Rubriche di
Patrizia Fontana Roca

COLLABORAZIONI

In questo Settore vengono riportate notizie e immagini fornite da altri redattori.
Nello specifico, i testi sono stati realizzati da Padre Leonardo Bellonci, francescano, che ha fornito anche le immagini, mentre la grafica della pagina è stata realizzata da Cartantica.
Tutti gli articoli degli altri Settori sono state realizzati da Patrizia di Cartantica che declina ogni responsabilità su quanto fornito dai collaboratori.

"N.B.: L'Autore prescrive che qualora vi fosse un'utilizzazione per lavori a stampa o per lavori/studi diffusi via Internet, da parte di terzi (sia di parte dei testi sia di qualche immagine) essa potrà avvenire solo previa richiesta trasmessa a Cartantica e citando esplicitamente per esteso il lavoro originale (Autore, Titolo, Periodico) ."

 

******

VIA CRUCIS BIBLICHE

 

 

PARTE SECONDA

 

LA REDENZIONE RACCONTATA - VIA CRUCIS STORICHE (II)


Via Crucis
Costruita sugli insegnamenti
Riflessioni Predizioni Accadimenti storici
Contenuti nel Vangelo di

SAN MARCO

 

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

 


Marco: Giunsero intanto a un podere
chiamato Getsemani,
ed egli disse ai suoi discepoli…
“La mia anima è triste fino alla morte”.

Poi, andato un po’ innanzi,
si gettò a terra e pregava che,
se fosse possibile, passasse da lui quell’ora.

Gesù:
E diceva: “Abbà, Padre! Tutto è possibile a te,
allontana da me questo calice!
Però non ciò che io voglio,
ma ciò che vuoi tu” (14, 32-36).

 

Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


“Nel tuo libro trovo scritto:
si cancellerà il delitto
col mio sangue. Eccomi!”.


Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 


 

 

STAZIONE I

 

Gesù è condannato a morte iniqua ingiusta

 

Marco: La folla, accorsa, cominciò a chiedere
ciò che sempre egli concedeva.

 

Allora Pilato ripose loro:

“Volete che vi rilasci il re dei Giudei?”.


Sapeva infatti che i sommi sacerdoti

glielo avevano consegnato per invidia.

 

Ma i sommi sacerdoti sobillarono la folla

perché egli rilasciasse loro piuttosto Barabba.


Pilato replicò: “Che farò dunque

di quello che voi chiamate il re dei Giudei?”.

 

Ed essi di nuovo gridarono: “Crocifiggilo!”.
Ma Pilato diceva loro: “Che male ha fatto?”.
Allora essi gridarono più forte: “Crocifiggilo!”.

   


E Pilato, volendo dare soddisfazione alla

moltitudine, rilasciò loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perché fosse crocifisso (15, 8-15).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!



Il profeta scrisse, o Dio:
sulla terra e nel cuor mio:
la giustizia incespica.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.

Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 



 

 

STAZIONE II

 

Gesù è caricato della croce

 


Marco: Allora i soldati lo condussero dentro il cortile,
cioè nel pretorio, e convocarono tutta la coorte.

Lo rivestirono di porpora e,
dopo aver intrecciata una corona di spine,
gliela misero sul capo.

Cominciarono poi a salutarlo:
“Salve, re dei Giudei!”.
E gli percuotevano il capo con una canna,
gli sputavano addosso e, piegando le ginocchia,
si prostravano a lui.

Dopo averlo schernito,
lo spogliarono della porpora
e gli rimisero le sue vesti,
poi lo condussero fuori per crocifi ggerlo (15, 16-20).

Gesù: “Se qualcuno vuol venire dietro di me
rinneghi se stesso,
prenda la sua croce e mi segua” (8, 34).



Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Questa brutta liturgia
che ti fanno, è farsa! E’ ria!
Disonora gli uomini.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 

Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.



 

 

STAZIONE III

 

Gesù, che ora cade,
sapeva tutto quello che gli sarebbe accaduto



Marco: E cominciò insegnar loro
che il Figlio dell’uomo doveva molto soffrire,
ed essere riprovato dagli anziani,
dai sommi sacerdoti e dagli scribi,
poi venire ucciso
e, dopo tre giorni, risuscitare.

Gesù faceva questo discorso apertamente.
Allora Pietro lo prese in disparte
e si mise a rimproverarlo.

Ma Gesù, voltatosi e guardando i discepoli,
rimproverò Pietro e gli disse:
“Lungi da me, Satana!
Perché tu non pensi secondo Dio,
ma secondo gli uomini” (8, 31-33).

“Chi si vergognerà di me e delle mie parole
davanti a questa generazione adultera e peccatrice,
anche il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui
quando verrà nella gloria del Padre suo
con gli angeli santi” (8, 38).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Sol chi ama da morire,
con te ognior potrà gioire
negli eterni gaudi.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 

 


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.




 

 

STAZIONE IV

 

Gesù incontra sua madre

 



Marco: Giunsero sua madre e i suoi fratelli
e, stando fuori, lo mandarono a chiamare.

Tutto attorno era seduta la folla e gli dissero:
“Ecco tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle
sono fuori e ti cercano”.

Gesù rispose loro:
“Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?”.
Girando la sguardo
su quelli che gli stavano seduti attorno,
disse: “Ecco mia madre e i miei fratelli!
Chi compie la volontà di Dio,
costui è mio fratello, sorella e madre” (3, 31-35).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Lo chiamasti giù dal cielo,
praticasti il suo Vangelo,
Madre e Allieva unica!

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 

Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.




 

 

STAZIONE V

 

Gesù è aiutato dal Cireneo a portare la croce

 


Marco: Allora costrinsero un tale che passava,
un certo Simone di Cirene
che veniva dalla campagna,
padre di Alessandro e Rufo,
a portare la croce (di Gesù) (15, 21).

Gesù: “Il figlio dell’uomo
non è venuto per essere servito,
ma per servire
e dare la sua vita in riscatto per molti” (10, 45).

:“Vedrete il Figlio dell’uomo
seduto alla destra della Potenza
venire con le nubi del cielo” (14, 62).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Con Simone e con ogn’uomo
seguo te, non t’abbandono:
con te salgo il Golgota.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 


 

 

STAZIONE VI

 

Gesù è asciugato dalla Veronica



Gesù: “Essa ha fatto ciò che era in suo potere.

() In verità vi dico che dovunque,
in tutto il mondo,
sarà annunziato il vangelo,
si racconterà pure in suo ricordo
ciò che ella ha fatto”. (14, 8-9).

“Fate attenzione a quello che udite:
con la stessa misura con la quale misurate,
sarete misurati anche voi;
anzi vi sarà dato di più.
Poiché a chi ha sarà dato
e a chi non ha
sarà tolto anche quello che ha” (4, 24-25).



Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!




Un bicchiere d’acqua fresca
che soddisfa una richiesta
dato è a te, o Altissimo!

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.


Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 

Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.



 

 

STAZIONE VII

 

Gesù che cade
conosceva tutto ciò che gli sarebbe accaduto

 


Marco: Partiti di là, attraversarono la Galilea,
ma egli non voleva che alcuno lo sapesse.

Istruiva infatti i suoi discepoli e diceva loro:

Gesù: “Il Figlio dell’uomo
sta per essere consegnato nelle mani degli uomini
e lo uccideranno,
ma una volta ucciso,
dopo tre giorni, risusciterà”.

Marco: Essi però non comprendevano queste parole
e avevano timore di chiedergli spiegazioni (9, 30-32).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!



Non compresero, i seguaci
del Messia, parole audaci:
vita è sangue e lacrime.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.

Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.


 

 

 

STAZIONE VIII

 

Gesù parla alle donne

 


Gesù: “Guai alle donne incinte
e a quelle che allatteranno in quei giorni.

Pregate che ciò non accada d’inverno;
perché quei giorni saranno una tribolazione
quale non è mai stata
dall’inizio della creazione,
fatta da Dio,
fino al presente, né mai vi sarà.

Se il Signore non abbreviasse quei giorni
nessun uomo si salverebbe.

Ma a motivo degli eletti che si è scelto
ha abbreviato quei giorni” (13, 17-20).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


E’ il peccato la sciagura
che sorpassa ogni misura.
Genti, convertiamoci!

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.




 

 

STAZIONE IX


Gesù cade. Ma lui sapeva, infatti aveva tutto predetto


Marco: Allora vennero i farisei
e incominciarono a discutere con lui,
chiedendogli un segno dal cielo,
per metterlo alla prova.

Gesù, traendo un profondo sospiro, disse:
“Perché questa generazione chiede un segno?
In verità vi dico: non sarà dato alcun segno
a questa generazione” (8, 11-13).

“Ecco, noi andiamo a Gerusalemme
e il Figlio dell’uomo sarà consegnato
ai sommi sacerdoti e agli Scribi:
lo condanneranno a morte,
lo consegneranno ai pagani.
Lo scherniranno,
gli sputeranno addosso,
lo flagelleranno
e lo uccideranno;
ma dopo tre giorni risusciterà” (10, 33-34).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Predicesti, mio Signore,
ogni fase del dolore
ai tuoi cari apostoli.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.



 

 

STAZIONE X


Gesù è spogliato delle vesti



Marco: Condussero dunque Gesù
al luogo del Golgota,
che significa del cranio,


e gli offrirono vino mescolato con mirra,
ma egli non ne prese.

() E si divisero le sue vesti,
tirando a sorte su di esse
quello che ciascuno dovesse prendere (15, 22-24).


Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Le tue vesti, Cristo, i dadi
or decidono, ai soldati,
ciò che ognun può prendere.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 

Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.


 

 

 

STAZIONE XI


Gesù è crocifisso



Marco:

 

Erano le nove del mattino quando lo crocifissero.
E l’iscrizione con il motivo della condanna

diceva: Il re dei Giudei.

 

Con lui crocifissero anche due ladroni,

uno alla sua destra e uno alla sua sinistra (15, 25-28).

 

I passanti lo insultavano e, scuotendo il capo,

esclamavano: “Ehi, tu che distruggi il tempio e lo
riedifichi in tre giorni,
salva te stesso scendendo dalla croce”.

 

Ugualmente anche i sommi sacerdoti con gli

scribi, facendosi beffe di lui, dicevano:
“Ha salvato altri,non può salvare se stesso!

 

Il Cristo, il re d’Israele, scenda ora dalla croce,

perché vediamo e crediamo”.

 

E anche quelli che erano stati crocifissi con lui

lo insultavano (15, 29-32).



Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Re del mondo, fui cattivo,
più del popolo tuo inf do:
deh! perdona al misero.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.





 

 

STAZIONE XII


Gesù Gesù muore in croce

 

Marco: Venuto mezzogiorno,
si fece buio su tutta la terra,
fino alle tre del pomeriggio.

 

Alle tre Gesù gridò con voce forte:

Eloì, Eloì, lema sabactàni?,
che significa:
Dio mio, Dio mio,
perché mi hai abbandonato?.

 

Alcuni dei presenti, udito ciò, dicevano:

”Ecco, chiama Elia”.

 

Uno corse a inzuppare di aceto una spugna

e, postala su una canna, gli dava da bere dicendo:
“Aspettate, vediamo se viene Elia a toglierlo dalla
croce”.

 

Ma Gesù, dando un forte grido, spirò.


 

Il velo del tempio si squarciò in due dall’alto in

basso.

 

Allora il centurione che gli stava di fronte,

vistolo spirare in quel modo, disse:
“Veramente quest’uomo era Figlio di Dio” (15, 33-39).

 

Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Con le genti e il centurione
ti proclamo, io peccatore,
Figlio dell’Altissimo.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:



Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 



 

 

STAZIONE XIII


Gesù è deposto dalla croce

 


Marco: Sopraggiunta ormai la sera,
poiché era Parasceve,
cioè la vigilia del sabato,
Giuseppe di Arimatèa,
membro autorevole del sinedrio,
che aspettava anche lui il regno di Dio,
andò coraggiosamente da Pilato
per chiedere il corpo di Gesù.

Pilato si meravigliò che fosse già morto
e, chiamato il centurione,
lo interrogò se fosse morto da tempo.
Informato dal centurione,
concesse la salma a Giuseppe (15, 42-45).

 

Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


O Maria, il viso amato
di tuo Figlio, ch’è imbrattato,
coi tuoi baci nèttalo.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 

Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 


 

 

STAZIONE XIV


Gesù è sepolto


Marco: Giuseppe d’Arimatèa allora,
comprato un lenzuolo,
lo calò giù dalla croce
e, avvoltolo nel lenzuolo,
lo depose in un sepolcro scavato nella roccia.

Poi fece rotolare un masso
contro l’entrata del sepolcro.

Intanto Maria di Magdala
e Maria madre di Joses
stavano a osservare
dove veniva deposto (15, 46-47)).

 

Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Un sepolcro è la tua casa
nuova, Cristo! E’ la cosa
sola disponibile.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



Camminando per raggiungere la stazione successiva si dice:

 

 


Ti adoriamo, Cristo, nostro Signore e nostro Dio;
Ti benediciamo, Gesù, per Maria fratello e

 

Redentore nostro,

perché con la tua santa Croce, Morte e

 

Resurrezione hai redento il mondo.

 



 

 

STAZIONE XV


Gesù risorge da morte

 

Marco:
Di buon mattino, il primo giorno dopo il sabato,
vennero al sepolcro al levar del sole.
Esse (le donne) dicevano tra loro:
“Chi ci rotolerà via il masso
dall’ingresso del sepolcro?”.

 

Ma, guardando,

videro che il masso era già stato rotolato via,
benché fosse molto grande.

 

Entrando nel sepolcro,

videro un giovane seduto sulla destra,
vestito d’una veste bianca,
ed ebbero paura.

 

Ma egli disse loro: “Non abbiate paura!

Voi cercate Gesù Nazzareno, il crocifisso.
E’ risorto, non è qui.
Ecco il luogo dove lo avevano deposto.

 

Ora, andate, dite ai suoi discepoli e a Pietro

che egli vi precede in Galilea.
Là lo vedrete, come vi ha detto” (16, 2-7).

 

Gloria al Padre…
L’eterno riposo…
Pietà di noi, Signore; pietà di noi!


Dalla morte fé ritorno
or la vita, Cristo, un giorno
risorgendo splendido.

Santa Madre, deh! Voi fate
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.

 


Padre nostro, Ave Maria, Gloria al Padre
(per l’acquisto delle sante indulgenze secondo le intenzioni del Sommo Pontefice).

 

 

* Le immagini si trovano nella Parrocchia "Regina Pacis" di Matelica (MC)

 

C i t a z i o n i
Dal Vangelo di S. Marco

 

 

(Il numero prima della virgola indica il capitolo, quelli dopo i versetti)

 

0

14, 32-36

I

15, 8-15

II

15, 16-20
8, 34

III

8, 31-33
8, 38

IV

3, 31-35

V

15, 21
10, 45
14, 62

VI

14, 8-9
4, 24-25

VII

9, 31-32

VIII

13, 17-20

IX

8, 11-13
10, 32-34

X

15, 22-24

XI

15, 25-28
15, 29-32

XII

15, 33-39

XIII

15, 42-45

XIV

15, 46-47

XV

16, 2-9


 

 

DELLO STESSO AUTORE:

Via Crucis Bibliche- Parte prima: La redenzione prevista nell'Antico Testamento:


- La Redenzione prevista nei Salmi


- La Redenzione prevista da Isaia

- La Redenzione prevista dai Profeti (I)

- La Redenzione prevista nei Profeti (II)

- La Redenzione prevista dai Profeti (III)


Parte seconda - La Redenzione raccontata - Via Crucis Storiche -
Nel gruppo delle Via Crucis che abbiamo indicato come ‘Storiche’ sono riportate tutte le notizie delle quali gli Evangelisti sono stati spettatori (Giovanni e, almeno in parte, Marco per quanto gli poteva provenire da S. Pietro), o che hanno potuto raccogliere da fonti sicure (Matteo e Luca, sia – quest’ultimo – direttamente dalla Madonna, sia da “ricerche accurate”).
La ‘storicità’ della persona, dell’insegnamento, della Passione-Morte-Risurrezione di Gesù del resto è confermata dalla trasparenza dei racconti, condotti senza alcun ornamento o artificio letterario, oltrechè da fonti non cristiane:

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di S. Matteo

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di S. Marco

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di S. Luca

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di Giovanni

Parte Terza - La Redenzione contemplata - Nel gruppo delle Via Crucis che contemplano la Redenzione alla luce della Risurrezione si essenzializza il binomio: Morte-Vita.
Dunque la scansione delle ’Stazioni’ perde i suoi contorni. In sintonia con la Liturgia Cattolica, viene messo a fuoco lo scontro tra la Morte (Satana) e la Vita (Cristo), che ci ha meritato la redenzione.
In particolare: In MORTE–VITA (I, II, III) si è insistito sul fatto che dalla morte viene la vita.
Perciò in ogni citazione sono messi in vista, anche graficamente, i due termini e fatti correlativi.
I testi sono tratti dagli ‘Atti degli Apostoli’ e dalle ‘Lettere’ del Nuovo Testamento.
In IL GRANDE DRAMMA (I) campeggia lo SCONTRO tra Cristo e la Morte.
In IL GRANDE DRAMMA (II) quello tra i Cristiani uniti a Cristo e la Morte.
I testi di queste ultime due Via Crucis sono tratti dall’Apocalisse di S. Giovanni.
Chiude la raccolta una ‘Via Crucis’ di intonazione ‘tradizionale’.

- Via Crucis MORTE E VITA I - Costruita nella luce della risurrezione con insegnamenti, riflessioni e accadimenti storici contenuti in Atti degli Apostoli e in altri scritti del Nuovo Testamento
          

- Via Crucis MORTE E VITA II - Costruita nella luce della risurrezione con insegnamenti, riflessioni e accadimenti storici contenuti in Atti degli Apostoli e in altri scritti del Nuovo Testamento

- Via Crucis MORTE E VITA III - Costruita nella luce della risurrezione con insegnamenti, riflessioni e accadimenti storici contenuti in Atti degli Apostoli e in altri scritti del Nuovo Testamento
               
- Via Crucis IL GRANDE DRAMMA I - Riflessioni, predizioni e letture profetiche di accadimenti storici contenuti nel libro dell’Apocalisse - Prima parte

- Via Crucis IL GRANDE DRAMMA II - Riflessioni, predizioni e letture profetiche di accadimenti storici contenuti nel libro dell’Apocalisse - Seconda parte

- Appendici - Via Crucis Tradizionale

 

e

- Adorazioni Eucaristiche:

- Adorazioni Eucaristiche - Parte Prima - L'Eucaristia è predetta

- Adorazioni Eucaristiche - Parte Seconda - L'Eucaristia, l'Istituzione

- Adorazioni Eucaristiche - Parte Terza - L'Eucaristia dal I al IX Secolo del Cristianesimo

- Adorazioni Eucaristiche - Parte Quarta - L'Eucaristia nel XIX e XX Secolo


- Adorazioni Eucaristiche - Parte Quinta - Appendici - Preghiere e Canti

 

- Pietà popolare - Prima parte

 

- Pietà popolare - Seconda Parte (Prima Sezione)

- Pietà popolare - Seconda parte (Seconda Sezione)

- Pietà popolare - Terza parte (Sezione I)

- Pietà popolare - Terza Parte (Sezione II)

- Pietà Popolare - Terza Parte (Sezione III)

- Pietà Popolare - Quarta Parte (Sezione I)


- Pietà Popolare - Quarta Parte (Sezione II)

- Pietà Popolare - Quarta Parte (Sezione III)

 

- Pietà Popolare - Quinta Parte (Sezione I)

- Pietà Popolare - Quinta Parte (Sezione II)

 

Per altre Via Crucis, vedere in Religiosità:

- Il cammino della croce - Fioretti quaresimali

- Via Crucis figurata

 

- Via Crucis con Gesù

- Via Crucis con Maria


- Via Crucis accompagnati da San Josè Maria Escrivà de Balaguer

 

- Via Crucis accompagnati da don Tonino Bello

 

- Via Crucis accompagnati da David M. Turoldo

- Via Crucis con amore

 

- Via Crucis a più voci

- Via Crucis fotografica

 

- Via Crucis Spagnola

 

- Via Dolorosa

- Via Crucis al Colosseo del Venerdì Santo del Venerdì Santo 2005 - Meditazioni e Preghiere del Venerdì Santo 2005 dell'allora Card. Ratzinger, poi Papa Benedetto XVI

 

- Da Gerusalemme al Golgota - Personaggi

 

Ciao a Tutti | Contattami | Nota Legale | Ringraziamenti |©2000-2016 Cartantica.it