Rubriche di
Patrizia Fontana Roca

 

MOSTRE, RECENSIONI ED INIZIATIVE VARIE 2008

 

In questa pagina troverete, di volta in volta, notizie dedicate ad iniziative e/o Mostre su soggetti di interesse comune: a tematica religiosa, collezionismo vario, recensioni su novità editoriali, ecc. Spero possa esservi utile!

Si declina, comunque, ogni responsabilità circa l'eventuale mancata realizzazione delle stesse o altre inesattezze, non imputabili a Cartantica, che si fa soltanto tramite delle informazioni.

 

 

 

Il tenore Emanuele Servidio a Montalto Uffugo (CS) con l'Orchestra Sinfonica di Stato della Repubblica Russa di Utmurtia

******

Il Liceo ginnasio “Don Bosco” di Montalto Uffugo (Cosenza), dopo alcune meritorie iniziative di forte valenza culturale, indice un concorso fotografico a tema.
Per questa prima edizione l’argomento prescelto è “Centri Storici in Obiettivo”.
Il regolamento consta di venti articoli e stabilisce tempi, modalità, finalità e ogni dettaglio utile.
In particolare prevede che le opere premiate e segnalate non verranno restituite e che tutte le opere entreranno a far parte della collezione della Scuola. La premiazione, così come l’inaugurazione di una mostra espositiva con una selezione delle foto pervenute, avverrà nel prossimo mese di maggio.
 - Il concorso si propone, come specificano gli organizzatori, di far scoprire e riscoprire i nostri impareggiabili centri storici -.

Montalto Uffugo (Cosenza), 11 dicembre 2008

 

 

Nei giorni scorsi a San Marco Argentano (Cosenza), nella suggestiva cornice della torre normanna fatta erigere da Roberto il Guiscardo nel secolo XI, si è accesa, con un magistrale presepe vivente, la magia del Natale con un coinvolgimento straordinario delle famiglie e degli alunni che frequentano l’Istituto Comprensivo “Vincenzo Selvaggi”, coordinato dal dirigente scolastico Antonietta Converso.

La rappresentazione dal titolo “Seguendo una stella”, ha avuto il supporto dello storico dell’arte Gianluca Covelli per le scene, costumi e ricerca filologica; della professoressa Anna Graziano per la parte corale  e dei Maestri di musica dell’Istituto per quella strumentale.
<<La finalità della manifestazione - come specifica il dirigente scolastico Antonietta Converso – è stata quella di far rivivere in uno scenario naturale la nascita del Redentore rappresentata in forma pantomimica>>.
Obiettivo certamente raggiunto che ha soddisfatto i numerosi abitanti della cittadina normanna presenti all’iniziativa, che hanno apprezzato l’impegno dell’istituto scolastico sammarchese per realizzare un evento di così elevato spessore.

 

 

Domenica 28 dicembre, alle ore 11.00, presso il Museo Civico di Bari (Strada Sagges-Borgo antico)  la curatrice, Michela Tocci, effettuerà una visita guidata alla Mostra "Su i sipari I teatri pugliesi fra '800 e '900" - Ingresso gratuito

 

 

Interessante iniziativa di Sergio Gittarelli, fotografo appassionato di Roma

Il primo libro completo sulle Madonnelle di Roma.

L'Associazione Culturale Madonnelle ha raccolto in sei anni di ricerca e di studio oltre 5000 immagini e un grande patrimonio testuale sulla storia, l'aneddotica e l'arte delle Madonnelle.
Il lavoro svolto ha consentito inizialmente la realizzazione del sito web www.vicariatusurbis.org/edicolesacre, collegato al sito web del Vicariato di Roma, le cui pagine permettono la visione di parte del materiale raccolto.
Successivamente, anche e soprattutto grazie all'incoraggiamento dei visitatori e dei simpatizzanti, si è lavorato alla stampa del libro di 500 pagine qui raffigurato.
E' stata così realizzata la prima ed unica opera completa, ricca di oltre 900 immagini inedite e a colori, sulle Edicole Sacre di Roma.
Il libro è d'ausilio agli appassionati per conoscere, studiare ed interpretare le Madonnelle in tutte le loro espressioni; al tempo stesso fornisce al lettore uno strumento che gli consente una critica sia artistico-architettonica che iconografica.
Infatti, dopo alcuni capitoli dedicati alla storia, alle componenti, alle peculiarità ed alle curiosità delle Edicole Sacre, il libro si sviluppa in altri 21 capitoli di dettaglio ove sono riportate le foto a colori ed ad alta definizione delle oltre 600 Madonnelle del Centro Storico di Roma, suddivise per Rione.
Per ogni immagine è indicata l'ubicazione precisa ove trovare la Madonnella raffigurata, seguita dalla sua storia, dai fatti e dagli aneddoti conosciuti.
Ciascuna parte testuale è completata da una descrizione iconografica ed architettonica, frutto di uno studio diretto ed accurato.
Tutte le Edicole sono riprese in primo piano e per molte vi sono anche le foto panoramiche dei palazzi storici che le ospitano.
L'ultima parte del libro riporta l'elenco completo, aggiornato e in ordine alfabetico di tutti i luoghi ove trovarle e l'indice analitico dei capitoli e degli argomenti trattati.
L'obiettivo dell'opera è di mettere a disposizione, oltre che un libro dai grandi contenuti storici e conoscitivi su una forma d'arte molto diffusa nella città di Roma, anche una guida che consenta a chiunque di cercare, individuare ed ammirare la bellezza delle Madonnelle troppo spesso ignorate e vilipese.
Dopo averlo sfogliato gli amanti del turismo d'arte e gli stessi Romani, da sempre sensibili al mantenimento del patrimonio storico, culturale e fideistico della loro città, troveranno piacevole girovagare per le vie degli antichi Rioni di quel grande museo a cielo aperto che è Roma, alla scoperta di questi Tabernacoli incastonati fra tante meraviglie, certi di poterli osservare proprio nei luoghi ove sono stati posti e sono oggetto di ammirazione e venerazione da secoli.



“ASCOLTANDO IL NATALE” 2008, RASSEGNA  DI ARTE, SUONI E VOCI DELLA
TRADIZIONE IN APPENNINO"

Modena, 22 dicembre 2008

Comunicato stampa

TRE GRANDI CONCERTI DI MUSICA CLASSICA, TRADIZIONALE E GOSPEL APRONO LA SETTIMANA DI NATALE IN APPENNINO

Tre grandi concerti aprono la settimana dell’Avvento in Appennino, all’interno della rassegna di arte, suoni e voci della tradizione “Ascoltando il Natale”.

Segue l’applaudito esordio della Corale G. Rossini” con il concerto di musica operistica e sacra che si è tenuto ieri a Guiglia, l’appuntamento di martedì 23 dicembre a Prignano, presso la Sala Convegni del Municipio (ore 20,30), con il Natale della tradizione francese nel concerto “Noël nouveau est venue” dell’ensemble “Picotage, formazione di punta nel panorama della musica tradizionale, In programma un repertorio di canti denominati “noëls” che appartengono principalmente alle “Bibles de Noëls”, pubblicati a partire dal XVI secolo, che si sono diffusi con successo in tutta la Francia fino al secolo scorso. I testi celebrano la natività con molta fantasia e immaginazione e usano spesso le  melodie profane di  ballate, complaintes, chansons à boire o di musiche da danza. Il gruppo Picotage è formato da: Marie Antonazzo voce, Nicoletta Tiberini voce, Daniele Caldarini organo Hammond, Gabriele Coltri cornamuse del Centro-Francia, Marc Novara ghironda, cornamusa del Centro-Francia, Walter Rizzo, cornamuse del Centro-Francia, ghironda.

Banda Kokkarina

Sempre martedì 23 Dicembre, arrivano a Pavullo dagli Stati Uniti i “Darthmouth Gospel Choir” per il concerto gospel che si terrà al  Cinema Teatro Mazzieri (ore 21,30). La formazione, composta da 25 elementi direttidal Maestro Walter Cunningham, è tra le più conosciute ed amate in America. Lo spettacolo attinge ai generi più diversi, dal gospel, agli spirituals, dal blues alla musica africana tradizionale. Il Coro, grazie ad una tecnica di esecuzione eccellente e ad una presenza scenica fuori dal comune, infonde all’esibizione una energia davvero unica. Ogni membro lavora non solo con il gruppo per creare una speciale miscela di gospel, pop, R&b, jazz, Blues e classica ma si impegna anche come interprete solista. Nel tour italiano, che fa tappa eccezionalmente a Pavullo per iniziativa dell'Assessorato comunale alla Cultura, il gruppo prenderà parte al Concerto di Nataleche, dopo tredici edizioni nell’Aula Paolo VI in Vaticano, è stato spostato a Verona presso il Teatro Filarmonico, dove l'evento verrà ripreso da Rai Due per poi essere mandato in onda in prima serata il 24 dicembre.

Musicanti del piccolo borgo


La rassegna “Ascoltando il Natale”, in calendario in Appennino fino a domenica 4 gennaio 2009, propone tanti eventi a ingresso gratuito per grandi e piccini: concerti di musica classica, tradizionale e gospel; animazioni musicali con street band, zampognari e concerti itineranti; spettacoli di strada, animazioni per bambini e letture musicali. 
La manifestazione, alla seconda edizione, rientra nel cartellone provinciale di “Appennino in scena” ed è promossa da 15 Comuni (Fanano, Fiumalbo, Guiglia, Lama Mocogno, Marano sul Panaro, Montefiorino, Montecreto, Montese, Pavullo nel Frignano, Pievepelago, Polinago, Prignano, Riolunato, Sestola e Zocca), dalla Provincia di Modena e dalla Comunità montana del Frignano con il contributo della Regione Emilia Romagna e la direzione dell’associazione Musica Officinalis in collaborazione, per la parte artistica, di vari musicisti ed esperti.

Per maggiori informazioni: Associazione Musica Officinalis, Gabriele Bonvicini (Tel. 348.8733803 - e-mail: info@musicaofficinalis.com).
Il programma della rassegna è scaricabile all’indirizzo:  http://www.provincia.modena.it.

 

 

SEGUENDO UNA STELLA

San Marco Argentano – Torre Normanna

Sabato 20 dicembre prossimo alle ore 16.00 a San Marco Argentano (Cosenza), nella suggestiva cornice della Torre Normanna fatta erigere da Roberto il Guiscardo nel secolo XI, la magia del Natale si accenderà sul  Presepe Vivente, rappresentazione dal titolo “Seguendo una stella” realizzata dall’Istituto Comprensivo “Vincenzo Selvaggi”, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale.
La finalità della manifestazione - come illustra  la sua ideatrice, Antonietta Converso Dirigente Scolastico  dell’Istituto - è quella di far rivivere in uno scenario naturale la nascita del Redentore rappresentata in forma pantomimica, cioè senza recitare ma con attori muti.
Scene, costumi e ricerca filologica saranno a cura dello storico dell’arte Gianluca Covelli; la parte corale sarà  affidata alla professoressa Anna Graziano, mentre quella strumentale ai Maestri di musica della scuola.
I veri protagonisti saranno ovviamente gli alunni, che  vivranno e faranno rivivere l’autentico valore del Natale.

San Marco Argentano, 16 dicembre 2008                                       

 

TRADIZIONI A SAN MARCO ARGENTANO

Trionfo delle tradizioni e del gusto: questo e altro ancora ha vissuto la città di San Marco Argentano (Cosenza) grazie ad una iniziativa denominata  “La cuccìata e il presepe medievale – sapori, cultura, tradizioni”.
Il centro storico riportato all’antico splendore con attività varie: musica, degustazioni, canti, suoni, ecc. .
L’evento ha destato grande entusiasmo e segna in maniera inequivocabile una necessità: riscoprire e valorizzare i nostri centri storici.

Il Liceo ginnasio “Don Bosco” di Montalto Uffugo (Cosenza), dopo alcune meritorie iniziative di forte valenza culturale, indice un concorso fotografico a tema.
Per questa prima edizione l’argomento prescelto è “Centri Storici in Obiettivo”.
Il regolamento consta di venti articoli e stabilisce tempi, modalità, finalità e ogni dettaglio utile.
In particolare prevede che le opere premiate e segnalate non verranno restituite e che tutte le opere entreranno a far parte della collezione della Scuola. La premiazione, così come l’inaugurazione di una mostra espositiva con una selezione delle foto pervenute, avverrà nel prossimo mese di maggio.
 <<Il concorso si propone – come specificano gli organizzatori - di far scoprire e riscoprire i nostri impareggiabili centri storici>>.
Montalto Uffugo (Cosenza), 11 dicembre 2008

 

******

Anche se in ritardo, dovuto a problemi tecnici, scusandomi con gli interessati, do ora notizia di queste due interessanti manifestazioni :

"I SANTINI DELLA COLLEZIONE MARIO TASCA"

Sabato 29 e domenica 30 novembre 2008 - FOLLINA

A Follina, grazioso  paese della provincia di Treviso, in occasione del Mercatino di Natale "Colori d'Inverno", è stata allestita l'esposizione: "I Santini della Collezione Mario Tasca"

La mostra è un compendio delle tre precedenti esposizioni che Mario Tasca, collezionista iscritto all'AICIS, ha realizzato negli anni precedenti, ed esattamente:

- "Santini, Patrimonio di Fede, Storia e Cultura"

- "Santini Ricordo della Prima Comunione"

- "Preghiere e Dediche manoscritte sulle Immaginette Sacre"

 

La Foto-Storia di queste esposizioni è visibile alla sezione "Collaborazioni"

Una vostra visita sarà gradita!



Anche se con ritardo, di cui mi scuso, un piccolo spazio per questa iniziativa

Nei giorni scorsi a San Marco Argentano (Cosenza), nella sala consiliare di palazzo santa Chiara, si è tenuta una tavola rotonda dal titolo "La città delle donne".
L’iniziativa ha avuto il merito di evidenziare l’universo femminile nelle sue molteplici sfaccettature: in particolar modo sulle possibilità, le opportunità e le aspettative del gentil sesso per vivere una stagione da protagonista nel mondo del lavoro e nelle Istituzioni. All’incontro, moderato dallo scrivente, hanno partecipato, producendo attente disamine: Donatella Laudadio, assessore alle pari opportunità, al mercato del lavoro e alle politiche giovanili della Provincia di Cosenza; Katia Stancato, presidente regionale di Confcooperative Calabria; Carmelina Acciardi, consigliere provinciale del C. I. F.;Virginia Mariotti, assessore alle pari opportunità, alla pubblica istruzione, alla cultura e ai servizi sociali del Comune di San Marco Argentano; Giuseppina Paladino, della Cooperativa Pietre Vive e Viviana Manfredi, presidente comunale del C. I. F.. All’assise sammarchese sono intervenuti inoltre il sindaco della città, Pinotto Mollo e il consigliere regionale Serra. L’assessore comunale alla cultura Virginia Mariotti così sottolinea l’utilità della manifestazione: <<Incontri del genere servono a far acquistare a noi donne consapevolezza del nostro ruolo e nel contempo farci riflettere sulle difficoltà ancora numerose che si incontrano quotidianamente. Con il nostro impegno dimostriamo di saper svolgere con competenza e senso di responsabilità ogni compito>>.
La manifestazione è stata organizzata dall'amministrazione comunale di San Marco Argentano con il patrocinio dell'assessorato alle pari opportunità, al mercato del lavoro e alle politiche giovanili della Provincia di Cosenza e con la collaborazione della società cooperativa sociale Pietre Vive e del Centro Italiano Femminile di San Marco Argentano.

San Marco Argentano, 3 dicembre 2008                                     

SILVIO RUBENS VIVONE

Venerdì 28 novembre prossimo, alle ore 17.00,  a San Marco Argentano, importante centro del cosentino, nella sala consiliare di palazzo santa Chiara, si terrà una tavola rotonda dal titolo “La città delle donne”.
La lodevole iniziativa è organizzata dall’amministrazione comunale di San Marco Argentano, con il patrocinio dell'assessorato alle pari opportunità, al mercato del lavoro e alle politiche giovanili della Provincia di Cosenza e con la collaborazione della società cooperativa sociale Pietre Vive e del Centro Italiano Femminile di San Marco Argentano.
Parteciperanno ai lavori, moderati dallo scrivente, Donatella Laudadio, assessore alle pari opportunità, al mercato del lavoro e alle politiche giovanili della Provincia di Cosenza, che relazionerà su “Donne, Costituzione, politica, lavoro”; Katia Stancato, presidente regionale di Confcooperative Calabria, che affronterà la tematica “Donna, impresa e cooperazione: risorsa per l'economia territoriale e per la società civile” e Carmelina Acciardi, consigliere provinciale del C. I. F., che tratterà l’argomento “Donne e associazionismo per lo sviluppo sociale”.
Le dissertazioni saranno rispettivamente precedute da brevi note introduttive di Virginia Mariotti, assessore alle pari opportunità, alla pubblica istruzione, alla cultura e ai servizi sociali del Comune di San Marco Argentano; di Giuseppina Paladino, della Cooperativa Pietre Vive e di Viviana Manfredi, presidente comunale del C. I. F..
Interverranno, inoltre, il sindaco della città, Pinotto Mollo, e il consigliere regionale Serra.

San Marco Argentano (Cosenza), 24 novembre 2008                                                         

ed inoltre:

 

Per gli appassionati di Santa Lucia e della poesia dialettale siciliana

 


PREMIO ARDEN BORGHI SANTUCCI
“UNA POESIA D’AMORE” 5° EDIZIONE


La poesia tra linguaggio e mondo


August Wilhelm Schlegel era convinto che la vera poesia venga raramente compresa perché i modi peculiari con cui l'immaginazione opera appaiono«innaturali» a coloro che «non ne posseggono neppure una scintilla». Tuttavia la rappresentazione poetica di questi eventi esprime «la sostanza della cosa» in modo più chiaro e trasparente, di quanto non faccia il «più minuzioso controllo».
La natura dell'amore, perché caratterizzata da “aperte contraddizioni”, trascende l'intelletto e non può essere da questo compresa.
Anche se «viene felicemente contraccambiato», non può mai risolversi in «perfetta armonia». Per natura tende perciò a «esprimersi in modo antitetico».

L’Associazione Internazionale Artisti “Poesia della Vita” con l'intento di:

a) - invitare i giovani a non disperdere il patrimonio linguistico della propria terra;
b) - stimolare un senso autonomo di critica nei riguardi dei fatti e delle espressioni culturali;
c) - incoraggiare l'estrinsecazione di nuove forze valide in tutti i campi della cultura;
d) - aprire una polemica nei confronti dei fatti e delle espressioni culturali distorte ed alterate da opportunismo e costrizioni culturali;
e) - trovare poeti per valorizzarli nel giusto merito:

Bandisce e organizza LA 5° EDIZIONE DEL Premio « Arden Borghi Santucci» “Una poesia d’amore”

La partecipazione è aperta a tutti purché le opere siano in lingua italiana.
Le opere in qualsiasi dialetto, siano accompagnate dalla versione in italiano.
La gara si svolge in quattro fasi: selezione, quarti di finale, semifinale e finale.

SELEZIONE


Partecipano tutte le poesie pervenute, alla segreteria dell’A.I.A. “Poesia della Vita” via Castel di Ieri,21/R 00155 Roma, entro e non oltre il 10 gennaio 2009, accompagnate da una decina di righe di curriculum dell’autore/trice, la dichiarazione che l’opera inviata al concorso è frutto del proprio ingegno e il consenso ad una eventuale pubblicazione in antologia, nonché la fotocopia della ricevuta del versamento fatto sul C/C/P n° 17274028 intestato a Associazione Internazionale Artisti Poesia della Vita, via Castel di Ieri, 21/R – 00155 Roma, di € 20,00 (venti) quale iscrizione alla Associazione. I lettori e gli stessi iscritti al concorso, riceveranno, a partire dal 15 gennaio 2009, cinque poesie il giorno e dopo averle lette assegneranno la propria preferenza (un voto da 1 a 10) ad una sola poesia, eccetto la propria, ritornando le liriche con i voti via e-mail a renobromuro@alice.it.

QUARTI DI FINALE

Vi partecipano le 30 poesie più votate che, a loro volta, saranno ripubblicate e gli iscritti pregati a ridare il loro suffragio, permettendo la scelta di una sola poesia la settimana.

SEMIFINALE

Vi partecipano di diritto le 15 poesie più votate dai lettori che saranno ripubblicate e, gli iscritti sono pregati di votare ancora una volta.

FINALE

Vi partecipano le 5 liriche più votate, gli iscritti sono pregati di assegnare il loro suffragio alla poesia che più piace e la più votata vincerà il «Premio dedicato a Arden Borghi Santucci una Poesia d’Amore».
L’autore della poesia vincitrice del concorso, riceverà durante una manifestazione pubblica un targa ricordo con inciso il verso più bello della lirica vincitrice.
Nella stessa manifestazione riceveranno la “Targa ricordo” anche i vincitori del 2007 e 2008 che per ragioni indipendenti dalla propria volontà giacciono nella attesa di essere donate a Marco Besso vincitore del 2007 e Carmine Coppola vincitore del 2008, il giorno della premiazione che avverrà a Roma il giorno 14 febbraio 2009, alla presenza di stampa e critica letteraria.


Per L’A.I.A. “Poesia della Vita” – il presidente

Roma 1 dicembre 2008

 

 

Africa: Missione Cuore per la Vita

Quando si osserva un’opera d’arte, spesso, vogliamo comprenderne il messaggio ma soprattutto compenetrarci nell’animo di chi l’ha realizzata. L’espressione creativa è il riflesso dei sentimenti intimi che risiedono nell’anima di un artista, pertanto, ciò che si materializza ci comunica il pensiero o le emozioni che lo hanno coinvolto emotivamente in una determinata circostanza, fino a doverli esternare per condividerli con gli altri.

Per i ragazzi dell’Accademia di Belle Arti di Palermo, che si sono fortemente impegnati a realizzare questa meravigliosa Mostra con un incomparabile Catalogo, è accaduto che la loro spiccata sensibilità è stata stimolata dall’esempio e dal concreto impegno sociale del Cantautore Missionario Rino Martinez e mossa dal profondo desiderio di donare una parte di se stessi a favore del Bene, un sentimento indelebile che spesso viene offuscato da esempi negativi ed egoistici.

Gli artisti, che si sono adoperati a cooperare con l’Associazione ONLUS “Ali per Volare”, hanno dimostrato che non tutti i giovani sono indifferenti di fronte ai sani valori della Vita, che deve essere difesa ad ogni costo, soprattutto, quella degli indifesi e di coloro che quotidianamente sono calpestati nella loro dignità umana.

Questi meravigliosi elaborati sono stati creati col cuore rivolto a tanti esseri umani che ogni giorno muoiono nel silenzio, dimenticati dalla società opulenta ed indifferente. Queste stupende immagini sono state fatte con il pensiero rivolto ai milioni di “Bambini Invisibili” che ogni istante muoiono implorando il nostro Aiuto.
Questa insuperabile rassegna è nata con la tenacia e la volontà di seri Professori e bravissimi Allievi, per poter contribuire gratuitamente e fattivamente alla realizzazione dell’improrogabile ed urgente Spedizione Umanitaria denominata “Africa: Missione Cuore per la Vita”, con la matura consapevolezza che ogni singola opera contribuirà alla raccolta fondi, per fronteggiare un’immane sterminio quotidiano e per ridonare una speranza di vita migliore a tantissime vite innocenti del fiero popolo dei Pigmei e non solo.

Unitamente al nostro accorato ringraziamento, a coloro che contribuiranno concretamente alla realizzazione di questo progetto per la salvezza di un popolo in estinzione, manifestiamo il sincero invito a continuare con noi la “Buona Battaglia”, affinché, in unione d’intenti possiamo concorrere a diffondere il seme della Carità e della Pace in questo mondo distratto, che gli esempi nobili come questo lo renderanno sicuramente migliore…

Fabrizio Artale

Resp. delle Comunicazioni Sociali dell’Associazione ONLUS  “Ali per Volare” - www.missioneinweb.it




Autore: don Massimo Astrua - Editore: Mimep Docete

Nuova edizione, aggiornata e integrata con i piu' recenti documenti della Chiesa, che fa seguito alla precedente tanto apprezzata e ristampata innumerevoli volte. Le innovazioni riguardano anzitutto l'aggiornamento teologico, ottenuto mediante l'inserimento di stralci dei più recenti documenti della Chiesa, specialmente delle encicliche papali. Il fine di questi due agevoli e colorati volumi e' quello di accompagnarci nell’eterno progetto del Padre che ha predestinato il proprio Figlio come Redentore e tutti noi come partecipi della sua Gloria. “Cristo non e' solo nominato come centro, ma e' vissuto, amato e pregato per quel che Egli era fin da prima dei tempi, fu e resterà: la carne, il sangue, l’anima, il respiro, il senso, l’amore, la bellezza, il sacrificio e la redenzione dell’uomo e dell’interità stessa del creato”. (dalla presentazione di Giovanni Testori)

Pagine: 384 cad.   Volumi: 2 - anno di edizione 2007 - formato 11x17,5 cm - prezzo 5,00 €+ 5,00 € (due volumi)

Esposizione facile di tutta la Teologia dogmatica per adulti e per catechisti

Quale è lo scopo della nostra vita?
Nessuno di noi puo dirlo con certezza, ma sentiamo che dobbiamo rivolgerci ad un'Altra Persona, a Dio, perche Lui solo lo sa.

Ci auguriamo in tal modo di offrire ai parroci ed ai catechisti uno strumento che possa aiutare a far conoscere meglio Gesù e la sua Chiesa ai fedeli, specialmente ai giovani.

Contenuto Volume 1
- Dalla ragione alla Fede
- Dio si rivela a noi nel Suo Figlio fatto Uomo
- La creazione e la nostra predestinazione in Cristo
- Il peccato e la Redenzione
- La Risurrezione e la glorificazione di Cristo

Contenuto Volume 2
- La Chiesa Cattolica, Corpo di Cristo e Sacramento universale di salvezza
- L'uomo divinizzato in Cristo
- I mezzi della Grazia: i Sacramenti e la preghiera
- Maria, Madre di Dio e Madre della Chiesa
- L'escatologia dell'uomo: morte, giudizio, Paradiso, Inferno
- L'escatologia del mondo

 

BRICIOLE DI PAROLA
Anno Liturgico B



Con la prima domenica di Avvento comincia un nuovo anno liturgico che può essere descritto come il complesso delle celebrazioni con cui la Chiesa celebra annualmente il mistero di Cristo. L'anno liturgico è continuazione del tempo biblico o storico salvifico in cui si svolsero gli eventi della salvezza.

Con BRICIOLE DI PAROLA ANNO LITURGICO B, per completare la collana (Anno Liturgico A e C) vogliamo aiutare ad interpretare e commentare i Vangeli festivi attraverso le parole di padre Carlo Dallari OFM.


Prezzo di ogni volume 5 euro
Prezzo unitario per tutti e 3 i volumi 12 euro

Anno Liturgico A ISBN 8884241227
Anno Liturgico B ISBN 9788884241511
Anno Liturgico C ISBN 8884241154

Formato 13x21 cm




La copertina del nuovo catalogo Unificato

UNIFICATO: DAI FRANCOBOLLI AI SANTINI, PASSANDO PER LE SORPRESINE

Grande fermento in casa Unificato che questo mese esce in libreria con tantissime novità editoriali. Oltre ai cinque cataloghi di francobolli "Europa", alla nuova edizione del 1° volume di "Storia Postale - Servizi", al libro di Emanuele Gabbini e all'edizione 2009 del catalogo delle Marche da Bollo, l'editrice milanese CIF esce con l'Aggiornamento del Catalogo delle Sorpresine ma, soprattutto, con la prima edizione del Catalogo Internazionale dei Santini. Un'opera, curata da Toni Graziano, che repertoria oltre 2000 immaginette sacre provenienti da tutto il mond, fornendo dettagli tecnici, storici e utili informazioni sul loro restauro e conservazione.
Non è la prima volta che la casa editrice, famosa per i suoi cataloghi filatelici (compresi molti volumi specializzati), ha dato uno sguardo oltre il proprio terreno di competenza, strizzando l'occhio verso altri settori collezionistici.

Già nel 2006, infatti, usciva il Catalogo Unificato delle Sorpresine, un volumetto di oltre 300 pagine che catalogava e quotava i piccoli doni racchiusi all'interno di merendine, ovetti di cioccolato e figurine, fatti agli acquirenti da marchi famosi (perlopiù del settore alimentare e dolciario) come Bauli, Casa Modena, Dolci Preziosi, Ferrero, Findus, Motta, Mulino Bianco, Nestlè, Panini, Parmalat, Saiwa, Tomy e Zaini.

A dimostrazione che questo settore collezionistico, seppur marginale, è sempre vivo e vegeto, l'Unificato esce, a distanza di 2 anni, con un Aggiornamento 2009 di 144 pagine completamente a colori in cui è stato ritagliato uno spazio particolare sia per le "varietà" più importanti della Kinder, sia (ed è la prima volta che vengono catalogate e quotate) per le sorpresine dei Gormiti, "Gli invincibili signori della natura" realizzati dal Gruppo Preziosi. Il volume di aggiornamento sarà in vendita nei prossimi giorni al prezzo di 12,00 (i collezionisti che volessero avere l'edizione 2006 potranno farne richiesta alla C.I.F. srl al costo di 9,90€, comprese spese di spedizione).

Ma l'interesse dell'Unificato per il collezionismo si è recentemente spostato in un settore affine alla filatelia, se non altro per la lunga storia che lo caratterizza, e cioè quello dei Santini, le immaginette sacre che si iniziò a stampare sin dal 1500, illustrate con Santi e Beati di tutti i tempi.

In questi giorni, infatti, esce in libreria il Primo Catalogo Internazionale dei Santini 2009, il primo libro a livello mondiale a cura di Toni Graziano - appassionato collezionista di santini - che repertoria oltre 2000 immaginette sacre (provenienti da paesi come Italia, Francia, Germania, Spagna, Paesi Bassi, Svizzera, Stati Uniti, Russia, Cuba e America Latina) offrendo, oltre al valore commerciale, anche importanti informazioni su come classificarli e restaurarli.
Il volume, ben 512 pagine a colori (34,00€ il prezzo di copertina), è strutturato su nove capitoli che ripercorrono la storia dei santini. Si inizia con i primi esemplari del Cinquecento e si arriva alle "Perle", ovvero le immaginette sacre insolite e preziose, sia i materiali pregiati utilizzati (stoffa, oro, ecc.) sia per le tecniche di produzione (collage, canivet, santini traforati di pizzo con sorpresa, tridimensionali, ecc.).

Un vero e proprio catalogo internazionale (scritto sia in Italiano che in Inglese) che "dà valore di storicità alla forma più diffusa e popolare di trasmissione della preghiera, di venerazione e culto delle immagini dei santi", un volume, come fanno sapere dall'Unificato in grado di far "emergere l’aspetto più singolare e forse meno conosciuto dei santini, che è costituito dalla loro bellezza artistica".

Ad esempio, il catalogo riproduce preziose xilografie del Cinquecento come pure pregiate e ricercate incisioni fiamminghe del XVI e XVII secolo e le prime miniature acquarellate, nonché la vasta produzione di santini dell’Ottocento fino ai primi del Novecento.
E per annunciare degnamente la nuova produzione editoriale, CIF/Unificato (che sempre a Novembre esce con altri 8 nuovi volumi) non poteva che scegliere una sede d'eccezione: la Sala Marconi della Radio Vaticana a Roma dove, martedì 25 novembre alle ore 11:00, si svolgerà la conferenza stampa di presentazione cui prenderanno parte, insieme al Direttore Responsabile dell'Unificato, Paolo Deambrosi, Monsignor Luigi De Magistris, già Pro-Penitenziere Maggiore e l'autore Toni Graziano. A moderatore l'incontro è stato chiamato il vaticanista e giornalista Antonio Gaspari.

Informazioni e prenotazioni:
C.I.F. srl . - C.P. 1708 - 20100 MILANO - Tel. 02.877139 - Fax 02.72022135 - E-mail: info@unificato.it.

 

******

La devozione degli emigrati e le tracce di santità in Calabria si ritrovano nelle immaginette sacre. E c’è chi sogna un museo

LA STORIA DELLA FEDE RACCONTATA DAI SANTINI

di ANDREA GUALTIERI

Il Quotidiano della Calabria sabato 8 novembre 2008 – pagina 54 Culti e Comunità

CI SONO santini che costano fino a quattrocento euro. Si chiamano canivet, hanno il bordo merlettato e spesso in controluce nascondono un’altra immagine. Demetrio Guzzardi, però, preferisce quelli che definisce “santini locali”. Quelli poveri, insomma, che raccontano la storia della devozione calabrese: quelli che gli emigranti portavano con sé per continuare a pregare davanti all’immagine del patrono del paese o quelli che le suore stampavano per ricordare il volto del fondatore della loro congregazione. Ne ha raccolti più di ventimila e con un migliaio di essi ha deciso di organizzare una mostra che nella prossima primavera ha già tre appuntamenti: a Cosenza, a Briatico e a Catanzaro. Ma l’obiettivo finale è ancora più intrigante: Guzzardi ha in mente un museo regionale di iconografia religiosa in piccolo formato. «È un modo per non perdere queste tracce che ora sono in mano solo ai collezionisti e che svelano il patrimonio di santità della Calabria» spiega l’editore appassionato di santini. Sentendolo parlare si afferrano le ragioni del suo entusiasmo: «C’è sempre troppo poco tempo per raccontarle, ma ci sono storie affascinanti » dice. E lui le studia tutte, le storie che si nascondono dietro a un’immagine sacra. Da quella del reggino Gaetano Catanoso, il primo santo proclamato da Benedetto XVI, fino a quella di suor Semplice Berardi di Castrovillari, che santa non lo è e neppure venerabile, ma che cinquant’anni dopo la morte continua a essere ricordata da gruppi di preghiera.
I fondatori di congregazioni, però, restano i più gettonati e così Guzzardi ha scoperto che a inizio Novecento furono addirittura dodici i calabresi che ispirarono un carisma religioso femminile: da Elena Aiello di Montalto Uffugo a Brigida Postorino di Catona, da Giuditta Martelli di Locri a Vincenzino Idà di Gerocarne. Sempre nello stesso periodo, la devozione viaggiava insieme alla gente costretta a lasciare la propria terra per cercare fortuna nei continenti lontani. E inseguendo gli emigranti vengono fuori i santini con la riproduzione in bianco e nero della statua della Madonna dei poveri di Seminara o di quella della Vergine del Rosario di Bonifati che poi è stata riprodotta identica anche a Buenos Aires. Una lettera datata 1911 e rintracciata da Guzzardi accompagnava l’invio di santini agli emigranti di Briatico, affinché li distribuissero ai loro nuovi concittadini. Perché tutti portavano con sé San Francesco di Paola, ma poi c’erano i santi del proprio paese. E così si scopre ad esempio che tra le mille parrocchie calabresi, metà sono dedicate al culto mariano e tra le altre spicca San Nicola, presente in 130 località: «È il vescovo buono - spiega Guzzardi -, ma è anche il santo che lega Oriente e Occidente ed è il patrono di molte zone della Puglia, terra che ebbe influenza sulla nostra area jonica». Tra le immagini calabresi più venerate nel mondo c’è poi quella di San Domenico di Soriano, davanti alla quale ha pregato anche il giovane Karol Wojtyla nella sua chiesa di Cracovia. Ma la ricerca è infinita e appassionante.
Un avvocato di Scalea, Biagio Gamba, ha intitolato il suo blog “collezionare santini”. Guzzardi invece ha creato un sito (www.premiocassiodoro.eu/santinicalabresi): un punto di incontro moderno per chi coltiva una devozione antica.

TRA SACRO E PROFANO

Fascismo e referendum, anche la politica si camuffa dietro alle immagini religiose

L’IMMAGINE era venerata da secoli: la Madonna col randello è quella del Soccorso che scaccia il demonio. In epoca fascista, però, tutto veniva letto nella prospettiva del regime e così anche alla Vergine è stata imposta un’etichetta imbarazzante. Demetrio Guzzardi, nella sua ricerca, ha rintracciato un santino datato 1928 nel quale la Madonna del Soccorso diventa la Madonna del manganello, «protettrice dei fascisti». Appena tre anni dopo, nella primavera del 1931, Mussolini ruppe definitivamente i rapporti con la Chiesa e sciolse le associazioni cattoliche. I santini fascisti, a quel punto, sparirono dalla circolazione. Tranne qualcuno, che rimase custodito in qualche cassetto e ora aiuta a scoprire uno spicchio di storia. «Si ricostruisce il passato guardando le immagini, ma anche leggendo le didascalie e soprattutto ciò che è scritto sul retro del santino» spiega Guzzardi. Preghiere, ricordi di manifestazioni, dalla missione popolare alla prima comunione o all’ordinazione sacerdotale. Anche per la prima messa pontificale di Joseph Ratzinger ne venne stampato uno con un dipinto che richiamava il suo ministero petrino. Un capitolo a parte meritano però le immagini natalizie: «L’inno più gettonato dietro ai santini di Natale resta Tu scendi dalle stelle» racconta il collezionista di immagini sacre sfogliando il suo raccoglitore. Ognuno, però, dietro al santino scriveva quello che voleva. E così la politica è tornata più volte a insinuarsi. Come quando, senza arrivare agli eccessi fascisti, dietro a un’immagine fu stampata una frase: «Il Sacro Cuore di Gesù ti ispiri nel dare il voto il 2 giugno». Era il 1946, l’anno del referendum che portò la repubblica.

LA CURIOSITA’

La Madonna di Farima nella grotta di Lourdes

Quanti errori nascosti nell’«atelier» di Maria

I CANONI ci sono ma non è detto che vengano rispettati. E così capita, ad esempio, che in una grotta di Lourdes venga raffigurata una Madonna di Fatima. È successo in un convento di Acri, nel cosentino, e un santino lo testimonia. Scorrendo le immagini della devozione popolare si trova una iconografia religiosa alternativa alla tradizione. E così a Vigne di Castrovillari, la Vergine addolorata, in genere vestita di scuro, indossa un brillante abito rosso, tipico della Madonna del Rosario. Anche a Pedace, alle porte di Cosenza, il nero non va giù e così Maria sofferente viene rappresentata con i colori bianco e azzurro dell’Immacolata Concezione. Sono importanti, i colori, in quello che il collezionista di santini Demetrio Guzzardi definisce l’«atelier di Maria». E quindi è strano vedere la Madonna del Carmelo con vesti diverse da quelle che oggi indossano le monache di clausura, caratterizzate da diverse tonalità di marrone. A Guardavalle, però, non la pensano così e hanno preferito rappresentarla con un abito azzurro, che spicca anche nel santino distribuito ai fedeli. «Per la grande devozione Maria è considerata come una figura del luogo e quindi si tende a caratterizzarla allontanandosi dai canoni» spiega Guzzardi. Per fortuna però restano gli attributi, cioè i simboli che circondano o sono retti dalla figura sacra. I santini, alla fine, si classificano così.

 

 

Con piacere vi informo dell’uscita del libro “Baresità e… Maresità” (Levante Editori, Bari) del nostro valido collaboratore Vittorio Polito, che per 40 anni ha ricoperto il ruolo di Assistente Bibliotecario presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Bari. Ha collaborato con il Tribunale del Diritti del Malato, con l’Associazione Pugliese Soccorritori e con l’Ass.ne Int.le Ricerca e Recupero Disordini della Comunicazione Umana (AIERRE) e con i periodici La Mia Salute, ORL Magazine, Bariracconta, Japigia-Torre a Mare…informa (periodico della V Circoscrizione di Bari) e con i quotidiani Roma, Il Quotidiano di Bari, Puglia d’oggi, e con i siti internet www.modugno.it e www.palesemacchie.it.

Ha curato e coordinato, in collaborazione, le due Edizioni del volume “Il dialetto, dignità di comunicazione, dignità sociale”, del quale è anche coautore, edito dall’AIERRE, pubblicato con il sostegno della Fondazione della Cassa di Risparmio di Puglia e con il Patrocinio del Comune di Bari. Il volume, presentato dal sindaco di Bari, è stato recensito da numerosi quotidiani tra cui l’autorevole Osservatore Romano.

Nell’ambito dell’Associazione Culturale Italo-Ellenica "Pitagora" di Bari è socio e componente del Consiglio Direttivo e addetto-stampa.

Attualmente collabora con i quotidiani Barisera ed EPolis Bari, con i periodici La Vallisa, Il Faro Palese, L’Informatore e con i siti internet http://comanacosaellalde.forumattivo.com/, www.pescheriadeibaresi.it e, ovviamente con Cartantica.

Nel 2007 si è classificato secondo al concorso per la Sezione Fotografia al Premio Nazionale di Letteratura e Arti Figurative “Creatività Itinerante”.  È stato insignito dal Presidente della Repubblica delle onorificenze di Cavaliere (1995) e di Ufficiale dell’Ordine “Al merito della Repubblica Italiana (2002).

Interessante, istruttivo e divertente excursus sul dialetto barese, la poesia, la cultura, i proverbi, le tradizioni, i personaggi, la musica, il teatro, i giochi di strada ed i mestieri scomparsi della città di Bari.



Vi segnalo le nuove iniziative riguardanti le nuove serie di santini

  • “Et Verbum Caro Factum Est”  Una raccolta che ripercorre i momenti fondamentali della nascita di Gesù, fin dal suo concepimento.
    Una intelligente e significativa IDEA-REGALO per parenti ed amici in occasione del S.Natale

  • “Auguri”  Una piccola idea per augurare un buon Santo Natale

  • “Le Madonne Coronate” e “Santi Militari”.

  • “San Giuseppe”  San Giuseppe si è lasciato travolgere dal Signore e condurre per strade misteriose.

  • “I Sette Dolori di Maria”  La Madre di Dio rivelò a Santa Brigida che chiunque reciti sette "Ave Maria" al giorno, meditando sui suoi dolori, godrà di molti benefici.

  • “Le Madonne Coronate”  L'incoronazione della immagine della Vergine è un gesto devozionale che si è diffuso soprattutto a partire dall'età moderna (XVII secolo) e che si usa ancora oggi.

  • I FONDATORI” e di “SANTI CIOE’ TESTIMONI”





Quattro semplici e brevi libretti, colorati ed animati dalle tenere illustrazioni ed arricchiti da un CD!



I prezzi dei singoli volumi: Ave Maria - 5 euro (ISBN 88-8424-138-3)

Padre Nostro- 5 euro - (ISBN 88-8424-139-1)

Oh, Angelo mio Custode - 5 euro (ISBN 88-8424-117-0)

Credo - 8 euro (ISBN 88-8424-118-9)

Per eventuali chiarimenti o ordini rivolgersi a:
MIMEP DOCETE EDITRICE - Via Papa Giovanni XXIII, 2 - 20060 Pessano con Bornago (MI)
Tel: 02-95741935, Fax: 02-9574464, E mail: info@mimep.it



MERCOLEDÌ 10 DICEMBRE 2008


Sala Polifunzionale della Provincia - Via Comi, 11 – Teramo
14.00   Arrivi e iscrizione - 15.00   Saluti: Autorità

15,45  -   Melos Clarinet Ensemble, ISSM “G. Braga”, Musiche di W.A.Mozart

Eine Kleine Nachtmusik KV 525 -  Rondò KV 285
                Responsabili formazione Maestri Romeo Petraccia e Federico Paci

16.00 - Prima Sessione: Simone Weil a cento anni dalla nascita
Presiede: Stefania Fuscagni, Università di Firenze


Messaggio: André Devaux, già Presidente «Association pour l’étude de la pensée de S. Weil» - Paris
Prolusione  sen. Sandro Bondi, Ministro dei beni e delle attività culturali
Introduzione tematica  -   Persona e impersonale nel pensiero weiliano
Alino Lorenzon, Presidente onorario “Prospettiva Persona”, Rio De Janeiro
Attilio Danese e Giulia Paola Di Nicola, condirettori “Prospettiva Persona”, Teramo

17.30   Pausa Caffé
18.00   Simone Weil nel contesto culturale europeo del Novecento - Giorgio Campanini, Università di Parma
18.30   Personnel et impersonnel dans le travail - Robert Chenavier, Presidente «Association pour l’étude de la pensée de S. Weil» - Paris
19,00   Personale versus impersonale ?(messaggio) Roberto Esposito, Università di Napoli

19, 20   Folklore abruzzese, Corale “Giuseppe Verdi”, direttore Carmine Leonzi -
                       Nebbia a la valle,  Tutte li funtanelle, Partenza de li pecurale, Ju Abruzzu,  Vola vola

19.45   Pausa Buffet
21.00   Sala del Teatro  Comunale: Concerto dell’ Orchestra Sinfonica della Radio di Mosca, a cura della Società della Musica e del Teatro “P. Riccitelli”- Teramo (gratuito solo per gli iscritti)



GIOVEDÌ 11 DICEMBRE 2008
9.00     Seconda Sessione
Aspetti antropologici
Presiede: Enrica Lisciani Petrini, Università di Salerno

9.15     Personale ed impersonale nel cosmo: necessità e male - Paolo Farina, ISSR, Trani
9.45 Elettra, figura dell’impegno politico, intellettuale e mistico weiliano - Domenico Canciani, Università di Padova
10.15   Pausa Caffè
10.45   Tavola Rotonda: Il sociale. Tra la “ bestia” e il sacro -   Modera: Marisa Forcina, Università del Salento, Lecce
11,00    Studio, attenzione, preghiera: il passaggio all’impersonale - Wanda Tommasi, Università di Verona
11,20    La “bestia sociale” tra prestigio e forza - Hanna Barbara Gerl-Falkovitz, Università di Dresda
11,40   Compassione e “amore anonimo”. Il mito di Antigone” - Massimiliano Marianelli, Università di Perugia
12,00   Antropologia ed ebraismo - Roberto Ricci, Presidente SFI, Teramo
12,20   L’impersonale e il sacro - Stefania Tarantino, Istituto Italiano di Scienze Umane, Napoli

12,50  Visita alla Cattedrale di Teramo.  Introduzione  a cura di Francesco Tentarelli, direttore Agenzia  regionale per la promozione culturale 
- Canti Gregoriani, corale “Sine Nomine”, direttore Ettore Sisino
- Ubi caritas, Crux Fidelis, Victimae pascalis laudes
-
J.S. Bach Toccata e  Fuga in Re Minore,   Organista: Roberto Marini

13.30   Pausa Buffet
14,30 Visita guidata alla Biblioteca provinciale “M. Delfico”, direttore Luigi Ponziani

15.15   Terza Sessione: Personale ed impersonale in Dio
Presiede: Franco Castellana, ITP, Taranto

Modera: Piero Coda, Istituto Universitario “Sophia”, Loppiano (FI)

15.30   Du Dieu personnel trinitaire à l`être humain relationnel - Maria Clara Bingemer, PUC, Rio de Janeiro
16.00   La questione del Battesimo - Eric O. Springsted, Princeton University, USA
16.30   S. Weil e la Chiesa cattolica - Piersandro Vanzan, “La Civiltà Cattolica”, Roma
17.00   Pausa Caffè
17.30   Il “Venerdì Santo della filosofia” - Gaspare Mura, PUL, ASUS, Roma
18.00   De l’humanisme à la Théologie trinitaire - Emmanuel Gabellieri, UCLY di Lione
18.30   Dio impersonale nella storia - Giovanni Giorgio, ITAM, Chieti
19,00   Poetica del soprannaturale - Giovanni Trabucco, FTIS, Milano
19,30  Pausa Buffet
21,00   Sala San Carlo , Via Delfico, 30 –Teramo
- Abissi e Vette. Concert-Theatre per Simone Weil
Regia di M.R. Maghenzani , Musiche di G. Danese - Attori: Maria Rosaria Olori - Angelo Petrone - Soprano: Sandra Bongrazio - Violista: Samuele Danese - Pianoforte: Giacomo Danese

VENERDÌ 12 DICEMBRE 2008

9.00     Quarta Sessione: I saperi scientifici in Simone Weil

Presiede: Francesco Bellino, Università di Bari

Modera: Francesco Bonini, Università di Teramo

9.30     Simone Weil: la matematica come comprensione del mondo- Mario Castellana, Università del Salento, Lecce
10.00   Simone e André Weil: Epistemologia e matematica - Franco Eugeni e Marco Santarelli, Università di Teramo
10.30   Personale ed impersonale nella musica - Elio Matassi, Università di “Roma Tre”
11,00   Pausa Caffè
11.30   Giustizia ed economia - Flavio Felice, PUL, Roma
12.00   Giustizia e diritto - Emilia Bea, Università degli Studi di Valencia, Spagna
12.30   Valutazioni e Prospettive - Margherita Pieracci Harwell, Università de Illinois, Chicago - Sergio Lanza, Università Cattolica del S. Cuore, Roma

- Buffet

    N. B. Presso la Sala Polifunzionale della Provincia (Via Comi, 11), nei giorni 10-12 Dicembre 2008 sarà esposta una mostra fotografica su Simone Weil, a cura di Modesta Corda

    Sarà disponibile per quanti vorranno conoscere Simone Weil  ad un DVD realizzato da Sandro Mariani. Zikkurat edizioni

          La cittadinanza è invitata ad intervenire

Ersilia Di Domenico — 3291544863 — iliadgdd@libero.it
Mancinelli Maura — 3480533815 — mancinelliricerche@libero.it
Simona Mazzilli — 339.5849103 — simona.mazzilli@alice.it
Simonetta Di Carlo — 3473694454 — simonetta.23@virgilio.it
Progetto grafico e DVD: Sandro Mariani — marketing@zikkuratedizioni.it
Logistica: Claudio Torreggianti e Claudio Appicciafuoco

Responsabile della comunicazione : Leandro Di Donato

Ufficio Stampa
Co-munica società di consulenza giornalistica, info 340055075  simona.salvi@co-munica.it

Per informazioni  danesedinicola@tin.it
 www.prospettivapersona.it

Stampa depliants e  manifesti: Editore Rubbettino, Soveria Mannelli ( Catanzaro), http://www.rubbettino.it/
Stampa altri materiali: Zikkurat edizioni, Roma, Teramo, Senigallia,  http://www.edizionizikkurat.com/ 



 

 


DAVANTI ALLA SINDONE CON GLI OCCHI NUOVI
di Michele Salcito

Un libro innovativo!

La nostra natura ci spinge ad una continua ricerca, ad una continua crescita e maturazione. Ma per quanto perfetto l'essere umano è sempre molto limitato nel trovare le risposte alle questioni che lui stesso si pone... (Perchè bisogna soffrire, morire? Che cosa c''è oltre l'universo? Da dove veniamo? ecc...)

Tali retoriche domande si potrebbero moltiplicare all'infinito, ma si potrebbe anche tentare un altra soluzione.
Vogliamo accettare di essere creature spirituali? Vogliamo accorgerci della nostra anima? Le risposte che non esistono poichè siamo noi a doverle dare, saranno meno incisive se cominceremo a riconoscere umilmente Dio Onnipotente come l'Essere Superiore. E Lui che ha tanto amato il mondo, ci ha dato il Suo Figlio unigenito, che è stato crocifisso ed il terzo giorno è risuscitato dai morti. Lasciandocii una testimonianza materiale e visibile di questa verità: la Sacra Sindone! Dio c'è e ne abbiamo le prove!
Mettiamoci DAVANTI ALLA SINDONE CON GLI OCCHI NUOVI!!! Cerchiamo di vedere questo sacro lino, anche al di là dei concetti puramente
scientifici e storici.
Il libro che presentiamo nasce per proporre un itinerario di riflessione religiosa dell'Uomo rappresentato sul lino. Il destino di quell Uomo del Dolore si intrecci con il nostro e lo riempia di senso. Lui ci offre le risposte a tutte le domande, fornisce vitalita alla nostra esistenza.

 

 

 

MIMEP-DOCETE EDITRICE
Via Papa Giovanni XXIII, 2 - 20060 Pessano con Bornago (MI)
Tel: 02-95741935 - Fax: 02-9574464 - E.mail: info@mimep.it

 

 

E' destinato soprattutto ai ragazzi, ma non fa male nemmeno agli adulti, il nostro album illustrato (arricchito di tante fotografie) sulla vita di s. Teresa di Gesu Bambino: "Il segreto dell' amore"; di Don A. Albani e Don M. Astrua.

In questo breve e scorrevole volume si trovano tutti gli spunti necessari per lasciarsi incuriosire ed affascinare da questa santa e dai suoi genitori "più degni del Cielo che della terra".
Sproniamo i nostri ragazzi e figli a leggere qualcosa che li aiuti a crescere, migliorando i propri piccoli e grandi difetti, per amare Gesu ogni giorno sempre di più. Il segreto della loro felicità sta anche nel saper trasmettere loro degli ideali da seguire. Affinchè scoprano in sè le capacità di confrontarsi e di migliorare.

Perchè non iniziare leggendo la vita di questa piccola grande santa dal carattere forte e capriccioso? Perchè non far si che anche nella propria famiglia Dio sia sempre "il primo ad essere servito"? come ci insegna l' esempio dei coniugi Martin?!
Provare costa poco, mentre il successo del vero impegno è garantito!

MIMEP-DOCETE EDITRICE - Via Papa Giovanni XXIII, 2 20060 Pessano con Bornago (MI) Tel: 02-95741935 - Fax: 02-9574464 - E.mail: info@mimep.it

 

 

TESTIMONIAL DALL’ AL DI LA’
Un percorso pubblicitario dall’Ottocento ai giorni nostri
                      sala mostre del Comune di Levanto  piazza Cavour
                             20 SETTEMBRE – 5 OTTOBRE 2008
               ORARIO: tutti i giorni dalle 18 alle 20 e dalle ore 21 alle 23

Il master universitario in “Creazione di eventi” attivato presso l’Università degli Studi di Firenze e il Comune di Levanto sono promotori della mostra ”Testimonial dall’al di là- Un percorso pubblicitario dall’Ottocento ai giorni nostri ” che si terrà a Levanto, presso la sala mostra del comune dal 20 settembre al 5 ottobre 2008 nell’ambito di una serie di iniziative atte a promuovere il turismo del territorio cittadino .

La mostra propone figurine, scatole di latta, menù, manifesti, ventagli…che analizzano la commistione fra sacro e profano nella pubblicità del passato ed in quella odierna.
E’ articolata come segue:
                                                          
I SEZIONE -  LA CURA DEL CORPO E DELL’ANIMA: le case farmaceutiche talora usano pubblicità “sacre”: cIò non stupisce perchè la medicina ha avuto, in passato, un che di magico e  di sacro. Spesso il nome di una farmacia è abbinato a quello di un luogo di culto. Santuari ed abbazie con la produzione di polveri, oli ed amari a base d’erbe si ponevano e talora si pongono come luoghi di cura del corpo e dell’anima.
 
II SEZIONE - L’ACQUA E IL VINO: nei Vangeli il tema dell’acqua e del vino sono frequenti: l’acqua di vita ed il vino/ sangue di Cristo sono alla base del Cristianesimo.  Non sorprende trovare delle pubblicità “sacre”  di acque minerali e di alcolici (soprattutto amari e birre). Negli ultimi anni i “nomi” sacri delle acque minerali tendono a scomparire mentre rimangono le caratteristiche proprie della tradizione sacra (leggerezza, purezza…).

III SEZIONE - L’OLIO E LA LUCE: le ditte che producono olio per uso alimentare non usano quasi mai pubblicità riconducibili al sacro e se ciò avviene è legato a fattori toponomastici.Se ne trovano invece alcune relative all’olio e alle candele per illuminazione.

IV SEZIONE - IL LIEVITO, LA FARINA E I PRODOTTI COLONIALI:le pubblicità tratte dal repertorio sacro relativi al lievito, alla farina ed ai biscotti si rifanno al grano e al lievito ricordati nel Vangelo. Usano queste pubblicità anche il cioccolato (considerato cibo energetico per iconvalescenti) e il caffé: erano  prodotti coloniali, ossia merci importate dalle colonie vendute nei negozi gestiti spesso da missionari.  

V SEZIONE -  LA CHIESA E L’INFERNO: fra le tante pubblicità che hanno per tema  il sacro, alcune rappresentano l’istituzione: preti e  chierichetti.  Entrambi sono visti con simpatia e con bonaria ironia. Negli ultimi anni con le campagne dell’otto per mille dell’Irpef  il sacro pubblicizza se stesso.Diversi prodotti che richiamano il calore e le fiamme. usano l’inferno e il diavolo per i loro messaggi  anziché la chiesa.

VI SEZIONE - LA COMMERCIALIZZAZIONE DEL NATALE:il fenomeno è sotto gli occhi di tutti:  l’invito al consumo per le festività natalizie è pressante.Il significato religioso della festa cristiana è annullato dal commercio. Tutto ciò risale alla fine dell’Ottocento, quando cambia il modo di vendere le merci: nascono i grandi magazzini e le confezioni di latta per le singole famiglie la cui funzione è quella di essere conservate e riutilizzate. Diventano comuni  le confezioni di Natale dove abbondano i simboli religiosi: negli ultimi anni  sembrano essere meno diffusi forse  per la scristianizzazione o in nome dell’intercultura.

VII SEZIONE -  LA DISSOLUZIONE DEL SIMBOLO RELIGIOSO
L’abbigliamento e la moda : In questo settore le immagini “ sacre” sono usate  in modo irriverente e dissacrante. Mancano riferimenti alle categorie evangeliche. Le sfilate con le modelle vestite da papesse o da Madonne servono per ottenere pubblicità gratuita sui giornali. Sono fenomeni che hanno avuto particolare fortuna negli anni Novanta del XX secolo. Una delle prime immagini “dissacranti” della moda è quella dei pantaloni Jesus(1973) con la scritta “chi mi ama mi segua” su un bel fondoschiena femminile.

Gli infiltrati: Alcune pubblicità usano sporadicamente il sacro senza riferimenti alle categorie evangeliche prive di un’ottica precisa o rimandi a  comuni tradizioni popolari.

Ideazione e cura della mostra:
Laura Borello

Prestiti:
Fondazione Tancredi di Barolo- Torino
Libreria antiquaria “Il cartiglio” - Torino
Laura Borello- Torino
Officina di Santa Maria Novella – Firenze
Libreria antiquaria Piemontese- Torino
Flavio Cammarano- Torino
Grazia Gobbi Sica –Firenze

Informazioni :
per informazioni rivolgersi al numero 349 0704618

Catalogo :
guida alla mostra con due cartoline ed annullo filatelico  euro 8.50-
cartoline con annullo filatelico 2 euro l’una
guida alla mostra 6 euro

 

 

CHIAMATI INSIEME ALLA SANTITA'


Vita e morte dei coniugi Martin,
genitori di S. Teresa di Gesu Bambino


A chi sta a cuore la gestione della propria famiglia! La santità è in casa, in famiglia!

In occasione della prossima beatificazione dei coniugi Martin, che avrà luogo a Lisieux domenica 19 ottobre 2008, vorremmo proporre il volumetto "Chiamati insieme alla santità", a cura del Movimento Carmelitano dello Scapolare.
Speriamo che tramite questa piccola e semplice biografia diventino più familiari le figure dei due sposi, genitori di s. Teresa di Gesù Bambino, che si sono santificati nel matrimonio. La loro santità è più che mai attuale, perchè passa attraverso la famiglia, in mezzo alle cose di tutti i giorni.

I coniugi Martin ci insegnano la strada della santità laica! Una santità possibile, fattibile ed accessibile a tutti!
La famiglia Martin può diventare un prezioso riferimento per le famiglie del nostro tempo! Le figure di questi due sposi possono, con l'esempio della loro vita, rispondere a tante nostre difficoltà, guidandoci nel trovare le risposte e dandoci coraggio per affrontare la quotidianità.

Luigi Martin (1823-1894) e Zelia Guerin (1831-1877) si sono amati veramente e profondamente sotto ogni punto di vista. Questo amore, però, non è stato fine a se stesso, il segreto e lo scopo della vita di ognuno dei due e dei due in coppia fu quello di mettere sempre Dio al primo posto.

Impegniamoci a seguire le loro orme...

 

 

ROMA, 28 Agosto- 14 Settembre 2008 - Mostra "SAUL DI TARSO - SAN PAOLO - UN UOMO, UN SANTO"

   Si informa che nell'ambito dei festeggiamenti del bimillenario della nascita di San Paolo e per l'Anno Giubilare 2008-2009, aperto da Papa Benedetto XVI il 29 giugno u.s., verrà inaugurata il 28 agosto a Roma una mostra dedicata all'Apostolo delle Genti dal titolo: "SAUL DI TARSO - SAN PAOLO - UN UOMO, UN SANTO" .
L'organizzazione dell'esposizione è a cura dell'Associazione filatelica "Terrasanta", mentre l'AICIS è stata invitata a partecipare con delle immaginette sacre. Verranno esposti su San Paolo dei pezzi veramente significativi che vanno dal 1700 al 1900.
Sede della mostra è la Sala Barbo con ingresso dal Chiostro della Basilica Maggiore di San Paolo fuori le Mura. Per accedervi, è necessario il pagamento del ticket di 3,00 euro, previsti per l'ingresso al chiostro, che contempla comunque anche la visita di sale con arredi sacri e reliquie sacre di un certo interesse storico.

Il settore espositivo inizia con un grande pannello della genealogia di Gesù partendo da Adamo; prosegue con un breve excursus sulla "Storia di Israele" al tempo dell'occupazione romana arrivando al periodo della nascita e morte di Gesù. Segue una collezione dedicata alla "Storia di Roma" ed alla sua potenza militare. Abbiamo poi un pannello dedicato ai "Dodici Apostoli" che apre la via alla "Storia di San Paolo", dalla nascita fino al martirio. Una sezione separata, e non solamente filatelica, è dedicata ai "Memorabilia" di San Paolo: sono esposte collezioni filateliche, tra cui una dedicata ai sei Papi a nome "Paolo", a immaginette sacre tra cui quelle dell'Associazione AICIS e cartoline.

L'orario è quello normale di apertura della Basilica di San Paolo.

 

 

Notiziario Culturale

22 agosto 2008

Universitas Vivariensis

L’interessante rassegna aprirà i battenti il prossimo 26 agosto a San Demetrio Corone
SECONDA BIENNALE
DI MAIL ART «TYPEWRITER»
Fino al 31 agosto si potranno ammirare antichie originali modelli di macchine per scrivere

A San Demetrio Corone, paese italo-albanese in provincia di Cosenza, in coincidenza con la festa di Sant’Adriano, si terrà dal 26 al 31 agosto, la seconda biennale di Mail Art, e cioè l’arte impressa su cartoline che viaggia esclusivamente via posta. Nel 2006 fu il turno dei tarocchi, l’edizione di quest’anno, intitolata “Typewriter”, è dedicata ad un oggetto considerato di modernariato: la macchina per scrivere.
Fino ad una ventina di anni fa, chi voleva presentare un documento in modo leggibile utilizzava la macchina per scrivere, ora sostituita dalla videoscrittura dei personal computer. La sua storia, certamente gloriosa, inizia nel 1846 con l’avvocato novarese Giuseppe Ravizza, che la pensò inizialmente con scopi umanitari, in quanto destinata alla comunicazione dei non vedenti.
Fu un grande successo per questo strumento fornito di tasti su cui erano impressi i caratteri tipografici; l’uso ebbe una diffusione tale da far nascere una nuova professione, prevalentemente femminile: quella della dattilografa, che, tra l’altro, alimentò tantissime pubblicità e vignette satiriche.
Come tutte le invenzioni di successo, furono tanti gli accessori ideati e realizzati per un perfetto utilizzo della macchina per scrivere, che oggi sembrano appartenere a un altro mondo: la gomma a dischetto, antesignana del bianchetto, il nastro colorato (nero e rosso), la carta carbone che consentiva di avere più copie conformi all’originale e successivamente anche il tasto “neutro” per preparare le matrici ad inchiostro per il ciclostile. Un interessante accessorio furono le cosiddette “testine rotanti”, che consentivano il cambio di carattere, aggiunte proprio quando la storia della macchina per scrivere volgeva al termine ed iniziava l’era del computer.
Tra i vari modelli, il più originale e diffuso in Italia fu la celebre “Lettera 22” (dal peso di 4 chilogrammi con la sua valigetta di similpelle con maniglia), disegnata dall’architetto Marcello Nizzoli e prodotta dall’Olivetti negli anni Cinquanta, che vinse anche un prestigioso premio internazionale come miglior prodotto del design italiano. La "Lettera 22" fu venduta in milioni di esemplari ed ebbe, tra l’altro, prestigiosi fan come i giornalisti Enzo Biagi ed Indro Montanelli.
Quello che si vuole celebrare a San Demetrio Corone, nei locali del Collegio italo-greco, a partire da martedì 26 agosto e nei giorni successivi è il fascino di questo particolare strumento di comunicazione, unanimemente riconosciuto. Si inizierà alle ore 18 con l’inaugurazione di due mostre: la prima è un’esposizione di diversi modelli di macchine per scrivere di proprietà del prof. Renato Guzzardi direttore del Ceris (Centro Ricerche e Sviluppo); la seconda, a cura di Claudio Grandinetti, direttore dell’Archivio Internazionale di Mail Art, presenterà oltre 300 opere, inviate via posta da 162 artisti di ben 37 paesi, tra cui Benin, Corea del Sud, Goiana, Honduras, India, Indonesia, Singapore e Venezuela.
Una vera e propria olimpiade dell’arte gratuita che viaggia con il solo costo del francobollo, dedicata alla cara e vecchia macchina per scrivere ed alle dolci manine di tante dattilografe che con pazienza ed amore hanno reso in modo leggibile tanti documenti che ci ricorderanno l’appena ieri.

(testo di Demetrio Guzzardi)

La rassegna “Typewriter” verrà presentata alla stampa domenica 24 agosto alle ore 19 nel Casale dei Guzzardi a San Demetrio Corone.

 

 


Per vari motivi non è stato possibile evidenziare prima le quattro iniziative sottoriportate, relative a

- Biblioteca Comunale di Lappano intitolata a Don Luigi Magnelli -- Mostra di Santini dell'Associazione Terzo Millennio, all'uscita dei "Santini da collezione", al Premio Letterario Cassiodoro -

che, comunque, rendiamo note

 

Notiziario Culturale - 20 agosto 2008 - Universitas Vivariensis

LA BIBLIOTECA COMUNALE DI LAPPANO INTITOLATA AL TEOLOGO DON LUIGI MAGNELLI

A sinistra: don Luigi Magnelli in una foto degli anni 50, parroco nel piccolo centro di Lappano; a destra: la copertina del secondo volume La Chiesa-dialogo, uscito postumo.

Giovedì 21 agosto alle ore 21 nel piccolo centro di Lappano, alle porte di Cosenza, l’amministrazione comunale presieduta dal sindaco Romilio Iusi, dedicherà la Biblioteca comunale a don Luigi Magnelli, docente di teologia ecumenica al Pontificio Seminario Teologico “San Pio X” di Catanzaro, scomparso il 18 aprile 2007, che fu parroco di Lappano dal 1947 al 1962.
Nell’occasione verrà presentato il secondo volume, edito postumo, La Chiesa-Dialogo. Itinerari ecumenici, di don Luigi Magnelli, fortemente voluto dalle nipoti Enza e Rosa Bilotta, che verrà omaggiato ai presenti.
All’incontro, oltre al sindaco Iusi, all’editore di Progetto 2000 Demetrio Guzzardi, all’attuale parroco di Lappano don Saverio Greco, interverranno: il prof. Mario Scarpelli, il dott. Maggiorino Iusi che illustrerà la composizione libraria della Biblioteca; mons. Gabriele Bilotti decano-presidente del Capitolo della Cattedrale di Cosenza, che ha anche firmato la postfazione al volume, e mons. Augusto Lauro, vescovo emerito di San Marco Argentano-Scalea che di don Magnelli è stato compagno di Seminario.

Il sindaco Romilio Iusi nella seduta del Consiglio comunale di Lappano del 17 maggio 2007 ha ricordato don Luigi Magnelli ed ha proposto di dedicargli la Biblioteca.

 

 

L’Associazione Soriano terzo millennio il giorno 14/08/2008 alle ore 10,00 presenteremo una mostra di  santini religiosi

 

 

PREMIO CASSIODORO - Sesta edizione 

Orizzonti e sguardi
sul nostro mare
 

6 Agosto 2008 - UNIVERSITAS VIVARIENSIS  

A Terravecchia (CS) venerdì 8 agosto 2008

Il presidente del Premio Cassiodoro, Stefano Vecchione,mentre consegna il riconoscimento al prof. Filippo D'Andreanell'edizione del 2006 dedicata a Giovanni Paolo II

Questi i premiati:

Assunta Scorpiniti,
scrittrice-giornalista, che nei suoi racconti ha fatto rivivere le storie delle donne del mare.

Mario Pirillo, assessore regionale all’agricoltura e alla pesca, che in questi anni ha guardato con attenzione alle problematiche dei pescatori.

Leonardo Iozzi, storico, autore di una pregevole monografia sulla marineria di Cetraro e sul mondo della pesca.

Leonardo Zolli, maestro di mare, che da oltre mezzo secolo, con la sua famiglia, vive di pesca.

Antonio Montesanto, maestro d’ascia, che con la sua arte costruisce barche che solcano l’azzurro del mare.

Cooperativa “La Torre” di Torretta di Crucoli, che fa conoscere e gustare nei mercati nazionale la sardella (matrimonio tra mare e terra).

La manifestazione di consegna si svolgerà venerdì 8 agosto, con inizio alle ore 21, in piazza del popolo a Terravecchia, centro collinare della provincia cosentina, che si protende, quasi a toccarlo, sull’azzurro sconfinato dell’orizzonte jonico; una vera e propria terrazza sul mare che consente alla vista di spaziare sul paesaggio naturale calabrese seguendo la linea costiera da Punta Alice al Golfo di Taranto o, sull’opposto versante, attraverso alture disseminate di piccoli paesi, che si estendono fino alla Sila Greca, nelle estreme appendici orientali.

Nel corso della serata verrà presentato il volume di Mauro Santoro su Giovanbattista Spinelli conte di Cariati e duca di Castrovillari alla corte dell’imperatore Carlo V, da poco pubblicato dalla casa editrice cosentina Progetto 2000.

info su www.editorialeprogetto2000.it
e www.premiocassiodoro.eu 

 

 

- SANTINI DA COLLEZIONARE - EROI, MARTIRI, VERGINI, RACCONTATI DAI SANTINIi

di Antonio Gaspari

ROMA, venerdì, 25 luglio 2008 (ZENIT.org).- Dal 9 agosto, per 60 settimane, le edizioni Hachette (http://www.hachette-fascicoli.it/) distribuiranno in edicola i "Santini da collezione", un'opera editoriale che tra devozione, tradizione e preghiera raccoglie la storia del cristianesimo raccontata dalle immagini sacre, più note come "santini".
In ogni fascicolo, insieme alla biografia, all'iconografia, al culto e alle tradizioni di ogni santo, ci sarà la riproduzione fedele dei santini d'epoca.
Si tratta di preziose immagini, dal 1600 fino ai primi del XX secolo, scelte dalla collezione privata di Graziano Toni, uno dei maggiori collezionisti europei.
I santini sono stati riprodotti integralmente, anche con il tipo e la coloritura della carta d'epoca, da Gianni Grande della Tipolitografia F.G di Savignano sul Panaro (Modena), specializzato in riproduzioni e opere d'arte e volumi preziosi.
La Tipolitografia F.G. ha una grande tradizione nella riproduzione di opere antiche, quali il "Libro d'Ore Visconti" (o Offiziolo V isconti) uno splendido codice miniato, conservato presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, realizzato in due tomi tra la fine del Trecento e i primi anni del Quattrocento per la famiglia V isconti.
Per comprendere le ragioni e le finalità di questa coraggiosa impresa editoriale, ZENIT ha intervistato Simona Manacorda, che dirige la redazione di Hachette.

Da dove è nata l'idea di pubblicare un opera di santini?
Manacorda: Dopo il grande successo di "Rosari e corone devozionali", giunta già a più di 50 uscite, abbiamo pensato di dare voce a un altro campo dove devozione e collezionismo si incontrano in manufatti di grande interesse storico-artistico e religioso. Insomma, in un momento di grande fioritura di pubblicazioni e articoli sacri ai più diversi livelli e ambiti, sia editoriali che commerciali, ci è sembrato giusto restituire ai santini il posto di primo piano che spetta loro, anche perché rappresentano il primo e più immediato contatto con l'immagine sacra, semplice, alla portata di tutti e che tutti ricordano con affetto e nostalgia.

Un'opera di queste dimensioni non è mai stata tentata finora. Quali sono stati i risultati dei vostri sondaggi? Quali risultati pensate di raggiungere? Qual è il numero minimo di vendite necessario per dare ragione all'investimento?
Manacorda: Non è esatto, perché prima di noi è stato pubblicato qualche anno fa un album dei santini sulla falsariga di quelli delle figurine adesive che ha avuto un ottimo successo. Le ricerche di mercato hanno avuto nel nostro caso un esito positivo, anche se non eccezionale, forse per la grande quantità di prodotti che affollano oggi le nostre edicole, ma sufficienti a tentare il lancio nazionale.
Per un'iniziativa editoriale di questo tipo si prevede per la prima uscita,con un prezzo promozionale molto basso, di distribuire almeno 80.000 fascicoli. Bisogna però tenere conto del fatto che, a partire dalla 2° uscita a prezzo pieno, si perde il 50% ca. degli acquirenti, che vanno diminuendo fino a attestarsi intorno all'uscita n. 15 e restare fedeli fino alla fine.

Il mondo che viviamo sembra essere sempre più secolarizzato. Cosa vi ha convinto a puntare sulla storia dei santi?
Manacorda: La secolarizzazione del nostro mondo moderno va di pari passo con un bisogno diffuso di spiritualità, che potremmo considerare il "rovescio della medaglia", dovuto anche a un diffuso bisogno di "speranza".

Quali sono gli argomenti che utilizzerebbe per convincere una persona ad acquistare quest'opera?
Manacorda: La curiosità, l'attesa, il ritorno all'infanzia, il valore estetico e culturale delle riproduzioni, semplicemente perfette e, naturalmente, l'esercizio di fede che è sotteso alla conoscenza della vita di ben 360 fra santi e sante.

Come si svolgerà la distribuzione? Si troverà ogni settimana in edicola oppure ci si potrà abbonare? Qual è il piano completo dell'opera?
Manacorda: Sarà posta in vendita ogni settimana in edicola, ma dopo i primi numeri gli edicolanti tendono a ordinare solo le copie che sono sicuri di vendere, per questo è consigliabile prenotarle o, meglio ancora abbonarsi, fin dalla prima uscita utilizzando la cartolina allegata al fascicolo.

Qual è la qualità dei santini? Quali sono la storia e il valore artistico delle riproduzioni?
Manacorda: La qualità dei santini è eccellente, basti pensare che è riprodotto fedelmente non solo il fronte, ma anche il retro dove si trova la preghiera e di frequente anche una dedica, il nome della persona cui è appartenuto il santino originale...
Sono riprodotti perfettamente, i trafori, le dorature, le vernici speciali, la porporina, ma ciò che è stato soprattutto apprezzato dagli esperti è la cura nella restituzione della cromia. Tutto ciò è possibile grazie al lavoro di tecnici ed esperti specializzati nella riproduzione e stampa di antichi manoscritti e stampe d'epoca.
Inoltre, in ogni uscita, verranno forniti dei pratici angolini adesivi che permettono di applicare ogni santino sulla propria scheda agiografica contenuta nel fascicolo, come negli album di fotografie di una volta

 

 

... e proprio per questo, sono lieto di annunciare ufficialmente che
all'apostolo Paolo dedicheremo uno speciale anno giubilare,
dal 28 giugno 2008  al  29 giugno 2009,
in occasione del bimillenario della sua nascita !"

Benedetto XVI 

In cammino sulle orme dell'Apostolo Paolo a Roma:
Vademecum del pellegrino

Il Vademecum per l'Anno di San Paolo: arte, spiritualità, luoghi e informazioni per i pellegrini a Roma
http://www.paolinitalia.it/libri/catalogo.asp?p=9&isbn=9788821563225  

Benedetto XVI
Paolo: L'apostolo delle genti

Il libro del papa sull'apostolo delle genti
http://www.paolinitalia.it/libri/catalogo.asp?p=9&isbn=9788821562518  

Anno di San Paolo: Preghiere
Da Mons. Angelo Comastri, il libro per la preghiera comunitaria e personale con San Paolo
http://www.paolinitalia.it/libri/catalogo.asp?p=9&isbn=9788821562471  

Benedetto sia Dio: Inni paolini

La lectio divina con gli Inni di San Paolo e le splendide illustrazioni a colori
http://www.paolinitalia.it/libri/catalogo.asp?p=9&isbn=9788821562655 

 

 

Mostra di immaginette sacre, organizzata dal Museo del Santino (curatore Stefano Fasoli) in collaborazione con il Comitato della Sagra di S. Lorenzo di Albarè, un paese in provincia di Verona, molto vicino al Lago di Garda.

La Mostra che si terrà nel periodo 7-11 agosto p.v. potrà essere visitata dalle ore 20.00 alle 23.00.

Verranno esposti circa 150 santini, dal XVII al XX secolo, nelle varie tecniche di incisione e di stampa e se la logistica lo permetterà anche alcuni libri antichi sulle vite dei santi, contenenti le rispettive immagini.

Saranno preferiti i santi della zona: S.Lorenzo, SS.Fermo e Rustico, S. Giovanni Bosco, S. Carlo Borromeo e altri.

 

 

 

 

 



All’interno del calendario del progetto di promozione turistica locale “Il Mondo piccolo di Giovannino Guareschi”, domenica dalle 16,30 a Polesine Parmense, area del porto, si terrà la manifestazione “Un Po… di Guareschi chiacchierata semiseria sul grande fiume
Parteciperanno: Pierluigi Ferrari Vicepresidente la Provincia di Parma, Gabriella Meo, Assessore al Turismo della Provincia di Parma, Giancarlo Castellani, Assessore all’Ambiente della provincia di Parma, Andrea Censi, Sindaco di Polesine Parmense. Ospite d’onore Enrico Bruschi.
Accompagneranno la giornata le musiche di Eugenio Martani e Corrado Medioli. Nel corso della manifestazione sarà presentato anche il volume, edito da Battei “A tavola con Peppone e don Camillo”. In allegato la locandina dell'evento "Un Po... di Guareschi"

Per tutta la giornata ci sarà il mercato dei prodotti tipici lungo l’argine e la possibilità di navigazioni sul Po, con NavigarPO.
Gli orari della navigazione che si terrà tutta la giornata sono i seguenti:

MATTINO Partenza da Polesine Parmense ore 9:30 - sosta a Isola Giarola ore 9:50 - arrivo a Gerre de' Caprioli ore 11:00

Partenza da Gerre de' Caprioli ore 11:10 - sosta a Isola Giarola ore 12:10 - arrivo a Polesine Parmense ore 12:30

POMERIGGIO - Due navigazioni con partenza alle 14:30 e alle 15:30 della durata di circa un'ora l'una da Polesine Parmense con rientro a Polesine Parmense

Partenza da Polesine Parmense ore 18:00 - sosta a Isola Giarola ore 18:20 - arrivo a Gerre de' Caprioli ore 19:00

Partenza da Gerre de' Caprioli ore 19:10 - sosta a Isola Giarola ore 19:40 - arrivo a Polesine Parmense ore 20:00

Prezzo navigazione a persona valido per l’intera giornata: Adulti Euro 5,00 - Bambini fino a 10 anni Euro 3,00

Per prenotazioni e informazioni: Va Pensiero Viaggi Tour Operator - Via Pasini 1, 43010 Busseto tel. 0524 91708 - fax 0524 930598 - www.vapensieroviaggi.com - info@vapensieroviaggi.com

Per raggiungere gli attracchi:

POLESINE PARMENSE - dal casello autostradale di Fidenza (15 km) seguire le indicazioni per Busseto, poi per Polesine Parmense. Giunti su Via Sbrisi seguire le indicazioni attracco al porto
- dal casello autostradale di Fiorenzuola (20 km) seguire le indicazioni Cortemaggiore, proseguire per Busseto, continuare per Polesine Parmense. Giunti a Polesine arrivare su Via Sbrisi seguire le indicazioni attracco al porto

ISOLA GIAROLA - dal casello autostradale di Fiorenzuola (15 km) seguire le indicazioni Cortemaggiore, proseguire per Busseto, continuare seguendo le indicazioni di Cremona e dopo 4 chilometri alla rotonda proseguire dritto per Ongina. Arrivati alla trattoria Ongina girare a sinistra ed attraversare il ponte sul torrente, subito dopo a destra e seguire le indicazioni Isola Giarola

GERRE DE' CAPRIOLI - dal casello autostradale di Cremona (5 km) seguire le indicazioni per Parma, poi per Gerre dè Caprioli. Giunti al termine della frazione Bosco ex Parmigiano svoltare a destra e proseguire dritti per un km, fino al Po

- dal centro città di Cremona, giungere in Via del Giordano, poi svoltare verso la via Bosco, proseguire per circa 3 km fino a Bosco ex Parmigiano. Giunti al termine del paese Bosco ex Parmigiano svoltare a destra e proseguire dritti per un km, fino al Po

In prossimità dell'attracco c'è un ampio parcheggio e un bar-ristorante



Ancora un'iniziativa delle Suore Lauretane della Casa Editrice MIMEP-DOCETE

Vi presentiamo il nostro nuovo cofanetto sulla Sacra Sindone (2 dischi e un libro).
La storia della Sacra Sindone viene presentata in DVD con un film documentario di Francesca Saracino. Il cofanetto, che contiene anche un'intervista esclusiva alla prof. Emanuela Marinelli, è abbinato ad un libro del dott. Giuseppe Toscano: la Santa Sindone e la scienza medica.
Qual e' la vera storia del Telo che per molti rappresenta la sacra effigie di Gesu' appena morto in croce?
Questo film-documentario cerca di seguire le tracce di questo enigmatico Sudario, dalla sua preistoria orientale, alla supposta presenza a Costantinopoli all'epoca della quarta Crociata, fino alla ricomparsa documentata in Europa.
Una ricerca che a tratti assume i sapori del giallo internazionale, e spesso evoca atmosfere da epopea cavalleresca, dove si e' costretti nell'analisi critica delle fonti a discernere tra il vero e il falso, tra il probabile e il verosimile, in un intreccio di pellegrini oranti, documenti canonici, discendenti di crociati, preti, dame, cavalieri templari, e atti processuali. Il cofanetto allegato al libro contiene due dvd.

Costo 19 euro.

Per le altre nostre pubblicazioni potete consultare il sito http://www.mimep.i

info@mimep.it
MIMEP-DOCETE - Via Papa Giovanni XXIII, 2 - 20060 Pessano con Bornago (MI)
tel. 02-95741935 fax 02-95744647

 

 

LIBERIAMO LE FARFALLE!
31 maggio 2008 alle ore 17.30


Liberiamo le farfalle!, progetto dell'Associazione Culturale A.S.I.A. di Modena in collaborazione con Eugea dell'Università di Bologna, consiste nella liberazione delle farfalle Macaone, autoctone e in via d'estinzione, allevate questa primavera nelle serre di A.S.I.A. L'evento si terrà sabato 31 maggio alle ore 17.30 presso la sede di A.S.I.A. in via Lancillotto 24 per favorire il ripopolamento dei cortili e dei parchi della città. Il programma prevede: rinfresco, breve presentazione del progetto, spettacolo di giocoleria con Giorgio Formenti, truccabimbi e naturalmente… la liberazione delle farfalle.
Il Museo della Figurina parteciperà all'iniziativa con la riproduzione ingrandita di una delle più belle serie Liebig: Farfalle e donne pubblicata nel 1890 in cinque lingue diverse, nella quale donne recanti ali di farfalla minuziosamente e scientificamente raffigurate con il loro nome latino, si trovano sugli arbusti di cui si nutrono proprio quelle farfalle. Il tutto secondo una grafica Art Nouveau estremamente curata.

Info
www.asiamodena.it - info@asiamodena.it - 059/454367

Museo della Figurina - Palazzo Santa Margherita - Corso Canalgrande 103 - 41100 Modena
tel 059 203 3090 fax 059 203 3087
info@museodellafigurina.it www.museodellafigurina.it

Orari:
dal martedì alla domenica 10,30-13 e 16-19.30
ingresso gratuito

 

 

http://www.pagineeventi.it

Vi segnalo questo sito in cui troverete eventi, manifestazioni, sagre, fiere e mostre. Mi sembra interessante...

 

 

IL MIO VANGELO - CASA EDITRICE MIMEP-DOCETE

Ricevo e trasmetto questo messaggio relativo alla pubblicazione di una edizione del Vangelo, realizzata sulle indicazioni di Mons. Enrico Galbiti:

 

Una nuova edizione del Vangelo, preparata sulle ultime indicazioni di Mons Enrico Galbiati - insigne biblista, teologo di fama internazionale e docente universitario - , "IL MIO VANGELO" è un vero "Manuale", forse unico nel suo genere, o preparato per condurr, facilmente e fedelmente, il lettore a conoscere GESÙ ee il suo insegnamento.

Formato. cm. 17x11,5 - Pagine 753 tutte a colori.

Il libro è così strutturato:
1 - Introduzione storico-geografica - 2 - Vita di Gesù narrata con le parole dei Vangeli e affiancata da commenti essenziali - 3 - Ttesto integrale dei quattro Vangeli di Matteo, Marco, Luca e Giovanni - 4 - Indice dei versetti che rimandano dalla Vita di Gesù al testo integrale dei Vangeli: ciò rende più agevole consultare i passi parallelim senza perdere di vista la successione storica dei fatti - 5 - Numerosissime illustrazioni originali a colori della Terra Santa, inserite nel testo.

Chi avrà tra le mani questo Vangelo ne sarà attirato dalla bellezza e dalla facilità di lettura, fino a scoprire - forse per la prima volta - che Gesù è un personaggio la cui vita è radicata nella storia e perfettamente localizzata. Quanto bisogno c'è oggi di tutto ciò, sia per i lontani ma anche per tanti cristiani!

Ed ora veniamo al concreto:
Il prezzo di copertina del libro (750 pagine a colori) è di soli 9 (euro nove) prezzo "apostolico", ridotto al minimo per facilitarne la diffusione nelle Diocesi, nelle Parrocchie e nelle Famiglie.
Ma non è tutto:
per ordinazioni fra copie 20-50 sconto 20%
copie 50-100 sconto 30%
copie 100-200 sconto 35%
copie oltre 200 sconto 40%
(alcune Parrocchie ne hanno acquistate un migliaio di copie da dare a tutte le Famiglie).

Confidiamo di aver contribuito con questo Vangelo alla conoscenza e all'amore del nostro popolo cristiano verso Gesù, unico Salvatore.
Per le altre nostre pubblicazioni potete consultare il sito http://www.mimep.it

info@mimep.it

MIMEP-DOCETE - via Papa Giovanni XXIII, 2 - 20060 Pessano con Bornago (MI)
tel. 02-95741935 fax 02-95744647

 



I EDIZIONE DI LIBRANCH'IO -INTERCULTURA: LA SCUOLA CHE FA I LIBRI

Quest'anno avrà luogo la I edizione di Libranch'io - Intercultura: la scuola che fa i libri.
L'evento è promosso dal Comune di Modena - Assessorato all'Istruzione e Memo - e dall'Osservatorio nazionale per l'integrazione degli alunni stranieri e per l'educazione interculturale del Ministero della Pubblica Istruzione.
La manifestazione è incentrata sull'intercultura, ospita i libri prodotti dalle scuole di ogni ordine e grado e si prospetta particolarmente ricca di iniziative e appuntamenti.
Il Museo della Figurina partecipa con due iniziative:

Visita guidata al Museo della Figurina
A cura di Museo della Figurina e Associazione Culturale Arianna - 18 maggio ore 10 e ore 16
La visita si propone di analizzare i meccanismi di conoscenza e di confronto con l’altro.

La figurina rappresenta un potente strumento di diffusione di immagine nella società industriale di diffusione ottocento dell’Europa Occidentale e Nordamericana. Dalle figurine prodotte tra il XIX secolo e il XX secolo utilizzate per pubblicizzare prodotti come cacao, o rappresentare eventi come l’Esposizione Universale, emergono le teorie usate per giusti. care e motivare moralmente le conquiste coloniali.

******


L’intercultura nel pallone
Presentazione a cura degli autori Fabio Caon e Vinicio Ongini

Un libro su calcio, intercultura, insegnamento di L2 pubblicato da Sinnos editore.

16 maggio ore 17,30


ingresso gratuito


Museo della Figurina
Palazzo Santa Margherita
Corso Canalgrande 103
41100 Modena
tel 059 203 3090
fax 059 203 3087
info@museodellafigurina.it
www.museodellafigurina.it

 

 

MOSTRA SU FAUSTO COPPI AL MUSEO DELLA FIGURINA DI MODENA

 

 

GIORNATA DI STUDI IN ONORE DI SAN GIUSEPPE E APERTURA MOSTRA "SAN GIUSEPPE ARTIGIANO NELL'ARTE"
Un percorso in immagini, dalle incisioni alle stampe devozionali

Sabato 19 Aprile 2008

Parrocchia di San Giuseppe Artigiano - Roma

La Parrocchia di San Giuseppe Artigiano, in occasione del Cinquantenario dalla fondazione, ha promosso una Giornata di studi e una Mostra iconografica sul santo titolare, in collaborazione con il Centro Studi San Giuseppe, l’A.I.C.I.S.* e il Comune di Piombino.
Giancarlo Gualtieri ha messo a disposizione la propria collezione, così da poter articolare, insieme ad altro materiale tematico, un percorso espositivo storico-tipologico così strutturato:

- San Giuseppe: incisioni, xilografie, stampe
- San Giuseppe padre: santini merlettati, e cromolitografie
- santini del ciclo giuseppino: Sposalizio, Visitazione, Sogno
- santini Natività, Adorazione del Bambino, dei pastori, dei Magi
- santini della Fuga in Egitto
- santini della Sacra Famiglia
- santini della Vita a Nazareth
- santini: San Giuseppe offerente
- santini: Il Transito
- La Statuaria
- I Patronati
- Le Confraternite
- Libretti devozionali: novene, orazioni, preghiere.
- Frontespizi di opere a stampa del XVI-XVII-XVIII sec.
- Incisioni “Sette dolori et allegrezze di s.Giosefo”, XVII sec.
- Incisioni “Memorie della vita di San Giuseppe… figurata”, XVIII sec.
- Stampe popolari e popolareggianti
- Riproduzioni di arte popolare siciliana
- Un ciclo pittorico: Pietro Ivaldi, il “Muto” di Toleto
- Riproduzioni artistiche inerenti san Giuseppe artigiano, padre, patrono e intercessore.

*A.I.C.I.S. - Associazione Italiana Cultori Immaginette Sacre, E-mail aicis_rm@yahoo.it - tel/fax 06-70491619 ; 388-6938777.

 

PROGRAMMA


Ore 9,30 Saluto di S. E. Rev.ma Mons. Luigi Moretti, Vicegerente
della Diocesi di Roma

Ore 10 Prof. P. Tarcisio Stramare San Giuseppe nel mistero dell’Incarnazione

Ore 10,45 P. Gianfranco Verri Giuseppe e famiglia nella pittura di un
artista torinese del XX sec.

Ore 12 P. Carlo Colafranceschi Presentazione del “San Giuseppe. Il
Custode della Divina Misericordia”. Oratorio in tre parti; con
l’ascolto di brevi brani

Ore 13 pranzo (offerto dalla Parrocchia)

Ore 15 Prof. P. Pedro Olea La devozione a San Giuseppe in Leone XIII

Ore 15,30 Prof. Stefania Colafranceschi Iconografia di San Giuseppe
artigiano, tra quotidianità e simbologia

Ore 16 Don Marco Valenti Un esempio significativo di iconografia di
San Giuseppe artigiano nella parrocchia

Ore 17 Presentazione e apertura della Mostra San Giuseppe artigiano
attraverso l’arte rappresentazioni figurative,
stampe, incisioni e immaginette sacre, con la collaborazione
dell’AICIS, e il Comune di Piombino.

Ore 18 Santa Messa

Ore 21 San Giuseppe padre e falegname. Azione sacra in dieci
quadri, tratta dalla tradizione popolare italiana.
Narratore, Stefania Colafranceschi; Giuseppe, Enrico Maria Arrighetti;
Maria e canto, Lydia Raimondi; Organo e ghironda, Anton
Giulio Perugini.

 

 

IL GIRO DEL MONDO IN ETICHETTA
Le etichette d'albergo del Museo della Figurina
dal 18 aprile al 13 luglio 2008
Inaugurazione venerdì 18 aprile alle ore 17.30

 

 



MUSEO DELLA FIGURINA - MODENA


Corso Canalgrande, 103 41100 Modena
Tel: 059-2033090 Fax: 059-2033087
Email: museo.figurina@comune.modena.it

 

Mostre ed iniziative varie 2017

Mostre ed iniziative varie 2016

Mostre ed iniziative varie 2015

Mostre ed iniziative varie 2014

Mostre ed iniziative varie 2013

Mostre ed iniziative varie 2012

Mostre ed iniziative varie 2011

Mostre ed iniziative varie 2010

Mostre ed iniziative varie 2009

Ciao a Tutti | Contattami | Privacy Policy | Ringraziamenti |©2000-2018 Cartantica.it