Rubriche di
Patrizia Fontana Roca

COLLABORAZIONI

In questo Settore vengono riportate notizie e immagini fornite da altri redattori.
Nello specifico, i testi sono stati realizzati da Padre Leonardo Bellonci, francescano, che ha fornito anche le immagini, mentre la grafica della pagina è stata realizzata da Cartantica.
Tutti gli articoli degli altri Settori sono state realizzati da Patrizia di Cartantica che declina ogni responsabilità su quanto fornito dai collaboratori.

"N.B.: L'Autore prescrive che qualora vi fosse un'utilizzazione per lavori a stampa o per lavori/studi diffusi via Internet, da parte di terzi (sia di parte dei testi sia di qualche immagine) essa potrà avvenire solo previa richiesta trasmessa a Cartantica e citando esplicitamente per esteso il lavoro originale (Autore, Titolo, Periodico) ."

 

******

VIA CRUCIS BIBLICHE

 

 

PARTE TERZA

IL GRANDE DRAMMA

Riflessioni, predizioni e letture profetiche di accadimenti storici contenuti nel libro dell’Apocalisse


Prima parte

 

VIA CRUCIS



“Bene e male ormai si fronteggiano per l’estremo duello, sostenuto da schiere avverse di angeli e di demoni.” (G. Ravasi, Apocalisse, V ed., 2000, p. 7)

“Morte e vita un duello / disputaron tremendo; risorto il morto Re / regna vivo” (Sequenza).


Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo


Veggente: Poi vidi il cielo aperto,
ed ecco un cavallo bianco;
colui che lo cavalcava
si chiamava “Fedele” e “Verace”:
egli giudica e combatte con giustizia.

I suoi occhi sono come fiamma di fuoco.

Ha sul capo molti diademi;

porta scritto un nome
che nessuno conosce all’infuori di lui.
E’ avvolto in un mantello intriso di sangue
e il suo nome è Verbo di Dio (19, 11-13).

Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!

 


Verbo, il sangue che versasti
con il quale ci salvasti,
fu prezzo ineffabile.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 

 


STAZIONE I


Gesù è condannato a morte ingiusta.
Ma lui, che è il Signore Dio, dice:


Dio: Amen! Io sono l’Alfa e l’Omega, ()
Colui che è, che era e che viene,
l’Onnipotente! (1, 8).

Veggente:
Le anime di coloro che furono immolati
a causa della parola di Dio
e della testimonianza che gli avevano resa,
gridarono a gran voce:
"Fino a quando, Signore,
Tu che sei santo e verace,
non farai giustizia
e non vendicherai il nostro sangue
sopra gli abitanti della terra?"

Allora venne data a ciascuno
una veste candida
e fu detto loro di pazientare ancora un poco (6, 9-11).

Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!



Io son l’Alfa, Io l’Omega;
se si pente chi mi nega
lo perdono: è un debole.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.


Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 

 


STAZIONE II


Gli uomini caricano Gesù della croce,
ma a lui la storia canta:

 

Tutti: “Tu sei degno, Signore e Dio nostro,
di ricevere la gloria, l’onore e la potenza,
perché tu hai creato tutte le cose,
e per la tua volontà
furono create e sussistono (4, 11).

Veggente: A Colui che ci ama
e ci ha liberati dai nostri peccati
con il suo sangue,
che ha fatto di noi un regno di sacerdoti
per il suo Dio e Padre,
a lui la gloria e la potenza
nei secoli dei secoli. Amen. (1, 5-6).

Il creato: Tutte le creature del cielo e della terra,
sotto terra e nel mare
e tutte le cose ivi contenute, udii che dicevano:
”A Colui che siede sul trono e all’Agnello
lode, onore, gloria e potenza,
nei secoli dei secoli” (5, 13).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Tutti in terra sacerdoti
diverran, quei che, devoti,
la tua croce seguono.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 

 


 

STAZIONE III


Gesù, che cade, non è un vinto, infatti



Veggente: (Egli) un nome porta scritto
sul mantello e sul femore:
Re dei re e Signore dei signori (19, 16).

L’Angelo gridava a gran voce:
“Temete Dio e dategli gloria,
perché è giunta l’ora del suo giudizio.
Adorate colui che ha fatto
il cielo e la terra,
il mare e le sorgenti delle acque” (14, 7).

Tutti: L’Agnello che fu immolato
è degno di ricevere potenza e ricchezza,
sapienza e forza,
onore, gloria e benedizione (5, 12).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Per la croce che ti pesa
cadi. Insisti nell’impresa!
Sol tu puoi redimerci.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.


Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 


STAZIONE IV


Gesù e sua Madre, che si incontrano nella passione,
erano insieme da quando


Veggente: Nel cielo apparve un segno grandioso:
una donna vestita di sole,
con la luna sotto i suoi piedi e
sul suo capo una corona di dodici stelle.
Era incinta e gridava per le doglie
e il travaglio del parto.

Allora apparve un altro segno nel cielo:
un enorme drago rosso,
con sette teste e dieci corna e sulle teste sette diademi.

Il drago si pose davanti alla donna
che stava per partorire
per divorare il bambino appena nato.

Essa partorì un figlio maschio
destinato a governare tutte le nazioni con scettro di ferro,
e il fi glio fu subito rapito verso Dio e verso il suo trono.

La donna invece fuggì nel deserto,
ove Dio le aveva preparato un rifugio
perché vi fosse nutrita per 1260 giorni (12, 1-6).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Dall’inizio del cimento
vi accomuna un solo intento,
Madre e Primogenito!

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.


Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 

 


STAZIONE V


Gesù è aiutato dal Cireneo,
il quale non sa chi sia il Condannato.
Ma lo sapranno i secoli a venire e tutti proclameranno:


Tutti: “Il regno del mondo
appartiene al Signore nostro e al suo Cristo;
egli regnerà nei secoli dei secoli” (11, 15).

Veggente: Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra,
perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi
e il mare non c’era più.

Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme,
scendere dal cielo: da Dio,
pronta come una sposa
adorna per il suo sposo (21, 1-2).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Chi t’aiuta, Salvatore,
Tu gli asciugherai il sudore
nella reggia splendida.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.


Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:



Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 


STAZIONE VI


Sul velo di Veronica è impresso il volto di Gesù
Egli così si presenta:


Messia: Io sono la radice della stirpe di Davide,
la stella luminosa del mattino (22, 16).

Tutti: (Con) i ventiquattro vegliardi
seduti sui loro troni al cospetto di Dio,
(che) si prostrarono faccia a terra e adorarono Dio
(diciamo):
Noi ti rendiamo grazie,
Signore Dio onnipotente,
che sei e che eri,
perché hai messo mano alla tua grande potenza,
e hai instaurato il tuo regno (11, 17).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Tu sei grande, onnipotente,
o Signore! Tu dal niente
ci chiamasti a vivere.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.


Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:



Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 

 


STAZIONE VII


Gesù cade. Ma invano il Drago atterra Gesù
e perseguita la Madre: Dio è sempre con loro

 


Veggente:
Quando il drago si vide precipitato sulla terra,
si avventò contro la donna
che aveva partorito il figlio maschio.

Ma furono date alla donna
le due ali della grande aquila,
per volare nel deserto verso il rifugio
preparato per lei per esservi nutrita
per un tempo, due tempi e la metà di un tempo
(1.200:360=3,80; 360x3=1.080+180=1.260)
lontano dal serpente (12, 13-14).

Tutti: Esultate, dunque o cieli
e voi che abitate in essi.

Ma guai a voi, terra e mare,
perché il diavolo è precipitato sopra di voi,
pieno di grande furore,
sapendo che gli resta poco tempo (12, 12).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Nell’impegno per il bene
sempre Dio in soccorso viene
a quelli che lo pregano.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.

Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:



Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 



STAZIONE VIII

“Figlie di Gerusalemme, non piangete”


Veggente: Ecco la dimora di Dio con gli uomini!
Egli dimorerà fra di loro
ed essi saranno suo popolo
ed egli sarà il Dio-con-loro.


E tergerà ogni lacrima dai loro occhi;
non ci sarà più la morte,
né lutto, né lamento, né affanno,
perché le cose di prima sono passate (21, 3-4).

Tutti: Grandi e mirabili sono le tue opere,
o Signore Dio onnipotente;
giuste e veraci le tue vie,
o re delle genti! (15, 3).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Con il pianto, mio Signore,
confessiamo il nostro errore.
Grande Dio, perdonaci!

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.


Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 

 


STAZIONE IX


Gesù cade ma l’Angelo con l’universo acclama:


Angelo: “Sei giusto, tu che sei e che eri,
tu, il Santo,
poiché così hai giudicato (16, 5).

Voce: ”Sì, Signore, Dio onnipotente:
veri e giusti sono i tuoi giudizi” (16, 7).

Tutti: Alleluia! Salvezza, gloria e potenza
sono del nostro Dio;
perché veri e giusti sono i suoi giudizi (19, 1).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Tu, che ‘il Forte’ sei, or cadi?
Riconosco: i miei peccati
la tua fibra fiaccano.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 

 

 


STAZIONE X


Gesù è spogliato delle vesti e dileggiato dall’uomo, ma


Veggente: I ventiquattro vegliardi
e i quattro esseri viventi
si prostrarono e adorarono Dio,
seduto sul trono, dicendo:
“Amen, alleluia!” (19, 4).

E non vi sarà più maledizione.
Il trono di Dio e dell’Agnello
sarà in mezzo a lei
e i suoi servi lo adoreranno;
vedranno la sua faccia
e porteranno il suo nome sulla fronte.

Non vi sarà più notte
e non avranno più bisogno di luce di lampada,
né di luce di sole,
perché il Signore Dio ti illuminerà
e regneranno nei secoli dei secoli
(22, 3-5).

Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


T’hanno tolto pur le vesti,
ma il chiaror che sempre avesti
chi potrà mai spegnere?

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.


 


STAZIONE XI

 

Gesù è innalzato sulla croce per conquistare tutti

 

Veggente: Le nazioni cammineranno alla tua luce
e i re della terra a lei porteranno
la loro magnificenza
(21, 24).

E porteranno a lei
la gloria
e l’onore delle nazioni (21, 26).

La città non ha bisogno della luce del sole,
né della luce della luna
perché la gloria di Dio la illumina
e la sua lampada è l’Agnello (21, 23).

Non entrerà in essa nulla di impuro,
né chi commette abominio o falsità,
ma solo quelli che sono scritti
nel libro della vita dell’Agnello (21, 27).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Or che sei da terra alzato,
Cristo, io sia da te attirato:
nel tuo regno accoglimi.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.


Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 

 


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 

 


STAZIONE XII

 

Gesù muore in croce


Tutti: Gesù Cristo (è) il testimone fedele.

Il primogenito dei morti

e il principe dei re della terra (1, 5).

Profeta: Ecco, viene sulle nubi, e ognuno lo vedrà;
anche quelli che lo trafissero
e tutte le nazioni della terra si batteranno il petto.
Sì, Amen. (1, 7).

Ecco, io vengo come un ladro.

Beato chi è vigilante (16, 15).

Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Vinta è morte! Vita eterna
sol t’aspetta, non più alterna,
Vincitor di Satana!

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.


Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 

 


STAZIONE XIII

 

Gesù è deposto dalla croce


Veggente: Vidi anche le anime dei decapitati
a causa della testimonianza di Gesù
e della parola di Dio,
e quanti non avevano adorato la bestia
e la sua statua,
e non avevano ricevuto
il marchio sulla fronte e sulla mano.

Essi ripresero vita e regnarono con Cristo.
Questa è la prima risurrezione.

Beati e santi coloro
che prendon parte alla prima risurrezione.

Su di loro non ha potere la seconda morte,
ma saranno sacerdoti di Dio e del Cristo
e regneranno per mille anni (20, 4-6).

Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Il tuo dono generoso,
un esempio è, o Pietoso,
che ci fa riflettere.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.

Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 

 


STAZIONE XIV

 

Gesù è sepolto, ma lui assicura


Messia: Ecco, io verrò presto
e porterò con me il mio salario,

per rendere a ciascuno
secondo le sue opere (22, 12).

Veggente: “Beati d’ora in poi,
i morti che muoiono nel Signore.
Sì, dice lo Spirito,
riposeranno dalle loro fatiche,
perché le loro opere li seguono” (14, 13).

I quattro esseri viventi () giorno e notte
non cessano di ripetere:
“Santo, Santo, Santo,
il Signore Dio, l’Onnipotente,
che era, che è e che viene”! (4, 8).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Vieni presto, mio Signore,
porta pace a questo cuore
che in te solo quietasi.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.

Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.


 

 

STAZIONE XV


Gesù risorge



Veggente: Alleluia!
Ha preso possesso del suo regno il Signore,
il nostro Dio, l’Onnipotente.

Tu sei degno di prendere il libro
e di aprirne i sigilli,
perché sei stato immolato
e hai riscattato per Dio con il suo sangue
uomini di ogni tribù, lingua, popolo e nazione
e li hai costituiti per il nostro Dio
un regno di sacerdoti
e regneranno sopra la terra (5, 9-10).

Tutti: Rallegriamoci ed esultiamo,
rendiamo a lui gloria,
perché sono giunte le nozze dell’Agnello;
la sua sposa è pronta,
le hanno dato una veste
di lino puro splendente (19, 7-8).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!



Tu il Vivente, Tu il Risorto
guida sani verso il porto
noi, tuoi figli fragili.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, Ave Maria, Gloria al Padre (per l’acquisto delle sante indulgenze secondo le intenzioni
del Sommo Pontefice).

 

 

Le immagini (similbronzo in bassorilievo) si trovano nella Chiesa Parrocchiale ‘B. M. V. della Misericordia’
a Fabriano (AN).

 

 

 


Citazioni

Il grande dramma . parte prima

 

0

19, 11-13

I

1, 8
6, 9-11

II

4, 11
1, 5-6
5, 13

III

19, 16
14, 7
5, 12

IV

12, 1-6

V

11, 15
21, 1-2

VI

22, 16
11, 16-17

VII

12, 13-14
12, 12

VIII

21, 3-4
15, 3

IX

16, 5
16, 7
19, 1

X

19, 4
22, 3-5

XI

21, 24
21, 26
21, 23
21,27

XII

1,5
1,7
16,15

XIII

20,4-6

XIV

22,12
14,13
4,8

XV

5,9-10
19,7-8

 

 

 

DELLO STESSO AUTORE:

Via Crucis Bibliche- Parte prima: La redenzione prevista nell'Antico Testamento:


- La Redenzione prevista nei Salmi


- La Redenzione prevista da Isaia

- La Redenzione prevista dai Profeti (I)

- La Redenzione prevista nei Profeti (II)

- La Redenzione prevista dai Profeti (III)


Parte seconda - La Redenzione raccontata - Via Crucis Storiche -
Nel gruppo delle Via Crucis che abbiamo indicato come ‘Storiche’ sono riportate tutte le notizie delle quali gli Evangelisti sono stati spettatori (Giovanni e, almeno in parte, Marco per quanto gli poteva provenire da S. Pietro), o che hanno potuto raccogliere da fonti sicure (Matteo e Luca, sia – quest’ultimo – direttamente dalla Madonna, sia da “ricerche accurate”).
La ‘storicità’ della persona, dell’insegnamento, della Passione-Morte-Risurrezione di Gesù del resto è confermata dalla trasparenza dei racconti, condotti senza alcun ornamento o artificio letterario, oltrechè da fonti non cristiane:

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di S. Matteo

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di S. Marco

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di S. Luca

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di Giovanni

Parte Terza - La Redenzione contemplata - Nel gruppo delle Via Crucis che contemplano la Redenzione alla luce della Risurrezione si essenzializza il binomio: Morte-Vita.
Dunque la scansione delle ’Stazioni’ perde i suoi contorni. In sintonia con la Liturgia Cattolica, viene messo a fuoco lo scontro tra la Morte (Satana) e la Vita (Cristo), che ci ha meritato la redenzione.
In particolare: In MORTE–VITA (I, II, III) si è insistito sul fatto che dalla morte viene la vita.
Perciò in ogni citazione sono messi in vista, anche graficamente, i due termini e fatti correlativi.
I testi sono tratti dagli ‘Atti degli Apostoli’ e dalle ‘Lettere’ del Nuovo Testamento.
In IL GRANDE DRAMMA (I) campeggia lo SCONTRO tra Cristo e la Morte.
In IL GRANDE DRAMMA (II) quello tra i Cristiani uniti a Cristo e la Morte.
I testi di queste ultime due Via Crucis sono tratti dall’Apocalisse di S. Giovanni.
Chiude la raccolta una ‘Via Crucis’ di intonazione ‘tradizionale’.

- Via Crucis MORTE E VITA I - Costruita nella luce della risurrezione con insegnamenti, riflessioni e accadimenti storici contenuti in Atti degli Apostoli e in altri scritti del Nuovo Testamento
          

- Via Crucis MORTE E VITA II - Costruita nella luce della risurrezione con insegnamenti, riflessioni e accadimenti storici contenuti in Atti degli Apostoli e in altri scritti del Nuovo Testamento

- Via Crucis MORTE E VITA III - Costruita nella luce della risurrezione con insegnamenti, riflessioni e accadimenti storici contenuti in Atti degli Apostoli e in altri scritti del Nuovo Testamento
               
- Via Crucis IL GRANDE DRAMMA II - Riflessioni, predizioni e letture profetiche di accadimenti storici contenuti nel libro dell’Apocalisse - Seconda parte

 

- Appendici - Via Crucis Tradizionale

 

e

- Adorazioni Eucaristiche:

- Adorazioni Eucaristiche - Parte Prima - L'Eucaristia è predetta

- Adorazioni Eucaristiche - Parte Seconda - L'Eucaristia, l'Istituzione

- Adorazioni Eucaristiche - Parte Terza - L'Eucaristia dal I al IX Secolo del Cristianesimo

- Adorazioni Eucaristiche - Parte Quarta - L'Eucaristia nel XIX e XX Secolo


- Adorazioni Eucaristiche - Parte Quinta - Appendici - Preghiere e Canti

 

- Pietà popolare - Prima parte

 

- Pietà popolare - Seconda Parte (Prima Sezione)

- Pietà popolare - Seconda parte (Seconda Sezione)

- Pietà popolare - Terza parte (Sezione I)

- Pietà popolare - Terza Parte (Sezione II)

- Pietà Popolare - Terza Parte (Sezione III)

- Pietà Popolare - Quarta Parte (Sezione I)


- Pietà Popolare - Quarta Parte (Sezione II)

- Pietà Popolare - Quarta Parte (Sezione III)

 

- Pietà Popolare - Quinta Parte (Sezione I)

- Pietà Popolare - Quinta Parte (Sezione II)

 

Per altre Via Crucis, vedere in Religiosità:

- Il cammino della croce - Fioretti quaresimali

- Via Crucis figurata

 

- Via Crucis con Gesù

- Via Crucis con Maria


- Via Crucis accompagnati da San Josè Maria Escrivà de Balaguer

 

- Via Crucis accompagnati da don Tonino Bello

 

- Via Crucis accompagnati da David M. Turoldo

- Via Crucis con amore

 

- Via Crucis a più voci

- Via Crucis fotografica

 

- Via Crucis Spagnola

 

- Via Dolorosa

- Via Crucis al Colosseo del Venerdì Santo del Venerdì Santo 2005 - Meditazioni e Preghiere del Venerdì Santo 2005 dell'allora Card. Ratzinger, poi Papa Benedetto XVI

 

- Da Gerusalemme al Golgota - Personaggi

 

Ciao a Tutti | Contattami | Nota Legale | Ringraziamenti |©2000-2016 Cartantica.it