la sua vita travagliata è un inno di speranza. Gianna Jessen ha portato la sua testimonianza anche al Congresso degli Stati Uniti e in giro per il mondo.

Con ProVita, Gianna ha fatto diversi tour in Italia, e questo mese di novembre, grazie anche a molte associazioni locali, realizziamo di nuovo un tour di conferenze nelle seguenti città:

- martedì 21 novembre a Lecco: ore 20.30 al Teatro Francescano, piazzale dei Cappuccini 3;
- mercoledì 22 novembre a Ravenna: ore 20.45 alla Parrocchia Santa Maria del Torrione, via Majoli 8;
- giovedì 23 novembre a Gemona del Friuli (UD): ore 20.30 presso il Centro Parrocchiale Glemonensis, via Pio Paschini 1;
- sabato 25 novembre a Trieste: ore 17.30 al Molo IV (Sala 3) Punto Franco Vecchio;
- martedì 28 novembre a Milano: ore 20.00 al Sabaoth Theatre, via Rosalba Carriera 11;
- mercoledì 29 novembre a Piacenza: ore 20.30 presso la Chiesa San Giuseppe Operaio, via martiri della resistenza 19;

Se ti è possibile partecipare a uno di questo eventi, saremmo davvero lieti della tua presenza: ti aspettiamo insieme a centinaia di altri amici!

Un caro saluto,Toni Brandi
Presidente ProVita Onlus 

P. S.1. Puoi trovare maggiori informazioni sugli eventi di ProVita cliccando qui. Cogliamo l'occasione per ringraziare tutti i nostri sostenitori: loro rendono possibili tutti gli eventi per la Vita e per la famiglia!
P.S.2. Ti ricordo - se non lo hai ancora fatto - che puoi firmare la petizione "Affinché le donne siano davvero informate sull'aborto" cliccando qui.

 

 

Ancona, Domenica 19 novembre 2017

NEL CENTENARIO DI FATIMA

(1917-2017)

 

NELLA PRIMA GIORNATA MONDIALE DEI POVERI

 

NON AMIAMO A PAROLE,

MA CON I FATTI

E NELLA VERITA'

MESSAGGIO per la PRIMA GIORNATA MONDIALE DEI POVERI

Domenica XXXIII del Tempo Ordinario - 19 novembre 2017

 Non amiamo a parole ma con i fatti

"Al termine del Giubileo della Misericordia ho voluto offrire alla Chiesa la Giornata Mondiale dei Poveri, perché in tutto il mondo le comunità cristiane diventino sempre più e meglio segno concreto della carità di Cristo per gli ultimi e i più bisognosi. Alle altre Giornate mondiali istituite dai miei Predecessori, che sono ormai una tradizione nella vita delle nostre comunità, desidero che si aggiunga questa, che apporta al loro insieme un elemento di completamento squisitamente evangelico, cioè la predilezione di Gesù per i poveri. Invito la Chiesa intera e gli uomini e le donne di buona volontà a tenere fisso lo sguardo, in questo giorno, su quanti tendono le loro mani gridando aiuto e chiedendo la nostra solidarietà. Sono nostri fratelli e sorelle, creati e amati dall’unico Padre celeste. Questa Giornata intende stimolare in primo luogo i credenti perché reagiscano alla cultura dello scarto e dello spreco, facendo propria la cultura dell’incontro. Al tempo stesso l’invito è rivolto a tutti, indipendentemente dall’appartenenza religiosa, perché si aprano alla condivisione con i poveri in ogni forma di solidarietà, come segno concreto di fratellanza. Dio ha creato il cielo e la terra per tutti; sono gli uomini, purtroppo, che hanno innalzato confini, mura e recinti, tradendo il dono originario destinato all’umanità senza alcuna esclusione" (Papa Francesco).


L'INSEGNAMENTO DEI SANTI

 «Fa elemosina chi riconduce l'errante sulla via della verità; fa elemosina chi istruisce l'ignorante, chi annuncia la parola di Dio ai suoi vicini; fa elemosina chi non cessa di condividere i propri beni materiali con i propri fratelli, cioè con gli altri uomini; fa elemosina chi offre cibo e vesti ai bisognosi, li ospita, visita gli infermi, sostiene con i propri beni i carcerati e i tribolati, e non manca di liberare i condannati a morte e ai supplizi. Infatti tutte le opere buone che ogni giusto compie in questa vita possono essere comprese con questo unico nome» (San Rabano Mauro, La formazione dei chierici 2,28). 

«Quando il tuo cuore è toccato, colpito dalla miseria altrui, ecco, allora quella è misericordia. Fate attenzione pertanto, fratelli miei, come tutte le buone opere che facciamo nella vita riguardano veramente la misericordia. Ad esempio: tu dai del pane a chi ha fame; daglielo con la partecipazione del cuore, non con noncuranza, per non trattare come un cane l'uomo a te simile. Quando dunque compi un atto di misericordia comportati così: se porgi un pane, cerca di essere partecipe della pena di chi ha fame; se dai da bere, partecipa alla pena di chi ha sete; se dai un vestito, condividi la pena di chi non ha vestiti; se dai ospitalità condividi la pena di chi è pellegrino; se visiti un infermo quella di chi ha una malattia; se vai a un funerale ti dispiaccia del morto e se metti pace fra i litiganti pensa all'affanno di chi ha una contesa. Se amiamo Dio e il prossimo non possiamo fare queste cose senza una pena nel cuore» (Sant'Agostino, Discorso 3S8/A, 1). 

- SANTA TERESA DI CALCUTTA,  LA SANTA DEI POVERI

- PROFUMO DI SANTITA'
Manuel, il bambino che parlava con Gesù Eucarestia

******

Ancona, Mercoledì 8 novembre 2017

NEL CENTENARIO DI FATIMA

(1917-2017)

 

IL BEATO GABRIELE FERRETTI

UN MISTICO ANTESIGNANO DELLA "CIVILTA' DELL'AMORE"

LE APPARIZIONI DELL'IMMACOLATA AL BEATO

I SANTI VENERATI NELLA CHIESA DI ANCONA

- SANTO STEFANO (sec. I) -- Santi Innocenti di Betlemme -- San Primiano, vescovo di Ancona, martire (sec. III) - San Ciriaco, vescovo di Ancona, martire (sec. IV) - San Marcellino, vescovo di Ancona (sec. VI) - - San Costanzo, sacrista del Santuario di Santo Stefano in Ancona (sec. V), patrono dei sacrestani - San Liberio, eremita (sec. V) - Santi Pellegrino e Flaviano (sec. ?) - Santa Palazia, martire (sec. IV) -- San Dasio (sec. II) - San Gaudenzio da Ossaro, vescovo (sec. XI) - San Benvenuto Scotivoli (sec. XIII) - Beato Gabriele Ferretti (sec. XIV) - - Beato Antonio Fatati, vescovo di Ancona (sec. XIV) - - Beato Girolamo Ginelli (sec. XVI) - - Ven. card. Marcello D’Aste (sec. XVIII) - - Ven. card. Nicolò Manciforte (sec. XVIII) -

Alcune Sacre Reliquie che si conservano in Cattedrale e in altre chiese cittadine:

- un frammento della Croce di Cristo, fatta ritrovare da San Ciriaco
- il frammento di un chiodo con cui Gesù fu crocifisso
- la punta della lancia che squarciò il costato di Gesù
. il piede destro di Sant’Anna, madre di Maria
- il Capo di San Giacomo il Minore, apostolo
- un sasso che colpì il protomartire Santo Stefano
- le ossa di un braccio di Sant’Antonio abate 

PER CONOSCERE L'INTERO CATALOGO DELLE RELIQUIE PRESENTI IN ANCONA

Clicca QUI

DAL TRATTATO DELLA VERA DEVOZIONE A MARIA

DI SAN LUIGI MARIA GRIGNION DA MONTFORT    

GRANDEZZA DI MARIA  

******

Ancona, Mercoledì 1° novembre 2017

NEL CENTENARIO DI FATIMA

1917-2017

 

SAN GIOVANNI PAOLO II,

SARA' PROCLAMATO PATRONO D'EUROPA?...

 

INDULGENZA PLENARIA

NELLA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI 

Fare memoria dei nostri cari defunti dovrebbe essere pratica di tutti i giorni, o quasi. Infatti noi tutti speriamo che i nostri cari tornati al Padre siano immediatamente nella sua gloria o perlomeno in Purgatorio. Infatti quanti di noi dovranno, come l’oro, essere purificati dalle scorie dei nostri peccati in quel luogo di dolore purificante che chiamiamo Purgatorio. L’unico momento di sollievo possiamo offrirlo noi con le preghiere e le Messe. In questi giorni la Chiesa ci offre anche la possibilità di lucrare l’indulgenza per i nostri cari. Le condizioni per lucrare l’indulgenza sono sotto riportate.


NORME SULLE INDULGENZE

N. 1 - L’indulgenza è la remissione dinanzi a Dio della pena temporale per i peccati, già rimessi quanto alla colpa, che il fedele, debitamente disposto e a determinate condizioni, acquista per l’intervento della Chiesa, la quale, come ministra della redenzione, autoritativamente dispensa ed applica il tesoro delle soddisfazioni di Cristo e dei santi.
N. 2 - L’indulgenza è parziale o plenaria secondo che libera in parte o in tutto dalla pena temporale dovuta per i peccati
N. 3 - Ogni fedele può lucrare per se stesso le indulgenze sia parziali che plenarie o applicarle ai defunti a modo di suffragio.
N. 4 - Il fedele che, almeno con cuore contrito, compie un’azione alla quale è annessa l’indulgenza parziale, ottiene, in aggiunta alla remissione della pena temporale che percepisce con la sua azione, altrettanta remissione di pena per intervento della Chiesa.
N. 14 - Se si richiede la visita di una chiesa o di un oratorio per acquistare l’indulgenza stabilita per un giorno determinato, detta visita si può fare dal mezzogiorno della vigilia fino alla mezzanotte del giorno stabilito.
N. 17 - § 1. È capace di lucrare indulgenze chi è battezzato, non scomunicato, in stato di grazia almeno al termine delle opere prescritte.
§ 2. Per lucrare le indulgenze è necessario che si abbia l’intenzione almeno generale di acquistarle e si adempiano le opere ingiunte nel tempio e nel modo stabilito dalla concessione.
N. 18 - § 1. L’indulgenza plenaria può essere acquistata una sola volta al giorno; l’indulgenza parziale può essere acquistata più volte al giorno.


Per i defunti

§1. Si concede l’indulgenza plenaria, applicabile soltanto alle anime del Purgatorio, al fedele che,
1° nei singoli giorni, dal 1° all’8 novembre, devotamente visita il cimitero e prega, anche soltanto mentalmente, per i defunti;
2° nel giorno in cui si celebra la Commemorazione di tutti i fedeli defunti (o, col consenso dell’Ordinario, la Domenica antecedente o susseguente, oppure nella solennità di Tutti i Santi) visita piamente una chiesa o un oratorio e vi recita un Padre nostro e un Credo.
§ 2. Si concede l’indulgenza parziale, applicabile soltanto alle anime del Purgatorio, al fedele che:
1° devotamente visita il cimitero e prega, anche soltanto mentalmente, per i defunti;
2° devotamente recita le Lodi o i Vespri dell’Ufficio dei defunti o l’invocazione L’eterno riposo.
E’ sufficiente andare una volta in qualsiasi cimitero. Ciò che conta è l'intenzione di suffragare le anime purganti.
L’indulgenza plenaria si può lucrare ogni giorno dal 1° all'8 novembre.

 

 

 

 

DOMINUS PRODUCTION è lieta di presentare IL RISVEGLIO DI UN GIGANTE il film documentario sulla straordinaria vita della mistica Santa Veronica Giuliani (1660-1727) - DVD Italiano.

L'esperienza di Santa Veronica è stata accompagnata sin dal suo inizio da segni soprannaturali - il rapporto quotidiano con Dio, le innumerevoli visite in paradiso, in inferno e in purgatorio e la comprensione dei più grandi misteri della fede - culminati con la stigmatizzazione a 33 anni. Papa Leone XIII la considerò “l’anima più adornata di doni soprannaturali dopo la Madre di Dio”. Questa eccezionale vita tra grandi doni e combattimenti contro i demoni fu vissuta nel nascondimento all’interno del convento delle clarisse cappuccine a Città di Castello in Umbria ed è arrivata fino a noi tramite un vastissimo diario di oltre 22.000 fogli manoscritti, che lei dovette scrivere per obbedienza e che è stato definito “un tesoro nascosto”.

ORDINA ora il DVD sullo store Dominus www.dominusproductionstore.com oppure chiamaci al numero 0550468068 dal Lunedi al Venerdi 8.30-18.00 - spedizioni a partire dal 15 Dicembre 2017.


LE ALTRE PROPOSTE NATALIZIE DOMINUS PRODUCTION

IL MIO CUORE TRIONFERA' - LIBRO Italiano - la prima autobiografia di Mirjana Soldo. La storia degli accadimenti di Medjugorje dal principio, visti dagli occhi di chi per primo ne ha ricevuto i dieci segreti. Un libro straordinario che immerge il lettore nel contesto storico e politico in cui sono avvenute gli accadimenti di Međugorje. Il libro offre una carica di BELLEZZA e SPERANZA per il mondo intero.


L'UOMO, IL MITO, IL MESSIA - LIBRO Italiano - Il libro associato al film GOD's NOT DEAD2
, in cui l'autore si interroga sulla più grande domanda della Storia: Gesù Cristo è davvero esistito? Basandosi sui documenti storici e utilizzando gli strumenti della più trasparente storiografia contemporanea, il testo dimostra che Gesù di Nazareth è realmente vissuto e che la Sua morte e resurrezione rivelano la Sua identità di Messia.

GOD'S NOT DEAD2 - Dio non è morto2 - DVD Italiano - Ispirato a una causa legale reale GOD'S NOT DEAD 2 affronta il delicato tema della difesa del diritto alla libertà di espressione e di opinione. Il film evidenzia inoltre il pericolo di manipolazione delle informazioni da parte dei principali media e invita lo spettatore ad interrogarsi sui grandi valori della vita, arrivando a domandarci... quanto siamo disposti a rischiare per difendere la Verità?

GOD'S NOT DEAD - Dio non è morto - DVD Italiano - Come GOD's NOT DEAD2 si ispira ad un caso realmente accaduto. Al centro della storia, una sfida intellettuale tra una matricola universitaria, Josh Wheaton (Shane Harper), e un prestigioso docente di filosofia, il Professor Radisson (Kevin Sorbo). Superbo e autoritario, il Professor Radisson ha costruito la sua brillante carriera e la sua intera vita privata sulla tesi che Dio non sia mai esistito e che ogni religione sia un’inutile superstizione. Di forte temperamento, esige che i suoi studenti sposino la stessa idea. La matricola Josh, unico nel suo corso, non accetta la tesi "imposta" dal professore. Superando difficoltà esterne e momenti di crisi interiore, il giovane dovrà dimostrare l’esistenza di Dio al professore e all’intera classe.

DIO NON E' MORTO: prove dell'esistenza di Dio in un'epoca di incertezza
- LIBRO Italiano
- L’autore Rice Broocks, traendo spunto dalla sua personale vicenda di riscoperta del messaggio cristiano, spazia dalla filosofia alla scienza, dalle prove storiche alla teologia per dimostrare che l’universo e la vita umana hanno origine da Dio e da Lui traggono scopo. Di fronte al diffondersi dell’ateismo nella scuola e nella società civile, il libro offre ai credenti valide argomentazioni a favore dell’esistenza di Dio e si propone di stimolare gli interrogativi degli atei e di coloro che sono ancora alla ricerca della Verità.


MARIE HEURTIN - DAL BUIO ALLA LUCE - DVD Italiano - La vera storia della ragazza sordo-muta e cieca - che impara a conoscere il mondo grazie alla fiducia che la perseverante Suor Marguerite ripone in lei - offre una splendida testimonianza della ricchezza che si racchiude in ogni essere umano. Il dvd contiene inoltre i sottotitoli per i non-udenti mentre la descrizione delle scene per i non-vedenti è disponibile sulla piattaforma Movie Reading.

LA GRANDE STORIA DELLA CARITA' - LIBRO Italiano - L’autore, Francesco Agnoli, racconta di donne e uomini semplici eppur straordinari, che hanno saputo fare dell'amore e del servizio al prossimo la propria ragione di vita. Consigliato da abbinare al dvd di MARIE HEURTIN, considerata la vicinanza dei temi trattati e l'attenzione verso i più piccoli ed emarginati.

IL MISSIONARIO - DVD Italiano - Al centro della storia, i rischi che si presentano alle nuove generazioni e la difficile stagione dell'adolescenza, che  evidenziano l'importanza della fede in CRISTO e della famiglia come sicuro rifugio dalle effimere promesse del mondo. IL film è particolarmente consigliato per insegnanti e tutti coloro che abbiano attività con i ragazzi in età adolescenziale.

JOSE' SANCHEZ DEL RIO - LIBRO Italiano - la prima biografia italiana di San José Sanchez del Rio, martire della CRISTIADA messicana. Il giovane martire disposto a sacrificare la vita per amore di Cristo e della Chiesa, invita ad alzare lo sguardo oltre i personali limiti umani, in vista dell'unico vero Bene. Il testo, scritto dal Postulatore della Causa di Canonizzazione, è la prima biografia disponibile in Italia dedicata al giovane Santo, canonizzato il 16 Ottobre dello scorso anno e già protagonista del film CRISTIADA.

CRISTIADA - DVD Italiano - Enrique Gorostieta Velarde (Andy Garcia), il più importante stratega militare del Messico anni ‘20, è un uomo ateo e scevro da ogni ideologia. Mosso da un profondo ideale di giustizia e amareggiato dalla situazione di repressione in atto nel Paese - che soffre il regime autoritario e antireligioso del Presidente Plutarco Elìas Calles - decide di mettere il suo genio militare a disposizione del popolo cristiano perseguitato. Con perseveranza e dedizione, il Generale Gorostieta riuscirà a trasformare un gruppo eterogeneo di contadini, studenti ed intellettuali nella forza militare della Cristiada.

PRESSBOOK CRISTIADA - LIBRO Italiano - il Pressbook ricostruisce con precisione il contesto storico nel quale si svolse la lotta per la libertà di culto in Messico, fra il 1926 e il 1929, e offre interessanti retroscena sulla produzione e realizzazione del film CRISTIADA. Sono riportate anche le interviste al cast artistico e tecnico del film.

GOD'S NOT DEAD: Evidence for God in an Age of Uncertainty - LIBRO Inglese - Traendo spunto dalla sua personale vicenda di riscoperta del messaggio cristiano, l’autore Rice Broocks spazia dalla filosofia alla scienza, dalle prove storiche alla teologia per dimostrare che l’universo e la vita umana hanno origine da Dio e da Lui traggono scopo. Di fronte al diffondersi dell’ateismo nella scuola e nella società civile, il libro offre ai credenti valide argomentazioni a favore dell’esistenza di Dio e si propone di stimolare gli interrogativi degli atei e di coloro che sono ancora alla ricerca della Verità.

MAN, MYTH, MESSIAH: answering history's greatest question - LIBRO Inglese - dopo il successo di "God’s Not Dead", l’autore Rice Broocks si interroga sulla più grande domanda della Storia: Gesù Cristo è davvero esistito? I Vangeli raccontano una vicenda che le fonti possono documentare oppure attingono a miti e leggende? Basandosi sui documenti storici, il testo dimostra che Gesù di Nazareth è realmente vissuto e che la Sua morte e resurrezione rivelano la Sua identità di Messia.

Per tutti i nostri film sono disponibili le schede professori con le ricadute ditattiche di ogni pellicola sul programma delle scuole secondarie di primo e di secondo grado: http://www.dominusproduction.com/editoria/item/scheda-didattica.html

Per organizzare proiezioni pubbliche dei nostri film, per tutte le informazioni sui nostri prodotti e per poterli acquistare, sia per i negozi che per i privati, consultate il sito www.dominusproductionstore.com o chiamateci allo 055.0468068, dal lunedì al venerdì dalle 8.30am alle 6.00pm (festivi esclusi).


Missione di DOMINUS PRODUCTION è diffondere Bellezza e Virtù. Dai il tuo "mi piace" alla nostra pagina facebook https://www.facebook.com/dominusproductionsrl/

DOMINUS PRODUCTION è lieta di presentare L'UOMO, IL MITO, IL MESSIA il libro associato al film GOD's NOT DEAD2, in cui l'autore si interroga sulla più grande domanda della Storia: Gesù Cristo è davvero esistito? Basandosi sui documenti storici, il testo dimostra che Gesù di Nazareth è realmente vissuto e che la Sua morte e resurrezione rivelano la Sua identità di Messia.


Il libro è ordinabile su www.dominusproductionstore.com oppure chiamando lo 055.0468068 dal Lunedi al Venerdi dalle 8.30 alle 17.30 Le spedizioni dei libri ordinati saranno effettuate a partire dall'8 Dicembre su tutto il territorio nazionale. A breve sarà disponibile sul sito www.dominusproduction.com la lista dei rivenditori DOMINUS PRODUCTION, quindi chiameremo tutti i nostri negozi partners per l'aggiornamento anagrafica.

SCHEDA del LIBRO: https://www.dropbox.com/s/owhh15we16hkkqt/Scheda%20libro%20L%
27UOMO%2C%20IL%20MITO%2C%20IL%20MESSIA.pdf?dl=0

CATALOGO PRODOTTI DOMINUS PRODUCTION: https://www.dropbox.com/s/nndpjmk6kanea7d
/Catalogo%20DVD-LIBRI.pdf?dl=0

*****
EVENTI DOMINUS

GENOVA: Continua il tour di presentazione del meraviglioso film GOD'S NOT DEAD 2 presso le librerie partner DOMINUS - Sabato 18 Novembre ore 18 saremo presso la libreria SAN PAOLO a GENOVA per un aperitivo in libreria aperto a tutti i nostri supporters genovesi. Biglietto invito all'aperitivo culturale: https://www.dropbox.com/s/dw2m64m46lllxrc/BigliettoGENOVA.pdf?dl=0

TERNI: Sabato 25 Novembre ci sarà l'evento di presentazione del libro di MIrjana Soldo - IL MIO CUORE TRIONFERA' - presso Palazzo Gazzoli a Terni ore 21  - Biglietto invito per la serata aperta a tutti i nostri supporter sul territorio: https://www.dropbox.com/s/5cx24x6e2uefobn/BigliettoTERNIfronte.pdf?dl=0

VIAREGGIO: In occasione della festa di Ognissanti saremo a Viareggio con una proiezione speciale ad ingresso libero dell'avvincente film CRISTIADA. Vi aspettiamo Mercoledi 1 Novembre ore 21 presso la Sala Teatro della Parrocchia Santa Rita a Viareggio. Biglietto invito per la serata: https://www.dropbox.com/s/efoq39m3rwaa1qn/Bigliettocristiadaretro.pdf?dl=0

Per rimanere sempre aggiornati e per maggiori informazioni visitate il nostro sito www.dominusproduction.com oppure la nostra pagina FB https://www.facebook.com/dominusproductionsrl/

 

 

Iniziative del mese di Novembre 2017 dell'Associazione "Ora et Labora in Difesa della Vita"

➨Tutti i venerdì del mese alle ore 8,00 Ospedale San Massimo a Penne (Pescara), sito in Via Battaglioni 1 S. Messa in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario chirurgico e chimico e dell’eutanasia.

➨Tutti i lunedì del mese dalle ore 15,00 alle 16,45 dalle suore Orsoline nella cappella della casa natale di sant’Angela Merici, in località Grezze a Desenzano del Garda (Brescia) adorazione eucaristica, coroncina della divina misericordia, vespri e Rosario in difesa della Vita.

➨Giovedì 2 novembre  dalle ore 20,30 alle 21,00. Adorazione eucaristica in riparazione dell’aborto presso la casa di cura S.Camillo in V. Filippo Turati 44, Brescia.

➨3 Novembre – Venerdì e 21  Novembre – Martedì dalle ore 9,30 alle ore 12,00Ospedale San Massimo a Penne (Pescara), sito in Via Battaglioni 1 Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.

➨Venerdì  3 novembre  dalle ore 17,00 alle 18,00. Cappella dell’Ospedale Santa Maria delle Croci a Ravenna Ore 17,00 Adorazione Eucaristica e ore 17,30 Santo Rosario meditato in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.

➨Pescara – Sabato 4  Novembre alle 18,00  presso Santuario della Madonna dei Sette Dolori, sito in Via del Santuario. Rosario per i bimbi non nati.

➨8 Novembre dalle 9,00 presidio davanti al Tribunale di Milano per il processo a Marco Cappato e dj Fabo, Ora et Labora parteciperà insieme ad altre associazioni pro-life. Sul fronte opposto saranno presenti anche i radicali con i loro simpatizzanti.

➨10 Novembre – Venerdì e 22 Novembre – Mercoledì dalle ore 9,00 alle ore 12,00 Ospedale Civile S. Spirito, a Pescara, via Fonte Romana, 8 Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.

➨Lunedì 13 Novembre dalle ore 10,30 alle ore 12,30, come ormai faccio da anni sarò da solo a testimoniare a Milano contro il grave delitto dell’aborto davanti alla Clinica Mangiagalli in via Commenda. Sarò da solo visto il divieto che ci ha imposto la Questura di testimoniare in gruppo davanti alla suddetta clinica a causa degli abortisti che venivano a contromanifestare in modo violento (insulti, lancio di oggetti e distruzione di cartelloni, a cui hanno fatto seguito nostre denunce, in questo mese abbiamo infatti la prima udienza) e non autorizzato.

➨Martedì  14 Novembre  dalle ore 7,00 alle 20,00. Giornata per la Vita fuori dagli Spedali civili di Brescia.

➨Venerdì 17 Novembre dalle ore 9,00 alle 12,00 Ospedale Nuovo San Gerardo, a Monza, via Pergolesi, 33 Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.

➨Venerdì 24 Novembre dalle ore 9,00 alle ore 11,30 presso il Presidio Ospedaliero Sant’Antonio Abate di Cantù (CO) in via Domea 4 Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia nel giorno in cui nell’ospedale vengono effettuate le visite pre aborto.

➨Sabato 25 novembre  ore 20,45. Rosario per la Vita presso la parrocchia di Castel del Piano a Perugia. Volantinaggio a seguire.

➨Giovedì 30 novembre  dalle ore 20,30 alle 21,30. Adorazione eucaristica in riparazione dell’aborto presso la parrocchia di Fiumicello, V. Pierluigi Grossi 8, Brescia.

Conferenze e Incontri

➨Milano, c/o APS COLORE, V. Moncucco 29, MM Famagosta – 18 Novembre ore 17:30. Progetto Familia Onlus presenta: “Cosa succede veramente negli ospedali e come possiamo definire l’aborto”. Relatore: Giorgio Celsi e Maria Gabriella Belotti  ( vedi locandina allegata) Rif. http://www.progettofamilia.org/

➨Parma, Chiesa di San Lazzaro –  25 Novembre ore 15. Relatore: Giorgio Celsi e Giorgio Sarogni.

Iniziativa “CamminiAMO per LA VITA” mese di Novembre

➨Como – Sabato 4  Novembre – presso il Santuario Madonna del Prodigio di Garzola (sulla strada che porta a Brunate) ci si ritrova alle ore 15,30 in chiesa per l’esposizione del Santissimo, poi ci sarà un gruppo che rimarrà per l’adorazione e un altro che andrà per le strade del centro della città di Como per la testimonianza (eventualmente si potrebbero dare il cambio, organizzando dei turni). Ci si ritroverà tutti alle ore 18.00 in chiesa per la deposizione del Santissimo e per partecipare alla Santa Messa durante la quale Don Maurizio farà la Benedizione delle mamme in gravidanza, dei bambini e dei loro genitori.

➨Milano – Sabato 25 Novembre  presso il tempio di San Sebastiano in via Torino 28 (MM Duomo), ci si ritrova alle ore 15,00 in chiesa per l’esposizione del Santissimo, poi ci sarà un gruppo che rimarrà per l’adorazione e un altro che andrà per le strade del centro della città per la testimonianza (possibilmente si potrebbero fare anche i turni). Ci si ritrova tutti in chiesa, alle ore 17.30, per la Santa Messa.

➨Varese – Sabato 25 Novembre  presso la chiesa di San Vittore, in Piazza Canonica (zona pedonale), ci si ritrova alle ore 14.00 davanti alla chiesa. Alle 14.30 inizierà la preghiera in chiesa, poi ci sarà un gruppo che rimarrà in chiesa e un altro che andrà per le strade del centro della città per la testimonianza (Eventualmente si potrebbero fare anche i turni). Alle ore 18.00 sarà possibile partecipare alla Santa Messa.

➨Pescara – Sabato 25 Novembre – Presso il Santuario della Divina Misericordia del Sacro Cuore, sito in Corso Umberto, ci si ritrova alle ore 15 in Chiesa per l’Esposizione del Santissimo, poi un gruppo che rimarrà per l’Adorazione e un altro andrà per le strade del centro città per la testimonianza (eventualmente si potrebbero dare il cambio, organizzando dei turni) ci si riunisce poi tutti in chiesa alle ore 17,30 per la Santa Messa. 

 «Ho trovato il modo per far cessare gli aborti in tutta Italia: andare a pregare di fronte agli Ospedali». “Noi dobbiamo rendere pubblico quello che avviene nel silenzio degli Ospedali”. Questa preghiera diventa un segno grande perchè noi diciamo: “Se uccidono tuo fratello, tu cosa fai? Corri là, dove questo succede e lo rendi visibile a tutti perchè gridi: “Uccidono mio fratello, uccidono mio fratello, aiutatemi!!”Il fatto è che la società è anestetizzata. Che cosa accadrebbe se un giornale domani titolasse a sei colonne: “Ieri cinque bambini uccisi nell’ospedale della nostra città”. Direbbe una cosa vera?»

                                                                                                      Don Oreste Benzi 

«Difendi la Vita, rinascerà la Speranza»
http://www.oraetlaboraindifesadellavita.org/
https://www.facebook.com/giorgio.celsi
ti preghiamo di diffondere fra i tuoi contatti le iniziative di "ORA et LABORA in Difesa della Vita" a difesa della vita dal concepimento alla morte naturale

 

 

Vi mando alcune mie poesie su Maria da me scritte affinchè le possiate inserire nei vostri siti.
Molte altre sono su Cartantica e le troverete nel settore delle "Collaborazioni - associate anche a delle belle immagini che potreste adattare a questo mio lavoro. Presto ne troverete delle altre nella sezione ad hoc di Cartantica

Grazie, Luca Preato
Cel. 3248905264

MAGNIFICAT

La mia anima magnifica il Signore e il mio spirito esulta nel suo Salvatore; oh madre di Dio, vergine Maria sei tu la mia Madre, in te l'Altissimo ha fatto cose stupende, città di Dio ed io sono tuo figlio, in me dimora quello Spirito che da sempre ti ha abitata e ti ha donato vita. Grazie oh Madre perchè vuoi farmi crescere in questa figliolanza, in questo abbandono tra le mani tue. Grazie perchè le tue lacrime bagnano il mio cuore, i miei timori, tutto ciò che credo turbamento, o chiusura. Tra le tue mani, nel tuo Cuore tu riscaldi la mia anima e la corrobori, sì… in te è la Vita, dono delle tue mani; in te è la Grazia. E' in te il mio cuore, la mia intelligenza, i miei pensieri, tutto ciò che sono e sarò oh mamma. Sì in te è Gesù che vogliamo Amare e adorare. Totus tuus, Pensaci tu mamma, disponi di me come tu vuoi.

 REGINA DELL’AMORE

Le mani avvolte come un velo
e uno sguardo fisso al Cielo
che stai facendo oh bella signora
chi stai guardando così bella
in quell’abbraccio raccolto al cuore?

Mi sei certo vicina,
così lontana al contempo
tu sei di Dio
un raggio nello Splendore
astro dell’infinito Suo Amore
e sei sì pura, oh Soave bellezza
la più bella, creata dal Suo Cuore
oh mamma nostra,
Regina dell’Amore.

Oh Maria,
stando sotto la Croce,
hai detto sì a tutti noi.
E’ il tuo Sì alla Vita
 che nasce dal tuo umile cuore.

Nel tuo cuore il nostro cuore
come un sol cuore
nel Signore.

Sì il tuo amore Maria era tutto per Gesù
quando il divino volere chiedeva il suo sacrificio per noi,
che strazio nel tuo cuore. Tu ti donavi prigioniera d'Amore.. 

Nostro rifugio tu sei.

Fiat

******

 

Amo la vita

Sono felice perché amo la vita
il fiore più bello
il dono più bello, il dono dell’amore
la vita, la mia vita
tutta la mia vita. (2V.)

Amo la vita
dono di Dio
dono dell’Amore
dono della Vita. (2V.)

Maurizio Bagnariol


Puoi ordinare e diffondere gratuitamente il libro “Il cuore in una goccia” del Professor Noia, lavoro svolto dal gruppo dell’Hospice Perinatale del Policlinico Gemelli di Roma, sul tema delle cure prenatali, richiedendolo presso i centri aiuto alla vita del movimento per la vita italiano: Senti Tel. sos vita: 800813000
http://www.ilcuoreinunagoccia.com/index.php?option=com_k2&view=item&id=954:progetto-le-cure-prenatali&Itemid=483

tour di gianna sopravvisuta a d un aborto salino
https://www.notizieprovita.it/attivita/provita-e-gianna-jessen-in-un-ciclo-di-conferenze-sullaborto/

******

Gentili media, associazioni e comunità cattoliche volevo sollevare un problema da poter cercare di sciogliere in modo umano A PARTIRE DALLA PREGHIERA. Mi sto accorgendo di come sia facile prendere una multa attraverso i sistemi automatici di controllo del traffico pur superando di poco il limite consentito.
Attualmente questo sta diventando un problema dato che pur superando di poco i limiti le multe si stanno facendo frequenti e sono dissocupato. Credo che bisognerebbe rimettere al centro l'uomo che interpreta il codice automobilistico e non una macchina, bisognerebbe tornare a mettere al centro l'uomo e non un meccanismo che può creare anche terrore a chi guida un auto. Chiedo possiate parlare di questo problema sollevandolo nel rispetto di tutti ATTRAVERSO I VOSTRI MEZZI DI COMUNICAZIONE. LASCIANDO FARE TUTTO A GESU'.

GRAZIE

LUCA PREATO

******

UNA VITA PIU’ BELLA

Desidero segnalare questa bella iniziativa di tele chiara: alle 9.10 di ogni mattina viene proposto un corso di ginnastica assai semplice che si può seguire da casa o proporre ai parrocchiani seguendolo su un video nelle sale parrocchiali attraverso il DVD che tele chiara spedisce personalmente.  Creando un momento di incontro e condivisione.

UNA PROPOSTA ORIGINALE: Mi piacerebbe molto che si potesse poter invitare i parrocchiani a stare assieme, a cantare nelle sale parrocchiali assieme e, per chi vuole, anche a muoversi un po’(come DANZAVA Re Davide) semplicemente come farebbe un coro Gospel, con semplicità assieme al coro parrocchiale creando un appuntamento e un momento di condivisione potendo così uscireUN Po’  dall’individualismo che spesso appare tra la gente.

UN’ IMPORTANTE PETIZIONE CONTRO L’ABORTO DI NOTIZIE PROVITA CHE PRESENTERA’ PRESSO LE STANZE DELLA POLITICA:

Su https://www.notizieprovita.it/attivita/per-le-donne-firma-perche-siano-davvero-informate-sullaborto/  sosterrai le iniziative di ProVita volte a:
– Chiedere al Ministero della Salute di diffondere le informazioni relative ai danni che l’aborto può causare alla salute delle donne;
– Trasmettere alle Commissioni Sanità in Parlamento proposte di legge volte a garantire che le donne vengano messe a conoscenza delle conseguenze dell’aborto sul bambino e sulla madre, in particolare quando si recano nei consultori e nelle strutture sanitarie per abortire
– Comunicare con le donne che vivono gravidanze difficili e che sono tentate dall’aborto, affinché aprano gli occhi su questa terribile realtà, nella speranza che possano più facilmente fare una scelta per la vita e non una scelta di morte.

Firma e fai firmare questa petizione cliccando qui!

E’ NATO UN PARTITO NUOVO: “IL POPOLO DELLA FAMIGLIA”, BASATO SUI PRINCIPI NON NEGOZIABILI, È UN’ESPRESSIONE DEL FAMILY DAY, ED E’ INTRISO DI SENSO CRISTIANO.
http://gianfrancoamato.it/popolo-della-famiglia/ - http://gianfrancoamato.it/conferenze-incontri/

SPETTACOLI A DIFESA DELLA FAMIGLIA DELL’ASSOCIAZIONE GIURISTI PER LA VITA DI GIANFRANCO AMATO

*******

Chiamiamo ancora la Divina Volontà: “Vieni divina volontà nel nostro cuore  a fare TUTTO CIÒ che tu vuoi fare”.

Il Signore in questo modo, potrà compiere veramente ogni bene in noi, così accogliendolo nella docilità del cuore, con amore, noi non ci dovremo preoccupare più di nulla. E’ Lui che opera: fa tutto Lui, qualsiasi cosa, iniziativa, lavoro, il progetto della nostra vita. La Divina Volontà venendo nel nostro cuore potrà portare con sé davvero  ogni  bene e Dio sa cosa è meglio per noi, ci conosce ancor più di noi stessi. Il Signore proprio avrà spazio di operare vedendo in noi il desiderio d’aprirgli la porta del nostro cuore. Ecco il nostro nulla s’aprirà  a Dio, al Suo tutto e  Gesù … effondendo il Suo alito di vita, lo stesso Suo Amore, potrà benedire ogni area della nostra vita, così con molta semplicità. Sì Dio pensa veramente ai Suoi  piccoli e  dona loro il Suo Santo Spirito, è una vita nuova in Lui. Così sia!

Luca, a partire da uno scritto della signora Liana

**********

VIENI DIVIN VOLERE

Ho a cuore poter far conoscere nel mio piccolo la serva di Dio Luisa Piccarretta (che viveva di sola eucarestia, seguita dal Padre spirituale Sant. Annibale Maria di Francia) e la spiritualità che la rispecchia nelle parole del Padre nostro “ sia fatta la tua volontà come in Cielo e così in terra”

“Fiat voluntas tua sicut in caelo et in terra”

Presento  e vi invito a visitare il sito dell’associazione Luisa Piccarreta di Corato (BA) dove è nata questa serva di Dio: http://www.luisapiccarretaofficial.org/

COME LEGGERE I LIBRI DI LUISA: NEL SEGUENTE SITO TROVERETE  TUTTI GLI SCRITTI DI LUISA SCARICABILI GRATUITAMENTE RELATIVI AD UN’ALTRA ASSOCIAZIONE:  www.divinovoleredivinoamore.it/
PER ORDINARE DIRETTAMENTE I LIBRI POTETE CHIEDERE AD UNA DELLE DUE ASSOCIAZIONI PRECEDENTI, SECONDO IL MIO PERSONALE PARERE PENSO CHE LE TRADUZIONI DEI TESTI REALIZZATE CON MAGGIOR CURA, A PARTRIRE DAGLI SCRITTI DI LUISA ESPRESSI IN DIALETTO LOCALE, SIANO QUELLE DELLE EDIZIONI GAMBA: L’EDITORE UFFICIALE DEGLI STESSI. ECCO IL SITO Di QUEST’ULTIME EDIZIONI: http://www.gambedit.com/it/index.aspx  L’EDITORE GAMBA HA REALIZZATO ANCHE UN’ALTRO SPAZIO WEB DEDICATO A LUISA: http://www.scrittidiluisapiccarreta.it/ DA DOVE SI POSSONO ORDINARE I LIBRI.

***************

Unisco quest’atto di consacrazione della giornata al Divin Volere

GESU', Ti amo con la tua Volontà! Vieni, Divina Volontà, a pregare in me e poi offri questa preghiera a Te, come mia, per soddisfare alle preghiere di tutti e per dare al Padre la Gloria che dovrebbero dargli tutte le creature.

GESU', Ti amo con la tua Volontà! Vieni, Divina Volontà, ad abbracciare in me tutto quello che vuoi che oggi io faccia; che tutto sia nella tua Divina Volontà per darti il ricambio di amore, adorazione, gloria, come se tutte le creature aprendo gli occhi Ti avessero dato questo contraccambio completo.

GESU', Ti amo con la tua Volontà! Vieni, Divina Volontà, a pensare nella mia mente.

Vieni, Divina Volontà, a circolare nel mio sangue.
Vieni, Divina Volontà, a guardare nei miei occhi.
Vieni, Divina Volontà, ad ascoltare nelle mie orecchie.
Vieni, Divina Volontà, a parlare nella mia voce.
Vieni, Divina Volontà, a respirare nel mio respiro.
Vieni, Divina Volontà, a palpitare nel mio cuore.
Vieni, Divina Volontà, a muoverti nel mio moto.
Vieni, Divina Volontà, a camminare nei miei passi, per andare in cerca di tutte le creature e chiamarle a Te.
Vieni, Divina Volontà, nel mio scrivere e scrivi la tua legge nell'anima mia.
Vieni, Divina Volontà, nel mio leggere ed imprimi le tue Verità, come vita, nel mio cuore.
Vieni, Divina Volontà, ad operare nelle mie mani.
Vieni, Divina Volontà, a soffrire nel mio soffrire e, la mia anima unita con la tua Volontà, sia il Crocifisso vivente immolato per la gloria del Padre.
Vieni, Divina Volontà, ad offrire nel mio offrire, perché tutto in me chieda del Padre la gloria e la santificazione delle anime.

GESU', Ti amo con la tua Volontà! Vieni, Divina Volontà, ad adorare in me. E poiché la tua Volontà moltiplica gli atti all'infinito, così intendo darti soddisfazione come se tutti partecipassero alla Santa Messa nella tua Divina Volontà; ed intendo dare a tutti il frutto del Santo Sacrificio ed impetrare per tutti la salvezza e la santificazione nel Divin Volere.

GESU', Ti amo con la tua Volontà! Vieni, Divina Volontà in questa comunione mia con Te; vieni, perché io intendo non solo donarti all'anima mia, ma a tutte le anime che non Ti ricevono, per riparare i nostri peccati e dare gloria al Padre.


***************

ALCUNE PREGHIERE E PENSIERI SULL’ABBANDONO IN DIO NEL DIVIN VOLERE:

Chiamiamo la Divina Volontà: “Vieni divina volontà in me a fare tutto ciò che tu vuoi fare, così il Signore fa tutto in noi e noi non ci dobbiamo preoccupare di nulla. Fa tutto Lui qualsiasi cosa opera, lavoro, il progetto della nostra vita, qualsiasi cosa, qualsiasi problema. Il Signore proprio ha spazio di operare perché abbiamo aperto il nostro cuore e gli abbiamo dato la possibilità di entrate in noi e Gesù fa tutto il resto, così con molta semplicità. Liana

Gesù confido e spero in te tu solo sei la mia salvezza affido tutto a Te … Pensaci Tu e Lui ci pensa. Con Fiducia … Pia

Abbandonarsi significa avere l’unico desiderio di essere obbedienti a Dio, di essere figli suoi: ecco l’Amore, si con questo si fa tutto, per cui tutto il resto non conta. Dice il Signore nel Salmo 91: Mi invocherà e gli darò risposta; presso di lui sarò nella sventura, lo salverò e lo renderò glorioso

Luca

******

MESE MARIANO D’OTTOBRE - A MARIA MADRE DELLA VITA

Carissimi oggi Domenica 29 Ottobre 2017, nel Santuario di San Leopoldo a Padova http://www.leopoldomandic.it/  dalle 17.00 inizierà la celebrazione con la statua della Madonna Pellegrina di Fatima. Ho avuto conferma dell'iniziativa dal Santuario.
Le celebrazioni si svolgeranno anche domani Lunedì 30 Ottobre 2017

P.S. Per gravi motivazioni che portino all'impossibilità di recarsi a Fatima si può lucrare l'indulgenza anche da casa davanti ad un'immagine della Madonna di Fatima fino a Novembre 2017:
http://www.ansa.it/giubileo/notizie/anno_santo_nel_mondo/2017/01/07/fatima-anno-giubilare-per-il-centenario_a15c99e8-8c6e-453d-88d4-a9facdeb16b6.html

A MARIA REGINA DELL’AMORE  E MADRE DELLA VITA

Le mani avvolte come velo
e uno sguardo fisso al Cielo
che stai facendo oh bella signora
chi stai guardando così bella
in quell’abbraccio raccolto al cuore?

Mi sei certo vicina,
così lontana al contempo
tu sei di Dio
un raggio nello Splendore
astro dell’infinito Suo Amore
e sei sì pura, oh Soave bellezza
la più bella, creata dal Suo Cuore
oh mamma nostra,
Regina dell’Amore.

Oh Maria,
stando sotto la Croce,
hai detto sì a tutti noi.

E’ il tuo Sì alla Vita
 che nasce dal tuo umile cuore.

Nel tuo cuore il nostro cuore
come un sol cuore
nel Signore.

Nostro rifugio sei tu.

Luca

*****************

RICHIEDI UN ROSARIO PER LA VITA NASCENTE
DALLE MANI DI UNA MAMMA IN DIFFICOLTA’ PER ESSA:

Una gravidanza può provocare la perdita di un lavoro, potrai abbandonarti allora a soluzioni umane o forse accoglierai nel tuo cuore l’abbraccio provvido di Dio.

A volte basta poco per aiutare una mamma che affronta questo dramma anche porgendole soccorso con un piccolo impegno lavorativo donandole coraggio, e si vedrà allora la vita vincere sulla morte.

La Caritas di Foggia, offre alle mamme in  difficoltà la costruzione di rosari: se vorrai potrai fare un’offerta ti verrà donato, contiene in sé la vita di tanti bambini e il sorriso delle loro mamme..

Pensando al progetto “Come Maria” della Caritas diocesana di Foggia Bovino Telefona alla Caritas di Foggia: http://www.caritasdiocesanafoggiabovino.it/

*******

RICHIEDI UN PORTACHIAVI, DELLE SPILLETTE E ALTRO ANCORA  PER LA VITA
DA NOTIZIE PROVITA ONLUS

Visita il sito: https://www.notizieprovita.it/i-gadgets-di-provita-onlus-per-difendere-la-vita/

Notizie Provita Onlus, che conosco personalmente, agisce con serietà ed impegno a difesa della vita e della famiglia anche attraverso i tavoli della politica nazionale e attraverso tante altre iniziative pro life: www.notizieprovita.it

*****************  

INIZIATIVE PER LA VITA DI FEDE E DI PREGHIERA

Di il tuo no all’aborto, ripetilo con tutto il tuo cuore, non sopprimere un bimbo nel grembo di sua madre; diciamo No nella testimonianza di fede e di preghiera davanti agli ospedali, attraverso Processioni nelle città, testimoniamo con tutto il cuore come il rifiuto della Vita e la distruzione della famiglia sia il più grave delitto.

Tutto questo in un pensiero al Comitato per la Marcia Nazionale per la vita: www.marciaperlavita.it

al Movimento con Cristo per la Vita (facente parte del Movimento mariano Regina dell’Amore): www.reginadellamore.org – (più precisamente: http://www.reginadellamore.org/?p=28450 )

al Comitato NO 194 che chiede l'abrogazione referendaria della legge abortiva 194: www.no194.org, all’associazione orat et laborabora in difesa di Maria: www.oraetlaboraindifesadellavita.org
alla Comunità Papa Giovanni: http://www.apg23.org/it/

e tanti altri.

*****************

MAMMA VUOI DAVVERO ABORTIRE?

Rivolgiti a questo indirizzo troverai attraverso il telefono indicato una persona che ti ascolta: http://www.sosvita.it/ 

VOGLIAMO POTER AFFIDARE INFINE LA NOSTRA PREGHERIA, IL NOSTRO MAGNIFICAT IN UN CANTO DI CONSACRAZIONE A MARIA, PER TROVARE SICURO RIFUGIO  NEL SUO CUORE IMMACOLATO. AFFINCHE’ LA VERGINE MARIA CI FACCIA SCOPRIRE  LA VITA, AFFINCHE’ ANCHE LE NOSTRE VITE POSSANO SPLENDERE IN DIO.

La mia anima magnifica il Signore e il mio spirito esulta nel suo Salvatore. Oh madre di Dio, vergine Maria sei tu la mia Mamma, in te l'Altissimo ha fatto cose stupende, città di Dio ed io sono tuo, tuo figlio, in me dimora quello Spirito che da sempre ti ha abitata e ti ha donato vita.
Grazie oh Mamma perchè vuoi farmi crescere in questa figliolanza, in quest’abbandono tra le mani tue. Grazie perchè le tue lacrime bagnano il mio cuore, i miei timori, tutto ciò che credo turbamento, o chiusura. Tra le tue mani, nel tuo Cuore tu riscaldi la mia anima e la corrobori, sì… in te è la Vita, dono delle tue mani; in te è la Grazia.
E' in te il mio cuore, la mia intelligenza, i miei pensieri, tutto ciò che sono e sarò oh mamma. Sì in te è Gesù che vogliamo Amare e adorare. Totus tuus, Pensaci tu mamma, disponi di me come tu vuoi.

P.S. Nel seguente link del sito del vaticano unisco l’atto di Affidamento e Consacrazione di tutti i sacerdoti al cuore Immacolato di Maria di Papa Benedetto:
http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/prayers/documents/hf_ben-xvi_20100512_affidamento-fatima_it.html

Luca Preato

 

 

"Il cinema e i film" all'Auditorio Parco della Musica di Roma

Presiede e introduce: Philippe Chenoux - Pontificia Università Lateranense


 Interventi: Gennaro Giuseppe Curcio Segretario Generale Istituto J. Maritain
Vincenzo Buonomo - Pontificia Università Lateranense

Conclude:Vittorio Possenti - Università Ca' Foscari di Venezia

Come si comanda il mondo

In libreria un volume di Giorgio Galli e Mario Caligiuri che svela i retroscena del potere mondiale

Giovedì 23 novembre la presentazione alla Camera dei Deputati

“Come si comanda il mondo. Teorie, volti, intrecci”, Rubbettino 2017, pp. 234

Sessantacinque persone. Un pugno di individui rispetto agli oltre sette miliardi che abitano il pianeta. Eppure sono questi che tengono in pugno le sorti del mondo.
Non sono però i politici cui spesso vengono dirette le proteste degli “indignados” dei vari Paesi, ma i manager delle multinazionali che operano nel mercato globale.
È questa la tesi dell’interessante libro del politologo Giorgio Galli e dell’esperto di intelligence Mario Caligiuri “Come si comanda il mondo. Teorie volti e intrecci” che Rubbettino lancia in questi giorni in libreria.
Un libro acuto e documentato che non cede a facili teorie qualunquiste e visioni di complotto ma che attraverso un’attenta analisi riesce a ricostruire nomi e facce, talvolta sconosciuti al grande pubblico, che giocano un ruolo determinante nello scacchiere internazionale.
Quello che emerge è un intreccio molto forte tra politica, finanza e luoghi di formazione. Un intreccio che spinge a un supplemento di attenzione e che mette a rischio il libero gioco democratico.
Il potere non è impersonale oppure determinato dalle selezioni di un algoritmo ma il nostro destino è deciso da nomi e volti ben individuabili. Il loro controllo è il problema decisivo della democrazia nel XXI secolo.

Di questi temi si discuterà durante la prima presentazione del volume, in anteprima nazionale, che si terrà giovedì, 23 novembre 2017, alla Camera dei Deputati (Palazzo Theodoli- Bianchelli, Sala Nilde Iotti) alle ore 10,00 con la possibilità di seguire l’evento anche via streaming (‪http://webtv.camera.it/evento/12205).

Insieme ai due autori, Giorgio Galli e Mario Caligiuri, interverranno il Sottosegretario di Stato alla Giustizia, Cosimo Ferri, il Direttore del Centro Studi Americani, Paolo Messa e l’Editore Florindo Rubbettino. L’incontro sarà introdotto da Stefano Dambruoso, questore della Camera.

Giorgio Galli è il decano dei politologi italiani. Noto a livello internazionale, ha scritto libri fondamentali come “Il bipartismo imperfetto” (1966) e “Hitler e il nazismo magico” (1989)

Mario Caligiuri è professore di prima fascia all’Università della Calabria, dove dirige il Master in Intelligence, promosso nel 2007 con Francesco Cossiga. È stato tra i primi a introdurre lo studio scientifico dell’intelligence negli atenei italiani.
Tra i suoi ultimi volumi, “Intelligence e Scienze umane” e “Intelligence e magistratura” entrambi editi da Rubbettino.

Saranno presenti gli autori

RSVP cerimoniale.adesioni@camera.it indicando data e orario dell’evento

Interventi: Vito Zagarrio - Silvia Moretti -

Partecipano: Pia Abelli Toti - Giovanni Abelli

Interventi- Salvatore Biasco- Francesco D'Agostino - Maria Rosaria Ferrarese - Giuseppe Grisi


Coordina: Antonio Casu

Sarà presente l'autore




commerciale@rubbettino.it - www.rubbettinoeditore.it - tel. 0968 6664209

 

 

Cari amici collezionisti

vi informo che sarò presente al Convegno di Bologna con un’ampia selezione di immagini devozionali di tutte le epoche, cromolitografie pubblicitarie, cartoline postali da collezione e fotografie d’epoca.

Il convegno si svolgerà venerdì 27 e sabato 28 ottobre 2017presso il Nuovo Palanord - Parco Nord, Via Stalingrado n. 83 / 85.

Un caro saluto, Flavio Cammarano

 

 

 

 

DA PARTE DEL PROF. RENZO BARBATTINI, COLLABORATORE DI CARTANTICA

 

 
 
 

 

 

DEMETRIO GUZZARDI

 

Venerdì 10 novembre 2017 a MARATEA la presentazione del volume

di Olimpia Regina, SQUARCI DI PALESTINA, editoriale progetto 2000

 

La Terrasanta appartiene a tutta la gente

perché lì si è manifestato l’Onnipotente

 

OGGI I FUNERALI ALLE ORE 15.30 NELLA CATTEDRALE DI MILETO

 

Un ricordo di mons. Ignazio Schinella

Un prete universale

«Un vero padre. Capace di autentico e faticoso ascolto,

mai superficiale o carico di pregiudizi, ma accogliente e consolante»

di don Ennio Stamile

referente regionale di Libera Calabria

Il titolo di queste brevi note, Un prete universale, lo traggo da uno dei numerosi volumi scritti da don Ignazio Schinella, che proprio il 2 novembre è ritornato nella dimora del Padre, mentre era alla guida della sua auto colto da un improvviso malore a poche decine di metri di distanza dalla sua casa natale di Arena, in provincia di Vibo Valentia. Attraverso le pagine di questo volume don Ignazio raccontava la santità di don Francesco Mottola, suo confratello diocesano, di cui è in corso il processo di beatificazione. Una santità maturata attraverso quella «spiritualità della religione in concreto, nella nostra concretezza storica. Essa - amava ripetere don Mottola - è stile cioè carattere, arte. Se l’arte, sintesi di idee e di storia, non è personale, non è arte. Le idee trascinano le persone e creano il clima storico».

Chi come me ha avuto la fortuna di frequentare la sua “cattedra di umanità”, oltre che quella scientifica tenuta nelle facoltà teologiche San Pio X di Catanzaro e San Tommaso di Napoli, ha compreso nel corso degli anni come la spiritualità di don Mottola avesse profondamente solcato il cuore e la mente di don Ignazio con «quell’idea suprema che è Cristo».

Ce lo svela egli stesso dedicando uno dei suoi primi volumi all’arte di Imparare il Cristo, vivendo quello Spazio dell’amore che è la preghiera, “luogo” in cui «l’eternità entra nel tempo». Uno sguardo contemplativo che ha sempre accompagnato la vita di don Ignazio, intanto per il gusto della ricerca della verità che egli ha sempre cercato di trasmettere.

Poi per l’incanto della poesia di Terra Margia, dove, profumi, volti, storie e colori della sua terra, fluivano in un armonioso canto poetico.

Chi entrava nelle sue stanze, sia di padre spirituale che di rettore del Seminario San Pio X, era come immerso “quasi soffocato” da migliaia di volumi, frutto delle sue mai concluse ricerche scientifiche, teologiche, spirituali e di quella amata pietà popolare di cui è stato anche sapiente cantore. Un piccolo-grande uomo, don Ignazio, sempre alla ricerca di quella Verità che nessuno può dire di possedere e che continuamente invita ogni uomo a dissetarsi “gratuitamente” alla sua perenne fonte. Un homo viator, dunque, che la grazia ha reso assai fecondo, a tal punto da generare ed accompagnare nelle fede generazioni di presbiteri e di fratelli e sorelle laiche. Sì, un vero padre! Capace di autentico e faticoso ascolto, mai superficiale o carico di pregiudizi, ma accogliente, consolante, in grado di leggere e penetrare i moti dello spirito in continua tensione con la fragilità della condizione umana.

Viviamo il dramma di una società senza padri, ci ricorda Massimo Recalcati. Spesso capita a noi presbiteri di essere salutati con questa parola: “padre”. A volte essa ci scivola addosso, non le diamo il giusto peso, vuoi perché troppo distratti, oppure perché ci intimorisce, richiamando le nostre responsabilità. Eppure già Omero metteva sulle labbra di Telemaco quella frase che risuona oggi ancora sempre più profetica: «Se gli uomini potessero scegliere ogni cosa da soli, per prima cosa vorrei il ritorno del padre». Il desiderio di Telemaco non è desiderio nostalgico che il padre ritorni, ma che vi sia “padre”. I proci, giovani principi, simbolo della giovinezza calpestano tutto, umiliano, violentano, dichiarano morto Ulisse, togliendogli ogni forma di rispetto. La “notte dei proci” non conosce intervallo, scansione, ritmo. Forse mai come oggi la stiamo vivendo «in ogni ambiente in cui si plasma l’uomo».

L'ultima frase di Freud poco prima di morire è una citazione d Goethe, dedicata al tema dell'eredità: «Ciò che tu hai ereditato dai padri devi riconquistarlo, per ereditarlo davvero».

Ciò significa che l'eredità non è mai passiva ma dobbiamo fare nostro quello che abbiamo ricevuto affinché sia davvero nostro. Dobbiamo impegnarci a riconquistare quello che i padri ci hanno dato per diventare figli, per diventare giusti eredi. Bene, padre Ignazio ci ha lasciato davvero una grande eredità, non solo attraverso i suoi numerosissimi articoli e volumi.

Credo che essa si possa sintetizzare in un condensato semantico di don Mottola che spesso risuonava anche nelle sue profonde omelie, «quanto più si ama, più si è»; che faceva coincidere con l’altra «quanto più si soffre più si è».

Don Ignazio ha vissuto quel «martirio quotidiano o della coscienza», caro a Sant'Atanasio di Alessandria. Nella Chiesa, mi ripeteva un compianto vescovo, monsignor Andrea Cassone, più si hanno responsabilità più si soffre a causa di esse. La Chiesa non è una setta di giusti come qualcuno vorrebbe. Anche in essa prosperano a volte indisturbati i proci, che soffocano carismi creando cordate, appartenenze. Alle Chiese calabresi don Ignazio ha dato davvero tantissimo. Non altrettanto, possiamo dire noi che conosciamo le tante sue numerose vicissitudini, viceversa. Anche in questa “notte dei proci” uomini come don Ignazio, come papa Francesco p.p. (pater patrorum) mantengono viva la speranza che vengano finalmente illuminati e purificati quel bieco carrierismo e quella vuota sete di potere.

Grazie di tutto, caro padre Ignazio.

 

UN GRAVE LUTTO HA COLPITO LA COMUNITA’ ECCLESIALE CALABRESE


È morto mons. Ignazio Schinella

Nel giorno della commemorazione dei defunti il sacerdote di Arena perde la vita in un incidente d’auto

 

«Come amico, fratello, discepolo, piango la prematura scomparsa di don Ignazio Schinella, proprio oggi, in cui la Chiesa Cattolica commemora i defunti. La notizia giunta nella prima mattinata parla di un incidente d’auto nel suo paese natale, dove era giunto per una visita ai suoi parenti defunti. Con mons. Schinella va via un grande teologo che con i suoi scritti ha cantato e lodato Gesù, Signore della sua vita.

Il suo ministero presbiterale era caratterizzato dall’amore verso la bellezza intesa come arte, poesia, letteratura; educatore nei luoghi deputati alla formazione dei futuri sacerdoti, amava il mondo popolare e più volte nei suoi testi faceva riferimento alla modalità del cattolicesimo popolare. Sempre attento, amava scrivere ed era un grande comunicatore, con la sua parola fluente, ma soprattutto con la sua grande umanità ed amicizia.

Con la casa editrice Progetto 2000 ha pubblicato oltre 20 titoli, ma erano in corso di preparazione altri volumi e ristampe; più volte aveva posto la sua firma a presentazioni o post fazioni. Una produzione enorme, con una scrittura fluente ed accattivante» così ha inteso ricordare l’editore Demetrio Guzzardi il suo amico di sempre mons. Ignazio Schinella.

Nella sua opera “Terra margia” stampata nel 1983, in una sua poesia così scrive:

«Sono nato senza spazio né tempo al mio cammino / la morte che mi sento nel cuore / ogni giorno vicina / conosciuta precoce / bambino quando andavo al lutto / per gioco sulle scale di legno / sarà un bivacco per una notte di luna / a riposare gli occhi / le tempie annerite / dalla fatica del sole./ Come faggio di bosco / leverò al cielo i rami nodosi del cuore / per non morire d’infarto precoce. / La fatica della strada sassosa / impolverata / rinnoverà le vene / lignificate nel tempo. / Sono nato senza spazio né tempo al mio cammino / ho desiderato nell’intimo la morte / scogliera dove approdare a riva. / Tuffarmi nell’orizzonte morto della notte. / Tutto mi è estraneo / anche me stesso / nel mio nocciolo d’uomo».

E nella presentazione del catalogo della mostra sui santini calabresi così scrisse:

«Un adagio spagnolo così riassume la parabola esistenziale-spirituale dei credenti “Campane del mio campanile, avete cantato quando nacqui, piangete quando morrò”. Dalla nascita battesimale alla nascita alla vita eterna, nell’evento della morte, l’uomo è accompagnato dalla madre Chiesa del proprio piccolo o grande borgo, con un pathos umano».
Mons. Ignazio Schinella era nato ad Arena (VV) l’1 febbraio 1949, presbitero della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea. Per molti anni rettore del Pontificio Seminario Teologico Regionale “San Pio X” di Catanzaro; era direttore del biennio di Teologia pastorale alla Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale di Napoli. Centinaia i suoi testi, saggi e articoli di natura teologica, spirituale, etica e bioetica.

Intervista a mons. IGNAZIO SCHINELLA dopo la presentazione di un suo saggio al SALONE DEL LIBRO DI TORINO 2016

https://www.youtube.com/watch?v=KHfuz6GcZ7E

 

LA TERZA EDIZIONE DELLA SETTIMANA DELLA SANTITA' CALABRESE SI TERRA' A SAN
MARCO ARGENTANO (CS) IN OCCASIONE DELLE CELEBRAZIONI PER IL DECRETO DI
VENERABILITA' DI MONS. CASTRILLO


«Sono lieto di annunciare che, grazie all'impegno del vescovo di San Marco Argentano-Scalea, mons. Leonardo Bonanno, in occasione della visita del cardinale Angelo Amato, il prossimo 7 dicembre, che culminerà con la lettura del decreto di venerabilità di mons. Agostino Ernesto Castrillo, terremo la terza edizione della Settimana della santità calabrese a San Marco Argentano, dopo che le precedenti edizioni erano state organizzate
rispettivamente a Roma presso la Basilica di Sant'Andrea delle Fratte retta dai Padri Minimi e a Corigliano Calabro. Saranno intense giornate per riaffermare e far conoscere personalità che stanno illuminando la Chiesa di Calabria; nell'occasione verrà presentato un nuovo libro sulla figura di questo straordinario testimone della fede», così la dichiarazione del rettore dell'Universitas Vivariensis, Demetrio Guzzardi, che è il patron della manifestazione.

Il libro "Una traccia indelebile a San Marco Argentano: il venerabile mons. Agostino Ernesto Castrillo", edito da Progetto 2000, porta la firma di Antonio Modaffari, che nel corso di questi anni ha lavorato in modo intenso, insieme a un gruppo di giovani di San Marco Argentano, per la diffusione della figura di mons. Castrillo e che ha inteso dedicare la pubblicazione al vescovo emerito di San Marco: mons. Augusto Lauro, che proprio nei giorni scorsi ha festeggiato i 42 anni di episcopato.

Nella prossima settimana verrà presentato il programma completo dell'iniziativa che si terrà da giovedì 30 novembre a giovedì 7 dicembre 2017 presso il Convento della Riforma, sito francescano che ha ospitato Sant'Antonio di Padova e San Francesco di Paola, luogo a cui il venerabile mons. Castrillo, che era un frate francescano, teneva tanto.
La Settimana della santità calabrese ospiterà la mostra "Santi, santità e santini di Calabria", sono previste ogni sera presentazione di libri, visite guidate, e tante altre iniziative collaterali.

«Abbiamo bisogno di esempi di santità - ha concluso Demetrio Guzzardi - per costruire una società di valori autentici, da contrapporre ai falsi miti, come ad esempio, quello importato di Halloween. In questi giorni i cristiani festeggiano Tutti i Santi e ed onorano i defunti, con una visita al cimitero, siamo certi che presto anche mons. Castrillo, che per poco tempo, dal 3 gennaio 1954, giorno del suo ingresso a San Marco Argentano, al 16 ottobre 1955, è stato in terra di Calabria, possa salire agli onori degli altari».

 


Da lunedì 23 a sabato 28 ottobre a Cosenza libri GRATIS nei bar cittadini

RITORNA GAZZALADRA

Il programma della terza giornata della SETTIMANA DELLA CULTURA CALABRESE

 

 

 

Il programma del quinto giorno della SETTIMANA DELLA CULTURA CALABRESE a COSENZA

MERCOLEDI 25 OTTOBRE 2017

 
 

Donare un libro è come regalare le stelle... già dallo scorso anno a Cosenza, la casa editrice Progetto 2000, nell’ambito dell’iniziativa GAZZA LADRA, regala per un’intera settimana, ogni giorno, 100 copie di un proprio volume; la distribuzione gratuita avviene in alcuni dei migliori caffè cittadini. 

L’editore Demetrio Guzzardi in questo modo desidera riaffermare che: «Uno dei più graditi doni da fare è proprio regalare un libro». Tra l’altro, LEGGERE ALLUNGA LA VITA. Chi legge con regolarità vive di più: la buona notizia arriva dall’Università di Yale, negli Stati Uniti, che ha condotto un approfondito studio, lungo 12 anni, su 3.635 persone. I soggetti presi in esame sono stati divisi in tre gruppi: quelli che non leggono, quelli che leggono fino a 3 ore e mezzo alla settimana e quelli che leggono ancora di più. I risultati sono sorprendenti e non lasciano dubbi: meno si legge, meno si vive. La regolare lettura sviluppa processi cognitivi che aiutano a mantenere in salute il cervello e non solo.

 

LUNEDI 23 OTTOBRE 2017

Ore 9 - GAZZA LADRA - BAR DUE PALME – COSENZA – VIALE DEGLI ALIMENA, 19
Distribuzione gratuita di 100 copie del volume di Antonio Delfino, Gente di Calabria, editoriale progetto 2000.

Ore 11 - LIBRIAMOCI… TRA I BANCHI DI SCUOLA - MEDIA «ZUMBINI» - COSENZA - VIA MISASI
Omaggio al poeta Ciccio De Marco a 100 anni dalla nascita e a 5 dalla morte.

Incontro degli alunni con l’editore Demetrio Guzzardi. Introduce Marietta Iusi, dirigente scolastica «Zumbini».

Ore 18 - SERATA TRA I LIBRI - COMPLESSO MONASTICO DI SAN DOMENICO - SALA CAPITOLARE - COSENZA - PIAZZA TOMMASO CAMPANELLA
Presentazione del volume di Tommaso Corda, Autostop per Milano e ritorno con laurea, editoriale progetto 2000.
Intervengono: Francesco Capocasale, Maria Locanto e Tommaso Corda.

GIOVEDI' 26 OTTOBRE 2017 - ORE 18,00
BIBLIOTECA CIVICA DI COSENZA

Presentazione del volume di don EMILIO SALATINO


San Francesco di Paola

e l’amore alla maggiore penitenza

Intervengono: la direttrice della Biblioteca Civica di Cosenza ANNA VITERETTI
l’editore di Progetto 2000 DEMETRIO GUZZARDI
e l’autore del saggio EMILIO SALATINO

 
 

 

 

 

 

la rassegna non rassegnata nel periodo dei Santi

Cosmic Theater (www.cosmictheater.it ), ed è quello che sentiamo ora fortemente nel cuore. Stiamo insieme nella gioia e nel tentativo di apertura di coscienza.
Un piccolo viaggio sognatore e catartico, tra musica, teatro, meditazioni... diversi strumenti per allenare le nostre ali .
Iniziamo con quattro giornate di qualità che ci riuniranno nuovamente nello spazio intimo come quello delle sale dell'Ex Convento di Melpignano (Lecce, Italy) .

Diverse anime hanno voluto abbracciare questa prima sessione di proposta e che ringraziamo con tutta l'anima, oltre al Comune di Melpignano che ci ospita. Cosmic Theater è una rassegna non rassegnata, che si compone durante tutto l'anno per tutto l'anno. Qui la prima parte. Partecipa, scrivici dal sito, proponiti per la prossima sessione.
La comunità cosmica diventa sempre più grande...
Vogliamo stare insieme a tutti voi,anche se non hai un centesimo potrai accedere ugualmente, nutrirti delle preziosità delle proposte, possiamo arricchirci tanto (vai nel sito per scoprire come questo è possibile con noi) .

Per vedere in anteprima cosa inizierà ad avvenire dal 29 ottobre:
clicca qui http://cosmictheater.it/index.html

Love ad ogni sospensione, ad ogni silenzio, all'ascolto, alle parole belle, alla Cosmic Community. Siempre

clicca qui

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

POLO MUSEALE DELLA CALABRIA
Musei, monumenti e aree archeologiche

 

Galleria Nazionale Cosenza - Sala Luca Giordano

 

Nei giorni scorsi a Roma, nella Sede del MiBACT, si è tenuto un incontro per illustrare lo stato dell’arte della Riforma del ministero con la creazione dei Poli Museali per rilanciare l’offerta culturale e turistica delle nostre Regioni. Il Polo Museale della Calabria ha partecipato all’iniziativa e nell’ambito di quanto programmato al ministero darà il suo contributo per valorizzare il patrimonio affidatogli. 
Il Polo Museale della Calabria è guidato da oltre un anno da Angela Acordon e si è posto all’attenzione per iniziative di alto livello: mostre, concorsi, cicli di conferenze e partecipazione a eventi di caratura internazionale.
Le Sedi del Polo Museale della Calabria sono ubicate in tutte le province calabresi e interloquiscono con istituzioni pubbliche e private per apportare al nostro territorio quel salto di qualità non più rinviabile.
Queste, di seguito elencate, le strutture che ricadono nelle competenze della dottoressa Angela Acordon.

Galleria Nazionale di Cosenza (Cosenza)
Direttore: Domenico Belcastro
mail: pm-cal.gallerianaz-cs@beniculturali.it

Chiesa di San Francesco d’Assisi – Gerace (Reggio Calabria)
Direttore: Rossana Baccari
mail: pm-cal.sanfrancesco@beniculturali.it

La Cattolica – Stilo (Reggio Calabria)
Direttore: Rossana Baccari
mail: pm-cal.cattolica@beniculturali.it

Le Castella – Isola Capo Rizzuto (Crotone)
Direttore: Rossana Baccari

mail: pm-cal.lecastella@beniculturali.it

Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”di Vibo Valentia – (Vibo Valentia)
Direttore: Adele Bonofiglio

mail: pm-cal.capialbi@beniculturali.it      

Museo Archeologico Nazionale di Crotone (Crotone)
Direttore: Gregorio Aversa

mail: pm-cal.crotone@beniculturali.it 

Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide – Cassano all’Ionio (Cosenza)
Direttore: Adele Bonofiglio

mail: pm-cal.sibaritide@beniculturali.it

Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon – Monasterace (Reggio Calabria)
Direttore: Rossella Agostino

mail: pm-cal.kaulon@beniculturali.it

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone)
Direttore: Gregorio Aversa

mail: pm-cal.capocolonna@beniculturali.it

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri  - Locri (Reggio Calabria)
Direttore: Rossella Agostino

mail: pm-cal.locri@beniculturali.it

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Scolacium –  Roccelletta di Borgia (Catanzaro)
Direttore: Gregorio Aversa

mail: pm-cal.scolacium@beniculturali.it

Museo Statale di Mileto – Mileto (Vibo Valentia)
Direttore: Faustino Nigrelli

mail: pm-cal.mileto@beniculturali.it

Museo Archeologico Nazionale di Amendolara – Amendolara (Cosenza)
Direttore: Adele Bonofiglio

mail: pm-cal@beniculturali.it

Museo Archeologico Lametino – Lamezia Terme (Catanzaro)
Direttore: Gregorio Aversa

mail: pm-cal@beniculturali.it

Museo Archeologico di Metauros – Gioia Tauro (Reggio Calabria)
Direttore: Rossella Agostino

mail: pm-cal@beniculturali.it

Museo e Parco Archeologico “Archeoderi” – Bova Marina (Reggio Calabria)
Direttore: Rossella Agostino

mail: pm-cal.locri@beniculturali.it

Polo Museale della Calabria
Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile)
Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

L’ARTE NON VERA NON PUO' ESSERE ARTE
Conferenza sulla contraffazione dei beni culturali
Cosenza – Palazzo Arnone
Mercoledì 8 novembre 2017 – Ore 10.00

Mercoledì 8 novembre 2017, alle ore 10.00, a Cosenza , Palazzo Arnone, Salone Giorgio Leone, si terrà L’arte non vera non può essere arte - Conferenza sulla contraffazione dei beni culturali.

Parteciperanno all’assise cosentina: Angela Acordon, direttore del Polo Museale della Calabria; Gino Mirocle Crisci, rettore dell’Università della Calabria e Maria Cerzoso, direttore del Museo dei Brettii e degli Enotri di Cosenza, che porteranno i saluti di rito. Seguiranno interventi di Anna Maria Guiducci, soprintendente A.B.A.P. per le Province di Reggio Calabria e Vibo Valentia, Falsi storici, falsi d’autore; Mario Pagano, soprintendente A.B.A.P. per le Province di Catanzaro, Cosenza e Crotone, I falsi in archeologia; Mario Spagnuolo, procuratore capo della Repubblica di Cosenza, Aspetti giuridici del reato di contraffazione; Armando Taliano Grasso, docente dell’Università della Calabria - Salvatore Medaglia, Laboratorio di Topografia Antica e Antichità Calabresi, Imitatio antiquorum. Considerazioni sulla falsificazione dei manufatti archeologici; Mauro Francesco La Russa, docente dell’Università della Calabria, Indagini di laboratorio e tecniche scientifiche per la ricerca dei falsi; Domenico Miriello, docente dell’Università della Calabria, Vero o falso: l’approccio per l’autenticazione di bronzi e manufatti lapidei naturali e Carmine Gesualdo, comandante del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza, Il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale nella repressione della contraffazione di opere d’arte: presentazione di alcune indagini sul falso, che modererà i lavori.

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) - Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

 

 

Una serata di raffinata cultura giovedi 26 ottobre 2017 al bookstore Mondadori di Castellammare di Stabia per la presentazione del libro "Totò mio padre", a cura dell'ottimo e vivace giornalista Pierluigi Fiorenza.

Ospite d’eccezione Elena Alessandra Anticoli Decurtis, terzogenita di Liliana, unica figlia del “principe della risata”, che ci ha fatto rivivere con garbatezza e classe, tutto l'universo di Totò, dall'infanzia al lato umano, da quello poetico a quello comico, allietato dalla sinfonia delicata delle EbbaneSis, eseguendo melodie del Principe De Curtis, da Carmè a Malafemmena, a quelle della tradizione napoletana.

In una sala strapiena, si è creato un clima festoso, ma sobrio, ritrovandosi vecchi e cari amici.

In rappresentanza dei soci del Circolo Filatelico-Numismatico "Tempo Libero" di Castellammare di Stabia, siamo stati invitati per consegnare alla famiglia De Curtis, in esclusiva per l'Italia, la moneta commemorativa coniata dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato per il 50° anniversario dalla scomparsa di Totò.

Elena Alessandra Anticoli Decurtis, molto emozionata, oltre a compiacersi, ha tenuto a precisare pubblicamente, che per la prima volta dall'emissione della Zecca dallo Stato, a Castellammare di Stabia, ha finalmente potuto visionare e ricevere il gradito omaggio, apprezzando lo stile della nostra Associazione, e prossimamente nell'ambito degli eventi da noi organizzati, di essere presente.

 

 

 
 

 

 

 

 

29 Domenica T.Ordinario – 22/10/2017 – Mt 22, 15-21

In quel tempo, i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi. Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. Dunque, di’ a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?». Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare». Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio».

Ancora una volta l’ipocrisia dei farisei viene smascherata. Loro sottopongono a Gesù la questione della liceità del tributo da pagare a Cesare. E’ un tentativo per coglierlo in fallo, per incastrarlo con la Sua stessa Parola: è un trappolone! Gesù però ‘ribalta’ tutto domandando loro di fargli vedere la moneta del tributo…e proprio loro, quel denaro, ce l’hanno in tasca, dimostrando così che loro stessi “riconoscono” già le “cose di Cesare”. Gesù però va oltre la loro domanda aggiungendo la necessità di “riconoscere” e quindi “rendere” a Dio quello che è di Dio. E forse nelle loro ‘tasche’, nel loro cuore non c’era davvero niente da tirar fuori, da far vedere e dimostrare così di “riconoscere” Dio. Quello che lascia perplessi è che i farisei, proprio loro, rimangono “sorpresi”.

Tutto questo però non mi lascia tranquillo perché sto pensando a me, alla mia vita, al mio modo di viverla: vivo in uno Stato e di questo Stato ne osservo le leggi, in questo Stato ho dei doveri e ho dei diritti…e la democrazia funziona in questa maniera. Sono un “cittadino” e vivo la mia “cittadinanza”. E’ normale.

Non è più così normale se penso che io sono anche figlio di un Padre che mi ha lasciato delle regole di comportamento; non è più così normale se penso che mi ha mandato il Suo Figlio per farmi “Luce” nella strada spesso buia del vivere; se penso che mi ha lasciato i Sacramenti per darmi la Sua presenza che diventa coraggio e fantasia della vita. E se penso a tutto questo…trovo che non è così scontato che io riesca a vivere da “figlio del Padre”, con tutti i doveri e i diritti che questa “situazione” comporta. Insomma, mi pare di fare abbastanza in fretta a comportarmi da “italiano” e mi risulta invece molto più difficile comportarmi da “cristiano”, cioè dare un’anima al mio essere persona che vive concretamente questo tempo…e vorrei tanto viverlo con lo stile che il Figlio mi ha indicato. Un grande e forte abbraccio.

Buona vita Ciaoooooo                                                                                                                                                           

don Gigi

*******

 

 

XXIX Domenica - DARE A DIO...


 

Puoi vederlo su Youtube


e su Facebook

********

 

 

28 Domenica T.Ordinario – 15/10/2017 – Mt 22, 1-14

In quel tempo, Gesù, riprese a parlare con parabole [ai capi dei sacerdoti e ai farisei] e disse: «Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire. Mandò di nuovo altri servi con quest’ordine: Dite agli invitati: “Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!”. Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città. Poi disse ai suoi servi: “La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze”. Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali. Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l’abito nuziale. Gli disse: “Amico, come mai sei entrato qui senza l’abito nuziale?”. Quello ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: “Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”. Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti».

Il regno dei cieli… E’ da un po’ che insiste. Vorrà dire che è davvero importante…infatti è la prospettiva “dell’oltre il tempo”: è il sempre o l’eternità o il Paradiso, è la prospettiva della casa del Padre ma che è già adesso, ora. Quella è la casa della Festa che non finirà mai, e a quella Festa ci invita tutti…buoni e cattivi ma vuole che la si cominci qui a costruire, dentro ai giorni della vita, adesso. La questione allora non è nell’invito, perché quello c’è ! La questione è quello che ne facciamo dell’invito: se lo prendiamo in considerazione o no, se ci prepariamo già da ora ad essere dei “suoi” alla Festa. E, a sentire la parabola, la questione non è così scontata…e forse, anche noi, decidiamo di snobbarlo il suo “invito” perché al centro del nostro interesse abbiamo messo altre cose: i nostri “campi”, i nostri “affari”…insomma, sono altri gli inviti che prendiamo in considerazione. E’ più importante quello che pensiamo noi, tutto quello che facciamo noi piuttosto di quello che pensa Lui e di quello che Lui ha fatto e ci dice di fare. Spesso allora la nostra risposta è: “No, grazie…” e non ci rendiamo nemmeno conto che il suo “invito”, e di conseguenza il nostro “prepararci”, non vuole toglierci dai nostri “campi” e dai nostri “affari”. No, vuole semplicemente dare loro le giuste prospettive e il giusto valore. Detto ancora più chiaramente, Lui non è contro la nostra vita, anzi “è venuto in mezzo a noi” per stare dalla nostra parte e per darci una mano. Lui è “nato” perché la “nostra vita” imparassimo a non sprecarla e a non svuotarla. Lui non è contro al punto che ci vuole nella vita con un “abito nuziale”…una cosa bella quindi. E’ un Dio che vuole per noi una Festa vera e bella, una Festa per tutti. Ed è per questo che ci vuole con uno stile diverso, quello stile che, giorno dopo giorno, ci cucirà addosso l’abito giusto. Sta a noi scegliere da che parte stare. Lui è un Dio che ama la vita e ce la vuole dare in abbondanza…e Lui sa benissimo che la vita la si ‘gioca’ nei “campi” e negli “affari”…e Lui vorrebbe che la ‘giocassimo’ seguendo la Sua Parola. Il suo è un invito che richiede una risposta sincera costruita negli anni. Buon cammino allora...con Lui al Centro, senza paura. Un grande e forte abbraccio. Ciaoooooooooooo

 

  don Gigi

 

 

 

XXVIII Domenica - Molti i chiamati, pochi gli eletti

Puoi vederlo su Youtube


e su Facebook

******

27 Domenica T.Ordinario – 08/10/2017 – Mt 21, 33-43

In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo: 
«Ascoltate un’altra parabola: c’era un uomo, che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano. 
Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti, mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono. Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo. 
Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: “Avranno rispetto per mio figlio!”. Ma i contadini, visto il figlio, dissero tra loro: “Costui è l’erede. Su, uccidiamolo e avremo noi la sua eredità!”. Lo presero, lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero. 
Quando verrà dunque il padrone della vigna, che cosa farà a quei contadini?». 
Gli risposero: «Quei malvagi, li farà morire miseramente e darà in affitto la vigna ad altri contadini, che gli consegneranno i frutti a suo tempo». 
E Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture:
“La pietra che i costruttori hanno scartato
è diventata la pietra d’angolo;
questo è stato fatto dal Signore
ed è una meraviglia ai nostri occhi”?
Perciò io vi dico: a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti».

Noi vogliamo essere “quel popolo che porterà frutti “ !
E’ la “vocazione” che ci viene dal Battesimo, dal Sacramento che ci inserisce nel Figlio come il tralcio nella vite.
E’ la vocazione di chi vuole essere “ terra buona “ perché il seme gettato possa davvero portare molti frutti.
Noi vogliamo essere “quel popolo” che nasce e si forma e cresce nella Parola, nel Pane e nel vino: e cioè nell’Eucarestia partecipata e vissuta dentro alle strade della vita.
Noi “ vino “ e “ pane “.
- Ma fino a quando vorrò conservare la mia identità di acino e la difenderò a denti stretti…fino a quando non accetterò di essere spremuto con gli altri acini…fino ad allora non potrò mai diventare vino, non potrò mai ‘essere eucarestia’ !
- E, prima ancora, fino a quando non vorrò stare dentro, inserito nella Vite…non ci sarà alcuna possibilità di diventare frutto.
- E ancora, devo smetterla di voler rimanere un bel chicco di grano: bello e inutile. Devo accettare di essere macinato per poter diventare pane, pane da mangiare…come Lui lo è per me.
Far “fruttificare” il regno vuol dire che io devo diventare uva e grano, vino e pane.
Il segno e il riferimento di “come” fare, c’è: è la Messa, l’incontro con Lui: il Suo Corpo e il suo sangue che mi danno la forza e il coraggio per essere anch’io “cibo” per gli altri.
Ma c’è anche la Sua parola, quel seme che dobbiamo lasciar cadere dentro nel cuore e nella testa: quel “seme” contiene le “indicazioni” concrete per il nostro comportarci, il nostro ragionare, il nostro amare…il nostro essere ‘macinati’…
Noi dobbiamo e vogliamo essere quel popolo capace di far fruttificare il Regno di Dio.
La Parola e i Sacramenti, che sono i segni della Sua Presenza, mi aiuteranno.
Avanti tutta...con Lui al Centro del nostro Vivere.


Un abbraccio grande. Ciaooooooooooo                                      

      don Gigi

******

 

XVII Domenica - Darà la vigna agli altri...

Puoi vederlo su Youtube


e su Facebook

******

 

La Parola della 26^ Domenica 1 Ottobre 2017   (Mt Mt 21, 28-32)

In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo: «Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli. Si rivolse al primo e disse: “Figlio, oggi va’ a lavorare nella vigna”. Ed egli rispose: “Non ne ho voglia”. Ma poi si pentì e vi andò. Si rivolse al secondo e disse lo stesso. Ed egli rispose: “Sì, signore”. Ma non vi andò. Chi dei due ha compiuto la volontà del padre?». Risposero: «Il primo». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio. Giovanni infatti venne a voi sulla via della giustizia, e non gli avete creduto; i pubblicani e le prostitute invece gli hanno creduto. Voi, al contrario, avete visto queste cose, ma poi non vi siete nemmeno pentiti così da credergli».

   Parole dure, parole forti. C’è quasi da offendersi. E i ‘benpensanti’ si offendono davvero: “Udite queste parole, i sommi sacerdoti e i farisei capirono che parlava di loro e cercavano di catturarlo…” (Mt 21, 45-46 ). Ma come?, dicono, noi siamo credenti !!!

Succede anche oggi, succede anche a me e a voi. E ancora una volta si fa finta di non capire. Il problema non è nei “pubblicani” o nelle “prostitute”…perché se non si “convertono”, se non accettano di “credere nel Signore Gesù” non “passano avanti” da nessuna parte. Il problema è tutto nel “credere” e, di conseguenza, nel “convertirsi”.

Anche per me. Fino a quando anche noi cristiani ci lasciamo pesantemente condizionare dalle culture di moda…non si va da nessuna parte. La scommessa è tutta e solo nel “credere a Lui”. La scommessa è nel voler “cambiare” perché si è accettata la Sua Parola.

Saranno i fatti a contare e non le chiacchiere. Sarà il nostro “tornare indietro” concreto dal male, che conterà…e non il pentimento comodo e di facciata che non si traduce mai in uno stile di vita diverso.

   Nella vita è possibile sbagliare ed infatti sbagliamo. Lui ci chiede l’umiltà di “pentirci” e non di trovare giustificazioni ed alibi: quelli ci portano alla rovina. Pentirsi, rendersi conto e quindi accettare la Sua Verità, la Sua Strada, le Sue logiche, le Sue regole…qui sta il cambio di passo per “camminare” verso la Vita. Quello che ci frega, ancora una volta, è la nostra presunzione: “ Noi ti abbiamo conosciuto, abbiamo mangiato insieme, alla stessa tavola! “ “ In verità non vi conosco!” ( Lc 13, 25-27 ).
  La Messa, stare a tavola con Lui…è indispensabile per il nostro capire e quindi per credere e convertirci ed allora non potrà mai diventare una specie di tassa da pagare per garantirci il “Paradiso”: non è così e non sarà mai così !!! Andare a Messa è voler “incontrare Lui”, è un bisogno bello ed importante dell’anima e del corpo per Vivere Lui nella mia vita di tutti i giorni.

  Buona vita... e con Lui siamo in ottima compagnia. Un grande abbraccio. Ciaoooooooooooooo

 don Gigi

 

 

 

XXVI Domenica - Fare la volontà del Padre

 




Puoi vederlo su Facebook


e su Facebook

******

 

XXV Domenica - La "paga" di Dio

 

La Parola della 25^ Domenica 24 Settembre 2017 -  (Mt 20, 1-16)     

   In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: 
«Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all’alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna. Si accordò con loro per un denaro al giorno e li mandò nella sua vigna. Uscito poi verso le nove del mattino, ne vide altri che stavano in piazza, disoccupati, e disse loro: “Andate anche voi nella vigna; quello che è giusto ve lo darò”. Ed essi andarono. Uscì di nuovo verso mezzogiorno e verso le tre, e fece altrettanto. Uscito ancora verso le cinque, ne vide altri che se ne stavano lì e disse loro: “Perché ve ne state qui tutto il giorno senza far niente?”. Gli risposero: “Perché nessuno ci ha presi a giornata”. Ed egli disse loro: “Andate anche voi nella vigna”.
   Quando fu sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: “Chiama i lavoratori e dai loro la paga, incominciando dagli ultimi fino ai primi”. Venuti quelli delle cinque del pomeriggio, ricevettero ciascuno un denaro. Quando arrivarono i primi, pensarono che avrebbero ricevuto di più. Ma anch’essi ricevettero ciascuno un denaro. Nel ritirarlo, però, mormoravano contro il padrone dicendo: “Questi ultimi hanno lavorato un’ora soltanto e li hai trattati come noi, che abbiamo sopportato il peso della giornata e il caldo”. 
   Ma il padrone, rispondendo a uno di loro, disse: “Amico, io non ti faccio torto. Non hai forse concordato con me per un denaro? Prendi il tuo e vattene. Ma io voglio dare anche a quest’ultimo quanto a te: non posso fare delle mie cose quello che voglio? Oppure tu sei invidioso perché io sono buono?”. Così gli ultimi saranno primi e i primi, ultimi»

…i primi saranno ultimi !
Sì, ma sarà conseguenza della loro arroganza e della loro presunzione; conseguenza del loro pensarsi e del loro immaginarsi dei “Padre Eterno”…loro cioè in grado di stabilire il bene e il male, il giusto e quello che giusto non è !!!
Tentazione pericolosa questa e devastante per tutti quelli che non hanno ancora capito che il “credere” non si basa su un’idea ma su una Persona che ha parlato e vissuto in un certo modo…insegnando che l’Amore prevede di dare la vita e non conservare il privilegio dei posti riservati o ‘cercare’ l’applauso delle piazze o pretendere il riconoscimento ufficiale per i propri ‘strameritati meriti’ !!! ( “…questi ultimi hanno lavorato un’ora soltanto e li hai trattati come noi che abbiamo sopportato il peso della giornata e il caldo…” Mt 20, 12 )
Certo che in una cultura di “copertina” il linguaggio del Signore Gesù è controcorrente, uno di quelli che danno fastidio perché sembra togliere “visibilità”…
E però, subito dopo, Gesù di Nazareth sembra contraddirsi perché proprio Lui ci vuole “luce” e “sale”…”perché vedano le vostre opere buone …”, sì, ma attenzione: “…perché rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli ”, al Padre, non a noi !!!
E’ proprio tutto rovesciato.
E non ha neppure senso ‘far finta’ di fare gli ultimi…sì, far finta perché intanto con le nostre chiacchiere riusciamo a distruggere persone e famiglie intere; perché intanto giriamo le spalle a chi ci chiede una mano; perché intanto siamo incapaci di perdonare.
“Fare l’ultimo” è una cosa seria perché prevede di dare la vita e non di conservarla.
“Fare l’ultimo” vuol dire accettare di diventare pane da mangiare, diventare Eucaristia: noi coerenti con il Sacramento che celebriamo. Quindi vuol dire accogliere, ascoltare, dare una mano, proporre, coinvolgersi, dare il proprio tempo…amare.
Troppo spesso invece pretendiamo di voler insegnare noi al Padre come si fa a fare “Dio”, pretendiamo di insegnargli come si fa ad essere giusti !!!
Per forza, ci sentiamo “primi”… e avremo pure qualche diritto. 
O no ?!?
No ! 
Abbiamo solo un diritto e un dovere: amare come ci ha insegnato Lui, Lui il Maestro: Lui è il Primo, Lui è il Centro.
Buona vita, senza paura. Un grande abbraccio. Ciaoooooooooo

                                                                                                            don Gigi

 

Carissimo/a puoi donare l’5x1000, a favore di ASS.NE MARIAGABRIELLALASTILLA - ROMA pro BURKINA-FASO ONLUS a te non costa nulla; devi solo inserire il codice del beneficiario C.F. 97442950586 apponendo la tua firma. GRAZIE

 

 

 

Cari amici,

con la newsletter l'invito a partecipare la sera del 6 ottobre a Salerno, al Teatro San Demetrio alla via Dalmazia, all'evento "Nulla è impossibile", organizzato dalla Fondazione Rachelina Ambrosini insieme alla Parrocchia di San Demetrio.

Ospite della serata il direttore dei Medici con l'Africa Cuamm, don Dante Carraro.

Vivremo cosa significa l’emergenza fame in Sud Sudan, la situazione dei profughi e migranti in Africa e a casa nostra, l’impegno dei giovani per un futuro più giusto per tutti.

Per dare voce a una cooperazione fatta di persone che condividono vite, passioni, competenze, entusiasmi.

Un abbraccio, Tommaso

www.fondazionerachelinambrosini.it

Fare prevenzione. Piccoli semplici passi, per grandi opere di fraternità. Questa è la vera politica che abbatte ogni tipo di barriere. “Nulla è impossibile”, un grande appuntamento a Salerno il 6 ottobre. Le Giornate della Solidarietà e della Mondialità organizzate dalla Fondazione Rachelina Ambrosini sono da 16 anni un appuntamento per incontrare, ascoltare, conoscere, l'umanità che ci gira intorno. Avere modo di confrontarsi con testimoni del nostro tempo, che s'impegnano ogni giorno, per il rispetto e la salute di tutti. Il 6 ottobre a Salerno presso l'Auditorium Teatro di San Demetrio insieme alla Comunità Parrocchiale di don Mario Salerno, saremo lì ad ascoltare don Dante Carraro, il direttore dei Medici con l'Africa Cuamm, alla presenza dell'Arcivescovo di Salerno, Luigi Moretti. Vi aspettiamo per farvi fare un giro del mondo, attraverso la passione che mettiamo in ogni cosa, le parole di chi arriva da lontano, per capire che tutto è possibile, e illuminarvi con un sorriso.
 ore 19 Chiesa di San Demetrio celebrazione eucaristica.
 ore 19,30 nel Cinema Teatro San Demetrio, don Dante Carraro ci presenterà il servizio svolto in Africa, con particolare riferimento al Sud Sudan dove abbiamo contribuito a riaprire la Scuola di ostetricia ed infermieristica e ad accompagnare, con borse di studio per tre anni, 20 giovani che nello scorso mese di luglio si sono laureati.

 

 

E’ imminente la 19^ Festa degli Alberi al Bosco Sacro, che avrà luogo domenica 29 ottobre.

Partecipate e fatene propaganda. Abbiamo bisogno di auto grandi (per trasportare gli alberi) e di bambini piccoli (per i quali piantare gli alberi): fatevi avanti !

Leggete gli allegati. Se beccamo !

 

 


 

 

 

 

 

Cari amici e conoscenti, vi anticipo una notizia per me importante che vorrei condividere con voi. Ho appena consegnato all’editore, Dino Audino di Roma, le bozze corrette del mio nuovo libro sulla Storia dell’arte della cartapesta. Il libro è presentato dal grande storico dell’arte Claudio Strinati. La pubblicazione è prevista per la fine di novembre prossimo.  Vi terrò informati quando uscirà il libro e quando sarà presentato al pubblico.

Un caro saluto voi tutti.  Ezio Flammia (Ps. Vi allego la quarta di copertina)

“Storia dell’arte della cartapesta” di Ezio Flammia

Ezio Flammia artista e scenografo, maestro della cartapesta. Ha realizzato scenografie e costumi per 22 opere teatrali e ha collaborato all’allestimento di varietà in prima serata per Rai  Rete 2. Ha restaurato importanti opere di cartapesta per il Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari di Roma. Sue opere fanno parte delle collezioni dei musei: Museo Histórico Nacional di Santiago del Cile; Museu do Cinema di Lisbona; Museo Naz. delle Arti e Tradizioni Popolari di Roma; Museo d’arte delle generazioni italiane del ‘900 di Pieve di Cento; Museo d’arte moderna e dell’informazione di Senigallia; Galleria d’arte moderna di Monreale; Fondazione “G. Boldini”di Mogliano Veneto; Museo della Fondazione “Casa di Dante in Abruzzo” di Torre de' Passeri.

Nel 1996 ha ricevuto presso la Camera dei Deputati il premio internazionale alla carriera per le arti, La Plejade. È autore di Maschere di stoffa, di ferro. Mito materia e ragione Roma, 1996; Storia dell’arte della cartapesta - La tecnica universale Roma, 2011; Fare cartapesta e scultura di stoffa (Dino Audino Editore), Roma 2014

L’arte della cartapesta in Occidente è, senza dubbio, un’eccellenza della cultura italiana, anche se in passato è stata poco studiata e per questo è ancora quasi sconosciuta. La causa principale del disinteresse è dovuta alla sua materia che, originata da umili stracci, è ritenuta una sostanza vile e quindi inadatta alla produzione di opere d’arte.

L’autore del libro esamina tutti i motivi che hanno causato lo scarso interesse da parte degli studiosi per quest’arte e demolisce il preconcetto della poca affidabilità della materia cartacea alla produzione di opere d’arte. Flammia, che è anche lui stesso un maestro della cartapesta, attraverso un esame rigoroso e meticoloso rivaluta l’arte della cartapesta dalle prime sperimentazioni nelle botteghe toscane alla metà del ‘400 sino all’arte moderna. Vengono così esaminate con passione e competenza le opere degli artisti del passato e di quelli moderni, che hanno creato opere d’arte di cartapesta di grande rilievo, come Jacopo della Quercia, Donatello, Antonio Rossellino, Benedetto da Maiano, Desiderio da Settignano, Jacopo Sansovino, Ferdinando Tacca, Beccafumi, Bernini, Algardi, Angelo Gabriello Piò, Sanmartino, sino a Dubuffet e agli ultimissimi sperimentatori. L’autore non tralascia di esaminare anche gli artisti meno noti al pubblico soprattutto quelli che hanno apportato delle novità tecniche, analizzando inoltre le loro opere in ogni forma espressiva.

 L’autore analizza ancora l’affermazione di questa attività artistica e le ragioni che hanno determinato la sua espansione nelle regioni italiane, in altri paesi europei e nelle Americhe.

Al confronto con la precedente pubblicazione del 2011 (Storia dell’arte della cartapesta- la tecnica universale), Flammia in questo nuovo studio, più organico e più rigoroso dal punto di vista filologico, affronta anche temi come l’arte della cartapesta e della mistura in Sicilia, ivi compreso l’utilizzo della materia cartacea negli allestimenti festivi importanti. Nello studio meticoloso di Flammia emerge inoltre un patrimonio demo antropologico straordinario, dai giocattoli alle arti applicate, dalle suppellettili agli allestimenti scenici ed effimeri. L’autore evidenzia la duttilità della cartapesta utilizzata persino nell’edilizia e nella produzione di imbarcazioni. La chiesa di Bergen in Norvegia (1793), costruita con materiale cartaceo e la canoa di carta con cui l’esploratore Nathaniel Holmes Bishop intraprende un lungo viaggio dal Quebec al Golfo del Messico (1874), sono tra le molteplici peculiarità del libro che lo rendono unico nell’ambito della editoria d’arte.

 

 

19 Ottobre, ore 17:30 - Roma
Fondazione Luigi Einaudi - Piazzale delle Medaglie d'Oro, 44


Dario Fertilio, Il virus totalitario, guida per riconoscere un nemico sempre in agguato, Rubbettino 2017

Ne discutono con l'autore Dino Confrancesco e Flavio Felice.
Modera Corrado Ocone

Un'interpretazione nuova del fenomeno totalitario, basata sulle affinità con quello organico virale, e che naturalmente tiene conto della vasta bibliografia novecentesca e successiva sull'argomento. Il totalitarismo come fenomeno parassitario e strumentale, "vampiresco", del materiale culturale, psicologico, sociale e politico contemporaneo. Conseguenti affinità fra i due totalitarismi storici (comunismo e nazismo) e contemporanei (islamismo radicale, nazicomunismo postsovietico) ma anche presenza di humus pretotalitari nelle società democratiche occidentali.

Dario Fertilio, giornalista e scrittore italiano di origine dalmata, cresciuto a Milano ha iniziato il tirocinio di cronista al «Corriere d'Informazione» (edizione pomeridiana del «Corriere della Sera» diretto da Giovanni Spadolini) passando nel 1978 prima agli interni, poi alla redazione politica e infine a quella culturale del «Corriere della Sera». È autore di diversi saggi e monografie, sia su temi politici che sull'informazione, nei quali afferma la necessità di ricercare e difendere le libertà individuali. Per i tipi della Rubbettino ha pubblicato: Il fantasma della libertà (2000) e Teste a pera e teste a mela. Una favola su destra e sinistra (2001).

Per informazioni e richiesta copie saggio per recensione:

Antonio Cavallaro - antonio.cavallaro@rubbettino.it - 0968 6664275 - 327 4792173

Clicca qui per il programma

******

28 Settembre, ore 17:30 - Roma - Lo "squalo" e le leggi razziali
Sala Luigi Einaudi della Confedilizia - Via Borgognona, 47

Gianni Scipione Rossi - Lo squalo e le leggi razziali
Vita spericolata di Camillo Castiglioni
Intervengono: Giovanni Belardelli, ordinario di Storia delle dottrine politiche nell'Universita' di Perugia
Teodoro Katte Klitsche de La Grange, avvocato, giurista, direttore di "Behemoth"
Guido Melis, ordinario di Storia delle istituzioni politiche nella Sapienza Università di Roma
Modera Enrico Morbelli, direttore della Scuola di Liberalismo

28 Settembre, ore 18:00 - Roma
A onor del vero
Fondazione Luigi Einaudi - Piazzale delle Medaglie d'Oro, 44

Francesco Forte - A onor del vero - Un'autobiografia politica e civile
Ne parlano con l'autore Alberto Brambilla e Davide Giacalone.
Modera Giuseppe Di Leo

Monsignor Viganò, Gianni Letta, Giovanni Malagò
Flavio Briatore e Bianca Berlinguer
Circolo Aniene di Roma
“EROSTUDENTE”
di Giovanni Lo Storto

Sarà un parterre delle grandi occasioni quello della presentazione del libro “EroStudente. Il desiderio di prendere il largo” di Giovanni Lo Storto che si terrà il prossimo 25 settembre alle ore 19, presso lo storico Circolo Canottieri Aniene di Roma.

Insieme all’autore Giovanni Lo Storto, Direttore Generale della LUISS, interverranno Monsignor Dario Edoardo Viganò, Prefetto della Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede, l’imprenditore Flavio Briatore e il già sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Gianni Letta e Giovanni Malagò Presidente del Coni. Modera il dibattito: Bianca Berlinguer.

Il libro
Il mondo è cambiato e i nostri occhi ne sono testimoni entusiasti. È cambiato il modo in cui comunichiamo, in cui acquistiamo, in cui interagiamo più in generale. È cambiato tutto, ma inspiegabilmente la formazione è rimasta a un secolo fa.
I giovani, oggi, sono molto diversi da quelli delle generazioni precedenti. Sono ancor più di nativi digitali. Gli strumenti di formazione tradizionali non bastano più per loro che sono pronti a essere apprendisti e apprenditori più che semplici studenti, a toccare con mano il sapere e a ricercare da soli le risposte alle loro domande.

In un orizzonte estremamente largo di informazioni e di nozioni non sono più sufficienti una, due o tre dimensioni di apprendimento in una traiettoria formativa. Occorre massimizzare ogni volta, in tutte le occasioni possibili, tutto l’apprendimento possibile. Renderlo inclusivo, ampio, largo. Largo, ma non ingombrante. Agilmente largo, sorprendentemente ricco. Sappiamo già che ci formeremo per tutta la vita. Ora abbiamo bisogno di pratica, di visione, di emozione e desiderio di apprendimento. Abbiamo bisogno di un modello formativo che, come il progetto dell’alternanza scuola-lavoro, unisca la formazione teorica all’esperienza pratica. Il lifelong learning si completa ed evolve in life largelearning nel senso di un apprendimento il più ricco, il più ampio, il più largo possibile. Che si allarga per ospitare nuove opportunità e diventa fonte generosa di crescita.

Questo libro vuole offrire la prospettiva di una formazione più ampia, tanto teorica quanto pratica, che riscopre le abilità ancora poco esplorate degli studenti, dando voce agli stessi ragazzi che l’hanno sperimentata sulla loro pelle. Si sono abituati all’umanità, alla lentezza e all’incontro con la diversità, che è forse un allenamento tra i più difficili per l’essere umano.

L’autore
Giovanni Lo Storto, 1970, Direttore Generale dell’università LUISS Guido Carli, co-founder dell’acceleratore LUISS@Enlabs.
Per Rubbettino ha curato, insieme a Leonardo Previ, l’edizione italiana di Jugaad Innovation, di Radjou, Prabhu e Ahuja (2014) e Frugal Innovation, di Radjou e Prabhu (2016).

Clicca qui per chiedere una copia saggio per recensione
Clicca qui per scaricare la copertina ad alta risoluzione

Per tutte le informazioni e richiesta copie saggi per recensione:

Antonio Cavallaro - antonio.cavallaro@rubbettino.it - 0968 6664275 - 327 4792173

 

 

Dal Prof. renzo Barbattini: "Era già uscito in itallano, ora in spagnolo su Vida apicola"

.

 

 

Vi informo di questa bella iniziativa per la vita. Grazie Luca Preato

Da: Segreteria Generazione Famiglia - Inviato: ‎28/‎09/‎2017 09:28
A: 'Luca Preato'
Oggetto: R: Richiesta

Gentile Luca, grazie per averci scritto e grazie per voler diffondere le nostre attività!

Può leggere tutti i comunicati stampa inerente ciascuna tappa sul nostro sito www.generazionefamiglia.it. Eccoli qui:

http://www.generazionefamiglia.it/c-s-210917-gen-fam-gender-parte-tour-italiano-del-bus-della-liberta/

http://www.generazionefamiglia.it/c-s-240917-bus-della-libertagen-famiglia-firenze-parte-mappatura-progetti-gender-toscana/

http://www.generazionefamiglia.it/c-s-250917-bus-della-liberta-milanogen-famiglia/

http://www.generazionefamiglia.it/c-s-270917-bus-della-liberta-bolognagen-famiglia/

http://www.generazionefamiglia.it/io-sto-con-il-bus/

Cordiali saluti

MIRIAM - Segreteria - Generazione Famiglia
Cel. +39 392.9055873  (Lun. - Ven. 9:30 - 13:30)
segreteria@generazionefamiglia.it

www.generazionefamiglia.it

Aiutaci a difendere le ragioni della famiglia. Dona ora: https://www.paypal.me/generazionefamiglia

Il presente messaggio e-mail contiene informazioni confidenziali indirizzate esclusivamente alle persone sopra indicate. Se il ricevente non è tra dette persone, il presente messaggio e-mail non dovrà essere copiato, reso noto o altrimenti distribuito in alcun modo. Se avete per errore ricevuto il presente, vogliate cortesemente informare di ciò il mittente e cancellare il messaggio dal vostro sistema. Il mittente non potrà accettare alcuna responsabilità per errori od omissioni nei contenuti del presente messaggio, quale conseguenza della sua trasmissione. 

This e-mail and any attachments is confidential and may contain privileged information intended for the addressee(s) only. Dissemination, copying, printing or use by anybody else is unauthorised. If you are not the intended recipient, please delete this message and any attachments and advise the sender by return e-mail, Thanks.

Rispetta l'ambiente. Non stampare questa mail se non è necessario.

******

ProVita, l’Associazione Italiana Notai Cattolici, il Centro Studi Rosario Livatino, il Comitato Difendiamo i Nostri Figli e Canale Italia ti invitano al convegno sulle DAT e sul testamento biologico, e gli interventi di fine vita.

Una pomeriggio di dibattito: dopo i saluti del presidente dell'Associazione Italiana Notai Cattolici Roberto Dante Cogliandro e l'introduzione del notaio Angelo Sergio Vianello, discuteranno della questione al centro del dibattito l'avv. prof. Mauro Ronco, il neurochirurgo psichiatra prof. Massimo Gandolfini, presidente el Comitato "Difendiamo i nostri figli", l'avv. Giordano Carraro ed il notaio Rita Fochesato.

Abbiamo assistito alla triste vicenda di Charlie Gard: anche in Italia, i bambini potranno essere uccisi per fame e disidratazione: questa sarebbe  una delle conseguenze dell’introduzione della legge sulle DAT che è in esame al Senato.

Uno dei punti più oscuri del disegno di legge è che sarà possibile far morire anziani, disabili e anche i bambini di disidratazione e senza il loro consenso, se il loro rappresentante legale così vuole, e senza che il medico possa intervenire subito per applicare le eventuali cure necessarie.

L'evento si terrà venerdì 29 settembre dalle ore 15.00 presso Sala "Il Caminetto" dell' Hotel La Bulesca via Fogazzaro 2, angolo via Medi, 35030 Selvazzano Dentro (Padova).

Ricordo che la partecipazione al convegno darà la possibilità di ottenere 5 crediti formativi per le professioni sanitarie, 4 crediti formativi per i notai e 3 crediti formativi per gli avvocati. Per altre categorie potrà essere rilasciato attestato di partecipazione.

Un caro saluto e buona giornata,

Toni Brandi -
Presidente ProVita onlus

PS: L'evento si terrà questo venerdì 29 settembre dalle ore 15.00 presso Sala "Il Caminetto" dell' Hotel La Bulesca via Fogazzaro 2, angolo via Medi, 35030 Selvazzano Dentro (Padova)



www.notizieprovita.it

******

 

 

Abbandonarsi significa avere l'unico desiderio di essere obbedienti a Dio, di essere figli suoi: ecco l'Amore, si con questo si fa tutto, per cui tutto il resto non conta.

 

Luca Preato

 

 

Amici, Vi invito a promuovere e partecipare alle iniziative a Difesa della Vita del mese di Settembre 2017 organizzate dall’Associazione 

< Ora et Labora in Difesa della Vita >

In Ancona, considerato il numero elevato di medici obiettori, il lavoro sporco di uccidere bambini con l'aborto viene delegato anche alla Clinica Privata convenzionata Villa Igea. In pratica una Planned Parenthood all'italiana, sovvenzionata con soldi pubblici. Venerdì scorso ero lì a testimoniare con la preghiera e il volantinaggio contro questi delitti che gridano vendetta davanti a Dio e alle generazioni future.
Uno dei responsabili della suddetta clinica, presumo dal seguito che aveva  sia stato il direttore Sanitario, come si può vedere dalle foto,  ha chiamato i Carabinieri per farmi allontanare, mentre io  invece lo invitavo a rallegrarsi della mia presenza, che significava l'operosità del proprio reparto nel praticare gli aborti e che quindi gli avrebbe procurato ulteriori clienti e guadagni.
Il fatto però che protestasse dimostrava che aveva la coscienza sporca!
Alle mia domanda se provava rimorso che nella sua clinica si sopprimessero vite umane, restava in silenzio;  non ha risposto neanche al quesito: "se l'aborto non è un omicidio (mi continuava a ripetere che c'era una legge che lo permette e che si tratta di un servizio effettuato dalla clinica su disposizioni della regione Marche) mi dica visto che lei è un medico quando ha inizio la vita umana?"
Messo alle strette, ha risposto: "Dalla nascita!"
Al che gli ho ribattuto se avesse preso la laurea al Cepu!
Una volta arrivati,  i Carabinieri hanno preso atto della liceità del mio presidio (avevo fatto in precedenza l'avviso in questura) e hanno liquidato il Direttore Sanitario esortandolo, nel caso lamentassero qualche danno o disturbo da parte mia, di rivolgersi alla questura. Dopodichè , congratulatisi con me, mi hanno stretto la mano e se ne sono andati lasciandomi continuare tranquillamente la mia testimonianza.
"Se pecora ti fai, lupo ti mangia".
Noi, testimoni di vita, nella difesa dei nostri fratellini più piccoli e indifesi minacciati dall'aborto e delle loro mamme non possiamo permetterci di diventare agnelli, ricordiamoci che il Signore ci chiederà conto di tutti gli innocenti che stiamo uccidendo con l'aborto e che ha detto: i tiepidi li vomiterò dalla mia bocca"

Prossimamente sarà disponibile il video di quanto descritto, realizzato dal Professor Giorgio Nicolini di Tele Maria che era presente all'evento.

PS: a Villa Igea si eseguono gli aborti fino a 3 mesi mentre all'Ospedale dei bambini: il Salesi fanno solo quelli delle minorenni e quelli urgenti. (prima invece li facevano tutti al Salesi, vedi articolo)

https://www.cronacheancona.it/2017/02/27/stretta-sugli-aborti-al-salesi-da-noi-solo-minorenni-e-casi-gravi-il-resto-a-villa-igea/15950/

 Giorgio Celsi    presidente Associazione "Ora et Labora in Difesa della Vita"

Per Info 3467035866

 

 

Ancona, 13 Ottobre 2017

 

A CONCLUSIONE DEL CENTENARIO DI FATIMA 13 ottobre 1917 - 13 ottobre 2017 - SEGUENDO L'ESEMPIO DELLA POLONIA - UN GRANDE ROSARIO ANCHE IN ITALIA IL 13 OTTOBRE -  APPELLO STRAORDINARIO ALLA PREGHIERA DEL SANTO ROSARIO   per la salvezza dell'Italia e dell'Europa

www.telemaria.it

 

CLICCA SULLE IMMAGINI

ASCOLTA L'APPELLO STRAORDINARIO

ALLA PREGHIERA DEL SANTO ROSARIO

per la Salvezza dell'Italia e dell'Europa

IL 13 OTTOBRE 2017 SULL'ESEMPIO DELLA POLONIA UN GRANDE ROSARIO ANCHE IN ITALIA

Nel silenzio di quasi tutti i principali organi di informazione, anche di quelli cattolici, si è svolta con grande successo la preghiera del rosario lungo il confine della Polonia il 7 ottobre 2017. L’iniziativa che si è svolta con l’appoggio dei vescovi polacchi, ha coinvolto centinaia di migliaia di persone che hanno pregato per difendere la Polonia dalla imperante secolarizzazione, per commemorare la vittoria contro l’impero ottomano ottenuta a Lepanto nel 1571.

«Perché l’Europa rimanga l’Europa», ha detto monsignor Marek Jedraszewski vescovo di Cracovia.

L’AISM, Associazione Italiana accompagnatori Santuari Mariani, ha lanciato proprio in questi giorni un’importante iniziativa sulle ali di quella polacca. «Anche in Italia un muro di persone reciterà il Rosario (e digiunerà) su tutto il territorio della nostra Nazione», si legge nel lancio di questa iniziativa di preghiera che avrà luogo il 13 ottobre prossimo, data del centenario dell’ultima apparizione mariana ai tre pastorelli di Fatima.

«Seguendo gli insegnamenti di Maria e seguendo il bellissimo esempio dei fratelli polacchi, il 13 ottobre alle ore 17.30 l'AISM indice la più potente iniziativa per la pace: "il digiuno e la preghiera del Santo Rosario". Su tutto il territorio Nazionale ogni uomo e donna di buona volontà si recherà nella propria Parrocchia e/o crei gruppi di preghiera con la stessa intenzione dei fratelli Polacchi: "Chiedere alla Madonna di salvare l'Italia e l’Europa dal nichilismo islamista e dal rinnegamento della fede cristiana".

La Recita del Rosario comincerà alle ore 17.30, il digiuno a pane ed acqua (come chiede Maria) tutto il giorno... Chi non può digiunare può fare altre rinunce. Anche in Italia si richiede di essere in stato di grazia (previa confessione sacramentale)».

******

Ancona, 8 Ottobre 2017

- “Ecco la vostra Casa, la Casa di Cristo e di Maria, la Casa di Dio e dell’uomo!» (San Giovanni Paolo II a Loreto, "EurHope", 8 settembre 1995)

- IL 13 OTTOBRE 2017 SULL'ESEMPIO DELLA POLONIA UN GRANDE ROSARIO ANCHE IN ITALIA

- CHI HA PAURA DI LEPANTO (e della POLONIA)? di Riccardo Cascioli

- ROSARIO BENEDETTO DI MARIACATENA DOLCE CHE CI RANNODI A DIO (Giovanni Paolo II, Lett. Ap. “Rosarium Virginis Mariae”, 16 ottobre 2002, nn.39.40.43)

- PER OTTENERE AGLI UOMINI LA VERA PACE 

 Dite ai vostri preti di pregare molto. Sino a che il papa non ha recitato il suo rosario, non termina la giornata del papa (…). Il rosario è, tra tutti gli altri, il mezzo privilegiato di procurare il ritorno a Cristo degli individui, delle famiglie e delle nazioni. (…)  È un’arma molto potente per cacciare i demoni ; per conservare l’integrità della vita, per ottenere più facilmente la virtù, in una parola, per ottenere la vera pace agli uomini (…). Come non sperare tutto, se noi ci serviamo con pienezza e pietà, di questo metodo divino?

Papa PIO XI - PERCHE’ NON POSSIAMO NON DIRCI “LAURETANI”… POTREMMO ANCOR OGGI ESSERE “CRISTIANI” SE NON CI FOSSE STATA LA SANTA CASA DI NAZARETH A LORETO?...

*******

Ancona, 24 Settembre 2017

NELLA PROTEZIONE DI MARIA DELLA SANTA CASA DI WALSINGHAM

LA CORREZIONE FILIALE AL PAPA

"IN RAGIONE DELLA PROPAGAZIONE DI ERESIE"

 

Nella festa della Madonna della Mercede e di Nostra Signora
di Walsingham

la pubblicazione della correzione filiale di Papa Francesco 

www.telemaria.it

Beato PIO IX - Bolla INTER OMNIA del 26 agosto 1852

 “A Loreto si venera quella Casa di Nazareth, tanto cara al Cuore di Dio, e che, fabbricata nella Galilea, fu più tardi divelta dalle fondamenta e, per la potenza divina, fu trasportata oltre i mari, prima in Dalmazia e poi in Italia. Proprio in quella Casa la Santissima Vergine, per eterna divina disposizione rimasta perfettamente esente dalla colpa originale, è stata concepita, è nata, è cresciuta, e il celeste messaggero l’ha salutata piena di grazia e benedetta fra le donne. Proprio in quella Casa ella, ripiena di Dio e sotto l’opera feconda dello Spirito Santo, senza nulla perdere della sua inviolabile verginità, è diventata la Madre del Figlio Unigenito di Dio”. 

UN EVENTO MIRACOLOSO CHE HA PRECEDUTO

DI TRE SECOLI LA "VENUTA" MIRACOLOSA DELLA SANTA CASA DI NAZARETH A LORETO

DIMOSTRANDO LA VOLONTA' DI MARIA

DI VEDERE VENERATA LA SANTA CASA DELL'INCARNAZIONE

E IL MOTIVO DELLA SUA PRESERVAZIONE CON LE MIRACOLOSE TRASLAZIONI SINO A LORETO


LA STORIA DI NOSTRA SIGNORA DELLA SANTA CASA DI WALSINGHAM

Il più celebre di tutti i santuari inglesi è quello di Nostra Signora della Santa Casa di Walsingham, situato nella contea di Norfolk e chiamato la "Nazareth d'Inghilterra" che è la "Loreto inglese"

- Correzione filiale in ragione della propagazione di eresie

- La correzione filiale resa pubblica il 24 settembre 2017 - Festa della Madonna della Mercede e di Nostra Signora di Walsingham - PER LEGGERE L'INTERO DOCUMENTO DI 25 PAGINE

Clicca QUI

- PER AIUTARE A DISCERNERE ALLA LUCE DELLA VERITA' CATTOLICALA GRAVE SITUAZIONE STORICA DELLA CHIESA E DEL MONDOPARTECIPA ALLE CONFERENZE DELL'ASSOCIAZIONE "ORIENTE OCCIDENTE" in ANCONA (nel dépliant sottostante il programma)

- IL LINGUAGGIO DEI FULMIN

- La Beata SERAFINA MICHELI E LA VISIONE DI LUTERO ALL'INFERNO

- DI FRONTE ALLA MORTE IMPROVVISA VERSO L'ETERNO SENZA PECCATI ADDOSSO



- iL BUS DELLA LIBERTA'  - UNA INIZIATIVA PER SENSIBILIZZARE LE COSCIENZE CONTRO LE ABERRANTI TEORIE DEL GENDER INSEGNATE NELLE SCUOLE

Per conoscere l'iniziativa e FIRMARLA per sostenerla - Clicca QUI

http://www.citizengo.org/it/pc/91711-basta-confondere-i-giovani?m=5

 

 

DEMETRIO GUZZARDI



A Cosenza da sabato 21 a domenica 29 ottobre 2017

un’edizione speciale della Settimana della cultura calabrese

LEGGERE ALLUNGA LA VITA

E tutte le mattine nei migliori caffè cittadini ritorna “Gazza ladra” libri gratis per tutti

Per il secondo anno consecutivo, Cosenza ospita un’edizione speciale della Settimana della cultura calabrese, dal titolo “Leggere allunga la vita”, che si terrà in modo itinerante in diversi luoghi e spazi della città bruzia.

«Vogliamo sostenere con nostre presentazioni i programmi delle due iniziative “#Io leggo perché” e “Libriamoci” – ha scritto il responsabile dell’Universitas Vivariensis, l’editore cosentino Demetrio Guzzardi –; abbiamo messo in campo un nutrito programma per richiamare l’attenzione verso l’amore alla cultura e la bellezza della lettura. Come lo scorso anno, tutte le mattine, in alcuni dei migliori bar cittadini regaleremo copie dei nostri libri, perché uno dei più graditi doni da fare è proprio donare un libro».

Da sabato 21 a domenica 29 ottobre saranno tante le iniziative, tra mostre, presentazioni di libri, ascolto di musica, passeggiate nei paesi italo-albanesi e non mancheranno i giochi tradizionali, che quest’anno si terranno nel tratto recentemente chiuso alle auto davanti la Scuola Media “Zumbini” in viale Misasi».

Tra le tante iniziative: la mostra fotografica sulle casematte-bunker in Calabria, e quella documentaria sulle vacche di Fanfani. Interessanti anche le mattinate tra i banchi di scuola, dall’omaggio a Ciccio De Marco a 100 anni dalla nascita, ad una lezione di grafologia per i liceali del Telesio, ma sarà anche interessante l’incontro tra i giornalisti cosentini e i responsabili della mensa “RistoRando” legata alla Chiesa Bethel di via Popilia.

Tanti gli autori che presenteranno i loro libri: Tommaso Corda con il suo racconto autobiografico Autostop per Milano e ritorno con laurea; il saggio di Antonio Modaffari sul pontificato “social” di papa Francesco; il volume di Antonio Lavoratore sul poeta paroliere cosentino Alfonso Mazzuca e la canzone italiana degli anni Cinquanta; ed ancora il libro di don Emilio Salatino sull’amore alla maggiore penitenza in San Francesco di Paola ed in ultimo la storia di Paolo Giovannini che da boxer divenne pastore evangelico pentecostale.

L’edizione cosentina della Settimana della cultura calabrese si concluderà con la premiazione del concorso fotografico sulla manifestazione Bukuria arberesche (la bellezza italo-albanese) svoltasi nel maggio scorso.

PER IL PROGRAMMA COMPLETO DELLA SETTIMANA DELLA CULTURA CALABRESE A COSENZA

https://issuu.com/deguzza/docs/programma-2017-cosenza-ottobre

 

 

Per maggiori informazioni:

Info: 347 4829232 – www.settimanadellacultura.com

******

 

Papa:18 ottobre udienza con cani-guida;

su di lui libro in Braille (ANSA)

CITTA' DEL VATICANO, 12 OTT - "Diffondere il codice Braille è fondamentale e, allo stesso tempo, è doverosa l'attenzione verso le persone non vedenti che devono avere le nostre stesse opportunità.

Proprio per questo il libro su Papa Francesco è disponibile anche in versione Braille e audiolibro". E' quanto afferma Antonio Modaffari, autore di Buonasera. Francesco il primo papa social, testo edito dalla casa editrice cosentina Editoriale Progetto 2000, che rivive questi primi anni del pontificato di Bergoglio attraverso una lettura in chiave social.

"Dal Giubileo della Misericordia ai Bergoglismi sono tanti i gesti 2.0 rivoluzionari operati dal Pontefice argentino che sono entrati nella nostra vita, e uno di questi sarà sicuramente l'udienza riservata ai cani guida in programma il prossimo 18 ottobre - spiega Modaffari -. Ho deciso di donare il testo a Radio Scalo San Marco, che ringrazio per la preziosa collaborazione nella codificazione del lavoro e che, come già in occasione del mio primo libro su Papa Wojtyla, ha realizzato materialmente la trasformazione del libro dal nero al Braille perché leggere è un diritto di tutti e quella del Braille è una battaglia di civiltà per cui mi spenderò in prima persona". (ANSA).

*******

Una mostra di pittura degli ultimi lavori di Sandro Nucci

NEL VENTO DEI MIEI SOGNI

Inaugurazione sabato 7 ottobre 2017 a Cosenza – complesso monumentale di San Domenico

Sarà inaugurata sabato 7 ottobre 2017 alle ore 17 a Cosenza nel Complesso monumentale di San Domenico la mostra personale di Sandro Nucci, dal titolo Nel vento dei miei sogni. Nucci già dirigente comunale, più volte capo di gabinetto, sindacalista, Presidente del Distretto Scolastico per oltre 30 anni, è un protagonista della vita culturale della nostra città grazie al suo talento artistico che lo ha visto realizzare decine di mostre personali e partecipare ad innumerevoli mostre collettive.

Autore di una particolarissima interpretazione della Via Crucis nella Chiesa Santa Maria di Monserrato a Rende, è ricordato anche per le tante copertine e le illustrazioni di libri e per essere stato negli anni '90, vignettista del settimanale Buongiorno Cosenza.
Colpito nei mesi scorsi dalla perdita della carissima moglie, Nucci ripresentare il suo lavoro nella sua città dopo circa 15 anni, ospite dell’Amministrazione comunale, riproponendosi in veste di sensibile pittore che riesce a comunicare sensazioni e stati d’animo. Grandi tele, piccoli paesaggi e scatole, cornici, orologi dipinti, avvolti dal “vento dei suoi sogni… veri, reali e vivi con il loro movimento” cercheranno di coinvolgere quanti hanno seguito l’evolversi della sua pittura negli oltre 40 anni di impegno e quanti vorranno incontrarlo in questa sua nuova mostra.
I saluti dell'Amministrazione comunale cosentina saranno portati dall'assessore alla Comunicazione Rosaria Succurro, mentre un intervento introduttivo alla mostra sarà portato da Angela Cenisio. La mostra sarà visitabile fino a sabato 14 ottobre 2017.

 

 

Cari amici
è pronto il bellissimo dvd GOD'S NOT DEAD 2 con spedizioni a partire da questo Lunedi 16 ottobre.

Gli acquisti possono essere effettuati dal nostro store www.dominusproductionstore.com per chi fosse già accreditato, oppure chiamandoci direttamente al numero 0550468068 dal Lunedi al Venerdi dalle 8.30 alle 17.30. Suggeriamo di avere i dvd già disponibili nei punti vendita per la data ufficiale di lancio del 30 Ottobre.

Sito film: http://www.dominusproduction.com/film/item/god-s-not-dead-ep2.html

Scheda DVD: https://www.dropbox.com/s/96m0tzd22v9gszz/Scheda%20dvd%20GOD%27S%20NOT%20
DEAD %202.pdf?dl=0
Codice EAN: 8057013490054

Sito Dominus Production: www.dominusproduction.com

Ispirato a una causa legale reale GOD'S NOT DEAD 2 affronta il delicato tema della difesa del diritto alla libertà di espressione e di opinione. Il film evidenzia inoltre il pericolo di manipolazione delle informazioni da parte dei principali media e invita lo spettatore ad interrogarsi sui grandi valori della vita, arrivando a domandarci... quanto siamo disposti a rischiare per difendere la Verità?

Catalogo di tutti i prodotti Dominus Production:

https://www.dropbox.com/s/0q59bnoksjavmb5/Catalogo_BASSA.pdf?dl=0

MIssione di DOMINUS PRODUCTION è diffondere Bellezza e Virtù. Dai il tuo "mi piace" alla nostra pagina facebook https://www.facebook.com/dominusproductionsrl/

******

L'atteso DVD del film GOD'S NOT DEAD 2 è acquistabile in anteprima per i nostri clienti, con spedizioni a partire dal 19 Ottobre. Dal 30 Ottobre il dvd sarà disponibile anche per il largo pubblico.

Le prenotazioni possono essere effettuate dal nostro store www.dominusproductionstore.com per chi fosse già accreditato, oppure chiamandoci direttamente al numero 0550468068 dal lunedi al venerdi dalle 8.30 alle 17.30. Suggeriamo di avere l dvd già disponibili nei punti vendita per la data ufficiale di lancio del 30 Ottobre.

Ispirato a una causa legale reale GOD'S NOT DEAD 2 affronta il delicato tema della difesa del diritto alla libertà di espressione e di opinione. Il film evidenzia inoltre il pericolo di manipolazione delle informazioni da parte dei principali media e invita lo spettatore ad interrogarsi sui grandi valori della vita, arrivando a domandarci... quanto siamo disposti a rischiare per difendere la Verità?

Sito film: http://www.dominusproduction.com/film/item/god-s-not-dead-ep2.html

Codice EAN: 8057013490054

*******

Ricordiamo inoltre che questo Venerdi 6 ottobre ore 21.20 su Rai2 verrà trasmesso il meraviglioso film MARIE HEURTIN - Dal Buio alla Luce  (http://www.dominusproduction.com/film/item/marie-heurtin.html) anch'esso distribuito in dvd da Dominus Production e disponibile per l'acquisto sul nostro store oppure contattandoci direttamente allo 055 0468068 dal Lunedi al Venerdi dalle 8.30 alle 17.30.

Speciale servizio TG2 sul film: https://www.youtube.com/watch?v=GCy954_1PaA

Dopo il passaggio in prima serata sul canale nazionale Rai, il pubblico avrà modo di vedere e apprezzare questo piccolo capolavoro filmico. Consigliamo quindi per i negozi più frequentati di controllarne le giacenze di magazzino ed eventualmente procedere con l'ordine. Per maggiori informazioni: http://www.dominusproduction.com/film/item/marie-heurtin.html

MIssione di DOMINUS PRODUCTION è diffondere Bellezza e Virtù. Dai il tuo "mi piace" alla nostra pagina facebook https://www.facebook.com/dominusproductionsrl/

 

 

 

Associazione Circolo “Tempo Libero”

Telefono: (+39) 3498125912 – Attilio Maglio

Mail: clubdeltempolibero@gmail.com

Sito internet: http://clubdeltempolibero.xoom.it

Pagina Facebook: Associazione Circolo Tempo Libero                 

IX Memorial Correale - 11/12 Novembre 2017 - Gragnano

L'11 e 12 novembre 2017 presso l’Hotel Parco a Gragnano, si terrà il Memorial Correale, XLV manifestazione di numismatica, filatelia, cartamoneta, cartofilia, bibliofilia, gettoni, telecarte e oggettistica varia.

Un’esposizione per rivivere i ricordi del passato e promuovere la coscienza storica, punto d’incontro due volte l’anno dell’Italia meridionale dal 1995, con la presenza di periti specializzati ed esperti operatori del settore, che per l’occasione metteranno in esposizione all'interno del prestigioso Hotel Parco autentiche rarità:

monete, francobolli, banconote, decorazioni militari, cartoline, storia postale, gettoni, tokens, stampe, orologi, album da collezione, immagini sacre, carte telefoniche, quotidiani, locandine, libri, fumetti, figurine, calendari militari, penne da scrittura, pins, spille, oggettistica varia, accessori e raccoglitori per collezioni.

 Hotel Parco - Gragnano (Napoli)
Hotel immerso nel silenzio di un rigoglioso parco naturale.- Strada Statale per Agerola 366 - Gragnano (Napoli)
Mail per informazioni: info@hotel-parco.it - Telefono: (+39) 081 8715591
Sito: www.hotel-parco.it

Realizzata in metallo bronzital- cupronichel, da Uliana Pernazza, artista incisore della Zecca dello Stato, in tiratura di 15.000 pezzi per la versione "fior di conio/Su".

Sul dritto l'attore è in una tipica maschera teatrale, ritratto ispirato a una foto di Guy Bourdin/The Guy Bourdin Estate/Courtesy Louise Alexander Gallery.

Nel campo di destra, il nome dell'autrice "U.PERNAZZA".

Nel giro "REPUBBLICA ITALIANA".

Sul rovescio elementi cinematografici con al centro la caratteristica "mossa" delle mani del comico.

In alto, "5 EURO"; nel campo di sinistra, la firma autografa di Totò; nel campo di destra, "R" identificativo della Zecca di Roma.

In basso, "1967" e "2017", rispettivamente anno della scomparsa di Totò e anno d'emissione della moneta.

La moneta è stata realizzata da Annalisa Masini, artista incisore della Zecca dello Stato, tiratura di 3.000 pezzi per la versione "proof".
Sul dritto Francesco De Sanctis, da un'opera di Francesco Saverio Altamura, custodita al Museo San Martino di Napoli.

Nel giro la scritta "REPUBBLICA ITALIANA". Alla base del ritratto il nome dell'autore "A.Masini.
In basso, elemento di alloro, simbolo di sapienza. Sul rovescio, allegoria della Letteratura che prende vita dal calamaio, simbolo della scrittura, con alcuni titoli delle opere del De Sanctis incisi sui capelli. Nel giro "FRANCESCO DE SANCTIS". Nel campo di sinistra "R" identificativo della Zecca di Roma. Nel campo di destra, "5 Euro". In basso le date, "1817"e "2017", anno di nascita di De Sanctis e anno di emissione della moneta. Alla base, elemento di alloro

Moneta da 10 euro in argento dedicata ai Sassi di Matera dichiarati nel 1993 dall'Unesco Patrimonio Mondiale dell'Umanità, è stata realizzata da Maria Angela Cassol, artista incisore della Zecca dello Stato, in tiratura di 4.000 pezzi per la versione "proof"

Sul diritto la Chiesa di Santa Maria de Idris, situata nella parte alta dello sperone roccioso del Montirone, nelle vicinanze di San Pietro Caveoso; nel giro, la scritta “REPUBBLICA ITALIANA”; a destra, il nome dell’autore “CASSOL”

Sul rovescio particolare di affresco all’interno della chiesa rupestre di Santa Lucia alle Malve; nel campo di sinistra,“R”, identificativo della Zecca di Roma, l’anno di
emissione della moneta “2017” e il valore “10 EURO”;ad arco, nella parte superiore, la scritta “ITALIA DELLE ARTI”; in esergo, la scritta “MATERA”.

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

POLO+
POLO POSITIVO | IMMAGINI X LA CALABRIA
Concorso per giovani artisti [ fotografia e video art ] under 40
Mostra opere finaliste
Cosenza – Galleria Nazionale di Cosenza - Palazzo Arnone
15 ottobre - 26 novembre 2017
Inaugurazione 14 ottobre 2017 - ore 17.00


Sabato 14 ottobre 2017, alle ore 17.00, presso la Galleria Nazionale di Cosenza, in occasione della Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI – Associazione Musei di Arte Contemporanea d’Italia, si inaugurerà la mostra delle opere finaliste del progetto Polopositivo, finanziato dalla Direzione Generale arte e architettura contemporanee e periferie urbane del MiBACT - Piano per l’arte contemporanea -, concorso rivolto a giovani artisti, di età compresa tra i 21 e i 40 anni, italiani e stranieri operanti in Italia, invitati a realizzare scatti fotografici o contributi video scaturiti dalla frequentazione, osservazione, fascinazione, lettura critica e interpretazione dei luoghi del Polo Museale della Calabria.
La selezione delle dieci opere finaliste e l’individuazione dei vincitori è stata affidata ad una giuria, designata dal direttore del Polo Museale della Calabria, Angela Acordon, composta, oltre che dalle curatrici del progetto, Melissa Acquesta e Gemma-Anaïs Principe, da storici dell’arte, docenti universitari, esperti del settore ed esponenti di realtà che interagiscono con le giovani generazioni di artisti: Giulio Archinà, fotografo; Maria Flora Giubilei, direttore dei Musei di Nervi; Leonardo Passarelli, docente di Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università degli Studi della Calabria; Luigi Ratclif, segretario GAI – Circuito dei Giovani Artisti Italiani; Marilena Sirangelo, gallerista; Angela Tecce, direttore Fondazione Real Sito di Carditello; Massimiliano Tonelli, direttore responsabile Artribune.
Finalisti del concorso:
sezione fotografia: Martina Ceravolo, Niccolò De Napoli, Francesca Ferraiuolo, Anna Rita Iusi, Mirella Nania, POLI INVERSI (Giuseppe Lo Schiavo - Roberto Sottile).
sezione video: Marta Frei, Salvatore Insana, Domenico Isabella, Giacomo Triglia.
Durante l’inaugurazione della mostra saranno proclamati i quattro vincitori; due per la sezione fotografia e due per video-arte.
Polopositivo si radica profondamente nel territorio di riferimento filtrato attraverso gli occhi, la sensibilità ed il lavoro degli artisti selezionati; un’immagine nuova e sorprendente, sia evocativa che analitica, alla quale affidare la promozione e la valorizzazione dei luoghi e delle opere sotto la tutela del Polo museale della Calabria.
L’iniziativa si avvale del patrocinio del Comune di Cosenza e della media-partnership di SMALLZINE, periodico trimestrale dedicato all’arte contemporanea a cura di Loredana Barillaro.

La mostra delle opere finaliste del progetto Polopositivo rimarrà aperta al pubblico fino al 26 novembre 2017 e potrà essere visitata secondo il seguente orario: ore 10.00/18.00 dal martedì alla domenica. Ingresso gratuito
http://polocalabria-projects.beniculturali.it
pm-cal.polopositivo@beniculturali.it

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) - Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

Momenti dell'iniziativa

******

 

COMUNICATO STAMPA

F@Mu Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo
La cultura abbatte i muri
Museo Archeologico Nazionale di Crotone (Crotone)
Domenica 8 ottobre 2017

Domenica 8 ottobre 2017 anche il Museo Archeologico Nazionale di Crotone parteciperà a F@Mu Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo che è diventato ormai l’evento culturale dedicato alle Famiglie con bambini più grande ed importante d'Italia.

Si tratta di un percorso guidato offerto dalla sezione didattica del Museo che sarà aperto con orario continuato dalle 9.00 a lle 20.00. L’ingresso, gratuito per i bambini e al prezzo consueto per genitori e adulti in genere, consentirà di visitare il Museo con un occhio di riguardo per i nostri figli, rendendo per un giorno i più piccoli protagonisti e visitatori privilegiati grazie ad attività didattiche e ludiche a loro dedicate. F@Mu vuole infatti essere uno strumento per favorire l’incontro tra il Museo ed il giovane pubblico; un’occasione per mostrare come un Museo possa essere accogliente e come i bambini con le Famiglie possano essere ottimi 'fruitori di cultura'.
Il tema di quest’anno è La cultura abbatte i muri, perché la cultura è anche un diritto dei bambini!
Laboratorio didattico: ore 10.30
Percorso guidato con laboratorio artistico: ore 16.00 e ore 18.00
Il Museo Archeologico Nazionale di Crotone, diretto da Gregorio Aversa, è afferente al Polo Museale della Calabria, guidato da Angela Acordon.

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) - Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

******

 

 

COMUNICATO STAMPA

Mythos – Uomini e divinità nei miti antichi
Demetra e Persefone
Palazzo della Cultura
Locri (Reggio Calabria)
7 ottobre 2017 - Ore 15.30/20.30

Sabato 7 ottobre 2017, dalle 15.30 alle ore 20.30, presso il Palazzo della Cultura di Locri (Reggio Calabria), si terrà un convegno su Demetra e Persefone, culti della fertilità e della rinascita oltre la morte - Archeologia, Storia, Letteratura, Storia delle Religioni.
Porteranno i saluti di rito Giovanni Calabrese, sindaco di Locri; Albarosa Dolfin, presidente Sidus Club; Maria Caterina Aiello, presidente Associazione Italiana di Cultura Classica - delegazione della Locride “Maria Stella Triolo” e Rossella Agostino, direttore del Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri.
Seguiranno le seguenti relazioni che approfondiranno questa interessante tematica: Rossella Agostino,  archeologo - direttore del Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri, Esempi di manufatti cultuali dal Museo di Locri; Francesca Pizzi, archeologo - Università di Messina, Vergini, mogli e madri: la ridefinizione degli spazi del sacro e la ricostruzione degli atti del rito di alcuni contesti sacri di Locri Epizefiri; Mariangela Monaca, storica delle Religioni -  Università di Messina, Culti demetriaci in Grecia, Magna Grecia e Sicilia; Elena Santagati, storica – Università di Messina, Demetra e Persefone a Locri Epizefiri: una storia di contatti dalla Grecia all’Occidente; Paola Radici Colace, filologa classica – Università di Messina, Le “dee vulnerabili”: mito e rito nella simbologia e nell’immaginario moderno. I lavori saranno introdotti e coordinati da Lucia Licciardello, segretaria AICC - delegazione della Locride “Maria Stella Triolo”.
L’iniziativa è indetta dal Sidus Club; dall’associazione italiana di cultura classica – delegazione della Locride “Maria Stella Triolo”; dall’Università di Messina; dalla città di Locri e dal Polo Museale della Calabria, diretto da Angela Acordon.

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) - Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

******

 

 

COMUNICATO STAMPA

Incontri Culturali d’Autunno
Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide
Sala convegni
Sabato 30 settembre 2017 - ore 10.30

Sabato 30 settembre 2017, alle ore 10.30, presso la sala convegni del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, ritorna il ciclo Incontri Culturali d’Autunno.
Protagonista di questo primo incontro è Pina Basile, ricercatrice e insegnante presso la cattedra di Linguistica italiana dell’Università di Salerno, nonché presidente provinciale della società “Dante Alighieri” di Salerno, che terrà una relazione dal titolo: Un patrimonio linguistico: la triade latino- volgare -dialetto. La Divina Commedia in dialetto calabrese. Inferno, canto V.
Interverranno altresì all’incontro, moderato da Franco Maurella, Adele Bonofiglio, direttore del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide e Anna Lucia Casolaro, responsabile dei Servizi Educativi del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide.
L’iniziativa – come precisa la responsabile dei Servizi Educativi del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide - si colloca nell’ambito delle attività finalizzate all’educazione del Patrimonio culturale e contribuire alla formazione di cittadini consapevoli della dimensione di questo Patrimonio, quale bene comune del Paese, strumento di crescita e integrazione sociale e soprattutto – conclude la Casolaro – per far comprendere ai giovani la valenza formativa della classicità.
La manifestazione sarà arricchita da intermezzi musicali a cura dell’Accademia musicale “Gustav Mahler” di Trebisacce con contributi di Antonio Cappuccio e Paolo Laviola (duo di chitarra) e Maya Palermo (Flauto).

Il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide afferisce al Polo Museale della Calabria diretto da Angela Acordon.

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) - Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

******

 

COMUNICATO STAMPA

Giornate Europee del Patrimonio 2017
Galleria Nazionale di Cosenza
Cosenza – Palazzo Arnone
Sabato 23 e domenica 24 settembre 2017

Sabato 23 e domenica 24 settembre 2017 si rinnova l’appuntamento annuale con le Giornate Europee del Patrimonio # GEP, istituite nel 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea con l’intento di accrescere e favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra le Nazioni europee.
Il tema “Cultura e Natura” di questa edizione, in continuità ideale con l’argomento della scorsa “Giornata Nazionale del Paesaggio”, è raccolto dalla Galleria Nazionale di Cosenza con due appuntamenti nel prossimo weekend.

Occhio alla Natura
Sabato 23 settembre 2017 dalle ore 18.00 alle 21.00

Un invito a cogliere nelle opere l’incessante ricerca artistica per rappresentare, con stili e linguaggi sempre nuovi, l’imprescindibile legame dell’Uomo con la Natura. Uno sguardo verso l’Arte potrebbe curare una relazione diventata sempre più colpevolmente devastatrice?

Artisti in erba
Sabato 23 settembre dalle ore 18.00 alle 21.00 e domenica 24 settembre 2017 dalle ore 10.00 alle 18.00

Il museo vi aspetta con l’occorrente per descrivere la Natura. Scegliete come fonte di ispirazione il capolavoro preferito e poi tutti giù per terra a disegnare e colorare cieli, monti, mari, fiori e animali! A ciascuno un piccolo omaggio finale.

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) - Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

 

 

 

 

XXV Domenica - La "paga" di Dio

 

 



Puoi vederlo su Youtube


e su Facebook

 

******

 

La Parola della 24^ Domenica 17 Settembre 2017   (Mt 18, 21-35)

In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.
Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito. 
Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito.
Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto. 
Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello».

…dicendo che occorre perdonare “settanta volte sette”, Gesù ci insegna che il perdono cristiano è senza limiti e che solamente il perdono senza limiti assomiglia al perdono di Dio. 
Poiché Dio Padre ci perdona senza misura, noi dobbiamo perdonare senza misura...ma attenzione: 
- “Perdonare non é ignorare ma trasformare: cioè Dio deve entrare in questo mondo e opporre all’oceano dell’ingiustizia un oceano più grande del bene e dell’amore”. (Benedetto XVI )
- Perdonare... e cioè “La misericordia non è contraria alla giustizia ma esprime il comportamento di Dio verso il peccatore, offrendogli un’ulteriore possibilità di ravvedersi, convertirsi e credere” ( Papa Francesco ). 
Dobbiamo essere Chiesa in uscita guardando gli altri con gli occhi di Gesù: occhi di amore e non di esclusione, certi che Dio è tutto e solo Amore, e proprio essendo Amore è apertura, accoglienza, dialogo che nella sua relazione con noi, uomini peccatori, si fa compassione, grazia, perdono: misericordia.
E' una strada non facile ma possibile perchè Lui è con noi.
Non cediamo ai pessimismi e non rassegnamoci...Lui ci vuole "sale" e "luce", cioè testimoni del suo Amore.
E' possibile.
Buona vita. Un grande abbraccio. Ciaoooooooooo   

don Gigi

******

XXIV Domenica - Quante volte dovrò perdonare

Puoi vederlo su Youtube

e su Facebook

******

 

XXIII Domenica - Due o tre riuniti...

 



Puoi vederlo su Youtube


e su Facebook


La Parola della 23^ Domenica - 10 Settembre 2017   (Mt 18, 15-20) 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 
«Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano. 
In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo.
In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro».

La strada del dialogo è una strada lunga e difficile che va incrociarsi con quella della preghiera.
La Preghiera.

Il problema sta nel fatto che il dialogo non si snoda sulle basi delle mie ragioni e delle mie verità da imporre a qualcuno, ma trova radici e senso nella Parola che Lui ci ha lasciato e che diventa quindi punto di riferimento del mio “dialogare per costruire unità e pace”.
E’ chiaro allora che “pregare” non è il coccolarmi sulle mie idee o un “ascoltarmi…”; ma, “pregare” sarà lasciare che a parlare sia Lui e io mi metta in un ascolto che proverò poi a tradurre in scelte concrete di vita.
La cosa che devo fare, quindi, è quella di trovare un momento di silenzio per poterlo ‘ascoltare’, per poterlo ‘leggere’, per poterlo ‘incontrare’ nei sacramenti o in un momento di silenzio nella natura, nella mia stanza, in una chiesa, in mezzo alla natura.

Il dialogo.

Io non sono chiamato a “giudicare” ma a “mettermi in relazione” con l’altro, con gli altri, perché insieme si possa diventare costruttori di Libertà, di Giustizia, di Luce, di Pace, di Amore…di Cristo.
Non mi posso mettere vicino all’altro per ‘condannare’ ma per ‘camminare’ e il punto di riferimento del bene o del male, del giusto o dello sbagliato, non posso essere io o l’altro con le mie o con le sue ragioni…Ma, punto di riferimento, sarà la Parola, la Sua Parola, che diventa così il ‘filtro’ per leggere la Storia, per dialogare ...
“…riuniti nel suo nome…” .

Lui, il Signore Gesù, sarà la “pietra di scandalo”, ma non per farci inciampare e cadere, no…ma per diventare ‘segno’ del dove andare e del che cosa fare per costruire un mondo migliore, un mondo che va costruito giorno dopo giorno, sempre.

Il mettersi d’accordo non vuol dire scendere a compromessi più o meno comodi, ma avere l’umiltà di cercare nella Verità la risposta al bene e al male; è un confrontarsi sincero con tutti quelli che mi possono aiutare ad incontrarmi con Lui, con quello che Lui ha detto.
Mettersi d’accordo è “inginocchiarsi” insieme per incontrarlo davvero…

E la Messa è il momento più alto e più bello per incontrarlo insieme agli altri, a tutti quegli altri che cercano la Verità e non importa loro niente di voler vincere e imporre le proprie verità.
La Messa diventa così un momento di verifica del mio modo di pensare e di agire.
Nel Sacramento che Lui ci ha lasciato come Segno della Sua Presenza io troverò la Parola e il Pane che mi saranno indispensabili per ‘dialogare e costruire’ nella Verità e nell’Amore.
Riunirsi nel Suo Nome non sarà facile perché c’è sempre la tentazione e il fascino, anche un poco interessato e comodo, di riunirsi nel nome di qualcun altro o di qualcos’altro.
Buon cammino. Un grande abbraccio. Ciaoooooooooooo

                                                                                                don Gigi

******

 

XXII Domenica - Seguire seriamente Gesù

 



- Puoi vederlo su Youtube


e su Facebook

 

La Parola della 22^ Domenica 3 Settembre 2017   (Mt 16, 21-27)

In quel tempo, Gesù cominciò a spiegare ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei capi dei sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risorgere il terzo giorno. 
Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo dicendo: «Dio non voglia, Signore; questo non ti accadrà mai». Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: «Va’ dietro a me, Satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!».
Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà. 
Infatti quale vantaggio avrà un uomo se guadagnerà il mondo intero, ma perderà la propria vita? O che cosa un uomo potrà dare in cambio della propria vita? 
Perché il Figlio dell’uomo sta per venire nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e allora renderà a ciascuno secondo le sue azioni».

Attenzione: non è obbligatorio andargli dietro !!! 
“Se qualcuno vuole…” : è una nostra libera scelta.
Ma…c’è un “ma” che mi mette con le spalle al muro…nel senso che se “voglio andargli dietro” non posso fare come cavolo voglio, non posso cioè farmi gli affari miei, non posso “scaricare” la mia croce.
Al contrario “se voglio andargli dietro” devo farmi carico della mia croce !!! 
Ma cosa sta dicendo? 
Ma quale croce ?
Tranquilli… la “croce” è sempre solo e soltanto l’insieme dei giorni della mia vita che sono dentro a questo ‘tempo’, in questo ‘territorio’…e cioè questo “presente” che già adesso costruisce il “futuro”.
Lui mi sta dicendo che se voglio andargli dietro ( “…prenda la sua croce e mi segua…” ) devo ‘camminare con Lui ‘ i giorni di questa mia vita :
devo guardarli in faccia e costruirli ma sul Suo sentiero, su quella ‘strada’ che Lui è venuto a indicarci e a darle una prospettiva di Resurrezione nell’Amore.
I giorni del vivere non sono sempre facili e ogni epoca ha dentro le sue guerre, le sue arroganze, le sue crisi…ma dentro ci sono anche i sogni, i successi, la gioia e la felicità.
Tutto questo Lui mi chiede di viverlo andandogli dietro, prendendo la Sua Parola come stile dell’andare, stile del sognare, stile del reagire, stile dell’Amare.
Ci chiede di piantarla di farci i comodi nostri ( “…salvare la propria vita” ).
Attenzione: non è obbligatorio.
Devo scegliere io, io devo decidere di “perdermi in Lui”.
La conclusione è la Risurrezione già adesso, Luce e Caldo già adesso…cioè Amore, già adesso.
Buona vita allora. Un grande e forte abbraccio. Ciaooooo,  don Gigi

*******

- XXI Domenica - Su questa pietra

 


Puoi vederlo su Youtube


su Facebook

Dal Vangelo secondo Matteo.
In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».
Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».
E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».
Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.

Già, la “gente” cosa dice di Lui ?!?
La risposta di un ipotetico sondaggio fatto oggi non prevederebbe come risposte né il Battista, né Elia, né Geremia…e questi chi sono ?
Ma sembra che anche a Gesù non gli importi molto dei sondaggi …
La domanda infatti passa subito al: “ Ma voi chi dite che io sia?”.
Tocca a noi rispondere.
Troppo comoda cavarmela o prendermela con le risposte degli altri.
Io, proprio io, “chi” dico… che Lui sia ?
E però per noi, oggi, la risposta sarebbe troppo semplice e scontata: l’abbiamo imparata a memoria.
E’ del tutto evidente invece che il Signore Gesù cerca una risposta fatta di gesti concreti, vissuti nella mia storia di tutti i giorni.
E’ con la vita che devo “dire” chi è Lui !
Sarà cioè il mio modo di vivere il denaro, l’amore, la libertà, il successo, il lavoro, la scuola, il tempo libero, lo sport, il divertimento, la fatica e il fallimento, la sofferenza e il dolore…
Lì dentro, nella mia vita concreta e vera, lì il Signore Gesù cerca la mia di risposta; lì dentro Lui troverà la mia risposta fatta non di “chiacchiere” scontate e vuote.
E’ per questo che diventa importante l’Eucarestia, la Messa, perché è una scuola vera di vita nell’incontro con un Maestro Vero.
Domenica dopo domenica il Maestro mi dirà cosa vuole da me, mi insegnerà come fare a vivere, mi indicherà quali sentieri camminare…
Lui, da me, si aspetta una risposta che sappia fare i conti con la fatica del vivere questo mio ‘tempo’ che non è sempre facile…
Lui, da me, si aspetta una risposta che nasca dall’entusiasmo del cuore…!!!
E allora non sarà sempre una risposta sicura e forte…ma, almeno, sarà vera, sarà sincera perché cercata in Lui, Lui come punto di riferimento.
Buona vita allora con Lui dentro ai nostri giorni. Un abbraccio. Ciaooooooooooooo

   don Gigi

*******

 

- XX Domenica - Grande è la tua Fede

Puoi vederlo su Youtube



e su Facebook

La Parola della 20^ Domenica 20 Agosto 2017   (Mt 15, 21-28)

In quel tempo, partito di là, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quella regione, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio». Ma egli non le rivolse neppure una parola.
Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: «Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!». Egli rispose: «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d’Israele»
Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: «Signore, aiutami!». Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». «È vero, Signore – disse la donna –, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni».
Allora Gesù le replicò: «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». E da quell’istante sua figlia fu guarita.

A prima vista si ha la sensazione di trovarsi di fronte ad un Gesù ‘maleducato’.
Sì, perché di fronte alla disperazione di una mamma che “grida” aiuto, Lui non ‘spreca’ neppure una parola… e devono addirittura intervenire i discepoli, loro che tutto erano eccetto che dei ‘lord’…! E Lui va giù pesante, dicendo che era un problema che non lo riguardava: aveva altre cose da fare, Lui !!!
Davvero arrogante…si direbbe, quasi antipatico, da toglierti qualsiasi voglia di parlare ancora.
E lei, invece, gli si butta davanti, per terra, a chiedere ‘aiuto’.
La reazione è ancora peggiore però; sì, perché sentirsi trattare da “cani” non è il massimo della soddisfazione e potrebbe scoraggiare chiunque.
Chiunque ma non lei che invece accetta il paragone e rilancia…e, a questo punto, termina l’apparente e provocatoria “maleducazione” di Gesù.
La Sua risposta diventa una Parola vincente e la disperazione di quella donna Cananea si trasforma in Risurrezione: per lei e per la sua figlia…il male è sconfitto.
Tutto questo è una grande lezione per i nostri facili scoraggiamenti e per i nostri comodi pessimismi.
E’ un chiaro segnale di come non possiamo cedere di fronte ai fallimenti, alla fatica e alle delusioni di progetti pensati nel Suo nome e naufragati nelle nostre mani…
E’ un chiaro segnale di come la nostra preghiera debba diventare più ‘insistente’ e ‘vera’…togliendoci di dosso la presunzione di essere noi i ‘protagonisti’ della storia e  trovare allora il coraggio di fidarci di Lui e di buttarci nella Sue mani.
I miracoli li farà Lui.
Pregare non sarà mai un automatismo scaramantico e un po’ magico per ‘far riuscire’ quello che abbiamo in testa noi…ma diventerà un parlare di più e meglio con Lui, il Signore della Storia.
Proviamoci...e buona vita a tutti. Un grande abbraccio. Ciaoooo

                                                                                                          Don Gigi

*******

15 Agosto - Assunzione della Beata Vergine Maria

Puoi vederlo su Youtube


e su Facebook

*******

 

XIX Domenica - Coraggio, non abbiate paura

Puoi vederlo su Youtube


e su Facebook  


La Parola della 19^ Domenica - 13 Agosto 2017   Matteo 14, 22-33


   [Dopo che la folla ebbe mangiato], subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, finché non avesse congedato la folla. Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo.
   La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!».
Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?».
Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!»

Obiettivamente anche a noi prende la paura di “andare a fondo” nel tentativo di metterci nelle sue mani, nel provare ad andargli incontro come vuole Lui, alla Sua maniera.
- Noi sappiamo nuotare però, e dovremmo anche essere nella stagione giusta !?!…
- Noi pensiamo di saper “nuotare” dentro al “mare della vita”…
- Ma camminare sull’acqua, no,  e come fai?...
E ancora una volta ci prende la paura delle cose impossibili e troppo rischiose, ci prende la paura di andare a fondo !!!
E così si continua a nuotare, più o meno allegramente, da una sponda all’altra inseguendo il ‘parolaio’ di turno, l’imbonitore più simpatico e coinvolgente.
La maggior parte delle volte però ti trovi stanco e deluso su qualche sponda con la sensazione amara che, ancora una volta, abbiamo sbagliato “persona”.
A quel punto davvero qualcuno va a fondo, appesantito e perso dentro a droghe, alcol, denaro, potere…
- E’ arrivato il momento di ‘imparare’ dal Signore Gesù: imparare a pregare, anche da soli…perché non sarà mai la paura a fregarci ma la presunzione di bastarci, di sapercela cavare da soli…
Trovassimo, una volta per tutte, il coraggio di pregare come Pietro: “Signore, salvami!”.
E’ normale, è da persone autentiche avere paura di “camminare sull’acqua”, la stessa paura di Pietro che persona autentica lo era.
E’ invece da presuntuosi pensare di cavarcela con le sole nostre forze e con i nostri mezzi.
- La paura la si vince lasciandosi “afferrare” da Lui…ma alla Sua maniera ed è quella che sembra impossibile…Solo così ritroveremo il coraggio di vivere a testa alta.
Va però ritrovata l’umiltà del nostro pregare…”Signore, salvami!”.
Sono e saranno tanti gli tsunami che rischiano di mandarmi a fondo, sono tante le tentazioni di lasciar perdere e andare così alla deriva dentro alla nostra triste e arrabbiata barchetta della vita…
Invece siamo fatti per il mare aperto, per le grandi sfide…
Il Signore Gesù vuole che ci fidiamo di Lui, e basta!
Buona vita, con un grande abbraccio. Ciaoooooooo 

                                                                                                                don Gigi Pini (Facebook)

 

*******

- Trasfigurazione del Signore - Questi è mio Figlio





Puoi vederlo su Youtube

e su Facebook

La Parola di Domenica 6 Agosto 2017 - La Trasfigurazione  Matteo ( 17, 1-9 )

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. Ed ecco apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. 
Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Signore, è bello per noi essere qui! Se vuoi, farò qui tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli stava ancora parlando, quando una nube luminosa li coprì con la sua ombra. Ed ecco una voce dalla nube che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo». 
All’udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse: «Alzatevi e non temete». Alzando gli occhi non videro nessuno, se non Gesù solo.
Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti».

Un’altra conferma ufficiale per Pietro, Giacomo e Giovanni.
Nel deserto il diavolo ci aveva provato, allora come sempre, ma ci aveva provato a rimettere tutto in discussione con quel “Se sei…”.
Adesso il Padre lo ripete forte e chiaro: “Gesù è il mio Figlio prediletto”.
Una conferma per far capire a loro e a noi che non si sta seguendo un fantasma o un pazzo visionario. 
Una conferma che il Natale è una “cosa seria e affascinante”.
Anzi, l’invito è ancora più deciso e secco: “Ascoltatelo”.
Anche e soprattutto questo è “essere dei Suoi “: ascoltare il Signore Gesù, lasciarsi “toccare” da Lui !

Ma come fare se non prendo in mano la Sua Parola?
Come fare se l’Eucaristia, il sacramento che alla domenica raduna il popolo nuovo, come fare se proprio questo trovarsi per ascoltare la Parola e provare a renderla viva e attuale oggi, come fare se proprio tutto questo non è più un bisogno dell’anima?
Non sarà che ci siamo resi conto che, una volta “ascoltata” la sua Parola, non possiamo più far finta di niente?
Non sarà che abbiamo paura di non poter più avere nessuna scusa per non impegnarci e convertirci davvero?

Accettare di “essere dei suoi” significa accettare di ‘non trovare’ più nessun alibi per ‘poter scappare’ ma ‘accogliere’, con tutta la grinta e tutta l’umiltà che abbiamo...ma accogliere il Dio che si è fatto uomo ed è venuto a parlarmi.
Ma per “essere dei suoi” dobbiamo anche renderci conto che le tentazioni ci riguardano da vicino e saranno anche tante, una più intrigante dell’altra…e renderci conto quindi che a noi tocca fare delle scelte !

Dobbiamo fare la scelta di ‘seguirlo’, di ‘ascoltarlo’ se vogliamo essere protagonisti veri e credibili di una storia che aspetta anche il nostro cuore, la nostra fantasia e la nostra voglia per camminare su strade di pace, di solidarietà e di giustizia…così come Lui ci insegna Messa dopo Messa. Insomma, “essere dei suoi” è un’affare serio e affascinante che mette in gioco la concretezza del mio stile di vita.
E ancora, “essere dei suoi” vuol dire non sentirsi soli nel camminare dentro ai nostri giorni e dentro a questo nostro tempo, ma ‘sentire’ ( …”Gesù si avvicinò e toccatili…” ) che c’è un Amico che ha da dirci qualcosa di importante.

E’ il momento di fidarci di Uno che ci aspetta “nella Settimana Santa” per farci capire quanto sia sincero e vero fino in fondo il Suo Amore per noi.
L’invito finale è quello di non “temere”, di non avere paura...perchè Lui sarà soltanto capace di Amarci, di “regalarci “ la Sua Vita. 
Non dobbiamo e non possiamo avere paura di Uno come Lui. Proviamo ad “ascoltarlo” allora.
Buona vita. Un grande e forte abbraccio. Ciaooooooo,  don Gigi

****

XVII DOMENICA - GESU', VERO TESORO

La Parola di Dio di Domenica 30 luglio

In quel tempo, Gesù disse alla folla: “ Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi và, pieno di gioia, e vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
Il regno dei cieli è simile a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, và, vende tutti i suoi averi e la compra.
Il regno dei cieli è simile anche a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci.Quando è piena, i pescatori la tirano a riva e poi, sedutisi, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi.
Così sarà alla fine del mondo.
Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti.
Avete capito tutte queste cose?”.
Gli risposero: “Sì”.
Ed egli disse loro: “Per questo ogni scriba divenuto discepolo del regno dei cieli è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove cose antiche”.

Ogni tanto si organizza la “Caccia al Tesoro”.
Bene, anche il Padre Eterno ne ha organizzata una: mondiale!
E’ la conferma della Parola di domenica scorsa, di sempre.
“Il tesoro è nascosto in un campo”.
L’indicazione è chiara: il regno dei cieli è nascosto dentro nel mondo!
La “Caccia al tesoro” è quindi aperta, da sempre e per sempre. Terminerà con la chiusura del campo, con la “fine del mondo”.
Notai e arbitri saranno “gli angeli”…a noi tocca ‘giocare’!
Devo quindi iniziare a mettermi in testa che anch’io sono dentro a questo “gioco” affascinante e bello, anch’io devo fare la mia partita e devo fare fatica e devo rinunciare a qualcosa o forse anche a “tutti i miei averi”.
Insomma non posso sedermi in disparte e criticare gli altri, sbuffare dalla noia o fare il furbo.
Devo cercare! E’ sempre tempo di ricerca!
Come in tutte le “Caccia al Tesoro” che si rispettino vengono dati degli ‘indizi’ per orientarsi nella caccia stessa…così, anche il Signore Gesù ci ha lasciato degli “indizi”, per aiutarci a capire dove cercare e come cercare.
E’ vero, domenica dopo domenica Lui ci dà gli “indizi”: toccherà a me ascoltare e poi darmi da fare; toccherà a me fare la scelta di mollare tutto il resto.
La Parola continua raccontando del mercante di perle.
Il problema per noi è che in giro c’è un sacco di gente che vuole convincerci di avere la perla più preziosa…e ci fanno ‘sconti’ e ‘ribassi’ impressionanti!
Ma il problema vero è che la fatica, senza il rischio, senza la grinta del “cercare” diventiamo anche noi facilmente ‘scontati’ e ‘ribassati’.
Lui invece ci vuole contenti e realizzati, vincenti ma veri.
Ancora una volta il Signore ci dà gli indizi giusti sul come “giocare” la vita.
Altri danno “indizi” diversi, regole diverse.
Scegliere!
Buona vita. Un grande abbraccio. Ciaooooooooooooo don Gigi

     Pubblicato sulla pagina Facebook di don Gigi PinI

 

 

*******

La Parola di Domenica 23 luglio 2017 ( Matteo 13, 24-43 )

In quel tempo, Gesù espose alla folla una parabola: “Il regno dei cieli si può paragonare a un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo. Ma mentre tutti dormivano venne il suo nemico, seminò la zizzania in mezzo al grano e se ne andò.
Quando poi la messe fiorì e fece frutto, ecco apparve anche la zizzania.
Allora i servi andarono dal padrone di casa e gli dissero: Padrone, non hai seminato del buon seme nel tuo campo? Da dove viene dunque la zizzania?
Ed egli rispose:Un nemico ha fatto questo.
E i servi gli dissero: Vuoi dunque che andiamo a raccoglierla?
No, rispose,perché non succeda che, raccogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura dirò ai mietitori: Cogliete prima la zizzania e legatela in fastelli per bruciarla; il grano invece riponetelo nel mio granaio”.
Un’altra parabola espose loro: “Il regno dei cieli si può paragonare ad un granellino di senapa,
che un uomo prende e semina nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande degli altri legumi e diventa un albero, tanto che vengono gli uccelli del cielo e si annidano fra i suoi rami”.
Un’altra parabola disse loro: “Il regno dei cieli si può paragonare al lievito, che una donna ha preso e ha impastato con tre misure di farina perché tutta si fermenti”.
Tutte queste cose disse Gesù alla folla in parabole e non parlava ad essa se non in parabole, perché si adempisse ciò che era stato detto dal profeta: Aprirò la mia bocca in parabole, proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo.
Poi Gesù lasciò la folla ed entrò in casa; i suoi discepoli gli si accostarono per dirgli: “Spiegaci la parabola della zizzania nel campo”.
Ed egli rispose: “Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo. Il campo è il mondo. Il seme buono sono i figli del regno; la zizzania sono i figli del maligno, e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. 
La mietitura rappresenta la fine del mondo, e i mietitori sono gli angeli.
Come dunque si raccoglie la zizzania e si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo.
Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti gli operatori di iniquità e li getteranno nella fornace ardente dove sarà pianto e stridore di denti.
Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro.
Chi ha orecchi, intenda!”.

Dunque:
. Chi semina il buon seme è il Figlio dell’uomo: Gesù Cristo.
. Il campo è il mondo, la terra che abito.
. Il seme buono sono i figli del regno (…quelli che mettono al centro della vita la Sua Parola )
. La zizzania sono i figli del maligno (…e se lo dice Lui, vuol dire che ci sono!)
. Il nemico che semina la zizzania è il diavolo (…che non è un’invenzione dei preti, quindi!)
. La mietitura è la fine del mondo.
Anche la Parola di questa domenica è spiegata da Gesù stesso.
Per nessuno è quindi possibile pensare ad altre spiegazioni.
Bisogna solo avere il coraggio di capire.
Capire quello che la “parabola” racconta.
E cioè che c’è un solo ‘campo’ ed è quindi inutile tirar su steccati: il bene ed il male viaggiano insieme, crescono insieme.
Il nostro ‘compito’ è quello di mantenere la nostra ‘vocazione’ di “seme buono”, cioè la ‘vocazione’ di Figli e di tralci inseriti nella vera Vite, per fare quel Popolo nuovo che è la Chiesa.
* Nostro ‘compito’ sarà quello di mantenere la ‘vocazione’ di “granellino di senapa” e di “lievito, non rinunciare quindi alla nostra missione , quella che Lui ci ha dato; 
* non rinunciarci per paura, per scoraggiamento, per impotenza, per vigliaccheria…perché il ‘nemico’ ci sfianca; 
* non rinunciarci perché ci sentiamo già proiettati nell’aldilà, già a “casa”!!!
- No, adesso devo crescere come “seme buono”: adesso pronto ad accogliere la Parola e sceglierla come riferimento del mio vivere; 
- adesso come “granellino” che però si dà da fare perché gli ‘ultimi’ trovino rispetto, giustizia, pace…un ‘nido’; 
- adesso devo essere “lievito”, ed il solo senso che può avere il lievito è quello di essere dentro nella massa della farina per fermentarla…
ed allora io devo stare ben dentro all’umanità perché cresca nell’amore, nella solidarietà, nell’ascolto, nel dialogo.
Adesso è il tempo della “missione”.
Tocca agli “angeli” fare la selezione…noi siamo persone che devono fare di tutto e di più per “salvare” (fermentare) l’umanità, quella che mi sta intorno.
E’ da un po’ che il Signore Gesù me lo va ripetendo!

Buona vita. Un grande abbraccio. Ciaoooooooooo, don Gigi

pubblicato sulla pagina Facebook di don Gigi Pini

******

XVI DOMENICA - 16 Luglio 2017

Puoi vederlo su Youtube

e su Facebook

 

 

La Parola di Domenica 16 luglio 2017    ( Matteo 13, 1-23 )

Quel giorno Gesù uscì di casa e si sedette in riva al mare.
Si cominciò a raccogliere attorno a lui tanta folla che dovette salire su una barca e là porsi a sedere, mentre tutta la folla rimaneva sulla spiaggia.
Egli parlò loro di molte cose in parabole.
E disse: “Ecco, il seminatore uscì a seminare. E mentre seminava una parte del seme cadde sulla strada e vennero gli uccelli e la divorarono.
Un’altra parte cadde in luogo sassoso, dove non c’era molta terra; subito germogliò, perché il terreno non era profondo. Ma, spuntato il sole, restò bruciata e non avendo radici si seccò.
Un’altra parte cadde sulle spine e le spine crebbero e la soffocarono.
Un’altra parte cadde sulla terra buona e diede frutto, dove il cento, dove il sessanta dove il trenta.
Chi ha orecchi intenda”.
Gli si avvicinarono allora i discepoli e gli dissero: “Perché parli loro in parabole?”.
Egli rispose: “Perché a voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato. Così a chi ha sarà dato e sarà nell’abbondanza; e a chi non ha sarà tolto anche quello che ha. Per questo parlo loro in parabole: perché pur vedendo non vedono, e pur udendo non odono e non comprendono. E così si adempie per loro la profezia di Isaia che dice: Voi udrete, ma non comprenderete, guarderete ma non vedrete.
Perché il cuore di questo popolo si è indurito, sono diventati duri di orecchi, e hanno chiuso gli occhi, per non vedere con gli occhi, non sentire con gli orecchi e non intendere con il cuore e convertirsi, e io li risani.
Ma beati i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché sentono.
In verità vi dico: molti profeti e giusti hanno desiderato vedere ciò che voi vedete, e non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, e non l’udirono!
Voi dunque intendete la parabola del seminatore: tutte le volte che uno ascolta la parola del regno e non la comprende, viene il maligno e ruba ciò che è stato seminato nel suo cuore: questo è il seme seminato lungo la strada.
Quello è stato seminato nel terreno sassoso è l’uomo che ascolta la parola e subito l’accoglie con gioia, ma non ha radice in sé ed è incostante, sicchè appena giunge una tribolazione o persecuzione a causa della parola, egli ne resta scandalizzato.
Quello seminato tra le spine è colui che ascolta la parola, ma la preoccupazione del mondo e l’inganno della ricchezza soffocano la parola ed essa non da frutto.
Quello seminato nella terra buona è colui che ascolta la parola e la comprende; questi da frutto e produce ora il cento, ora il sessanta, ora il trenta”.

Non c’è nulla da aggiungere.
Gesù stesso ci ha spiegato il senso di questo brano.
Cosa vogliamo fare:
. essere ‘strada’…e cioè far finta di non ‘comprendere’ la Sua Parola?
. essere terreno sassoso…e cioè prendere il Cristo come un ‘optional’, solo quando penso che serva?
. essere spine…e cioè mettere al primo posto i soldi, il potere, il successo, l’immagine?
Cosa vogliamo fare:
. essere terra buona…e cioè metterci all’ascolto della Parola e cercare di capirla davvero, perché Lui diventi il centro, Lui al primo posto nella mia vita?
Domenica dopo domenica ho la possibilità di ascoltare la Sua Parola, la possibilità di ‘accogliere’ il seme e la possibilità di ‘comprendere’…così, solo così “daremo frutto”.
E il mondo sarà un poco più bello.
Buona estate. Un grande e forte abbraccio. Ciaoooooooooo

Pubblicato da don Gigi Pini, sulla sua  pagina Facebook, il 15/7/2017

 

 

Carissimo/a puoi donare l’5x1000, a favore di ASS.NE MARIAGABRIELLALASTILLA - ROMA pro BURKINA-FASO ONLUS a te non costa nulla; devi solo inserire il codice del beneficiario C.F. 97442950586 apponendo la tua firma. GRAZIE

 
 

IMPORTANTE

FIRMARE IL PEC – PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA? INDICAZIONI IN VISTA DELL’INIZIO DEL NUOVO ANNO SCOLASTICO

- PEC.pdf

 

 

 Amici, Vi invito a promuovere e partecipare alle iniziative a Difesa della Vita del mese di Settembre 2017 organizzate dall’Associazione 

< Ora et Labora in Difesa della Vita >

➨ 1  Settembre - Venerdì - e  19 Settembre – Martedì - dalle ore 9,30 alle ore 12,00 davanti all’Ospedale San Massimo a Penne (Pescara), sito in Via Battaglioni,1 - Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia 

 ➨ 3 Settembre – Domenica - dalle ore 9,30 alle ore 13,00 davanti all’Ospedale di Saronno (VA) piazzale Borella,1

 ➨ 4 Settembre – Lunedì - e  18  Settembre - Lunedì - dalle ore 9,00 alle ore 13,00 davanti all’Ospedale Gaetano Rummo di Benevento in via del Cogliano, presso il Padiglione “San Pio”
 Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.

 ➨ 6   Settembre – Mercoledì - e 13 Settembre - Mercoledì - dalle ore 10,00 alle ore 14 davanti all’Ospedale S.Maria di Loreto a Mare di Napoli, sito in Via Comunale del Principe, 13/A
Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.

 ➨  8  Settembre  – Venerdì - e  27 Settembre – Mercoledì - dalle ore 9,00 alle ore 12,00
davanti all’Ospedale Civile S. Spirito, a Pescara, via Fonte Romana,8
Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.
 
  ➨ 14  Settembre  - Giovedì - dalle ore 10,30 alle ore 13, 30, come ormai faccio da anni sarò da solo a testimoniare a Milano contro il grave delitto dell’aborto davanti alla Clinica Mangiagalli in via Commenda,12 . Sarò da solo visto il divieto che ci ha imposto la Questura di testimoniare in gruppo davanti alla suddetta clinica a causa degli abortisti che venivano a contromanifestare in modo violento (insulti, lancio di oggetti e distruzione di cartelloni, a cui hanno fatto seguito nostre denunce, in questo mese abbiamo infatti la prima udienza) e non autorizzato.

➨ 15  Settembre – Venerdì - dalle ore 8,30 alle ore 11,30 davanti al Presidio Ospedaliero Sant'Antonio Abate di Cantù (CO) in via Domea,4  - Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia. 

 ➨ 15  Settembre - Venerdì - dalle ore 9,30 alle ore 19,30 - davanti all’Ospedale Antonio Cardarelli a Campobasso sito in Contrada Tappino - Si pregherà per tutti I bambini uccisi con l’aborto sotto il manto della Madonna Addolorata di Castel Petroso, Patrona del Molise.

➨ 19  Settembre –  Martedì - iniziativa “Giornata per la Vita” davanti agli Spedali Civili di Brescia (Ospedale che sarebbe veramente “civile” se solo non sopprimesse i bambini nel grembo delle loro mamme) sito in Piazzale Spedali Civili,1, in sostegno agli Obiettori di coscienza e per la Conversione del personale abortista; inizio iniziativa alle ore 7.00 (con la possibilità di partecipare alla Messa nella Cappellina dell’Ospedale alle ore 7.00) termine iniziativa ore 24

➨ 22   Settembre – Venerdì - dalle ore 9,00 alle ore 13,00 . davanti all’Ospedale San Giuseppe Moscati, ad Avellino, sito in Contrada Amoretta - Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.

➨ 22  Settembre - Venerdì - dalle ore 9,00 alle 12,00 - Davanti all’ingresso dell’Ospedale Nuovo San Gerardo, a Monza, via Pergolesi,33 - Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia. 

 ➨ 25   Settembre – Perugia - Lunedì alle ore 20,45 Rosario per la Vita presso la Chiesa del Castel del Piano

➨ 27  Settembre - Mercoledì dalle ore 9,30 alle 14,00 - Davanti all’ingresso dell’Ospedale Salesi ad Ancona via Filippo Corridoni,11 (dove vengono eseguiti solo gli aborti alle minorenni e quelli cosiddetti “terapeutici” che io chiamerei invece Eugenetici in quanto non curano nessuno ma uccidono invece bambini fino al sesto mese di gestazione e feriscono a vita i loro genitori con il diabolico scopo di selezionare la razza)

 ➨ 29  Settembre - Venerdì dalle ore 11,00 alle 14,00 - Davanti all’ingresso dell’Azienda Ospedaliera universitaria Ospedali Riuniti a Foggia sito in Viale Pinto Luigi,1 -  Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia. 

➨ 29  Settembre - Venerdì dalle ore 9,30 alle 14,00
Davanti all’ingresso della casa di cura privata Villa Igea ad Ancona (convenzionata con la regione Marche e ovviamente finanziata con soldi pubblici per sopprimere bambini con l’aborto, quasi una filiale italiana della famigerata Planned Parenthood in Italia) sita in Via Alessandro Maggini 200
 Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia. 

 Iniziativa “CamminiAMO per LA VITA” mese di Settembre

➨ Como – Sabato 2 /SETTEMBRE/2017 – presso il Santuario Madonna del Prodigio di Garzola (sulla strada che porta a Brunate) ci si ritrova alle ore 15,30 in chiesa per l'esposizione del Santissimo, poi ci sarà un gruppo che rimarrà per l'adorazione e un altro che andrà per le strade del centro della città di Como per la testimonianza (possibilmente si potrebbero fare anche i turni). Ci si ritroverà tutti alle ore 18.00 in chiesa per la deposizione del Santissimo e per partecipare alla Santa Messa durante la quale Don Maurizio farà la Benedizione delle mamme in gravidanza, dei bambini e dei loro genitori.

➨ Varese – Sabato 23/Settembre/2017  presso la chiesa di San Vittore, in Piazza Canonica (zona pedonale), ci si ritrova alle ore 14.00 davanti alla chiesa. Alle 14.30 inizierà la preghiera in chiesa, poi ci sarà un gruppo che rimarrà in chiesa e un altro che andrà per le strade del centro della città per la testimonianza (Eventualmente si potrebbero fare anche i turni) ci si ritrova poi tutti alle ore 18.00 per la Santa Messa.  

➨ Pescara – Sabato 29/Settembre/2017 – Presso il Santuario della Divina Misericordia del Sacro Cuore, sito in Corso Umberto, ci si ritrova alle ore 15 in Chiesa per l’Esposizione del Santissimo, poi un gruppo che rimarrà per l’Adorazione e un altro andrà per le strade del centro città per la testimonianza (possibilmente si potrebbero fare anche i turni) ci si riunisce poi tutti in chiesa alle ore 17,30 per la Santa Messa

➨ Milano – Sabato 30/Settembre/2017 – presso il tempio di San Sebastiano in via Torino 28 (MM Duomo), ci si ritrova alle ore 15,00 in chiesa per l'esposizione del Santissimo, poi ci sarà un gruppo che rimarrà per l'adorazione e un altro che andrà per le strade del centro della città per la testimonianza (possibilmente si potrebbero fare anche i turni). Ci si ritrova tutti in chiesa, alle ore 17.30, per la Santa Messa.

➨ La Spezia – Sabato 30/Settembre/2017 – presso la cappella dell'ospedale “Civico sant'Andrea” in via Vittorio Veneto, ci si ritrova alle ore 15,00 per l'esposizione del Santissimo, poi ci sarà un gruppo che rimarrà per l'adorazione e un altro che andrà per le strade del centro della città per la testimonianza (possibilmente si potrebbero fare anche i turni) Ci si ritrova tutti in chiesa per la Santa Messa, alle ore 17,00.

➨ Brescia – Sabato 30/SETTEMBRE/2017 – presso la Parrocchia di San Felice a San Felice del Benaco , ci si ritrova alle ore 15,30 in chiesa per l'esposizione del Santissimo, , poi ci sarà un gruppo che rimarrà per l'adorazione e un altro che andrà per le strade del centro della città per la testimonianza (possibilmente si potrebbero fare anche i turni). Ci si ritroverà tutti alle ore 17.30 in chiesa per la deposizione del Santissimo.

➨ Perugia – Sabato 30/SETTEMBRE/2017 – presso la Chiesa del Collandone (Centro Storico) Dalle ore 17 alle ore 21

«Ho trovato il modo per far cessare gli aborti in tutta Italia: andare a pregare di fronte agli Ospedali». “Noi dobbiamo rendere pubblico quello che avviene nel silenzio degli Ospedali”. Questa preghiera diventa un segno grande perchè noi diciamo: "Se uccidono tuo fratello, tu cosa fai? Corri là, dove questo succede e lo rendi visibile a tutti perchè gridi: "Uccidono mio fratello, uccidono mio fratello, aiutatemi!!"Il fatto è che la società è anestetizzata. Che cosa accadrebbe se un giornale domani titolasse a sei colonne: “Ieri cinque bambini uccisi nell'ospedale della nostra città”. Direbbe una cosa vera?» 
                                                                                                      Don Oreste Benzi 

Per info: 3467035866 Giorgio Celsi Presidente Associazione "Ora et Labora in Difesa della Vita"

http://www.oraetlaboraindifesadellavita.org/

******

Il sistema Sanitario Nazionale non ha i soldi per curare i malati, ma per uccidere i sani sì!

Il sistema sanitario nazionale rischia il collasso per insufficienza di risorse. Si stima infatti che manchino dai 20 ai 30 miliardi di euro per garantire il mantenimento degli attuali standard assistenziali. E già nell’ultimo anno 12,2 milioni di italiani hanno rinunciato o rinviato prestazioni sanitarie, secondo quanto affermato dal quotidiano Repubblica (v. articolo di Irma d'Aria del 7/6/2017, disponibile online all'indirizzo http://www.repubblica.it/salute/medicina/2017/06/07/news/sanita_negata_per_oltre_12_milioni_di_italiani-167476921/).

La notizia è tanto più sconcertante, se si pensa che il nostro stato continua a finanziare 500 aborti ogni giorno, equivalenti a 22 ogni ora ed è moralmente iniquo incassare il denaro di milioni di contribuenti italiani contrari all'aborto e usarli per promuovere ed eseguire aborti.

Il “non uccidere” è una legge naturale che non ammette alcun compromesso: si tratta di 500 omicidi di bambini eseguiti nel grembo materno, che la legge 194, criminale e immorale, ha trasformato da culla della vita in cimitero. Questi delitti avvengono nei nostri Ospedali, trasformati già da parecchi anni in Aziende, dove l'interesse primario non è più la salute della persona o della collettività, ma il fatturato.

E' importante essere consapevoli che il fatturato che deriva dagli aborti è altissimo: ogni Regione versa all'ospedale per ogni singolo aborto dai 1.300 ai 5.000 euro a seconda del trimestre di gestazione in cui viene eseguito; cifra molto alta in quanto sono considerati interventi urgenti, in considerazione della tempistica da rispettare.
Ne consegue che, per interessi economici, molti ospedali preferiscano uccidere i sani, piuttosto di curare gli ammalati.

Non essendo la gravidanza una malattia, né tantomeno l’aborto una cura, perchè non chiedere lo stralcio del finanziamento pubblico dell’aborto, così da poter indirizzare i soldi risparmiati alla cura delle malattie?
In aggiunta a questo, i contribuenti stanno anche sostenendo gli enormi costi della fecondazione eterologa legale, ora entrata impropriamente nei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza): 2.400 euro ogni ciclo per gli ovociti e 400 euro per gli spermatozoi. Dovranno inoltre curare le donne “donatrici” (a pagamento ovviamente) di ovuli nel caso in cui sviluppassero il cancro, a causa delle bombe ormonali a cui sono state sottoposte, dovranno risarcire i genitori se il bambino nascesse handicappato, dovranno risarcire i genitori se venissero scambiate le provette (si veda ad esempio quanto è successo al Policlinico di Modena dove una coppia, una volta avvisata dello sbaglio, ha poi deciso di abortire e ha ottenuto 1.500.000€ di risarcimento).

Il paradosso è che, mentre si fanno sforzi ingenti e sperpero di denaro pubblico per produrre la vita artificialmente, non si permette di nascere a chi è già concepito.

Alle donne che rivendicano il diritto ad uccidere il proprio bambino gridando: "L'utero è mio" vorrei dire: "Se l'utero è tuo perchè il tuo aborto lo vuoi far pagare a me? Perchè mi vuoi rendere complice dei tuoi sbagli? Quando capirai che un bambino non è mai un errore ma un dono?".
L’aborto è un omicidio e ho il diritto a non esserne complice. Tutti noi siamo vivi oggi perché le nostre madri non ci hanno abortito. Che l’aborto sia un omicidio è una verità oggettiva, sperimentalmente verificabile da chiunque, basta osservare un’ecografia. Lo ha ribadito chiaramente anche l'ateo e anticlericale Christopher Hitchens, affermando che: “I passi in avanti della scienza, della medicina, dell’embriologia hanno evidenziato che un feto acquisisce caratteristiche umane prima di quanto eravamo abituati a pensare”.
Non si tratta di una questione religiosa. La scienza e la medicina confermano, senza ombra di dubbio, che la vita inizia al concepimento. Bastano gli occhi e la ragione per rendersi conto che con l’aborto si distrugge una vita che è già cominciata e che – come dimostrano tutti gli studi medici in materia – ha già una sua particolarissima autonomia, tanto che da interagire con la madre e provare una ricca gamma di sensazioni che la segneranno anche dopo la nascita.

E' veramente sconsolante sentir ripetere ancora oggi che «solo la donna ha il diritto di decidere». È fin troppo facile rispondere a queste persone che anche loro furono embrioni, e che oggi non potrebbero dire quello che dicono se le loro madri avessero deciso che eliminarle era un «diritto».
E' ora di finirla con simili ipocrisie: la posta in gioco non è solo la libertà della donna; è in gioco anche la libertà di esistere di chi c’è già.
L'onestà intellettuale e l'evidenza della ragione, aldilà di ogni personale convinzione o politica e religiosa, non possono che concordare con il pensiero di Christopher Hitchens, quando ha affermato: “Chiunque abbia visto un’ecografia o abbia speso un’ora su un manuale di embriologia sa che le emozioni non sono il fattore decisivo. Al fine di terminare una gravidanza, devi ridurre al silenzio un cuore che batte, spegnere un cervello che cresce e, al di là del metodo, rompere delle ossa e distruggere degli organi”.

Giorgio Celsi   Presidente Associazione "Ora et Labora in Difesa della Vita"
Per info: 3467035866

"Se vuoi la Pace Difendi la Vita" - http://www.oraetlaboraindifesadellavita.org/
https://www.facebook.com/giorgio.celsi
ti preghiamo di diffondere fra i tuoi contatti le iniziative di "ORA et LABORA in Difesa della Vita" a difesa della vita dal concepimento alla morte naturale

******

L’Associazione “Ora et Labora in Difesa della Vita” promuove un Sit- in per Charlie Gard davanti al Consolato britannico di Milano (Via S. Paolo 7, M1 o M3 fermata Duomo) il prossimo Venerdì 21/7 dalle ore 14.30 alle ore 16.30
Il motto che adotteremo per lo striscione bilingue che verrà esposto è: “Il miglior interesse per Charlie Gard è Vivere”. Tutti coloro che si sentono coinvolti in difesa della Verità e della Vita sono invitati a partecipare.

«Difendi la Vita, rinascerà la Speranza»
http://www.oraetlaboraindifesadellavita.org/ - https://www.facebook.com/giorgio.celsi
ti preghiamo di diffondere fra i tuoi contatti le iniziative di "ORA et LABORA in Difesa della Vita" a difesa della vita dal concepimento alla morte naturale

Per info: 3467035866 Giorgio Celsi Presidente Associazione "Ora et Labora in Difesa della Vita" - http://www.oraetlaboraindifesadellavita.org/

 

 

LISTA DEI SITI CATTOLICI
www.siticattolici.it

GLI ULTIMI ARRIVI

Lunedì 28 Agosto 2017

- Santuario San Romedio - Coredo (TN)
-
Sotto lo stesso cielo (a cura di Irene Londi)

Venerdì 25 Agosto 2017

-
PD - Padova - Parrocchia San Francesco Grande
-
Beata Eurosia Fabris Barban (1866-1932) - Santuario diocesano new
Santuario Diocesano 'Beata Mamma Rosa' in Marola di Torri di Quartesolo (VI), dove sono conservate le spoglie mortali della Beata Eurosia Fabris Barban, mamma e terziaria francescana.

Mercoledì 9 Agosto 2017

- Laboratorio politico cattolico (a cura di Giovanni Traverso)
Sito di approfondimento della dottrina sociale della Chiesa, che si propone come piattaforma di servizio verso la formazione di una coscienza e forza politica cattolica.

Lunedì 7 Agosto 2017

- Matrimonio cristiano. Via di santità e felicità (a cura di Antonio e Luisa De Rosa)
Sito dedicato al matrimonio e alle dinamiche naturali dell'amore arricchite dalla Grazia del sacramento.

Venerdì 28 Luglio 2017

- PN - Roveredo in Piano - Oratorio San Pancrazio

Giovedì 27 Luglio 2017

- Piccoli Fratelli di san Francesco
Progetto per una comunità di fratelli a servizio di Cristo tra i più poveri secondo il modello di san Francesco.

Lunedì 24 Luglio 2017

- La Parola di Dio (a cura di Osvaldo Murdocca)
il sito tratta della Parola di Dio con argomenti vari: Bibbia, Catechismo, Lectio Divina, Preghiere, Apostolato della Preghiera, Culto della Divina Misericordia.

Martedì 18 Luglio 2017

- FG - Apricena - Parrocchia Sacra Famiglia
Una giovane comunità parrocchiale in crescito in un quartiere di periferia esso pure in crescita. Notiziario, orari, calendario delle attività parrocchiali.
Diocesi: SAN SEVERO

Venerdì 30 Giugno 2017

- Chiesa Santa Pudenziana - Narni (TR)
Informazione sulla chiesa preromanica di Santa Pudenziana presso Visciano a Narni, con immagini, informazioni storiche ed artistiche ed eventi organizzati.

Mercoledì 21 Giugno 2017

- Dio è Amore (a cura di Gianluca Buongrazio) new
Il sito è dedicato alla diffusione della parola di Dio, dai contenuti molto ampi che vanno dalla creazione, la SS. Trinità, la Madre di Dio, le catechesi, l'inferno, Medjugorje.

Venerdì 16 Giugno 2017

- Sinodo dei giovani - Assemblea dei Vescovi 2018
Sito plurilingue dove i giovani possono fare sentire la loro voce rispondendo ad un Questionario online. Sito provvisto anche di altro materiale multimediale complementare sull’argomento proveniente da varie parti del mondo.
- Adoramus Te (a cura di Vincenzo Marangio) new
Il sito nasce con lo scopo di divulgare la Parola di Dio, dare parole di speranza a chi è nella tribolazione e di aggiornare sugli eventi cattolici.

Giovedì 15 Giugno 2017

- Oriente Cristiano (a cura di Maurizio Perfetti)
Rassegna stampa dedicata alla vita delle Chiese Orientali (Est Europa, Russia, Ucraina, Medio Oriente, Nord Africa, Mediterraneo, ecc) nelle loro attualità e particolarità, anche in rapporto alla Chiesa Cattolica Latina e all'attività e documenti del Papa e del Vaticano, oltre all'ecumenismo in generale.
- Parrocchia Virtuale (a cura di Don Orazio Bonassi)
Sono un sacerdote della Arcidiocesi di Monaco di Baviera e, nel sito, metto a disposizione la mia esperienza pastorale di 51 anni di sacerdozio in Italia e soprattutto in Germania: problemi attuali, esperienza culturale, musicologa e di comunicazione
.

Lunedì 12 Giugno 2017

- Unione Santa Caterina da Siena - Missionarie della scuola
- La Mia Arte - Alberta Giorgi
Il sito è finalizzato a divulgare l'Arte Sacra espressa con la tecnica mosaico e presenta anche dei dipinti il cui significato è legato alla bellezza espressione del Divino.

Giovedì 8 Giugno 2017

- Domenicani - Provincia Romana di Santa Caterina da Siena
- Suore Francescane del Cuore di Gesù
Congregazione sorta nell'arcipelago maltese nel 1880 per opera di Don Giuseppe Diacono e della Serva di Dio Madre Margherita De Brincat. Il sito ne presenta la storia, il carisma e la missione nei cinque continenti (educazione scolastica, accoglienza e assistenza a bambini, poveri, infermi e anziani, collaborazione ecclesiale e apostolato, diffusione dell'amore al Cuore di Gesù.

Lunedì 5 Giugno 2017

- Suore Domenicane Figlie del Santo Rosario di Pompei - Pompei (NA)

Martedì 30 Maggio 2017 -

- Monache Romite Ambrosiane - Sacro Monte di Varese new -

- Le omelie del curato d'Ars (a cura di Emanuele F. Falcone) new
Unica traduzione italiana dall'originale, delle omelie del santo curato, con note esplicative.

Giovedì 25 Maggio 2017

-
Iconesacremirabile di Cristina Capella new
- Collactio (a cura di Simone Dalle Molle) new

Venerdì 19 Maggio 2017

- Emmaus Cultura Insieme - Milano news
- RM - Roma - Parrocchia San Filippo Neri in Eurosia new cei 0000

Giovedì 18 Maggio 2017

- Congregazione dell'Oratorio di S. Filippo Neri - Oratorio San Filippo Neri alla Garbatella - Roma new

- OFM Cappuccini - Convento San Francesco - Sant’Elia a Pianisi (CB) new

Lunedì 15 Maggio 2017

- Suore Missionarie del Catechismo new
- Religiose Francescane di Sant'Antonio - Ariccia (RM) new - :

Giovedì 11 Maggio 2017-

- Suore Francescane Alcantarine - Provincia Italiana new -
- Un Comandamento Nuovo (Blog di Daniele Levis) new -


Lunedì 8 Maggio 2017 -

- Passionisti - Provincia Italia new cei 0952
Sito istituzionale della Provincia MAPRAES dei pp. Passionisti. La provincia Mapraes, costituita nel capitolo del 2015 raggruppa tutte le vecchie province religiose (ora regioni) di Italia, Francia e Portogallo, oltre alle terre di missione delle vecchie province. -

Giovedì 4 Maggio 2017

- Caritas Piazza Armerina (EN) new cei 1057
Il sito ufficiale della Caritas della Diocesi di Piazza Armerina. Strumento di informazione e di formazione, curato e realizzato dai diaconi della diocesi. -

- Sorelle della Carità - Scuole Sacro Cuore - Novara new - Le Scuole delle Sorelle della Carità in Diocesi di Novara.

- Suore Carmelitane Messaggere dello Spirito Santo new -

Mercoledì 3 Maggio 2017 -

- L'Eco di San Gabriele new cei 04102
E' la rivista di attualità pubblicata dai PP. Passionisti e costituisce la rivista ufficiale del Santuario di San Gabriele dell'Addolorata.
- Segreteria per la Comunicazione - Santa Sede new cei 0000

Giovedì 27 Aprile 2017

- Arciconfraternita di Parte Guelfa - Firenze new
Magistratura Fiorentina attiva dal 26 Febbraio 1266 al 22 Giugno 1769 e ricostituita come Arciconfraternita il 25 Marzo 2015 a servizio dell'Arcidiocesi di Firenze.

Mercoledì 26 Aprile 2017 -

- Oratori Estivi Romani - Roma new cei 0739

Venerdì 21 Aprile 2017

- Famiglia della Luce con Camilla new
Associazione che offre agli associati percorsi di relazione d'aiuto, e ritiri spirituali di guarigione interiore, consolazione e liberazione spirituale. Attive anche 3 linee telefoniche per l'ascolto empatico gratuito. -
- PV - Sannazzaro de' Burgondi - Parrocchia Santi Nazzaro e Celso new cei 0000
Nel sito troverete informazioni costantemente aggiornate, sulle attività parrocchiali e sulla comunità: Orari Messe, Scuola per l'infanzia (Asilo), Oratorio, Catechesi, Liturgia.

Mercoledì 19 Aprile 2017 -

- Festival Biblico - Verona 19-21 Maggio 2017 new
Un viaggio nella Bibbia: tre giorni di eventi nella città di Verona. Conferenze e dialoghi, meditazione e preghiera, musica, laboratori, itinerari, teatro, cinema, degustazioni.

Martedì 18 Aprile 2017

- Carmelitane - Monastero Sant'Elia - Montagano (CB) new
Piccolo monastero che la bontà del Signore sta costruendo, anno dopo anno. Vivere alla presenza di Dio e consumarsi di amore per le anime: ecco il senso delle nostre giornate di monache carmelitane di clausura.

Venerdì 14 Aprile 2017 -

- Misericordia - Sansepolcro (AR) new
L'associazione di volontariato più antica di Sansepolcro. Servizi sanitari e sociali, emergenza 118, assistenza ad anziani e invalidi con impiego di obiettori di coscienza, manifestazioni popolari e culturali.
- Eremo di Lecceto - Casa di spiritualità - Malmantile (FI) new
Casa di Spiritualità della diocesi di Firenze: propone corsi di esercizi e ritiri per laici, religiosi/e e sacerdoti; accoglie gruppi per ritiri di uno o più giorni.

Mercoledì 12 Aprile 2017 -

- Caritas Mantova new cei 1057
Il sito è stato rinnovato per rendere più semplice la navigazione e la ricerca di informazioni. In primo piano gli aggiornamenti, con le notizie sugli avvenimenti principali, le iniziative e le proposte. Ampio spazio è dedicato anche alle Associazioni collegate, nelle pagine della Rete ecclesiale.

Lunedì 10 Aprile 2017

- PZ - Moliterno - Parrocchia Santa Maria Assunta - Madonna del Carmine new cei 0000

Mercoledì 5 Aprile 2017

-- San Giuseppe (a cura di Davide Crippa) new - Sito dedicato a San Giuseppe, con annessa raccolta di preghiere.

Lunedì 3 Aprile 2017

- Venerabile Maria di Gesù di Agreda (Maria Coronel) - 1602-1665 new

Venerdì 31 Marzo 2017

- VI - Altavilla e Valmarana - Unità Pastorale Altavilla e Valmarana new cei 0000
Il sito racchiude tutte le informazioni riguardanti queste due comunità, come i vari gruppi, gli avvenimenti, le news locali. Le 2 comunità una volta erano staccate nell'ambito religioso, ma quando è subentrato il nuovo parroco ha fatto sì che queste 2 parrocchie si riunissero.
Diocesi: VICENZA -

Giovedì 30 Marzo 2017

- Il sale terreno (Blog di Gennaro Cangiano) new - Approfondimenti di teologia e filosofia tomista oggi.

Mercoledì 29 Marzo 2017

- SI - Monticiano - Parrocchia SS. Giusto e Clemente new cei 0000
-
Beato Antonio Patrizi da Monticiano (1280-1311) new
Sito della Venerabile Compagnia del Santissimo Sacramento e del Beato Antonio Patrizi, che dal lontano anno 1379 tutela la memoria del Beato e conserva e promuove il suo culto.

Lunedì 27 Marzo 2017

- Il Redentore (Blog di Aniello Sansone) new
Questo blog parte dall'idea di un ragazzo di diffondere il cattolicesimo anche via web, dove oramai si passa la maggior parte del nostro tempo.

Martedì 21 Marzo 2017

- MO - Modena - Parrocchia San Lazzaro new cei 0000

Lunedì 20 Marzo 2017

- Roseto mariano (Blog di Maura Mandozzi) new

++++++


I nuovi siti dei giorni scorsi li trovi nella pagina degli ULTIMI ARRIVI
(per contattarci non rispondere a questo messaggio ma scrivi a info@siticattolici.it)
-----------------------------------------------------------
Lista dei Siti Cattolici in Italia - http://www.siticattolici.it - info@siticattolici.it

LaChiesa Liturgia: http://www.lachiesa.it/liturgia
Enciclopedia Santi e Beati:  http://www.santiebeati.it

- Per INVIARE questo messaggio ad un amico clicca qui
- Per aggiornare le tue PREFERENZE clicca qui
- Se NON vuoi più ricevere messaggi di questa newsletter clicca qui

 

 

Ancona, 27 Agosto 2017


Nell'Anno Centenario delle apparizioni di FATIMA

(1917-2017)

 

 IL TERREMOTO NELL'ISOLA D'ISCHIA

UN "RICHIAMO" AI MESSAGGI DELLA MADONNA DI ZARO?...

IL MISTERIOSO LEGAME

DELL'ISOLA D'ISCHIA

CON LE PROFEZIE MARIANE

E CON LA STORIA DELLA SANTA CASA DI LORETO

www.telemaria.it

 

Ultimi articoli:

- La Protezione della Preghiera - Dagli scritti di Maria Valtorta; "L' Evangelo come mi è stato rivelato" - (libro 1, capitolo 20)

- LE APPARIZIONI DI ZARO - (ancora al vaglio del giudizio della Chiesa)

- IL TERREMOTO NELL'ISOLA D'ISCHIA DEL 21 AGOSTO 2017

- "Vi saranno di luogo in luogo terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandi dal cielo" (Lc.21,11) - "Si leverà infatti nazione contro nazione e regno contro regno; vi saranno terremoti sulla terra e vi saranno carestie. Questo sarà il principio dei dolori" (Mc.13,8).

- LA STORIA DELLE APPARIZIONI DI ZARO

- LA MADONNA NELLE APPARIZIONI DI ZARO - L’11 SETTEMBRE (le Torri Gemelle) E L’ISOLA CHE SPROFONDERA’

- ALCUNI MESSAGGI DELLE APPARIZIONI A FORIO D' ISCHIA (ZARO) - (rimettendo alla Chiesa ogni giudizio finale sulla veridicità)


- I CASTIGHI DI DIO NELLA FEDE CATTOLICA - Il Professor Roberto de Mattei risponde a Padre Mucci s.j.

******

 

Ancona, martedì 15 agosto 2015 - n°28


LE RIVELAZIONI  DELLA BEATA CATERINA EMMERICK  


 NELL'ASSUNZIONE AL CIELO DI MARIA  LA FUTURA CONDIZIONE GLORIOSA 
DELL'UOMO  

******

L'ASSUNZIONE DI MARIA AL CIELO IN ANIMA E CORPO  

PIO XII SERVO DEI SERVI DI DIO A PERENNE MEMORIA

COSTITUZIONE APOSTOLICA "MUNIFICENTISSIMUS DEUS"

LA GLORIFICAZIONE DI MARIA CON L'ASSUNZIONE AL CIELO IN ANIMA E CORPO

Il munificentissimo Dio, che tutto può e le cui disposizioni di provvidenza sono fatte di sapienza e d'amore, nei suoi imperscrutabili disegni contempera nella vita dei popoli e in quella dei singoli uomini dolori e gioie, affinché per vie diverse e in diverse maniere tutto cooperi in bene per coloro che lo amano (cf. Rm 8, 28).

Il Nostro pontificato, come anche l'età presente, è assillato da tante cure, preoccupazioni e angosce, per le presenti gravissime calamità e l'aberrazione di molti dalla verità e dalla virtù; ma Ci è di grande conforto vedere che, mentre la fede cattolica si manifesta pubblicamente più attiva, si accende ogni giorno più la devozione verso la vergine Madre di Dio, e quasi dovunque è stimolo e auspicio di una vita migliore e più santa. Per cui, mentre la santissima Vergine compie amorosissimamente l'ufficio di madre verso i redenti dal sangue di Cristo, la mente e il cuore dei figli sono stimolati con maggiore impegno a una più amorosa contemplazione dei suoi privilegi. (Continua)

******

LE DUE SANTE CASE DI MARIA A LORETO E AD EFESO
OVE SONO AVVENUTI L’INIZIO E IL TERMINE DELL’ESISTENZA TERRENA DI MARIA
TESTIMONIATE DALLE VISIONI SOPRANNATURALI DELLA BEATA CATERINA EMMERICH

LA “VENUTA MIRACOLOSA” A LORETO DELLA SANTA CASA DI NAZARETH

OVE MARIA FU “CONCEPITA” “IMMACOLATA” NEL GREMBO DI SANT’ANNA

SECONDO L’INSEGNAMENTO DEL GRANDE PONTEFICE BEATO PIO IX nella Bolla “Inter omnia” del 26 agosto 1852

“Fra tutti i Santuari consacrati alla Madre di Dio, l’Immacolata Vergine, uno si trova al primo posto e brilla di incomparabile fulgore: la veneranda ed augustissima Casa di Loreto. Consacrata dai divini misteri, illustrata dai miracoli senza numero, onorata dal concorso e dall’affluenza dei popoli, stende ampiamente per la Chiesa Universale la gloria del suo nome, e forma ben giustamente l’oggetto di culto per tutte le nazioni e per tutte le razze umane. (…) A Loreto, infatti, si venera quella Casa di Nazareth, tanto cara al Cuore di Dio, e che, fabbricata nella Galilea, fu più tardi divelta dalle fondamenta e, per la potenza divina, fu trasportata oltre i mari, prima in Dalmazia e poi in Italia. PROPRIO IN QUELLA CASA la Santissima Vergine, per eterna divina disposizione rimasta perfettamente esente dalla colpa originale, E’ STATA CONCEPITA, E’ NATA, è cresciuta, e il celeste messaggero l’ha salutata piena di grazia e benedetta fra le donne. Proprio in quella Casa ella, ripiena di Dio e sotto l’opera feconda dello Spirito Santo, senza nulla perdere della sua inviolabile verginità, è diventata la Madre del Figlio Unigenito di Dio” (Beato Pio IX, Bolla “Inter omnia” del 26 agosto 1852).

La Casa di Maria ad Efeso

A circa quattro chilometri dalla città di Efeso, secondo la tradizione sarebbe ubicata la casa in cui Maria trascorse gli ultimi anni della sua vita terrena. Numerosissimi autori cristiani d’Oriente e d’Occidente, fin dai primi secoli, fanno cenno alla lunga permanenza di Giovanni, l’apostolo prediletto di Gesù, e della Santa Vergine nei pressi della città di Efeso, la prima delle sette chiese ricordate nell’Apocalisse. Però come sappiamo che questa è stata la casa della Madre di Gesù? (Continua)

La tomba e l’Assunzione di Maria a Gerusalemme o ad Efeso?

LA RIVELAZIONE DELLA BEATA ANNA CATERINA EMMERICH

DAL LIBRO

“LA VERIDICITA’ STORICA DELLA MIRACOLOSA TRASLAZIONE 

DELLA SANTA CASA DI NAZARETH A LORETO” 

del Prof. Giorgio Nicolini

 

LE RIVELAZIONI DELLA BEATA EMMERICK 

SULLE MIRACOLOSE TRASLAZIONI DELLA SANTA CASA 

E IL RITROVAMENTO DELLA CASA DI MARIA AD EFESO 

 

L’INSEGNAMENTO DEL MAGISTERO DELLA CHIESA

******

Ancona, giovedì 3 agosto 2017 - n°27

IL MIRACOLOSO SASSO DI SANTO STEFANO
IN ANCONA
E IL RITROVAMENTO DEL CORPO DEL SANTO

www.telemaria.it
La "Memoria di Stefano" a Santa Maria della Piazza

Nella tradizione Anconitana il giorno del ritrovamento del corpo di Santo Stefano è storicamente occasione di preghiera e di festa per la comunità. 
Il legame tra la città Dorica e Stefano è descritto da Sant'Agostino, nel Discorso 322: "... Ancona, città dell'Italia, dove il Signore opera molti miracoli per l'intercessione del gloriosissimo martire Stefano".
Nella "Storia di Ancona dalla sua fondazione all'anno 1532" di Agostino Peruzzi si legge che le parole del santo dottore (Agostino) si "leggono nell'uffizio che, per decreto della Sacra Congregazione de' riti, la Chiesa Anconitana celebra nel giorno festivo dell'invenzione del corpo del santo protomartire". (continua)

Roberto Fiorini
Responsabile per Ancona dei Templari Cattolici d'Italia



IL MIRACOLOSO RITROVAMENTO
DELLE SPOGLIE DI SANTO STEFANO
(di Cristina Siccardi)

Nel 1960, sotto il pontificato di Giovanni XXIII, venne soppressa una festività molto importante per la Chiesa: infatti il 3 agosto era ricordato il ritrovamento miracoloso delle spoglie di santo Stefano, un fatto storico e soprannaturale tanto grande da meritare doppia festività liturgica per il protomartire, che fu il primo a testimoniare con il sangue la sua Fede e il suo amore per Cristo, doppia come per san Giovanni Battista, che preparò la strada alla predicazione pubblica di Gesù.
Dimenticare significa non più testimoniare e la testimonianza dei fatti accaduti il 3 agosto del 415 non può non essere tramandata di padre in figlio. Quel giorno, meglio, in quella notte, il sacerdote Luciano del villaggio di Caphargamala, ebbe una visione che registrerà in una lettera poco tempo dopo gli avvenimenti e destinata «alla santa Chiesa ed a tutti i santi che sono in Gesù Cristo, nel mondo intero».
In essa si può leggere la prima delle quattro visioni che precedettero la scoperta. Luciano, su richiesta del prete spagnolo Avito, redasse in greco l’epistola. Avito la tradusse subito in latino per consegnarla ad un suo compatriota, Paolo Orosio, che stava per imbarcarsi per l’Occidente. Tale traduzione è stata per molto tempo pubblicata fra le opere di sant’Agostino. Le numerose versioni greche, una traduzione in lingua siriaca ed altre ancora in armeno, in georgiano… testimoniano l’enorme diffusione del testo originario. (Continua)

******

 

Nell'Anno Centenario delle apparizioni di FATIMA (1917- 2017)
DAI SANTI GENITORI GIOACCHINO ED ANNA
L'IMMACOLATO CONCEPIMENTO DI MARIA
NELLA SANTA CASA

DUE NUOVI VESCOVI PER LE DIOCESI DI ANCONA E DI LORETO
www.telemaria.it

Ultimi articoli:

- IL PIANTO DI GESU' BAMBINO - Presso il Cenacolo di Preghiera a San Martino di Schio c’è anche una piccola statuetta miracolosa, proveniente da Betlemme, raffigurante Gesù Bambino...

- Stralcio da una  omelia pronunciata  dal Cardinale Biffi il 4 febbraio 1989 nel santuario  della Beata Vergine di San Luca ( da “Memorie  e digressioni  di un italiano Cardinale” – Ed. Cantagalli, Siena 2007- pag. 640)

- IL MESSAGGIO TEOLOGICO DI FATIMA - da: Attualità di Fatima; Città della Pieve, 1953, impr.]

- I SANTI GIOACCHINO ED ANNA - GENITORI DI MARIA NELLA SANTA CASA DI NAZARETH

- LA GRANDEZZA INCOMPARABILE DEL SANTUARIO DI LORETO - DAL MATRIMONIO INUSUALE DI GIOACCHINO (46 anni) E DI ANNA (24 anni) E DOPO 20 ANNI DI STERILITA’ AVVENNE IL CONCEPIMENTO IMMACOLATO DI MARIA, NELLA SANTA CASA DI NAZARETH
(SECONDO LE RIVELAZIONI DELLA VENERABILE MARIA D’AGREDA SULLA VITA DI MARIA)

- E’ UN SINGOLARE PRIVILEGIO DEI SANTI CONIUGI E GENITORI DI MARIA DI ESSERE STRETTISSIMAMENTE LEGATI AL DOGMA DELL’IMMACOLATA E ALLA SANTA CASA OVE ESSI CONCEPIRONO QUELLA FIGLIA IMMACOLATA. QUALE PRIVILEGIO ANCHE PER LORETO E LA CHIESA ITALIANA!...  Pio IX (nato a Senigallia da madre anconitana), il Pontefice dell'lmmacolata e la Bolla “Ineffabilis Deus” dell’8 dicembre 1854

- Dal Libro " LE GLORIE DI S. ANNA" di Mons. GASPARE CINQUE - Canonico della Cattedrale di Napoli, 22 settembre 1960 -  CAPITOLO III - IL PAESE DI SANT'ANNA

- Santuario di Loreto - Mons. FABIO DAL CIN nominato nuovo arcivescovo prelato - ORDINATO DOMENICA 9 LUGLIO 2017 - ENTRERA' A LORETO IL 2 SETTEMBRE 2017

- Verso l'eterno senza peccati addosso - Un importante articolo di Enrico Cattaneo

- “ENTRATE PER LA PORTA STRETTA” (Mt 7,13) - "Se la via fosse larga nessuno si darebbe premura..." (dagli scritti della Serva di Dio Luisa Piccarreta – vol. 9; Marzo 16, 1910)

- Le profezie di Nostra Signora del Buon Successo - (di Cristina Siccardi)

 

 

Amoris Laetitia

Approfondimenti di M. Valentina Mauro Paris cmop, sposi della Comunità mariana Oasi della Pace

Per poter vivere concretamente le proposte dell’Amoris Laetitia di Papa Francesco, è importante anzitutto conoscerne il contenuto, lasciandosi rinnovare dal loro fermento nella quotidianità della vita. Negli incontri promossi dall’ufficio famiglia della CEI si è riflettuto su numerose tematiche del ricchissimo insegnamento dell’esortazione Apostolica.

Un piano di lettura dal quale prendere le mosse, ci sembra quello proposto da sua ecc. Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente della conferenza episcopale dell’Emilia Romagna, nella sua relazione: “Un pastore si racconta: cosa cambia con Amoris Laetitia? (continua)

******

 

 

E’ MORTO CHARLIE GARD

Muore  il 28 luglio 2017 in un hospice inglese il piccolo Charlie Gard a seguito di un intervento di eutanasia, staccandolo dal respiratore che lo manteneva in vita: per soffocamento.

Riposa in pace,  piccolo Charlie!

Staccato il respiratore che ti teneva in vita, il tuo cuoricino ha smesso di battere e il tuo visino si è impietrito nell’adulta fissità della morte; tu, così piccolo e inerme, così radicalmente impotente ed innocente, tu, con il tuo orsacchiotto di peluche e i disegni colorati adagiati sul lettino…

Lasci noi, i grandi, che abbiamo rimosso da tempo le nostre fantasie e i desideri più ingenui in una confusione paradossale. D’accordo, si farà presto a rimuovere anche questa, ma occorrerà raschiare il fondo di quel che resta dell’incanto infantile, che è dentro di noi, per attaccarvici sopra una ragione ( e così lo stato inglese e la corte europea dei diritti dell'uomo hanno deciso la presunta tua inutilità nella nostra società,  la negazione di ogni cura sperimentale e, la tua stessa morte, sopra quanto di più sacro voluto da Dio: la famiglia, il volere di quei genitori che ti hanno concepito con amore. Per te si è mosso il Presidente americano, per te si è mosso il Papa,  si con te era il nostro Dio, mite Amore non accolto - “dai grandi” e con te si è scosso il mondo. Sì Riposa in Pace piccolo mio. ) 

Luca Preato


(A partire da un testo di Clemente Sparaco presente su www.notizieprovita.it ).

FIRMA ANCHE TU NEL SEGUENTE LINK LA PETIZIONE PER FERMARE
L’INTRODUZIONE DELL’EUTANASIA IN ITALIA: 
LEGGE GIÀ APPROVATA ALLA CAMERA
E ATTUALMENTE IN DISCUSSIONE AL SENATO:

https://www.notizieprovita.it/notizie-dallitalia/no-alleutanasia-no-alle-dat-firma-anche-tu/

IL POPOLO DELLA FAMIGLIA

 E’ nato da uno dei principali interpreti del Family day un partito cattolico: "Il Popolo della famiglia" basato sui principi non negoziabili insegnati dalla Chiesa: il fondatore è l’Avvocato Gianfranco Amato fondatore anche dell’associazione “Giuristi per la vita”: 

http://popolodellafamiglia.altervista.org/

Ecco il sito dove trovare gli "spettacoli - incontri" presentati in tutta Italia dall’Avvocato Gianfranco Amato e dal cantante Povia che ha presentato a Sanremo la sua canzone “I bambini fanno ooh”:

http://gianfrancoamato.it/conferenze-incontri/

Un bellissimo video del Popolo della famiglia:

Luca Preato

 

******

 

XXVI MEETING INTERNAZIONALE DEI GIOVANI
“TUTTI TUOI O MARIA
PER IL TRIONFO DEL TUO CUORE”



DAL 12 AL 15 AGOSTO 2017
PALATENDA – VIA MARTIRI, SAN MARTINO DI SCHIO
VICENZA


Organizzato dal Movimento mariano Regina dell’Amore www.reginadellamore.org  si terrà anche quest’anno a San Martino di Schio il meeting internazionale dei giovani:https://www.facebook.com/pg/meetingdeigiovani/about/?ref=page_internal
L’apertura sarà sabato 12 Agosto alle ore 17.00. Tra gli appuntamenti più importanti lo stesso giorno alle ore 21.00 il Film “Il risveglio di un gigante”, film documentario suSanta Veronica Giuliani e la testimonianza della conversione del regista del film.
Ancora Domenica 13 Agosto alle 11.15 la testimonianza di Sabrina: Graziata da Maria trionfante sulla sua possessione.
Lo stesso giorno alle 16.30 il video intitolato: “Renato Baron sul cuore immacolato di Maria” e alle 16.30 speciale Fatima, alle 21.00 invece il concerto “Il mondo canta Maria.
Lunedì 14 Agosto  il programma inizia sempre alle 7.15 con la colazione. Spiccano alle ore 16.30 il video sulla purezza e la castità di Renato Baron. 
Alle 16.45 Ania Goledzinowska:  ex fotomodella che ora s’ impegna a propagare fra i giovani il valore della purezza e della castità, ci parlerà della sua conversione e di “Cuori puri”.
Ecco ancora alle 20.30 il Recital “Trionferà l’Amore”: Fatima e San Martino,due carismi, la stessa missione. Alle 21.30 la particolare Benedizione personale e l’Adorazione notturna.
Martedì 15 Agosto troviamo alle 16.30 l’importante intervento del nuovo presidente del movimento mariano che esporrà le novità del movimento.  Alle 17.00 interverrà lo scrittore Marco Invernizzi che ci parlerà del mistero di Fatima e della crisi della Famiglia d’oggi.
Cinque giorni di confronto, amicizie, crescita spirituale ed umana, per dare ai giovani, provenienti da varie parti d'Europa, l'occasione di riflettere su tematiche attuali alla luce della Fede che dà senso alla vita, per poter proseguire sulla strada tracciata da Maria Regina dell'Amore che ci vuole “Tutti Suoi”. Il meeting  si rivolge particolarmente ai giovani, ma resta aperto a chiunque desideri scoprire o approfondire profondi valori di vita e di fede, a chi vuole accostarsi o scoprire sempre più la figura di Maria, Madre della Gioia, Madre di Gesù e Madre nostra.
P.S. Maria apparendo al veggente Renato Baron, ora passato alla Casa del Padre, ha stabilito a San Martino un’opera d’Amore. Spicca in questi luoghi mariani Casa Annunziata, casa per anziani soli e abbandonati voluta da Maria.  E’ parte dell’opera il movimento “Con Cristo per la vita” con le sue Testimonianza di fede e di preghiera davanti agli ospedali e/o attraverso Processioni nelle città: Diceva Don Benzi fondatore della comunità Papa Giovanni XXIII: " ho trovato il modo per fare cessare gli aborti in tutta Italia: andare a pregare di fronte agli ospedali, noi dobbiamo rendere pubblico quello che avviene in silenzio negli ospedali...”.
In questi  luoghi  alla mattina di ogni primo sabato del mese, presso il cenacolo, viene tenuta nella venerazione a Maria Madre della vita una particolare celebrazione dedicata proprio alla vita stessa, mentre al pomeriggio dello stesso giorno si tiene la via Crucis al monte di Cristo. Ogni Domenica alle 15.00 viene tenuta la via Crucis presso il Monte di Cristo che prosegue con la preghiera al Cenacolo. Ogni mattina e ogni sera sempre presso il cenacolo c’è la Preghiera, mentre alle 20.30 di ogni venerdì viene tenuta anche  la via Crucis al Monte di Cristo cui la Madonna ha promesso con la sua benedizione  la liberazione di molte anime del purgatorio e che prosegue nel cenacolo con l’adorazione notturna per tutta la notte.  I messaggi mariani lasciati dalla Madre di Dio in questi luoghi sono stati riconosciuti corretti teologicamente dalla Diocesi di Vicenza anche se le stesse apparizioni non sono riconosciute almeno per ora ufficialmente.

Luca Preato

 

 

In occasione della festa della Natività di Maria, DOMINUS PRODUCTION presenta un libro straordinario: Il Mio Cuore Trionferà, la prima autobiografia di Mirjana Soldo che inquadra il contesto storico e politico in cui sono avvenute le apparizioni di Međugorje.

Nonostante le prove a cui siamo sottoposti in questo mondo così inquieto, il libro ci immerge nel profondo calore dell'abbraccio materno di Maria e ci dona Speranza e Fortezza, facendoci percepire l'illimitato Amore di DIO Padre per ognuno di noi.

Per maggiori informazioni sul libro: www.dominusproduction.com/editoria/  Potete richiedere il libro alla vostra libreria di fiducia oppure ordinarlo direttamente su: www.dominusproductionstore.com o chiamando lo 055.0468068 dal Lunedi al Venerdi dalle 8.30 alle 17.30.

Dominus Production nasce per distribuire film di fede e di valore nelle sale cinematografiche commerciali. Dominus Production desidera che il largo pubblico torni a parlare di CRISTO e che in LUI si torni a centrare la vita sociale e culturale di ogni Nazione. Dominus Production nasce da una conversione successiva ad un pellegrinaggio a Medjugorje del suo fondatore. 

Puoi visionare o ordinare gli altri prodotti Dominus Production su www.dominusproduction.com Per maggiori informazioni puoi contattare lo 055.0468068 dal Lunedi al Venerdi dalle 8.30 alle 17.30.

 

 

“Nulla è impossibile”

In continuità con quanto vissuto e realizzato in questi anni, la Fondazione Rachelina Ambrosini, insieme alla Parrocchia di San Demetrio in Salerno, è lieta di ospitare nuovamente don Dante Carraro, direttore dei Medici con l’Africa/Cuamm. 

Il 6 ottobre alle ore 19 l’Arcivescovo mons. Luigi Moretti presiederà la celebrazione eucaristica e alle 19,30 nel Cinema Teatro San Demetrio, don Dante ci presenterà il servizio svolto in Africa, con particolare riferimento al Sud Sudan dove abbiamo contribuito a riaprire la Scuola di ostetricia ed infermieristica e ad accompagnare, con borse di studio per tre anni, 20 giovani che nello scorso mese di luglio si sono laureati.

                                                 Vi aspetto, Tommaso Maria Ferri


Salva in Agenda: Salerno, 6 ottobre 2017

-     Chiesa di San Demetrio ore 19 Santa Messa presieduta dall’Arcivescovo Mons. Luigi Moretti

-     Cinema Teatro San Demetrio ore 19,30 “Nulla è impossibile” incontro con la Fondazione Rachelina Ambrosini e i Medici con l’Africa Cuamm

www.fondazionerachelinambrosini.it

 

 

Asta di ottobre N°28

Data chiusura 02-10-2017

Asta on line di dipinti antichi, dipinti del XIX e XX secolo, arte moderna oggetti e varie.

Tutte le opere sono visibili su appuntamento presso la nostra sede.

Per info contattare info@sesarts.com

    
Davide Cenedella  +393473467273

www.sesarts.com

Copyright © 2017 Peacock, All rights reserved.
iscritti asta in corso

Our mailing address is: Peacock - Via Filatoio, 16, Lonato del Garda, 25017 BS, Italia

 

 

COMUNICATO STAMPA

Giornate Europee del Patrimonio 2017
Galleria Nazionale di Cosenza
Cosenza – Palazzo Arnone
Sabato 23 e domenica 24 settembre 2017

Sabato 23 e domenica 24 settembre 2017 si rinnova l’appuntamento annuale con le Giornate Europee del Patrimonio # GEP, istituite nel 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea con l’intento di accrescere e favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra le Nazioni europee.
Il tema “Cultura e Natura” di questa edizione, in continuità ideale con l’argomento della scorsa “Giornata Nazionale del Paesaggio”, è raccolto dalla Galleria Nazionale di Cosenza con due appuntamenti nel prossimo weekend.

Occhio alla Natura
Sabato 23 settembre 2017 dalle ore 18.00 alle 21.00

Un invito a cogliere nelle opere l’incessante ricerca artistica per rappresentare, con stili e linguaggi sempre nuovi, l’imprescindibile legame dell’Uomo con la Natura. Uno sguardo verso l’Arte potrebbe curare una relazione diventata sempre più colpevolmente devastatrice?

Artisti in erba
Sabato 23 settembre dalle ore 18.00 alle 21.00 e domenica 24 settembre 2017 dalle ore 10.00 alle 18.00

Il museo vi aspetta con l’occorrente per descrivere la Natura. Scegliete come fonte di ispirazione il capolavoro preferito e poi tutti giù per terra a disegnare e colorare cieli, monti, mari, fiori e animali! A ciascuno un piccolo omaggio finale.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Giornate Europee del Patrimonio 2017
Galleria Nazionale di Cosenza
Cosenza – Palazzo Arnone
Sabato 23 e domenica 24 settembre 2017

Polo Museale della Calabria
Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile)
Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

COMUNICATO STAMPA

Canti Gregoriani tra le antiche vestigia normanne
Museo Statale di Mileto
Mileto (Vibo Valentia) 
Sabato 23 settembre 2017 – Ore 19.00

Sabato 23 settembre 2017, alle ore 19.00,  nel suggestivo scenario del cortile del Museo Statale di Mileto, si terrà Canti Gregoriani tra le antiche vestigia normanne, atteso concerto del prestigioso Coro Polifonico “Gregorianum” Mileto.
Nato nell’Ottobre del 1989 il coro si è esibito in concerti di notevole livello artistico e in rassegne regionali e nazionali. Ha dato apporto con la sua presenza  a riti sacri tenutesi nella cattedrale di Mileto e in altre chiese della Calabria. Ha, altresì,  partecipato alla Solenne celebrazione presieduta da S. Santità Giovanni Paolo II il 18 maggio del 2000 in occasione del suo 80° genetliaco e del grande Giubileo dei Presbiteri del 2000. Il 21 agosto 1994 è stato insignito del premio “Città di Mileto”. Il suo repertorio spazia dal gregoriano alla polifonia antica e  moderna e alla musica profana.
Questo, di seguito indicato, il programma che presenterà nel Museo Statale di Mileto, diretto da Faustino Nigrelli.

SALVE  MATER:POLIFONIA E GREGORIANO
AVE  MARIA: GREGORIANO
AVE  MARIA: M°  LORENZO  PEROSI
BENEDICIAMO  IL SIGNORE: M° ANTONINO MAUGERI
SIGNORE  DELLE CIME: M° BEPI  DE MARZI
U IADDUZZU: P. BERNARDO  MODARO
MADONNINA DEL MARE: Elab.  M° DIEGO VENTURA
ROCK  MY  SOUL:NEGRO     SPIRITUAL     
TE  DEUM: M° ENRICO  BUONDONNO         
CALABRISELLA: Elab. M° DIEGO VENTURA  

L'iniziativa è indetta nell’ambito delle Giornate Europee del Patrimonio, promosse dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Il Museo Statale di Mileto afferisce al Polo Museale della Calabria diretto da Angela Acordon.

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) - Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

San Fortunato - Mileto

San Nicola - Mileto

Crocifisso - Mileto

Faustino Nigrelli - Direttore museo Statale di Mileto

 

COMUNICATO STAMPA

Artificialia
Mostra di Arte contemporanea
Incontri con gli artisti
Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”di Vibo Valentia
Dal 22 settembre 2017

Il Museo Archeologico Nazionale di Vibo Valentia, diretto da Adele Bonofiglio, promuove un ciclo di incontri dedicati all’arte contemporanea, nell’ambito dell’esposizione Artificialia, che dal 29 luglio del 2017 è posta in dialogo con la collezione permanente del Museo.
Il primo incontro è previsto il 22 settembre 2017 (ore 10.30) ed è rivolto principalmente alle scuole medie e/o superiori; durante l’incontro gli studenti potranno confrontarsi direttamente con il curatore Simona Caramia e con gli artisti Giuseppe Negro e Fabio Nicotera.
Il 23 settembre 2017 (ore 11.00 e 17.00) sono previsti due incontri; il pubblico potrà dialogare con alcuni artisti che racconteranno delle loro ricerche.
Il 1° ottobre (ore 11.00 e 17.00), in occasione della prima domenica d’ottobre con ingresso gratuito nei musei, si propone una visita guidata dell’esposizione della durata di circa un’ora, a cura di Simona Caramia.

Info sull’esposizione
Per la III ª edizione di FRAC Festival (29 – 30 luglio 2017), è stata allestita una sezione di arti visive negli spazi del Castello Normanno Svevo – Museo Nazionale Archeologico di Vibo Valentia. Intitolata Artificialia, a cura di Simona Caramia, l’esposizione vede coinvolti sedici artisti: Andreco, Mattia Casalegno, Carmela Cosco, Francesca De Fazio, Alessandro Donato, Raffaele Fiorella, Marco G. Ferrari, Salvatore Insana, Denise Melfi, Giuseppe Negro, Fabio Nicotera, Tommaso Palaia, Maria Pia Picozza, Carlo Michele Schirinzi, Antonio Tolomeo, Zeroottouno. Con le loro opere, gli artisti hanno ricreato all'interno della collezione permanente del Museo, ed in dialogo serrato con essa, l’atmosfera suggestiva delle Camere delle Meraviglie italiane, unendo scienza e natura, i due poli del sapere antico, rileggendoli attraverso la materia e i materiali dell’arte; accostando "oggetti stravaganti" come reperti archeologici, cimeli di viaggio, elementi naturali modificati, atomi di spazio, scorci di galassie, pregevoli manufatti, elementi organici e non, intrappolati sotto vetro o dentro colle.

L’esposizione, fruibile sino al 24 settembre 2017, è inclusa nell’ambito delle Giornate Europee del Patrimonio, promosse dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Il Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”di Vibo Valentia è afferente al Polo Museale della Calabria, diretto da Angela Acordon     

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) - Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

COMUNICATO STAMPA

Gioca con l’Arte
Galleria Nazionale di Cosenza
Cosenza – Palazzo Arnone
Venerdì 15 settembre 2017 – Ore 18.00/21.00

Cosenza, Palazzo Arnone

La Galleria Nazionale di Cosenza, afferente al Polo Museale della Calabria, aderisce con un ulteriore appuntamento alle aperture straordinarie serali previste nell’ambito del Piano di valorizzazione per i siti di interesse culturale programmato dal MiBACT per il 2017. Il museo pertanto ha previsto per venerdì 15 settembre 2017 il prolungamento dell’orario di apertura dalle ore 18.00 alle ore 21.00 confermando l’ingresso gratuito. In tale fascia oraria i Servizi Educativi della Galleria intendono festeggiare l’avvio del nuovo anno scolastico con le scherzose filastrocche di “Gioca con l’arte”. Rime divertenti inviteranno grandi e piccoli a curiosare fra le opere esposte alla ricerca di personaggi, storie, dettagli insoliti; un’occasione spensierata, in particolar modo dedicata a chi ancora non conosce la Galleria Nazionale, per trascorrere con la famiglia una piacevole serata fra tesori d’arte inaspettati.

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) - Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

COMUNICATO STAMPA

La Calabria di Cesare Malpica
Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide
Cassano all’Ionio (Cosenza)
Sabato 23 settembre 2017 – Ore 17.30

Sabato 23 settembre 2017, alle ore 17.30, a Cassano all’Ionio (Cosenza), presso la sala convegni del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, si terrà la presentazione del volume di Leonardo Alario La Calabria di Cesare Malpica (Ed. Il Coscile).
Saranno presenti all’incontro con l’autore, autorevole antropologo, studioso e conoscitore della letteratura calabrese: Adele Bonofiglio, direttore Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide; Anna Lucia Casolaro, responsabile Servizi Educativi del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide; Rossella Juele, assessore all’archeologia del comune di Cassano all’Ionio; Giorgio Delia, critico letterario; Mimmo Sancineto, editore; Maria Rosaria Arcidiacono che leggerà alcuni brani scelti dall’opera e il duo Anna Stella Cirigliano (viola) e Rosalba Cirigliano (arpa) che eseguirà degli intermezzi musicali.
Sarà l’occasione per riaffermare la missione educatrice della letteratura di viaggio che in quest’opera mira a far risaltare il fascino dei luoghi e della storia della Calabria ed in particolare della Magna Grecia. 
Il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide colloca la presentazione del volume La Calabria di Cesare Malpica di Leonardo Alario nell’ambito delle Giornate Europee del Patrimonio 2017, manifestazione promossa dal 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea finalizzata all’educazione al Patrimonio Culturale, anello di congiunzione tra tutela e valorizzazione, con l’obiettivo di favorire la conoscenza del Patrimonio Culturale e contribuire alla formazione di cittadini consapevoli della dimensione di questo patrimonio quale bene comune del Paese, strumento di crescita e integrazione sociale.
Il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide afferisce al Polo Museale della Calabria diretto da Angela Acordon.

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile)
Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246 - pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

Festa del libro
Presentazione volume Girovaga(bo)ndo di Andrea Fucile
Belvedere Marittimo (Cosenza) – Museo del Mare
Giovedì 24 agosto 2017 – Ore 21.00


E’stata celebrata a Belvedere Marittimo (Cosenza), nell’accogliente e suggestiva Terrazza del Museo del Mare, la Festa del libro.
Fulcro dell’iniziativa: la presentazione del volume Girovaga(bo)ndo di Andrea Fucile.

L’autore ha illustrato il suo lavoro con grande passione e coinvolgimento spiegando le ragioni del suo impegno che lo ha portato in quattro continenti e in 58 nazioni. Andrea Fucile ha raccontato le persone, i luoghi, la cultura dei Paesi che ha visitato e che lo hanno segnato profondamente. Un’esperienza certamente esaltante che ha voluto lasciare ai posteri.   

Sono, altresì, intervenuti all’iniziativa, moderata dallo scrivente: Marco Liporace, assessore comunale; Antonello Grosso La Valle, presidente provinciale UNPLI; Francesca Rennis, docente e Ernesto Guido, presidente Pro loco Cosenza.

Belvedere Marittimo (Cosenza), 25 agosto 2017 



 

COMUNICATO STAMPA

Presentazione spazio testimonianze numismatiche
Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon – Monasterace (Reggio Calabria)
Monasterace – C/da Runci – SS 106
Mercoledì 23 agosto 2017 – Ore 21.00

 
 

Mercoledì 23 agosto 2017, alle ore 21.00,  a Monasterace, cittadina del reggino, sarà presentato un nuovo spazio espositivo dedicato alle testimonianze numismatiche che arricchirà ulteriormente il prestigioso Museo archeologico dell’antica Kaulon.
L’allestimento di questo settore ha la finalità di raccontare la “storia” della circolazione monetale cauloniate.


Per l’occasione Giorgia Gargano, ispettore onorario per i beni numismatici della Calabria, presentata da Rossella Agostino, direttore del museo, terrà una  conversazione dal titolo Il dio e il cervo:storia e archeologia della moneta dell’antica Caulonia dedicata alle testimonianze numismatiche che il sito ed il territorio del centro magno-greco di Kaulonia nei decenni di ricerche ha restituito.
Questo interessantissimo spazio è curato dalla già citata Giorgia Gargano; mentre i lavori di restauro dei materiali numismatici sono stati seguiti da Villalba Mazzà.



Il Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon è afferente al Polo Museale della Calabria, diretto da Angela Acordon.

Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon – Monasterace (Reggio Calabria)
Direttore: Rossella Agostino
mail: pm-cal.kaulon@beniculturali.it

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) - Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

 

COMUNICATO STAMPA

Incontro con Rossella Agostino – Archeologa
Alla scoperta del patrimonio calabrese: musei e parchi archeologici
Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone)
22 agosto 2017 – Ore 18.30

Martedì 22 agosto 2017, alle ore 18.30, al Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone), diretto da Gregorio Aversa, chiuderà il ciclo di incontri Alla scoperta del patrimonio calabrese: musei e parchi archeologici l’archeologa Rossella Agostino.
L’iniziativa, nata con la finalità di presentare e valorizzare alcuni tra i vari presidi archeologici della Calabria che conservano resti di grande valore forse non ancora abbastanza conosciuti, darà la possibilità di evidenziare i musei che dirige con piglio e capacità Rossella Agostino: Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri, Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon, Museo e Parco Archeologico “Archeoderi” di Bova Marina e Museo Archeologico di Metauros di Gioia Tauro.
In tale occasione il museo di Capo Colonna rimarrà aperto al pubblico fino alle ore 23.00.
Il ciclo di incontri Alla scoperta del patrimonio calabrese: musei e parchi archeologici è realizzato dal Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna in collaborazione con il comune di Crotone.
Il Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna e i musei citati afferiscono al Polo Museale della Calabria diretto da Angela Acordon.

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile)
Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246 - pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.i

 

COMUNICATO STAMPA


L’arte che ci ispira
Arte, storia, moda
Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon – Monasterace (Reggio Calabria)
Venerdì 18 agosto 2017 – Ore 21.00

Venerdì 18 Agosto 2017, alle ore 21.00, a Monasterace (Reggio Calabria), nella suggestiva location del Museo e Parco Archeologico dell'antica Kaulon, sarà presentata la nuova linea di pelletteria ispirata ai Beni Culturali realizzata dal Brand "dA Collezioni".
Artigianalità italiana, pellami pregiati e un design che si ispira ai reperti archeologici della Magna Grecia reinterpretati dai digital designers.
Il leitmotiv del Brand "dA Collezioni" è proprio reinterpretare i Beni Culturali quali icone di design per la moda.
Nel Museo Archeologico dell'antica Kaulon sarà esposta in anteprima la collezione di borse ispirate al Drago di Monasterace, ai Pinakes e al conio dell'antica Rhegion.
La presentazione sarà animata da un evento di Mapping 3d Indoor: i reperti archeologici e gli accessori moda saranno protagonisti di un emozionante spettacolo con effetti immersivi e tridimensionali; un evento appositamente realizzato dalla digi.Art servizi digitali per l'Arte per la comunicazione del Brand.
Al bookshop del Museo saranno disponibili le prime borse e pochette, scelte per la presentazione in diversi colori e modelli: dal passionale rosso del modello Pinakes ai colori della sabbia cristallina di Persefone, dal bianco ghiaccio al verde, fino alle stampe acquarello del Drago di Monasterace.
Questa linea di pelletteria pregiata "dA Collezioni" si inserisce in un contesto che mira a rafforzare la consapevolezza e l’importanza della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale ereditato dal nostro illustre passato ed è destinata ad un mercato nazionale e internazionale con l’obiettivo di esportare oltre confine la nostra Cultura millenaria apprezzata in tutto il mondo.
Il progetto di comunicazione e di design è stato sviluppato dalla digi.Art Servizi digitali per l'Arte fondata da Rosanna Pesce, specializzata nella promozione e valorizzazione dei Beni Culturali.
La linea di Borse e accessori moda sarà presentata dalla fondatrice della digi.Art servizi digitali per l'Arte, insieme al direttore del Museo e Parco Archeologico dell'antica Kaulon, Rossella Agostino, e in collaborazione con la cooperativa Vivikaulon, gestore dei Servizi aggiuntivi del Museo.
Si ringraziano: Rosanna Pesce, Claudio Martino, Francesco Di Pietro, Carlo Murdolo, Gianfilippo Mafrici, Antonio Tarantello, Giuseppe Musicò, Rossana Crucitti che hanno partecipato alla realizzazione dei modelli esposti.

L’iniziativa è proposta nell’ambito delle aperture serali straordinarie programmate dalla Direzione del Museo per il periodo estivo nell’ambito del Piano di Valorizzazione dei Musei statali  promosso dal MiBACT.
Il Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon è afferente al Polo Museale della Calabria, diretto da Angela Acordon.

 

Ciclo di incontri
Alla scoperta del patrimonio calabrese: musei e parchi archeologici
Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone)
1/22 agosto 2017

Al Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone), diretto da Gregorio Aversa, si terrà il ciclo di incontri Alla scoperta del patrimonio calabrese: musei e parchi archeologici.
L’iniziativa nasce dalla volontà di presentare e valorizzare alcuni tra i vari presidi archeologici della Calabria che conservano resti di grande valore forse non ancora abbastanza conosciuti.
Parteciperanno a questa importante proposta mirata alla conoscenza e alla promozione dei tanti tesori che contraddistinguono la nostra Regione alcuni esperti del settore.
Questi gli incontri previsti:


1 agosto 2017 – Ore: 18.30
Incontro con Adele Bonofiglio, direttore del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, del Museo Archeologico Nazionale di Amendolara e del Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”di Vibo Valentia.
8 agosto 2017- Ore 18.30
Incontro con Maria Cerzoso, direttore del museo dei Brettii e degli Enotri di Cosenza.
18 agosto 2017- Ore 18.30
Incontro con Fabrizio Mollo, curatore scientifico e allestimento del museo di Blanda di Tortora e curatore allestimento del museo dei Brettii e del Mare di Cetraro.
22 agosto 2017 – Ore 18.30
Incontro con Rossella Agostino, direttore del Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri, del  Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon, del Museo e Parco Archeologico “Archeoderi” di Bova Marina e del Museo Archeologico di Metauros di Gioia Tauro.
In coincidenza con gli incontri il museo di Capo Colonna rimarrà aperto al pubblico fino alle ore 23.00.
L’iniziativa è realizzata dal Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna in collaborazione con il comune di Crotone.
Il Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna afferisce al Polo Museale della Calabria diretto da Angela Acordon.

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone)
Direttore: Gregorio Aversa
mail: pm-cal.capocolonna@beniculturali.it

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile)
Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246 - pm-cal.ufficostampa@beniculturali.it

 

Iniziative d’estate a Mileto, antica capitale normanna
Museo Statale di Mileto
Mileto (Vibo Valentia)
11 agosto/2 settembre 2017

Museo Statale di Mileto

Dall’11 agosto al 2 settembre 2017 il Museo Statale di Mileto ospiterà alcune iniziative di notevole impatto per la gloriosa capitale normanna.
Questo, di seguito indicato, il programma disposto dal direttore del museo Faustino Nigrelli

.

Venerdì 11 agosto 2017: in occasione della suggestiva e attesa manifestazione La notte dei Giganti il museo rimarrà appositamente aperto dalle ore 19.30 alle ore 22.30 con visite guidate;

Sabato 12 agosto 2017: la gara podistica internazionale La Normanna avrà il supporto del museo con l’apertura serale dalle ore 19.30 alle ore 22.30 e relative visite guidate.

Domenica 13 agosto 2017Aspettando le Stelle alla corte di Ruggero – Un viaggio tra le stelle – A cura del FAI Giovani – FAI Delegazione di Vibo Valentia - Iniziativa collaterale con il Parco Archeologico di Mileto che la ospiterà. Il museo resterà aperto dalle ore 10.00 alle ore 19.00

Lunedì 14 agosto 2017: il museo resterà aperto dalle ore 10.00 alle ore 19.00;

Martedì 15 agosto 2017: il museo resterà aperto dalle ore 10.00 alle ore 19.00;

Venerdì 18 agosto 2017: Inaugurazione mostra dell’artista locale Mimmo Corrado che resterà aperta al pubblico dal 18 agosto al  2 settembre 2017. La presentazione è prevista alle ore 16.30

venerdì 25 agosto 2017: presentazione del restauro dell’Elmo di san Fortunato. Successivamente la sacra effige sarà consegnata temporaneamente alla cattedrale per le celebrazioni che si terranno domenica 27 agosto per i festeggiamenti dedicati a San Fortunato Martire. Il museo resterà aperto dalle ore 10.00 alle ore 19.00

Sabato 26 agosto 2017: Festa dei popoli  - A cura dell’Ufficio Migrazioni della Diocesi di Mileto – Nicotera – Tropea e dall’Associazione Cooperazione Sud per l’Europa. In concomitanza all’evento il museo rimarrà aperto anche dalle ore 19.30 alle ore 22.30

2 settembre 2017: Il Cardinale Cláudio Hummes, in visita alla città di Mileto, farà tappa al museo che rimarrà aperto al pubblico fino alle ore 22.30.

Il Museo Statale di Mileto afferisce al Polo Museale della Calabria diretto da Angela Acordon.

Museo Statale di Mileto – Mileto (Vibo Valentia) - Direttore: Faustino Nigrelli
mail: pm-cal.mileto@beniculturali.it

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246 - pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

Museo statale di Mileto

 

COMUNICATO STAMPA


Chiacchieriamo della Locride antica. Storia, archeologia, paesaggio
Parco Archeologico Nazionale di Locri
C/da Marasà (Locri)
8 agosto 2017 – Ore 20.00

Martedì 8 agosto 2017, alle ore 20.00, nella straordinaria cornice del Parco Archeologico Nazionale di Locri, in località Marasà, si terrà un’interessante conversazione sul tema Chiacchieriamo della Locride antica. Storia, archeologia, paesaggio.
L’iniziativa avrà due relatori d’eccellenza, profondi conoscitori del territorio locrese, ricchissimo di storia e di testimonianze del passato: Rossella Agostino, direttore del Parco Archeologico Nazionale di Locri e Daniele Castrizio, numismatico, docente presso l'Università di Messina.

Locri - Togato


La conversazione sarà tenuta all'aperto, nell'area del Parco archeologico, e faranno da sfondo alcuni tra i resti archeologici della città coloniale di Locri.
Seguirà una degustazione di vino prodotto a Bianco, centro del litorale ionico meridionale calabrese, situato a pochi chilometri da Locri. Vini lavorati da vitigni che, sulla base degli  studi e le analisi fatte, si ricollegano a vitigni che hanno avuto origine nell'antichità: un assaggio che ricorda l'abitudine dei Greci di pasteggiare con vino che, a differenza di quanto accade oggi veniva solitamente miscelato a miele ed acqua nei crateri figurati di cui si ha testimonianza anche tra i rinvenimenti effettuati a Locri nei decenni passati.
Una proposta, quindi, di grande suggestione e originalità che farà rivivere i fasti di questo magnifico lembo di Calabria. 

Locri - Tempio Marasà

Il Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri, guidato da Rossella Agostino, afferisce al Polo Museale della Calabria diretto da Angela Acordon.

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri  - Locri (Reggio Calabria)
Direttore: Rossella Agostino - mail: pm-cal.locri@beniculturali.it

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile)
Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246 - pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.

Locri - Sarcofago di età romana

 

COMUNICATO STAMPA

Concorso per giovani artisti [ fotografia e video art ] under 40
POLO+
POLO POSITIVO | IMMAGINI X LA CALABRIA
iscrizioni fino al 26 agosto 2017

Il progetto Polopositivo, finanziato dalla Direzione Generale arte e architettura contemporanee e periferie urbane del MiBACT - Piano per l’arte contemporanea -, si configura come un concorso rivolto a giovani artisti, di età compresa tra i 21 e i 40 anni, italiani e stranieri operanti in Italia, invitati a realizzare scatti fotografici o contributi video che traggano ispirazione dalla frequentazione, osservazione, fascinazione, lettura critica e interpretazione dei luoghi del Polo museale della Calabria.
L’intento è quello di indirizzare la ricerca artistica dei partecipanti ad una rilettura del patrimonio artistico calabrese, con l’obiettivo di incrementare le collezioni della Galleria Nazionale di Cosenza e delle altre sedi espositive del Polo museale regionale, tenendo conto dell’interazione tra l’opera proposta e le raccolte preesistenti.
Partendo dalla proprietà del polo positivo di attrarre elettroni, generando un flusso di corrente, il Polo museale della Calabria intende proporsi come un vero e proprio circuito elettrico: vivo, vitale, capace di promuovere cultura e di irradiare di nuove energie il territorio e il suo patrimonio.
Allo stesso tempo, i poli magnetici si associano a una forza che può essere tanto attrattiva quanto repulsiva, restituendo in maniera positiva quanto di negativo attraggono ed è questo ruolo che il Polo aspira a rivestire, catalizzando e potenziando le energie artistiche, i luoghi e gli istituti culturali del territorio.
Le opere, da far pervenire in formato digitale, saranno giudicate da una commissione nazionale di critici, docenti universitari e specialisti del settore, che premieranno due opere per ciascuna sezione.
Ai vincitori delle due sezioni - fotografia e video art – sarà assegnato un premio pari ad euro 2.000,00. 
Le quattro opere vincitrici, acquisite dallo Stato, diventeranno testimonial sul territorio nazionale ed internazionale dei beni culturali calabresi con l’obiettivo di favorirne la divulgazione, la riscoperta e conoscenza.
Il progetto, coordinato scientificamente da Angela Acordon, direttore del Polo Museale della Calabria, e da Nella Mari, storico d’arte,  è a cura di Melissa Acquesta e di Gemma-Anais Principe, con il supporto tecnico e logistico di Stefania Malerba e Marco Toscano.

Il termine ultimo per partecipare al concorso è il 26 agosto 2017; il bando è pubblico ed è  consultabile sul sito internet http://polocalabria-projects.beniculturali.it

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile)
Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246 . pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

COMUNICATO STAMPA

Eventi nel cuore della Locride
Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri  - Locri (Reggio Calabria)
21 luglio/25 agosto 2017

Il Museo e Parco archeologico di Locri, diretto da Rossella Agostino, afferente al Polo Museale della Calabria, guidato da Angela Acordon, aderisce alle aperture straordinarie serali previste nell’ambito del Piano di valorizzazione per i siti di interesse culturale programmato dal MiBACT per il 2017.
Un’iniziativa particolarmente interessante perché dà la possibilità ai Musei Statali della Regione di prolungare dalle 20.00 fino alle 23.00 le aperture in un periodo (luglio e agosto) di grande afflusso turistico.
Il calendario, prevede, oltre al prolungamento dell’orario di apertura, alcune iniziative collaterali  che si terranno nell’area del Parco archeologico dopo le 20.00:

21  luglio    apertura prolungamento serale -
h.20.30 Conversazione "  Al “cuore” dell’antica città. Esplorazioni e ricerche in corso dell’Università di Torino a Locri Epizefiri" - a cura di Diego Elia - Valeria Meirano.   Università di Torino

27   luglio     apertura prolungamento serale

Serata dedicata a:L’ispettore onorario Salvatore Galluzzo: amore e rispetto per il patrimonio culturale - a cura di Rossella Agostino, Felice Costabile, Roberto Crupi, Fulvio Rizzo

2  agosto   apertura prolungamento serale

8 agosto   apertura prolungamento serale:
Conversazione - La Locride tra storia e archeologia - a cura di  Daniele Castrizio -  Università di Messina
 con degustazione vini

17 agosto  apertura prolungamento serale

25  agosto  apertura prolungamento serale  
"Ionio che abbraccia Ionio. Da Nosside a Kavafis la poesia che unisce popoli." -  Letture al tramonto di Fabio Cuzzola - In collaborazione con Club di territorio Reggio Calabria

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri  - Locri (Reggio Calabria)
Direttore: Rossella Agostino
mail: pm-cal.locri@beniculturali.it


Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile)
Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246 - pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

 

DEMETRIO GUZZARDI

Conoscere, studiare e raccontare la Calabria è già cambiarla

******

Dopo Camigliatello l’Universitas Vivariensis pensa già alle prossime due edizioni estive

LA SETTIMANA DELLA CULTURA CALABRESE

RADDOPPIA E SI RILANCIA IN MODO ITINERANTE

Una nuova edizione speciale a Cosenza dal 21 al 29 ottobre 2017

I responsabili della Settimana della cultura calabrese al termine dell’ottava edizione, celebrata a Camigliatello Silano – luogo dove è nata e cresciuta questa iniziativa – ringraziano tutti quelli che hanno creduto in questa particolare forma di turismo culturale: un grazie a Pietro Turano e all’Accademia dei giochi tradizionali, a William Lo Celso direttore dell’Hotel Tasso, a Roberto Ortu del Magara hotel, ad Eugenio Celestino presidente della Pro Loco di Camigliatello Silano, a Giuseppe Giudiceandrea, che in questi ultimi anni ha visto nella nostra iniziativa la continuità degli Incontri silani voluti e realizzati da Rita Pisano.

Dal prossimo anno ci saranno delle novità: la location non sarà più la Casa del forestiero di Camigliatello Silano, che speriamo – anche dopo le parole del vicepresidente della Giunta regionale prof. Viscomi alla manifestazione inaugurale – venga adeguatamente ristrutturata per diventare il luogo ideale dove svolgere meeting ed incontri; la Settimana della cultura calabrese per i prossimi anni sarà itinerante; lasciamo ad altri gli spazi di questa struttura e dei luoghi annessi. Ripartire è sempre una forma di rigenerazione.

L’Universitas Vivariensis dopo 8 anni in cui la manifestazione si è tenuta nel cuore della Sila per il 2018 si sposterà a Morano Calabro e San Giovanni in Fiore, paesi del cosentino che hanno dato i natali a due grandi pionieri del Movimento cattolico calabrese: don Carlo De Cardona e don Luigi Nicoletti, di cui ricorrono il prossimo anno i 60 anni dalla morte; mentre per il 2019 verranno toccate varie località della Calabria albanese per solennizzare i 100 anni dell’istituzione dell’Eparchia di Lungro.

Arrivederci in posti diversi, con la stessa determinazione e passione e con la certezza e convinzione che solo la conoscenza, lo studio e il saper raccontare cambieranno la nostra amata terra di Calabria.

Anche quest’anno ci sarà un’appendice della Settimana della cultura calabrese: da sabato 21 a domenica 29 ottobre 2017 a Cosenza si potrà respirare un po’ di quell’atmosfera magica che si è vissuta a fine agosto a Camigliatello.

Tra qualche giorno il programma completo di questa nuova edizione speciale.

Durante la Settimana della cultura calabrese a Camigliatello Silano

AL SETTIMO TORNEO NAZIONALE DELLO STRUMMULU

BEN TRE ATLETI HANNO SUPERATO LA SOGLIA RECORD

180 secondi era l’obiettivo da battere, grande festa per una manifestazione che piace a nonni e ragazzi

 

Domenica 3 settembre 2017 si è tenuto nella piazzetta di via Roma a Camigliatello Silano il settimo torneo nazionale du strummulu dedicato alla memoria di Giovanni Turano; in programma le solite 4 categorie: ragazzi, uomini, nonni e donne; tanti i partecipanti che si sono cimentati nel far girare la trottola e nel tentativo di battere il record dello scorso anno (2,54”78) che era stato realizzato da Federico Donnici, lo stesso atlela si è riconfermato campione con un lancio di 3,06”66; naturalmente è stato subito “portato” in trionfo sulla sedia del papa, il riconoscimento che viene dato ai campioni dei giochi tradizionali; pochi minuti prima anche il giovane Antonino Foglia aveva fatto cadere il tabù dei 180 secondi; altro concorrente che ha superato i 3 minuti, nella categoria nonni Gabriele Scarcello che ha fatto fermare il cronometro ufficiale a 3,05”35. (continua)

CLASSIFICA FINALE SETTIMO TORNEO

Categoria ragazzi: 1.mo classificato e campione riconfermato Federico Donnici 3,06”66
2.do classificato Antonino Foglia 3,05”22 - 3.zo classificato Luigi Perri 2,55“00.

Categoria uomini: 1.mo classificato Federico Treggiari 2,13”69 - 2.do classificato Salvio Foglia 2,00,78 - 3.zo classificato Roberto Marrone 1,58”00

Categoria nonni: 1.mo classificato Gabriele Scarcello 3,05”35 - 2.do classificato Giovanni Dorsetti 1,59”00 - 3.zo classificato Domenico Pellicanò 1,55”47

Categoria donne: Carla Ravelli 0,59”84 -

******

Premio Cassiodoro 2017

Si è svolta domenica 3 settembre 2017 con inizio alle 21,30 la cerimonia conclusiva dell'ottava edizione della Settimana della cultura calabrese con la consegna dei riconoscimenti 2017 del Premio Cassiodoro.

Premio Flavio Magno Aurelio Cassiodoro Senatore: Riconoscimenti a personalità che operano e risiedono in Calabria, che si sono distinte nella ricerca e nell'elaborazione culturale, economica e sociale.

Tutti i premiati e le motivazioni dei riconoscimenti della quindicesima edizione.

Pino Cacozza - per la musica popolare
Premia Papàs Pietro Lanza - Recitare, cantare e narrare la storia della propria etnia è il compito che si è scelto Pino Cacozza. Gli albanesi che vivono in Calabria da oltre 5 secoli sono una presenza attiva e significativa; una testimonianza di come si possa vivere custodendo le proprie tradizioni e la propria cultura, integrandosi, ma mai omologandosi. Le comunità albanesi si sentono raccontate da Pino Cacozza, che nei suoi spettacoli presenta il variegato mondo dell’Arberia.

Rita Fiordalisi per la cultura
Premia Roberto Ortu - Stare in mezzo ai libri ed impegnarsi nel mondo della cultura è una vocazione per progettare e saper costruire luoghi vivibili, dove chiunque possa incontrare la bellezza che emana dalla conoscenza. Tappa importante è comunicare, anche con i propri scritti, il grande patrimonio che abbiamo ricevuto dal passato e che dobbiamo saper porgere alle nuove generazioni.

Paolo Giovannini per l’evangelizzazione
Premia Nello Serra - Evangelizzare vuol dire portare agli uomini la buona novella dell’Evangelo. Il pastore Paolo Giovannini, romano, ma da 50 anni stabilmente a Cosenza, è il responsabile di una delle più significative realtà evangeliche pentecostali d’Italia: la comunità Bethel, nata dal suo ministero pastorale. Oltre all’impegno a favore di chi è rimasto nella società più indietro, come i poveri ed i carcerati, il pastore Paolo Giovannini è molto attivo nelle attività culturali: ha dato vita a mezzi di comunicazione sociale, ha fondato la Scuola biblica “Sopra la roccia” ed una biblioteca tematica evangelica.

Federico Arcuri per l’editoria periodica
Premia Demetrio Guzzardi - La fedeltà nel raccontare il proprio territorio è la carta vincente del periodico Reportage, nato nel 1962, ma da oltre 20 anni portato avanti con passione e competenza da Federico Arcuri, per dare valore al qui ed ora. Il giornalismo cartaceo territoriale è fatto di impegni, ma soprattutto di credibilità; il lettore è spesso uno dei protagonisti dell’evento, ed allora la notizia da scrivere è semplicemente una verità da condividere con tutti.

Angela Gatto per l’associazionismo
Premia William Lo Celso - L’associazionismo è una modalità di impegnarsi nella società per favorire non solo gli scambi culturali, ma anche la creazione di socialità. Progettare anno dopo anno un cartellone di eventi è sicuramente la parte più impegnativa ed interessante di chi guida le organizzazioni, fornendo alla società un grande movimento di volontariato culturale, che a volte è l’unica risposta alla grande sete di conoscenza e di aggregazione.

Ruggero Ciancio per il teatro popolare
Premia Mario Bartucci - La vita è un palcoscenico, e il palcoscenico rappresenta sempre la vita. Ruggero Ciancio, appassionato ricercatore di tradizioni popolari, nei suoi testi teatrali racconta il proprio paese, come se descrivesse il mondo intero. Utilizzando il linguaggio dialettale, mette in scena aspetti, a volte anche grotteschi, della vita calabrese: la fiducia, l’invidia, la grande generosità, l’avarizia, la politica, la religiosità…, un’umanità varia che si mostra, strappando sempre un sorriso.

Francesco Cuteri per l’archeologia
Premia Nunzio Scalercio
Le pietre del passato, se adeguatamente studiate, possono indicarci non solo i siti storici dove gli uomini e le donne di appena ieri hanno costruito le loro città, ma anche come queste comunità, affrontando le difficoltà della vita, sono riuscite a lasciare traccia del proprio vissuto. Scrive Francesco Cuteri: «L’archeologia è la mia vita e la Calabria è la mia terra; il posto in cui mi muovo, per conoscere, ed a cui ho sempre fatto ritorno».

Luciana De Luca per il giornalismo
Ritira il premio Antonella Dodaro, premia Renato Guzzardi - Raccontare la mafia dando voce a chi non c’è più; è questo l’obiettivo che la giornalista Luciana De Luca, volutamente, si è dato. Si può combattere il male — e le mafie lo sono — presentando il dolore dei familiari delle vittime innocenti, che anche dopo anni, non riescono a far rimarginare le ferite. Il ricordo del male ricevuto, condiviso sulle pagine de Il Quotidiano del Sud è sicuramente una grande arma educativa, per sconfiggere gli uomini del malaffare.

Tommaso Caporale per il giornalismo enogastronomico
Premia Lidia Matera - Il compito di un bravo comunicatore è quello di presentare cose e fatti della vita di tutti i giorni. Spiegare al grande pubblico la produzione vinicola della Calabria, è raccontare la storia stessa della nostra regione, dove tutto ci parla di produzione, commercializzazione, ma soprattutto della grande socialità che nasce attorno ad una bottiglia di buon vino calabrese.

Per conoscere Cassiodoro: "l'ultimo romano e il primo europeo" e il suo Vivarium, centro di alta spiritualità e insieme di cultura viva, visita il sito  www.premiocassiodoro.eu

Info, programma e rassegna stampa dell'ottava edizione su www.settimanadellacultura.com

******

A Camigliatello Silano l’ottava edizione della Settimana della cultura calabrese

 

Da domenica 27 agosto a domenica 3 settembre 2017

CONOSCERE, STUDIARE E RACCONTARE

LA CALABRIA  È GIA’ CAMBIARLA

 

Concesso da parte della Regione Calabria il patrocinio gratuito:

«interesse pubblico e manifestazione di rilievo regionale»

Da domenica 27 agosto a domenica 3 settembre, la Casa del Forestiero a Camigliatello Silano (nella centralissima via Roma) ospiterà il quartier generale dell’ottava edizione della Settimana della cultura calabrese, organizzata dall’Universitas Vivariensis, per promuovere la nostra cultura a 360 gradi. 
Quest’anno il tema sarà: Conoscere, studiare e raccontare la Calabria è già cambiarla. Otto giorni con un intenso programma di visite guidate per ammirare le bellezze naturali dell’Altipiano Silano, incontri, presentazioni di libri (un centinaio le personalità invitate tra intellettuali, scrittori, poeti, politici, vescovi ed uomini di Chiesa), filmati, musiche ed inoltre mostre, mercatino del modernariato e visioni notturne delle stelle. Le mostre e le esposizioni sono una caratteristica della Settimana della cultura calabrese; come ogni anno è presente lo stand della Comunità “Don Milani” di Acri, con i propri prodotti, molti dei quali ricavati dall’allevamento del baco da seta. Poi l’esposizione libraria sull’editoria calabrese e appuntamento fisso con il librodivino, l’accoppiata libri e vino calabrese per «brindare insieme alle buone letture».

Quest’anno è giunta, agli organizzatori una lettera da parte del presidente della Regione Calabria, che con una missiva così scrive: «Considerata la significativa rilevanza culturale, l’interesse pubblico e il rilievo regionale della manifestazione, valutata la coerenza dell’avvenimento con le finalità istituzionali della Regione Calabria e con i principi di crescita economica e culturale della comunità calabrese concede il patrocinio gratuito per l’evento Settimana della cultura calabrese».

L’editore cosentino Demetrio Guzzardi, che è il patron della manifestazione, ci tiene a sottolineare: «Ogni anno alla cerimonia inaugurale proponiamo la cultura del ricordo, nell’edizione 2017 ricorderemo lo storico dell’arte Giorgio Leone, scomparso lo scorso dicembre. Verranno assegnati anche il Premio “Gustavo Valente” per la ricerca storica e il Premio “Franco Locanto” per la politica come servizio». A proposito di premi, domenica 3 settembre la kermesse si concluderà con la consegna del Premio Cassiodoro, riconoscimento a personalità che operano e risiedono in Calabria, che si sono distinte nella ricerca e nell’elaborazione culturale, economica e sociale; la manifestazione è giunta quest’anno alla XV edizione.

Da non perdere, il pomeriggio di sabato 2 settembre, il settimo Torneo nazionale dello strummulu, il gioco che piace agli adulti, ma anche ai più piccoli. Quattro le categorie: ragazzi dai 4 ai 14 anni, uomini dai 15 ai 64 anni, nonni dai 65 ai 99; ed un’unica per le donne. Da quest’anno la gara è dedicata alla memoria di Giovanni Turano, che più volte, nelle edizioni passate si è aggiudicato il primo premio nella categoria dei nonni.

Il presidente dell’Accademia dei giochi tradizionali, Pietro Turano, lancia nuovamente la sfida per battere il record, che resiste da qualche anno: «Occorre far girare la trottola di legno per 2 minuti e 44 secondi; i vincitori del torneo saranno solennemente portati in trionfo sulla sedia del papa, come si usava fare fino a qualche tempo fa».

TUTTO IL PROGRAMMA E LE INFO SU: www.settimanadellacultura.com

Gioco e tradizione

A settembre si gioca a ru Strummulu e a u’Brigghjiaru

Sabato il settimo torneo nazionale del gioco tradizionale più famoso

Maccaturu, Morra, Stiriddru, Petruzze, Cucuzzaro, Ruaddru… Sono tutti giochi della tradizione nostrana, praticati in diverse parti del mondo da comunità più o meno grandi di giocatori, ma anche all’interno della nostra regione sono chiamati in modo differente in base alle zone.

Tutti insieme formano un patrimonio culturale enorme che deve essere conservato in quanto ritenuto parte fondamentale della cultura di un territorio, come riconosciuto anche dall’UNESCO nella Carta Internazionale del Gioco Tradizionale e nella Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale, stesi rispettivamente nel 2003 e 2007. Documenti ufficiali che hanno galvanizzato sempre più le associazioni locali che si occupano della riscoperta, valorizzazione e salvaguardia dei giochi tradizionali calabresi.
In testa l’Accademia dei Giochi Tradizionali di Redipiano in San Pietro in Guarano (Cs) capitanata da Pietro Turano che, tra le altre attività, da otto anni è presente nel segmento ludico pomeridiano della Settimana dellacultura calabrese dal titolo Come giocavano i nostri nonni.

Se nelle olimpiadi la regina delle specialità è l’atletica leggera, il re dei giochi tradizionali è sicuramente u strummulu (la trottola di legno realizzata al tornio). Ne rende tale il suo fascino, la sua tradizione millenaria — se ne ha ricordo fin dai romani — la sua difficoltà e un pizzico di cattiveria (secondo la tradizione il “pegno” che spettava al perdente era la distruzione della trottola da parte dagli altri giocatori). Sabato 2 settembre 2017, con inizio alle 16,30 a Camigliatello Silano (Cs) si svolgerà il settimo torneo nazionale du Strummulu dedicato alla memoria di Giovanni Turano.

Il torneo è suddiviso in 4 categorie: la prima dedicata ai ragazzi dai 4 ai 14 anni, l’altra categoria è quella degli uomini dai 15 ai 64 anni. Spazio anche alle donne. Ma la categoria più attesa è quella dei nonni da 65 a 99 anni.
Resta da battere il record di Federico Donnici, che lo scorso anno, cronometrato da giudici ufficiali, ha realizzato 2’54”78.

I vincitori saranno portati in trionfo sulla… «sedia del papa», come si usava fare qualche anno fa.

Ospiti d’onore quest’anno l’Associazione Fossatesi nel mondo di Montebello Jonico (Rc). L’associazione guidata da Domenico Pellicanòpartecipa annualmente, come rappresentante per la Calabria, al Tocatì, Festival internazionale dei giochi di strada di Verona. Lo scoro anno i “fossatesi” sfidarono proprio allo strummulu (in cosentino) o rrummulu (in reggino) la delegazione cinese giunta a Verona come ospiti internazionali. Le sfide individuali ed a squadra si basarono sul far uscire la peg-top (trottola in cinese) dei rivali da un cerchio disegnato a terra e prove di durata ed equilibrio. Nella partecipazione 2017, dal 15 al 17 settembre, si cimenteranno in U’Brigghjiaru. Una antichissima versione del moderno bowling dove i birilli vengo atterrati lanciando u’brigghjaru, ovvero la palla.

Il 21 e 22 settembre a Pieve Emaunele, nell’hinterland milanese, si svolgeranno le Olimpiade della Magna Grecia con gli alunni delle scuole elementari e medie del milanese e pavese. Le gare concludono il progetto didattico alla scoperta dei giochi antichi svolto con la collaborazione dell’Associazione Culturale Magna Grecia di Pieve Emanuele, l’Associazione dopolavoro ferroviario di Milano e l’Accademia dei giochi tradizionali.

******

La mostra del pittore cosentino Massimo Melicchio


Segni mediterranei

Dipinti su tela di juta per ricordarci che il Mediterraneo è un mare
che DIVIDE e non SEPARA mondi e culture diverse

Dall’8 al 14 agosto 2017 nel Chiostro municipale a San Lucido (CS)

Verrà inaugurata martedì 8 agosto alle ore 19,00 nella splendida cornice del chiostro del municipio di San Lucido, in anteprima nazionale la mostra di dipinti del poliedrico artista cosentino Massimo Melicchio: 29 opere realizzate per l’occasione, con tecniche miste su juta.
L’esposizione è stata patrocinata dall’Amministrazione comunale di San Lucido, dalla Pro loco e dalla galleria d’arte Ellebi; è inserita nel programma ufficiale delle manifestazioni estive della ridente cittadina tirrenica.
Nella serata inaugurale, interverranno: Amalia Gnisci, vice sindaco; Emanuela Moscato, vicepresidente della Pro loco di San Lucido; Marilena Sirangelo, Galleria Ellebi; sarà presente l’artista. Nel corso della serata è prevista una performance musicale di Marco Saverio Cofone.
L’obiettivo della produzione pittorica di Massimo Melicchio è di divulgare una forma d’arte straordinaria, peculiare dell’Africa, che non è possibile trasportare e quindi non si può vedere nei musei.  È il tentativo di entrare un attimo in un’Africa poco vista, nelle case e nello spirito di popoli molto orgogliosi e pieni di dignità. L’artista si è lasciato sedurre dai segni che le donne tracciano sui muri delle loro case, dall’arte che è per loro un gesto naturale. Le opere presenti , tecniche miste su tela di juta, ritraggono, la sua personale interpretazione, di una cultura rurale e indigena, contaminata da elementi e segni delle avanguardie storiche e di artisti contemporanei. Opere senza tempo, segni trasportati da una sponda all’atra del mediterraneo come costruzioni fragili e sabbiose dove mani infantili, come quelle di tutti i bambini del mondo, hanno modellato i ricordi della loro vita quotidiana: una foglia, un pesce, un cerchio, i numeri , una figura umana oppure semplici lettere.
Un viaggio attraverso quella linea blu, il mare che divide ma non separa anzi facilita, il dialogo tra mondi e culture diverse, attraverso segni tattili di preponderante attualità.

L’artista Massimo Melicchio sarà protagonista giovedì 10 agosto «in chiostro creativo» per un incontro ludico creativo dedicato ai bambini.

La mostra, terminerà lunedì 14 agosto 2017, l’ingresso è libero secondo i seguenti orari: 10-12 e 19-22.

Info: www.massimomelicchio

 

 

Steiner: "In viaggio sulle rotte di Corto Maltese". Su Repubblica dal 4 al 13, l'inedita 'Equatoria'

Per festeggiare i 50 anni del marinaio avventuriero, una nuova storia sceneggiata da Juan Diáz Canales e disegnata da Rubén Pellejero, in esclusiva sul nostro giornale, in dieci inserti estraibili. Lo scrittore amico di Hugo Pratt: "Importante che venga letto dai giovani, per evitare il conformismo e l'omologazione"

di ALESSANDRA BALLA

31 luglio 2017

Articoli correlati

La nuova storia inedita di Corto Maltese, 'Equatoria' firmata dagli spagnoli Juan Diaz Canales e Ruben Pellejero, sarà in regalo sul quotidiano dal 4 al 13 agosto. Hugo Pratt ha creato il personaggio nel 1967. Da allora il "gentiluomo di fortuna" è stato protagonista di vicende ambientate nei primi decenni del '900 tra oceani e continenti diversi. 'Equatoria' è la loro seconda prova con l'eroe di Pratt, ambientata in Africa.

Sono passati cinquant'anni dalla sua prima storia, Una ballata del mare salato. Ma Corto Maltese resta lo stesso. Con il suo metro e 83 di altezza, il fisico asciutto e quell'orecchino a sinistra in segno di anarchia. Ma dietro quell'antieroe che solca i mari, insieme cinico e romantico, c'è tutto il talento del grande Hugo Pratt.

E ora, mentre il personaggio festeggia il mezzo secolo su Repubblica, a ripercorrere le sue origini e le sue avventure è lo scrittore italiano che lo conosce meglio, Marco Steiner. Legato da una profonda amicizia e collaborazione con Pratt, tra il 2014 e il 2015 ha scritto due romanzi su Corto:Corvo di Pietra e Oltremare, entrambi pubblicati da Sellerio.

 

 

 

4° Convegno Numismatico e Filatelico partenopeo

                        22/23 Settembre 2017

Manifestazione di numismatica, filatelia, cartamoneta, si svolgerà a Napoli, venerdi 22 Settembre 2017 e sabato 23 Settembre 2017 all'interno della sala dell'Hotel Mediterraneo, in Via Ponte di Tappia n° 25, Napoli.
Con la presenza di qualificati operatori del settore e periti, che metteranno in esposizione autentiche rarità: monete, francobolli, banconote, decorazioni militari, accessori e raccoglitori per collezioni.

Sarà possibile acquistare, periziare, vendere. Ampio parcheggio, ampia sala, ambienti confortevoli, possibilità di prenotare camere a tariffa agevolata.

Gli orari di apertura e chiusura:

Venerdi 22 Settembre 2017

Ore 14:00/18:30

Sabato 23 Settembre 2017

Ore 9:30 alle 18:30

Ingresso Libero

Per ulteriori informazioni, contatti e prenotazioni:

Circolo Numismatico Partenopeo

Antonio Rennella

telefono (+39) 3384469946

Antonio Cava

telefono (+39) 3498901963

 

 

Buongiorno, vi inviamo le domande per le edizioni 2017 di Natalissimo Forlì, Gonzaga e Cesena.
Qui di seguito viene data una descrizione molto sintetica per ogni fiera.

NATALISSIMO FORLI’ – 18/19 NOVEMBRE 2017

Dopo il grande successo della scorsa edizione, abbiamo deciso di migliorare alcuni aspetti organizzativi, alcuni già testati molto positivamente, e di rendere Natalissimo Forlì ancora più interessante con alcuni interventi strutturali. Le prenotazioni sono già numerose, pertanto se interessati, meglio inviare la domanda - Costi (+iva): € 50,00 al metro lineare + € 50,00 d’iscrizione. - Biglietto ingresso: intero € 4,50, over 70 € 3,50, bambini gratis, parcheggi gratis.

NATALISSIMO GONZAGA (MN) – 25/26 NOVEMBRE 2017

Grande novità di quest’anno è Natalissimo Gonzaga, naturale proseguimento di Christmas Village che si è tenuto per anni presso la Fiera Millenaria di Gonzaga. Si tratta di un evento molto interessante e frequentato dal pubblico che abbiamo intenzione di consolidare e rafforzare sotto molti aspetti, specialmente pubblicitari, cercando di non stravolgere nulla, in accordo con gli espositori storici. Costi (+iva): € 50,00 al metro lineare + € 50,00 d’iscrizione. Biglietto ingresso: intero € 5,00, over 70 € 4,00, bambini gratis, parcheggi gratis.

NATALISSIMO CESENA – 8/9/10 DICEMBRE 2017

Natalissimo Cesena si svolgerà all’interno della fiera di Cesena a Pievesestina, nei giorni 8/9/10 Dicembre, approfittando del fatto che il giorno 8 è festa. A Cesena non è la prima volta che si fa una fiera natalizia, però sono già almeno 4/5 anni che non è in calendario, quindi ci aspettiamo un buon successo di pubblico. Costi (+iva): € 50,00 al metro lineare + € 50,00 d’iscrizione. Biglietto ingresso: intero € 4,50, over 70 € 3,50, bambini gratis, parcheggi gratis.

CONDIZIONI ECONOMICHE

Gli espositori che parteciperanno a 2 o 3 fiere, godranno di uno sconto così stabilito: Partecipazione a 2 fiere: sconto 10% sul costo dell’ultima fiera - Partecipazione a 3 fiere: sconto 20% sul costo dell’ultima fiera - Si valuteranno eventuali altre soluzioni.

Per tutte le fiere, verrà richiesto un acconto del 50% da versare entro un termine che verrà comunicato in seguito, mentre il restante 50% (saldo) potrà essere pagato in fiera, prima dell’allestimento, oppure qualche giorno prima della manifestazione, per evitare la coda in segreteria. Anche in questo caso, verranno forniti i dettagli a mano a mano che arriveranno le domande.

Per il momento NON VERSATE ACCONTI, in quanto Vi diremo noi quando farlo.

COME VERRANNO ASSEGNATE LE POSTAZIONI.

NATALISSIMO FORLI’ - Agli espositori storici verrà mantenuta la stessa postazione, a meno che non desiderino spostarsi. Di norma, chi occupava una posizione durante l’ultima edizione, questo vale per tutti, può mantenere quella, diversamente si deve mettere in contatto con l’organizzazione per studiare una nuova collocazione. Ai nuovi espositori verrà assegnata una posizione in base all’articolo che venderanno in fiera, cercando di non andare in conflitto con altri che hanno articoli simili. In ogni caso, le posizioni saranno sempre accompagnate da una piantina con cui poter decidere insieme la posizione definitiva.

NATALISSIMO GONZAGA (già Christmas Village) - Agli espositori storici verrà mantenuta la stessa postazione, a meno che non desiderino spostarsi. Va tenuto presente che la piantina potrebbe subire alcune modifiche, pertanto la postazione potrebbe non essere esattamente la stessa, ma spostata di poco. Di norma, chi occupava una posizione durante l’ultima edizione, questo vale per tutti, può mantenere quella, diversamente si deve mettere in contatto con l’organizzazione per studiare una nuova collocazione.

Gli espositori che si trovavano all’esterno, saranno collocati all’interno, per evitare problemi di maltempo. Ai nuovi espositori verrà assegnata una posizione in base all’articolo che venderanno in fiera, cercando di non andare in conflitto con altri che hanno articoli simili. In ogni caso, le posizioni saranno sempre accompagnate da una piantina con cui poter decidere insieme la posizione definitiva.

NATALISSIMO CESENA - In questo caso la fiera è nuova e tutta da costruire, pertanto i primi che manderanno la domanda potranno collocarsi dove meglio desiderano, fermo restando le ns. regole generali, ovvero non possiamo mettere vicini espositori con articoli simili.

In ogni caso, le posizioni saranno sempre accompagnate da una piantina con cui poter decidere insieme la posizione definitiva.
Sarebbe molto gradito, da parte Vs., un cenno di riscontro per sapere se parteciperete a una o più fiere, in modo da impostare già una piantina provvisoria.
Per qualsiasi chiarimento, dubbio o semplice informazione potete scriverci a idealfiere@gmail.com oppure chiamare il numero qui sotto, anche durante i festivi e fuori orario d’ufficio, per garantirvi la massima disponibilità e assistenza.

Vogliamo arrivare a questi 3 importanti appuntamenti nel migliore dei modi !

Cordiali saluti.

Mirco e Massimo
Idealfiere Srls - 3403871811

 

 

A Perugia (Monteripido) i politologi italiani a convegno

Si terrà dal 6 all’8 settembre, presso l’antico convento di Monteripido, nei pressi di Perugia, la tre giorni organizzata dalla «Rivista di Politica», diretta da Alessandro Campi ed edita da Rubbettino, intitolata “Gli incontri di Monteripido”. L’iniziativa, in collaborazione con la rivista «Storia del Pensiero Politico», con l’Istituto di Politica e il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Perugia, vedrà la partecipazione di numerosi studiosi che si confronteranno su temi di grande attualità: dal populismo all’America di Trump; dall’attuale situazione geopolitica del Mediterraneo alla ridefinizione del concetto di Democrazia senza tralasciare gli aspetti più teorici e metodologici della politologia e della scienza politica.
Molti i relatori che interverranno ai numerosi dibattiti provenienti sia da diverse università italiane che estere.
Un’occasione importante per approfondire argomenti e tematiche che in un mondo sempre più interconnesso come il nostro coinvolgono sempre più direttamente e in maniera sempre più chiara e consapevole la vita quotidiana delle persone.

Il programma dettagliato può essere scaricato cliccando qui

Antonio Cavallaro
Ufficio stampa
Cell. 327 4792173
Tel. 0968 6664275
e-mail: antonio.cavallaro@rubbettino.it

 

 

GOVERNI E TERREMOTI

Nei momenti difficili si vede l'efficenza di uno stato

Il 23 luglio del 1930 un violentissimo terremoto (6,7 Scala Richter), peggiore di quello analogo del novembre 1980 (6 Scala Richter), colpì la Basilicata, la Campania e la Puglia. Interessò 50 comuni e 7 provincie. I morti furono 1.400 e circa 50.000 i senzatetto. Tuttavia, la gigantesca catastrofe fu assorbita in brevissimo tempo grazie alla predisposizione di un "Piano di emergenza e soccorso" elaborato dal Governo per affrontare eventuali cataclismi.

Nel giro di pochissime ore fu attuato il trasferimento di tutti gli uffici del Genio Civile e del personale tecnico nella zona terremotata.

Il Ministro delle Opere pubbliche Araldo Di Crollalanza per tutto il periodo della ricostruzione non si allontanò mai dalla zona sinistrata, prese alloggio sul treno speciale attrezzato di viveri e mezzi di scavo, indumenti e tende che faceva la spola tra le varie aree disastrate.

In meno di 24 ore i 63 centri colpiti dal sisma nelle 7 provincie furono raggiunti dal convoglio dei soccorsi.

Dopo quattro giorni dal terremoto era stato completato l'allestimento della tendopoli per i 50.000 sfollati, mentre squadre di tecnici e di operai avviavano su tutto il territorio colpito operazioni di scavo, rimozione delle macerie o abbattimento dei muri pericolanti e, da subito, si iniziò la costruzione di case in muratura con criteri antisismici, evitando in tal modo le inospitali e comunque costose baracche che avrebbero rimandato ad un avvenire imprecisato l'edificazione di vere e proprie case.

Ma il resoconto della cronaca di quei tragici giorni colpisce e fa scalpore per un altro incredibile aspetto, se consideriamo che ci stiamo riferendo ad avvenimenti accaduti settanta anni fa, con la tecnologia e con i mezzi meccanici dell'epoca.

Il 28 ottobre, tre mesi dopo il terremoto, il Ministero delle Opere pubbliche presenta un inconfutabile resoconto:

consegnate 3.746 case in muratura - riparate 5.190 case lesionate - demoliti 2.500 fabbricati - Lacedonia e Aquilonia che videro distrutto il 70% degli edifici furono completamente ricostruite.

Otretutto spendendo meno di quanto stanziato.

Da notare che l'opera di assistenza alle popolazioni colpite fu gestita totalmente dallo Stato con i suoi uomini e non scaricata, come avviene oggi, sulle spalle dei volontari.

Altri tempi e altri uomini mi si dirà : purtroppo è¨ vero.

Gianfredo Ruggiero, presidente Circolo Culturale Excalibur

Per saperne di più è disponibile il libro di Gianfredo Ruggiero "LA FORZA DELLE IDEE". Per informazioni cliccare QUI

 

 



Puoi vederlo su Youtube

e su Facebook

*******

 

9 Luglio 2017 - Mite ed umile di cuore

La Parola di Domenica 9 luglio 2017  ( Matteo 11, 25-30 )

    In quel tempo, Gesù disse: “Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenute nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. 
Sì, Padre, perché così è piaciuto a te.
Tutto mi è stato dato dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare.
Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò.
Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime.
Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero.

Il mondo è pieno di sapienti e di intelligenti!
E parlano, parlano, parlano sempre. Normalmente però parlano solo fra di loro, perché fra di loro si intendono…non per niente sono sapienti ed intelligenti!
Capita di incontrarli spesso e di sentirli spesso…sì, perché loro fanno i protagonisti e tengono banco che è un piacere. E quando non ce la fanno più o quando ‘passano di moda’, beh, allora si inventano un qualche scandalo o una qualche rissa o un qualche ‘reality’ e così tornano a fare i protagonisti…ma sempre da “sapienti ed intelligenti”!
Il Cristo invece ha una ‘parola’ di contentezza perché almeno il Padre, la “Parola” l’ha voluta raccontare per primo ai ‘piccoli’, a loro per primo ha fatto ‘vedere’ il Figlio…
Del resto non aveva grandi scelte, perché la categoria dei ‘sapienti e degli intelligenti’ era troppo impegnata a comandare, a fare soldi, a divertirsi, a parlare!
Al Cristo invece interessano gli ‘affaticati’ e gli ‘oppressi’, non perché non sono sapienti ed intelligenti, ma per il semplice fatto che la fatica e la sfortuna della vita sta impedendo loro di guardare, di capire, di reagire.
Lui lo sa bene che ‘tutti’ sono stati creati con l’intelligenza e la sapienza, ma le cose nelle vita non sempre vanno come si vorrebbe e non sempre la colpa è personale…ed allora…
Ed allora Lui vuole “ristorarci”, cioè vuole ridarci la dignità di persone create “a sua immagine e somiglianza” e che quindi non sono venute al mondo per morire di fatica o per essere messe sotto i piedi dal prepotente di turno o dal ‘bullo’ di turno.
Il suo “ristorarci” fa parte essenziale della Sua “missione”, è il Suo modo di volerci bene.
La Sua proposta allora per ‘vincere’ nella vita è quella di metterci addosso il suo ‘giogo’, che è la Sua Parola, unica in grado di farci star bene, unica in grado di ridarci il sorriso e la speranza e la dignità di persone libere.
Il suo “giogo” da “prendere sopra di noi è davvero il Suo Vangelo, è la Sua Croce che porta alla Risurrezione, è la fatica ‘seria’ quindi, quella fatica che porta frutti di libertà e di amore.
Certo che Lui non ci promette autostrade o seggiovie o scale mobili…lo fanno già “i sapienti e gli intelligenti”, a Lui non va di prenderci in giro.
Il Signore Gesù ci invita a farci “carico” di Lui, a prendercelo addosso…perché il Signore Gesù è la salvezza, è la Vita.
Buona vita. Un grande abbraccio. Don Gigi Pini

                                                                                          (tratto falla pagina Facebook di don Gigi)

 

- XIV DOMENICA MITE E UMILE DI CUORE

- Puoi vederlo su Youtube


e su Facebook

 

 

La Parola di Domenica 2 luglio 2017 ( dal Vangelo secondo Matteo )

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: 
«Chi ama padre o madre più di me non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me. 
Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.
Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato. 
Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto. 
Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».

   Mi piace poter 'pensare' a queste Parole del Vangelo di Matteo...riandando al "ricordo" di Pietro e Paolo: festa appena vissuta due giorni fa.
   Pietro chiamato a seguire Gesù mentre stava facendo il suo mestiere di pescatore sul mare della Galilea.
   Paolo chiamato a seguire Gesù mentre stava andando a Damasco per arrestare i cristiani e portarli “in catene” a Gerusalemme.
   Pietro, uno che Gesù lo ha frequentato lungo tutti gli anni nei quali il Maestro era ‘in missione’.
   Paolo, uno che Gesù non lo aveva mai visto ma ne aveva sentito parlare molto e male.
Pietro, ebreo che viveva tranquillo la sua dimensione religiosa come facevano tutti al paese, a Cesarea.
Paolo, uno che si sentiva ebreo fino in fondo ed era arrabbiato perso per quello che Gesù di Nazareth aveva fatto e detto.
Pietro e Paolo: così uguali e così diversi. Entrambi tutti d’un pezzo, sinceri e grintosi nel loro credere e però con due ‘retroterra’ che non si assomigliano proprio.
Pietro, il primo degli Apostoli, Paolo l’Apostolo delle genti.
Amici non sempre d’accordo ma sinceramente impegnati nella ricerca della verità.
Compagni di predicazione e di preghiera.
Insieme hanno condiviso insulti e prigionia, ma insieme, fino alla fine, sono stati “testimoni” del Signore Gesù.
Pietro e Paolo, due che hanno saputo ascoltare la “voce”, quella “voce” che li chiamava a diventare “servitori” fedeli ed entusiasti della Parola.
Pietro e Paolo, due che non ci mettono niente ad “andargli dietro”, a “seguire” il Maestro.
Ognuno rimarrà se stesso, non si svenderanno a niente e a nessuno.
Entrambi con un solo obbiettivo in testa e nel cuore: non tradire il Maestro.
Pietro ci aveva provato ma ha saputo tornare indietro.
Paolo lo aveva combattuto ma ha saputo ‘ascoltare’ la Voce.
Due persone così ci possono dare la carica per ‘rischiarla’ anche noi la ‘vocazione’ di cristiani, anche noi ‘quelli di Cristo’, il Figlio del Dio vivente, anche noi capaci di "accoglierlo".
Buona vita con Lui al centro. Un grande abbraccio. Ciaoooo – don Gigi

Commento di don Gigi Pini pubblicato sulla sua pagina di Facebook

 

2 Luglio 2017 - NON ABBIATE PAURA

- Puoi vederlo su Youtube

e su Facebook

******

25 Giugno 2017 - Non abbiate paura

La Parola di Domenica 25 giugno 2017 ( Matteo 10, 26-33 )


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “Non temete gli uomini poiché non v’è nulla di nascosto che non debba essere svelato, e di segreto che non debba essere manifestato.
Quello che vi dico nelle tenebre ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio predicatelo sui tetti.
E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; temete piuttosto colui che il potere di far perire e l’anima e il corpo nella Geenna.
Due passeri non si vendono forse per un soldo?
Eppure neanche uno di essi cadrà a terra senza che il Padre vostro lo voglia.
Quanto a voi, perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati; non abbiate dunque timore: voi valete più di molti passeri!
Chi dunque mi ricocerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli”.

“Non temete”…Non abbiate paura!
Se uno come Lui ci fa questa raccomandazione, vuol dire che “avere paura” è una di quelle cose che possono succedere.
E infatti succede.
Sì, succede che abbiamo paura di farci riconoscere come cristiani: 
. paura di essere presi in giro perché si va a Messa o all’oratorio;
. paura di essere ‘isolati’ perché facciamo dei ragionamenti che abbiamo imparato da Lui;
. paura di essere considerati ‘buoni’ perché va di moda essere un po’ ‘cattivi’;
Lui sa bene che tutto questo lo possiamo “temere”, ed allora l’invito è di “non temere”…perché Lui sarà un Amico fedele e riconoscente.
Va anche oltre.
Il Signore infatti sa che possono anche ucciderci per il semplice fatto che siamo dei “suoi”. E succede appunto così in giro per il mondo, e succede anche adesso che qualcuno venga ucciso perché considerato dei “suoi”.
Il Signore lo sa e ci dice ancora di “non temere”.
Tutto questo non è facile, ma non è impossibile…la prova sta nel fatto che anche oggi ci sono milioni di persone che non hanno paura di “predicarlo dai tetti” e “alla luce”.
Non si tratta di fare i bulli o gli arroganti o i fondamentalisti, ma si tratta di essere semplicemente e felicemente suoi testimoni.
Testimoni di Lui, “suoi” e non di noi stessi!
L’invito è sempre quello: scegliere.
Scegliere fra il buio e la luce, scegliere fra Lui e gli altri.
La conseguenza di tutto questo sarà il suo atteggiamento finale: “Anch’io vi riconoscerò” o “Anch’io vi rinnegherò”.
Si potrà dire tutto del Signore Gesù ma non si potrà mai dire che Lui non sia stato chiaro nel parlare e nel prevenire le nostre paure.
Il problema non è “avere paura”, ma lasciarsi vincere dalla paura e ripiegare così su strade diverse.
Buona vita. Un grande abbraccio. Ciaooooo

commento scaricato dalla pagina Facebook di don Gigi Pini


******

 

18 Giugno 2017 - Corpus Domini





Puoi vederlo su Youtube


e su Facebook

******

La Parola di Domenica 18 giugno 2017 – Corpus Domini

Santissimo Corpo e Sangue di Cristo  ( Giovanni 6, 51-58 )


In quel tempo, Gesù disse alla folla dei Giudei: “Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita nel mondo”.

Allora i Giudei si misero a discutere tra di loro: “Come può costui darci la sua carne da mangiare?”. 
Gesù disse: “In verità, in verità vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avrete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me e io in lui. 
Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia di me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo, non come quello che mangiarono i padri vostri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno”.


Mangiare è una questione di vita o di morte…e non una questione di linea o di dieta.
Noi si è imparato a mangiare ‘bene’, a mangiare ‘sano’ per avere un corpo ‘in salute’ e ‘in forma’.
Avere rispetto per il proprio corpo e averne cura è un dovere oltre che un diritto…ma dovrebbe valere per tutta la gente del mondo!!!
Tutto questo lo capiamo molto bene, anche se non sempre è così scontato, visto che l’obesità e l’anoressia sono problemi di questa nostra civiltà occidentale!
Il “mangiare” dell’anima invece è una questione che il più delle volte ci lascia assolutamente indifferenti. Sembra infatti che non ‘dia nell’occhio’ la denutrizione o l’obesità dello spirito.
Sembra!
I risultati invece di questo strano digiuno o di questa strana dieta è la quantità di male e di malessere e di odio e di indifferenza che ogni giorno ci viene raccontato, scritto e che vediamo intorno a noi.
Insomma non è un digiuno senza conseguenze.
Noi, così innamorati della vita, non dovremmo fare fatica a capire che c’è un Pane indispensabile per starci dentro in questa vita e per viverla nell’unico modo vero e sensato che è quello dell’Amore.
Ma come fai ad Amare, a “dare la vita”, se non hai un’anima che trova la sua forza nel Pane da mangiare, che si nutre di Lui.
Esattamente come risulta impossibile lavorare o fare sport o semplicemente vivere se smetto di mangiare e di bere…così risulta impossibile “vivere Amando” come Lui ci ha insegnato se non “mangio Quel Pane”.
Funziona per l’anima la stessa regola che funziona per il corpo: vive bene o vive male in relazione a quello che mangia o non mangia.
Lui si propone come il Pane della vita.
A me la decisione di non pensare che ne possa fare tranquillamente a meno.
Sarebbe come scegliere di ‘morire’ e noi abbiamo invece una grandissima voglia di vivere.
Come sempre, il ‘gioco’ è nelle mie mani, nella mia libertà di scegliere.
Non potrò mai avere paura di “scegliere la vita per sempre”.
Buona vita. Un grande abbraccio. Ciaooooooooooo

Don Gigi

******

La Parola della Domenica (Giovanni 3, 16-18)

In quel tempo, Gesù disse a Nicodemo: “Dio ha tanto amato il  mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia vinto la vita eterna
Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui.
Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’ungenito Figlio di Dio”.

“Credere” è la grande sfida.
…e sembra però non essere più di moda.
Siamo disposti a credere all’oroscopo, ai segni zodiacali, ai maghi di turno, alle carte e al gatto nero…ma non va più di moda “credere” in Dio, non va più di moda “credere” nel Figlio e ancora meno nello Spirito Santo.
La questione però è che “credere” non può essere una ‘moda’.
Oggi quindi ci viene proposta la ‘globalità’ della nostra fede: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.
E’ nel loro “nome” che noi siamo stati battezzati e nel loro “nome” noi iniziamo e chiudiamo tutte le nostre Messe e ancora nel loro “nome” siamo mandati nel mondo; è nel loro “nome” che noi siamo perdonati ed è nel loro “nome” che noi iniziamo a pregare.
Si continua a ripetere “nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”, e però rischiamo di continuare a vivere nel ‘nome’ del denaro, del potere, del sesso, del successo…e per tutto questo siamo disposti a tutto; sì, ci crediamo talmente tanto che siamo disposti a fare le guerre, a uccidere, a odiare, a isolare e a tradire.
Vivere allora questa domenica, tutte le domeniche, per riconfermare la nostra voglia di “credere”, per riconfermare il nostro pregare giorno dopo giorno;
- per riconfermare il nostro impegno nella vita nel Suo nome;
- per riconfermare la voglia di costruire e vivere i nostri progetti nel suo nome;
- per riconfermare la nostra disponibilità ad essere strumenti di pace e di amore nel suo nome.
Domenica importante perché ci ricorda di avere un Dio Creatore e Padre, un Gesù Figlio che salva e uno Spirito Santo che ama…insomma ci ricorda che non siamo soli nella scommessa della vita.
“Credere “ non sarà mai una questione di moda, ma una scelta di vita nell’Amore.
Buona estate. Buona vita. Un grande abbraccio. Ciaooooooooo

don Gigi


 

Carissimo/a puoi donare l’5x1000, a favore di ASS.NE MARIAGABRIELLALASTILLA - ROMA pro BURKINA-FASO ONLUS a te non costa nulla; devi solo inserire il codice del beneficiario C.F. 97442950586 apponendo la tua firma. GRAZIE

 

 

Martedì 11 Luglio 2017

 

Ultimi articoli:

- Nella Festa di SAN BENEDETTO, Patrono d'Europa

IL DOMINATORE DEI BARBARI - IL SOLE DI MONTECASSINO 

L'uomo ha in realtà una legge scritta da Dio dentro al cuore;obbedire è la dignità stessa dell'uomo, e secondo questa egli sarà giudicato(Gaudium et Spes, n.16)

- SAN BENEDETTO - EVANGELIZZATORE E PATRONO DELL'EUROPA
 http://ora-et-labora.net/iltempodisanBenedetto.html

- I CENTO ANNI DI FATIMA CI RICORDANO IL VALORE DEL SACRIFICIO COMEDONO D'AMORE - INTERVISTA A PADRE LEONARDO MARIA POMPEI - di BENEDETTA FRIGERIO

- IL RICORDO DELL’OFFERTA DELLA VITA DI UNA MAMMA PER LA NUOVA EVANGELIZZAZIONE DELL’EUROPA - Testo visionabile all’indirizzo Internet
www.lavocecattolica.it/dedica.sito.htm

DALLA LETTERA “SCRITTA” ALLA MAMMA DI GESU’NELL’ULTIMO GIORNO DELLA MIA MAMMA TERRENA (10 luglio 2005, ore 23.05)

 

Domenica 6 Luglio 2017

Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio

Sopra le malsane paludi si stende un cielo immenso di bellezza


IL CIELO SULLA PALUDE

Santa Maria Goretti: martire della purezza

ESEMPIO ANCHE PER LE GENERAZIONI DI OGGI

Ultimi articoli:

- DAL DISCORSO DEL SANTO PADRE GIOVANNI PAOLO II AI FEDELI RIUNITI NEL PORTO DI ANCONA - Porto di Ancona, 8 settembre 1979


-  SANTA MARIA GORETTI - MARTIRE DELLA PUREZZA

- “Sopra le malsane paludi e il fango del mondo si stende un cielo immenso di bellezza” - DISCORSO DI SUA SANTITÀ PIO XII AI FEDELI CONVENUTI - A ROMA PER LA  CANONIZZAZIONE DI SANTA MARIA GORETTI - Piazza San Pietro – Sabato, 24 giugno 1950

- A FALCONARA MARITTIMA DI ANCONA - PARROCCHIA SANTA MARIA GORETTI - Via Ugo Foscolo, 8 - INVITO A PARTECIPARE ALLA FESTA DELLA PATRONA DELLA PARROCCHIA - dal 3 al 9 luglio 2017

 

- DI FRONTE ALLA MORTE IMPROVVISA VERSO L'ETERNO SENZA PECCATI ADDOSSO - Un importante articolo di Enrico Cattaneo


- “ENTRATE PER LA PORTA STRETTA” (Mt 7,13) - "Se la via fosse larga nessuno si darebbe premura..."

- Le profezie di Nostra Signora del Buon Successo (di Cristina Siccardi) 

 

www.telemaria.it

*******

Domenica 25 Giugno 2017

Ultimi articoli

 
- IL MIRACOLO DELL'APERTURA DEGLI OCCHI DELL'IMMAGINE DI MARIA "REGINA DI TUTTI I SANTI" IN ANCONA 

Un documento storico inedito della RELAZIONE UFFICIALE del 1796  (Cfr. documento originale del 6 luglio 1796 in Internet www.lavocecattolica.it/occhidimaria.htm)

- LA LETTERA DEI QUATTRO CARDINALI CON LA RICHIESTA DI UDIENZA A CUI NON E' STATA DATA ANCORA ALCUNA RISPOSTA

- Mons. NICOLA BUX - CRISI, DIVISIONI, APOSTASIA - É NECESSARIA UNA PROFESSIONE DI FEDE DEL PAPA, COME PAOLO VI

- DI FRONTE ALLA MORTE IMPROVVISA - VERSO L'ETERNO SENZA PECCATI ADDOSSO - Un importante articolo di Enrico Cattaneo

******

Domenica 18 Giugno 2017

Nell'Anno Centenario delle apparizioni di FATIMA (1917-2017)

IL PANE VIVO DISCESO DAL CIELO

IN MARIA VERGINE

NELLA SANTA CASA DI NAZARETH

www.telemaria.it

Ultimi articoli:

- Dal Vangelo secondo Giovanni (6,51-58)

- LA SOLENNITA' DEL "CORPUS DOMINI" DALLA VISIONE MISTICA AL MIRACOLO EUCARISTICO DI BOLSENA 

- LA STORIA DEL "CORPUS DOMINI"

- RIFLESSIONI SULL'EUCARISTIA dai "QUADERNI" di Maria Valtorta

 - NEL SANTUARIO LAURETANO LA PIU' GRANDE OPERA DELLO SPIRITO SANTO 

Dalla Lettera di SAN GIOVANNI PAOLO II nel VII Centenario della Miracolosa Traslazione della Santa Casa

******

Domenica 11 giugno 2017

Nell'Anno Centenario delle apparizioni di FATIMA (1917-2017)


LA SANTA CASA TABERNACOLO DELLA SS.ma TRINITA'


Maria alle Tre Fontane:
"IO SONO COLEI CHE SONO NELLA TRINITA' DIVINA"


www.telemaria.it

 

Ultimi articoli:

 

- L'AMORE TRINITARIO MUOVE IL COSMO - Benedetto XVI, Angelus, 7 giugno 2009


- NELLA SANTA CASA - SANTA VERONICA GIULIANI IMMERSA NEL MISTERO TRINITARIO - SANTA VERONICA GIULIANI E I SUOI “VOLI MISTICI” NELLA SANTA CASA DI LORETO


- IO SONO COLEI CHE SONO NELLA TRINITA' DIVINA - Le apparizioni di Maria a Roma alle "Tre Fontane" a Bruno Cornacchiola

- IL VEGGENTE - IL LUOGO DELLE APPARIZIONI - LE APPARIZIONI E I MESSAGGI -

- LA POSIZIONE DELLA CHIESA E I SEGNI DI AUTENTICITÀ

- LE APPARIZIONI PREANNUNCIATE 10 ANNI PRIMA A UNA MISTICA Luigina Sinapi

- SAVERIO GAETA - Il Veggente - Il segreto delle Tre Fontane - Edizioni Salani, Milano, 2016 - pp. 238, € 13,90. - Adriano Salani Editore S.p.A.: Via Gherardini 10 - 20145 Milano
 
Recensione di Don Curzio Nitoglia pubblicata su https://doncurzionitoglia.wordpress.com/2016/04/20/segreto-3-fontane/

- LA SANTISSIMA TRINITÀ NEL DIARIO DI SANTA FAUSTINA KOWALSKA

 

 

LA GRANDE LEZIONE DEL PICCOLO CHARLIE

Sabato primo luglio ho partecipato nel Cimitero di Gallarate al seppellimento dei bambini abortiti nell'Ospedale di quella città. Mi è venuto spontaneo pensare a quanti piccoli Charlie Gard sono stati seppelliti quel giorno, dopo essere stati uccisi con l'aborto tra l'indifferenza dei Mass Media. Ma, soprattutto, ho riflettuto sulle tante persone anestetizzate dal fatto che l'aborto sia ormai ritenuto un diritto dei genitori, non un delitto, come invece era considerato prima della Famigerata e iniqua legge 194, che ci sta rendendo complici di oltre 500 bambini uccisi nel grembo materno ogni giorno.

E’ stato emozionante in questi giorni seguire la storia di Charlie Gard, che nonostante così piccolo e malato, è riuscito a smuovere il mondo intero. Dobbiamo però renderci conto di quello che il piccolo Charlie da un letto di Ospedale ci vuole dire e cioè:

Che i bambini non si toccano, anzi di più, giù le mani dalla vita umana, in tutti i momenti, dal concepimento alla morte naturale, perché ogni vita umana è Sacra, Intangibile, Inviolabile e Non Negoziabile.  Che chi non si prodiga ad impedire un’ingiustizia, ne è complice. 
Che non devono essere i giudici o le leggi a stabilire la verità delle cose, che nessun giudice e nessuna legge umana può arrogarsi la pretesa di decidere se una vita sia degna o meno di essere vissuta.

Che senza rispetto per l’uomo non si costruisce una civiltà: senza rispetto per il più debole e indifeso non c’è pace.
Che il diritto alla vita dipende dall'essere vivo e creato ad immagine di Dio, non dall'essere gradito o ritenuto normale.
Che è ora di smettere di far credere alla gente che sui temi della Vita debba esserci opposizione fra laici e cattolici: non è necessario essere credenti per difendere la vita, basta essere uomini, perché la stessa ragione dice che non si può uccidere.
Che l’accoglienza per non essere ipocrita deve avvenire già nel grembo materno, perché anche se un bambino è piccolo e non lo si vede, va ugualmente tutelato.
Che siamo stati generati nell'amore e nella libertà, che non possiamo negare a chi, dopo di noi è chiamato a venire alla vita.
Che dobbiamo restare umani, perché come dice Benedetto XVI: "Lo sguardo che porto sull'altro decide della nostra umanità".

Questo è infine l’insegnamento che ci sta lasciando il piccolo Charlie: sta scuotendo fin dalle più profonde fondamenta quanti si impegnano senza compromessi in difesa della Vita, affinché si prodighino sempre più nella propria missione, mentre si appella alla ragione di quanti la distruggono perchè desistano da questa follia, che conduce al dissolvimento della nostra civiltà.

Per informazioni Giorgio Celsi, cell. 346 7035866

«Difendi la Vita, rinascerà la Speranza» - http://www.oraetlaboraindifesadellavita.org/
https://www.facebook.com/giorgio.celsi
ti preghiamo di diffondere fra i tuoi contatti le iniziative di "ORA et LABORA in Difesa della Vita" a difesa della vita dal concepimento alla morte naturale

******

Vi invito a promuovere e partecipare alle iniziative a

Difesa alla Vita

del mese di Luglio 2017 organizzate dall’Associazione  " Ora et Labora in Difesa della Vita".

- 5   Luglio – Mercoledì  e 20 Giugno–Martedì  dalle ore 10,30 alle ore 14 ingresso Ospedale S.Maria di Loreto a Mare di Napoli, sito in Via Comunale del Principe 13/A - Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.

- 10 Luglio – Lunedì  dalle ore 8,00 alle ore 12,00 ingresso Ospedale Gaetano Rummo di Benevento in via del Cogliano, presso il Padiglione “San Pio” -  Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.

- 7  Luglio - Venerdì e  18  Luglio–Martedì dalle ore 9,30 alle ore 12,00 - Ospedale San Massimo a Penne (Pescara), sito in Via Battaglioni 1 - Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia. 

- 8   Luglio – Sabato dalle ore 8,30 alle ore 12,30 - Ospedale San Giuseppe Moscati, ad Avellino, sito in Contrada Amoretta - Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.

- 10  Luglio – iniziativa “Giornata per la Vita” davanti agli Spedali Civili di Brescia (Ospedale che sarebbe veramente “civile” se solo non sopprimesse i bambini nel grembo delle loro mamme) sito in Piazzale Spedali Civili 1, in sostegno agli Obiettori di coscienza e per la Conversione del personale abortista; inizio iniziativa alle ore 7.00 (con la possibilità di partecipare alla Messa nella Cappellina dell’Ospedale alle ore 7.00) termine iniziativa ore 24

- 14  Luglio – Venerdì dalle ore 7,30 alle ore 11,00 presso il Presidio Ospedaliero Sant'Antonio Abate di Cantù (CO) in via Domea 4  - Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia.

- 14  Luglio – Venerdì  e  26 Luglio – Mercoledì dalle ore 9,00 alle ore 12,00 - Ospedale Civile S. Spirito, a Pescara, via Fonte Romana, 8 - Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia. 

- 28  Luglio - Venerdì dalle ore 7,00 alle 12,00 - Ospedale Nuovo San Gerardo, a Monza, via Pergolesi, 33 - Preghiera per la Vita in riparazione al grave delitto dell’aborto volontario e dell’eutanasia. 

 Iniziativa “CamminiAMO per LA VITA” mese di Luglio

➨ Pescara – Sabato 29/Luglio/2017 – Presso il Santuario della Divina Misericordia del Sacro Cuore, sito in Corso Umberto, ci si ritrova alle ore 15,00 in Chiesa per l’Esposizione del Santissimo, poi un gruppo che rimarrà per l’Adorazione e un altro andrà per le strade del centro città per la testimonianza (possibilmente si potrebbero fare anche i turni) ci si riunisce poi tutti in chiesa alle ore 18,00 per la Santa Messa.

➨ Varese – Sabato 22/Luglio/2017  presso la chiesa di San Vittore, in Piazza Canonica (zona pedonale), ci si ritrova alle ore 14.00 davanti alla chiesa. Alle 14.30 inizierà la preghiera in chiesa, poi ci sarà un gruppo che rimarrà in chiesa e un altro che andrà per le strade del centro della città per la testimonianza (Eventualmente si potrebbero fare anche i turni) ci si ritrova poi tutti alle ore 18.00 per la Santa Messa.  

«Ho trovato il modo per far cessare gli aborti in tutta Italia: andare a pregare di fronte agli Ospedali». “Noi dobbiamo rendere pubblico quello che avviene nel silenzio degli Ospedali”. Questa preghiera diventa un segno grande perchè noi diciamo: "Se uccidono tuo fratello, tu cosa fai? Corri là, dove questo succede e lo rendi visibile a tutti perchè gridi: "Uccidono mio fratello, uccidono mio fratello, aiutatemi!!"Il fatto è che la società è anestetizzata. Che cosa accadrebbe se un giornale domani titolasse a sei colonne: “Ieri cinque bambini uccisi nell'ospedale della nostra città”. Direbbe una cosa vera?» 

                                                                                                      Don Oreste Benzi

Per info: 3467035866 Giorgio Celsi Presidente Associazione "Ora et Labora in Difesa della Vita" - http://www.oraetlaboraindifesadellavita.org/

 

 

GIOVEDI' 22 GIUGNO ALLA CAMERA DEI DEPUTATI: CONFERENZA "L'ALTRA CINA- VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI, IN MEMORIA DI HARRY WU"

Giovedì 22 giugno alla Camera dei deputati, ore 11:00
Giovedì 22 giugno alle ore 11:00 avrà luogo alla Camera dei deputati la conferenza "L'altra Cina: violazione dei diritti umani, in memoria di Harry Wu".

L’evento si pone nell’ambito della giornata organizzata in ricordo di Harry Wu, il Solgenitsin cinese, un anno dopo la sua morte, avvenuta in circostanze misteriose.

Alla conferenza interverranno l’on. Alessandro Pagano, Aldo Forbice, Gianni Da Valle, Evaristo Cicatiello, il presidente della Comunità tibetana in Italia, prof. Chodup Tchiring Lama e Tseten Longhini, presidente associazione donne tibetane in Italia. Modererà Toni Brandi, presidente dell'associazione ProVita Onlus nonché fondatore della Laogai Research Foundation Italia.

Dopo 19 anni rinchiuso nei laogai - veri e propri campi di concentramento in Cina -, Harry Wu è riuscito miracolosamente a fuggire in USA e lì, a Washington, ha fondato la Laogai Research Foundation che ha rivelato al mondo l’orrore dei “lager del III millennio”. Nel 2005, Toni Brandi ha fondato la Laogai Research Foundation in Italia che tuttora si batte per denunciare in Occidente le sistematiche violazioni dei diritti umani che subisce da 70 anni il popolo cinese, tra le quali c'è la persecuzione dei Cristiani, sotto gli occhi distratti e conniventi dell’Occidente.

Per l'accreditamento fare uso del sistema di accrediti stampa della Camera al seguente link: https://accreditogiornalisti.camera.it/cameraAccreditiGiornalisti/ . Agli uomini è richiesto di presentarsi in giacca e cravatta.

(Per maggiori informazioni rivolgersi all'Ufficio stampa della Camera: 0667602125 - 2866).
Lo rende noto l’ufficio stampa di ProVita Onlus. - http://www.notizieprovita.it

Ufficio Stampa ProVita Onlus
Via della Cisterna 29 
38068 Rovereto (TN) - Italia / Italy
Mail: ufficiostampa@provitaonlus.org 
@ProVita_Tweet
Sito: www.notizieprovita.it

Per informazioni: tel. 346 7786500 / 345 4388867
Form richiesta diretta - http://www.notizieprovita.it/contatti

 

 

DEMETRIO GUZZARDI

CONOSCERE IL MONDO DELLE ICONE VICINO CASA NOSTRA

Secondo itinerario di YPAPANTI’ BIZANTINI

L’Universitas Vivariensis e la Parrocchia bizantina italo greco albanese “Santissimo Salvatore” di Cosenza, hanno inteso organizzare una serie di incontri (YPAPANTI’) per far conoscere al grande pubblico la spiritualità e la bellezza delle icone bizantine.

Dopo la prima tappa di Acquaformosa, Lungro e Firmo, SABATO 1 LUGLIO, si terrà il secondo appuntamento che prevede la visita alle chiese di Santa Sofia d’Epiro, San Demetrio Corone e Macchia Albanese.

Il programma prevede: il raduno dei partecipanti alle ore 15 davanti l’ingresso dell’Autostrada SA-RC lato Madonnina (auto proprie). Dalle 16 alle 17.30 visita alle Chiese di Santa Sofia d’Epiro; dalle 18 alle 19.30 quelle di San Demetrio Corone (compresa la Chiesa romanica di Sant’Adriano); dalle 20 alle 20.45 nella frazione di Macchia Albanese. Alle 21 a San Demetrio al Casale Guzzardi, i partecipanti si fermeranno per una cena al sacco.

Nel mese di settembre è prevista una nuova uscita per conoscere le Chiese bizantine di: San Cosmo Albanese, Vaccarizzo e San Giorgio Albanese.

Per ulteriori informazioni contattare i numeri: 347.4829232; 338.4092988

https://issuu.com/deguzza/docs/proiezione_icone

 

LIBERA IN CALABRIA due giorni intensi

per riaffermare i principi di solidarietà e legalità

 

Il 4 luglio a Santa Maria del Cedro (CS)

e il 5 luglio a Reggio Calabria con don Luigi Ciotti

Nel primo appuntamento, previsto martedì 4 luglio alle ore 19,00 a Palazzo Gabriele Marino a San Maria del Cedro (CS), alla presenza di don Marcello Cozzi, dell’Ufficio di presidenza di Libera Nazionale, di don Ennio Stamile, referente regionale di Libera  e del sindaco Avv. Ugo Vetere, a distanza di un anno dall’operazione “Frontiera” che ha sgominato il clan Muto di Cetraro, si è organizzato un incontro formativo ed informativo, anche in previsione della nascita del presidio di Libera nel territorio del Tirreno cosentino, sul tema: Racket ed usura, sistema ed impero.
L’aggressione mafiosa all’economia ed al territorio. Già il titolo stesso è emblematico, oltre che provocatorio, di un sistema ben consolidato tra le ‘ndrine calabresi che attraverso un articolata rete di usura e di racket egemonizzano l’economia territoriale, impedendone di fatto un vero e pieno sviluppo.
L’operazione “Frontiera”, ha chiarito come l’egemonia territoriale nel Tirreno cosentino, si estendeva oltre i confini della Calabria e conglobava diversi settori dell’economia locale. L’incontro è aperto a tutti, in modo particolare a quelle realtà associative operanti sul territorio, privati cittadini ed imprenditori, che intendono formarsi per il presidio Libera che sarà intitolato a Lucio Ferrami.

Nel secondo appuntamento, previsto per il giorno successivo, mercoledì 5 luglio alle ore 18,00, nel centro Don Orione a Reggio Calabria sarà rilanciata alla presenza di don Luigi Ciotti, del prefetto di Reggio Michele di Bari, del sindaco Giuseppe Falcomatà e del procuratore della Repubblica, Federico Cafiero De Raho, oltre che di don Ennio Stamile, referente regionale di Libera che modererà l’incontro, l’iniziativa ReggioLiberaReggio. La libertà non ha pizzo,
una campagna di civiltà, nata a Reggio Calabria nel 2010 per promuovere una rivoluzione socio-economica e culturale sul territorio calabrese. Si tratta della prima campagna antiracket e di consumo critico promossa da un coordinamento territoriale di Libera, che mira a restituire speranza e a costruire spazi di economia legale, ad affermare i principi di legalità e solidarietà a cui dovrebbe ispirarsi una società responsabile ed eticamente orientata.
La campagna muove dal basso, e rilancia la propria attività dopo un lungo processo di riflessione ed approfondimento delle tematiche trattate, oltre che di ascolto ed accompagnamento nel cammino difficile e di liberazione di molti imprenditori dal potere mafioso. Tra le sue priorità l’opposizione al racket delle estorsioni, messo in atto dalle organizzazioni criminali di stampo ‘ndranghetistico, mediante strategie di contrasto fondate su metodi non violenti e sulla tutela del libero esercizio dell’attività d’impresa, sulla garanzia degli interessi e delle prerogative degli operatori economici e dei cittadini-consumatori che aderiscono a ReggioLiberaReggio.

 

All’Ambasciata di Palestina a Roma

venerdì 23 giugno 2017

presentazione del volume di Olimpia Regina

pubblicato dall’Editoriale Progetto 2000

Appuntamento letterario da non perdere, venerdì 23 giugno 2017, a Roma presso i locali dell’Ambasciata Palestinese in viale Guido Baccelli, 10, dove alle ore 19, l’ambasciatore di Palestina in Italia, Mai Alkaila presenterà il libro di Olimpia Regina “Squarci di Palestina” edito dalla casa editrice cosentina Progetto 2000.
Oltre all’autrice, calabrese di Orsomarso, ma da anni residente a Scalea, interverrà il presidente dell’associazione “Oltre il mare” Patrizia Cecconi.
Il libro di Olimpia Regina è un racconto della Palestina da lei incontra in più viaggi, con un registro narrativo davvero interessante: il mondo medio orientale letto con gli occhi di una donna e con la voce dei più importanti poeti palestinesi.

L’ambasciatore ha voluto donare un proprio scritto, che è pubblicato nelle prime pagine del testo.

L’OCCUPAZIONE MILITARE UNA VERA BRUTALITÀ

di Mai Alkaila - Ambasciatore di Palestina in Italia

«Questo libro di Olimpia Regina cerca di illustrare la realtà della vita dei palestinesi sotto occupazione. È una narrazione di una cittadina italiana che ha vissuto due anni in un villaggio palestinese, dove ha constatato da vicino, purtroppo, come il popolo palestinese sia costretto a subire la brutalità dell’occupazione militare della sua terra. Un popolo sul quale viene esercitato ogni tipo di repressione, confische delle terre per costruire insediamenti, demolizioni di case, sradicamenti di olivi, usurpazione delle acque, il muro dell’apartheid, umiliazioni di ogni tipo, arresti, uccisioni, eliminazioni a sangue freddo, distruzioni di case delle famiglie e attacchi a luoghi di culto (chiese e moschee), attacchi intensificati ultimamente come sta accadendo a Gerusalemme nella moschea di Al Aqsa. L’autrice è riuscita in modo semplice a riportare i comportamenti di Israele, delle sue forze militari di occupazione e dei suoi coloni.

Il libro è un’importante testimonianza dell’esperienza diretta e quotidiana della scrittrice, che, fra l’altro, denuncia l’atteggiamento ed il sostegno degli Stati Uniti ad Israele e l’impotenza della comunità internazionale di fronte alla prepotenza di Israele che continua ad ignorare tutte le risoluzioni delle Nazioni Unite ed il suo Consiglio di sicurezza e continua a non rispettare le leggi internazionali che tutelano i diritti dell’uomo.
Voglio ringraziare Olimpia Regina per la sua umanità e la sua sensibilità davanti a tale ingiustizia. Sono sicura che questa testimonianza toccherà il cuore e la mente di ogni lettore».

 

 

Nel giorno del 36° anniversario delle prime apparizioni della Madonna a Međugorje, DOMINUS PRODUCTION porta ufficialmente in Italia un libro straordinario, Il Mio Cuore Trionferà, la prima autobiografia di Mirjana Soldo, che inquadra il contesto storico e politico in cui sono avvenute le apparizioni di Međugorje.

Il libro ci immerge nella profonda misericordia di Dio e ci dona la bellezza dell'abbraccio materno di Maria, nostra Madre e prima testimone di CRISTO.

Il libro è ordinabile su www.dominusproductionstore.com oppure chiamando lo 055.0468068 dal Lunedi al Venerdi dalle 8.30 alle 17.30 o scrivendo a negozi@dominusproduction.com  Le spedizioni dei libri ordinati saranno effettuate a partire dal 24 Giugno su tutto il territorio Italiano, con priorità alle richieste di spedizione veloce.


*****

Continua il tour di presentazione del meraviglioso film GOD'S NOT DEAD 2 che sarà a PALERMO Giovedì 29 Giugno ore 21 presso l' UCI CINEMAS PALERMO - Via Filippo Pecoraino, 90100, 90124 Palermo e a MESSINA Lunedi 3 Luglio ore 21.30, presso l'UCI CINEMAS MESSINA - Centro Commerciale Tremestieri, Strada Statale 114, Km 6,200, 98125 Messina.

Ispirato a una causa legale reale GOD'S NOT DEAD 2 affronta il delicato tema della difesa del diritto alla libertà di espressione e di opinione. Il film evidenzia inoltre il pericolo di manipolazione delle informazioni da parte dei principali media e invita lo spettatore ad interrogarsi sui grandi valori della vita, arrivando a domandarci... quanto siamo disposti a rischiare per difendere la Verità?

Sito del film: www.godsnotdead2.it
Clip film: https://www.youtube.com/watch?v=yMabvIy0vXg
Clip film: https://www.youtube.com/watch?v=jhBwoXrPJyY
Materiale Stampa:
https://www.dropbox.com/sh/a5b9j4dhpnmlegj/AAAi5FreRbFGYCLD9cBImv5qa?dl=0

Puoi visionare o ordinare gli altri prodotti Dominus Production su www.dominusproductionstore.com oppure chiamando lo 055 0468068 dal Lunedi al Venerdi dalle 8.30 alle 17.30. Per maggiori informazioni www.dominusproduction.com

 

 

Domenica 18 giugno 2017, ore 18.30, a Settimo di Pescantina (Vr): Chiesa di Sant’Antonio in Via A. Bertoldi 17 (Villa Bertoldi) a Settimo di Pescantina (Vr).  Santa Messa cantata in lingua latina e in rito romano antico, a suffragio dei caduti delle Pasque Veronesi e degli abitanti del paese di Pescantina, assassinati dalla repressione napoleonico-giacobina. Con l’intervento di militi veneziani nelle divise storiche e in armi d’epoca, con spari a salve.

Trattasi dell’ultimo evento delle celebrazioni della grande Insorgenza veronese e veneta contro Bonaparte, consegnata alla storia come Pasque Veronesi, per il corrente anno 2017, nel 220° anniversario. In fondo i links che rimandano a una breve storia degli eventi.

Per il Comitato per la celebrazione delle Pasque Veronesi                                                                                                                                         

Il Segretario                                                                                                        Maurizio-G. Ruggiero

                                                                                                                                               347/3603084

http://www.traditio.it/PASQUE%20VERONESI/2014/aprile/8/storia.pdf

http://www.traditio.it/PASQUE%20VERONESI/pasque2007/luglio/30/IT.pdf

 

 

Minniti e Prodi alla prima presentazione de “Il buio su Parigi” di Giovanna Pancheri

- Scarica la copertina - Chiedi una copia saggio per recensione

Parterre delle grandi occasioni per la prima presentazione del libro della giornalista SKY Giovanna Pancheri “Il buio su Parigi” prevista per il prossimo 18 luglio alle 18,30 al Centro Studi Americani di Via Caetani a Roma.
A discutere del libro saranno infatti il Ministro dell’Interno Marco Minniti; l’ex Presidente del Consiglio e della Commissione Europea Romano Prodi e l’ambasciatore del Marocco in Italia Hassan Abouyoub.
L’incontro sarà introdotto da Paolo Messa, direttore del Centro Studi Americani e moderato da Sarah Varetto, Direttore di SkyTg 24.

Giovanna Pancheri, Il buio su Parigi. Oltre la cronaca nei giorni del terrore, Rubbettino, pp. 156, € 15

Il buio su Parigi - scrive Giovanna Pancheri - non è un'analisi, non è un'inchiesta ma vuole «essere un racconto di quanto accaduto, dettagliato e vissuto in prima persona non solo da chi è stato tragicamente testimone diretto degli attentati del 2015, ma anche con il punto di vista di chi da inviato ha potuto seguire e coprire questi tragici fatti da vicino, sul campo. Il 7 gennaio, il 9 gennaio, il13 novembre chi scrive c'era, come c'era nei giorni seguenti tra le lacrime, il dolore, la rabbia, le candele, gli slogan urlati al cielo e le preghiere sussurrate. Ho visto il sangue sui marciapiedi, i fiori infilati nei fori lasciati dalle pallottole sulle vetrine dei ristoranti, ho intervistato i protagonisti e i testimoni, ho ascoltato la reazione politica prima francese e poi mondiale, ho visto la Francia e poi l'Europa cambiare sotto i miei occhi. L'annus horribilis della Francia ha dato il via ad una nuova epoca storica in Europa. Un'epoca oscura fatta di paura, chiusura e diffidenza. Il lettore potrà mettere insieme i frammenti, trovare il filo che lega i fatti e iniziare a comprendere che quando sono state spente le luci della Ville Lumière, il buio è iniziato a calare sull'Europa tutta».

Giovanna Pancheri è nata a Roma nel 1980. Giornalista e inviata di Sky TG24 dal 2005, è stata Corrispondente dal 2009 al 2016 per l'Europa per la stessa testata con base a Bruxelles. In questi anni, oltre a seguire la crisi economica e dei migranti dal cuore delle istituzioni, e come inviata nei principali paesi in difficoltà, ha coperto anche i più importanti fatti politici e di cronaca, dalla Brexit alle elezioni in Franca, in Germania e nel Regno Unito, passando per la gestione diplomatica delle crisi in Georgia, in Libia e in Ucraina fino alla copertura degli attacchi terroristici in Francia e in Belgio, che le è valsa premi e riconoscimenti della critica. Prima di Sky, ha lavorato in Rai e nei settori stampa e comunicazione della World Trade Center Association a New York, del World Heritage Center dell'Unesco a Parigi e come Policy Officer all'European Youth Forum a Bruxelles. Dal settembre 2016 è corrispondente per il Nord America. Vive a New York.

******

La vita spericolata dell’ebreo che invano supplicò Mussolini

Esce per Rubbettino «Lo “squalo” e le leggi razziali» di Gianni Scipione Rossi

Il libro verrà presentato presso la sede della Fondazione Spirito (Piazza delle Muse 25 - Roma) il prossimo 13 luglio alle 17,30

SCARICA COPERTINA - CHIEDI COPIA PER RECENSIONE

Gianni Scipione Rossi, Lo "squalo" e le leggi razziali. Vita spericolata di Camillo Castiglioni, Rubbettino, € 14,00.
“Riflettete, Duce, ve ne supplico, è la prima volta in vita mia che Vi rivolgo una preghiera, di più, una supplica! Una Vostra sola parola, un’eccezione per una ragione qualsiasi, come fecero spesso Lueger e Hitler, basterebbero per salvare me e mio figlio!” A firmare questo appello disperato – con “devozione profonda e immutabile” – nel settembre del 1938, è una straordinaria figura di industriale e finanziere, Camillo Castiglioni. Le leggi razziali stanno per essere varate. Le intenzioni di Mussolini sono ormai note. Castiglioni spera, appellandosi alla sua “bontà” di riuscire ad essere riconosciuto “non ebreo”.
Mussolini non gli risponderà.
Iscritto al Fascio di Vienna, ormai residente a Milano, Castiglioni, l’uomo che aveva dominato i mercati tra la fine della Grande guerra e gli anni Venti del Novecento deve affrontare gli anni più difficili di una vita vissuta sempre sulle montagne russe, come rivela il giornalista e storico Gianni Scipione Rossi nella biografia Lo "squalo" e le leggi razziali. Vita spericolata di Camillo Castiglioni (store.rubbettinoeditore.it, € 14,00), appena uscito in libreria.
Triestino, figlio del rabbino capo di Roma Vittorio, Castiglioni aveva raggiunto giovanissimo la capitale imperiale di Francesco Giuseppe. (continua)

Gianni Scipione Rossi, nato a Viterbo, vive e lavora tra Roma e Gubbio. Giornalista della Rai, ha diretto le testate Rai Parlamento (2010-2016) e Gr Parlamento (2013-2014). Dal 2003 al 2016 ha curato la rubrica televisiva “Le pagine della politica”. Studioso di storia contemporanea, è vicepresidente della "Fondazione Ugo Spirito e Renzo De Felice". Tra i suoi libri Storia di Alice (2010); Cesira e Benito (2007); Il razzista totalitario (2007); Mussolini e il diplomatico (2005); La destra e gli ebrei (2003); L'islam e noi (2002); Alternativa e doppiopetto (1992).

Per informazioni e richiesta copie saggio per recensione:

Antonio Cavallaro - antonio.cavallaro@rubbettino.it 0968 6664275 - 327 4792173

 

 

 

 

Festeggiate con noi 125 anni DOLFI

Sculture in Legno dal 1892

Siamo lieti di darvi il benvenuto alla più importante mostra internazionale dell’'Articolo
da regalo "TENDENCE" a Francoforte in Germania

 http://www.messefrankfurt.com/frankfurt/en/besucher/welcome/
messeveranstaltungen/messen/ consumergoods-leisure/tendence-2017.html?nc

Esporremo una le nuove Collezioni 2017/2018 ovviamente tutto fatto a mano dai nostri
  esperti artigiani della  Val Gardena con legni italiani dal 1892 www.dolfi.com
Con gran gioia ci auguriamo di potervi conoscere e condividere la nostra storia
a ssieme a voi.

Ci troverete al Padiglione 9.1 - Stand no.  E66 - Dal 24 al 27 giugno 2017
Orario di apertura dalle 10.00 alle 18.00

IL DOLFI TEAM - www.dolfi.com
Tel +39 0471 796239

 

 

http://www.suedtirol.info/storiedavivere?utm_source=Tradedoubler&utm_medium=
Newsletter&utm_content=General%20Nature&utm_campaign=IT%20Storytelling

 

 

COMUNICATO STAMPA





Presenze giudaiche nella Calabria grecanica: una proposta di itinerario

Parco Archeologico “Archeoderi” - Bova Marina (Reggio Calabria)
Chiesa dello Spirito Santo - Bova (Reggio Calabria)
Domenica 16 luglio 2017 – Ore 18.00

Domenica 16 luglio 2017, dalle ore 18.00, si terrà, al Parco Archeologico “Archeoderi” di Bova Marina (Reggio Calabria) e nella Chiesa dello Spirito Santo di Bova (Reggio Calabria), Presenze giudaiche nella Calabria grecanica: una proposta di itinerario, interessante percorso culturale finalizzato alla valorizzazione dei siti archeologici di questo antico e caratteristico territorio.

Porzione pavimento musivo

All’iniziativa,  indetta dal Parco Archeologico "Archeoderi " di Bova Marina in collaborazione con il Comune di Bova, interverranno: Francesca Crea, coordinatore commissione straordinaria comune di Bova Marina e Salvatore Patamia, segretario Regionale MiBACT per la Calabria, che porteranno saluti istituzionali; Rossella Agostino, direttore Museo e Parco Archeologico “Archeoderi” di Bova Marina, relazionerà su “Il Polo Museale per il Parco Archeologico di Bova Marina”; Pasquale Faenza, conservatore di Beni Culturali, si soffermerà su “Il mosaico pavimentale della sinagoga di Bova Marina – Restauri e ripristini tra il tardo antico e l’alto Medioevo”; Deborah Penchassi, esperta di storia dell’ebraismo in Italia, Lincoln Square Synagogue New York, U.S.A., che si intratterrà sul tema ”Dalle origini del popolo ebraico all’avvento della seconda diaspora”. In questa occasione l'AIAB (Associazione Italiana di Agricoltura Biologica) donerà simbolicamente al Parco archeologico due piante di bergamotto, pianta tipica del litorale ionico meridionale calabrese.

I lavori procederanno nella Chiesa dello Spirito Santo con il seguente programma: ore 21.00, saluti istituzionali di Santo Casile, sindaco di Bova; a seguire Chiara Corazziere, postdoctoral Researcher Università Mediterranea di Reggio Calabria, che tratterà “Comunità ebraiche in Calabria: storia di un patrimonio inespresso” e il già citato Pasquale Faenza che esporrà su “La Giudecca di Bova nel Rinascimento”.
Chiuderà questa importante giornata una visita guidata alla Giudecca di Bova.
Il Parco Archeologico “Archeoderi” di Bova Marina (Reggio Calabria), afferisce al Polo Museale della Calabria diretto da Angela Acordon.

Museo e Parco Archeologico “Archeoderi” – Bova Marina (Reggio Calabria)
Direttore: Rossella Agostino - mail: pm-cal.locri@beniculturali.it

Chiesa dello Spirito Santo - Bova (Reggio Calabria) - Domenica 16 luglio 2017 – Ore 18.00

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon - Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile)
Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246 - pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

D.ssa Rossella Agostino
Direttore Museo e Parco Archeologico “Archeoderi” – Bova Marina (Reggio Calabria)


D.ssa Angela Acordon
Polo Museale della Calabria - Direttore

 

COMUNICATO STAMPA

Incontri d’estate nell’antica Sybaris
Parco Archeologico di Sibari
Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide – Cassano all’Ionio (Cosenza)
13 luglio/18 agosto 2017

L’estate 2017 vede l’antico sito archeologico di Sibari, dove Zanotti Bianco avviò nel 1932 quelle ricerche che riportarono alla luce resti monumentali e un esteso complesso urbano che si riferiscono alle tre città sovrapposte di Sybaris, Thurii e Copiae (VIII sec. a.C. - VII sec.d.C.), il luogo di incontro fra archeologia, storia, teatro, poesia e musica.

Obiettivo di tale iniziativa non è solo quello di aumentare la fruizione del sito archeologico, ma anche di arricchirlo di eventi culturali.

Questo di seguito indicato il programma disposto di concerto tra il Polo Museale della  Calabria, l’amministrazione comunale di Cassano all’Ionio e Associazioni culturali del territorio:

13 luglio 2017, ore 21.00: “Calabria Evolution”, concerto a cura del Conservatorio musicale “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia in collaborazione con la scuola “Donizetti” di Mirto Crosia (CS).  
Spettacolo gratuito.   

23 luglio 2017, ore 21.00: “Calabria Blues Passion –XV Edizione del Memorial Marco Fiume”, a cura dell’Associazione musicale “Marco Fiume “, No - Profit di Rossano (CS).           
Spettacolo gratuito.   

29 luglio 2017, ore 21.00: “I Zigani” - Orchestra di Budapest a cura del Conservatorio musicale “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia.                     

11 agosto 2017, ore 21.00: “Medea”. Il teatro sulla nuda terra di Enzo Cordasco in collaborazione con ASAS diretta da Tullio Masneri.     
Spettacolo gratuito.   

12 agosto 2017, ore 21.00: “Sibari, la bellezza”, viaggio letterario a cura di Giuseppe De Rosis. 
Spettacolo gratuito.               

13 agosto 2017, ore 21.00: Concerto di canzoni napoletane interpretate da Mariangela D’Abbraccio a cura del Conservatorio musicale “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia in collaborazione con la scuola “Donizetti” di Mirto Crosia (CS).   

18 agosto 2017, ore 21.00: “il Toro cozzante”, presentazione dell’ultima collezione di Gerardo Sacco, ispirata dal famoso reperto archeologico, conservato presso il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide. A cura dell’Amministrazione comunale di Cassano all’Ionio.        
Spettacolo gratuito.   

Il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide afferisce al Polo Museale della Calabria diretto da Angela AcordoN

Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide – Cassano all’Ionio (Cosenza)
Direttore: Adele Bonofiglio - mail: pm-cal.sibaritide@beniculturali.it

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) - Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

COMUNICATO STAMPA



Museo di sera - Galleria Nazionale di Cosenza - Palazzo Arnone
Mercoledì 12 e mercoledì 26 luglio 2017


La Galleria Nazionale di Cosenza si unisce alle iniziative estive che stanno animando il centro storico cittadino proponendo nelle serate di mercoledì 12 e mercoledì 26 luglio due aperture straordinarie. In orari extra lavorativi sarà possibile godere delle collezioni, nella suggestiva atmosfera notturna di Palazzo Arnone.
A partire dalle ore 20.30 la Galleria offrirà ai visitatori e alle famiglie l’opportunità di poter giocare con l’arte. Grandi e piccoli potranno cimentarsi in una caccia ai dettagli da cercare nei dipinti. Saranno proiettati inoltre gli spot promozionali realizzati dagli studenti che hanno partecipato alle attività di alternanza scuola lavoro nel museo durante l’anno scolastico appena concluso.
Nei giorni 12 e 26 luglio 2017 la Galleria Nazionale di Cosenza modificherà pertanto l’abituale orario con il seguente: dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 23.30.

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) - Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

COMUNICATO STAMPA

Festa della musica - 21 giugno 2017 -  Varie Sedi

21 giugno: Festa della musica. Anche quest’anno, nel giorno del solstizio d’estate, sarà celebrata questa attesa ricorrenza, nata in Francia nel 1982, che ha lo scopo “… di favorire una migliore conoscenza delle realtà artistiche attuali dei propri Paesi, e di sviluppare gli scambi, in ambito musicale, tra i Paesi dell’Unione Europea …”
Il Polo Museale della Calabria, diretto da Angela Acordon, ha aderito proponendo le seguenti iniziative:

Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”di Vibo Valentia – (Vibo Valentia)
Interventi musicali a cura del Conservatorio “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia
Performance: ore 10.00 – 16.00 – 18.00
Direttore: Adele Bonofiglio
mail: pm-cal.capialbi@beniculturali.it      

Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide – Cassano all’Ionio (Cosenza)
Mostra ReSÒNAnT Ritmi e Suoni: l’Arte ritrovata  – Visitabile fino al 23 luglio 2017
La mostra si compone di pannelli e reperti archeologici, provenienti da diversi siti della Calabria, che hanno come argomento strumenti musicali.
Concerto: Ore 18.00
Ensemble di chitarre classiche, diretto dal maestro Domenico Nicoletti, dell’Accademia Musicale “Gustav Mahler” di Trebisacce (Cosenza)
Direttore: Adele Bonofiglio
mail: pm-cal.sibaritide@beniculturali.it

Museo Statale di Mileto – Mileto (Vibo Valentia)
Concerto di musica classica: ore 19.00
Programma concerto a cura del chitarrista Saverio Fogliaro
H. Villa-Lobos - preludio 1
                           studio 11
J. Rodrigo - passacaglia
A. Barrios Mangorè - Una Limosna por el amor de dios
I. Albeniz- Cataluna
J. Dowland- a fancy P 5
A. Tansman - variations sur un thème de Scriabin
R. Dyens –Fuoco
Saverio Fogliaro (13/07/1998) vive a Mileto in provincia di Vibo Valentia. Inizia lo studio della chitarra a 11 anni presso la scuola secondaria di primo grado di Mileto. In seguito frequenta i corsi del maestro Antonio Grillo presso il Cantiere Musicale Internazionale di Mileto e ha seguito corsi presso il Centro Chitarristico Palmese, l'Accademia di Pinerolo e l'Accademia pianistica "Incontri Col Maestro" di Imola. Ha frequentato masterclasses con concertisti di fama internazionale come Lorenzo Micheli, Matteo Mela, Arturo Tallini, Andrea De Vitis, Pavel Steidl e Thibaut Garcia. Attualmente frequenta il liceo musicale “Vito Capialbi” nella classe del prof. Filippo Polito e il corso accademico del conservatorio “F. Torrefranca” di Vibo Valentia con il maestro Andrea De Vitis. Ha tenuto concerti in diverse parti d'Italia tra le quali Bardonecchia (TO), Borgo Val di Taro (PR) e Imola durante il Summer Festival dell'Accademia Pianistica.
Si è classificato primo assoluto in svariati concorsi di interpretazione musicale tra cui il XXIII concorso G. Visconti di Roma, il XXVI e XXVII concorso Ama Calabria di Lamezia Terme, il VI concorso internazionale Amigdala di Catania, il XVIII concorso nazionale Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto, il IX concorso internazionale Moisycos di Aprilia (LT) e il II concorso chitarristico Primavera fra le Corde di Palmi.
Direttore: Faustino Nigrelli
mail: pm-cal.mileto@beniculturali.it

Polo Museale della Calabria - Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile) - Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

 

Angela Acordon

Direttore Polo Museale Calabria

 

 

Del Prof. Renzo Barbattini, il suo articolo, "L'ape, insetto prodigioso, è comparso ora, in spagnolo, sulla rivista "Vida Apicola"

 

 

Scopri di più: http://inedicola.gruppoespresso.it/prodotto/gli-audiolibri/?ref=ADIDM

 

 

 

 

 

 



 

 


 

 

*COLOMBO E LA RISCOPERTA DELL’AMERICA*


Dal 1990 inseguo la verità. Con quattro libri pubblicati e un sito ( www.ruggeromarino-cristoforocolombo.com ) in continuo aggiornamento. La VERITÀ su uno degli avvenimenti più importanti nel cammino dell’umanità: la “scoperta” dell’America. Dalla quale si fa iniziare l’era moderna e che rivoluzionò il corso degli eventi umani in pieno Rinascimento. Con l’avvento dell’ “otro mundo”, come giustamente lo chiamò Colombo, furono messi in crisi i dogmi della fede e cambiarono gli equilibri politici ed economici dell’Occidente.

Dopo oltre 25 anni sono giunto alla conclusione, sulla base di documenti ed innumerevoli indizi, che quanto ci hanno raccontato da 500 anni rappresenta il più grande inganno nella storia dell’uomo
Per continuare a fare luce in questo labirinto, dove la menzogna ha prevalso fino ad ora sulla verità non basta la tenacia del singolo senza il supporto di una spinta finanziaria, che consenta di continuare a vasto raggio le indagini. Acquisto di libri d’epoca e recenti, viaggi, l’aiuto di archivisti e paleografi, di ricercatori, l’apporto di un tecnico per l’aggiornamento del sito … sono necessari per andare avanti, per poter scardinare una tradizione ingessata nei secoli. In un impegno economico, che richiede un apporto esterno da parte di appassionati e non.
Per ricostruire un percorso costellato da personaggi fatti sparire o rimasti nell’ombra a cominciare dal papa “decaparecido”, che fu il vero “sponsor” di Cristoforo Colombo, il cittadino genovese Giovanni Battista Cybo, colpito da “damnatio memoriae” e che fu cancellato dal successore il famigerato Alessandro VI, Rodrigo Borgia. Uno spagnolo che consegnò il Nuovo Mondo agli spagnoli.
Mai come in quel tempo si cercava l’unità nella diversità, che doveva compiersi nella quadratura del cerchio non solo geografica, con il raddoppio del mondo conosciuto. E’ in vista di un ulteriore, speriamo definitivo, sforzo che facciamo appello a quanti possono essere in grado di sostenere e supportare in denaro questa sfida. L’investimento è a rischio, perché non è sicuro che ci sarà un ritorno.
Ma l’altra faccia della medaglia è l’opportunità, con i dovuti ringraziamenti che verranno messi nelle nuove pubblicazioni, di partecipare a riscrivere la storia. Per ricondurla sui binari della verità e della giustizia.
Non a caso Cristoforo Colombo scriveva “la verità trionfa sempre” e sulla sua tomba si legge: “Perché io non sia confuso in eterno”.
Grazie comunque.  *(leggi tutto sul link e fai una piccola donazione)*
https://www.gofundme.com/COLUMBUS-AND-THE-AMERICA-S-REDISCOVERY

FaceBook http://www.facebook.com/marino.ruggero.5
Google Plus https://plus.google.com/+RuggeroMarino

 

 

 




13 Luglio 2017

- Tombe rupestri munoumentali di Grotte Scalina (Viterbo) - Strada Tuscanese dopo il 10° km EVENTI - Leggi tutto

- Torna l'escursione alla faggeta di Bassano Romano - Eventi -
Leggi tutto

-
Haendel: Concerto col botto al Bulicame - Viterbo eventi - Touring Club - Leggi tutto

- Un mare pieno di meraviglie - Acquapendente -
Leggi tutto

- Pancrazio tra musica e teatro in scena per Teatri di Pietra - Sutri - Leggi tutto

- Sabato 15 luglio il grande clavicembalista Siebe Henstra, nella magnifica cornice della chiesa di San Pietro a tuscania, fa rivivere le trascrizioni manoscritte di Bach -
Leggi tutto

- A Bagnoregio
la magia di un galà equestre con Bartolo Messina come protagonista - Eventi - Leggi tutto


12 Luglio 2017

- A cura di Giancarlo Breccola gli eventi in Tuscia dal 13 al 14 Luglio 2017 - Eventi -Giovedì 13 luglio - ore 17,15 - Credito Valtellinese – via Cardinal Salotti - MONTEFIASCONE - Presentazione del libro di Vincenzo Marenghi - Leggi tutto

- Cinquantamila arrosticini a Fabrica di Roma per la Sagra della Pecora - Eventi - 14-16 luglio. Ancora qualche giorno e a Fabrica di Roma si rinnoverà l’appuntamento all’insegna dei piatti tipici locali e delle specialità della tradizione. - Leggi tutto

- XXX Sagra del Melone di Pescia Romana - Eventi - Leggi tutto

- Un libro su san Bonaventura pe gli ottocento anni dalla nascita - Bagnoregio LIBRI - Leggi tutto

- Ludika1243 fa pace con la storia: vincono i Guelfi - Viterbo Cronaca - Leggi tutto

- Visita guidata alla fondazione Carivit dove è esposto il Leggio barocco della Certosa di San Martino a Napoli - Viterbo Cronaca - Leggi tutto

- Esiti dell'ultimo esame sulla Crocifissione di Viterbo del Museo Colle del duomo - Viterbo Cronaca -

11 Luglio 2017

- IL RACCONTO - Osvaldo, uno come tanti, Tredicesimo racconto - Viterbo - Agostino G. Pasquali - Leggi tutto

- Il significato di felini ed uccelli nelle più antiche pitture funerarie etrusche - Veio Storia - Micaela Merlino -

- Roberto Faenza e "La verità sta in cielo" al Tuscia Fil Fest 2017 - Viterbo - Leggi tutto

- Bagnoregio rivive in una serata i suoi Anni '60 - Eventi - Cena di beneficenza, le migliori storie e tanta musica al Belvedere. - Leggi tutto

- Tradizioni e tesori dei piccoli borghi: Villa San Giovanni in Tuscia - Eventi - Leggi tutto

- Notti d'estate - La magia delle arti sotto il cielo etrusco - Tarquinia - Leggi tutto

- Haendel "Musica sull'acqua" al Bulicame - Viterbo Eventi - Ass.ne XXI secolo - Leggi tutto

- Musei on: si parte! - Latera-Gradoli Eventi - Leggi tutto

 

10 Luglio 2017

- L'Associazione Centro Studi "Cesare Dobici" organizza "Musica in giandino" a Viterbo, ma chi era Cesare Dobici? - Viterbo Eventi - Leggi tutto

- Gli eventi scelti da Giancarlo Breccola dall'11 al 13 Luglio 2017 - Tuscia Eventi - 11 luglio - ore 18.00 - Palazzo Roberteschi - via Vittorio Emanuele 3 - ORTE- Leggi tutto

- Il ricordo di Giorgio Faletti e il Premio Romiti junior a Ombre Festival - Leggi tutto

9 Luglio 2017

- Haendel, Concerto al Bulicame a bordo "callara" - Biterbo eventi - Leggi tutto

- La faggeta è patrimonio naturale dell'umanità, ma lì si trova il Sasso Naticarello, lo conosci? - Soriano nel Cimino - Leggi tutto

- Poesia: La felicità - di Matio Olimpieri - Cellere Poesia - Leggi tutto

- Istituto "Paolo Savi" di viterbo, tenuti due concerti a Santa Maria della Salute dal titolo: "Arte e Musica" - viterbo Cronaca -
Leggi tutto

- La faggeta vetusta dei Monti Cimini è patrimonio naturale dell'umanità - Viterbo Cronaca - Leggi tutto

- La sepoltura del Cardinale Nuzzi. Un esempio scultoreo tra influenze berniniane e cultura pozziana - Orte Eventi - Leggi tutto

8 Luglio 2017

- Vide-riflessione (traccia) 14 domenica ordinario A Per vedere il VIDEO clicca su Leggi tutto
La Parola di Dio VIDEO Per il Signore il centro è ai margini. Sceglie coloro che nessuno sceglie e che non vuole più nessuno.

- E' tornato a Viterbo San Tommaso d'Aquino e predica ancora sul "suo" pulpito accanto alla chiesa di Santa Maria Nuova - Viterbo CRONACA SCONVOLGENTE
Mauro Galeotti - Leggi tutto

- Regione Lazio: a Civita di Bagnoregio la terza edizione de "La cittò incantata" - Leggi tutto

- Gianni Amelio e La tenerezza al Tuscia film Fest 2017 - Viterbo cinema - Leggi tutto

- Torna l'emozione in piazza con "Sogni di luce" - Capranica eventi - Leggi tutto

- Codice Vulci: in mostra la forza poetica e generatrice dei simboli - Montalto di Castro Eventi - Leggi tutto

7 Luglio 2017

- Caffellatte - quattro amici che abitualmente si ritrovavano al Gran Caffè Scemardi, erano Armidoro, Zefferino, Gaudenzio e Annibale

Viterbo CRONACA DELLA CRONACA CASTRENSE - Avvocato Tascapane Luigi e non Luigi Tascapane - Leggi tutto

- A cura di Giancarlo Breccola gli eventi in Tuscia dal 7 al 9 Luglio 2017 - Leggi tutto

- All'Anfiteatro romano di Sutri omaggio a De Andrè degli Hotel Supramonte - 13 luglio 2017, ore 21.15 – Anfiteatro Sutri (VT) - Leggi tutto

- Teatro al chiostro - Un'estate tra danza, musica e teatro all'arena San Marco di Tarquinia. Al via il 13 luglio - Eventi - Leggi tutto

6 Luglio 2017

- A cura di Giancarlo Breccola gli eventi in tuscia dal 7 all'8 luglio 2017 - Eventi - Venerdì 7 luglio - ore 17.30 - Cascina/Scuderie – via della Cascina – CAPODIMONTE - Leggi tutto

- Eventi Art City 2017 nel viterbese. riscoprire la bellezza. Al tramonto e nelle sere d'estate - Roma Tuscania Caprarola Bagnaia... EVENTI - Leggi tutto

- Moby Dick Avventure, divagazioni e altre strategie sul tema di Melville - Leggi tutto

- I Mercatini del 600, manifestazione storica nata nel 1954 - Bassano Romano - Leggi tutto

- Bagnoregio: i ragazzi del Summer Camp accolti dal sindaco biagiotti - Civita di Bagnoregio pronta a far sognare con "La Città Incantata" - Eventi - Leggi tutto

 

5 Luglio 2018

- Video Inaugurazione del Teatro dell'Unione di viterbo è il 4 Luglio 2017 - Leggi tutto

- Open Art, cultura, storia, paesaggio, food con Raffaele D'Orazi - Grasffigniano Libri - Leggi tutto

- Vitorchiano Teatro 2017 - Eventi - Leggi tutto

- Luce come forma nella XIV ed. di Accenni - Leggi tutto

- Il dramma immortale di Caligola in scena a Teatri di Pietra - Viterbo Eventi - Leggi tutto

- Balthaus, Montecalvello e altri silenzi -Viterbo Libri - Leggi tutto

- XI ED. dell'evento "Passeggiata al chiaro di luna" - Soriano nel Cimino -

- Musei del Lago di Bolsena danno spettacolo . Eventi - Leggi tutto

4 Luglio 2017

- Il Racconto: Osvaldo, uno come tanti - Dodicesimo racconto di Agostino Pasquali - Leggi tutto

- Video Festa della Lavanda a Tuscania con l'attrice Laura Leo e la cantante Sofia Biordi - Tuscania Video - Leggi tutto

- Dizionario biografico degli "uomini illustri" della Tuscia - Viterbo Eventi - Leggi tutto

- Mostra personale di scultura a Blera 8-9 Luglio - Eventi - Mostra personale di scultura di Marina Pellico www.tempocreativo.it

- A Soriano nel cimino quattro giorni di arte e cultura - Eventi - Leggi tutto

- A cura di Giancarlo Breccola gli eventi in Tuscia dal 4 al 6 luglio 2017 - Eventi - Martedì 4 luglio - ore 17.00 Palazzo papale - piazza S. Lorenzo 6/A – Viterbo - Centro Diocesano di Documentazione per la storia e la cultura religiosa - Centro di ricerche per la storia dell’Alto Lazio - Leggi tutto


3 Luglio 2017

- Restauro in luce - il leggio barocco della Certosa di San Martino a Napoli - Viterbo Eventi - Leggi tutto

- Per il Gran concerto di chiusura di JazzUp Festival arriva sul palco Nicola Piovani -
- Viterbo Eventi - Leggi tutto

- Haendel al Bulicame di Viterbo - Eventi - Touring Club Viterbo - Leggi tutto

2 Luglio 2017

- La poesia di Mario Olimpieri - L'albero malato - Cellere poesia
L’albero malato

Il già verde, giovane e forte olivo
or mostra grave cedimento
e appassir vede quei rami
che di bianca fioritura si vestirono
(dolce richiamo di operose api)
e che nobil frutto a me donarono
ad ornar la mensa
e ad esaltar vivande. . Leggi tutto

1° Luglio 2017

- Video riflessione (traccia) 13 domenica ordinario A - a cura di don Mauro ManzoniPer vedere il VIDEO clicca su Leggi tutto

La parola di Dio Tutto il capitolo 10 di Matteo, di cui oggi ne ascoltiamo una breve passo, è incentrato sulla dimensione missionaria che Gesù propone agli Apostoli. Missione basata sul seguire Cristo e accogliere i fratelli.

- Colpito con l'archibugio rimase illeso, pareva avesse un petto d'acciaio - Viterbo CRONACA STORICA da "IL MONASTERO" - Leggi tutto

- Ringrazio Alessandro Manzoni e Arthur Schopenauer per avermi suggerito le loro sempre preziose, attuali ed intramontabili pillole di saggezza - Montefiascone L'OPINIONE - Giuseppe Bracchi – lazio.gb@libero.it
- Leggi tutto

- Sanlorenziadi 2017 al via - San Lorenzo nuovo Eventi - Leggi tutto

- Regione, grande partecipazione dei Comuni a iniziativa "Estate della Regione Lazio" - Roma Cronaca - Leggi tutto

30 Giugno 2017

- BACCAIONATE - (absit iniuria vervis) Sono sicuro che il direttore, il quale si diverte a combinanrmene una di seguito all'altra...- Viterbo BACCAIONATA - Leggi tutto

- Un sabato a cena fra musiche e canti popolari - Tuscania Eventi - Leonardo Vietri - Leggi tutto

- A cura di Giancarlo Breccola gli eventi in Tuscia dal 1° al 2 Luglio 2017 - Viterbo Eventi - Leggi tutto

- Gli appuntamenti di luglio al Museo del fiore - Acquapendente . Eventi - Leggi tutto

- Il volto sconosciuto delle chiese e dei palazzi di Tuscania - Eventi - Leggi tutto

29 Giugno 2017

- Terminate le riprese video, del film in fase di ultimazione "Rosa da Viterbo, icona di Dio" - Viterbo Interviste al Regista - Leggi tutto

- San Lorenzo Nuovo "tradizioni a 5 cerchi" - Eventi - Leggi tutto

- Magellanea - Viaggio nel mondo dell'illustrazione - Calcata Eventi - Leggi tutto

- Tutto il gusto dei maccaroni canepinesi nella quinta edizione della sagra - Canepina eventi - Leggi tutto

- Beethoven Festival Sutri 2017 XVI ed. "In ricordo di Angelo Persichilli" - Sutri Eventi - Leggi tutto

- L'altro lato della luna" a Nepi, un fesival di teatro integrato - Nepi Eventi - Leggi tutto

- Cedido presenta due appuntamenti con i "Dopocena a Palazzo papale" - Viterbo Eventi - Leggi tutto

- La Via Francigena e il Cammino di Santiago di compostela: due itinerari a confronto - Montefiascone Eventi - Leggi tutto

28 Giugno 2017

- A Tarquinia Lido nell'Area Eventi Pineta AVAD le "Cene Parlate" de "Le vie del Gusto" - Tarquinia Eventi - Leggi tutto

- La terza finestra - Fabrica di Roma Cronaca - Leggi tutto

- A cura di Giancarlo Breccola gli eventi in Tuscia dal 29 al 30 giugno 2017 - Tuscia Eventi - Leggi tutto

- Tradizioni e specialità locali protagonisti alla Sagra della Pecora - Fabrica di Roma Eventi - Leggi tutto

- Ivano Aidala: Estate Italica - Resti di classe - Tuscia special - Bracciate eccezionali - Italia al galoppo - Viterbo Cronaca -