Rubriche di
Patrizia Fontana Roca

COLLABORAZIONI

In questo Settore vengono riportate notizie e immagini fornite da altri redattori.
Nello specifico, l'articolo è stato realizzato dalla Prof.ssa Stefania Colafranceschi che ha fornito anche le immagini, mentre l'impostazione e la rielaborazione delle immagini sono stati forniti da Cartantica
Tutti gli articoli degli altri Settori sono stati realizzati da Patrizia di Cartantica, che declina ogni responsabilità su quanto fornito dai collaboratori.

"N.B.: L'Autore prescrive che qualora vi fosse un'utilizzazione per lavori a stampa o per lavori/studi diffusi via Internet, da parte di terzi (sia di parte dei testi sia di qualche immagine) essa potrà avvenire solo previa richiesta trasmessa a Cartantica e citando esplicitamente per esteso il lavoro originale (Autore, Titolo, Periodico) ."


******

 

LA COLLEZIONE DI P. GIUSEPPE TAVERI DI VALBREMBO
TESTIMONIANZA DI DEVOZIONE GIUSEPPINA

 

(da Attualità del nostro Santo - Atti della II Giornata di Studi su San Giuseppe
Viterbo, 17 marzo 2011)
Edizioni OCD - 2013

 

 

 



Immagini della Collezione Taveri


La raccolta di immagini devozionali di p. Giuseppe Taveri, reperite nell’arco di un trentennio, si rivela singolare e pregevole per molti versi.

Nata nell’intento di onorare il Santo a cui l’ordine è intitolato, questa collezione permette di esplorare le tematiche correlate a san Giuseppe, sia riguardo agli episodi evangelici sia per gli aspetti di carattere devozionale e simbologico.

La figura di san Giuseppe, infatti, è presente in varie tipologie figurative.
Assume i tratti del padre operoso, dell’educatore, ma anche affettuoso e premuroso, intento a incombenze culinarie e persino ordinarie come asciugare panni e fasce; e ancora, a giocare col Figlio, e costruirgli giocattoli.
Emerge un profilo multiforme, dai tratti umani e spirituali.

Inoltre scorrendo le immaginette, si avverte l’eco di opere d’arte che, per la loro suggestione, hanno trovato imitatori nei vari stili rappresentativi: incisioni, rielaborazioni tipografiche, santini, cartoline d’epoca, oggi riproposte nei biglietti augurali similantico.

Un caso del genere si riscontra anche qui, come si vedrà.

Questo il pregio della Collezione Taveri, testimone di una tradizione rappresentativa che affonda le radici nell’antica arte cristiana, coi suoi simboli e allegorie, richiami e parallelismi. Dunque una forma d’arte come imitazione, commemorazione, trasposizione… forme convergenti di un linguaggio che ha perpetuato, senza disperderne la ricchezza, il messaggio evangelico e gli episodi che vi si richiamano.

Il ciclo giuseppino, attraverso cui si dipana l’insieme delle figurazioni, è così articolato: il Sogno, lo Sposalizio, la Natività, la Presentazione al Tempio, la Purificazione, l’Adorazione dei Magi, la Fuga in Egitto, Vita a Nazareth, il Lavoro, il Ritrovamento nel Tempio, il Transito, la Gloria, i Patrocini, l’Intercessione, la Sacra Famiglia; infine i libretti devozionali.


Alcune riproduzioni, qui riportate ne attestano il livello qualitativo.

La raccolta si compone di 15 album tematici, come si vede nel relativo Dvd, realizzato per far conoscere e incentivare la fruizione di questo ricco patrimonio devozionale, espressivo di una pietà antica e attuale.
Gli album sono così intitolati:

Merlettate
– Natività 1
– Natività 2
– S. Famiglia - nuove
– S. Giuseppe 1
– S. Giuseppe 2
– S. Famiglia 1
– S. Famiglia 2
– S. Famiglia 3
– S. Famiglia - antiche
– S. Famiglia - Arte
– S. Giuseppe 3
– S. Giuseppe - antiche 1
– S. Giuseppe - antiche 2
– Vitorchiano

Tutti i raccoglitori della collezione – tranne l’ultimo – contengono elementi di varie epoche, dal XVIII al XX sec., offrendo una varietà di tipi e tecniche tipografiche, per un totale di 2604 immagini devozionali.

Accanto ai temi iconografici principali, con le numerosissime rappresentazioni in cui san Giuseppe ha il Bambino in braccio, quale Custos, oppure si occupa di Lui come Nutritor, si ha modo di osservare altri soggetti di particolare valenza e originalità, correlati a opere d’arte note, o ispirati a opere poco conosciute, espressive del legame speciale che tra loro intercorreva: questo legame è testimoniato, in chiave familiare, da un’inconsueta raffigurazione, in cui il Santo è proteso verso il Bambino Gesù, per aiutarlo, sorreggendolo, quando ancora è un infante dai passi incerti (fig. 1).

Fig. 1

Nel Museo Diocesano di Senigallia si conserva una tela di Scuola Ferrarese del XVI sec., quasi un quadretto di vita familiare, intitolata “Santa Famiglia con S. Anna”, in cui san Giuseppe evidenzia la medesima gestualità (fig. 2), come si riscontra pure nella tela di Placido Costanzi (1688-1759) “Riposo nella Fuga in Egitto” (1) , a Roma; il dettaglio del Bambino Gesù richiama, invece, un disegno di Raffaello, conservato al Museo degli Uffizi a Firenze.

Fig. 2 - Sacra Famiglia con Sant'Anna,
Scuola Ferrarese, sec. XVI,
Museo diocesano, Senigallia

 

Un’immaginetta della Natività dall’incorniciatura particolarmente ricercata (fig. 3) è direttamente ispirata alla celebre “Notte” (2) del Correggio (1489- 1534), una tra le più ricorrenti figurazioni celebrative dell’Incarnazione, caratterizzata da uno stile di intensa espressività (fig. 4).

Fig. 3 - Immaginetta devozionale,
sec. XX, Collez. Taveri

Fig. 4 - "La Notte", Correggio,
sec. XVI, Gemäldegalerie, Dresda

 

Pochi esempi, qui richiamati, valgono a comprovare l’attento lavoro di selezione e raccolta, sul mercato antiquario, nel corso degli anni. Così p. Taveri ci apre a una vasta conoscenza di rappresentazioni figurative, sia pur di piccolo formato, offrendo al nostro sguardo, e all’indagine iconografica, orizzonti e angoli visuali – incentrati sulla figura di san Giuseppe –, nuovi e molteplici.

Le immagini qui riprodotte documentano, dunque, la varietà delle scene evangeliche e insieme la fortuna di quelle figurazioni di particolare valenza devozionale, che hanno mantenuto nel tempo il valore del loro messaggio.

5 - San Giuseppe e il Bambino Gesù
Immaginetta devozionale, sec. XIX,
Collez. Taveri

6 - La Sacra Famiglia,
Immaginetta devozionale, sec. XX,
Collez. Taveri

7 - La fuga in Egitto,
Immaginetta devozionale, sec. XX, Collez. Taveri

8 - La Sacra Famiglia del lavoro,
Immaginetta devozionale del XIX sec.
Collez. Taveri

 

 

 

Note

1] Firmato e datato 1729, il quadro è di pertinenza del Pio Istituto di Santa Maria in Aquiro, a Roma.
2] Eseguito intorno al 1525, nel periodo di maturità dell’artista, è conservato a Dresda, Gemäldegalerie.

 

 


Della stessa Autrice:

 “A Te, o Beato Giuseppe…”: Il Culto di san Giuseppe nelle piccole immagini devozionali

"...E, prostrati, lo adorarono". Aspetti iconografici dell'Adorazione dei Magi

- L'Albero rivestito di luce


- L'Apprendista Gesù nella Bottega di Nazareth - Tipologie Iconografiche

 

- L'Artigiano al lavoro insieme agli Angeli e ai Santi

- L'Iconografia del Presepe - San Giuseppe nella Natività


- La Festa Estiva "Dul Bambin"

- La Natività di Cristo


- La tradizione in musica: I Concerti di Natale

 

- Mostra Imago Sanctitatis

- Natale di carta

 

- Patrocinio, intercessione, gloria di San Giuseppe attraverso l'iconografia devozionale in Italia

- Pietro Ivaldi - Aspetti di simbologia nelle sue Natività

- San Giorgio, Immagini e Simbologia


- San Giuseppe nelle Sacre Rappresentazioni Italiane

- San Giuseppe Artigiano - Tra Simbologia e Quotidianità

 

- Sant'Antuone, Sant'Antuone, lu nemiche de lu demone

- Stella splendens - Segni celesti e luce prodigiosa per la nascita del Bambino Gesù

Ciao a Tutti | Contattami | Nota Legale | Ringraziamenti |©2000-2016 Cartantica.it