Rubriche di
Patrizia Fontana Roca

COLLABORAZIONI

 

IL GUARDIANO
DEL FARO

In questo Settore vengono riportate notizie e immagini fornite da altri redattori.
Nello specifico, i testi sono stati realizzati da Paolo Roca (Il Guardiano del Faro), mentre la grafica e le immagini sono state curate da Cartantica.
Tutti gli articoli degli altri Settori sono state realizzati da Patrizia di Cartantica che declina ogni responsabilità su quanto fornito dai collaboratori.

"N.B.: L'Autore prescrive che qualora vi fosse un'utilizzazione per lavori a stampa o per lavori/studi diffusi via Internet, da parte di terzi (sia di parte dei testi sia di qualche immagine) essa potrà avvenire solo citando esplicitamente per esteso (Autore, Titolo, Periodico) il lavoro originale."

 

 

PARLIAMO DELLA GUERRA

******


Non è facile parlare di un conflitto, non è facile disquisire su colpe o ragioni di un avvenimento che è sotto gli occhi di tutti e che quotidianamente, attraverso la carta stampata e la televisione, entra in tutte le case con la descrizione minuziosa degli scontri e con l’elencazione del numero delle vittime che ogni giorno pagano il tributo alla follia umana.
Eppure, tale avvenimento anche se grave - e a detta di tutti assurdo e inconcepibile - ha un risvolto che tende ad essere ignorato e che trascende il fatto in sè, mostrando un uso del fatto bellico che sinceramente lascia molto sconcertati. E’ un aspetto che deve essere trovato e letto “tra le righe” dei vari reportage, libri e servizi che ci vengono propinati continuamente.
Tale aspetto è lo sfruttamento degli avvenimenti bellici in favore di questa o quella ideologia.
Si potrebbe dire che ciò avviene per tutte le notizie, ma ciò che lascia perplessi è che tutto questo si verifica in modo tanto massiccio quando ci sono di mezzo morti, feriti e tanto dolore di povera gente che subisce, impotente, la prepotenza degli uni e degli altri.
Stupisce, inoltre, l’ipocrisia e la commiserazione di chi assiste a questo “spettacolo”, scuotendo il capo e mormorando frasi di circostanza ad ogni notizia ed ad ogni immagine truculenta di morti o feriti, magari preoccupandosi più dell’incolumità o dei pericoli a cui è sottoposto chi fornisce la notizia o l’immagine, che di quella dei soggetti in essi descritti.

A far da attori ci sono i combattenti : da una parte i soldati, in vesti da “salvatori dell’umanità”, più o meno convinti ma troppo spesso impegnati in una guerra in cui non credono, dall’altro i difensori di un’ideologia che, basandosi su un credo religioso, portano il terrore, combattendo con strategie da massacro, in barba a tutti i sentimenti umanitari e di rispetto per la persona umana.
E’ qui necessario aprire una parentesi : si sente spesso parlare di “Trattato di Ginevra”, di rispetto per i prigionieri, di trattamento umanitario verso i belligeranti. Tutto ciò dimostra ancora di più la depravazione a cui può arrivare la mente umana. La stessa mente che riesce a concepire e fare le guerre, tenta di mettere regole umanitarie in ciò che è negazione dell’essere umano !!!

Oltre ai belligeranti ci sono altre due realtà
La prima più importante è rappresentata da un popolo che subisce le angherie degli uni e degli altri. E’ la solita “gente comune”, quella che paga sempre in questi casi : trattata come terrorista e ribelle dai “liberatori” e come traditrice e collaborazionista dai “ribelli”. In ogni caso viene vista e considerata carne da macello, merce da esporre con raffinata crudeltà agli occhi del mondo per appagare la sete di sangue e la conseguente commiserazione dei benpensanti.
La seconda tragica realtà è rappresentata da quella miriade di inviati speciali, di giornalisti, di operatori, di free-lance, cameramen, tecnici ecc, che accorrono nelle zone del conflitto per raccontare, filmare, testimoniare, scrivere articoli, libri e diari, sempre sulla pelle della povera “gente comune”. Ed il bello è che nessuno ha mai provato a contare quante siano queste persone che in nome di un “diritto all’informazione” o nascondendosi dietro alla “ libertà di cronaca “ si trovano in zona di guerra.
Se mai venisse fatto un censimento, penso che il rapporto fra forze belligeranti e giornalisti ecc. darebbe un risultato da sconvolgere il sonno a molte persone.

Ed allora, come interpretare la guerra vista sotto questo aspetto ?
Non è più un fatto “solo” di sangue ma diventa uno spettacolo a cui partecipare con i commenti nei telegiornali, nella lettura dei quotidiani, dei libri, dei diari, ascoltando quell’esperto o quello stratega con tanto di modellini plastici delle zone di operazione, nei servizi speciali, nelle trasmissioni fiume degli opinionisti, dei rappresentanti di questa o di quella fazione …
La guerra diventa uno spettacolo ! E’ triste e difficile da digerire ma credo che questa lettura del conflitto non possa essere smentita, se è vero che in televisione e su ogni giornale le notizie ed i dettagli impegnano percentualmente uno spazio notevole.
In questa situazione mi vengono spesso in mente gli spettacoli che nell’antica Roma venivano organizzati nelle varie arene. In particolare quelli che vedevano i protagonisti lottare per la sopravvivenza. Uno spettacolo che finiva nel sangue e spesso il modo di dare la morte era raffinato e crudele, eppure - stando alle cronache - questi spettacoli richiamavano molta gente che si “divertiva” a vedere morire i propri simili. E’ evidente che nell’animo umano ci deve essere una tendenza verso lo “spettacolo” della morte, del combattimento, del sangue anche se di fatto tutti a parole lo disprezziamo e lo rifiutiamo.

Tutto ciò potrebbe essere tema di confronto e di dibattito – tanto per restare in tema ! - se non fosse per un “piccolo” particolare : quella “povera gente” che muore o che resta mutilata, ferita nel fisico o nel morale, i bambini che oltre a pagare con la vita le sconsideratezze e le leggerezze degli adulti, anche se scampano alla morte, si vedono privati di un patrimonio che nessuno potrà più dare loro: la giovinezza e la spensieratezza che dovrebbe essere tipica della loro età..
Questo ci fa tornare con i piedi per terra e spettacolo o tragedia ci permette di asserire una sola verità : la guerra è comunque un evento sbagliato ! La guerra è una mostruosità che a prescindere da qualunque considerazione dovrebbe essere evitata, bandita dal cuore e soprattutto dal cervello degli uomini.

 

E’ in queste occasioni che diviene di moda una parola: Pace.
Purtroppo l’aspetto triste di questa pace è che tutti la vogliono ma nessuno la pratica !!
E allora cosa è la Pace ?
Non c’è pace senza giustizia !
Cosa è la giustizia ?
Non c’è pace senza libertà !
Cosa è la libertà ?
Non c’è pace senza uguaglianza !
Cosa è l’uguaglianza ?

Pace, giustizia, libertà, uguaglianza ecc. ecc. : si va bene, ma chi non le condivide ?
Cosa facciamo : li sopprimiamo, gli facciamo la guerra ?
E torniamo punto a capo !
Sembra un circolo vizioso dal quale non c’è via di scampo : ci sarà sempre qualcuno che non è d’accordo !
Allora cosa fare ? Rinunciare alla Pace e tuffarsi in un vortice di guerre o, nel migliore dei casi, assistere impotenti alla distruzione di bambini, di popoli, di civiltà ?

Tante sono le voci che si sono levate ad indicare soluzioni, a proporre iniziative, a sentenziare … ecc. Ma sinceramente in tutte queste voci c’è sempre un tentativo, spesso inconsapevole, di imporre una visuale di parte, una soluzione che coinvolga solo le “intellighenzie” della terra, come spesso avviene nelle scelte che vengono fatte “per il bene dell’umanità”. E’ proprio questo il problema : per risolvere i problemi del mondo si mettono d’accordo i potenti che – ovviamente – sono interessati a risolverli a proprio favore.
Solo una voce si è levata “super partes” quella del Santo Padre !
E’ indicativo l’atteggiamento del Papa : non prende posizione, nelle grandi decisioni ogni sua preghiera, ogni suo pensiero è rivolto alle vittime, ai poveri, alla “gente comune”, a coloro che soffrono per la idiozia di qualche “potente”.
Chissà se ci sarà mai una convergenza di tutte le forze mondiali in questa direzione cioè verso la stragrande maggioranza degli uomini che popolano questa povera terra martoriata : la cosi detta “gente comune”.
Che sia questa la direzione da intraprendere…?

******

Dello stesso Autore:

 

- Chiodi, rumori, processioni, aeroporti... povera Roma!

- Habemus Papam

 

- Il Bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto

- La Storia non insegna

 

- La strada di San Michele

- Meditazione - Nunc dimittis


- Natale con i tuoi...

- Ordinazione

- La Religione negli erinnofili

- Pensieri per Natale

- Scenette in Libreria

 

- Per altre notizie sugli Erinnofili:

- Parliamo di... Erinnofili, detti anche Chiudilettera o Vignette (vedere nel Settore "Collezionismo")

Ciao a Tutti | Contattami | Nota Legale | Ringraziamenti |©2000-2016 Cartantica.it