Rubriche di
Patrizia Fontana Roca

FAVOLE MINUSCOLE

 

 

 

STORIA DI UNA MANO


                

       ^ 

 

Una mano può scrivere storie  di un'altra mano...

 ...  di una mano che al telaio dipinge  paesaggi, volti ed altre storie, intrecciando sveltamente la trama e l'ordito di fili multicolori...

 ...  di una mano che inforna una pagnotta e quando  sarà cotta e fragrante, la  taglierà in larghe fette che un'altra mano afferrerà e porterà alla bocca per saziare la sua fame...

 ... di una mano che raccoglie fiori e li deposita in un cestino, per poi regalarli alla mamma...

 ...  di una mano che dipinge con cura la cuccia del  suo cagnolino, per renderla più graziosa ed accogliente...

 ...  di una  mano che stringe al cuore la sua bambola preferita...

 ... di una mano che offre un fiore come fosse un gioiello...

 ... di una mano che si tende a stringere un'altra mano per trasmettere amore,  aiuto, pace...

 

******

 

 


STORIA DI UNA FOGLIA

 

^

 ...  che nasce su un ramo insieme ad altre foglie...

 ...  che vibra ad ogni alito di vento e garrisce come una piccola bandiera..

 ... che si nutre dell'essenza stessa dell'albero, come un bimbo si nutre della madre...

 ...  che fa corona, insieme ad altre foglie, attorno ad un frutto o ad un fiore...

 ... che durante l'estate assorbe il calore ed il colore  del  sole e d'autunno,  ormai stanca, si stacca dal ramo per il suo primo ed ultimo viaggio...

 ... che lentamente si disfa sul terreno e diventa humus...

 ...  che dà vita, così, ad altre piante ed alberi, carichi di mille altre foglie...               

 

 

..******

 

 


LA SPIGA SUPERBA


?

     In  un  campo di grano una spiga  gonfia di chicchi dorati si  pavoneggiava  in  mezzo  ai papaveri e ad innumerevoli fili d'erba. Canticchiava  tra sè e  sè,  ma  con  voce abbastanza udibile da tutti gli altri abitanti del campo: 

"Come  sono bella, tutta d'oro e colma di  chicchi preziosi!  Come  sono  utile  con  questi  chicchi gonfi. Diventerò pane fragrante sulla tavola del re!"

Così,  crescendo,  ripeteva questa  cantilena  ai fiori  ed  alle  altre  spighe  che   sopportavano pazientemente la sua vanità.

     Dei piccoli insetti che volavano di fiore in fiore, di spiga in spiga, ascoltarono anch'essi il ritornello e, golosi ed incuriositi, si  diressero verso  di  essa  per  gustarne  la  polpa  soda  e deliziosa, si avventarono sui chicchi dorati e  ne fecero una grande scorpacciata, lasciando in  pace le altre spighe meno belle e tronfie.

     ... E la spiga superba morì lì, proprio dov'era nata, con tutte le sue illusioni e non diventò mai pane fragrante sulla tavola del re.

 

******

 


LA NUVOLA VANITOSA



Un giorno, una nuvola vanitosa pensò: "Se riuscissi ad avvolgere tra le mie  braccia bianche il sole, m’inonderei di calore, brillerei di luce dorata e tutte le altre nuvole invidierebbero la mia bellezza!".
    
Così veleggiò bassa nel cielo dove una piccola sfera dorata ondeggiava ad ogni alito di vento, allungò le braccia circondando con la sua bianca ombra quello che credeva fosse il sole ma che in realtà non era altro che un  palloncino giallo legato ad un filo, che danzava nell'aria insieme ad altri palloncini.

A terra un bambino col capo rivolto all'insù, ne seguiva le evoluzioni e sorrideva felice...

    
La nuvola non si diede per vinta, salì  più in  alto e raggiunse, finalmente,  l'enorme  sfera del sole e tentò di racchiuderla in un abbraccio.

Ma, a contatto di tanto calore, la nuvola vanitosa che  voleva  diventare  tutta  dorata e destare l'invidia delle altre nuvole, evaporò lentamente,    nell'immenso,  mentre il sole continuò a splendere, alto nel cielo, con  tutta la sua potenza...

    

 

******

 

 

    

LA TAZZINA DI CAFFÈ




Sullo  scaffale d'un negozio  d'antiquariato, faceva  bella mostra di sè una tazzina da  caffè di fine porcellana, su cui erano dipinti dei  rami di pesco dorati.

Guardandosi  intorno osservava certe  sue  sorelle panciute  e golose che avevano due manici  ed una linea più armoniosa e lamentosamente interpellava il suo piattino, dicendo: "Perchè mai ho solo un manico? Vorrei essere come quelle mie sorelle più grandi!".

    
E si lamentava così accoratamente che un giorno l'antiquario, che si dilettava anche di restauro, dopo aver cercato a lungo una tazza simile a  quella da caffè di cui parliamo, ne trovò una con il bordo  sbreccato,   ormai inutilizzabile.

L'uomo le tolse il manico e si accinse ad incollarlo sulla tazzina di nostra conoscenza che, non appena  si accorse di tutto quel lavorio intorno a sè, se ne stette buona e  zitta  fino alla fine dell'operazione.

Però, concluso il lavoro, l'antiquario non ne fu soddisfatto e decise di relegare la tazza nel buio retrobottega dove conservava alcune carabattole  che aveva scartato poichè non erano all'altezza  di far bella mostra di sè nella grande vetrina.

La mise quindi accanto ad altri piccoli oggetti di poco valore, tra un piattino di Limoges sbreccato che ostentava la sua regalità ed una damina di Capodimonte, che aveva quasi perso la testa per un cavaliere  azzimato che le faceva una   buffa riverenza tenendo in mano un immaginario cappello.

Ma la tazzina da caffè soddisfatta, invece, dei suoi due manici, si sentiva finalmente fiera ed orgogliosa di sè e non si  lamentò più nemmeno una volta nella sua vita.

 

******

 

 

    

UN UOMO PICCOLO PICCOLO






C'era  una  volta un uomo  molto  piccolo  di statura  che  si sentiva a disagio  tra  uomini  e donne  più  alti di lui e camminava con  il  capo chino  verso terra, tanto da sembrare ancora  più piccolo.

Un giorno, mentre camminava per una  trada di campagna, si sentì molto stanco, si fermò sotto un  grande  albero per riposare un pò e, riflettendo tra sè e sè disse a voce alta:  "Ah, come vorrei essere alto e robusto!".

Lì accanto c'era un formicaio brulicante di vita che lo incuriosì: si mise ad   osservare attentamente le piccole lavoratrici che andavano e venivano  con alacrità, trasportando pesi  enormi per la loro corporatura.
Guardava affascinato il loro daffare che quasi dimenticò il dispiacere che gli procurava l'essere  così piccolo.

Una formichina che s'era fermata accanto a lui lo interpellò con una vocetta allegra:

"Perchè sei così triste? È forse per la tua statura? Non ne vale la pena,  credimi,  dovresti già  saperlo: non è la statura che decide  della grandezza  d'un uomo.
Sono  il  suo  animo, i suoi sentimenti, i  suoi pensieri, la sua bontà.
Eppoi, il buon Dio, guardando dall'alto dei  cieli giù  sulla terra, vede gli uomini  tutti  uguali, alti  o  bassi che siano, tutti piccoli  come  noi formiche.  Anche voi umani,  infatti,  guardandoci dall'alto  ci credete identiche, tutte  ugualmente piccole...

Mettiti l'animo in pace e sii contento. Sarai grande se il tuo animo, la tua  bontà, i tuoi gesti saranno grandi e più piccolo ti farai tra gli  uomini, più grande Dio ti  vedrà  dall'alto delle sue nuvole.

Arrivederci, dunque, mi sono fermata anche  troppo a chiacchierare" e se ne andò trascinando il  suo grosso carico gioiosamente.

"Arrivederci - la salutò il piccolo uomo - e grazie infinite!".

S'alzò  subito  e canterellando con  allegria  si avviò per tornare in mezzo al vasto mondo,  senza più  desiderare d'essere alto e robusto  ma  solo buono e generoso.

 

******

 


LO SPAVENTAPASSERI TRISTE

 

?


Uno spaventapasseri che viveva in mezzo ad un campo di grano, si sentiva molto triste perché le lunghe giornate della sua esistenza si snodavano solitarie, l'una dopo l'altra. Mai nessuno che gli rivolgesse la parola,  neanche un uccellino che gli si avvicinasse a  rallegrarlo con il suo cinguettio.

Le  sue lunghe braccia di paglia stringevano  solo aria  e  per  non  sentirsi  troppo solo, spesso cantava  con  una  vocina flebile  e  dolce  delle canzoni armoniose ma tristi.

    
Sulle ali del vento, il suo canto giunse fino al Regno delle Fate ed una  di esse, commossa, decise di usare la sua magia per far felice lo spaventapasseri.

Di lì a poco, il poverino che quel giorno si sentiva  particolarmente triste,  cominciò a piangere: grosse lacrime rotolarono sul terreno formando un rigagnolo, fermandosi in una cavità del suolo.

Ma, al contatto di quelle lacrime la terra divenne fertile  ed improvvisamente, per incanto, vicino allo  spaventapasseri apparve un  meraviglioso albero,  ricco di foglie lucenti e verdi e  carico di mele rosse.


Tanti uccellini, richiamati dall'avvenimento, cominciarono ad arrivare  da ogni direzione, riempiendo l'aria di garruli cinguettii, battendo festosamente  le ali, preparando tra il fogliame dei comodi nidi in cui passare le loro giornate.
Alcuni di  essi intrecciarono voli  intorno  allo spaventapasseri  che  era infisso  nel  terreno  a pochi passi dall'albero fatato e guardava  stupito quel via vai festoso, di cui non riusciva a capire la  ragione. 

Quasi quasi  avrebbe  pianto di felicità, ma  ora era troppo allegro...

Un  uccellino  variopinto e  cinguettante  si posò sulla sua spalla senza timore,  chiedendogli se  poteva  fargli un pò di  compagnia. 
Un gran sorriso soddisfatto si dipinse sul volto di paglia dello spaventapasseri,  finalmente  non più triste. 

 

*****

 



L'UOMO-MONGOLFIERA 

?

 

Un uomo, convinto di non aver avuto fortuna nella vita e di non valere molto, si mise a  bere per consolare la propria insoddisfazione.

Così facendo non si accorgeva di sprecare del tempo prezioso, senza compiere nulla di utile e passava intere  giornate  in casa senza fare alcunchè, senza parlare con nessuno.

Un  giorno,  camminando per  le  strade  affollate della  città, mentre stava per attraversare una via molto trafficata non s'accorse che nello stesso  momento stava sopraggiungendo, a tutta velocità, una carrozza a cavalli che  sicuramente l'avrebbe travolto.

La paura lo inchiodò al suolo mentre riuscì a pensare solo: "Vorrei saper volare...". 

Non aveva finito neanche di pensarlo che improvvisamente, si gonfiò come una mongolfiera e cominciò  a salire nel cielo, così in  alto  che anche le nuvole rimasero sotto di lui come soffici guanciali.

Nel volo incontrò numerosi uccelli che lo guardavano meravigliati e a cui lui rispose con un sorriso soddisfatto. Finalmente faceva parte anche lui  delle alte sfere e così si fermò su di  una nuvola,   si  sdraiò  per  riposarsi  e   intanto guardava giù verso terra.

Che brulichio d'uomini à in fondo: chi andava,chi veniva, correvano tutti come matti in cerca di chissà cosa; quelli che avevano soldi, ne volevano  ancora,  quelli che non ne avevano, cercavano disperatamente di ammassarne quanti più  potevano per vivere meglio.
Le facce, sia degli uni che degli altri,erano ugualmente insoddisfatte, tiranniche e crudeli quelle dei ricchi, meschine e grette  quelle  dei poveri.

L'uomo,  che nel suo animo non nutriva alcun sentimento  di  avidità  o  di  meschinità, si convinse  d'essere  un uomo  fortunato  e  felice; desiderò  di  scendere di nuovo sulla terra per convincere chi stava laggiù che non valeva la pena di vivere così ed avvertirli di quale brutto effetto facessero, visti dall'alto.

Si lanciò giù dalle nuvole, vagando nel cielo chiaro e  man mano  che  scendeva  si  sgonfiava finchè,  giunto  in un gran prato  ben  curato  e ricco di fiori, dove molti bimbi giocavano felici, s'accorse d'essere ritornato alla sua  corporatura normale.

I ragazzini, incuriositi da quell'apparizione che scendeva dal cielo, lo seguirono nel suo volo col naso  all'aria, poi si raccolsero attorno  a  lui, facendogli molte feste.

"Chissà,  forse mi credono un angelo del  cielo!" pensò l'uomo.

E con la gioia nel cuore, cominciò a raccontare la sua grande avventura ai piccoli che lo stavano ascoltando a bocca aperta, senza perdere una parola di ciò che diceva.

La tennero a mente e, tornati a casa, raccontarono ai loro genitori, agli amici ed  ai  parenti  la storia dell'uomo che era salito nel cielo ed aveva visto  gli abitanti della terra, così  piccoli  e stupidi,  correre freneticamente,  follemente  per raggiungere cose che in fondo non hanno una così grande importanza: denaro, potere, successo...

 

******

 


IL TRENINO STANCO



    
Un trenino che correva bofonchiando a tutta velocità tra cittadine, paesi e campagne,  diceva tra sè:

"Quando potrò fermarmi a riposare  tranquillo e per  sempre?
Vorrei tanto poter sostare in una di queste  piccole stazioncine allegre davanti a cui passo ogni giorno.
Sono così graziose con quelle aiuole piene di fiori,    le    fontanelle    che gorgogliano ininterrottamente... e che pace!

Pochi  passeggeri  che salgono e  scendono,  molti vecchietti  che  si riposano sulle panchine  e  la domenica  bande  di  ragazzi  che  si   rincorrono intorno  ai carri e vi si nascondono dentro per giocare, sognando di partire alla volta di paesi lontani e di vivere avventure fantastiche.
Che vita felice sarebbe quella!".

Così sognando, il trenino correva e correva e  a sua vecchia locomotiva ansava attraversando tanti luoghi, alcuni caotici e rumorosi, altri che ispiravano pace.
Alle volte si fermava sbuffando e gettando verso il cielo ampi pennacchi di fumo bianco, ma per la maggior parte del tempo era impegnato nel viaggio.

Un giorno, però, la vecchia locomotiva non ce la fece più: aveva arrancato faticosamente in giù e in su per tante salite e non aveva più fiato.
Il treno si fermò definitivamente proprio in  una di  quelle  stazioncine  che  piacevano tanto al trenino e decise che da quel giorno sarebbe andato in pensione.

Gli operai della ferrovia  trainarono  il trenino sino ad un binario morto e insieme alla popolazione decisero di tributargli  un  ultimo saluto.   
Organizzarono una bella festa, inghirlandarono i binari, decorarono la locomotiva con bandierine colorate e brindarono tutti insieme alla salute del trenino.
Che  era  finalmente soddisfatto:  aveva  proprio ciò che desiderava!

A festa finita la stazioncina si svuotò ed il trenino potè dormire tranquillamente per un'intera notte, come mai aveva potuto fare  prima d'allora. 
Ormai aveva per sè tutto il tempo che voleva, non aveva bisogno d'altro.

L'indomani mattina, il primo treno che passò sul  binario  adiacente, salutò  allegramente  il trenino  allungato sul  binario  morto  e  la  vecchia locomotiva,  per non essergli da meno, di rimando gli rispose con un gioioso sbuffo di vapore..

 

******

 



DUE ZOCCOLETTI AVVENTUROSI

 

Due zoccoletti di legno vivevano una vita tranquilla in campagna, all'aria ed al sole, lavorando sodo, ma uno di essi sognava d'andarsene e di girare il mondo e poichè era anche un pò sciocchino ed impulsivo, il fratello più saggio decise d’accompagnarlo.

Una mattina partirono, camminarono a lungo ed arrivarono alfine in un’affollatissima città dove la gente che andava e veniva per le strade era come un fiume inarrestabile.


Gli zoccoli si chiesero dove andassero così in fretta tutte quelle persone, dove trovassero tanta energia e, già stanchi, si fermarono presso un lussuoso albergo davanti al quale faceva la guardia un portiere dagli imponenti, lucidi stivali di pelle morbida e scura.
Un  pò vergognosi, i due zoccoli si  avvicinarono ai  lustri stivali e chiesero:
"Scusate  Generali,  potreste dirci  come  mai  qui tutti corrono come fossero incalzati da qualche imminente minaccia? Dove vanno, cosa fanno, come mai...?"


Con sussiego gli stivali  risposero:
"Carini miei, si vede proprio che venite dalla campagna con quell’ aspetto polveroso e le  vostre ingenue domande. Qui si lavora, si gira, ci si diverte, non si ha un minuto da  perdere  nè per riposare nè per riflettere.
Sapeste quanta gente ho visto di ogni Paese che viene per affari o in vacanza; sta qui qualche giorno e poi via, parte per un'altra destinazione.
E quante vostre sorelle scarpe di fogge diverse ho visto: di pelle, di stoffa, persino di serpente, di coccodrillo, di seta o di velluto, con la  punta piatta, arrotondata, persino all'insù... 

Ricordo  una volta delle babucce di seta ricamate con filo d'oro e d'argento, indossate da  un principe della  Cina. Erano così graziose con quella  punta  rivolta  verso l'alto..."

Gli stivali si persero per qualche istante in pensieri romantici, poi continuarono:
"Questo non è posto per voi, qui alloggiano solo scarpe più fortunate, che non hanno il vostro aspetto impolverato.
Esse vengono indossate ogni tanto, solo per brevi periodi poichè i loro padroni usano comode macchine per spostarsi in città e quando rientrano in albergo, esse vengono deposte fuori della porta di ogni stanza. Prelevate da camerieri addetti a tal scopo, vengono ripulite a dovere, poi depositate in armadi enormi dove dormono tutte in fila.
E la mattina sono di nuovo belle e linde, pronte per essere indossate di nuovo".


"Oh…" fecero i due zoccoletti di legno – era un'esclamazione di ammirazione o di commiserazione nei confronti delle loro fortunate sorelle? -  poichè lo zoccolo che amava le avventure avrebbe voluto imitarle, mentre l'altro, più riflessivo e saggio, non voleva davvero finire dentro uno di quegli oscuri armadi.

"Noi abbiamo vissuto una vita dura - disse il primo - sempre a lavorare all'aperto, nei campi, nel fango, sotto il sole o sotto pioggia. Mai un momento di riposo. Oh, mi piacerebbe vivere qui, con tutte le comodità!".

L'altro, il saggio, invece disse: "Non dire così: pensa a ciò che abbiamo avuto, una vita all'aria aperta, sotto il sole caldo, godendo delle bellezze della natura, sguazzando nell'acqua fresca del ruscello. Non ricordi le meraviglie che potevamo vedere dal nostro povero ma accogliente stanzino?"

"Si' - fece il primo zoccolo - ma qui è un'altra vita!".

"Bella vita! - incalzarono gli alti stivali -  sempre sull'attenti, sempre "Sissignore, Nossignore", respirando lo sgradevole odore delle auto, vedendo solo  un cielo coperto di smog! Potessi anch'io andarmene da qui!".

Lo zoccolo saggio disse al fratello: "Vedi, anche i  generali qui, sono stanchi di questa vita e credo che anche le nostre sorelle fortunate non siano così felici come credi, sempre in giro o rinchiuse nelle macchine o negli armadi! Io ho nostalgia della vita semplice di tutti i giorni, qui c'è solo caos e ti saluto, me ne torno a casa senza rimpianto Ma tu se vuoi, puoi restare qui".

Lo zoccolo più intraprendente ci pensò un pò su e  riconobbe spontaneamente che il fratello aveva ragione: meglio una vita dura ma all'aria e al sole, circondati dalle bellezze della natura, che una vita forse più facile ma caotica...

"Avete proprio ragione - commentarono gli stivali - Avete convinto anche noi,  veniamo  via con  voi".  E, cantando  allegramente,  lasciarono insieme la città...

 

******

 

L'ORSETTO ROSA

 

 

L'orsetto rosa piangeva a dirotto, impacchettato in una scatola infiocchettata posata sotto un enorme Albero di Natale  splendente di luci.
Un nastro azzurro stringeva il pacchetto così strettamente che il povero  orsacchiotto non riusciva a respirare.  Eppoi, quanto  buio là dentro, quante  voci al di fuori, voci di quel mondo che lo attendeva.

Come rimpiangeva il bel negozio caldo ed illuminato che lo aveva accolto appena nato e gli altri orsetti di tutti i colori che lo avevano circondato con il loro affetto e con  cui  poteva parlare e ridere tutto il giorno!
Ogni mattina, una signorina allegra lo spolverava amorevolmente e gli carezzava  il pelo roseo finchè non ritornava lucente.
Quanti bambini lo avevano guardato in  quei  bei giorni e gli avevano sorriso. Come era infelice, ora, tutto solo in quel fagottino scuro e stretto!

D'un tratto, tra le esclamazioni di gioia e di allegria, sentì che qualcuno prendeva l'involto,lo scartava e finalmente poteva rivedere la luce, quanta luce nella stanza, tutt'intorno!

"Com'è bello quell'abete verde carico di lampioncini! - pensò l'orsetto - quanta  gente", poi si guardò attorno e vide molti  bambini che correvano  e gridavano e tutti lo ammiravano con occhi colmi di desiderio e dicevano:  
"Che bellino!", "Lo voglio!"...

In un angolo, poi, notò un  bimbo più piccolo degli altri che se ne stava fermo con un faccino triste, silenzioso ed avvertì che le braccia di una giovane donna lo avevano  afferrato e lo conducevano verso di lui.

Egli guardò l'orsetto rosa con il desiderio di correre incontro a sua madre e toglierglielo dalle mani; le sue labbra si schiusero leggermente come se  volesse parlare, ma non proferì  parola, non poteva;  sulla sua bocca si spense  anche l'ombra del sorriso che stava nascendogli dentro.

La mamma gli andò incontro, lo prese in braccio e gli porse l'orsacchiotto.
Il bimbo sembrava un pò restio, si ritraeva, poi il lieve contatto con quel pelo morbido, setoso e caldo sembrò rassicurarlo e piano piano se lo strinse al petto.

L'orsetto rosa aveva seguito la scena un  pò confuso ma i suoi occhi brillanti fissarono quelli del bambino e vi colsero una timida gioia che andava crescendo  nell'animo del piccolo  triste mutino.
Sentì che  gli sarebbe stato amico fedele ed inseparabile e che questa amicizia avrebbe aiutato il bimbo sempre chiuso nella sua silenziosa solitudine.

L'orsetto non provò più alcun sentimento di infelicità o di rimpianto per il bel negozio dove aveva  vissuto e  per  i giocattoli che aveva lasciato. 
Si sentì felice poichè era certo che quando il suo pelo non sarebbe stato più così lucente  e folto, il bimbo non lo avrebbe accantonato, come fanno tanti  con i giocattoli vecchi,  ma se lo sarebbe sempre tenuto stretto al cuore nei  lunghi sonni notturni...

 

******

 



LA RIVOLTA DEI GIOCATTOLI

 

 

C'era una volta un birillo di legno su cui era dipinto un soldatino  della  Guardia Reale Inglese. Gli avevano disegnato una  bella  divisa rossa e nera ed un alto copricapo di pelo scuro. Teneva  le braccia diritte lungo i fianchi  ed  in mano reggeva un fucile color argento.
Stava ritto e impettito nella stanza d'un bambino insieme a molti altri giocattoli, ultimo superstite d'una folta schiera di birilli identici a lui.

Ma il bambino cui apparteneva era davvero disordinato ; benchè nella stanza vi fossero  dei grossi  cesti  di  vimini  e  un  enorme   armadio a   scaffali, i giocattoli erano sparsi sul pavimento e negli angoli della stanza e a quasi nulla servivano le punizioni e i rimbrotti della madre, a cui toccava ogni sera rimettere in ordine, nonostante la stanchezza, dopo una giornata d'intenso lavoro.

Il  soldatino, dal canto suo, era stanco di essere buttato di qui e di là, senza un posto fisso, sempre mescolato insieme agli altri giochi. Lui, ligio al proprio dovere di montare la guardia, amava l'ordine, la pulizia, la gentilezza.
Anche gli altri giocattoli mormoravano il loro malcontento, ma non sapevano come uscir fuori  da questa situazione.

Finchè, una fatidica notte, il  soldatino che aveva già chiaro in mente un  piano d'azione, lo spiegò ai più importanti rappresentanti della categoria: l'orso di pelo, il trenino, il pallone e altri soldatini di dimensioni ridotte ma con il loro fucile pronto a sparare.
Confabularono fino a notte alta e decisero di agire non appena se ne presentasse l'occasione.

Qualche giorno più tardi, il bambino, dopo aver finito i compiti (perchè in   questo era giudizioso, prima studiava e poi giocava!), sparpagliò sul pavimento tutti i suoi  balocchi, toccando ora questo ora quello, buttandoli  poi in  un  cantuccio, prendendone di nuovi,  finchè tutti si ritrovarono fuori posto.
Giunse l'ora di cena, il bimbo abbandonò la sua stanza, lasciandola in un caotico disordine.

Il soldatino fece ai suoi compagni un cenno d'intesa e subito ognuno prese il suo posto di battaglia e quando il bimbo rientrò, la  rossa locomotiva fischiò a tutto vapore e gli andò contro, contemporaneamente al pallone che  partì sparato dal suo angolo.
Il colpo  lo fece cadere lungo disteso  sul pavimento.  Una miriade di indiani Sioux, che di solito prendevano d'assalto il fortino dei soldati, per  l'occasione si coalizzarono con quest'ultimi e con un gruppo di cow-boys.  Con delle funi immobilizzarono le gambe e le braccia del bimbo, punzecchiandolo con delle lance, frecce e coltelli aguzzi.

Il soldatino di legno da un angolo  della  stanza gridò:  "Carica!" e un folto drappello  composto dai più svariati giocattoli, capeggiato dall'orso bruno di pelouche, avanzò a passo di marcia verso il  bimbo  che  terrorizzato  guardava  con  occhi sgranati questa inspiegabile rivoluzione.
Avanzando verso di lui, i giocattoli emettevano gridolini d'incitamento e quelli più agguerriti gridavano:
"Combattiamo  il disordine", "Avanti contro l'oppressore", "Non vogliamo più  il caos","Non gettarci nel dimenticatoio".

Il bimbo, impaurito, chiamò disperatamente la madre che, intenta nel suoi lavori domestici in cucina non lo sentì.
Con voce flebile si rivolse quindi ai suoi giocattoli dicendo: "Fermatevi, non fatemi del male. Cosa volete  da me?" 

Il soldatino di legno avanzò speditamente verso di lui e a nome di tutti i giocattoli  prese  la parola: 
"Questa rivolta contro di te è stata causata dal tuo comportamento. Noi giocattoli ti vogliamo un gran bene, ti facciamo passare il tempo, ti facciamo divertire, ti stiamo accanto quando non riesci a dormire, ti consoliamo quando sei triste, ma  tu... ci prendi, ci butti di qua e di là, ci accatasti l'uno   sull'altro, ti  dimentichi, insomma, che anche noi giocattoli abbiamo un animo sensibile.

Il  bimbo,  commosso dal fiero atteggiamento del soldato e dei suoi compagni, vergognandosi del suo agire distratto e poco rispettoso disse: 
"Avete proprio ragione non sono stato un buon amico per voi, mi sono comportato da egoista sia nei vostri confronti che verso la  mamma che, poverina, ha sempre tanto da fare eppure vi ripone con cura e vi ripara se siete un  pò  sciupati.
Perdonatemi!. Prometto solennemente che da oggi in avanti non sarò cosi ingrato, dopo aver giocato con voi vi metterò in ordine, ognuno nel suo cantuccio a riposare finalmente dopo una  giornata faticosa".   

Il soldatino di legno diede un ordine ed i giocattoli ubbidirono, slegando il bambino che, alzatosi, cominciò a mettere a  posto i vari giochi  sugli scaffali, nei cesti e  nell'armadio, dando ad ognuno un posto definitivo.

Li guardò e carezzò lungamente e se ne andò a letto dopo aver salutato teneramente sua madre che, non vedendo il solito disordine,  rimase meravigliata.
Al  caldo tra le coperte, il bimbo alzò una  mano per salutare il soldatino di legno che sopra uno scaffale stava sull'attenti impettito, poi cadde in un sonno profondo e tranquillo.
Il soldatino strizzò l'occhio al grosso orso che sedeva in un cesto di vimini, il quale in risposta alzò la zampa pelosa.
Ambedue felici e soddisfatti del loro operato, vegliarono sul bimbo addormentato.

 

******

 

I VESTITI DELLA NONNA

 

 

Due sorelline, Miria e Minia, che vivevano in città,  andarono  un giorno  dalla  loro  vecchia nonna  che abitava in campagna, tra il  verde  dei prati,   alberi   carichi  di   frutta,   pulcini, uccellini ed altri animali domestici.
Le  due  bimbe si entusiasmarono subito  a  quella vita  ed aiutavano volentieri la nonna  nelle  sue faccende: raccoglievano le uova appena  scodellate dalle  tre gallinelle nel pollaio, davano loro  da mangiare  dorati chicchi di grano,  coglievano  la frutta  dagli alberi, mungevano la magra  capretta che pascolava nel prato.Lavoravano sì, ma si divertivano un mondo!

Un pomeriggio un pò nuvoloso - stava quasi per piovere - le due bimbe decisero di rimanere in casa a giocare e, mentre la nonna riposava accanto al  caminetto, salirono le scale che portavano in soffitta.
"Quassù  - disse Minia - troveremo certo qualche bel  gioco, qualche bambola della nonna di quand'era piccola". 

Miria annuì, anche se aveva un pò di paura di tutto  quel buio, ma si fece coraggio ed aprì la piccola  finestra sul tetto, rischiarando  l'ampia stanza.
Quanta   polvere   sui  vecchi   mobili!   Qualche ragnatela   argentea  negli  angoli  pendeva   dal soffitto  come una tenda preziosa, a  decorare  un vecchio specchio con la cornice dorata, un pesante comò intarsiato, dei libri polverosi ed un baule.

"Quanta  roba! - esclamò Minia - Forse nel  baule troveremo dei giocattoli!".
Si  rimboccarono le maniche, spolverarono la superficie  del baule e lo aprirono ma dentro non vi erano altro che vestiti.

Un pò deluse, le due bimbe li tirarono fuori e li appesero ad un'asse che correva lungo un muro della soffitta.
"Così prenderanno un pò d'aria - disse Miria, la più  giudiziosa  -.  Eppoi  potremmo  provarceli, sembrano  fatti  apposta per  la  nostra  statura.

Guarda che strano, non sono per niente impolverati, benchè siano  anni  ed  anni   che nessuno li indossi, sembrano proprio nuovi!".
E così dicendo, ne prese uno tutto  pizzi, farpalà, con grandi balze colorate ed una cintura ricoperta di piccoli fiori di pesco di stoffa.
"Io  lo  misuro"  disse Minia e si  tolse  il  suo abitino  di  cotone ed  indossando  il  frusciante vestito, si sistemò alla vita la bella cintura  e si pavoneggiò per la stanza.

"Aspetta...  - ribattè Miria - ne voglio provare uno anch'io" e di fretta prese  un  bell'abitino alla  marinara,  bianco con righine azzurre, un buffo  colletto  ed un gran fiocco sul  retro  che fecero ridere di cuore la sorellina.

Le bimbe avevano appena indossato i due  vestitini che  la  nonna, ormai sveglia, le  chiamò;   esse risposero che stavano per scendere ma, poco  dopo, eccola  lì  in  soffitta anche  lei,  gioiosa  ed affannata.

"Vi ho trovato, biricchine - esclamò la vecchina con un sorriso - lo sapete  che  anch'io adoro  venire  quassù  a  rivedere  le  mie  care vecchie cose.
Quanti  ricordi mi suscitano, quante persone care che non ci sono più!"

"Che  buffo cappellino, nonna - disse Miria, mettendoselo in testa - com'è grazioso!  Di  chi era? Era tuo? Quando lo portavi?...".
Una sequela di domande si affollava alla mente delle due bimbe che si strinsero  intorno  alla vecchia  signora che, felice di  poter  rispondere alle sue nipoti, s'immerse nell'atmosfera  radiosa della  sua infanzia, traendo dallo  scrigno  della memoria   i   preziosi  ricordi   che   conservava gelosamente.
E  raccontò loro dei bei momenti d'allegria,  dei momenti  tristi, dei giorni di vacanza, di  quelli di studio, degli amici, dei parenti...

Le  bimbe l'ascoltavano affascinate dalle  storie,  sedute accanto a lei su due vecchie seggioline.
Il volto pieno di rughe dell'anziana signora sembrava liscio e levigato come un tempo, il suo sorriso era dolce e i suoi occhi ridevano quasi fosse  una  bimba  anche lei; i bianchi capelli brillavano  quasi  fossero d'argento,  mentre  lei instancabile parlava del tempo passato.

Fuori della finestrella la pioggia, preannunciata da qualche tuono qua e là, si era allontanata in altre direzioni ed un timido sole quasi al tramonto era tornato.
Le  due  bimbe  si  affacciarono a guardare i meravigliosi colori del cielo.
La  nonna taceva, ora. La magia evocata  dai  suoi bei vestitini d'un tempo, era finita. Le sue care vecchie cose giacevano lì nel baule ormai inutilizzabili!

Miria e Minia si tolsero di dosso gli indumenti, i cappellini, le cinture e    li riposero accuratamente, chiudendo il pesante coperchio pieno di  borchie  di  ferro con un  pò  di tristezza.
Miria, con una vocetta acuta che cercava di scacciare la malinconia, disse alla nonna: 
"Sono  dei vestiti bellissimi, cara  nonna,  quasi magici!
Mentre  noi li indossavamo e tu ci  raccontavi  di quando li portavi, a me e a Minia sembrava proprio di  essere lì, in quei posti che  ci  descrivevi, con  quelle persone, amici e parenti che ti  erano intorno.
Ed il tuo viso, in quel momento, era così giovane e  bello che anche tu sembravi una  bambina,  come allora".

Miria e Minia si avvicinarono alla vecchia signora e l'abbracciarono forte, con affetto.

La nonna era commossa, ma cercava di non darlo a vedere alle sue nipoti,  le  abbracciò dicendo:
"È stato un pomeriggio molto bello, non è vero?Torneremo ancora insieme quassù, un altro giorno, guarderemo  tra  gli  altri  miei  ricordi  e   vi racconterò altre belle storie...".

 

******

 

UNA GITA IN CAMPAGNA

 

Jenny e Giacomo sono due  fratellini  che vivono  in  una  grande  città  soffocata dalle costruzioni, con pochi alberi e fiori. Vanno  a scuola  e  sono  molto diligenti; ogni giorno  studiano con piacere e  dopo aver fatto i  compiti
giocano con i loro balocchi preferiti.
Un giorno i loro genitori decidono di condurli in campagna  ed i due piccoli attendono con ansia  di arrivarci.
Eccola,  finalmente, la  campagna:  prati d'erba verde e  setosa, fiori a non  finire, alberi altissimi ed ombrosi ed un piccolo fiume  in  cui nuotano  anatre  e  cigni...

    
Jenny e Giacomo guardano tutto con occhi meravigliati ed assaporano l'aria   fresca  e fragrante,  ascoltando  gli uccellini che cinguettano allegri sui rami.
Si aggirano intorno correndo ed esclamando ad alta voce: "W la campagna! ".
Arrivata  l'ora del pranzo, la  mamma  stende sull'erba una tovaglia tutta fiori che si confonde col prato e  distribuisce arrosto e panini ed infine un dolce saporitissimo. La  mamma e il papà s'addormentarono poi sull'erba,  mentre i due bimbi decidono di esplorare i dintorni: improvvisamente un cagnolino appare  tra  gli alberi e si avvicina ai due fanciulli guaendo in cerca di carezze e seguendoli poi, passo passo, durante la loro escursione.

  
I due fratellini si dirigono verso il  fiume che  è  tutto un ondeggiar di papaveri lungo le rive; tra i sassi gracidano le rane, grossi  pesci escono  dall'acqua e vi si rituffano compiendo balzi nell'aria, dei funghi colorati   fanno capolino tra le radici degli alberi.
I bimbi e il cagnolino si stendono sull'erba con le mani immerse nell'acqua e parlottano tra di loro: "Non avrei mai immaginato che la campagna fosse così   bella  -  dice Giacomo entusiasta - Mi piacerebbe proprio vivere qui". E Jenny gli fa eco: "Anche a me!".      

    
Improvvisamente accanto a loro s'alzano delle vocine flebili che dicono: "Bravi, siete proprio due bravi bambini". Sono i fiori rosa e azzurri che   muovendo delicatamente le  corolle stanno  parlando  tutti insieme. 
Un rospo, che è il principe dello stagno, con voce roca li ammonisce: "Quando tornerete in città non dimenticate questo giorno. Ricordate di  parlare con  gli   altri ragazzi, raccontate loro quanto è  bella la campagna...".
E un altro, fermo su una splendente ninfea, continua: "Raccomandate loro, però, di aver rispetto della natura, di non inquinarla  con i  distruttivi prodotti che provengono dalle città e dalle fabbriche. Altrimenti, tra poco la  natura si ribellerà: i campi non daranno più  frutti, i prati non più fiori, i fiumi non più pesci! Ditelo a tutti i vostri compagni,  affinchè sappiano cosa  li attende se infrangeranno le regole della natura!".
E dopo questa lunga filippica, il rospo si tuffa nel fiume e ne raggiunge il fondo melmoso dove vive.

Jenny e Giacomo, seguono a bocca aperta per lo stupore tutto ciò che accade intorno a loro ed annuiscono, approvando le parole che hanno appena ascoltato.  Si alzano in fretta e, seguiti sempre dal cagnolino, tornano presso i genitori  che  li stanno cercando. È ora di far ritorno in città, purtroppo.
I due bimbi vorrebbero tanto che il loro piccolo amico li seguisse nel loro   appartamento in città, ma poi pensano che il cagnolino sarà molto più felice lì in campagna,all'aria aperta,tra i fiori e i colori della natura. Lo accarezzano con affetto e lui guaisce come  se avesse capito.

    
Poi prendono posto sull'auto e mentre stanno partendo si voltano indietro  a guardare quell'angolo di mondo così perfetto
E Giacomo, senza esitazioni, annuncia, con quella voce già da adulto: "Da grande studierò le piante e gli  animali e verrò a vivere in campagna per poterli curare  da vicino!".
Jenny  che è ancora piccola per  prendere  grandi decisioni,  dice solo:"Anch'io voglio  venire  con te!”.

 

******

 



LA FARFALLINA IMPAURITA

    

Una farfallina, dipinta di mille bellissimi colori su di una scatola di dolciumi, stanca di star sempre ferma sulla dura superficie di  latta, decise un giorno di andare in giro per il mondo. Mosse le piccole ali, spiccò il volo e si fermò sul davanzale della finestra aperta, tutta allegra per quella sua decisione. 

Il mondo se l'era immaginato tutto azzurro  e verde, come nel dipinto da cui era  fuggita: un cielo terso con tante nuvolette serene, la terra carica di frutti, con tanti alberi ricchi di fiori bianchi e rosa e intorno,  nell'aria  profumata, uccellini cinguettanti...
    
Che delusione! Dalla strada salivano i rumori del traffico cittadino,  esalazioni che la stordivano, una polvere scura che le impediva di respirare. 
Eppoi, un andirvieni frenetico di mostruosi veicoli a due, tre, quattro ruote e  di esseri umani che correvano più che camminare, scuri in volto, gli occhi chini a terra anzichè rivolti al cielo, protesi in una folle corsa senza meta. 

E i palazzi grigi, gli alberi grigi, il selciato grigio... 
Neanche le grida  gioiose dei pochi bambini che ancora giocavano per le vie, sembravano poter  spezzare quella  coltre di tetraggine e di apatia.

La piccola farfalla battè, sconvolta, le piccole ali e silenziosamente  tornò indietro, riprendendo il suo posto di prima, nel suo  mondo limitato  sì, ma accogliente. Immobile, sul ramo di pesco odoroso, attorniata da uccellini e  fiori multicolori, essa era immensamente felice...

 

******

 

 

IL PAVONE E LA CICOGNA

 

^

 

Nel parco d'un castello abitato da un re s'aggirava, solitario e maestoso, un pavone dalle magnifiche piume che sembravano tempestate di pietre  preziose.

Passava lì, tranquillamente, tutte le sue giornate  specchiandosi nelle acque  placide  d'un piccolo  lago, dicendo a voce alta:
"Sono davvero bello con questo piumaggio ricco di colori. Nessuno è bello come me!".
E tutto il giorno lo trascorreva così, senza far nulla dall'alba al tramonto, dimenando  nell'aria la sua coda multicolore.

Una cicogna che passava sopra il lago con un involto stretto nel becco, incuriosita da quello scintillio di colori, discese lentamente a  terra, per  vedere di cosa si trattasse. Si avvicinò al pavone e l'apostrofò con voce dolce: "Come sei bello, tu devi essere il principe degli uccelli, il pavone; ho sentito molto parlare di te!".

"Sì - annuì il pavone con sussiego - io sono il principe degli uccelli,  decantato per la mia bellezza, per il mio portamento, per i miei colori!".
"E cosa fai in questo bel parco? - aggiunse la cicogna, curiosa.
"Niente -  le rispose il pavone - giro per il giardino, mi specchio..." .
"Non ti annoi? - chiese la cicogna - non ti senti inutile, senza far nulla?".

"Inutile io, brutta screanzata?! Io sono l'immagine stessa della bellezza e quindi non sono inutile. Tu, piuttosto, con quelle tue gambette magre e quel collo e quel becco così sottili! Certo non sei affatto bella! Tu sì che sei inutile!".

"Sarò anche brutta - disse la cicogna per niente avvilita - ma io ho un'importantissima missione da compiere: volo tutto il giorno portando a destinazione i neonati che vengono al  mondo. Li consegno ai loro genitori che mi ringraziano affettuosamente e poi ritorno a prenderne degli altri... ho sempre un gran daffare, mai un attimo d'ozio. E sono contenta così! Anzi, ho già fatto tardi, debbo andar via...  mi aspettano... Addio!".

E s'innalzò, leggera e felice nonostante  il fardello che portava.
Il pavone l'osservò scuotendo la testa e rimase sulle  rive del lago a  specchiarsi, compiaciuto, nelle limpide acque...

 

******

 



IL PALLONCINO COLORATO

 

^

 

All'angolo d'una strada, un venditore di palloncini esortava i passanti ad acquistarne uno per i propri figli o nipoti.
Molti si fermavano a comprarne uno da portare a casa come un dono, alcuni tirati per la manica dai  loro bimbi appena usciti dalla scuola.

Uno zingarello che passava per caso lì davanti si fermò  a contemplare il grappolo dei palloncini colorati; ne avrebbe voluto tanto uno anche lui, per mostrarlo fiero ai suoi compagni. Ma non aveva neppure  un  soldino  e non  voleva chiederlo al venditore  che forse l'avrebbe scacciato  in  malo modo.

Decise, così, di  rubarlo approfittando d'un momento di distrazione  dell'uomo,  intento a contare il gruzzolo che aveva guadagnato nella mattinata.  Gliene  staccò abilmente uno rosso dalla cintura a cui erano assicurati uno ad uno e stava per scappar via  felice ed inosservato, quando il venditore, voltandosi di scatto per non so quale ragione, si trovò faccia a faccia col ladruncolo.

Tentò di afferrarlo ma l'uomo era goffo e pesante ed il fanciullo leggero ed esile, tanto leggero che la spinta verso l'alto del palloncino lo fece subito staccare da terra e salire in alto, sempre più  in alto, sotto gli occhi esterrefatti dell'ambulante che, cominciò a gridare affinchè qualcuno si ingegnasse a riportarlo a terra.

Il piccolo zingaro, invece, era contento come non mai: saliva sempre più in su, finchè non incontrò un gruppo di nuvole bianche che l'inghiottirono alla vista di grandi e bambini che osservavano  la  scena  col  viso  rivolto   verso l'alto.

Dopo il primo momento d'euforia, però, il  bimbo si sentì sgomento poichè le nubi lo avvolgevano  tutto, tanto che ormai non distingueva più  nulla; poi  all'improvviso, si diradarono facendogli scorgere un lembo di terra sollevato nel cielo pieno  di tutte le cose che piacciono ai bimbi: prati per correre, ruscelli per immergere  i piedini affaticati dalle lunghe corse e giochi a non finire sparsi sull'erba.
Più in là una giostra colorata ed invitante girava, girava e sopra vi erano tanti bambini che l'incitarono a salire in groppa ad un cavallino nero. 

Lo zingarello non se lo fece ripetere due volte e mentre girava scorse in lontananza un castello, proprio come l'aveva sempre immaginato e desiderò di  potervisi recare.
Neanche un attimo dopo, il cavallino su cui si dondolava con un balzo si staccò dalla giostra e si avviò in direzione del maniero.
Il bimbo salutò i ragazzi che continuavano a girare sui loro cavalli e senza  timore galoppò verso quella sua nuova avventura.

Il ponte levatoio era stato calato giù da invisibili guardiani ed il cavallino entrò al trotto  nel grande cortile dove il bimbo smontò, guardandosi  intorno e cominciando a provare un pò di timore; ma ecco, una voce dolcissima lo chiamò dalla finestra. 
Il bimbo senza porsi domande si avviò per una scalinata ed entrò in un vasto salone dove, su un trono d'oro, una signora dal viso delicato e dagli occhi  ridenti gli fece cenno di avvicinarsi :
"Vieni, - gli disse – ormai qui sei al sicuro. Avrai ciò che vorrai, non dovrai più mendicare e nessuno ti  chiamerà ladro.  Potrai mangiare e giocare a sazietà  ed io ti amerò come un vero figlio".
E si chinò su di lui maternamente.

Lo zingarello la guardò un pò intimorito ma poi si fece coraggio, le andò in   grembo e l'abbracciò; quella era davvero la sua mamma mai conosciuta  che lo cullava con amore!
Era proprio stanco, adesso, dopo quel lungo viaggio  ed  appoggò  sulla  spalla  della bella signora  la sua testolina scura.

Gli occhi gli si chiusero lentamente ma, fece ancora in tempo a guardare,  oltre  la finestra aperta, un vasto campo dove tanti altri bambini della sua età  giocavano  spensieratamente. 
Ed ognuno di essi stringeva tra le mani un bel palloncino colorato...!

 

******

 

 

LA GALLINA CHIACCHIERONA

 

 

 

Una grossa gallina padovana dalle belle piume multicolori  si pavoneggiava, fiera della  propria bellezza e passava la giornata a parlottare con le altre galline: "Cocò, cocò, cocò...". Era un continuo di  pettegolezzi, notizie, impertinenze.

Ed anche le galline più  chiacchierone, alla fine, quando la  vedevano  da lontano, cambiavano strada per non doversi fermare troppo a lungo.
Ognuna di esse aveva un gran daffare nel pollaio e non poteva perdere tempo.

Ma la gallina ciarliera riusciva sempre a trovare qualche giovane faraona ancora sprovveduta, che non riteneva gentile scappar via di corsa prima che essa avesse terminato  i suoi discorsi.
Così passava l'intera mattinata: ora fermandosi sul ciglio della strada, ora  in  qualche altro pollaio dove ferveva un alacre lavoro, ora accanto a qualche pozza d'acqua ove vedeva riflessa la sua immagine e, credendo di parlare con   qualche gallinella d'acqua, s'intratteneva a lungo.

Erano quelli monologhi in cui poteva esprimere il meglio di sè, poichè  l'interlocutrice pareva attenta ed interessata, annuiva di tanto in tanto  e la gallina padovana poteva toccare ogni argomento, esprimere le proprie idee senza  esser interrotta o contraddetta.

Le altre galline del pollaio che non erano così stupide come si dice e,   tanto più intelligenti della gallina chiacchierona, visto che  non riuscivano in alcun modo a toglierle il vizio di disturbarle durante il lavoro, decisero di risolvere la situazione.
Nella rimessa accanto al pollaio il padrone aveva molti vecchi oggetti ormai fuori uso e tra di essi un grande specchio senza cornice.

    

Una notte, mentre la gallina chiacchierona finalmente dormiva, le altre galline unendo i loro sforzi,  riuscirono a trasportare lo specchio nel pollaio,  proprio  dinanzi al pagliericcio della loquace pennuta.
La  mattina dopo, non appena essa si svegliò trovò dinanzi a sè una nuova  interlocutrice  e cominciò a parlare, a spettegolare ed informare la nuova venuta, sciorinandole addosso un fiume di  parole.
Non si mosse più di là e gli abitanti del pollaio, felici di quella trovata, riuscirono a compiere i loro lavori senza tema d'esser  più disturbati.

 

******

 

 

GLI UCCELLI CANTERINI

 

 

Alcuni uccelli appollaiati su un ramo stavano cantando in coro una bellissima canzone; la loro dolcissima voce si spandeva nell'aria con armonia e  tutti  gli animali del bosco  si  fermarono  ad ascoltare quell'improvvisata orchestrina.

Solo il serpente continuò a vagare nell'erba in  cerca di possibili prede e intanto  sibilando, diceva tra sè:
"Ma sì, cantate, incantate tutti gli animali  del bosco; così non mi sentiranno arrivare alle loro spalle e potrò facilmente afferrarli tra le mie spire e farne un solo boccone!".

Era gonfio di velenosa invidia verso i piccoli cantori a cui la natura  aveva dato un così bel dono, mentre a lui aveva regalato solo quell'insistente  sibilo che incuteva terrore in ogni essere umano.

Strisciò  furtivamente alle  spalle degli animali che si erano fermati in una radura ad ascoltare la voce degli uccellini e, nonostante le intenzioni, si fermò anch'esso, rapito dai modulati gorgheggi di quegli esseri piumati, così piccoli eppure così potenti.

Non si avvide, quindi, che dietro di lui, acquattata nell'erba, c'era una  mangusta  che, sorpresolo così immobile dinanzi a sè, gli si avventò contro e ne fece un sol boccone.

Gli altri animali della foresta non si erano accorti  di nulla e tantomeno se ne accorsero gli uccellini intenti ai loro vocalizzi che tranquillamente  continuarono a riempire l'aria circostante con il loro coro.

 

******

 

 

IL COLOMBO VIAGGIATORE

 



Un colombo viaggiatore che girava il mondo in lungo e  in  largo  portando  segreti e notizie importantissimi, un giorno tornando verso casa (una  colombaia modernissima dotata di tutti i comforts), stanco di volare, decise di fermarsi in una fattoria al centro di un  grande  campo  che vedeva sotto di sè.
Sull'aia davanti alla casa, un gruppo di colombi ben  nutriti si pavoneggiava al sole caldo del pomeriggio; ogni tanto qualcuno si allontanava per andare a beccare qualche chicco di grano  disperso sul terreno circostante e poi tornava accanto agli altri.

Il colombo viaggiatore planò vicino ad essi, apostrofandoli con un  gorgoglio: "Buongiorno  amici,  mi chiamo Pic, sono un viaggiatore che porta messaggi da  una parte all'altra del cielo,  ma  oggi ho deciso di riposarmi. Posso rimanere qui con voi?".
Un  colombo  più  pettoruto  ed  imponente  degli altri, che si chiamava Cosimo, si fece largo  tra la  folla e rivolgendogli un cenno  d'assenso  gli disse: 
"Senz'altro Pic, puoi fermarti da noi quanto vuoi. Ti stabilirai sull'ultima grondaia a  destra;  è rimasta libera da quanto nonno Beniamino è morto, qualche  mese fa, di vecchiaia. Accomodati, sarai stanco e la sera è ormai vicina.
Domani,  poi, ci racconterai le tue  avventure  di viaggio".
Pic, desideroso di riposo, non se lo fece ripetere due volte, volò nel suo nuovo appartamento che trovò confortevole, nascose il capo sotto le  ali e s'addormentò subito.

Al  mattino, un raggio di tiepido sole lo destò: intorno a lui la giornata di lavoro nella fattoria era già iniziata. Uomini e donne andavano e venivano trasportando grossi cesti  carichi di frutta  e verdura che caricavano poi su alcuni camions in partenza, pecore che  andavano  al  pascolo, bambini che giocavano allegramente... E i colombi e gli altri uccelli volavano nel cielo indisturbati, tubando con allegria.
Contagiato da tanta alacrità e rasserenato da quello spettacolo di vita agreste, si mise in volo anch'esso per esplorare i dintorni della fattoria. Vide  estesi campi di grano, filari di alberi di frutta saporita, un fiumicello che sfociava in un laghetto e, nell'erba folta,  animali d'ogni genere: conigli, cagnolini, gatti, tacchini, oche che convivevano tranquillamente.
Tutti sprizzavano contentezza e lo salutavano al suo passare nel cielo, come  fosse un vecchio amico.

Questo sì che era un paradiso!  Non c'era nell'aria tersa il frastuono  di  quegli aerei rumorosi che incontrava nei suoi lunghi viaggi, non c'erano  bufere di neve o di pioggia da cui ripararsi e, sopratutto, c'era quell'aria di felicità che riscaldava il cuore.
Altro che lo smog e la fitta nebbia grigia che lo intristivano e gli appesantivano le ali quando tornava  nella grande città in cui viveva.  E la scortesia e il nervosismo dei suoi abitanti, con le facce lunghe sempre rivolte a terra...
D'altra  parte, se avessero guardato in alto non avrebbero visto che ciminiere e grattacieli e un denso fumo attraverso cui il sole non riusciva più a penetrare!

"Eppoi  -  pensò Pic - non aver più l'onere di portare messaggi a destra e a sinistra, non  dover più rischiare di disperdersi nell'immensità  del cielo, non sentire più quegli odiosi tubicini di plastica, in cui vengono racchiusi i  messaggi, battermi  continuamente contro le ali e le  zampe.
Non avere fretta, lasciar passare una giornata dopo l'altra  in  tutta  calma... 
Sì, sì, ho deciso, non tornerò più in  città. Darò le dimissioni".

Presa tale risoluzione, Pic si recò da Cosimo per confidargli il suo proposito e per chiedergli  se  v'era qualche essere umano nella fattoria che conoscesse l linguaggio dei colombi, poichè, dovendo avvertire i suoi   superiori, sarebbe  stato necessario scrivere un biglietto  e affidarlo,  in uno dei famosi tubicini,  al  primo colombo viaggiatore di passaggio.

Nella fattoria, fortunatamente, viveva un uomo molto sapiente che tutti chiamavano il "Ventriloquo", il quale amava moltissimo gli animali e conosceva molti dei loro linguaggi. Cosimo si offrì di accompagnarvelo.

Il Ventriloquo, un ometto rubicondo e calvo dagli occhi curiosi e ridenti, accolse i due colombi con un gorgoglio di saluto e, appena apprese le ragioni che  spingevano  Pic a  lasciare il  suo lavoro, si complimentò con lui per la  saggia decisione presa. Subito si mise all'opera, scrivendo la lettera di dimissioni più breve della sua vita, in  maniera da poterla introdurre nel tubicino di plastica. Preso poi un pezzetto di spago, lo legò alla collottola del colombo, in modo che Pic potesse facilmente sfilarselo di dosso ed affidarlo a qualche compagno ancora in servizio.
Pic lo ringraziò tubando rumorosamente, fece un piccolo inchino per salutarlo e  s'avviò verso l'alto, lungo le vie del cielo più battute dai viaggiatori piumati  ed  attese, battendo senza sosta le ali.

Di lì a poco, passò una graziosa colombella e Pic, volandole accanto, le chiese se poteva portare il suo messaggio.
"Non posso proprio, mi dispiace - rispose la piccola viaggiatrice che si chiamava Bea - ho  una lettera davvero urgente da consegnare. È  l'ultima di tante che il signore della  Guerra mi  ha  ordinato di portare ad ogni generale sui campi  di battaglia. Da quello che vi è scritto dipendono le sorti del mondo, ovunque vi sia  una guerra in atto. Debbo proprio consegnarla al più presto, ma  sono solo a metà strada e mi sento già molto  stanca. Se tu mi accompagnassi, potrei appoggiarmi a te e giungere fino a destinazione in minor tempo".

Pic ci pensò su solo un momento e decise che avrebbe accompagnato Bea fino in capo al mondo se avesse  voluto; così si misero in viaggio e la colombella si poggiava ogni tanto sulle forti  ali del maschio.
Dopo molto giunsero al di sopra di un campo dove si combatteva un'aspra battaglia. Il rumore delle armi era assordante ma i due colombi, benchè  spaventati, girarono a lungo  finchè  non trovarono il Generale Tiranno che impartiva ordini ai suoi subordinati.
Bea si posò sulla sua spalla e gli consegnò il messaggio che il generale lesse con la massima attenzione. Subito sul suo viso apparve un sorriso di contentezza e con quanta voce aveva cominciò a gridare: 

"Attenzione, attenzione; la guerra è  finita! Mettete  via le armi. Questi sono gli ordini  del nostro  signore;  da oggi in poi, sulla terra regnerà  la Pace.
Gettate le armi, sotterratele, bruciatele,  fatele sparire!".
A queste parole tutti i guerrieri si fermarono poi,  con  alte urla di gioia si  disfecero delle armi e si divisero andando ognuno  per la sua strada: chi tornava a casa, chi partiva per  terre lontane, chi tornava a coltivare la terra.

I due colombi, soddisfatti d'aver portato a termine quella delicatissima   missione, si fermarono a bere ad una pozza d'acqua fresca; si rifocillarono  beccando un frutto maturo e sugoso e, poichè ormai si faceva  notte,  decisero  di riposarsi sul ramo di un albero. S'appollaiarono l'uno accanto all'altra e Pic le cinse il collo delicato con la  sua forte ala protettrice, lei gli si strinse contro e così si dichiararono il loro amore.
Il mattino dopo si misero in volo di buonora, diretti verso la fattoria:  dovunque,

sotto  di essi,  vedevano  lunghe  file  di  guerrieri  che, posate le armi, tornavano a casa, interi paesi in festa per la grande notizia, suoni, luci,  rumori, bambini allegri, donne ed uomini dai volti sorridenti che  attaccavano ai muri dei grandi cartelli con enormi scritte: "W LA PACE - PACE PER SEMPRE - NON PIÙ GUERRE...".

I  due  colombi si guardarono soddisfatti e tenendosi teneramente per le ali ripresero la  via del cielo che li condusse sino alla fattoria.
Là, intanto, si era sparsa la notizia dell'impresa compiuta da Pic e dalla sua  compagna e i due vennero accolti da tutti gli abitanti - uomini ed animali - con un "Hurrà" di gioia.

    
Pic e Bea vissero lunghi anni alla  fattoria, mettendo  su  una  numerosa  famiglia  e  finchè vissero, nel mondo intero regnò la Pace!.

 

******

 

 

 

LA TARTARUGA TIMIDA

 

Una giovane tartaruga soffriva di timidezza e per questo viveva da sola  nel fosso, in un angolino tranquillo dove nessuno poteva  vederla; solo  le  rane  di  tanto  in  tanto  le  facevano terribili scherzi.
Un giorno, però, stanca di questa vita solitaria e noiosa, decise di andarsene  per il mondo, perciò s'incamminò lentamente; di tanto in tanto tirava  fuori la testa per guardare la strada che stava percorrendo e poi di fretta la  rimetteva
dentro affinchè nessuno si accorgesse di lei.
Difatti, là in mezzo alla strada sembrava solo un sasso  scuro  e  tutti passavano  diritto senza curarsi di lei.

Ma  una  lucciola  che  volava  lì   attorno s'incuriosì e le si avvicinò cacciandosi  dentro la  piccola apertura buia; accese la  sua  piccola lampada e si trovò faccia a faccia con due  occhi grigi ed impassibili che la spaventarono.
Non  fece in tempo a fuggire poichè la  tartaruga la interpellò e le disse:
"Non  aver paura di me, non faccio mai del male a nessuno, io. Resta un pò qui con me e fammi luce. Nessuno ci disturberà".
La lucciola acconsentì e per quella notte rimase a farle lume.
All'alba, la  tartaruga tirò fuori la testa e disse:
"Il  sole  è  già  alto,  posso  riprendere  il cammino!".
"Dove  vai  ?" le chiese la  lucciola  che  invece sbadigliava dal sonno.
"Vado in giro per il mondo - rispose la tartaruga -  vuoi venire  anche tu ?. Di  notte mi terrai sveglia e allegra finchè non mi addormenterò e di giorno potrai riposarti sulla mia groppa mentre io camminerò".
"Sì-  disse  la lucciola dopo un  attimo  -  è proprio  una bella avventura quella che mi  manca. Andiamo  in  giro per il mondo !". 
Si stese sul dorso della tartaruga e si addormentò  mentre essa lentamente si metteva  in moto.

Fatti quelli che a lei sembravano  chilometri e che invece non erano che pochi passi umani, la tartaruga  stanca, si  addormentò  anch'essa.
Accanto alle due dormienti si fermò un millepiedi affaticato da una lunga  corsa  a  cui  l'aveva costretto uno scarabeo un pò vorace.
Il  suo respiro affannoso destò la tartaruga che tirò fuori la testa dal  guscio  e, visto il millepiedi appena arrivato, l'invitò ad  entrare per porsi al riparo.
In quel nuovo mondo che le si apriva dinanzi stava perdendo persino la sua innata timidezza,  tanto che  con voce altera  rimproverò aspramente lo scarabeo   verde  che continuava a ronzarle attorno:
"Smettila - disse - d'inseguire il povero millepiedi! Non vedi che è ormai  vecchio e sciancato?".
La lucciola si destò proprio allora di soprassalto e confusa mormorò:
"Che succede ?".
La  tartaruga la mise al corrente di ciò che era avvenuto, omunicandole  che  un  altro compagno s'era aggiunto a loro nel viaggio.

Visto che ormai era sveglia, la tartaruga  si mise  a  camminare  di  nuovo;  lentamente giunse sull'altro  ciglio  della strada: a lei sembrava d'aver già fatto il giro del mondo !
Di là dalla strada scorreva un piccolo rigagnolo che alla tartaruga parve immenso come il mare, di cui aveva sentito parlare quand'era piccola.
Svegliò i suoi due compagni che ancora dormivano: "Dobbiamo scegliere - disse - se andare per mare o se rimanere sulla terra ferma."
Il  millepiedi e la lucciola si consultarono e decisero per il viaggio in mare.
I  tre si posero il problema di  come  affrontare quel  viaggio:  la  tartaruga entrò in acqua e nuotò capovolta dato che il suo guscio era forte ma  leggero e galleggiava come una piccola  barca, il millepiedi agitava nell'acqua le  zampette come tanti  remi e la lucciola faceva  luce durante  la notte.  
Di  giorno, invece la lucciola e il millepiedi riposavano tranquilli nel carapace.

    
Il rigagnolo traversava prati fioriti, lambiva  sassi  bianchi grossi come  scogliere ed alla fine si restringeva, per poi riallargarsi in un'ampia rada ombrosa e verdeggiante.
Ad  un certo punto, non essendoci più  la  spinta della corrente nè un filo di vento, la  tartaruga andò  alla  deriva e si arenò su  una zolla di terra che emergeva dalle acque come un'isoletta.
Il  sole  appariva e spariva  tra  la  vegetazione dipingendo l'erba d'un colore  dorato,  mentre nell'aria  s'innalzava un concerto di grilli e di cicale e poco lontano un'orchestrina di rane.

"È un bellissimo posto " pensò la  tartaruga  e svegliò i suoi due compagni che furono entusiasti di quel nuovo mondo.
Tutti d'accordo, decisero di restare in quel luogo e fecero amicizia coi piccoli animali che già  vi vivevano,  mangiando  le  tenere  erbe  intorno  e guardando il panorama.
Più  di tutti era contenta la  piccola  tartaruga che aveva capeggiato l'impresa e che ora non soffriva più di timidezza.

Ma chissà come sarebbe delusa, se le dicessi che  il  luogo  dove ora lei, la  lucciola  ed  il millepiedi  vivono così felicemente, è lo stesso fosso  da cui un giorno, tanto tempo fa,  preferì allontanarsi per andare in giro per il mondo!

 

******

 

 

IL PESCIOLINO ROSSO

 

*

 

     Una pesciolina rossa che viveva nella grande vasca d'un bel giardino tutto verde ed allegro, nuotava  serenamente  nascondendosi di tanto in tanto  negli  anfratti del fondo o salendo alla superficie  per  sentire i caldi  raggi  del  sole accarezzarle il dorso.
Era molto felice e lo fu ancora di più quando un giorno nella vasca arrivò all'improvviso un  bel pesce di cui s'innamorò; misero su casa insieme e dopo poco nacque una bella nidiata di pesciolini.
     Un giorno però la loro tranquilla esistenza venne stravolta: arrivò un uomo con una rete  e catturò tutti i piccoli che erano  saliti alla  superficie  per  giocare e li rituffò nell'acqua  d'un  catino, grande sì  ma non abbastanza  per quei giovani pesci desiderosi di correre in lungo e in largo.
I  fratellini vennero presto separati poichè  il catino  venne trasportato in un luogo che a prima vista appariva bello e gaio, ma era così rumoroso ed  affollato! 
Era un grande Luna Park dove i pesciolini vennero separati gli uni dagli altri: ognuno di essi venne preso e tuffato in un barattolo di vetro piuttosto piccolo,  dove a malapena riuscivano a  batter la coda e le pinne.
I  barattoli  vennero sistemati sopra  un  ripiano insieme  ad altri contenitori vuoti, attraverso i quali i pesciolini potevano guardarsi e salutarsi agitando  appena la coda, ma non riuscirono mai a scambiarsi neanche una parola.

     Cosa facevano lì quei barattoli?
Facevano   parte  di  un  gioco: i bambini che arrivavano a frotte nel Luna Park compravano delle palline  bianche e leggere e le tiravano cercando di farle  cadere proprio nei barattoli.  Ed  ogni volta  che ci riuscivano, il piccolo  pesce rosso che vi nuotava dentro diventava  di loro proprietà.
Il  pesciolino  guardava spaventato  tutta  quella confusione, l'andirvieni dei bambini ed il chiasso del Luna Park lo rendeva nervoso. Desiderava un posticino silenzioso in cui vivere tranquillo.

     Così accadde che un pomeriggio d'estate uno dei nostri pesciolini che si chiamava Gluck, venne vinto da una bambina bruna; il padrone del Luna Park  lo  trasferì dal suo barattolo in un sacchetto di plastica dove il malcapitato riusciva a fatica a respirare.
La bambina, tutta allegra e trionfante, lo portò a casa, lo mise in una boccia di vetro e gli diede da  mangiare. 
Travolto  dalla  novità di quel cambiamento, il piccolo pesce non aveva avuto il tempo di porsi alcuna  domanda, ma galleggiava contento di stare finalmente  in  un posticino  tranquillo. 
La sua padroncina non gli dava mai fastidio, gli portava  dei  buoni bocconcini ed ogni tanto si fermava ad osservarlo attentamente mentre lui nuotava in lungo ed in largo.

     Il pesciolino crebbe e si allungò tanto che la boccia cominciò a sembrargli  troppo  stretta eppoi...  che noia stare sempre solo e non poter scambiare una parola con qualcuno dei suoi simili! Che nostalgia aveva dei suoi fratelli, dei suoi genitori! Come rimpiangeva quella grande vasca accogliente nel giardino  della sua  infanzia! Chissà dov'erano finiti i suoi fratellini. Erano stati vinti anche loro da qualche bambino?
Con tutte quelle domande per la testa cominciò a deperire; mentre in un primo momento era diventato bello grasso e  lucente, ora aveva perso  gli splendidi colori rosso dorati sul dorso.
Stava  ore  ed ore a girare  freneticamente  nella boccia; quando la sua piccola padrona si fermava a guardarlo o gli portava da mangiare, lui apriva disperatamente la bocca, tentando di farle  capire quello che lo angustiava.

     La piccola parve alfine comprendere la disperazione del suo piccolo amico e,  presa la boccia, si avviò verso il vicino giardino, dove spesso si recava a giocare e dove c'era una grande vasca  piena  di  pesci. Qui  giunta, salutò il pesciolino rosso e, augurandogli una vita lunga e felice, lo fece scivolare nell'acqua fresca  della vasca.
 ...Che felicità provò il pesciolino cominciando a  nuotare  in quell'ambiente  così  vasto:  fece tutto  il  giro mentre una folla di pesci gli si fece  attorno e gli chiese di dove venisse. 
Esso  raccontò la sua storia di trasferimenti da una boccia all'altra, della sua solitudine,  delle facce dei bimbi...
I giovani pesci amanti delle avventure, lo stavano a  sentire  a bocca aperta. Quanto  aveva  girato! Com'era  stato  fortunato!  Loro  avevano  vissuto sempre  in  quello stesso posto e  ne  erano  già stufi. Insomma, nessuno è mai contento del suo stato!
 -  Devi  venire a raccontare la tua storia alla nonna - disse un pesciolino dal simpatico  musetto - Ormai è anziana e vive sempre nella sua tana in fondo alla vasca. Scendi giù con me!"

     Il  nostro pesciolino lo seguì e quando arrivò dinanzi  alla vecchia sentì che  le  sue branchie  tremavano: quella era  la  sua mamma! Nonostante avesse vissuto con lei solo poche ore, nonostante fosse passato tanto tempo, poteva ancora riconoscerla.
Essa,  appena vide Gluck gli corse incontro dicendo: 
"Figlio mio, quanto ho atteso questo momento, il momento di riabbracciare te  o  uno dei tuoi fratelli! Sapevo e speravo che almeno uno dei miei figlioli sarebbe ritornato."
Si fecero molte feste e si scambiarono colpi di coda, madre  e figlio, felici di poter  di  nuovo stare insieme.
Nella grande vasca del giardino si rallegrarono tutti gli abitanti che,  venuti a galla, parlottavano tra loro raccontandosi l'un l'altro le avventure  di Gluck.
L'ultimo arrivato venne festeggiato a lungo e visse finalmente  tranquillo nella  grande  vasca fino alla fine dei suoi giorni.

 

******

 

 

I CAGNOLINI ABBANDONATI

 

 

 

 

Orazio è un cagnolino bianco a macchie scure dal carattere vivace ed allegro che gioca  spesso con  i suoi padroncini, Fulvia e Fausto.
Ma oggi, nonostante sia padrone d'un osso enorme e pieno  di  carne, che tiene  strettamente tra i denti, ha un'aria triste e le sue orecchie che di solito sferzano lietamente l'aria, ricadono inerti lungo il collo.

"Cosa ti è successo?" s'informano preoccupati  i  due bambini.
"Penso a tutti quei poveri cagnolini abbandonati dai padroni che stanno fuori al freddo dell'inverno e che non hanno da  mangiare. Non possono  neanche cercare gli ossi sotterrati perchè  la  terra è tutta coperta d'una coltre gelata. E non so cosa fare per loro", rispose lui.

I  due bimbi sono ora  pensierosi, anch'essi non sanno cosa fare, ma  pregano il buon Dio affinchè agisca a favore dei  cagnolini abbandonati.
Il buon Dio al momento è molto occupato e non può dar loro retta, ma affida al sole  l'incarico di aiutare tutti i piccoli amici di Orazio.
Il sole, che durante l'inverno è spesso nascosto dietro nuvoloni grigi, squarcia adesso le nubi e manda sulla terra i suoi benefici raggi che sciolgono la dura crosta di ghiaccio e rendono il terreno molle e facile da scalzare.
I cagnolini affamati che gironzolano in cerca di cibo  rincorrono  gioiosamente i raggi caldi, si fermano sulle zolle morbide e scavano nella terra con facilità, ritrovando così succosi bocconcini da spolpare.

Orazio è contento, il buon Dio ha  ascoltato il desiderio del suo cuore e dei suoi padroncini.
Fulvia e Fausto, che vivono in un'ampia villa  con un  grande  giardino, pensano  che sarebbe molto bello poter tenere presso di loro quei piccoli trovatelli.
Essi decidono di chiederne il permesso  ai  loro genitori, raccontano quanto era infelice Orazio e quant'è contento ora che i suoi piccoli amici hanno trovato di che sfamarsi.

I genitori dei due piccoli anfitrioni, dopo aver confabulato un pò  acconsentono,  così  Orazio avrà compagnia e i cagnolini sperduti avranno una casa e molti ossi da spolpare!

 

******

 

 

 

IL MAGO WALT

 

^

 

C'era una volta un mago che si chiamava Walt.
Non era il solito mago cattivo delle novelle, anzi aveva un cuore generoso ed un viso simpatico con due occhi vispi e profondi ed un paio di  baffetti allegri. Il suo cuore palpitava per  ogni essere umano, in specie per i bambini di tutto il mondo e più  di  tutto, forse, amava gli animali di cui comprendeva ogni linguaggio, ogni desiderio.
L'aspirazione massima di ogni specie animale era, infine, proprio questa:  essere compresi e rispettati dagli uomini che spesso non tenevano in gran conto le loro esigenze, poter comunicare  con gli  umani e far capire che anche nelle loro anime albergavano sentimenti e pensieri.
Così, il mago Walt decise di aiutarli a  mettersi in sintonia con il mondo degli uomini.

Gli piaceva molto disegnare e spesso andava in campagna, in qualche spiazzo erboso ai  limiti dei boschi dove a suo piacimento poteva dipingere, con quello sfondo di panorami bellissimi, all'aria aperta  e attorniato da scoiattolini, da  cervi e daini, da mille piccole creature che subito si radunavano vicino al piccolo sgabello portatile  e al  suo  cavalletto e che con i  loro  squittii  e mugolii, sembravano esortarlo al lavoro.

Egli non ritraeva altro che quei piccoli amici che, come li disegnava lui, sembravano avere tutte le caratteristiche degli esseri umani e provare tutti i loro sentimenti... insomma, parevano vivi!
Durante queste sue scorribande tra boschi e parchi naturali,  riempì centinaia e centinaia di  fogli che  poi  portava  a  casa. 
Ma, una volta là, racchiusi in grandi cartelle, i suoi amichetti dipinti perdevano quell'aria di felicità,  quei loro atteggiamenti vivaci e ritornavano ad essere semplici, immobili figure.

Un  giorno, proprio accanto al luogo  in  cui viveva il mago, scoppiò un'importante fabbrica di colori: il cielo e la terra divennero d'improvviso un arcobaleno ricco di mille sfumature.
Il giovane mago ebbe un'idea fantastica: con le sue arti magiche riuscì a inscatolare tutti quei colori dispersi nell'etere, ne riempì bottiglie e vasetti   di tutte le fogge, li sistemò su lunghissimi  scaffali e si propose di  utilizzarli per un'ideuzza che da un pò di tempo gli  ronzava in testa...
Infatti,  gli era venuto in mente che quell'amalgama di colori poteva essere  utilizzato per dipingere tutti i suoi disegni.

Piano piano si mise all'opera e, con l'aiuto della sua  magia,  quei personaggi a lui tanto cari si animarono:  i suoi piccoli cerbiatti, i topolini, gli uccellini, ognuno di essi, non appena  toccato dalla punta del pennello, saltava fuori dal foglio bianco o dalla  pagina del blocco su cui Walt tracciava i  suoi  schizzi, diventando reale, esprimendo con voce propria le sue idee, i suoi desideri, proprio come gli uomini.

Il giovane  non stava più in sè  dalla  gioia, rideva, piangeva fragorosamente e prendendo i suoi amici per la mano - pardon, per la zampa - si buttò in un allegro girotondo.
Però,  dopo poco, scoprì anche che non appena i magici  colori  si  asciugavano,  gli animaletti rientravano d'un balzo  nelle  pagine e lì restavano,  inerti  e scoloriti,  inchè non  li riempiva di nuovo della magica vernice.

Ma neanche questo  "difetto di fabbrica" fece desistere Walt dal suo intento... ma sì, aveva in serbo un numero infinito di barattoli colmi di colori magici e avrebbe potuto animare migliaia e migliaia di volte i suoi piccoli amici e  rendere partecipi di  quella bellissima magia anche i bambini  di tutto il mondo che avrebbero imparato ad amare e rispettare gli animali di ogni  specie, il  loro diritto alla vita nel  proprio ambiente naturale.

Per tale grande progetto si servì dell'aiuto di molti  collaboratori - altri sognatori come lui - che, chini sui tavoli da lavoro, con un tocco di pennello  e  di colori magici,  davano  vita  alle creature  dei boschi, dell'aria, della terra,  del mare, della prateria, dei ghiacciai...

Così fu e, magia ancor più fantastica, anche quando il giovane Walt divenne adulto e poi un distinto, sereno signore dai baffi bianchi (ma nei  suoi  occhi  c'era  empre quella scintilla d'ironia!), anche quando lui morì, rimpianto da
tutti, la sua magia rimase intatta...

Per  altre decine e decine di anni c'erano ancora in serbo centinaia di migliaia di vasi e  vasetti ricolmi di quei meravigliosi colori.

E  bastava un  tocco di pennello su quei suoi fantastici   disegni  per  far  sì  che le sue simpatiche, straordinarie  creature -  rimaste sempre giovani -  riprendessero vita e rallegrassero l'infanzia di milioni di fanciulli e di adulti dal cuore di fanciullo...

 

******

 

LA STORIA DI SEBASTIAN

 

^

 

    
C'era una volta un omone molto brutto e grasso, che si chiamava Sebastian,  dotato  però d'una bellissima voce.
Quando cantava, la sua voce dolcissima e piena percorreva le  strade dell'aria e  giungeva  gli orecchi dei paesani che rifuggivano spaventati dalla  sua presenza, ma ascoltavano rapiti le sue melodiose canzoni. 

Viveva lontano dal paese perchè sin da piccolo tutti lo avevano scansato a  causa della sua bruttezza.
Solo gli uccelli e gli animali che vivevano nel bosco, ai  margini del quale si  trovava la sua casa, gli si avvicinavano richiamati da quei suoni musicali,  contenti perchè l'uomo elargiva loro briciole e carezze in abbondanza...
Però, nonostante la simpatia che le bestiole gli dimostravano, l'uomo era  molto  infelice: non riusciva a suscitare simpatia nei suoi simili e un giorno, in cui si sentiva più solo che mai, disse ad  alta voce: "Oh, come vorrei non essere così brutto!"

Mentre se ne stava là pensieroso, udì un fruscio di foglie; si riscosse   sorpreso ed incuriosito e si mise in  ascolto...  dei passi leggeri  ma disorientati e d'un tratto un rumore più forte come d'una caduta e un  pianto...  una vocina  esile  che gridava: "Aiuto, aiutatemi... c'è qualcuno qui?"

L'uomo con due grossi balzi arrivò nella radura da cui  proveniva  il lamento e, in mezzo a un intrico di rami, trovò una fanciulla molto bella e delicata, trattenuta da una siepe di rovi da cui tentava disperatamente di divincolarsi.
L'uomo si avvicinò e con voce serena cercò di calmare  la  giovane che aveva gli  occhi chiusi: "Non  innervosirti, stai calma, ti libero  io!" e difatti in un attimo riuscì a districare la lunga veste della ragazza dalle spine.

Essa, intanto, tentava di rialzarsi senza riuscirvi, con movenze che a tutta   prima sembrarono strane  all'uomo,  finchè  egli non capì: la giovane era cieca e ne fu sicuro quando, presala  per  mano, la sostenne dandole così un appoggio  solido. 
Lei si tirò su con grazia rialzando il bel viso verso  di lui, o meglio verso la sua voce che la guidava ed aprì gli occhi d'un bellissimo verde ramato che però erano completamente vacui e persi in una dimensione senza colori.

Si riprese subito, aveva sfoderato un bel sorriso diretto all'omone che la sovrastava per la sua grossezza di tutta la testa.
Egli  non potè fare a meno di chiederle:"Ma  come  mai sei arrivata fin qui?"  e  intanto stava attento a che lei non inciampasse di nuovo nelle radici che s'intrecciavano sul terreno.

Lei si  schernì un pò, poi si fece forza tirando un grosso sospiro: "Mi   chiamo Armonica, in casa mia ero mal sopportata e non avevo più desiderio di restarvi.
I miei genitori sono morti da tanti anni ed io ero rimasta  a  vivere  con  una  zia che era stata nominata  mia tutrice e che spendeva i miei soldi senza ritegno, viaggiando in lungo e in largo per il mondo e trascinandomi con sè ovunque andasse.

Un giorno, per un'escursione montana, mi portò su per una impervia salita dove caddi  malamente, battendo la testa.
Lì per lì mi ripresi come se  nulla fosse accaduto,  poi nei giorni successivi  mi lamentai per  il mal di testa e per un abbassamento della vista...  a poco a poco divenni cieca del tutto e la mia vita divenne un inferno.
Venni messa in un istituto fino alla maggiore età, poi tornai nella mia casa natale a convivere con la zia, ormai vecchia e più bisbetica che mai la quale, però, non aveva perduto l'abitudine di girare per il mondo e di maltrattarmi se  talvolta perdevo l'orientamento o combinavo qualche piccolo danno.

Proprio ieri ebbe a rimproverarmi ancora ed io non mi sentii più la forza per sopportarla... eravamo di nuovo in viaggio e, approfittando di una sosta nel  paese poco distante, decisi di andarmene lontano  il  più possibile  da  lei,  lasciandole tutti i miei averi... e di me accadesse quello che doveva    accadere...  non pensavo che ad allontanarmi... ma poi capitai in questo  bosco... improvvisamente ritornai alla realtà e capii che non avrei mai potuto cavarmela..."

E  qui la ragazza cominciò a piangere a dirotto, stremata dalla fatica, dalla paura, dall'ansia che aveva provato, chiusa in  quella sua buia disperazione.
Il cuore altruista dell'omone si strinse di compassione e per sollevarle il morale cominciò a cantare, a voce piena, una bella romanza.

Il canto sortì il suo effetto, piano piano Armonica  smise  di  piangere  e  si   rasserenò; Sebastian,  allora, decise di portarla nella sua piccola  casa  per farla  riposare...  più  tardi avrebbe pensato al da farsi per il futuro.

Armonica si trovò subito a suo agio e cominciò presto a prendere confidenza con le cose e  gli ambienti  che la  circondavano, dopo un pò di tempo riusciva persino a  preparare  i pasti, a rigovernare e riassettare la piccola abitazione.
Poi quando aveva terminato, si sedeva sulla piccola veranda per un pò di riposo e chiedeva a Sebastian di cantare per lei.

A lui non pareva vero di avere un così attento ed appassionato uditorio e metteva tutto se stesso nell'interpretare  opere e romanze con quella sua bella voce che migliorava e s'affinava col passar del tempo. Quando Sebastian  smetteva, Armonica batteva entusiasticamente le mani e lui si sentiva felice come non era mai stato.
Col passare del  tempo, tra i due nacque un profondo sentimento d'amore che faceva dimenticare a lei i suoi limiti e il buio che la circondava, a lui faceva scordare che un tempo si sentiva brutto ed  infelice. 
Tanto che ormai aveva preso a scendere in paese almeno  una volta alla settimana per sopperire ai loro bisogni, vendendo in cambio cestini di giunco e  formaggelle (erano quelle le uniche cose che sapeva fare, oltre che cantare!) e la gente  s'era abituata a vederlo, lo trovava persino simpatico e non notava quasi più la sua sgradevolezza.

Sebastian era un uomo felice, l'unico suo cruccio era la cecità della ragazza ma un giorno, parlando col medico del paese, venne a sapere che un grande professore che viveva in una lontana città aveva già effettuato delle operazioni che avevano dato risultati positivi.
Si mise quindi in mente di portare  Armonica da quel chirurgo ma, il problema  più grosso da risolvere, oltrechè convincere la ragazza che forse  avrebbe rifiutato, erano i soldi; difatti  Sebastian non aveva mai pensato a lavorare  per guadagnare, tanto non sapeva che farsene, lui, del denaro.
Cominciò dunque a pensare a quale lavoro  avrebbe potuto  svolgere, ma non ne trovava... finchè un giorno, proprio mentre cantava pensò di mettere a frutto la sua bella voce.

Finalmente parlò ad Armonica dei suoi progetti,assicurandole  che c'erano buone speranze per il pieno recupero della vista; lei, mentre si dimostrò  entusiasta  per quanto riguardava la carriera  artistica  del  suo  compagno, non era invece molto incline a prendere in considerazione l'intervento.
Ma poi, dietro le insistenze affettuose di Sebastian, si convinse e decise che vi si sarebbe sottoposta non appena fosse arrivato il momento.

Così l'uomo andò in paese e si presentò al maestro di musica che insegnava nell'unica scuola ed egli, ascoltatolo con interesse, gli predisse un  fulgido  avvenire con quella voce che si ritrovava.
Doveva solo educarla un pò e si offrì di dargli qualche lezione; intanto, avrebbe parlato al più presto con un suo amico che faceva parte d'una grande  orchestra che si esibiva nei teatri più importanti del mondo, diretta da un  prestigioso maestro.

Sebastian, tutto allegro, tornò nella sua casetta e cominciò ad esercitarsi  ad  ogni ora del giorno, riempiendo il bosco di acuti e  i gorgheggi, mandando a memoria i testi delle opere più  famose,  mentre   la ragazza  lo  aiutava a studiare  con metodo, attendendo il giorno dell'audizione.
Arrivò  anche  quello e fu un momento  di  grande gioia  per ambedue perchè il grande direttore fu colpito favorevolmente e lo ingaggiò per un'intera  stagione teatrale, dandogli un  congruo anticipo in danaro, molto più di quanto Sebastian e  Armonica avessero sperato. 

I due non stavano più nella pelle dalla contentezza e, prima di ogni altra cosa,  decisero di  recarsi dal grande luminare che, visitata la ragazza, diede ottime speranze di guarigione dopo l'operazione.

Il  giorno  dell'intervento arrivò  e, come ogni  altra  cosa della vita, passò portando ad Armonica un dono bellissimo: la vista.

Sebastian, pur nella grande contentezza, era però preoccupatissimo: come avrebbe  reagito Armonica nel vederlo? L'avrebbe trovato repellente? L'avrebbe amato   ancora? Quante domande si poneva...
Poi venne il momento in cui Armonica venne sbendata  e la prima cosa che vide fu  proprio il viso, trepidante, di lui commosso e timido... non troppo bello ma amorevole, dolce...
Lei gli tese la mano e con voce rotta dall'emozione gli rinnovò il suo amore.

La ripresa della ragazza fu rapida, grazie anche alla grande felicità che  l'animava, cosicchè, ben presto, potè ritornare alla sua casetta nel bosco insieme a Sebastian che si rimise a cantare con più lena di prima in attesa del debutto.
La sera della prima fu un gran  successo, lui cantò  con tutta la forza dei suoi polmoni e con impegno, dedicando ogni nota alla sua amata Armonica che  dal  suo palco lo seguiva con lo sguardo.

... Lo seguì sempre in tutte le repliche, nelle successive esibizioni e negli anni che seguirono  e vissero una lunga vita di successi e d'amore e col passar del tempo, Sebastian divenne, se non  proprio  bello, più  accettabile,  meno brutto... ma ormai non gli importava, aveva tutto ciò che desiderava!

 

******

 

 

PIERROT E LA LUNA

 

^

 

Pierrot amava la luna ed avrebbe voluto raggiungerla. Ma era così   distante,  così lontana...

Un giorno, guardando un ragno filare la sua interminabile tela, ebbe un'idea   e   chiese all'animaletto di  tessergli una scala che gli permettesse di arrivare sino alla luna.
Il ragno acconsentì e cominciò a dipanare con le sue mobili zampette un  tessuto  resistente ma finissimo come seta. Man mano che esso procedeva, Pierrot  saliva, scalino dopo scalino, annullando lo spazio che lo separava dalla luna.

Il cielo s'era intanto tinto di blu e le stelle ammiccavano tra di loro,  osservando lo  strano spettacolo di quell'omino fragile che si avventurava nello spazio.
L'ultimo quarto di luna brillava quella notte di una luce mai vista che quasi accecò Pierrot.

Finalmente egli mise piede sull'astro luminoso. Come si sentì contento in quel momento!
Nulla al  mondo avrebbe potuto renderlo più felice.

Però era anche molto stanco, come se avesse portato  un pesante fardello durante tutto il  suo lungo  viaggio. Allora si sdraiò al suolo e la luna,   compassionevole,  lo  cullò  dondolando lentamente come una altalena.

Quando si svegliò, Pierrot guardò stordito lo spettacolo che gli si presentava intorno:  piccoli specchi d'acqua e fiori alti come alberi, dai colori intensi e smaglianti che sembravano dipinti appena allora.
Si alzò, si specchiò in uno dei tanti laghetti e cominciò a camminare in  mezzo  ad un prato ricoperto di muschio così soffice che sembrava di calpestare delle nuvole.
Nell'aria s'alzò una  musica incantatrice che invitò Pierrot a danzare, dapprima  lentamente, poi sempre più in fretta, finchè non venne preso   da  un  vortice  che misteriosamente lo trasportò su di una nuvola rosa.

Nel cielo ancora grigio perla, mille nuvole si animarono e da ognuna  di  esse   spuntò un angioletto che dopo uno sbadiglio e un vibrare d'ali s'alzava.
Affollatisi tutti insieme sulla nuvola di Pierrot, si tuffarono entro di essa e ne riuscirono armati di secchielli, pennelli e piumini.
Ad un cenno di quello che sembrava il capo, si dispersero con un rapido frullar d'ali e si misero subito al lavoro: chi incipriava le stelle rendendole   più   scintillanti che mai, chi tinteggiava  di  rosa e d'azzurro un angolo di cielo,  chi riparava i nuvoloni della pioggia squarciatisi nell'ultimo temporale  furioso, chi ridipingeva l'arcobaleno ormai sbiadito dopo l'ultima apparizione.

Un angioletto grassoccio e lentigginoso, armato di piumino  e  d'un sacchetto di  polvere  d'argento, s'avviò  verso  la luna che ora tondeggiava nel cielo  ma così chiara, così bianca da  sembrare quasi invisibile e si  mise  a  lustrarla,
incipriarla, spolverarla cosicchè, di lì a poco essa  ricominciò a brillare come nuova nel  cielo azzurro cupo.

Pierrot guardava interessato tutto quel gran movimento,  poi decise di usare l'arcobaleno come trampolino di lancio per tuffarsi in una di quelle meravigliose nuvolette, che sembravano fatte di panna montata.
La nuvola era davvero di panna montata e Pierrot si affrettò a farne una scorpacciata...
Ma  proprio in quel momento, ecco che da lontano s'annunciò l'arrivo del sole, già se ne sentiva il calore bruciante nell'aria intorno.

Gli  angioletti, svolazzando  di qua e di là, raccolsero  di  fretta e furia i loro  arnesi, si affannarono a sospingere la luna per farla ruzzolare   dall'altra  parte del cielo, poi si dileguarono tra le nuvole più grosse che al caldo alito del sole si dispersero lontano.
-  Che fare? - si chiese Pierrot, stupefatto e un pò intimorito, guardando giù verso la terra. Doveva trovare subito una soluzione.

Per fortuna in cielo erano rimaste, ferme al  loro posto, molte piccole nubi ovattate ma resistenti, quasi   fossero  di  gomma.  Scoprì che poteva facilmente staccarle dalla volta celeste e se ne servì,  come fossero stati tanti pioli mobili d'una  scala,  spostandole  a  suo  piacimento e ponendole di volta in volta sotto di sè.
Poi spiccava un  bel balzo e si ritrovava ad affondare nell'accogliente e cedevole bambagia.

Di balzo in balzo giunse sulla terra e alzò il capo... mamma mia quanto era arrivato in alto! Che bella avventura aveva vissuto!

Intanto anche il sole aveva compiuto il suo giro giornaliero attraverso  il  cielo e nel firmamento tinto di blu già si stava riaffacciando,  eterea e bellissima, una falce di luna argentea, seguita dal suo corteo di stelle.
Pierrot la  osservò passare sul suo capo e la salutò senza malinconia...
Un giorno o l'altro, avrebbe potuto di nuovo intraprendere un altro viaggio...  ormai, il suo, non era un sogno irrealizzabiile!

 

 

IL FRANCOBOLLO GIRAMONDO

 

 

Nacque, insieme a molti altri fratelli tutti uguali a lui e se ne stette lì, buono buono in un grosso pacco sigillato.
Altri fogli di francobolli di tanti colori sopra e sotto di lui lo pigiavano e  il francobollo si sentiva soffocare, desiderando d'essere libero, e di andare in giro per il mondo.

Un giorno, il pacco di cui faceva parte fu venduto ad un tabaccaio che lo mise in un grosso libro con altri fogli di colore diverso.
"Finalmente - disse il francobollo tra sè - vedo già qualcosa di nuovo ed altri miei fratelli per la prima volta! Sono veramente contento!".
Ma non era ancora giunta l'ora della sua piena felicità, non era ancora questo il suo destino.

Poco dopo il librone si aprì e le grandi mani del tabaccaio staccarono il  francobollo dalla sua matrice  e dai suoi fratelli gemelli; lo diede ad una  giovanetta  che aveva scritto una lunga lettera  al  suo fidanzato emigrato  in  un  paese molto lontano, l'Australia.
Il francobollo fu contento di quel lungo  viaggio che stava per affrontare: avrebbe viaggiato su un velocissimo aereo ed avrebbe visto molte cose nuove.

Però, non appena incollato sulla busta di carta leggera incorniciata di righine blu e rosse, la giovanetta imbucò la lettera nella cassetta della  posta proprio fuori della tabaccheria e il francobollo si ritrovò in una scomoda  buca di ferro, buia e profonda, di nuovo soffocato dalla presenza di altre buste, di altri francobolli.
La notte passò alla  bell'e meglio e lui sospirando aspettava la mattina,   dicendosi: "Domani forse partirò per quella lontana destinazione".

La mattina, difatti, venne risvegliato da un rumore  metallico: si aprì la botola al di sotto della cassetta che conteneva le buste ed esse scivolarono     di corsa, scontrandosi e sovrapponendosi.
"Vengono a liberarmi!" pensò il francobollo... ma no, eccolo di nuovo nel buio di un grosso sacco di pesante juta che venne gettato con malgarbo in un furgoncino dal motore acceso, che subito ripartì.
Passò un pò di tempo durante il quale il francobollo  si  sentì sbatacchiare in  tutte le direzioni, ma manteneva ancora la sua convinzione che presto il destino gli  avrebbe riservato delle sorprese:  avrebbe   visto  il  mare,  le   nuvole, l'Australia!

I sacchi giunsero alla loro prima destinazione - l'ufficio centrale postale dove  avveniva lo smistamento - dove venivano aperti e le buste gettate con noncuranza in grosse ceste, a seconda della loro meta.
Il francobollo si sentì percosso, sballottato ma disse  tra  sè: "Ecco, forse è  giunto il gran momento!".

La busta su cui era incollato era la prima di una lunga serie e lui sbirciava di qua e di à, ma non vedeva altro che confusione, affollamento e rumore.
Le sue speranze si ravvivarono quando vide qualcuno andare dritto verso di lui, ma questi non fece  altro che prendere vari mucchi di posta ed infilarli nuovamente in un sacco buio...
Di nuovo il ballonzolio d'un furgone, un trasbordo,  un  tremendo  rumore:  il  francobollo capì che lo stavano caricando su un aereo, il suo destino si stava compiendo.

Purtroppo, però, pur facendosi largo tra gli altri, riuscì a malapena ad  intravvedere uno spicchio di cielo pieno di nuvole e qualche allegro raggio di sole, ma null'altro.
Il rullio dell'aereo si acquietò appena giunto a terra ed i sacchi vennero di nuovo trasportati in un altro ufficio postale e da lì nella borsa poco capiente d'un postino.
Dalla pattina semiaperta vide alcune delle cose che aveva sperato: un cielo terso, il mare, prati immensi,  delle buffe bestiole  che  saltellavano, volti sorridenti e festose casette.

Il  francobollo si sentì tutto ringalluzzito e fiero  di  essere arrivato così  lontano, specie quando  il postino, traendo la busta della borsa, la  consegnò  ad un giovanotto fermo sotto il portico  d'una grande casa costruita in  mezzo  ad una prateria.
Il giovane, con un sorriso sulle labbra, aprì la busta e lesse con attenzione la lunga lettera che gli giungeva dal suo paese. La rilesse più  volte e la ripose in un cassetto della sua scrivania.
Così il francobollo si ritrovò di nuovo al buio: i suoi sogni finivano lì, nessuna avventura come aveva sperato.

Passò molto tempo, anni ed anni e la  busta con il nostro francobollo era rimasta sempre lì, nel  cassetto.  Di tanto in tanto altre se ne aggiungevano, tutte provenienti dalla sua patria, di volta in volta con francobolli diversi con  cui lui, contento, scambiava con loro qualche  parola, cercando  di sapere cosa succedeva nel  mondo. 
Ma anch' essi raccontavano la stessa sua storia, nulla  di  più, loro avevano  subito lo  stesso trattamento.
Un giorno il francobollo sentì un gran tramestio nella  stanza e la scrivania venne aperta e tutto ciò che vi era conservato venne sparso sulla sua superficie:  una  piccola mano prese la lettera ed osservò attentamente il  francobollo   che, risvegliato dopo tanto silenzio, guardava stupefatto ciò che gli accadeva intorno.

Un  bimbo, appassionato di filatelia, disse: "Guarda  babbo,  guarda che  bel  francobollo. È molto  vecchio ed ha un bel valore. Posso tenerlo per la mia collezione?".
"Sì - disse il padre - ma tienilo molto da conto. Questa  busta  contiene la prima lettera che la nonna scrisse al nonno dalla lontana Italia, quando  erano  ancora fidanzati ed  il  nonno  non aveva  ancora una solida posizione.  Quando  potè permetterselo,  il nonno fece venire la nonna qui in Australia, la sposò e da allora vissero sempre in  questa libera terra, in questa casa dove io e  dopo anche tu siamo nati".

Il  bimbo prese la busta con accortezza e corse subito a metterla in un album. Lì rimase, indisturbata per altri anni con il nostro francobollo incollato addosso che ancora, di tanto in tanto, sogna di andare in giro per il mondo.

 

 

IL BURATTINO DI CARTAPESTA

 

 

Un burattino di cartapesta viveva assieme a tanti altri burattini in un grande baule di legno, in un  carrozzone di proprietà di un famoso burattinaio che viaggiava da una città all'altra, dove dava rappresentazioni per allietare adulti e bambini.
Poichè era vestito da gran signore con un abito di vera lana blu scuro e i bottoni d'oro lucenti, un invidiabile cravattino a farfalla, un fiore rosso  all'occhiello e un paio di scarpe di pelle lucida,  credendo di essere il capo dei burattini si dava un gran daffare impartendo ordini a destra e a sinistra.

Ogni volta che usciva dal baule per la rappresentazione si comportava da  gentiluomo, faceva passare per prime le signore, mimava le sue battute  con gran calore, s'inchinava di qui e di là  ringraziando  il suo  pubblico.  S'impegnava,
insomma, per la buona riuscita dello spettacolo.
E quando il sipario calava sulla scena era anche un pò triste, ma non svuotato d'energia.Infatti, pareva che lui ne avesse in abbondanza e quando rientrava  insieme agli altri nel baule continuava a darsi da fare, creando nuovi soggetti, nuovi personaggi da interpretare, per un miglior andamento della recita.

Un giorno il carrozzone si fermò in una grande città nordica dove pioveva sempre e dove il cielo era costantemente grigio, la gente usciva poco  ma  il teatro dei burattini era atteso da lungo  tempo, specie dai bambini, che quella  sera accorsero in massa sotto il grande tendone colorato, per assistere allo spettacolo.
Il  burattino vestito da gran signore mise all'occhiello un fiore fresco e  profumato, si pettinò con cura i capelli, si preparò, insomma, per un gran successo e con la solita disinvoltura.
Il tempo fuori era pessimo, stava piovendo a dirotto e gli spettatori che entravano nel tendone apparivano tutti gocciolanti.

Dietro le quinte il burattino si stava prodigando in consigli ai suoi compagni sul modo di mimare la parte,  su come inchinarsi al pubblico e mostrava agli  altri egli stesso come bisognava agire, percorrendo  in lungo e in largo il  palcoscenico, al riparo dei grandi tendaggi di velluto rosso.
Gli altri burattini erano annoiati da quell'atteggiamento di superiorità bonaria  ma seccante e  'accordo con l'ex primo attore, decisero di impartirgli una bella lezione.
Uno di essi, il più agile di tutti, una scimmietta vispa e battagliera, si arrampicò sino in  cima al grande tendone e vi praticò un  buco, proprio  in direzione del palcoscenico, nel punto in cui si sarebbe trovato il burattino vestito da gran  signore. 
Egli di lì a poco, nella commedia che andavano ad interpretare, avrebbe impersonato la  parte d'un commensale importante, seduto ad una tavola riccamente imbandita e contornato da altri personaggi d'alto lignaggio.
La scena era piuttosto lunga ed il burattino avrebbe dovuto starsene fermo per un bel pò.

Cominciò la rappresentazione e tutti gli attori si trovarono in scena ai propri posti.
Il burattino di cui parliamo stava seduto dinanzi alla  tavola da pochi secondi, quando "plic" una goccia di pioggia, penetrata dal buco sul soffitto, gli  cadde in testa, sulla sua bella testa impomatata, bagnandola tutta. Ma lui, da gran signore, non battè ciglio, non fece un gesto.
Una dopo l'altra, le gocce di  pioggia caddero ancora e gli scesero sul viso,  offuscandogli lo sguardo.

Con disinvoltura, il burattino estrasse il fine fazzoletto di seta per detergere la fronte e gli occhi... plic,  plic, il burattino preso dalla parte  che  stava recitando, non se ne accorgeva quasi...
Plic, plic... quello stillicidio, però, gli stava annebbiando le idee...   plic,   plic... che confusione nelle battute, nella sua testa... plic, plic...
La cartapesta con cui era stato plasmato il burattino si stava sciogliendo sotto la pioggia, come fosse cera accanto al fuoco.
Sul più bello della scena, la faccia dell'attore si contorse in strane espressioni, la voce non gli uscì più dalla gola strozzata dalla paura... e giù  con la testa sul tavolo senza un rumore, mentre i compagni continuavano a recitare.

Il pubblico non s'era per niente accorto del piccolo dramma che si stava svolgendo, pensava che il crollo del burattino fosse incluso nel copione e  batterono le mani con calore, per premiare gli attori della  ro bravura.
Poi, finalmente la commedia finì,  anch'essi si fermarono,  col  cuore  in gola:  la lezione che volevano  impartire al burattino era andata al di là delle loro previsioni, non avevano pensato nè desiderato che andasse così!.
Poco dopo, quando la pesante tenda di velluto rosso si chiuse sulla scena,  si raccolsero tutti intorno al loro compagno, lo guardarono con tutta la   loro  compassione e lo portarono via in silenzio, con un'unica speranza: forse il burattinaio avrebbe potuto far qualcosa!

L'uomo, infatti, si mise subito al lavoro, plasmò con della nuova cartapesta  un'altra testa e l'applicò sul collo del burattino vestito da gran signore  ma l'espressione, lo sguardo della nuova faccia mal s'accordavano con il resto del corpo. Era tutta colpa di quel vestito, che gli dava un'aria così importante!
Glielo tolse di dosso e dopo averci pensato su un momento,  decise di rivestirlo da barbone, uno di quei vagabondi che girano per le strade delle grandi città.

Lo  ricoprì con dei panni un pò dimessi, fuori moda, gli scompigliò i capelli, gli applicò una barba grigia arruffata e gli disegnò persino una lunga  cicatrice sulla guancia sinistra che gli dava un'aria un pò tenebrosa, ma in fin dei conti simpatica.
I suoi compagni non lo riconobbero nemmeno ed egli stesso, guardandosi allo  specchio stentava a riconoscersi in quel viso e in quell'abbigliamento così  lontani dal suo precedente essere.  
Si sentiva ancora un gran  signore e non gli piaceva impersonare quell'uomo   così poco importante  e  un  pò  rozzo  di  aspetto.  
Ciò sminuiva la sua dignità!

Ma poi, sia pur lentamente, si adattò alla sua nuova faccia, alla sua nuova  natura. Scopriva d'essere perfino più accettato dai suoi compagni, più amato dal pubblico, insomma, quasi quasi più umano.

Anche il burattinaio si accorse che poteva utilizzarlo  meglio  di prima e metteva in scena storie scritte apposta per il burattino-barbone che si impegnava a recitarle dando tutto se stesso e, come prima non gli era mai accaduto, si sentiva immensamente felice.  

 

 

IL PRISMA MAGICO

 

 

 

In una casa molto antica vivevano due anziani coniugi che passavano  le  loro  giornate in serenità, ricordando le cose belle che avevano vissuto nel lungo tempo trascorso insieme: i primi anni del loro matrimonio, la nascita dei loro  tre figli, poi quella dei nipotini ormai adulti, i bei viaggi delle vacanze...
Ma, con il trascorrere del tempo, la loro memoria si  affievoliva  e  i  ricordi  passati  svanivano lentamente.
I due vecchi ne erano davvero dispiaciuti ed avrebbero pagato chissà cosa   per   poterli recuperare!

Un giorno che erano affacciati alla finestra, nella stradina in cui  abitavano passò un rigattiere che acquistava e vendeva oggetti ormai fuori moda.
Anselmo e Carolina, i due vecchietti di cui parliamo,   avevano   una   cantina   piena di soprammobili, bomboniere ed altre cose dei bei tempi  andati  che oramai non servivano più e così,  chiamato il venditore ambulante gli consegnarono una scatola stracolma di tutti quegli oggetti.      
Egli propose loro di pagare quelle belle cose, ma i due rifiutarono; allora egli, rovistato un pò in un angolo del suo carrettino, ne  trasse un piccolo pezzo di vetro, un prisma trasparente che, attraversato dalla luce la rifrangeva  creando
mille sfumature di colore.

"Prendete questo - disse il rigattiere ad Anselmo e Carolina - e quando vi sentirete un pò tristi, guardatelo a lungo, esponendolo alla luce. Vedrete che meraviglia!".
Carolina ringraziò il rigattiere rigirando tra le mani quel regalo, pensando  che le sembrava un comune  fondo  di bottiglia (che poteva avere  di tanto  meraviglioso?) e lo posò su un  mobiletto del salotto, accanto ad altri oggetti più costosi.

Passò del tempo ed i bei ricordi che univano i  due anziani coniugi erano ormai svaniti quasi del tutto; essi si sentivano quasi estranei l'uno all'altra, litigavano perfino, per cose futili ed i giorni che trascorrevano insieme  diventavano pesanti e interminabili.
In un bel pomeriggio di primavera in cui Anselmo e Carolina stavano seduti sulle ampie poltrone del loro  salotto,  senza aver più  nulla da dirsi, ognuno chiuso nel proprio silenzio, dalla finestra aperta entrò un raggio di sole che colpì proprio il prisma di vetro un pò impolverato.

Mille sprazzi di colore si destarono all'improvviso, correndo di qua e di là per  la stanza, affascinando i due vecchi che si chinarono a guardare il prisma  e...  meraviglia, esso riluceva come uno specchio e sulla faccia trasparente che stavano osservando, ecco apparire un'immagine: ecco apparire una carrozza a  cavalli che trotterellavano gaiamente lungo un viale semideserto in una  chiara  mattina estiva.
Affacciati ai finestrini,  un giovane ed una fanciulla  vestiti  da sposi,  lei  bellissima ed agghindata  con un lungo velo ed una coroncina  di fiori e perle...
"Oh! - fecero Anselmo e Carolina - ma quei due siamo noi, mentre usciamo dalla chiesa, il giorno in cui ci siamo sposati!".
"Vedi là - disse Carlina un momento dopo - in lontananza c’è la chiesa, i nostri  parenti  ed amici che ci salutano!"
.
"Come eravamo giovani e innamorati..."  le fece eco Anselmo -
"Guarda qua! - esclamò Carolina, con una vocina commossa - in quest'altra faccia del prisma: ecco la nostra casa com'era allora, appena dipinta d'un bel  colore rosso scuro. Eccomi al balcone da cui ti salutavo ogni mattina mentre andavi al lavoro".
"Gira il prisma - le chiese Anselmo - ora ci troviamo a Parigi, ti ricordi che bel viaggio?  Di giorno andavamo a passeggio per la città, di sera in  quei  locali affollati di  gente  strana  e famosa...".  

"I nostri  figli...! - disse ancora  la  vecchina emozionata - guardali là  com'erano carini  ed affettuosi...  ed ora si e no che vengono a trovarci  due volte l'anno e non vedono l'ora che venga il momento d'andar via!".
Una lagrima le scorreva lungo la guancia avvizzita ma  Anselmo,  con  la  sua  mano ancora sicura l'asciugò e strinse a sè Carolina come a proteggerla dalla pena, così come non aveva fatto da tanto tempo.

Lei si riprese subito, sentiva una nuova energia, quasi che quella carezza le avesse infuso altra vita, ma restò lì accanto al suo  Anselmo, appoggiata alla sua spalla.
Intanto, nuove immagini correvano via sulle facce trasparenti  del  prisma  che,   dotato di vita propria, girava lentamente su se stesso, come una lanterna magica...
Poi il prisma di vetro brillò d'una strana luce incandescente,  quasi  fosse una  stella  e  girò vorticosamente...
Il sole ormai era basso nel cielo, la bella giornata  era finita.
Nella penombra della stanza s'intravvedevano le sagome di Anselmo e Carolina,  uniti ormai per l'eternità.

 

 

 

IL MANICHINO E LA ZINGARA

 

Un manichino che si trovava proprio al centro della vetrina d'un negozio aperto su una strada affollata  della  grande città, stava fermo ed impettito come un soldato sull'attenti ed il viso rivolto alla strada.
Indossava un impeccabile abito da cerimonia: una giacca dai risvolti di seta e un paio di pantaloni grigio fumo di Londra; all'occhiello spiccava un fiore  bianco e sulle labbra aveva dipinto un sorriso simpatico.

Ma dentro di sè non era  affatto contento e pensava:
"Come vorrei essere un uomo vero, con un cuore che batte e poter fuggire da questa vetrina, muovermi, parlare, correre...!".
Vicino a lui, nella vetrina illuminata a  giorno, vi erano altri manichini di ogni età, rivestiti di abiti di fogge diverse, tutti con  sorrisi accattivanti  dipinti sulle bocche mute.

Proprio accanto a lui c'era un altro  manichino, una donna a quanto pareva,  dall'abito a lunghe balze tutte di lustrini e  seta...  un viso simpatico  ed un bel sorriso, anche se aveva gli occhi socchiusi e sembrava non guardare  affatto chi le stava accanto.
Ma spesso si raccontavano i sogni che  ognuno aveva  in  cuore  e  lui  le  aveva  confidato  di sentirsi  molto solo e di desiderare, ogni  giorno di più, di poter lasciare quella prigione.
     
Un pomeriggio, davanti alla vetrina si fermò una ragazza molto bella dalla carnagione e dai capelli scuri: le brillavano gli occhi mentre guardava il bel vestito di seta e lustrini e le guance rotonde le  si arrossarono di piacere.
Lei invece indossava un'ampia gonna variopinta e stracciata  ed  un corpetto  attillato sul busto prorompente di giovane zingara.
Stringeva per la mano un bimbetto di qualche anno, esile ed emaciato con uno sguardo selvatico che s'illuminò tutto nell'osservare un trenino di latta  rosso che percorreva instancabile tutta la vetrina. 
Il manichino si innamorò a  prima vista della zingara e le lanciò uno sguardo  di tenerezza, desiderando con tutte le sue forze di poterla seguire, lasciando quell'angusta posizione.
La giovane, intanto, s'era seduta sul bordo del marciapiede antistante il negozio, chiedendo un obolo ai passanti, mentre il piccolo, stanco ed affamato,  le si era addormentato in  grembo.  
Ogni tanto volgeva lo sguardo verso la vetrina dove ora tanti piccoli riflettori erano accesi ed il bel vestito di strass brillava come  una  stella cadente.  Il suo sguardo non sfiorava nemmeno il manichino  vestito in grigio fumo di  Londra,  che soffriva molto di questo suo disinteresse.

Intanto, s'era fatta sera inoltrata, ogni luce si spense nella strada ed anche quelle della grande vetrina, dove il manichino fremeva d'amore per la bella zingara che, stanca anch'essa, s'era addormentata  addossata al muro del  negozio, col piccolo stretto al seno, dimentica di tutto, anche del vestito da sera.
Il cuore del manichino pulsava così forte che sembrava  un orologio che battesse le ore. Con i suoi rintocchi destò tutti gli altri manichini i quali,  approfittando della tranquillità della notte, si affollarono intorno al loro amico e gli chiesero che cosa gli fosse successo.

Lui, tutto rosso in viso, raccontò che s'era innamorato della bella zingara e non sapeva cosa fare per stare con lei. Gli altri lo incitarono ad  ascoltare  il suo cuore: se  l'amava davvero,  loro lo avrebbero aiutato ad andar via  dal negozio.
Così, dopo averci pensato poco meno d'un istante, il manichino si tolse l'elegante vestito che aveva indosso, sostituendolo con una camiciola ed un paio  di jeans, lo piegò con cura e ne fece un pacco da portare via con sè; i  compagni lo indussero a prendere anche il  trenino per il piccolo  zingaro  e la sua vicina si offerse di regalargli lo stupendo vestito di lustrini e seta  perchè potesse offrirlo alla bella zingara.
Lui la ringraziò e le diede un  bacio d'addio, salutò  tutti  i suoi amici e sul  far dell'alba uscì dal negozio senza far rumore.

Si sedette accanto alla giovane aspettando che si risvegliasse e intanto ne ammirava il bel viso. Lei si destò di soprassalto sentendo che qualcuno l'osservava, ma subito si tranquillizzò guardando  il  volto  dell'uomo  così  gentile  e tenero  che le porse il pacchetto con il vestito mentre al bimbo, anche lui già sveglio, regalava il trenino.
La giovane zingara che aveva sempre vissuto una vita  di  stenti,  trattata  con  malgarbo dalla maggior  parte  delle persone, aveva affinato la  sua sensibilità e sentì che quell'essere apparso quasi per magia accanto a lei, era lì proprio per circondarla dell'affetto che aveva tanto desiderato e forse si sarebbe preso cura anche del bimbo,  un piccolo abbandonato dai suoi  genitori, di cui lei s'era presa carico da molto tempo.
Gli sorrise e lui si sentì felice come mai prima, la prese per mano e si fece   condurre nell'accampamento dove gli zingari con cui lei viveva avevano piantato le tende d'un circo.

Lì, vissero in un confortevole carrozzone ed ogni  sera durante le pause tiravano fuori i loro bellissimi  vestiti: lui indossava gli eleganti pantaloni  grigio fumo di Londra e la giacca coi risvolti in seta, il papillon bordeaux, un paio di guanti bianchi e si esercitava in giochi di prestigio e d'illusionismo mentre lei, sempre più bella, metteva il lucente abito di strass  e lo aiutava come assistente.
Col passare del tempo divennero così bravi che il padrone  del  circo offrì loro di esibirsi come attrazione  e raddoppiò la paga.

Fu un gran successo: il pubblico si entusiasmava e i  due vennero poi ingaggiati da un famoso circo che dava rappresentazioni in tutto il mondo, vennero  invitati a ricevimenti importanti, a spettacoli ed alla televisione.
Diventarono ricchi e quando furono troppo vecchi per  lavorare  per un  pubblico  troppo  esigente, andarono  ad abitare in un bel carrozzone situato in un ampio parco di loro proprietà.
Là, dopo aver indossato i  vecchi abiti che mantenevano  ancora intatta la loro  signorilità, davano spettacoli per gli anziani e per i bambini abbandonati che, radunati attorno a loro passavano ore  di  svago e applaudivano con  gioia  ai  loro giochi di  abilità.

 

 

IL DELFINO

 

 

In un paesino sulle montagne c'era un bimbo di nome Grieg ch'era molto ammalato e non poteva uscire e correre con gli altri bambini perchè le sue gambine erano troppo deboli ed una più corta dell'altra. 
Di lì a poco avrebbe dovuto sottoporsi ad una delicata  operazione  il cui esito non  era  però assicurato.

Il bimbo passava il suo tempo studiando, leggendo ed inventando storie che la  sua fantasia gli suggeriva; sedeva su un piccolo balcone che dava su  un  vicolo  stretto e triste, guardava uno spicchio di cielo che s'apriva luminoso sopra  di
lui e da quel suo rifugio galoppava con l'immaginazione per tutte le strade, solcava tutti i mari e scalava tutte le montagne del mondo.

A primavera i suoi genitori decisero di portarlo al mare sperando che l'aria gli giovasse e dopo un lungo e faticoso viaggio, i tre giunsero in un ridente paesino abitato da pescatori.
Grieg era felice come non mai in quel luogo e la vista dell'acqua, delle barche,  di tutti quei colori  e  quei profumi lo riempiva di una gioia profonda. 
Il faccino di solito pallido, si tinse d'un bel colore bruno e le gambette magre si irrobustirono, cosicchè non era una gran fatica camminare sulla morbida rena.
Il bimbo dimenticò i suoi crucci e la sua solitudine,  poichè sulla spiaggia c'erano tanti altri bimbi che gli si affezionarono e lo aiutarono con la loro amicizia sincera.
Insieme passavano lunghe ore sulla riva a guardare i  pescatori far ritorno col loro carico di pesci guizzanti.

 Un giorno, uno di essi che si era fermato al largo con la sua barca, richiamò l'attenzione dei bagnanti fermi sulla riva  soffiando a  lungo in una grande conchiglia.
"Avrà trovato un banco di pesci tanto ricco da poterlo dividere con tutti  noi!"   pensarono allegramente e presto lo raggiunsero.
I bimbi, euforici, attendevano il rientro delle altre barche che, dopo poco, rientrarono trainando le reti  cariche.
Tutti si affollarono intorno agli uomini con curiosità, anche Grieg che si fece  pazientemente largo tra la ressa e quale non fu la sua meraviglia, quando  vide  l'enorme corpo d'un delfino che si dibatteva nelle reti.
Era quella la preda!

"Povero delfino - pensò Grieg - abituato a correre e a giocare nell'acqua. Non  posso pensare che morirà qui, su questa spiaggia!" e lacrime di commozione velarono i suoi occhi.
Il delfino aprì i suoi e gli sguardi dei due si incontrarono per un attimo.
Tutto finì bene, però, perchè i pescatori non erano  crudeli  e  liberarono il  mammifero e lo riportarono al largo per fargli proseguire la sua vita spensierata.
Grieg ne fu così contento che nemmeno la notizia della sua prossima  partenza,  scalfì quella sensazione di benessere provata al pensiero del delfino restituito alle profondità marine.

Il bimbo ed i  suoi tornarono alla loro casetta in montagna e dopo qualche giorno Grieg si sottopose alla difficile operazione che,purtroppo, non ebbe l'esito positivo sperato, anzi la  situazione peggiorava sempre di più; il  male
aveva colpito anche le altre ossa del suo corpo minuto ed ora non poteva più camminare.
Poteva solo fantasticare, dall'alto del suo balconcino proteso sul vicolo buio e il suo visino si faceva sempre più scarnito e triste.
Prevedendo prossima la fine, disperati, i suoi genitori gli proposero di tornare  al mare in quell'angolino che gli era tanto piaciuto; Grieg sorrise ed accettò contento.
Eccolo di nuovo, quindi, sulla riva a guardare le barche e i pescatori, a respirare l'aria fresca  e profumata...
Dentro di lui, però, s'agitava una  tempesta: sapeva che stava per morire.

Decise allora che ciò non sarebbe avvenuto sulla terra ferma e così,    sfuggendo all'attenzione di sua madre, s'inoltrò nell'acqua fresca movendo lentamente gli arti malati: com'era facile in mare!
D'un tratto però, le forze gli mancarono e si sentì sprofondare: chiuse gli occhi e attese, mentre il suo corpo formicolava tutto, come fosse in procinto  di scoppiare... poi provò una sensazione di gran benessere che si dilatava e  si trasmetteva ad ogni singola fibra del suo corpo che  ora gli sembrava grande, forte, robusto  come non era mai stato.
Volle provare a muovere una mano, una gamba...  ma non aveva più quelle gambine  smilze e senza resistenza!
Al loro posto, proprio in fondo, c'era una lunga coda e le sue esili braccia erano diventate due pinne gonfie di carne e muscoli!

Grieg si era trasformato in un giovane delfino e sentiva, nel suo essere rinnovato, un'energia  mai conosciuta ed una voglia di coprire lunghe distanze,  di fare capriole...
Finalmente avrebbe potuto saltare e sguazzare nell'acqua  a suo piacimento, avrebbe raggiunto i litorali di paesi sconosciuti, avrebbe scandagliato  le  profondità  marine...   Libero, forte, gioioso.

Accanto a lui d'improvviso comparve la grossa sagoma d'un altro delfino più vecchio, che Grieg riconobbe subito: era quello capitato per caso sulla   spiaggia, che veniva a prenderlo per guidarlo e condurlo con sè, lontano dai pericoli.
I due balzarono allegramente fuori dell'acqua e per un attimo Grieg rivide la spiaggia dove aveva passato tante ore, alzò una pinna a mò di saluto e si rituffò tra le onde.
Era pronto a partire!

E forse sarà ancora lì che gioca e rincorrere le navi.
Nei miei lunghi viaggi per mare intorno al mondo ne ho visti tanti di delfini che saltavano allegri tra le onde ed ho persino chiamato a  gran  voce: "Grieg, Grieg...". Ma nessun delfino ha risposto. Ora provateci voi!

 

 

LA PITTRICE ED IL PRINCIPE

 

 

C'era una volta una bella fanciulla bruna, Tania si chiamava, molto ricca che, come tutte le ragazze della  sua età, durante l'adolescenza aveva  atteso l'arrivo di un giovane che l'amasse appassionatamente, ma il tempo era   trascorso invano;  nessuno che le piacesse realmente era ancora apparso.
Intanto, poichè aveva una predisposizione naturale  per  la pittura, cominciò  a  dipingere miniature e ceramiche che vennero esposte nella più importante galleria d'arte della sua città.
Il giudizio della critica fu molto favorevole alla giovane che dedicò tutto il  suo tempo a quest'attività artistica.

Un giorno, decise di lasciare il suo paese e di girare  il mondo: fece i bagagli portando con sè solo  poche  cose, ma naturalmente tutti i suoi colori,  delle tele e partì per l'Italia di cui aveva sentito molto parlare per via  delle  sue bellezze naturali, dei suoi tramonti, della sua gente  allegra e cordiale.
E in Italia,  infatti,  passò giornate indimenticabili,  piene  di  avvenimenti  gioiosi, divertenti;  conobbe  molti  giovani  avvenenti e simpatici  che  le  fecero la  corte, ma senza fortuna, poichè la fanciulla era interessata solo ai  paesaggi, ai monumenti, ai mercatini dove reperiva le ceramiche.
Spinta, però da una forza interna che l'incitava a ripartire, presto Tania si recò in altri paesi, dove visse giorni intensi ma solitari.
Eppoi, mal sopportava tutto quel chiaccherio dei salotti, i pettegolezzi, le  rivalità ch'essa stessa provocava nei giovani maschi che  tentavano d'avvicinarla.

Una mattina, dopo un lungo viaggio per mare, sbarcò nella favolosa città di Copenhagen, nota per le sue bellezze naturali, per le sue ceramiche e  per la statua della Sirenetta. 
Finalmente qui la fanciulla si sentì felice: l'aria   le sembrava più pulita, il paesaggio le ispirava una grande serenità, i colori delle cose erano  tersi e tenui.
Essa sentì il desiderio di riprodurre subito le immagini,  di fermare per sempre,  quelle intense emozioni che l'agitavano e, recatasi ad acquistare delle   porcellane candide, si mise subito all'opera.
Dalle sue mani uscirono miniature di rara bellezza:   cieli  azzurri  e  limpidi,   paesaggi incantati, torri che svettavano tra le nuvole, il castello   del  re  e,  infine, un suo piccolo autoritratto. 

Sistemava tutte le sue porcellane sul largo bordo della finestra della sua casetta bianca e linda, per farle asciugare più in fretta e la gente che passava si fermava ad ammirarle, stupita da tanta perfezione.
Così la sua fama e la sua bravura vennero alla luce  e si cominciò a parlare di lei nei salotti più esclusivi della città.

L'esistenza della giovane giunse, infine, alle orecchie  del  giovane principe  Olden, anch'egli essere solitario e schivo, amante della lettura e cultore dell'arte in genere che, non avendo  molti amici, passava le sue giornate nell'ampio palazzo di suo  padre leggendo i capolavori della letteratura  ed  ascoltando  della  buona  musica.
Spesso, però doveva assolvere ai suoi compiti di rappresentante  ufficiale del re, girando per il mondo,  ma  non  appena poteva, tornava nel suo castello  lontano dalle futili chiacchere che le dame imbastivano per incuriosirlo.
Egli s'annoiava a morte in queste occasioni e, facendo finta di ascoltare, fantasticava, sognando di tornare presto a casa.

Quando era in patria, usciva dal suo castello e s'avviava  lungo il mare dove si  fermava dinanzi alla  statua della Sirenetta.
Guardava quel volto bellissimo e  triste che sembrava scrutare nelle profondità marine e nel suo  animo  stesso. A poco  poco s'innamorò di quell'immagine,  tanto che nessuna fanciulla di carne ed ossa sembrava interessarlo.
Da questa specie di apatia si riscosse, incuriosito dalle voci  dell'esistenza   della giovane pittrice e  elle sue opere.

Decise di recarsi egli stesso, sotto mentite spoglie,  davanti alla casa della  fanciulla, per vedere le ceramiche messe ad asciugare sulla finestra.  Così fece e si estasiò dinanzi alle miniature di campagne verdi ed assolate, di mulini azzurri, di tulipani colorati, ma quale non fu la sua sorpresa quando  vide  il  ritratto  della giovane!
Essa assomigliava in  modo impressionante alla Sirenetta di cui era perdutamente innamorato. 

Il delicato  volto  della fanciulla era dipinto di tenui colori e spiccava sul bianco della ceramica come fosse reale e sembrava sorridere solo a lui.
Olden  rimase così colpito da quest'immagine che pensava di esser vittima di un'allucinazione, ma presto  si  rese conto che quella non era altro che la mano del destino che gli conduceva la donna  tanto  attesa.
Si recò subito in riva al mare, vicino alla statua  e si sedette per raccogliere  i suoi pensieri, placare le sue emozioni, decidere sul da farsi.  Nelle mani stringeva il piccolo ritratto che, senz'accorgersene, aveva portato via.

Infine decise di farsi ritrarre dalla pittrice ed incaricò uno dei suoi  servi di convocare la giovane. Tania, orgogliosa per essere stata   scelta   a  svolgere un lavoro così impegnativo che un poco la spaventava, acconsentì e  si  recò al palazzo del re con tutta la sua attrezzatura.
Confusa ed ammirata per la bellezza del giovane principe,  s'inchinò  dinanzi  a  lui e subito cominciò  ad impastare i colori  per  distenderli poi  sulla tela.

Oldenle  disse che sapeva quanto lei eccellesse nella pittura su ceramica ed aveva avuto l'idea di farsi ritrarre su un piatto bianco di finissima porcellana.
La fanciulla fu un pò sorpresa dalla stramberia della richiesta, poichè s'aspettava di dover dipingere  un quadro in grandezza naturale ma, si sà,  i principi son sempre un pò  strani! 

Così iniziò il suo lavoro e nei momenti di pausa rispondeva con bel garbo alle domande del principe che voleva conoscere le sue opinioni su vari argomenti  o  le chiedeva di parlargli dei suoi viaggi o voleva sapere dei suoi progetti per  il futuro.
Poi si rimetteva al lavoro, concentrandosi su ciò che faceva e nemmeno si accorgeva  dello  sguardo d'ammirazione  e  di tenerezza  del  giovane. 

Col tempo, però, la ragazza s'accorse che dentro le stava nascendo un sentimento mai provato prima d'allora  per un essere umano, ma respingeva con tutte  le  forze l'idea d'essersi innamorata del principe,  perchè  non  voleva  farsi   illusioni inutili.
Lui, intanto, continuava ad interessarsi alla pittrice che aveva preso a chiamare "Sirenetta".

Le ore  passarono senza che i due giovani se ne accorgessero; ma, infine, arrivò il giorno in cui il  dipinto fu terminato e posto in evidenza sul caminetto che troneggiava nel grande salone.
Tania riponeva intanto i suoi attrezzi e di nascosto guardava quel suo piccolo capolavoro, un pò distratta da pensieri e sentimenti confusi che le circolavano nell'animo.
Ad un tratto, rialzando il capo vide, accanto al dipinto del principe, quel  suo  autoritratto ch'essa  temeva  d'aver smarrito o di aver rotto inavvertitamente.   Non se ne era dispiaciuta poichè le sembrava che non le fosse riuscito molto bene.

Dunque,  alzando gli occhi vide il piattino con il suo volto dipinto sopra: s'era ritratta di profilo e per una strana combinazione, guardava dritto  negli occhi il ritratto, che aveva appena terminato, pure di profilo del principe.  Stupita, Tania guardò il giovane che stava sorridendo e che le tendeva una mano.
In quel momento lei capì quanto anche lui l'amasse.

Tenendosi per mano uscirono dal palazzo reale e s'incamminarono  verso  il  mare,  sostando  sotto l'immagine  della  sirena della favola, dove il principe le fece notare la sua somiglianza con la statua.
Lei sorrise, poichè l'aveva già capito da molto tempo, da quando lui aveva cominciato a  chiamarla con quel nomignolo grazioso, Sirenetta.

Tania e Olden si sposarono tra grandi festeggiamenti e la giovane regina  trascorreva molto del suo tempo a dipingere delicati paesaggi sulle  ceramiche bianche che da tutti i paesi  del mondo le inviavano continuamente in dono gli altri re... 

 

 

 

 

Continua

 

 

Le immagini con l'asterisco vengono ai siti:

 

- https://pixers.it/quadri-su-tela/vintage-retro-mongolfiera-disegno-vettoriale-65148842

- https://it.dreamstime.com/illustrazione-di-stock-spaventapasseri-autunno-image46720094

- https://collezionepantano.blogspot.it/2016/06/le-mani-nellarte-parte-seconda-disegni.html

- https://www.etsy.com/it/listing/200084843/arte-originale-colorato-il-disegno-di

- http://www.grottaglieinrete.it/it/un-contratto-divella-produrre-la-pasta-made-italy-puglia/spiga-di-grano/

https://www.comacchio.it/scheda/244/Giornata-Mondiale-Autismo-palloncini-blu-in-volo-sopra-Codigoro

https://www.animalpedia.it/perche-il-pavone-fa-la-ruota-1024.html

 

https://www.italcasadecor.com/Product/1979/

http://www.sapere.it/sapere/approfondimenti/animali/uccelli/cicogna-bianca.html

https://arteantonio.oneminutesite.it/

https://luli118961.wordpress.com/2008/04/29/sei-la-luna/sei-la-luna-2/

http://lamatitadargento.altervista.org/2017/03/20/la-bella-la-bestia-2017/

http://www.flickriver.com/photos/themycia/sets/72157624347979734/

http://articolidaiana.over-blog.it/article-curiosita-pesciolino-rosso-87373268.html

https://aforisticamente.com/2017/01/07/frasi-citazioni-aforismi-su-tartaruga/

https://www.ebay.it/itm/ANTICA-MARIONETTA-BURATTINO-IN-CARTAPESTA-1800-CON-VESTITI-ORIGINALI-PASTORE-/132772490738?oid=401564384885


https://capirelarte.forumcommunity.net/?t=57898171https://capirelarte.forumcommunity.net/?t=57898171


https://italian.alibaba.com/product-detail/abstract-male-mannequin-in-suits-man-model-joe-2-60586081419.html

https://www.pinterest.it/pin/536702480565832223/

https://www.lentepubblica.it/lavori-pubblici-ambiente-edilizia-espropri/riccione-oltremare-delfina-mia/

https://it.wikipedia.org/wiki/Statua_della_Sirenetta

Ciao a Tutti | Contattami | Privacy Policy | Ringraziamenti |©2000-2018 Cartantica.it