Rubriche di
Patrizia Fontana Roca

COLLABORAZIONI VARIE

In questo Settore vengono riportate notizie e immagini fornite da altri redattori. Nello specifico, i testi sono stati reperiti da Antonio Miele, mentre le foto sono dell'Archivio di Cartantica che ha curato anche la grafica.
Tutti gli articoli degli altri Settori sono state realizzati da Patrizia di Cartantica che declina ogni responsabilità su quanto fornito dai collaboratori.

"N.B.: L'Autore prescrive che qualora vi fosse un'utilizzazione per lavori a stampa o per lavori/studi diffusi via Internet, da parte di terzi (sia di parte dei testi sia di qualche immagine) essa potrà avvenire solo previa richiesta trasmessa a Cartantica e citando esplicitamente per esteso il lavoro originale (Autore, Titolo, Periodico) ."

*******

 

CANTI REGIONALI NATALIZI ITALIANI

ricerca di Antonio Miele

 

******

 

SARDEGNA


Celeste Tesoro


Celeste tesoro d’eterna allegria,
dormi, vida e coru, riposa, anninnia.

Dormi, Fizu, amadu, dormi cun dolzura:
ne papas paura d’esser perturbadu,
o Verbu encarnadu in sinu de Maria.

Celeste tesoro d’eterna allegria,
dormi, vida e coru, riposa, anninnia

Dormi cun riposu, dormi, Fillu miu,
divinu Pippiu de su mundu gosu,
Filu graziosu de s’anima mia.

Celeste tesoro d’eterna allegria,
dormi, vida e coru, riposa, anninnia

******

FRIULI VENEZIA GIULIA


Staimi atènz

Staimi atènz, staimi a sentì,
staimi a sentì a l’oraziòn che usài da dì,
Quant che nascè’l nostri Signor, ‘l nostri Signor,
nasce une stele di grant splendor
Calà dal cil un agnul biel,
un agnul biel e duc’ disevin l’è ‘l Gabriel.
Calà dal cil un agnul biel.

Ves di save c’al è nassut,
il Salvator in forme di frut.
dulà c’al è no lu saves
in t’une stalute lu ciatares.
in citat Betelen
In t’une gripie su un poc di fen.
In te citat di Betelen.

Ciantin, sunin di viulin,
fasingi une danze a di chest fantulin.
Ciantin, sunin di sivilot,
li maraveis di cheste gran gnot.
Al è nassut il Redentor
che l’à di murì per tanc’ di lor.
Al è nassut il Redentor.

 

******

TOSCANA


Stava dentro alla capanna
Madre figlia di sant’Anna;
e mirando il suo bel sole
gli dicea queste parole:
-Dormi, dormi, o cuor di mamma,
fai la nanna e fai la nanna!

Dormi, o figlio tenerello,
dormi, figlio vago e bello;
chiudi chiudi i lumi santi.
Le tue stelle fiammeggianti.
-Dormi, dormi, o cuor di mamma,
fai la nanna e fai la nanna!

Vedi su dall’Oriente
tre corone risplendenti:
porteranno per ristoro
mirra, incenso e un dono d’oro.
Bacia, o figlio, la tua mamma;
non più ninna e non più nanna


******


MARCHE


Natu natu nazzarè


Correte, correte:
‘ndo’ che si stia Jisù,
se son e canda!

Natu, natu, Nazzarè,
tra la paja e tra lu fie’,
e Maria la Verginella
che sta sotto la capannella.

Capannella sanda:,
’ndo’ che ci sta Jisù,
se sona se canda!

Natu, natu, Nazzarè,
tra la paja e tra lu fie’,
e Maria la Verginella
che sta sotto la capannella

Jisù caru, durmi ve’,
tra lu vo’ e l’asine’
tra le vraccia della mamma
che te canda la ninna nanna.

Natu, natu,
tra la paja e tra lu fie’,
Durmi, durmi,
tra lu vo’ e l’asine’.

Capanna sanda:
’ndo’ che ci sta Jiusù,
se sona e canda!

Capanna sanda, capanna sanda!

******


LAZIO


O Verginella figlia

O Verginella figlia di sant’Anna,
nel ventre lo portasti lu Bambinello.

Ti partoristi sotto a ‘na capanna,
addo’ mangiava il bove e l’asinello.

La notte di Natale è notte Santa:
è natu lu Bambinu alla capanna.

Venite tutti quanti, o vui pastori,
a visita’ Gesù nostro Signore.

Questa canzone che abbiam cantata
A Gesù Bambino sia rappresentata.


******


Zampognata ciociara


La notte di Natale è notte santa,
è nato il Re divin nella capanna.

Dal monte lesto scenda ogni pastore
a visitar Gesù, nostro Signore.

O Angeli dai bei capelli d’oro,
al dolce bambinel cantate in coro.

Questa canzone abbiam cantata
Al buon Gesù da voi sia rappresentata

 

******


LIGURIA


Pastorale ligure


Lierun, lierun, la pastorella,
su, cantiamo al Re del ciel:
amor divino,
è nato a Betlem Gesù Bambino.

Lieru, lierun, con grande gioia,
su, cantiamo al Re del ciel:
O che splendore,
sorride a noi contento il Salvatore.

Lierun, lieru, la pastorella,
su, cantiamo alla Vergine bella:
Madre d’amore,
beata, chè portasti il Redentore.


******


PIEMONTE


Nenia di Gesù Bambino


Gesù Bambino è nato,
è nato in Betelem:
l’è sopra un po’ di paja,
l’è sopra un po’ di fien.

L’è sopra un po’ di fien:
s’a j’è l’Bambin ch’a piura,
so Mama ch’a lo adura.
L’è sopra un po’ di fien.

Ass sent na vuss ant l’aira,
ass sent a vni ciantand:
l’è san Giusep so paire,
lu pia ant’i so brass.

S’ai cianta la cansun:
la rin, la rin, la reta!
S’ai tucia la barbeta,
basemi se vi pias.


******


CAMPANIA

Quanno nascette ninno


Quanno nascette ninno,
quanno nascette ninno a bettalemme
Era nott’ e pareva mezzojuorno.

Maie le stelle lustre e belle
Se vedettono accussì:
e a cchiù lucente
Jett’ a chiammà li Magge all’Uriente.

Maie le stelle lustre e belle
Se vedettero accussì
Se vedettero accussì

Da presso se scetajeno
Da presso se scetajeno l’aucielle
Cantanno de ‘na forma tutta nova,

Persino ‘e grille co li strille
E zombanno a ccà e da llà:
è nato , è nato,
dicevano, lu Dio che ‘nce ha creato.

Persino ‘e grille co li strille
E zombanno a ccà e da llà.
E zombanno da ccà e da llà.


******

VENETO

La ciara stela


Addio felice notte
nel più chiaro che del giorno
nel vedere la luce attorno... la chiara stella.

E le qual porta novella
con l'avviso di una stella
e le qual porta novella... troval Messia.

Siamo partiti in compagnia
tre Re Magi dall'Oriente
ogni cuor che si presenti... a Dio si inchina.

O per noi Madre Regina
da per tutto il mondo regni
il pastor che vive e regni... Giuseppe Santo.

E nella mia mente canto.
Nel cantar le mie parole
che la luna contro il sole... la terra splende.

Cor degli Angeli s'intende.
E col suono della campana
canteremmo tutti Osanna... Gloria in cielo.

canteremmo tutti Osanna... Gloria in cielo.


******

TRENTINO ALTO ADIGE


Oggi è nato in una stalla


Oggi è nato in una stala
Gesù Cristo redentor:
la pareva ‘na bela sala
preparata già per quel.

E Maria vergine no la g’ha lane,
no la g’ha fogo per riscaldar.
E la si leva il vel di testa
e poterlo e ricoprir.
E la fa gioia e la fa festa
e fra le lagrime ed i sospir.

Viva, viva il nato Re
che del mondo è il Re novello
nella valle d’Israello.
Viva, viva il nato Re!

Viva, viva il re messia
che ha donato a noi Maria
nella grotta d’Israello.
Viva, viva il nato Re.

Buona notte, Buon Natal!


******


SICILIA


A la notti di Natali


A la notti di Natali
ca nasciu lu Bambineddu,
è nasciu ‘n mezzu l’armali,
‘n mezz’un voie e un asineddu.

Edda notti disiata
ca nasciu lu Verbu Eternu
cu la vista sì sagrata
ralligrau lu friddu ‘nvernu.

A la notti di Natali
ca nasciu lu Bambineddu,
è nasciu ‘n mezzu l’armali,
‘n mezz’un voie e un asineddu.

Faraudi e ciarameddi
adda grutta si purtaru
e diversi canzuneddi
a Gesuzzu cci cantaru

A la notti di Natali
ca nasciu lu Bambineddu,
è nasciu ‘n mezzu l’armali,
‘n mezz’un voie e un asineddu.


******


LOMBARDIA


Dormi, dormi bel Bambin


Dormi, dormi o bel Bambin,
Re divin, Re divin,
fa la nanna, o Fantolino
Re divi, Re divin,
fa la nanna, o Fantolino.

Perché piangi o mio tesor,
dolce amor, dolce amor,
fa la nanna, o caro figlio
tanto bel, tanto bel,
fa la nanna, o caro giglio.

Ecco vengono i pastor,
che di cuor, che di cuor,
riconoscono il Signor,
o Signor, o Signor,
fa la nanna o mio conforto.

Dormi, dormi o Salvator,
mio Signor, mio Signor,
e delizia del mio cuor
del mio cuor, del mio cuor,
in si povera capanna.


******

EMILIA ROMAGNA


A Cesare le venne un’ambizione


A Cesare le venne un’ambizione:
di numerare tutte le sue persone.
Ventiquattro di dicembre San Giuseppe si partì,
Maria insieme,
per dare il loro nome a Bettlemme.

La strada era lunga e ben cattiva,
Maria dalla stanchezza ne pativa.
Camminando tutto il giorno senza mai riposar
La forza manca,
Maria dal camminar si sente stanca.

Sedete Voi Maria su questo poggio
Che io andrò in città a cercare alloggio;
ho girato le osterie, le locande di qua e di là,
da ogni lato,
ma alloggio intra colà non l’ho trovato!
Pazienza santa,
noi dormiremo qui, sotto ‘sta pianta.

Passò di lì a poco un contadino,
vide Maria e Giuseppe in mal destino:
“Venite dietro a me, sposina bella,
che io Vi insegnerò una capannella;
là c’è un bue un asinello e del fieno da dormir,
di vero cuore,
perché sembrate gente del Signore!”


******


MOLISE


Pastorale di Capracotta (IS)

 


Ahi! Dove amor ti spinge, o mi diletto,
e come in questo fien trovi ricetto?
Ma tu gemi e tu già tremi
di rigore: Ahi! Mio Bambin.
Vieni e t’assonna;
ti scalda nel mio seno e fa’ la nonna.

Mi guardi e poi sospiri! Ah mio Signore,
intendo che vuoi dirmi: è freddo il core!
Ma al tuo sguardo già tutt’ardo
tutto avvampo ormai per te.
Caro ti assonna;
riposa in questo core e fa’ la nonna.

Accetta il mio dolore. E’ quanto, o Dio,
il sonno tuo sia dolce al pianto mio.
Mai lasciarti, sempre amarti
ti prometto, o mio Bambin,
dunque ti assonna;
chiudi le belle luci e fa’ la nonna.

******


CALABRIA


‘A ricchezza d’ù mundu

 


L’Angialu di Diu cumpariu a mezza li splenduri
lu cori di Maria turbau
per causa i nostru Signori.
U semi ‘nta lu grembu ‘nci portau
chi San Giuseppi dapprima nò ci cridiu
finchè lu Pateternu ‘nci parlau e lu rassicurau.

‘A ricchezza d’ù mundu pe nnui vinni
cca capanna du celu a nnui la manna
e d’ù sinu di Maria ‘undi sarva e cusì sia.

A li novi misi cca na grutta iju nesciu
cu’ friddu acqua e bentu
e senza cummohji pe ornamentu.

M’a paci d’a famigghia e l’amuri
du cori cardiava nostu Signori
c’o cielu na stija cumpariu
e ‘a strata di Re Magi ‘cimostrau.
Oru ncenz’e mirra per donu riciviuno


******

ABRUZZO


Ninna nanne a Natale


Quanda pace ‘nghe la lune
che se stenne pe’ lu monne.
Quanda stelle sta a zeffonne,
quanda zuffie de canzone.

Ninna nanne, ninna nanne,
tra la pajje senza scianne,
ninna nanne.
Durme, Fijje, ‘mbracce a Mamme,
ca ‘stu core te rescalle,
ninna nanne.
Ninna nanne, durme, Fijje,
senza scianne lu Patrone
de lu munne.

Li pasture canda cande,
le zampogne c’arefiate
tra le pecore ammucchiate
pe’ sta notte tutta sande.


******


PUGLIA

Ninna nanna, ninna nonna


Ninna nanna, ninna nonna,
iè partorita la Madonna,
e iè fattu nu magnu piccinnu
iancu e russu comu miliddu.

San Ciuseppu j’accatta la fassa,
la Madonna lu piia e lu ‘nfassa
e lu ‘nfassa finu finu:
quant’è magnu Gesù Bamminu;
e lu ‘nfassa finu finu:
quant’è magnu Gesù Bamminu.

Bamminieddu cammina pi casa,
la Madonna lu zzicca e lu asa,
san Ciseppu cu l’uecchi d’amori
lu zzicca, li dona lu cori.

Bamminieddu, Bamminieddu,
ieni a corchiti a casa mia,
ca ti conzu lu litticieddu,
lu cammarinu ti l’amina mia;
ca ti conzu lu litticieddu,
lu cammarinu ti l’anima mia.


******


VALLE D’AOSTA


La Pastorala


Di tendè Berta la Gran Mère
N’e ran pètaqu a tère lu vel;
Noutre vosun fejan di Père Leur volontà,
vendrau leur pei !
Tuantenn’amì, dauchen la danse,
La libertà l’est blen de toeut ;
Prèdzè françà faura de France,
L’andeut, l’est pa pecui,
l’est pa permi, l’audeut.

De net euna leumière I berdzè l’at paru :
Lo Sauveur l’est neissu.
Un pouro baou l’est son palatse,
Et sat pei de fen in traver
Compouson de leur matelatse,
De ci gran Rei de l’Univer ;
Et din la rigueur de l’iver
De dò, trl lindzo l’est queuver.

Berdzè, del que le s-andze
Di chiel son descendu,
Pe tsantè le lovandze
D’un meinà voue neissu ;
Parten parten ! l’est dzà doz’aoure ;
Galopen a bethelen.
No verren ci meinà que plaoure
Din euna rètse su lo fen.
Que si petsou del etre dzen!
Me que l’est pouro in memo ten !

Quetten noutra cabanna,
Agne, feye et maouton :
Beissen bà din la plana
Tsertsè ci dzen popon.
A ci meinà din la misère.
No fat lei portè de presen.
Afin che jeu de sa mère
Lo veyen pa todzor souffren.
No fa lei portè de creissen,
et de lasse lo tsanon plein. O berdzè, ve lo veide :
ah! Io pouro meinà!
Di cetta net se freide
Su de fen l’est coutsà.
Binque le rei, din l’abondance,
Passon leur dzor din le pleisi,
L’infan Jesu, din la souffrance
L’at case ren pe se creuvi.
Et l’est per nò que vout souffri,
Et que vout netre din l’oublì.

Mon Dzeuu, v’ei voulu netre
Di un fran pouro andret !
Sensa vitre i fenetre
Vou poude avei blen fret.
V’ei pe tot tsaat dove betsette
Que soufflon contre voutre pià,
Et de dò bocon de feissette
Pouramen v’ete immaillotà,
Afin de reparè lo mà
Que no s-an fè noutre petsà.

Le rei, din leur palatse,
Retsertson le s-onneur ;
Et l’Infant Jesu catse
Din un baou sa grandeur :
Son esempio no fet comprendre
Qu’in ci mondo n’en a souffri.
Et no s-uingadze tseut a prendre
Lo tsemin dret di paradi.
Ci que meprise le pleisi,
L’or et l’ardzen, l’est son ami.

Perden son eretadzo,
Lo premie père Adan
l’at fet, din l’esclavadzo,
plaourè tseut le s-infan.
Me pe bonneur voue vint de netre
Lo Sauveur promidei gran ten.
I vin de se fère cognetre
A de berdzè pouro, ignoren
De sa veneuva, achuremen,
Lo dzablo l’est pa trop content.

 

******

 

CANTI EUROPEI NATALIZI

 

AUSTRIA

E' Nato il Salvatore


È nato il Salvatore,
è nato il buon Gesù.
Lui porta pace e amore,
non soffriremo più.

Cantate insieme, o popoli:
in terra splende il Dio del ciel!
E’ nato per noi il Re d’lsrael,
alleluia, alleluia!

Lodiamo con amore
il Verbo Redentor.
Gesù nostro Signore
per noi s’incarnò.

Cantate insieme, o popoli:
in terra splende il Dio del ciel!
E’ nato per noi il Re d’lsrael,
alleluia, alleluia!

BELGIO

Tre Liete Pastorelle

Siam tre liete pastorelle:
sulla riva d’un ruscello
guardavam le pecorelle, la la la la la!
una luce ci abbagliò. la la la la la!

Era un angelo di Dio,
più lucente di una stella,
che lodava il Signore: la la la la la!
Oggi è nato il Salvator! la la la la la!

Tutte insieme andammo liete
a vedere il nato Re:
lo trovammo in una stalla la la la la la!
tra le braccia di Maria. la la la la la!

Un Bambino così bello
mai si vide sulla terra:
O Gesù nostro Signore la la la la la!
ti doniamo il nostro cuori la la la la la!

REP CECA E SLOVACCA

Dolce Redentore

Quanta luce c’è lassù, alleluia!
messaggera di Gesù, alleluia!

Dolce Redentore,
apri il nostro cuore!

Donaci il tuo amore,
donaci il tuo amore.

Oggi è nato il Salvator, alleluia!
Ci rivela il suo amor, alleluia!

Dolce Redentore,
apri il nostro cuore!

Donaci il tuo amore,
donaci il tuo amore.

Tutto il mondo canterà, alleluia!
Ogni uomo esulterà, alleluia

Dolce Redentore,
apri il nostro cuore!

Donaci il tuo amore,
donaci il tuo amore

DANIMARCA

E' Nato Un Bimbo

È nato un Bimbo in Betlehem,
in Betlehem,

Gerusalemme si rallegra,
Alleluia, Alleluia!

Fu posto in una mangiatoia,
in Betlehem,

Gerusalemme si rallegra,
Alleluia,Alleluia!


FINLANDIA

Sull'Abete

Sull’ abete le candele
sono tanti fiorellin,
la notte così buia
s’illuminerà.

Anche il vecchio come il bimbo
lieto si rallegrerà,
e in questa Notte Santa
giovinetto sarà.

Se viviamo del Natale
il messaggio di bontà,
rimarrà nei nostri cuori
gioia e felicità

GERMANIA

L'Abete di Natale


Nel buio tu risplendi a noi,
Abete di Natale.

Sui rami tuoi scintillano
le luci colorate.

Dei bimbi gli occhi brillano,
di Dio le luci vedono.

Accanto ad un presepe c’è
l’Abete di Natale.

GRECIA

Fiocca Neve


Fiocca neve giù dal ciel
nella notte fonda.
Ma che freddo e che gel
tremare mi fà.

Fuori stanno i pastor
e angeli divini
cantan Cristo è qui fra noi
lodate il bambin.

Una coltre candida
avvolge le piante.
Pesa sui rami e
piegare li fà.

Nella stalla giunti son
magi con i doni
e Maria tien Gesù
stretto al suo cuor.

IRLANDA

Sulla Grande slitta d'Or

Sulla grande slitta d’or
viene Babbo Natale.
Porta doni ai bimbi buoni
e rallegra i cuori.

Nel frattempo la sua
mamma cosa gli preparerà.
Ciambelline e biscottini
dolci belli e buoni.

Gnomi, Elfi giù dai monti
vanno tutti a festeggiar,
Ben vestiti e ripicchiati
insieme il Natale.

ITALIA

Tu Scendi Dalle Stelle


Tu scendi dalle stelle,
o Re del cielo,
e vieni in una grotta
al freddo e al gelo,
O bambino mio divino,
io ti vedo qui a tremar.
O Dio beato
oh, quanto ti costò
l’avermi amato!

A te che sei del mondo
il Creatore,
mancano panni e fuoco
o mio Signore,
Caro eletto pargoletto
quanto questa povertà
più m’innamora
giacché ti fece amor
povero ancora.

LUSSEMBURGO

Di Notte I Pastori

Di notte i pastori dormivan
Udirono i canti nel ciel.
Gli angeli in coro gioivan
Osanna nell’alto dei ciel.
In una stalla a Bethlemme
è nato oggi il Signor.
Noi tutti ci rallegreremo
gioite nei vostri cuor.

Andaron seguendo la stella
guidati dal Suo fulgor.
E quando fur giunti alla stalla
lodaron il nostro Signor.
Del latte il primo portava
la lana il secondo donò
farina il terzo recava
Maria li ringraziò!

OLANDA

Accorriam A Te

Accorriam a te Gesù bambin,
per Bethleem siam già in cammin.
La strada è lunga, ma noi or
guidati siam dal tuo Amar.

Cantiamo, esultiamo,
con gioia ti adoriamo,
baciamo i tuoi bei piedin,
Bimbo caro figlio divin.

Venuto a noi dall’ alto ciel
in una stalla al freddo e al gel,
ricambiamo il tuo grande amor
indegnamente, o Salvator.

POLONIA

Dormi Bambin Gesù


Dormi, Bambin Gesù,
amor mio santo. Dormi,
Bambin Gesù,
sono qui accanto.

La ninna nanna
ti canta la mamma,
sciuga il ciglio,
dolce mio figlio.

La ninna nanna
ti canta la mamma,
asciuga il ciglio,
dolce mio figlio.

PORTOGALLO

Passerotto Vola Via


Passerotto vola via
altre bacche non beccare,
nelle braccia di Maria
lascia il bimbo riposare.

Dormi dormi bel bambino
‘ora viene la tua mamma,
è a lavare i pannolini
alla fonte di Bethlemme.

REGNO UNITO

Il Primo Natale

Nella notte di Natal
sono scesi dal ciel
cori d’Angeli
per annunciare Gesù.

Tra le pecore a vegliar
se ne stanno i pastor:
su di loro discende
la luce dal ciel.

Nowell, Nowell,
Nowell, Nowell!
Per noi oggi è nato
a Betlemme Gesù.

SLOVENIA

Oh! Che Grande Giorno Oggi


Oh! Che grande giorno oggi è
venite a veder:
in una stalla nato è Gesù
a Bethlehemme.
Gli angeli cantan
inni dolci dell’Amor.
Tre re son in cammino
per Bethlehem.

Su correte tutti quanti insieme,
adorate il bambin!
Fra il bue e l’asinello
sta al freddo e al gel.
Bambini venite
correte a adorar
guardate la stella
che vi guiderà.

SPAGNA

Piccola Ninna Nanna

A la nanita nana,
nanita ea, nanita ea
dorme Gesù Bambino,
sia benedetto,
sia benedetto!

Fiumicello che scorri
chiaro e sonoro,
usignol che di trilli
empi il pianoro,
unite il vostro canto
nella vallea
a la nanita nana,
nanita ea.

A la nanita nana,
nanita ea, nanita ea
dorme Gesù Bambino,
sia benedetto, sia benedetto!

SVEZIA

La Musica divina

La musica divina
dal cielo viene giù,
discende dalle stelle,
ci conduce da Gesù.

Risplendono nel cielo
le stelle: che chiaror!
E gli Angeli che in volo
stan cantando tutti in coro
In schiere sono giunti
con l’armonia d’amor;
risuonano nel vento,
annunziano il Signor.

La musica divina
dal cielo viene giù,
discende dalle stelle,
ci conduce da Gesù.
La musica celeste
arriva fino al cuor,
di luce lo riveste
riempiendolo d’amor.

Ascolta questo canto
con umile tervor:
in questo giorno santo
è nato il Redentor.

La musica divina
dal cielo viene giù,
discende dalle stelle,
ci conduce da Gesù.

UNGHERIA

Danza Dei Pastori

Guarda, in cielo c’è un bagliore strano:
una luce scende piano piano.
Senti, un canto misterioso
riempie tutto il prato:
è l’annuncio che Gesù
in una grotta è nato.

Su, su, corriamo.
Su, su, corriamo.
Su, corriamo per vedere:
è nato il Re del cielo.

Siamo giunti presso la capanna,
senti questa dolce ninna nanna.
E’ la Vergine Maria
che con dolce canto
fa la ninna nanna
al suo bimbo pien d’incanto.

Su, su, cantiamo.
Su, su, cantiamo.
Su, cantiamo tutti insieme
questa ninna nanna.

Come è bello stare qui vicino
e cantare per Gesù bambino.
Ora tutti qui riuniti
diamoci la mano
e girando tutti insieme
per Gesù danziamo.

Su, su, danziamo.
Su, su, danziamo.
Su, danziamo tutti insieme
per Gesù Bambino.

******

Foto fornite da Cartantica

 

Per altri canti natalizi:

- Canti Natalizi di tutto il mondo

Ciao a Tutti | Contattami | Nota Legale | Ringraziamenti |©2000-2016 Cartantica.it