Rubriche di
Patrizia Fontana Roca

PELLEGRINAGGIO A MEDJUGORJE DEL 2018

 

 

ROMA, 31 AGOSTO - 7 SETTEMBRE 2018

Eccoci, di nuovo davanti alla chiesa di San Martino, ormai luogo d'incontri ricorrenti, per momenti religiosi e festaioli, e al pullman dove i primi arrivati già stipano i loro bagagli.
Questa volta ci è venuta ad accompagnare anche Alice, la mia nipotina - che è tutto un poema e che si profonde in varie allegre performances - e con la spontaneità conquista tutti i pellegrini in arrivo.
Questa volta abbiamo con noi anche Lino, il figlio di Mario e Giuliana e Sabrina, sua moglie che saranno di notevole aiuto in tutto il nostro percorso, spendendo tempo e risorse per i più deboli.
Ecco le due sorelle Maggi, attive, infaticabili, determinate che, nonostante l'età danno numeri anche ai più giovani di noi, Francesco, che ritorna con Donatella, mia figlia, Vinicio suo marito e Martino, l'altro mio nipote, dalla faccia d'angelo... Pia ed Emanuele hanno già conquistato la prima fila sul pullman, la solita Ivana rumorosa, Mario e Giuliana II come li chiamo io scherzosamente per distinguerli dall'altra coppia - stessi nomi - veterano di questi pellegrinaggi, il volto allegro di Anna... e tutti gli altri...

 

Abbiamo un nuovo autista, Fabrizio, di cui già nei primi momenti s'intravvede la disponibilità, la carica di umanità e simpatia che ci elargirà durante il pellegrinaggio. Che possiamo volere di più?
Carichiamo le nostre valigie, prendiamo posto sul bus e ... partenza...

 


31 AGOSTO 2018 - PARTENZA

Confabulazioni

Nuovi arrivi

Vecchi leoni

 

Donne, du, du, du...

 

Vecchi amici

Chi è questa intrusa?

La Mascotte

Con zio

 

New entry

 

Wonderwoman

Le mejo der bigonzo

Il medico dei pazzi

 



Un uomo per tutte le stagioni

La bisbetica indomata

Alice nel paese delle meraviglie

Il principe senza paura

 

Due cuori, una cucina

Sorelle, gemelle

Due vite in gioco

Cioccolato & Co.

 

Se telefonando...

Soddisfatti

L'amore ha due facce

La coppia tranquilla

 

Le forze del destino

Gli ex ragazzi irresisitibili

Vengo anche io...

No, tu no..

 

..Musica, Maestro

L'atmosfera nel pullman è di allegria, di leggerezza...
Quando sappiamo che stiamo lasciando i luoghi in cui viviamo, carichi per lo più di problemi, per andare a Medjugorje, il cuore sembra alleggerirsi e ritornare a quella dimensione che forse aveva nella nostra infanzia, nella nostra gioventù...
Sembriamo bambini che finalmente possono ancora sognare spazi liberi, cose belle che si realizzeranno e dimentichiamo i crucci o le malattie quotidiane che ci appesantiscono.
La musica di Enrico già ci fa presagire spazi più ampi dell'anima...

 

 

 

 

 

SUL PULLMAN - PRIMA SOSTA

Traversiamo una parte di Roma un pò sconosciuta a noi del centro eppoi ci dirigiamo verso la nostra meta, Jesi, dove troveremo l'accoglienza amichevole di P. Antonio che porteremo con noi. Però verso mezzogiorno ci fermiamo per un caffè, un panino e quant'altro e per sgranchirci le gambe...

Il ponte

Impero perduto

Felici e contenti

Verso la meta

 

Verso la libertà

Due per la strada

Il cammino della speranza

Due ore ancora

Il mucchio selvaggio

Fuori del coro

Tre pazzi a zonzo

Quartet

La rosa purpurea del Cairo

Via dalla pazza folla

Amici come noi

I tre della Croce del Sud

 

Bella di giorno

La famiglia Addams

Il mastino dei Baskerville

I compari

 

Le dolci zie

Snack

Abbracciami

Due pazzi a zonzo

Due sotto il sole

I tartassati

I fratelli Karamazov

I cospiratori

 

Il capitale umano

Colline verdi

Facciamo due passi, consumiamo al bar qualcosa di fresco, visitiamo il bagno, facciamo due chiacchiere e riprendiamo il nostro tragitto, sottol o sguardo vigile di Paolo e di Fabrizio, iniziando a recitare uno dei tanti Rosari che sciorineremo con devozione, impegno e ringraziamento, soprattutto, per questo viaggio che stiamo per intraprendere con tanta gioia...

La preghiera ed il paesaggio delle colline verdi che ci sfilano intorno, ci riempiono di serenità...

 

JESI - INCONTRO CON PADRE ANTONIO

Eccoci a Jesi, superiamo l'antica porta ed ecco Padre Antonio che ci attende, con amicizia, con trepidazione, con speranza. Vuole essere dei nostri ancora èer una volta e ci comunica tutte le sue speranze, le sue aspirazioni, le sue attese... Ci accoglie, come sempre, con affetto e a cuore aperto, ci porta nella sua Parrocchia dedicata alla Madonna delle grazie oltrechè alla Madonna del Carmelo, ci coccola, ci fa intravvedere, nella Messa che condividiamo, uno spicchiodi Paradiso...

Porta

Ecco Padre Antonio

In fila indiana

Contro il muro

 

Bella calligrafia

Trifora

Crocifisso

Cappella della Madonna

 

Incontri ravvicinati

Speaker

Spiegazioni

Tutti attenti

 

Madonna del Carmelo

Santi Carmelitani

Sante Carmelitane

Il Profeta Elia

 

Indulgenze

Cappella Madonna delle Grazie

Uno dei miracoli della Madonna

Altro miracolo

 

Mater Carmeli

Piccolo organista

Entriamo nella Chiesa con circospezione, lui ce ne fa conoscere i particolari, ci spiega la grande devozione che si ha nel circondario per la Madonna delle Grazie, fautrice di grandi miracoli, ci illustra le particolarità del complesso edificio....
E' contento della nostra presenza, è contento di poterci seguire in questo pellegrinaggio, è contento...

Messa con Padre Antonio

 

In circolo

Inizio della Messa

Piccolo Lettore

I Tre dell'Ave Maria

Intensità

In fila

Intervento di P. Antonio

Con impeto

Con affetto

Con indulgenza

Con fervore

Preghiere dei fedeli

Preparazione della Mensa

Consacrazione del Pane

Consacrazione del Vino

Lavaggio delle mani

Il Signore sia con voi

Preghiamo


Preghiera eucaristica

Il Corpo di Cristo

Raccoglimento

 

 

Offerta

Meditazione

Intercessioni

Rito della Pace

Stretta di mano

Incontro

Frazione del pane

 

La Mensa

Gli invitati

Mario II

Giuliana I

 

Emanuela

Paolo

Emanuele

Pia

 

Sandra

Anna

Ivana

Achille

 

Maria Antonietta

Giuseppe

Benedizione

Ite, Missa est

 

Processione

In fila per tre...

Pianino, pianino...

Gruppo

 

Gli sbandati

Gli argonauti

Gli ultimi saranno i primi

Conclusione della cerimonia...

 

davanti alla Madonna delle Grazie...

Gruppo

Foto conclusiva

La cerimonia è stata intensa e vivificante per tutti noi che abbiamo intensamente partecipato ad essa, con concentrazione ed attenzione, chiedendo alla Madonna grazie speciali per poter effettuare al meglio il nostro pellegrinaggio.

 

I dimenticati...

Io sono Valdez

...o il Grinta...?

I duellanti

 

Pace e bene...

Ci riuniamo poi accanto al pullman per partire, ma ci sono complicazioni. Assuntina è scivolata e si è fatta male ad una gamba. Speriamo che non sia niente, mentre si avviano tutte le procedure possibili per poterla medicare al meglio, chi cerca una farmacia, mentre Gaetano si dà da fare con la sua esperienza...
Intanto, mentre attendiamo, Enrico e Sandra si esibiscono in una piccola pièce teatrale che ci distrae da quanto poco prima è accaduto...
Ma tra poco partiremo, nonostante tutto anche se... ci mette sempre i bastoni tra le ruote...

 

 

 

SOSTA PER BIGLIETTI - IMBARCO

Siamo arrivati ad Ancona dove troviamo un altro piccolo gruppo di pellegrini: Raffaella, Stefano, Maria Luce, Donato che vengono dalla Puglia e Cristina, la simpatica "bolognese"...

Super macchina

Super Parroco e Super Girl

Super Cristina

Ecco Stefano...

 

... e gli altri...

Bagagli per la notte

Beauty case

E mò siamo tutti...?

 

In fila per sei...

Col resto di due

I quattro dell'Ave Maria

Aurelia-Cagliari

 

Photo, please

Ancora in fila

Entriamo

All'arrembaggio...

 

Beati gli ultimi...

Controluce

Siamo tutti e dopo gli abbracci e gli scambi di notizie, ecco già sbrigate le pratiche per il viaggio, così ci incanaliamo tra le file dei partenti, passiamo la dogana, ci incamminiamo lungo la strada che costeggia il mare e che ci porta verso la nave...

 

SULLA NAVE VERSO SPLIT - CABARET - PERFORMANCE DI LINO

 

Problemi?

Tex girl

Scherzando

La donna del ritratto

La signora col ventaglio

La donna perfetta

La Bolognese

Chi cerca, trova...

Le Sorelle Materassi

No photo, please

Sulla nave ci indirizzano verso la grande sala bar dove attendiamo che ci vengano assegnate le cabine... siamo già euforici perchè il più è fatto e domattina saremo a Medjugorje...

 

Siamo in porto

Scialuppe

Fiancata

Argano

Poppa o prua?

 

Poi, il caos della ricerca della cabina, sistemazione del letto e dei bagagli, una lavata veloce, un cambio d'abiti ed eccoci di nuovo in cammino verso il punto d'incontro per andare a cena. Self service o ristorante?
Ma prima un giro sul ponte, un giro di boa... per assaporare una boccata d'aria fresca della sera e godere dello spettacolo della baia illuminata...

E che ci mangiamo?


Io andrei sul emplice...

Pasta... pesce...?

Ma no, prosciutto e formaggio

In pochi, con P. Antonio, al ristorante per un breve pasto serale. Interessante l'incontro con un giovane cameriere che ci chiede di portargli da Medjugorje un Rosario...

Ma io ne ho già uno con me che gli regalo volentieri... e che lui accetta con gioia-
Magari se ne incontrassero tanti di giovani così...

Dopo la cena ci avviamo verso la sala da ballo-canto-riposo, un ampio salone con poltrone dove potremo passare un pò di tempo a parlare, bere, scherzare ed ascoltare le canzoni che la giovane e molto esperta intrattenitrice già ci propina dal microfono.
C'è intanto chi prova qualche passo di danza...

Parterre

No, proprio per terra...

In bilico....

Tre in poltrona

 

in attesa di magie...

Eccomi...

Saltellando

Roteando

 

La serata entra nel vivo col sottofondo della voce calda, bella ed impostata, della giovane intrattenitrice che comincia ad animarla, chiedendo al pubblico se qualcuno se la sente di collaborare...
Ed ecco, entra in scena Lino che terrà banco pet buona parte della sera con la sua bella voce impostata, calda, mimetica che spazierà da Renato Zero a Claudio Baglioni, da Vasco a... tanti altri... Belli la voce, l'impostazione, la teatralità, l'impegno... Lino tiene banco per circa una quarantina di minuti in cui ci farà davvero sognare--- Complimenti di cuore e... continua così...!

 

.

.

 

 

.

 

 

 
 
 
 
 
 



Che Dio ci perdoni

 

 

 

1* SETTEMBRE - SPLIT - MEDJUGORJE

 

Colazione

Spuma

Scie

Fotografo

Il mare è tranquillo, l'acqua azzurra e spumosa che batte contro la nave mette allegria... già perchè noi siamo allegri "dentro" di essere ancor più vicini alla nostra meta...

Barche

Barche e alberi

In vista del Porto

Porto

 

I colori dell'alba

Cantiere

Molo

Jadrolinija

 

Tra le sbarre

Panorama

Lavori in corso

Il nostro bus

 

I nostri amici Boro e Mary

Abbracci

Concione

Bella in rosa

 

Anghingò

I dominatori dell'universo



Il primo cavaliere

Fumo di Londra

 

I due Caballeros

Cowboy Angels

La Fisarmonica

Il piccolo Lord

 

Acqua... acqua...

La bella straniera

La bella e la bestia

La bella Antonia...

 

Panorama

La mattina è limpida, l'aria fresca spazza via ogni nube, ogni pensiero.. ed ecco la bella costa dalmata, frastagliata, affollata di barche di ogni tipo, ecco la darsena inondata dal sole appena spuntato... Scendiamo sulla banchina attendendo il pullman e ritrovando i nostri amici Boro e Mary che salutiamo con affetto... Poi ci rimettiamo in pullman e ci apprestiamo a raggiungere Medjugorje, con le dovute soste presso le due dogane croata e bosniaca, piuttosto lunghe, in cui chi fuma approfitta per scendere... poi una piccola sosta per il bagno... ed eccoci vicini alla meta...

ARRIVO A MEDJUGORJE - COMPLEANNO DI IVANA

 

Saluto ad Andrija

Saluto a Don Jozo

.


Le ragazze di Piazza di Spagna

I ragazzi del fiume


I ragazzi dei Parioli

I soliti ignoti vent'anni dopo

Le ragazze della Casa Bianca

Le sorelle perfette

La donna in nero


La donna esplosiva


I compagni di banco

La donna perfetta

L'uomo invisibile

L'uomo di Larame

 

La coppia dei campioni

L'uomo che sapeva troppo

Uau.... brucia....

Mi vien che ridere...

Spaghetti Story...


Bistecche, Patate, Cavolini...

 

Tutti dicono I love you

.

Terra bruciata

Tre tigri contro tre tigri

Che faccio? La bacio?

 

Baciami, stupido

Lacrime padovane

Che confusione...

Essere o non essere...

 

 


... questo è il problema

C'è posta per te...

Un sacco bello

Una bella e sentita festa, come sempre, per Ivana, coinvolta con tutti, sensibile, disponibile... insomma una donna che si dà da fare per gli amici e per gli altri e li ama...

 

Reporter

Che manica di matti

Eccoci, dunque, arrivati alla nostra meta, al nostro piccolo Paradiso, a cui agognamo da un anno all'altro, dove, finalmente, ci troviamo in pace con noi stessi, col creato con la gente...

Sarà pure una "fissazione" come ci dicono tanti, ma realmente qui noi "riviviamo" e riprendiamo le forze sprecate durante il tempo che ci separa da un pellegrinaggio all'altro...

 

MESSA - TRAMONTO

 

... Qui mi ero interrotta e nel frattempo, breve, intanto mio genero Vinicio, marito di Donatella, mia figlia, il "creatore" del" Rosarione" il musicista, il marito, il padre di Martino, nell'arco di un mese e mezzo se ne è andato per un tumore distruttivo al pancreas, che lo ha aggredito verso fine settembre ed il 24 novembre se lè portato via... Noi, siamo sicuri, in cielo, ma il posto che ha lasciato qui è decisaente troppo vuoto e ci vorrà tanto per colmarlo. Intanto, tu, da lassù, proteggi la tua famiglia ed anche noi che ti abbiamo voluto bene, anche se talvolta ci contrastavamo, stupidamente, per impostazioni diverse sulla vita, sul lavoro, ecc.

Mi riesce, dunque, difficile, riprendere il discorso sul pellegrinaggio in cui tu, così vitale, sei salito, senza sforzo sul Krizevac, hai animato le nostre serate con la musica, con il concorso del "Rosarione", un grande Rosario in pietra che sarebbe spettato a chi, durante il pellegrinaggio avesse fatto tutto il possibile per viverlo in maniera seria ed approfondita.

Questa era la terza volta che ti sei fatto promotore di questo Premio, iniziativa cominciata nel 2008 con la "vincita" di Gaetano e nel 2014 in cui avevi insignito come vincitore Ferrero...
Quest'anno sarebbe toccato ad Anna, che ne è stata fiera... e ha pianto tanto al tuo funerale...

 

Ma torniamo al pellegrinaggio che abbiamo terminato da così poco... Dopo il riposo pomeridiano, eccoci pronti per andare a piedi in Chiesa e poter ascoltare il rosario e la Messa.
Prima di iniziare la passeggiata, traccheggiamo un pò nella hall ed in giardino, dove ci scambiamo le solite battute allegre. il nostro spirito si è così alleggerito che sembriamo bambini con allegria e speranze...
Poi ci mettiamo in cammino, percorrendo la solita strada sterrata che tra vigne e campi ci condurrà alla chiesa, mentre recitiamo uno dei tanti rosari del giorno...

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Abbiamo partecipato con attenzione alla Messa e, finita questa, ci accingiamo a tornare a casa, mentre il sole calante ci regala splendidi paesaggi, bagliori accecanti e straordinari che ci riempiono l'anima di sorrisi...

 

SERA, CENA, ADORAZIONE, DIVERTISSEMENT

Eccoci di nuovo a casa, chi vestita alla marineretta, chi in attesa della cena, chi, come Vinicio, promotore del Concorso "Il Rosarione" che dà le prime notizie relative ai punteggi che già stanno delineandosi...
La cena, come al solito è delicata ed abbondante, breve breeack sulla terrazza, poi alla grande adunata dell'Adorazione.

 
 
 
 
 

La serata è splendida, la gente è tantissima, la cerimonia è intensa e toccante, come sempre, sottolineata dall'intensa musicalità del violino di Melinda Dumitrescu, un'insuperabile violinista rumena che, completati i suoi studi ha deciso di vivere a Medjugorje al servizio della Parrocchia, animando le liturgie, il festival dei giovani ed altre celebrazioni.
Questo, tramite il suo progetto “Piccole Stelle di Gesù e di Maria” che, attraverso la musica e l’arte, concerti e spettacoli di musica classica e sacra, danza e recitazione, sulle basi della preghiera, dei sacramenti e dell'impegno di castità, diventa uno strumento di Evangelizzazione, coinvolgendo giovani musicisti ed artisti, che animano incontri di preghiera in tutto il mondo.

 
 

Ritornando indietro, P. Antonio, esaltato dalla intensa armonia di questa serata, canta, impegnandosi con il cuore, coinvolgendoci tutti...

 
 

 
 
 

 

The best

La serata non è ancora finita, quando rientriamo e ci raduniamo davanti alla casa, chiacchierendo, sorbendo qualche liquore di Andrija o bibite varie, spiluccando i dolcetti che P. Antonio ci ha addirittura portato, con alcuni ricordini, dal Santuario di Jesi, qualcuno accenna a qualche ballo, Enrico dà voce alla sua fisarmonica

 

 

2 SETTEMBRE - MEDJUGORJE

 

Nuova giornata, sotto il sole di Medjugorje che ci trova tutti arzilli, sereni e pronti a presenziare a tutte le attività previste.
Padre Antonio è già andato al limitare del Krizevac e forse oltre, alcuni preparano il caffè, c'è chi va a visitare la cantina di Andrija, colma di vini e liquori in fermentazione...
Poi, eccoci tutti pronti a salire sul pullman... destinazione Il Villaggio della Madre, dove Don Jozo e P. Antonio celebreranno la Messa...

 
 
 
 
 
 

Saliti sul pullman, P. Antono dà vita ad uno dei suoi tanti intermezzi musicali che caratterizzeranno questo pellegrinaggio e che lui intraprende con voce intensa, ispirata, coinvolgendo tutti noi pellegrini.
Mai, come questa volta, abbiamo cantato con impegno ma, soprattutto, con il cuore...

VILLAGGIO DELLA MADRE

1

Martino si dà da fare spingendo la carrozzina del suo padrino Francesco, con impegno ed amore, poi si incammina verso il punto di raccolta, assieme a suo padre, la piccola chiesa dove celebreremo la Messa, animata dalla chitarra di Vinicio e dalla voce sua e di Donatella...

 
 

Preparativi per i Canti.. si accordano le chitarre... e le voci...

Lettori

 
 
 
 

Donatella con la sua voce e Vinicio con la sua chitarra, animano la Messa con intenso fervore...

 
 

La Messa. come ogni volta, è intensa e partecipata e le parole di Don Jozo si innalzano nella stanza, intense, profonde, senza equivoci... ci indirizza, come al suo solito, verso il più giusto, forse il più difficile cammino, verso la Verità...

 
 
 

Dopo la Messa ci riuniamo fuori, attorno alla statua di Padre Slavsko, animati da tanti buoni sentimenti che le parole di Jozo hanno risvegliato nel nostro cuore...

Siamo tutti euforici e sereni ed accogliamo con grande gioia la visita della nipote di don Jozo, Maria Rosa, del suo ultimo bimbo, Michele, del primogenito Giuseppe (Jozo) e di Davide, suo marito...

 

PRANZO E CAFFE'

 

Eccoci sul terrazzo per un aperitivo, chi vuole... eppoi, a tavola dove ci attende il solito, saporoso pranzetto che ci ristora...

 

A seguire, due passi che conducono al bar a pochi metri dalla casa, per un caffè o una bibita, allegre chiacchiere e ritorno a casa dove alcuni si sono impegnati in una partita a carte...

 
 
 

Battute, più o meno salaci, risate, domande, gesti allegri e spontanei... nel cuore c'è serenità e pace per poter respirare, per qualche giorno, quest'aria impregnata di fede... Poi, saliti sul pullman ci dirigiamo verso la Comunità di Suor Elvira.

I ragazzi sviati dalle tante "malattie" di questi nostri tempi, droga, denaro, gioco, avidità, che stravolgono le loro vite e quelle delle loro famiglie, a volte convinti da queste, a volte di loro volontà, decidono di intraprendere un nuovo cammino, fatto di fatica, di rinunce, di lavoro, che piano piano li porterà a liberarsi dalle catene con cui essi stessi si sono vincolati...
Le loro testimonianze sono intense, qualcuno ancora si vergogna nel raccontare le sue vicissitudini, altri sembrano ormai così lontani dalla vita che conducevano prima e che sembra ora, per loro, solo un brutto sogno. Sentono che ce l'hanno fatta a liberarsi dei loro fantasmi e sono pronti ad affrontare una nuova vita, anch'essa forse ricca di difficoltà e di problemi ma finalmente libera da limitazioni e debolezze...

 
 

In ordine sparso ci dirigiamo verso la grande costruzione realizzata dai ragazzi del Centro e ci disponiamo nell'ampio salone in cui si terrà l'esposizione delle vite di due di questi ragazzi, alcuni non più giovanissimi, sotto gli occhi vigili della Madonna e di suor Elvira che ci racconta, attraverso un filmato, le origini della Comunità, le sue esperienze personali e tanto altro...

 

A fine visita, ci raduniamo, come altre volte, in quella che sembra una cappella, ma non ancora terminata e Don Jozo si sottopone alla serie infinita delle nostre domande che toccano sì, l'argomento dei ragazzi di Suor Elvira, ma poi si estendono a tanto altro.
Vorremmo approfondire tanti argomenti, avere risposte ai tanti quesiti a cui non sappiamo dare risposta, ma riusciremo a lambire solo la superficie di quello a cui vorremmo giungere... la Verità...

 

 

Ritorniamo poi a casa, mentre uno sfolgorio di luci ci inonda, come ad illuminarci la mente... ma il cuore...?

Eccoci, già quasi pronti per la cena, sempre abbondante, preceduta dalla preghiera che don Jozo e P. Antonio, recitano in sintonia con tutti noi...

 

 
 
 
 
 

... poi arriva il momento dei fuori programma, delle iniziative - Vinicio, aggiornandoci sui progressi del Rosarione, ne inventa sempre di nuove - di chi canta, di chi dà suggerimenti, di chi fischietta in varie tonalità...

... ed, infine, ecco arrivare Ida, che ha sempre seguito ed aiutato don Jozo anche nel diffondere il suo ministero. Ci darà alcuni chiarimenti sulla sua conoscenza con una delle veggenti, Mirjiana, a cui la Madonna appare ogni 2 del mese.

Ida è una bella persona, una bella anima che si prodiga per tutti, è una signora dolce, serena, benchè, come tutti, abbia le sue problematiche...

Il suo sorriso è uguale alla sua anima... Recitiamo assieme a lei alcune preghiere, poi ci salutiamo prevedendo una notte tranquilla...

 

 

 

3 SETTEMBRE - MEDJUGORJE - ROSARIO ON THE ROAD - VETRINE - MESSA

E' una mattinata splendida e piena di sole e, dopo la solita, abbondante colazione, ci incamminiamo verso la chiesa dove ascolteremo la Messa. a cui parteciperanno anche P. Antonio e Don Jozo. La strada di campagna, sotto il sole, mostra tutto il suo splendore, i colori vivi del verde delle foglie e quello caldo della terra, i fiori, i frutti...

 
 

E' ancora presto per la celebrazione e così facciamo un piccolo giro tra i negozi, le cui vetrine sono ricolme di oggetti, tra le bancarelle di ogni genere, ci fermiamo un attimo per un caffè - siamo ancora in tempo...

 
 

 

.

 

Eccoci, davanti al grande altare... è sempre una grande emozione. Penso a come sarà felice P. Antonio, oggi, di celebrare là una Santa Messa, ma è troppo lontano per riprendere le sue emozioni e quando arrivo davanti a lui e a Don Jozo che stanno distribuendo la Santa Comunione non ce la faccio a riprenderlo con la mia macchinetta... anche io ho delle emozioni... anche se tento sempre di celarle...

 

 

PRANZO, CAFFE', CHI AL PODBRDO, CHI ALLA CROCE BLU, A CASA DI MARJIA

 

Sotto lo sguardo vigile di Gaetano, tutti a tavola, a gustare dei piatti, appetitosi come sempre, poi Martino si improvvisa barman e distribuisce caffè. chi va a riposare, chi gioca a carte, un piccolo universo caotico...

 

Ma ora si va e con il pullman si raggiunge un posto utile sia per chi salirà sul Podbrdo, sia per chi andrà a pregare alla Croce blu.

 

Qui le nostre strade si dividono, per poco, ci ritroveremo sempre d queste parti...

 

Saliamo verso la Croce blu, dove faremo un momento di intensa preghiera. Anche questo luogo è un punto importante dove poter pregare senza tanto frastuono, benchè sia frequentato da moltissime persone. Purtuttavia, si riesce ad ottenere un buon livello di concentrazione e la statua della Madonna sembra innalzarsi su di noi a proteggerci.

Noi, intanto, abbiamo guardato qualche negozio con interessanti quadri e statuette, poi ci siamo fermati ad un bar aspettando gli "scalatori" che riprendono fiato...

 

 

Eccoli, di ritorno, sudati e un pò stanchi, ma tutti superfelici di aver raggiunto il punto in cui la Madonna si era fermata.

 

Di nuovo sul pullman per pochi minuti, giusto il tempo di arrivare davanti alla casa di Marjia dove c'è un incontro di preghiera, attendendo l'apparizione della Madonna alla veggente.

La casa è ormai diventata un albergo... non mi intrigano le polemiche sui veggenti... sono affari loro... certo il Magnificat, così si chiama, è davvero un bel posto. Nonostante avessi dovuto capire che era vietato fare foto, me ne sono "uscite" due dalla macchina, sempre pronta...

Momenti di suspence, momenti di intensa preghiera... ma troppe persone... non posso dimenticare l'incontro con Marjia di tanti anni fa, forse una trentina di persone in tutto, momenti di preghiera ed ad un tratto un silenzio profondo. E Martino che aveva allora 3-4 anni, se ne uscì in quel silenzio, con la frase: "Tutti zitti, perchè...?"

Dopo esserci guardati ancora attorno ed aver immortato un galletto irrequieto che ci ha salutato, rimontiamo sull'auto... ma chi è il nuovo autista...?

 

 

CENA, CANTI E DANZE CON FISARMONICA

La sera si preannuncia ricca di musica, danze, canti... ed anche se qualcuno si sente un pò stanco, non rinuncia a presenziare a questa serata che ricorderemo tutti per molto tempo...

Vellutata

Di tutto, di più

Indaffarata

Digestione lenta

In attesa della performance

Io sarei un pò stanchino...

Noi siamo vispe come sempre...

Il Maestro

Speaker

ProntI...

Accordi

Inizio del concerto

Testi

Si prevede un programma molto corposo e quinid sono "corpose" anche le spiegazioni

Applausi

Via...

Ancora spiegazioni

Fotoreporter

Musica...

Impegno

Segue programma...

Compiacimento

Che attenzione...

Riflessioni

 

Commenti

Balconata

Fuori già si balla...

Tastiera

Ancora riprese..

Complimenti

Canto... o abbaio....?

New entry

Canto e poesia

Eccone un altro...

Canto impegnato

Incomprensioni...?

La platea è sveglia...

Assolo

Ancora una...

Canti e risate, sicure...

Ancora nuovi artisti....

Chi canta, chi telefona...

chi riprende...

Vado anch'io...

Confabulazioni

Cercando le parole

Altro coro...

e vari interpreti

Accompagnamento

Nuovo repertorio

Fuori del coro

Ancora foto...?

Un pò stravolto?

Noi facciam cin cin....

e noi apriam le danze

Dama e cavaliere

Dama e dama

Non vuole seguirmi...

Con chi ballo io?

Torno da lei...

Che volteggi....

Sempre in mezzo...

Ce l'ho fatta...

Bene, un cavaliere...

E che cavaliere...

Coppia di lunga data e lunga durata

Cambio dama...

Fumo e ballo

Dance with me...

Anche io...

Mi vien che ridere...

Daj, daccapo...

Siamo imbattibili...

Di lato

Dietro-front

Ancora di spalle

Ricominciamo...

A tutta forza...

Altra coppia

Tutte insieme...

Che sfinimento...

Siamo state forti.

... e brave, ditecelo...

Altro giro...

No, non sono stanca.

In posizione, via...

Rieccole...

Gira e rigira

A piedi nudi

Fuori dalla pazza folla

Sono pazze queste ballerine...

Che foto, ragazzi

Piripì...

Ragazzi che piffero

La festa è finita...

Che serata... interminabile, piena di musica, di voci, di battute, di balli, di allegria... Indimenticabile, come tante altre passate sotto questo cielo, il cielo di Medjugorje...
Che possiamo volere di più...?

Oltretutto, sotto gli occhi allegri e comprensivi dei nostri due Parroci...
Che anche loro hanno partecipato, divertendosi nel nostro caos, dispensando sorrisi e consigli, facendo foto...

Che bello essere qui, in allegria, con l'animo sereno, senza le limitazioni che nella nostra vita di tutti i giorni ci tarpa le ali... Avremo, sicuramente, nostalgia, per motivazioni diverse, di questi momenti, indimenticabili...

Beh, andiamo in pace

 

 

 

4 SETTEMBRE - MEDJUGORJE . VIA CRUCIS MATTUTINA

Un momento...

E voilà...

Bella in blu

Ciondoli

Melograni

In fila...

Avanti, marsch...

Paesaggio

Visionando

Davanti al Cristo

Come sempre è un momento di preghiera intensa, di esperienza anche se l'abbiamo sperimentato non solo qui, ma presso la nostra Parrocchia e in altri pellegrinaggi..

In attesa

INIZIO VIA CRUCIS - I STAZIONE - GESU' E' CONDANNATO A MORTE

II STAZIONE GESU' E' CARICATO DELLA CROCE

III STAZIONE - GESU' CADE LA PRIMA VOLTA

IV STAZIONE - GESU' INCONTRA SUA MADRE - V STAZIONE - GESU' E IL CIRENEO

VI STAZIONE - LA VERONICA E GESU'

VII STAZIONE - GESU' CADE ANCORA

VIII STAZIONE - GESU' INCONTRA LE DONNE DI GERUSALEMME

IX STAZIONE - GESU' CADE LA TERZA VOLTA - X STAZIONE - GESU' E'SPOGLIATO DELLE VESTI

XI STAZIONE - GESU' E' INCHIODATO SULLA CROCE

XII STAZIONE - GESU' MUORE SULLA CROCE

XIII - GESU' E DEPOSTO DALLA CROCE

XIV STAZIONE - GESU' E' DEPOSTO NEL SEPOLCRO

La preghiera è finita, noi abbiamo l'animo colmo di serenità e con infinita gioia nel cuore, proseguiamo il nostro cammino...

 

PRANZO, VISITA AL CASTELLO, UN BICCHIERE DI BIRRA, MESSA

Prima del pranzo, a base di brodo super e bistecche e contorni vari, tutti ottimi, la preghiera, condotta da P. Antonio e da Fabrizio il nostro autista, disponibile, carino, sereno, paziente, a cui vanno tutti i nostri applausi...

Dopo il pranzo, relax, chi a chiacchierare, chi a prendere il sole... ma il tutto dura poco, siamo già in procinto di risalire sul pullman per andare al Castello dfi Nancy e Patrick...

Eccoci sulla strada assolata e ricca di sorprese...

Ed eccolo, il castello, sempre in costruzione.... All'interno della sala dove si tengono convegni, preghiere e tanto altro, ecco comparire Nancy e Patrick che accolgono a braccia aperte alcuni dei conveuti, tra cui anche il nostro Francesco...

Riservano sorrisi e parole anche ai vari sacerdoti presenti, tra cui anche Don Jozo, che conoscono da molti anni e che spesso passa da loro il fine d'anno assieme ad una miriade di famiglie...Si parla, si prega, si sorride....

 

Guardiamo al Bambinello che ora troneggia in questa sala e alla fine dell'incontro, ritorniamo fuori, al sole, alla scoperta di tanti nuovi tesori...

 

Tutto, intorno a noi, è intriso di fatica e di lavoro, spirituale e fisico... le pietre si assommano alle pietre e nascono sempre nuovi edifici destnati a sacerdoti o a famiglie, a diseredati...

I fiori e gli alberi, come pure le pietre..., qui crescono a dismisura e rallegrano il già ridente paesaggio...

La nostra esperienza sta, però, per finire, ci rigiriamo tra le piccole vie che costeggiano i grandi palazzi, ci confondiamo con gli altri pellegrini in visita...

...salutiamo Nancy sempre attiva, protettiva, sorridente... e ci incamminiamo lungo la via del ritorno...

 

...per arrivare, poi, davanti alla chiesa, dove un via vai di gente ci frastorna già... ma, poichè manca ancora molto alla Messa, ci dirigiamo per una bibita fresca in un bar...

... accogliente e fresco, dove passiamo una mezzora in compagnia e in allegria...

 

Poi, eccoci inginocchiati, insieme a tanta altra gente, dinanzi alla statua della Madonna che ci accoglie nella Cattedrale... ed infine ci dirigiamo verso il piazzale per ascoltare la Messa dove officiano anche P. Antonio e Don Jozo...

 
 

A fine celebrazione, con un tramonto spettacolare, ci dirigiamo verso il pullman, con spirito da ragazzi, in allegria, ma forse, soprattutto, è serenità e letizia che ci animano e ci fanno tornare ai giochi della nostra gioventù, quando il cuore non era ancora tanto appesantito dalle faccende scabre della vita che ci avrebbero coinvolto...

 

CENA - ADORAZIONE - SVAGHI

 
 

Dopo una cena ricca e saporita, corriamo verso il pullman per assistere, con cuore e fervore all'Adorazione...

E' sempre un'esperienza che riempie il cuore, intensa, creativa, produttiva...

E' sempre un'esperienza che riempie il cuore, intensa, creativa, produttiva...

 

Ascoltando parole e canti, prostrati davanti al SS. Sacramento, ci colmiamo dell'Amore generoso di Dio...

 

 

Ritornati a casa, siamo ancora storditi da questa esperienza, ma poi torniamo ai nostri consueti atteggiamenti che ci portano a consuetudini meno alte, come: chiacchiere, anche coi cani,

giochi di carte, spigolature....

 

... ma, ormai si è fatto tardi, tutti a nanna, con l'augurio scritto su di un foglio, con tanto amore, da P. Antonio:

"Buona notte e buon riposo... sogni belli"

 

 

 

Continua

 

Ciao a Tutti | Contattami | Privacy Policy | Ringraziamenti |©2000-2018 Cartantica.it