Rubriche di
Patrizia Fontana Roca

 

I SANTI MILITARI

 

Come già precedentemente nominato, fa parte dei santi militari, in qualità di capo delle Milizie celesti:


- San Michele Arcangelo,

sempre in lotta contro il Maligno, raffigurato con in mano una spada con cui uccide il demonio e nell'altra una bilancia, simbolo di Giustizia, con cui pesa il Bene e il Male, è Patrono della Polizia di stato, dei commercianti, dei droghieri e fa parte dei santi militari, in qualità di capo delle Milizie celesti.

 

 

Sant'Adriano di Nicomedia

Ufficiale di Diocleziano aveva il comando dei soldati impegnati nella custodia dei prigionieri.
Convertitosi, fu imprigionato e martirizzato.
E' Patrono di Lisbona, dei carcerieri, degli Agenti di custodia, di postini, corrieri, messaggeri, fabbricanti d'armi, armaioli, fabbri, schermidori.
Protegge anche contro la morte improvvisa.

San Basilide

Soldato sotto Settimio Severo, era addetto ai condannati a morte.
Avendo preso le difese di una vergine che veniva condotta al martirio, fu accusato di essere cristiano e, avendo confermato la sua Fede, venne martirizzato. Estende il suo Patronato alla Polizia Penitenziaria.

San Maurizio
Patrono degli Alpini e delle Guardie Svizzere

Capo della mitica Legione "Tebea" o Primicerius, venne martirizzato insieme ad altri numerosi compagni che come lui si rifiutarono di rendere onore agli dei pagani e di perseguitare i cristiani, professando che adoravano solo Gesù Cristo.

San Martino di Tours

Figlio di un soldato romano e soldato lui stesso, dopo il famoso gesto di carità verso un poveretto - icona del Cristo - a cui regalò la metà del suo mantello, si dedicò alla vita monastica e venne nominato Vescovo.
Santo Patrono dell'Esercito ed in particolare della Fanteria, dei Sarti, degli Albergatori, dei Viaggiatori, dei Cavalieri, dei Mugnai.

San Giorgio

Patrono della Cavalleria e dei militari in genere, è protettore dell'inghilterra.
Forse nato in Cappadocia attorno al 300, arruolatosi in giovane età come soldato, si distinse per il suo valore ed il suo coraggio. Cristiano, manifestò apertamente la propria fede, opponendosi all'editto di Diocleziano contro i seguaci di Cristo. Venne così sottoposto a varie torture da cui però scampò, finchè fu decapitato e sepolto proprio nella terra in cui era nato Gesù.

San Pancrazio

Pur se non risulta in alcun modo la sua appartenenza all'esercito, san Pancrazio viene ritratto con la divisa militare romana.
Era un giovanissimo nobile a cui Diocleziano richiese di onorare gli dei pagani ma egli, battezzato, rifiutò più volte.
Venne quindi decapitato sulla Via Aurelia.
Patrono della gioventù e dell’Azione Cattolica.
Viene invocato contro lo spergiuro.

San Costantino

Imperatore, figlio di sant'Elena, noto per la promulgazione del famoso Editto di Milano che rese possibile professare la fede cristiana .

San Venanzio

Giovane soldato martire sotto Decio.

San Floriano

Veterano dell'esercito di Roma, visse in Germania, venne martirizzato per lasua fede e gettato in un fiume.
E' invocato come Protettore contro il fuoco.

San Vittore

Giovane soldato martirizzato in Bitinia (8/5)

Sant'Ippolito

Morì martire sotto Valeriano.

San Trifone



Guerriero che subì il martirio sotto la persecuzione di Decio.

Santa Giovanna
d'Arco

La giovane Santa guerriera, chiamata la Pulzella d'Orleans, è Patrona di Francia e dei Radiofonisti.

San Fermo

Cittadino di Bergamo di notevole autorità grazie al grado militare che rivestiva, fu martirizzato a Verona sotto Massimino.

Sant'Espedito

Capo di una Legione romana, venne martirizzato sotto Diocleziano.

Sant'Alessandro


Comandante di Centuria della Legione Tebea e Vessillifero.
Si rifiutò di uccidere i cristiani e venne quindi perseguitato a lungo, ma più volte riuscì a sfuggire al martirio.
Rifugiatosi a Bergamo convertì con il suo esempio molti altri soldati, finchè non fu catturato e decapitato.
Patrono di Bergamo e dei militari in genere.

Sant'Efisio

Più vicina alla leggenda che alla realtà, la vita di sant'Efisio è presto detta: nato in una famiglia pagana, si arruolò nell'esercito imperiale e si convertì al Cristianesimo ma non volendo rivelarlo continuò a perseguitare i suoi compagni di fede. Trasferito in Sardegna ebbe una visione celeste che gli rimproverò il suo operato. Davanti a Diocleziano proclamò la sua appartenenza a Cristo e venne torturato e martirizzato. E' Compatrono di Cagliari e Patrono dell'esercito italiano.

San Sebastiano

Alto Ufficiale sotto Diocleziano, era da lui ammirato per la sua competenza ed abilità, ma quando venne scoperta la sua appartenenza alla religione cristiana, alla richiesta dell' imperatore di abiurare alla fede e consacrare agli dei, rifiutò. Venne condannato a morte, trafitto da frecce, come compare nell'iconografia.

San Bonoso, martire

Ufficiale della Corte Eraclea di Antiochia, insieme ad altri compagni rifiutò di issare altri stendardi pagani al posto dello stendardo di Costantino, venne quindi torturato e decapitato.

Sant'Eustachio

Giovane e valoroso generale di Traiano, martirizzato per la sua fede.

San Giovanni da Capestrano

Patrono dei Cappellani Militari

In tema militare, ricordiamo la Virgo Fidelis, Patrona dell'Arma dei Carabinieri che come loro motto hanno la frase "Nei secoli fedele" e la Virgo Lauretana o Madonna di Loreto che è la Patrona dell'Areonautica. Secondo la leggenda, la santa casa di Nazareth nel Medio Evo sarebbe caduta nelle mani dei Mussulmani. Miracolosamente, intervennero gli angeli che la trasportarono dapprima in Dalmazia e poi a Loreto.

 

L'immagine di San Maurizio è stata gentilmente messa a disposizione da Fabio Arduino, quella di San Basilide da Giovanni Palladino, quella di San Prospero da Luigi Proietto, quella dei Santi Alfio, Cirino, Filadelfo e relative notizie da Christian Vecchio. Le altre sono di Cartantica.

- Per altre notizie sui Santi Militari, vedere, in Religiosità

- La Legione Tebea



- I Santi più venerati


- Santi Patroni e Patronati

- Santi Ausiliatori

 

Ciao a Tutti | Contattami | Nota Legale | Ringraziamenti |©2000-2016 Cartantica.it