Rubriche di
Patrizia Fontana Roca

COLLABORAZIONI

In questo Settore vengono riportate notizie e immagini fornite da altri redattori.
Nello specifico, i testi sono stati realizzati da Gianfranco Brienza, mentre le foto e la grafica sono state curate da Cartantica.
Tutti gli articoli degli altri Settori sono state realizzati da Patrizia di Cartantica che declina ogni responsabilità su quanto fornito dai collaboratori.

"N.B.: L'Autore prescrive che qualora vi fosse un'utilizzazione per lavori a stampa o per lavori/studi diffusi via Internet, da parte di terzi (sia di parte dei testi sia di qualche immagine) essa potrà avvenire solo previa richiesta trasmessa a Cartantica e citando esplicitamente per esteso il lavoro originale (Autore, Titolo, Periodico) ."

******

PERMETTETE? SO' O' VESUVIO!


(Versi scherzosi)

 


Tant’ anne fà, vuie nun v’allicurdate e nun saccio manco chilli tièmpe còmme li chiammate,
io… stève sulo, attuórno a mme ‘nce stevene nu sacco de pantane
e ll’aria, era chiena de tafàne
‘nziéme a ciérte animale gruósse e strane,
ca me saglievano ‘ncuóllo, a raspà ‘e rame,
de la foresta mia mediterranea.

Pure ‘o lióne me girava attuórno
pecchè ccà ‘ncòppa truvava da magnà primmo e cuntuórno.
Madonna! Si ce pienzo che tristezza,
me ne stevo sulo dint ‘a sta chiàna,
cu l’aucielle, ca vulavano ‘a migliara,
mentre io facevo ‘e nuttatelle chiare…

Ovèro, ca ‘o Patatèrno m’aviva piazzato ‘a nu bellu posto
e ca era assaje bello lu guardàrse attuòrno,
nu mare argiento e tanta cose ‘e grande qualità
ca la storia ve sta ancora a’ raccuntà!
Ma io c’aggio tenuto e tengo ancora “‘o ffuoco ‘mpont’ ‘o musso”,
pe forze ‘e cose, ogne tanto m’ aggio fa venì na mossa!

Pecchè ? Pecchè maie me stanco e maie me sazio,
so’ nato buono e disgraziato,
ogne tanto aggia dà na scutuliàta,
modificanno ‘o sito e la guardata!
Nun ero felice… nun putevo essere contento,
io stevo sulo, ‘e nun sapevo, cómme avevo passa’ ‘o tiémpo,
brutta è la solitudine, perciò pure si stevo tra ‘o mare azzurro e la verde campagna
svettavo sulo, senza na cumpagna.



Accussì, na bella matina, facette o pandemonio, e arrevutáie tutt’ ‘o circondario,
Madonna che fuia fuia ca cumbinaie,
‘o tiémpo quase ‘e bótta se cagnaie
e ‘o celeste cielo tutto se scurette,
’o mare s’aizaie in tutta fretta
e n’onna ‘ncopp’ ‘a terra se rumpette,
facenne uaje, assaie cchiù ’e mille saette.

Pecchè? Pecchè nu colpo e tosse, embè facette
e lanciaie ‘ncielo, cennere e lapille,
ca’ fujevano uommene e’ animale a mille a mille!
Dopp’ nu sacco 'e tiémpo poi sapetté,
ca tutte li prète c'avivo sparate,
assàje luntano erano arrivate,
cuglienne nun saccio quanta site ‘e stu paese,
arrivanno fino a’ Eboli e Telese.

Ma c’aggia fa’, de restà sulo, m’ero proprie scucciato,
perciò facette a tè “ Muntagna ‘e Somma mia! ”
Sulo cu pregie e manco nu difietto,
ca guardannete, pruvavo e provo gran diletto,
sì… e própio, cómme ‘a tutte ‘e coppie ‘e chistu munno,
simme diverse tu sì tagliènte, mentre io, so’ ‘a cono, tunno!

Si!... che me vuò dì? ‘O saccio! Ca tante n’aggio fatte e truculiate
e caccheduna nun v’allicurdate,
ma pure doppo nel settantanove
a’ ‘e pompeane jette a rómpe ll’ove,
cummigliannele ‘a città, e nu piezzo, ancora nun se trova!
Chesta fuie cchiù forte, tremmaje tutta la Campania scassànno Nucera ed Ercolano;
m’allicordo, ca ce ne murettero animale e persone p’ ‘a cennere e lapille ca lanzaj
e cchiù lu gass ca ll’aria attuòrno s’inquinaie...

Plinio seniore, là de rimpette mmiez’ ‘o mare appustiato,
‘ncòpp’a na triremo arreparato,
‘o spettaculo tutto s’ ‘o guardaie, da viecchio curiosone o giornalista,
comme ogge vuie a chiste li chiammate!
Tutto mettette buóno, buóno per iscritto,
facennelo arrivà a' letterati, ca ‘mparavano a’ guagliune lu latino,
e chistu fatto cuntavano dint’ ‘‘e scole ogni matino.

Ma doppo d’avè scritto la notizia ‘o sfurtunato,
‘a pelle ce pusaie avvelenato,
pe’ lu gas ca’ l’avevo mannato!


( Campania infelix stamane! Perchè il Vesuvio dopo pochi anni, di nuovo s'è svegliato, procurando svariati danni e pur’anco immani agli abitanti di tutto il vesuviano!) dice nu proverbio antico “Questa è la zita e Sabella se chiámma”!


Ma c’aggia fa’, vulcano io songo e VESUVIO me chiammo
e ogge comm’aiere, io… ‘o faccio sultanto pe’ mestiere,
’o fuoco, aggio ‘a lanzà di tanto in tanto,
perciò so’ guappo e v’ata levà ‘a ‘nanze.
Fesse so’chille ca pe’ buòno guardàrse ‘o panorama,
‘ncòpp’ ‘a panza mia se fanno ‘a villa, senza s’allicurdà!....
Uè chi songo io? (Ca io so’ de nisciuno, ca so’ sultanto ‘o mio! )
Ca so’ dulúre ‘e stómmaco e de panza,
si a mme me vène a fréve?… Manco de criànza!

Chiste so’ scième uè nun hanno capito quanta distruzione
po’ dà ogni mumento la mia eruzione,
chiste so’ tuoste e so’ talmente tuoste,
ca da sempe se scordano ‘a lezione
e ca’ lo Vesuvio è nu capuriòne .

Ovèro ca da ccà ‘o panorama è troppo bello e Neapolis è ‘o paese de lu sole,
e ca ‘ncòpp’ ‘addu mè, se fa cchiù bbuono l’ammóre
e ca la luna ccà tene natu chiarore
pirciò lassate chistu posto al naturale
nun me scavate, nun me facite male.
Nun v’ ‘o scurdate nun ve scurdate maje,
ca’, addu me la scossa po’ essere accumpagnata
da na bótta de ciento e ciento bomme
e ca putarria essere assàje forte
e ca ‘o Vesuvio n’accumpagnate e po’ accumpagna’ alla morte?

‘O saccio, ca la cosa nun ve piace,
ma sapite buóno ca chi pazzea co’ ffuoco,
‘e mmano se po’ coce!

Turnammo a tè Muntagna ‘e Somma mia,
tu ca me staie vicino, a farme compagnia,
sì bella assaje perciò, mo’ si’ ‘a vita mia!
Ma tu ce piènze che ce firàmmo ‘e fa’, mo’ tutte e duje?
Meliune ‘e cartoline, meliune ‘e fotografie, meliune ‘e verse pe poesie,
meliune e quadre cu tutte li culure,
uè simmo visitate da nu sacco de signure,
ca veneno fino ‘a ccà da tutto ‘o munno
e spenneno pe nuje sorde a zeffunno.

E mentre ‘a terra gira notte e juorne,
te può sentì luntano ‘o canto ‘e na canzone
“ ‘O sole mio”, “Funiculì e funiculà”
e tant’ati mutive belle si te vuò appezzà.
Nun te scurdà cara cumpagna ca li gente noste
vivono anche di folklore e tammurriate
cu cante suone e belli ballate
e ca forte ne può sentì ‘o calore,
ca’ sti figlie ‘e mamme fanno ‘a tutte ll’ore!

Devi sapè ca de nuie duie se ne parla assaie
e pe tutt’ ‘o munno, pecchè nuie simmo l’icòna, ‘a cartolina e Napule
ca resta dint all’uocchie de fureste
ca primma de partì pe case lloro
scrivono agli amici assje cuntente
“Napùle! Nun l’ ‘e visto nun le vist’ancora?
Viène!... “Ca vide Napùle e po’ muore!”.
Devi anche sapere, oh mia compagna
ca si nc’dessero e diritte d’autore,
nuie fusseme ricche assaje, comm’ ‘a miniera d’oro
, pecchè tanta denare in SIAE trasessero ‘a tutt’ore!

Ma qua Bill Gates o Paperone, nuie ll’euro e tenessemo a meliarde,
mettennece sti signure dint’ ‘o sacchino,
putesseme essere, la luce del mattino,
pe’ mascule femmine e bambini
nuie putessemo da ‘a campà cchiù mmièzu munno,
facenno magnà buóno tanta gente,
cosa ca tutte e cummannanne all’ONU mise,
nun fanno avè alli poveri, forse, manco na cammisa.
Vide nu poco comme stanne ‘e fatte?

‘Ncuollo a nuie ne diceno buscìe
ca’ pure ‘e televisione ogge so’ cuntorte,
quanno dicene ca ‘e vulcani so’ ‘e fetiente,
pecchè quanno se scemano fanno danni ingenti,
e ca danno ‘a morte,
ma nun diceno uommene ausate li cervelle,
‘e stateve cchiù accuorte!

Forse cu mmico sarrà ovèro!... Ma no cu te cumpagna mia!
‘O sanno ca tù si’ ‘a muntagnella fresca,
ca tu si chiena de verde e de catalanésca
e sotto ‘e piante toje se po’ sta allèra e o’ frisco,
si portèno cu lloro nu fiasco ‘e vino e nu panino cu ‘a ventresca?
Tutte e juorne avè nu poco de tre maggio, tenè nu poco ‘e festa dint’ ‘o core,
campànno cchiù ‘a cuntatto cu ‘a natura, sunanno ciaramelle e puti pù
‘e fa’ cchiù allèro ‘o suono de' tammurri p' arrecrià cu cante e ballo senza sosta,
e purtanno ceste de magnà ‘e chesta posta.

Madonna, quanta feste se fanno ‘ncuoll’ ‘a mme,
‘o saccio so’ tutte ‘e tradizione, e vuie l’ata vedè.
Venite ‘alla Annunziata ‘a Torre p’ ‘a Madonna ‘a neve!
Venite ‘e vagne pe ve levà ‘a frève
ca la Signora ‘e figlie suoie ‘e vò bbene,
venite a Somma pe' la Candelora
addò se prega e chiagne cu dolore.
Si po’ ve vulisseve ‘mbriacà o sultanto vèvere nu bicchiere ‘e vino,
jate là proprio ‘a Terzigno in villa Fabbrocino,
addò ancor’ ‘ogge ‘e viecchie contadine
dint’ ‘a nu chirchio abballano cu ‘e nonnine.
Questo in onore alla tua Mamma bella,
chella ca vuie chiammate ‘a Somma, Madonna de Castiello,
ca ‘ncuollo ‘a mme,
avarria da spannere lu mantiello pe' me stutà stu fuoco ‘a Masaniello.

Cumpagna mia! T’ ‘o giuro, pròpio mo’ obbì,
vulesse ‘nzième a te truvà la pace, e lava cchiù nun caccià,
pecchè ella coce, però… nu pennacchio vulesse avè in eterno,
pe lo piacere e ‘o gulio della gente, ca guardanno l’aurora da’ matina,
vedessero chesta Napule… sempe comm’ ‘a n’eterna cartulina!

 

Foto fornite da Cartantica

dello stesso Autore:


- La Festa di Piedigrotta

- La Tombola

 

- Poesie Varie

Ciao a Tutti | Contattami | Nota Legale | Ringraziamenti |©2000-2016 Cartantica.it