Rubriche di
Patrizia Fontana Roca

 

 

PREGHIERE DI PACE DI GUERRA

 

Anche se ora alcune di queste preghiere possono risultare fuori luogo perchè si riferiscono al nostro passato e a certe situazioni storiche, sono comunque riferite ad una situazione umana che non cambia nel tempo, poichè la guerra, qualunque essa sia, per qualunque ragione venga affrontata, è sempre una cosa da denigrare. E i sentimenti di chi, per una ragione o per l'altra, per Amor di Patria o no, deve affrontarla sono sempre gli stessi: anche se con ardimento nel cuore, la paura di essere ferito o addirittura di morire è sempre là, presente nella mente e si pensa a chi si è lasciato, a ciò che forse non si potrà più riavere, si pensa anche al nemico con cui ci si scontrerà. E ci si appella, quindi a Colui che è il Principe della Pace, s'implora la Madonna affinchè abbia compassione, si chiede l'intercessione dei Santi Patroni affinchè proteggano dalle sventure....

 

PREGHIERA A DIO PER LA PATRIA

Dio dei popoli oppressi... Dio dell'animo afflitto...

Posa sui poveri sviati figli d'Italia uno sguardo di clemenza e d'amore. Il solco segnato da trecento anni di schiavitù e la lunga idolatra predicazione dei falsi profeti, che usurparono in terra il tuo Santo Nome, non si cancella in un giorno.

Per la parte che adempiemmo dei tuoi disegni nel passato - per la parola d'Unità che due volte demmo alla terra - per l'intelletto della divina bellezza - pei Santi che vissero e morirono sul nostro suolo nella tua Fede - per la promessa che ci venne da Te, quando stendesti più splendido che non altrove su noi l'arco dei cieli e il sorriso infinito della tua creazione, noi ti preghiamo, Signore, levaci alla terza vita! infondi nelle nostre madri l'adorazione della PATRIA e l'amore dell'anima, non alle sole membra, dei figli! spira nei padri i civili concetti e l'ardita virtù che sola può farla nostra terra! Benedici le spade dei nostri giovani, affinchè essi possano scioglierti nella tua Roma un cantico degno di te. IL CANTICO DELL'ITALIA REDENTA.

E salvaci, oh salvaci dalla morte dell'anima. sperdi da noi, checchè avvenga nel tempo di prova che ancor ci avanza, l'ateismo della disperazione, il soffio gelato del dubbio... e quando nel freddo della solitudine, ch'è il peggiore dei mali, saranno preste a spegnersi le sorgenti della tua vita, suscita, o Padre, a ravvivarle il pensiero dei morti che amammo e ci amano. E scenda a lambirci la fronte riarsa il bacio delle madri e delle sorelle perdute e c'insegni i segreti dell'immortalità tanto che vivi e morti siamo tutti uno in Te nella Fede e nella Speranza

GIUSEPPE MAZZINI

 

LE PREGHIERE DEI SOLDATI

******

La preghiera del mattino

Un altro giorno mi avete dato, Signore, e per avermelo dato vi ringrazio e vi prego di concedere che questo giorno sia buono e lieto per tutti coloro che amo, vicini e lontani.

Ogni giorno che mi date è tempo che mi concedete per fare il bene. Aiutatemi, dunque, o Signore, perchè io sappia e voglia farlo; aiutatemi in questo giorno che è dono vostro, a compiere il mio dovere.

Non sarò degno del dono se questa sera, compiuta la mia giornata, non potrò dire di essere stato utile agli altri e di aver migliorato me stesso. Aiutatemi voi, mio Dio, perchè così sia!

******




PREGHIERA DEL BERSAGLIERE

 

 

PREGHIERA DEL CARABINIERE

Dolcissima e gloriosissima Madre di Dio e nostra, noi Carabinieri d'Italia, a Te eleviamo reverente il pensiero, fiduciosa la preghiera e fervido il cuore!Tu che le nostre Legioni invocano confortatrice e protettrice col titolo di VIRGO FIDELIS, Tu accogli ogni nostro proposito di bene e fanne vigore e luce per la Patria nostra.

Tu accompagna la nostra vigilanza, Tu consiglia il nostro dire, tu anima la nostra azione. Tu sostenta il nostro sacrificio, tu infiamma la devozione nostra!. e da un capo all'altro d'Italia suscita in ognuno di noi l'entusiasmo di testimoniare, con fedeltà, fino alla morte l'amore a Dio e ai fratelli italiani.

 

PREGHIERA DEL MARINAIO

 

 



LE PREGHIERE DELL'AVIATORE

O Dio grande e potente, a Te noi leviamo il nostro pensiero e Ti invochiamo. Proteggi e sostieni noi che, nell'alto dei cieli, lanciamo il cuore sulla fragile ala e a Te che più vicini vegliamo in armi per la libertà e la grandezza dell'Italia.
Sia per grazia Tua, pari all'ardire, la fortuna dei nostri voli, più tenace dell'acciaio delle nostre armi la nostra volontà, più alto delle nostre ascensioni ogni ideale.
Fa che l'ala nostra, sempre più agile e franca, vibri nello spazio infinito.
Salva, o Signore, il nostro Re, illumina e sorreggi il nostro Duce, benedici la nostra Patria, i nostri cari lontani, gli amici e chi in Te ci ama.
Dona pace e luce eterna a tutti i nostri morti. Dà potenza e gloria alla nostra ala tricolore, fa che ad essa arrida sempre la Vittoria.

Dio di potenza e di gloria che doni l'arcobaleno ai nostri cieli, noi saliamo nella Tua luce per cantare col rombo dei nostri motori, la tua gloria e la nostra passione.
Noi siamo uomini ma saliamo verso di Te, dimentichi del peso della nostra carne, purificati dei nostri peccati.
tu,, dio, dacci le ali delle aquile, lo sguardo delle aquile, l'artiglio delle aquile per portare, ovunque Tu doni la luce, l'amore, la bandiera, la gloria d'Italia e di Roma. Fà, nella pace dei nostri voli, il volo più ardito; fà nella guerra, della nostra forza, la Tua forza, o Signore, perchè nessuna ombra sfiori la nostra terra. E sii con noi, come noi siamo con Te, sempre.

 

PREGHIERA DELL'ALPINO

 

 

PER LA PATRIA

(... Beata la Nazione che ha per suo Dio il Signore e beato il Popolo da Lui eletto in sua eredità...
Salmo XXXII)

Vi supplichiamo, o Signore, per l'intercessione di Maria Santissima, nostra celeste Madre, di preservare da tutte le avversità la nostra Patria, che a Voi raccomandiamo con tutto il cuore e di difenderla coi vostri aiuti da tutti i suoi nemici.
Purificate e fortificate, o Signore, il Vostro popolo: e poichè lontano da Voi non si può trovare salute, degnateVi Voi di reggerlo sempre e di sempre corroborarlo con la Vostra Misericordia

Giaculatoria

Cuore misericordioso di Gesù, benedite noi e la nostra Patria

******

I

SOLDATO ITALIANO, prendi e leggi il VANGELO che ti offre la Chiesa di Gesù Cristo:

 

IL SANTO VANGELO è dono di Dio, ti rivela Dio, ti parla di Dio

IL SANTO VANGELO santifica il dolore, rischiara la pena, nella vita è norma e forza, nella morte è conforto e speranza

IL SANTO VANGELO fissa le linee immutabili della giustizia, è semenza fecondissima di civiltà, è lievito di sublime amore che tutto purifica, tutto trasforma, tutti eleva.

******

II

IL SANTO VANGELO ti ricorda magnifiche figure di Soldati Romani:

Il Centurione che con fede umile, a Gesù Cristo che si offriva di andare alla sua casa per guarirgli il servo dice: "Signore, non sono degno che tu entri nella mia casa, ma di soltanto una parola e il mio servo sarà guarito" (Mt VIII - Luca III).

L'altro Centurione che, atterrito per la malvagità umana, testimone delle rivolte della natura, ammirando le virtù sublimi del Redentore morente, esclamò: " Veramente costui era figlio di Dio" (Marco XV).

Imitali nella fede in Gesù Cristo, nella fedeltà al sovrano, nella onestà dei costumi.

******

III

Sei colto? Leggendo il Vangelo parli a Dio

Sei semplice? Leggendo il Vangelo, Dio parla a te.

Incontri difficoltà?Interroga la tua coscienza e sii sincero con te stesso e conoscerai la verità; invoca la Vergine Madre Sede della sapienza alla quale tua madre ti consacrò bambino e ti affida ora nei pericoli della guerra; nelle ore di riposo consulta il Cappellano che ti è a fianco e che parla a te di dio, a dio per te; e trasmette al cielo le suppliche e i gemitidella terra, le ansie e le speranze della tua esistenza.

VIVI IL VANGELO E SARAI DEGNO SOLDATO D'ITALIA E DEGNO FIGLIO DI DIO

Padre Enrico Genovesi

******

PREGHIERA PER I SOLDATI IN GUERRA

 

O signore Dio di pietà, che tutto permettete a nostro bene, ascoltate la preghiera che vi innalziamo di cuore.
La vostra Misericordia sia sopra di noi e appaghi le nostre più care aspirazioni. In Voi solo fidenti, o Signore degli eserciti, i nostri soldati combattono per l'onore e la grandezza dell'Italia nostra, terra di martiri e di eroi.
Benedite in queste ore di prova le loro fatiche, santificate nel Divino Vostro cospetto, il sacrificio a cui la Patria li chiama e volgete presto in gaudio, o Dio di consolazione, le lacrime di tante madri, di tante spose, di tanti figlioli che anelano il desiderato trionfo.

Questo favore noi Vi domandiamo per il vostro Preziosissimo Sangue e presentendovi i Vostri infiniti meriti nella SS. Eucaristia che Voi con tanto amore donate a tutte le anime.

Ascoltate, o Signore, la nostra preghiera: donateci la Vittoria e con essa la Pace, fate che presto i popoli, le nazioni, il mondo ascoltino la vostra voce e vi sia un solo ovile e un solo Pastore. così sia.


PREGHIERA DEL REGGIMENTO GENOVA CAVALLERIA

Grande e potente Signore, Iddio degli eserciti, tu che reggi e governi il cielo, il mare e la terra, cui obbediscono le onde e le folgori, che sei l'Eterno Giudice delle azioni umane e che, nei T uoi imperscrutabili disegni regoli la vita e la volontà degli uomini, ascolta questa preghiera che noi, Soldati d'Italia, umilmente ti rivolgiamo da questa lontana terra straniera conquistata dal nostro valore e dal nostro sacrificio.

Salve ed esalta, gran Dio, il Re, rendi sempre più potente nelle armi, nelle arti e nelle scienze la nostra Patria benedetta, dà giusta gloria al nostro invitto stendardo.
Benedici, o Signore, le nostre famiglie lontane, i nostri vecchi, le nostre donne, i nostri bimbi che noi teneramente amiamo e fa che per essi sia dolce la nostra attesa, proteggili da ogni male, allontana da essi la morte, la malattia ed il peccato e fa che siano sempre orgogliosi di noi che qui combattiamo.

Fa, o Signore, che la morte non ci colga senza averTi prima chiesto perdono dei nostri peccati, fa che il nemico non infierisca contro chi ha la sventura di cadere prigioniero, perchè Tu sai, o Signore, che noi abbiamo sempre rispettato e fatto rispettare la sua vita, la sua famiglia, i suoi beni.

Fa, o Signore, che presto la vittoria baci le insegne di tutti i nostri reparti, che presto possiamo tornare vittoriosi alle nostre case con il segno del valore sul petto e portare ai nostri cari il conforto del nostro amore.

Benedici, o Signore, le nostre armi che abbiamo impugnato per dare pane, lavoro e libertà ai nostri figli ed il generoso cavallo che noi montiamo in combattimento.
Proteggi, o Signore, il nostro glorioso Esercito, il nostro Reggimento, tre volte secolare, il nostro Colonnello, l'invitto Terzo Squadrone con il suo Capitano. Proteggi, o Signore, i superiori che ci guideranno alla carica ed i compagni che ci galopperanno accanto.

Proteggi, infine, gran Dio, da ogni male noi che oggi Ti preghiamo in santa devozione, ora e nell'ora di nostra morte. Così sia!

 

******

 

PREGHIERE A GESU'



Preghiera per la Pace tra le Nazioni

O Gesù, voi avete detto: "Sono venuto a portare il fuoco della carità sulla terra e che cosa voglio se non che si accenda?". Ebbene, o Cuore dolcissimo di Gesù, abbiate pietà di noi! Deh, fate che gli uomini, vinti gli egoismi individuali e nazionali, si riconoscano fratelli, cessino dalle discordie, si amino e si aiutino vicendevolmente e formino col vostro Cuore un solo cuore nell'amare, lodare e benedire il nostro comune Padre che è nei cieli, a cui sia ora e sempre ogni onore e gloria. Amen.

 

Preghiera del soldato

O Cuore sacratissimo di Gesù, per tutti i dolori che soffriste nella Vostra vita terrena, nella Vostra agonia, passione e morte, ascoltate la preghiera del mio cuore che si rivolge a Voi per aiuto e conforto.
Datemi, o Gesù, la forza di affrontare con gioia tutte le fatiche e tutti i sacrifici che l'adempimento del mio dovere mi impone.
Fate non perda mai la Vostra santa grazia.
Fate che dopo aver compiuto tutto il mio dovere di soldato, dopo aver contribuito con il mio sacrificio al trionfo della giustizia sociale ed alla vittoria della mia Patria, io possa ritornare in seno alla mia famiglia e vivervi santamente nella pace. Così sia.

******

O divino mio Redentore, Gesù. per l'intercessione di Tua Madre e del suo sposo San Giuseppe, proteggete me, i miei cari, la mia patria diletta, l'Italia.
Datemi la grazia di non venir meno al mio grave dovere di soldato cristiano, disciplinato e valoroso anche di fronte al pericolo della morte. Per il trionfo dell'Italia e per la prosperità del mio Re morrò da eroe se occorre, ma Tu, mio Dio, accogli fin d'ora il sacrificio della mia vita come vero tributo di espiazione alla Tua divina giustizia, come un bacio d'amore alla Tua santa Volontà, e come un desiderio vivissimo di contemplarTi e d'amarTi negli splendori eterni del Cielo.
Gesù mio, misericordia!


Preghiera al Cuore Eucaristico di Gesù

O Signore, che siete il Dio degli Eserciti, proteggete le nostre armate di terra, di mare, di cielo e conducetele presto al trionfo della vittoria.

Oh, sì, buon Gesù, abbiate pietà dei nostri cari e poveri soldati, infondete loro intrepidezza e coraggio, liberateli dai pericoli.

Sosteneteli nella dura vita del campo, salvateli dal furore del ferro e del fuoco nemico, sicchè possano sani e salvi ritornare in seno alle desolate famiglie ad apportarvi di nuovo il sorriso e la felicità.


******

Preghiera per i nostri Soldati Combattenti

Dio degli Eserciti, proteggete i nostri Soldati!

Sono figli, fratelli e sposi che difendono la Patria e noi li affidiamo alla divina Misericordia.
Conservateli alle loro famiglie, perchè insieme a loro, tornando, Vi rendano grazie nel vostro tempio, o Signore!

Vi preghiamo per i soldati feriti! Alleviate le loro pene, restituite loro la salute e la vita. Fate che rassegnati al dolore imparino dalle stigmate dell'onore ad amare le stigmate della Croce.


******

Preghiera del soldato italiano

A Te, Iddio eterno e giusto, signore dei cieli e della terra, che regoli gli umani eventi, noi, uomini di guerra, Ufficiali e soldati, da questo suolo ove è piantata la nostra bandiera ed è eretta la nostra tenda, a Te leviamo i cuori! Degnati, o Signore, di far più grande la nostra terra: vigila e assisti la nostra Patria.

O Gesù, Trionfatore della morte e amante della Patria, che redimesti le anime col tuo Sangue per salvarle, benedici l'Impero che abbiamo conquistato per donare la tua Fede a quelle anime e abolire la schiavitù.

Donaci sempre il Tuo aiuto, perchè difendiamo la Tua Chiesa con la sua civiltà e siamo pronti a morire per la Tua Fede come per la Patria nostra, che Ti adora, Ti ama e difende la pace dei popoli nel regno della Tua giustizia, per unire tutti nel Tuo Nome e nel Tuo Amore. Amen.


******

La Preghiera del Soldato italiano ferito

Quel sangue, o Gesù mio, che versasti copioso sulla Croce per la comune salvezza, mitighi, in quest'ora di pianto, il dolore del tuo figlio ferito e sollevi l'angoscia di tante e tante famiglie.
Concedimi, per esso, il perdono dei miei peccati e benedici amoroso i miei cari lontani, il Re, l'esercito, l'Italia nostra.

Io mi abbandono fiducioso nelle Tue braccia paterne.
Fà Tu di me quello che vuoi e per tutti, pure, ascolta benigno la mia umile preghiera.
Trionfi la Tua misericordia sui campi rossi delle battaglie; passi, sanando, la Tua potenza di padre e di medico nelle bianche corsie dei miei fratelli feriti e li conforti, portandoli alla rassegnazione con la Tua bontà infinita.
Tutti, sì, tutti, cittadini cristiani e prodi soldati, vivendo o morendo secondo il Tuo beneplacito, compiano intero il loro dovere e diventi l'Italia vincitrice una corona di gloria nelle tue mani, o Signore; un diadema di bontà nella tua destra, o Dio!

Sia così, o buon Gesù ed abbi pietà di noi! Non perda l'Italia i gridi di felicità e di gioia, non oda angosciosa la voce dello sposo e della sposa, non ascolti triste il gemito dei fanciulli innocenti; non muti la canzone del trionfo; non cambi, Italia, il raggio di luce che porta alla salute!

E tu, Vergine Addolorata, madre santa di Gesù Crocifisso e madre nostra, Tu, balsamo delle umane sventure, intercedi per noi. Così sia!

Preghiera del Popolo Italiano per i suoi soldati combattenti

Signore Gesù, tu hai tanto amato l'Italia nostra che, non contento di dare al suo cielo e alle sue terre tanti doni di naturali bellezze, hai voluto in mezzo ad esse porre la sede della tua Chiesa e in essa abitare nella persona del Tuo Vicario. Signore Gesù, i nostri figlioli e fratelli combattono per la grandezza della loro Patria e per dare ai popoli barbari la civiltà del Tuo nome. Sii Tu loro guida e sostegno, affinchè adempiano fermamente e fortemente alla loro missione. Custodisci, Signore, e mantieni fedeli nel Tuo nome i nostri combattenti. Guardali dai pericoli, guardali dall'offenderTi, dal mancare alle sacre leggi dell'onore.

Benedici la nostra bandiera in mezzo alla quale splende pure una Croce e fà che proceda ovunque rispettata e gloriosa. Serba a tante madri il conforto, a tante spose l'amore, a tanti innocenti il sostegno. Fà che tutti, posate un giorno le armi, possano benedirTi nella gioia della conseguita vittoria. E ai caduti sul campo dell'onore, rimetti benigno le colpe dell'umana fragilità; accetta l'olocausto di quelle giovani vite, schiudi a loro pietoso le porte della Tua gloria. Così sia!

O Gesù a questo popolo che Tu cento e cento volte hai protetto e salvato, a questa terra da Te prediletta, rivolgi il Tuo sguardo!

Benedici le nostre armate, guida il tuo popolo nella penitenza e nella preghiera perchè, vittoriose le armi della giustizia nella carità, ricomposte le famiglie nell'ordine, la pace fecondi le nostre terre e la grazia santifichi le anime riunite in un solo ovile sotto un solo Pastore.

 

******

 

PREGHIERE AI SANTI PROTETTORI

 

 

Preghiera ai Santi Patroni d'Italia

O serafino di carità, s. Francesco d'Assisi, che gettasti nel mondo, ma prima nella tua Patria, l'Italia, il grido amoroso e fraterno "Pace e bene", componendo in Gesù Cristo gli odi e le fazioni che travagliavano gli uomini del tuo tempo, deh! ottieni all'italica gente alla quale sei stato dato celeste patrono, che sia sempre "una di mente, d'altare, di sangue e di cor" e che nessuna forza avversa mai giunga a strapparla da Dio che l'ha eletta da secoli centro della cristiana civiltà.

O fiore purissimo di santità e di grazia, S. Caterina da Siena che ai fratelli armati gli uni contro gli altri insegnasti il divino precetto dell'amore, che mai indifferente alle acerbe tribolazioni della Chiesa e della Patria, col ritorno a Roma del Sovrano Pontefice e con la pace ridonata a tanti traviati figli di questa terra, apristi alla Chiesa e all'Italia giorni di letizia e di gloria, guarda a noi che ti salutiamo, alta patrona della nostra gente.

O cari Santi Patroni, proteggete le armate d'Italia, che sono scese strenuamente in lizza pel compimento del proprio dovere., per la giustizia sociale. Aumentate colla vostra intercessione il nostro coraggio e lo spirito di sacrificio perchè presto arrida alla Patria diletta la vittoria più radiosa, preludio di una pace giusta e duratura per tutte le genti. Così sia.

Preghiera del soldato a San Giuseppe

O glorioso San Giuseppe, sposo castissimo di Maria e custode del Salvatore del mondo, a voi ricorro con fiducia nelle mie presenti necessità. Voi, che tra pericoli e privazioni di ogni sorta accompagnaste Gesù e la sua santissima Madre, sottraendoli al'ira sanguinaria di Erode e poi li riconduceste sani e salvi in Patria, aiutatemi nel compimento esemplare del mio dovere di soldato, proteggetemi da ogni avversità e riconducetemi alfine salvo e vittorioso in seno alla mia famiglia.

Se tuttavia mi sarà chiesto l'olocausto della vita per la grandezza d'Italia e per il bene dei miei fratelli, offro fin d'ora a Dio il supremo sacrificio, consapevole che l'eroismo del dovere è grato all'Altissimo e mi propizia la divina misericordia.

Voi che siete il Patrono dei moribondi, assistetemi nell'ultima mia agonia: fate che l'ultimo pensiero della mia mente, l'ultimo battito del mio cuore, l'ultima parola delle mie labbra siano per Dio, per i miei cari, per la mia Patria.

In quell'ora solenne e tragica, statemi vicino con la vostra intercessione perchè io senta vivo e perfetto il dolore dei miei peccati e possa così meritare, colla Grazia del Signore, di salire a contemplarVi in cielo, ove il gaudio è eterno e la felicità infinita. Così sia.

Preghiera a Santa Rita

O Signore, grande e potente, il cui nome è acclamato nel cielo dagli angeli e dai santi, Dio degli eserciti, guardate con occhio di Padre amoroso il vostro umile figlio che milita nelle file dei vostri fedeli e ora compie il suo dovere di soldato nell'esercito della sua Patria.

Per i meriti della vostra Taumaturga, S.ta Rita da Cascia, gloria purissima della nostra Italia, fate che egli giammai venga meno ai suoi sacri giuramenti, proclamati dinanzi a Voi, al suo Re, alla sua Bandiera.
Sostenete il suo coraggio nella guerra, perchè possa combattere senza odio nel cuore, ma solo per tutelare i diritti della sua Patria diletta.

O Santa Rita, mia invitta protettrice, state sempre al mio fianco, in pace ed in guerra, benedite i miei cari lontani e siatemi propizia specialmente nel punto estremo della morte. così sia. Santa Rita, io ripongo la mia sorte nelle vostre mani benedette.

Preghiera a Sant'Antonio

O grande Taumaturgo di Padova, proteggi, custodisci, difendi i soldati d'Italia, infondi in essi forza e coraggio perchè possano fedelmente e generosamente servire la Patria.
Aiutali nei bisogni, salvali nei pericoli, confortali nelle pene e fà sì che un giorno non lontano vengano ai tuoi piedi a ringraziarti e benedirti per i favori ottenuti. Così sia.

Preghiera a San Pancrazio

Noi esultanti delle vittorie riportate dall'invitto San Pancrazio, invochiamo che Egli dall'alto del cielo, ci protegga e c'infonda col suo valido patrocinio la forza ed il valore per il conseguimento dell'agognata vittoria.

Preghiera dell'Autiere a San Cristoforo

Dio onnipotente ed eterno, Signore dello spazio e della vita, ascolta la preghiera devota e fiduciosa degli Autieri d’Italia.
Proteggi e benedici il servizio che rendiamo ai fratelli e donaci la capacità di usare i nostri mezzi anche per soccorrere e per salvare i bisognosi.
Infondi in noi, o Signore, l’amore per la Patria e per la Libertà.
Per intercessione di San Cristoforo, nostro celeste Patrono, sostienici nell’adempimento del dovere per essere d’esempio a tutti i cittadini.
Il sacrificio degli Autieri Caduti per la Patria guidi il nostro operare verso il Tuo regno di giustizia e di pace.
Amen.

 

 

******

SUPPLICHE A MARIA PERI NOSTRI SOLDATI

 

O Maria Santissima, o pietosa Madre nostra, ascoltate le nostre umili ed ardenti preghiere.

Su tutti i nostri Soldati dei vari corpi costituenti il nostro glorioso esercito, che fan di tutto per difendere la Patria,
vegliate o Maria

Sull'aviatore librato in aria, in mezzo a tanti pericoli,
vegliate o Maria

Sul marinaio che sorveglia e difende i mari d'Italia e reca aiuto ai nostri Soldati,
vegliate o Maria

Sull'artigliere il cui cannone tuona incessantemente, memtre le batterie nemiche vorrebbero annientarlo,
:vegliate o Maria

Sull'impavido ufficiale che comanda imperterrito sotto gli obici che piovono e le palle che fischiano,
vegliate o Maria

Su tutti i nostri soldati che combattono e si sacrificano per la grandezza dell'Italia,
vegliate o Maria

Sul povero ferito che cade, soffre e geme nel cuore nella notte sul campo di battaglia,
vegliate o Maria

Sui malati e sui moribondi nel letto di un ospedale, in attesa della guarigione o della morte,
vegliate o Maria

Sulle anime di tutti i soldati caduti per la Patria,
vegliate o Maria

Sul soldato che carica nella propria barella i feriti e i morti, sull'infermiere e sul medico, sulla suora di carità, sul cappellano militare, che al campo si prestano con abnegazione verso i caduti,
vegliate o Maria

Sull'infelice prigioniero senza nuove dei suoi cari e della Patria,
vegliate o Maria

Sulle vedove e sugli orfani in lagrime, sulla sorella che piange il fratello, sulla sposa che nulla più sa del marito, sul fanciullo che prega per il padre suo,
vegliate o Maria

Sulla Patria, sulla Nazione che vuole la felicità del figli suoi e attende la vittoria e la pace,
vegliate o Maria

 

O Maria, Madre del Redentore, gloria dei cristiani e salvezza nostra, sii benedetta per non aver mai negato aiuto a coloro che l'invocano. Quando muovi in nostro soccorso, il furor della guerra sì acquieta, i nemici fuggono e il demonio stesso viene debellato dal Tuo braccio invisibile.
E chi mai potrebbe consolarci nei nostri affanni, se non Tu, o Benedetta, che fosti dalla chiesa proclamata Rifugio dei peccatori e Consolatrice degli afflitti?
Accogli dunque benigna le nostre suppliche e assistici nei dolori che travagliano questa nostra esistenza; abbi pietà degli infermi nel loro soffrire, dei poveri nelle loro angustie, dei naviganti nelle procelle, dei reclusi nelle prigioni, dei combattenti nelle battaglie, dei moribondi nell'agonia e concedi a tutti sollievo e conforto, guidandoli sulla via della salvezza eterna.

Tre Ave Maria

Maria, speranza nostra, abbi di noi pietà (300 gg. di indul.)

 

 

 

O immacolata Vergine Maria, Tu che sei la Madre del Dio degli eserciti, l'ausiliatrice del popolo cristiano, il rifugio dei peccatori, Tu che schiacciasti il capo dell'antico serpente e vincesti tutti i nemici della chiesa, Tu che meritasti il titolo di Regina delle Vittorie, sii altresì Regina dei soldati cristiani, sii vigile custode della loro Fede, del loro onore, della loro vita. Manda gli angeli tuoi santi per liberarli da ogni pericolo. Madre di dio, Madre degli uomini, ecco i tuoi figli davanti a te, inginocchiati, esaudiscili. Così sia!

Per le Famiglie dei nostri fratelli soldati

O Maria, Madre Addolorata ed invitta di Gesù e nostra, accogliete il grido che in quest'ora di pianto e di sangue, innalziamo a Voi, nella fiducia sicura di essere consolati.
Sono le madri innanzi tutti e le spose cristiane, che trepide per la sorte dei loro cari, amano incontrarsi nei vostri occhi lagrimosi, contemplare il vostro seno trafitto dal dolore e ispirarsi ai vostri esempi di fortezza.
Esse, terrorizzate per le stragi di questa guerra immane, Vi domandano protezione, salvezza per i loro figli, pei loro mariti e rassegnazione, generosità per loro stesse, nei momenti del distacco, nelle ansie della lontananza, nell'attesa di notizie.
O Maria, voi provaste già tutti questi dolori e con tale intensità che solo l'Onnipotente potè sorreggervi, comunicandovi la forza di un soprannaturale eroismo.
E' un poco di questo conforto che imploriamo con insistenza perchè i sacrifici di chi deve esporsi alla morte sul campo di battaglia siano completati dalla rassegnazione cristiana di quanti, nel segreto della famiglia, offrono la porzione migliore del loro cuore, della loro stessa vita.
O Regina dei Martiri, stretti con voi alla Croce di Gesù-Redentore invochiamo il Sangue che gronda dalle sue Piaghe, i suoi gemiti estremi di Perdono, le lagrime silenziose del vostro Cuore, come salvezza dei nostri soldati e sollievo di tante mamme e vedove desolate, di tanti orfanelli innocenti.
Voi, Avvocata, dei miseri, rifugio dei derelitti, riguardate le une e gli altri con compassionevole occhio e confortate quelle col vostro esempio e quelli stringete al cuore come figli prediletti.
Deh, o Maria, dimostratevi ancora una volta la nostra corredentrice e placate finalmente la divina giustizia, ponete termine a questa prova così lunga e terribile, sicchè compagni del vostro dolore presto siamo fatti partecipi anche del gaudio che voi provaste nel riabbracciare Gesù Re Trionfatore e Pacifico, ricreandoci nel sorriso di quella Pace gloriosa e duratura che valga così ai vincitori che ai vinti, per l'acquisto della Pace beatifica in cielo.
Amen

Vergine Santissima, Madre di Gesù e nostra, che in Lui tutto vedi e tutto conosci e che ami tanto i figli tuoi, assistici sempre con la grazia tua, difendici da tutti i pericoli dell'anima e del corpo ed aiutaci ad adempiere ai nostri doveri con fortezza e generosità.
Conforta pure i nostri cari lontani e rendi fruttuoso di bene anche il loro sacrificio.

Preghiera a Maria Santissima per la Pace

Sgomenti dagli orrori di una guerra che travolge popoli e nazioni, ci rifugiamo, o Madre, come a scampo supremo, nel vostro amatissimo cuore. Mentre eravate sulla terra, Voi aveste palpiti di tenerissima compassione per le umane sventure.
Deh, si commuova dunque il Vostro cuore anche in quest'ora grave per noi di odi così funesti e di così orribili stragi. Pietà Vi prenda di tante madri angosciate per la sorte dei figli; pietà di questo misero mondo su cui incombe tanta rovina!
Ispirate Voi ai reggitori e ai popoli consigli di mitezza, componente i dissensi che lacerano le Nazioni, fate che gli uomini tornino a darsi un bacio di pace.
Proteggete i nostri cari combattenti, fate che presto ritornino tutti salvi con la gioia della completa vittoria.
Amen

 

 

 

Preghiera alla Madonna di Caravaggio

O Vergine Santissima di Caravaggio, pietosissima nostra madre, Sovrana di Misericordia e di Pace, aprite il vostro cuore santissimo e levate la vostra mano a benedire noi e le nostre famiglie
Riconducete in mezzo a noi con la vittoria, la pace, sì che tutti, fatti un sol cuore, levando l'inno di ringraziamento, si offrano a voi per sempre più amarvi e glorificarvi con una vita di fede, di amore e di virtù.
Maria santissima, Regina delle Vittorie e Sovrana di Pace, intercedete per noi!

Per la Pace

O Madre pietosissima di Gesù e nostra, dopo quasi due anni di guerra ci troviamo ancora a piangere sul vostro seno trafitto. E oggi non è solo la trepidazione che ci stringe il cuore ma per molti la dura realtà del sacrificio supremo già compiuto. Ah, quanti figli, quanti fratelli nostri scomparsi!
Lasciate che, genuflessi in spirito presso la Croce che protegge la tomba di questi nostri cari, vi gridiamo con confidenza filiale: " Cessi finalmente una così orribile carneficina, o Madre, e cessi in grazia del vostro pianto. Non siete voi, l'Onnipotente suppplichevole? Se ad un vostro cenno Gesù compì il suo primo miracolo, in un giorno di nozze, quanto non saranno oggi valevoli le vostre preghiere dopo tanto lutto? Il nostro cuore già ripieno dalle acque della desolazione, attende di essere tramutato per vostro mezzo, in un vaso di consolazione. Suoni, dunque, Maria, l'ora della misericordia e suoni al più presto. Ve ne preghiamo con grande fede, nel vostro dolore di madre e di corredentrice. Che le vostre mani, conserte al petto nell'espressione del più sublime dolore, si aprano per offrirci il dono sospiratissimo della pace nella giustizia e nell'amore e cosi sia.

 

Preghiera alla Madonna del Rosario di Fatima per implorare la vittoria e la Pace

O Madonna del Santo Rosario, che nel minuscolo villaggio portoghese hai voluto stabilire un novello centro delle Tue grandi misericordie, noi riuniti nel Tuo nome Ti preghiamo devotamente durante questi tempi calamitosi. Intendiamo rivolgerTi le nostre suppliche umili, ma filiali e ferventi. Sappiamo quanto Tu desideri le nostre preghiere e come porgi le nostre suppliche al Figlio divino e alla SS.ma Trinità. Sono poca cosa, ma quale cosa nostra ha un vero valore davanti alla maestà di Dio e alla Tua stessa maternità?

La nostra fiducia tuttavia è grande. Nella stretta dei nostri bisogni, durante questo tempo di tribolazioni e di indicibili pene, ci rivolgiamo a Te, come nostra celestre Patrona. Vedi le circostanze nelle quali ogni famiglia incontra angustie e tribolazioni. Osserva i milioni di giovani figli e di padri raccolti sotto le bandiere della Patria e nel crogiolo di privazioni, di stenti, di pericoli e di tormenti. Volgi l'occhio pietoso sulle nostre famiglie divise, smembrate, lontane e nella difficoltà di incontrarsi. Che cosa avverrà di esse se la guerra ancora lungamente durerà? Dacci, o Madonna, con uno dei tuoi prodigi, la vittoria e la pace. Amen!

 

******

LE LITANIE DELLA GUERRA

 

Sulla sentinella che vigila nella notte...
... o Madre vegliate...

Sull'esploratore che avanza per le montagne
e attraverso i boschi...
... o Madre vegliate...

Su tutti i soldati del nostro esercito
che soffrono e lottano per il trionfo
della nostra causa...
... o Madre vegliate...

Sull'artigliere il cui cannone tuona
incessantemente...
... o Madre vegliate...

Sull'aviatore librato in aria sopra le
postazioni nemiche
... o Madre vegliate...

Sull'ufficiale che comanda imperterrito
in mezzo ai colpi nemici...
... o Madre vegliate...

Su tutti i nostri soldati
infossati nelle trincee...
... o Madre vegliate...

Sul povero ferito che cade, soffre e geme
sul campo di battaglia...
... o Madre vegliate...


Sui malati e sui moribondi
in un letto d'ospedale
in attesa della guarigione
o della morte...
... o Madre vegliate...

Sulle anime dei nostri soldati
morti combattendo...
... o Madre vegliate...

Sul soldato che carica sulla propria barella
i feriti e i morti,
sull'infermiere, sul medico,
sulla suora, sulla dama di carità,
sul cappellano militare,
che al campo si prodigano con abnegazione
verso i caduti...
... o Madre vegliate...

Sull'infelice prigioniero senza notizie
dei suoi cari e della Patriai...
... o Madre vegliate...

Su tutti coloro che piangono
la morte dei loro cari...
... o Madre vegliate...

Sulla Patria il cui cuore sanguina,
sulla Nazione che vuole la felicità dei suoi figli
e attende la vittoria e la pace...
... o Madre vegliate...
vegliate, o Maria

 

******

Per questo azzurro cielo d'Italia, per questa terra verde di vita e vecchia di gloria, morì il XXIV Maggio 1918.

Puro e tragico come la valanga alpina che lo travolse, mentre ancora tornava alla pugna nella guerra contro i barbari moderni

il Tenente Giovanni Zucconi, nobile giovane di venti anni
____

O giovane che leggerai questa epigrafe in tempi lontani quando anche i padri che piangono oggi saranno morti, ricordati dei giovani che moriron per te e onora con l'opere tue questa Patria che costò tanto sangue.

******

Preghiera per il ritorno

Concedimi, o Signore, di tornare presto alla casa che mi desti, al lavoro e alla vita a cui mi chiamasti. Tu sai con quanta tristezza me ne sono allontanato, quanto ho sofferto e soffro a starne lontano. Poche sofferenze mi hanno tanto torturato come il dolore di questa lontananza.
Ho accettato e accetto, in ammenda mia e di tutti gli uomini, tanto patire, ma Tu, o Padre di misericordia, affretta il giorno che io possa ritornare ai miei.
E' vero che la nostra Patria è il cielo e qui dunque siamo pellegrini, ma Tu stesso hai voluto che avessi quaggiù una Patria, una famiglia, degli affetti, un lavoro e hai voluto che li amassi e me ne hai fatto un dovere e un gaudio.
Ora concedimi di ritornare, o Padre, alla mia casa. Tu che sei Padre e come Padre ci ami, Tu che ci hai creato con un cuore vibrante degli affetti più santi, Tu muoviti a pietà del mio dolore e del dolore di tanti che soffrono al pari di me.
Riaprici la via del ritorno e dacci di poterti amare e servire nella gioia come Ti amiamo e serviamo nella sofferenza e se non per noi peccatori, fallo per il Tuo Figlio diletto, che è nostro primogenito, per la nostra Madre Maria, per i tuoi Santi, per i nostri morti. Così sia!

 

******

Per altre Preghiere:

- Preghiere a Gesù

- Preghiere a Maria

- Preghiere per ogni occasione


- Preghiere Semplici


e nella sezione dedicata al Natale

- Preghiere a Gesù Bambino

 

- Coroncine

- Litanie Lauretane


- Litanie Mariane di don Tonino Bello (1)

 

- Litanie Mariane di don Tonino Bello (2)


Per altre Litanie Lauretane vedere in

Collaborazioni - Luca Preato


- Misteri del Rosario

- Il cammino della croce - Fioretti quaresimali

- Via Crucis figurata


- Via Crucis con Gesù

- Via Crucis con Maria

- Via Crucis accompagnati da San Josè Maria Escrivà de Balaguer

- Via Crucis accompagnati da don Tonino Bello

- Via Crucis accompagnati da David M. Turoldo


- Via Crucis con amore


- Via Crucis fotografica

- Via Crucis Spagnola

 

- Via Crucis a più voci

 

- Via Dolorosa

- Via Crucis al Colosseo del Venerdì Santo del Venerdì Santo 2005 - Meditazioni e Preghiere del Venerdì Santo 2005 dell'allora Card. Ratzinger, poi Papa Benedetto XVI

- Da Gerusalemme al Golgota - Personaggi

 

- per altre via Crucis vedere in Collaborazioni - di P. Leonardo Bellonci:

 

Via Crucis Bibliche- Parte prima: La redenzione prevista nell'Antico Testamento:


- La Redenzione prevista nei Salmi


- La Redenzione prevista da Isaia

- La Redenzione prevista dai Profeti (I)

- La Redenzione prevista nei Profeti (II)

- La Redenzione prevista dai Profeti (III)


Parte seconda - La Redenzione raccontata - Via Crucis Storiche -
Nel gruppo delle Via Crucis che abbiamo indicato come ‘Storiche’ sono riportate tutte le notizie delle quali gli Evangelisti sono stati spettatori (Giovanni e, almeno in parte, Marco per quanto gli poteva provenire da S. Pietro), o che hanno potuto raccogliere da fonti sicure (Matteo e Luca, sia – quest’ultimo – direttamente dalla Madonna, sia da “ricerche accurate”).
La ‘storicità’ della persona, dell’insegnamento, della Passione-Morte-Risurrezione di Gesù del resto è confermata dalla trasparenza dei racconti, condotti senza alcun ornamento o artificio letterario, oltrechè da fonti non cristiane:

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di S. Matteo

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di S. Marco

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di S. Luca

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di Giovanni

Parte Terza - La Redenzione contemplata - Nel gruppo delle Via Crucis che contemplano la Redenzione alla luce della Risurrezione si essenzializza il binomio: Morte-Vita.
Dunque la scansione delle ’Stazioni’ perde i suoi contorni. In sintonia con la Liturgia Cattolica, viene messo a fuoco lo scontro tra la Morte (Satana) e la Vita (Cristo), che ci ha meritato la redenzione.
In particolare: In MORTE–VITA (I, II, III) si è insistito sul fatto che dalla morte viene la vita.
Perciò in ogni citazione sono messi in vista, anche graficamente, i due termini e fatti correlativi.
I testi sono tratti dagli ‘Atti degli Apostoli’ e dalle ‘Lettere’ del Nuovo Testamento.
In IL GRANDE DRAMMA (I) campeggia lo SCONTRO tra Cristo e la Morte.
In IL GRANDE DRAMMA (II) quello tra i Cristiani uniti a Cristo e la Morte.
I testi di queste ultime due Via Crucis sono tratti dall’Apocalisse di S. Giovanni.
Chiude la raccolta una ‘Via Crucis’ di intonazione ‘tradizionale’.

- Via Crucis MORTE E VITA I - Costruita nella luce della risurrezione con insegnamenti, riflessioni e accadimenti storici contenuti in Atti degli Apostoli e in altri scritti del Nuovo Testamento
          

- Via Crucis MORTE E VITA II - Costruita nella luce della risurrezione con insegnamenti, riflessioni e accadimenti storici contenuti in Atti degli Apostoli e in altri scritti del Nuovo Testamento

- Via Crucis MORTE E VITA III - Costruita nella luce della risurrezione con insegnamenti, riflessioni e accadimenti storici contenuti in Atti degli Apostoli e in altri scritti del Nuovo Testamento
               
- Via Crucis IL GRANDE DRAMMA I - Riflessioni, predizioni e letture profetiche di accadimenti storici contenuti nel libro dell’Apocalisse - Prima parte

- Via Crucis IL GRANDE DRAMMA II - Riflessioni, predizioni e letture profetiche di accadimenti storici contenuti nel libro dell’Apocalisse - Seconda parte

- Via Crucis Costruita nella luce della risurrezione con insegnamenti, riflessioni e accadimenti storici contenuti in Atti degli Apostoli e in altri scritti del Nuovo Testamento Morte e Vita (III)

- Appendici - Via Crucis Tradizionale



Ciao a Tutti | Contattami | Nota Legale | Ringraziamenti |©2000-2016 Cartantica.it