Rubriche di
Patrizia Fontana Roca

 

 

VIA CRUCIS A PIU' VOCI

 

 

Santa Maria, i nostri occhi vanno in cerca di te. Sulla via dolorosa prendici per mano, faremo insieme la strada portando la nostra piccola croce dietro la Croce di tuo Figlio. Con te la Croce di Gesù non ci mette paura anzi ci parla di speranza e di salvezza, ci insegna a deporre nel solco dei giorni senza luce i semi della grazia.

O Maria, Madre dei dolori, in Te molte mamme si specchiano e prendono lezioni di vita. Tu insinui a tutti noi tuoi figli con dolcezza la legge dell'amore che mette un raggio di luce nelle nostre croci e ci rende compagni buoni di chi soffre... ripeti anche a noi, durante questo pio esercizio, la lezione dell'amore che illumina il nostro dolore e ci fa compassionevoli per quello dell'altro. Allora al termine di questa via crucis ci sentiremo chiamati a farci carico delle tante croci ancora presenti sulla terra.

Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto (Giov. 19,37) Tutta la vita del cristiano è rivolta a quella Croce, di essa gesù ha fatto un sacrificio d'amore per la nostra salvezza., il segno più grandedella misericordia divina. Perciò ogni credente può fare sue le parole di san Paolo e ripetere con intima gioia:
" Gesù mi ha amato ed ha dato se stesso per me ". (Gal. 2-20).

 

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo

 

Canto

Santa Madre deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

******

 

I Stazione - Gesù è condannato a morte

 

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo perchè con la tua santa croce hai redento il mondo

Dal Vangelo:
Ma essi urlavano: "Crocifiggilo, crocifiggilo!". Ed egli, per la terza volta, disse loro: "Ma che male ha fatto costui? Non ho trovato nulla in lui che meriti la morte. Lo castigherò severamente e poi lo rilascerò". Essi però insistevano a gran voce, chiedendo che venisse crocifisso; e le loro grida crescevano. Pilato allora decise che la loro richiesta fosse eseguita. (Lc. 23, 21-24)

S. Antonio scrive:
Un uomo di nome Pilato firma lacondanna di Cristo Re dell'universo. Uno dei dodici, Giuda, lo tradisce,. Oh, dolore, si mette a prezzo colui che è senza prezzo, si svende per pochi soldi un Dio"

Riflessione preghiera personale - Padre nostro

 

 

 

II Stazione - Gesù è caricato della croce

 

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo perchè con la tua santa croce hai redento il mondo

Dal Vangelo:
Allora presero Gesù ed egli, portando la croce, si avviò verso il luogo del Cranio, detto in ebraico Gòlgota, (Gv. 19, 17)

Giovanni Paolo II scrive:
Cristo molto chiaramente diceva: "Se qualcuno prende la sua croce ogni giorno". Se la storia di ogni persona e dell'umanità stessa appare come storia di sofferenze, di disgrazie, di sconfitte e di morte, ricordiamoci che la Sacra Scrittura pone a fondamento di tutto l'amore infinito di Dio e la certezza che verrà un giorno in cui egli "asciugherà le lacrime su ogni volto".

Riflessione e preghiera personale - Padre nostro

 

 

III Stazione - Gesù cade la prima volta

 

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo perchè con la tua santa croce hai redento il mondo

Da Isaia profeta:
Eppure egli si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori (Is. 53, 4)

Il Beato Giovanni XXIII scrive:
Sotto il peso delle nostre croci può accadere anche a noi di crollare ma soprattutto di sentirci soli. Impariamo da Gesù trasformandole in meriti. Saper soffrire! Questa è la grande arte del vivere.
Saper soffrire pensando a nostro Signore ed unendoci a lui: questa è l'arte di farci santi senza molta spesa.

Riflessione e preghiera personale - Padre nostro



 

 

IV Stazione Gesù incontra sua Madre

 

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo perchè con la tua santa croce hai redento il mondo

Dal Vangelo:
Simeone li benedisse e parlò a Maria, sua madre: "Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione perché siano svelati i pensieri di molti cuori. E anche a te una spada trafiggerà l'anima". (Lc. 34-35)

Il Beato Giovanni XXIII scrive:
Anima devota, nel doloroso cammino della via Crucis, il tuo Gesù mette in opera tante specie di patimenti per vincerti e staccarti dal peccato: cadute, incontro con la sua SS.ma Madre, pianto pietoso delle donne... In tutti questi patimenti il Cristo ti guarda con uno sguardo che attraversa i secoli e su di te si fissa.
Egli vede ancora la tua debolezza nell'amarlo...

Riflessione e preghiera personale - Padre nostro

 

 

V Stazione - Gesù è aiutato dal Cireneo

 

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo perchè con la tua santa croce hai redento il mondo

Dal Vangelo:
Allora costrinsero un tale che passava, un certo Simone di Cirene che veniva dalla campagna, padre di Alessandro e Rufo, a portare la croce. (Mc. 15-21)

Il Beato Giovanni XXIII scrive:
Il volto di Cristo è davanti a noi dovunque c'è uno che soffre. In questi giorni, a causa di piogge alluvionali, ho visto tanta gente della Bulgaria senza più un tetto, esposta al freddo delle notti e all'acqua. Pensate a tanti vecchi, a tante povere mamme che in questi giorni hanno avuto bambini e non sanno come ripararli: è loro mancata anche la grotta di Betlemme.
Io son contento di trovarmi in mezzo a tanti dolori altrui per aiutare e confortare in nome del Signore che ci ha fatto tutti fratelli.

Riflessione e preghiera personale - Padre nostro

 

 

VI Stazione - La Veronica asciuga il volto di Gesù

 

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo perchè con la tua santa croce hai redento il mondo

Da Isaia profeta:
Non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi, non splendore per provare in lui diletto.
Disprezzato e reietto dagli uomini, uomo dei dolori che ben conosce il patire, come uno davanti al quale ci si copre la faccia, era disprezzato e non ne avevamo alcuna stima. (Us. 53, 2-3)

Madre Teresa di Calcutta scrive:
La donna possiede il genio dell'amore e per amore è capace di ogni eroismo. Ecco la Veronica: avrà dovuto farsi strada con la forza per arrivare a tu per tu col Volto santo di Gesù sotto la Croce. Glielo asciuga, poi scompare ma noi siamo qui per ricordarla.
L'amore è la forza segreta del mondo ed io credo che esso debba cominciare dal focolare, esprimersi nella famiglia, col vicino di casa, con il povero che si incontra per strada. Poi si estenderà a tutti.

Riflessione e preghiera personale - Padre nostro

 

 

VII Stazione - Gesù cade la seconda volta

 

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo perchè con la tua santa croce hai redento il mondo

Da Isaia Profeta:
Egli è stato trafitto per i nostri delitti, schiacciato per le nostre iniquità.
Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui; per le sue piaghe noi siamo stati guariti. (Is. 53-5)

Sant'Annibale di Francia scrive:
Anima devota, Gesù oppresso sotto la croce ti fa comprendere quanta luce di grazia viene dalla sofferenza. Il Signore ti invita a portare la tua croce, te la pone egli stesso sulle spalle, qualche volta te l'aggrava per fartela meglio sentire; ma se sarai fedele saprà ben Egli comunicarti quelle consolazioni, quella pace che sono l'anticipazione del premio eterno.

Riflessione e preghiera personale - Padre nostro

 

 

 

VIII Stazione - Gesù consola le pie donne

 

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo perchè con la tua santa croce hai redento il mondo

Dal Vangelo:
Lo seguiva una gran folla di popolo e di donne che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui.
Ma Gesù, voltandosi verso le donne, disse: «Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli. (Lc. 27, 28).

Giovanni Paolo II scrive:
Sulla via del Calvario sono le donne a coinvolgersi col Cristo sofferente. Lo riconoscono, gli si avvicinano. Anche ciascuno di noi lo vuole riconoscere e pregarlo: Mio Dio, ho bisogno di Te, conto su di Te per esistere e vivere. Tu sei più forte del mio peccato. Credo nella Tua potenza, nella Tua capacità di salvarmi così come sono adesso. RicordaTi di me, perdonami!

Riflessione e preghiera personale - Padre nostro

 

 

IX Stazione - Gesù cade per la terza volta

 

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo perchè con la tua santa croce hai redento il mondo

Da Isaia Profeta:
Dalla pianta dei piedi alla testa non c'è in esso una parte illesa, ma ferite e lividure e piaghe aperte, che non sono state ripulite, né fasciate, né curate con olio.(Is. 1,6)

Sant'Antonio scrive:
Considera, peccatore, quanto grandi erano le tue ferite, se non poterono essere curate che dalle ferite di Gesù Cristo.
E poichè le tue ferite erano mortali, cioè portavano alla morte eterna, morì per te il figlio stesso di Dio.

Riflessione e preghiera personale - Padre nostro

 



X Stazione - Gesù è spogliato delle vesti

 

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo perchè con la tua santa croce hai redento il mondo

Dal Salmo 21:
Si dividono le mie vesti, sul mio vestito gettano la sorte. (Sl. 21, 19)

Madre Teresa di Calcutta scrive:
Gesù nasce povero e tale ancora si offre al mistero della croce: nudo, solo, in mezzo ad una folla ostile.
La più grande sofferenza è sentirsi soli, non desiderati, nè pensati.
In una casa per anziani piena di ogni conforto i ricoverati erano di una tristezza cupa. Tutti indistintamente guardavano con occhi avidi verso la porta d'ingresso. La suora mi spiegò: "E' così ogni giorno, desiderano che qualcuno venga a trovarli, fissano la porta e sperano".

Riflessione e preghiera personale - Padre nostro

 

 

XI Stazione - Gesù è inchiodato alla croce

 

 

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo perchè con la tua santa croce hai redento il mondo

Dal salmo 21:
Hanno forato le mie mani e i miei piedi, posso numerare tutte le mie ossa (Sl 21, 18).

Giovanni Paolo II scrive:
Molti sono oggi gli uomini e le donne inchiodati alla miseria, incompresi, ignorati, offesi, senza un lavoro, senza una casa, senza una patria.
Essi sono ampiamente emarginati e lo sviluppo economico si svolge, per così dire, sopra le loro teste.
Si apre qui un grande e fecondo campo di impegno nel nome della giustizia a vantaggio dei meno fortunati

Riflessione e preghiera personale - Padre nostro

 

 

XII Stazione - Gesù muore sulla croce

 


Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo perchè con la tua santa croce hai redento il mondo

Dal Vangelo:
Gesù, gridando a gran voce, disse: «Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Detto questo spirò. (Lc 23, 46)

Madre Teresa di Calcutta scrive:
Quanto terribile e reale deve essere il peccato! Dio crocifigge il figlio Gesù per espiare il peccato e crea l'inferno per punirlo.
Il peccato peggiore è la mancanza di amore. Gesù muore perchè egli stesso l'ha voluto, ma oggi - e nei secoli - c'è gente che muore di fame.
Ciò avviene non perchè Dio non si è preso cura degli infelici, ma perchè tu, io, non abbiamo dato, perchè non siamo stati strumento d'amore nelle sue mani per far giungere loro il pane e il vestito necessario, accompagnato da un tenero sorriso.

Riflessione e preghiera personale - Padre nostro

 

 

 

XIII Stazione - Gesù è deposto dalla croce

 

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo perchè con la tua santa croce hai redento il mondo

Dal Vangelo:
Venuta la sera giunse un uomo ricco di Arimatèa, chiamato Giuseppe, il quale era diventato anche lui discepolo di Gesù. Egli andò da Pilato e gli chiese il corpo di Gesù. Allora Pilato ordinò che gli fosse consegnato. Giuseppe, preso il corpo di Gesù, lo avvolse in un candido lenzuolo... (Mt 27, 57-59)

Il Beato Giovanni XXIII scrive:
Gesù scende dalla croce, ricevuto nelle braccia sante di Maria, accolto dalla Maddalena e dai suoi discepoli più cari.
Quel Volto divino è disteso nella calma della morte, accettata in perfetta uniformità al volere del Padre.
Ho sempre riflettutto sulla mia disposizione di animo che mi fa riposare nelle braccia della Provvidenza.
In parte debbo tale inclinazione al fatto di essere nato in campagna, da una famiglia povera di beni, ma ricca di fede e di timor di Dio, abituata alle cose semplici della natura.
Nulla ci santifica di più che una vita così, che sa accogliere le rose e le spine negli avvenimenti, e anche nella morte, nella certezza di una vita più grande.

Riflessione e preghiera personale - Padre nostro

 

 

XIV Stazione - Gesù è posto nel sepolcro

 

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo perchè con la tua santa croce hai redento il mondo

Dal Vangelo:
...Lo depose nella sua tomba nuova, che si era fatta scavare nella roccia; rotolata poi una gran pietra sulla porta del sepolcro, se ne andò. (Mt 27, 60)

Sant'Antonio e Madre Teresa di Calcutta scrivono:

Guardiamo ancora una volta quel Volto Santo, eleviamo ancora una volta gli occhi a quella Croce: in nessun luogo l'uomo può meglio rendersi conto quanto egli valga che guardandosi nello specchio della croce (S. Antonio).

Ma, perchè svendiamo con tanta facilità noi stessi al peccato? Perchè permettiamo che tanti nostri fratelli e sorelle soffrano una passione senza fine, come se Gesù non fosse morto e risorto per loro?
I poveri, i malati, gli anziani, non hanno forse il diritto alla gioia dei figli di Dio? Il piccolo bimbo affamato che mangia lentamente il suo pezzo di pane, briciola dopo briciola, perchè teme che finisca presto: ecco una delle tante stazioni della via Crucis eretta sul moderno Calvario del mondo dai nostri egoismi!
Eppure i poveri sono Gesù! Se voltiamo loro la schiena, voltiamo la schiena a Cristo!
Mettiamo dunque tanto amore nei nostri gesti e attendiamo con gioia la risurrezione (M. Teresa)

Riflessione e preghiera personale - Padre nostro

 

 

*******

 

LE 7 PAROLE DI GESU'

 

 


"Meditare su queste parole – scrive madre Anna Maria Canopi nell’introduzione del suo libro "Le sette parole di Gesù in croce. Meditazione e preghiera" (Ed. Paoline)– è come immergersi nel grande mistero della redenzione e diventarne una fedele manifestazione in mezzo agli uomini del nostro tempo che tanto facilmente passano distrattamente accanto alla Croce, assorbiti da altre parole che lasciano il vuoto nel cuore" .

 

Padre perdona loro perchè non sanno quello che fanno

Tu perdoni coloro che hanno firmato la tua condanna, i Tuoi crocifissori.
Perdoniamo anche noi quelli che volontariamente o involontariamente ci hanno crocifisso.

O Gesù che sempre perdoni i miei peccati e hai compassione dei miei limiti, fà che anch'io perdoni di cuore.



Oggi sarai con me in paradiso

Trafitto dalla Tua presenza, dalla Tua bontà, dalla Tua grazia, anche un impenitente ladrone si salva, anzi sarà uno dei primi se non proprio il primo ad entrare con Te in Paradiso.

Fà che anche noi ancorchè peccatori, diventiamo in un attimo nuovi esseri e accoglici, nonostante le nostre tante mancanze, nel Tuo regno di luce.

 

 

Donna ecco tuo figlio, figlio ecco tua madre

Ci consegni in dono Maria.

Grazie di tanto regalo, fà che sappiamo esserLe sempre fedeli e curarla - in questa casa che è il nostro cuore - come fosse la nostra madre naturale.

 

 

Dio mio, Dio mio perchè mi hai abbandonato...?

Nonostante la forza, l'amore, la Tua natura divina, la Tua parte umana si abbatte e gridi...
Un grido sconsolato che squarcia il silenzio.
Tante volte anche noi ci chiediamo dove sia Dio quando dinanzi agli occhi ci si aprono baratri di dolore o di ingiustizia.

Non abbandonarci Gesù in questi momenti, facci sentire la Tua presenza accanto a noi, non lasciarci soli.

 

 

Ho sete!

Gesù ha consumato tutte le sue energie, ha sete, vuole ristorarsi.

Fà che con qualche piccolo atto di carità noi riusciamo a lenire la Tua sete d'amore, riusciamo a placare la Tua arsura che vorrebbe tutti gli uomini uguali e fratelli, tutti gli uomini attirati a Te.



 

Padre nelle tue mani rimetto il mio spirito

 

Gesù infine si dona definitivamente al Padre, si consegna nelle sue mani divine, conclude ed attua la sua volontà.

Gesù fà che anche noi ci uniamo a Te nel desiderio di compiere la volontà di Dio.

 




 

Tutto è compiuto

In questa frase si riassume tutta la vita di Gesù.
Come è difficile invece per noi così deboli comprendere le strade che dobbiamo percorrere, quale è la missione a cui siamo destinati, per raggiungerTi infine al compimento della nostra esistenza!

Dacci fede, Gesù, per abbracciare la nostra croce quotidiana e proseguire il cammino verso il Padre.
Dacci speranza, Gesù, facendoci sentire le nostre croci come mezzo di salvezza.
Dacci carità, affinchè, pur desiderando fuggire, diventiamo invece Tuoi compagni di viaggio, alternandoci nel portare la Tua croce.

 

 

Per altre Via Crucis, vedere:

- Il cammino della croce - Fioretti quaresimali

- Via Crucis figurata

 

- Via Crucis con Gesù

- Via Crucis con Maria


- Via Crucis accompagnati da San Josè Maria Escrivà de Balaguer

 

- Via Crucis accompagnati da don Tonino Bello

 

- Via Crucis accompagnati da David M. Turoldo

- Via Crucis con amore

 

- Via Crucis Spagnola

- Via Crucis fotografica

 

- Via Dolorosa

- Via Crucis Costruita nella luce della risurrezione con insegnamenti, riflessioni e accadimenti storici contenuti in Atti degli Apostoli e in altri scritti del Nuovo Testamento Morte e Vita (III)

 

- Da Gerusalemme al Golgota - Personaggi

 

e in Collaborazioni - di P. Leonardo Bellonci -

Via Crucis Bibliche- Parte prima: La redenzione prevista nell'Antico Testamento:


- La Redenzione prevista nei Salmi


- La Redenzione prevista da Isaia

- La Redenzione prevista dai Profeti (I)

- La Redenzione prevista nei Profeti (II)

- La Redenzione prevista dai Profeti (III)


Parte seconda - La Redenzione raccontata - Via Crucis Storiche -
Nel gruppo delle Via Crucis che abbiamo indicato come ‘Storiche’ sono riportate tutte le notizie delle quali gli Evangelisti sono stati spettatori (Giovanni e, almeno in parte, Marco per quanto gli poteva provenire da S. Pietro), o che hanno potuto raccogliere da fonti sicure (Matteo e Luca, sia – quest’ultimo – direttamente dalla Madonna, sia da “ricerche accurate”).
La ‘storicità’ della persona, dell’insegnamento, della Passione-Morte-Risurrezione di Gesù del resto è confermata dalla trasparenza dei racconti, condotti senza alcun ornamento o artificio letterario, oltrechè da fonti non cristiane:

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di S. Matteo

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di S. Marco

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di S. Luca

- Via Crucis costruita sugli insegnamenti, Riflessioni, Predizioni, Accadimenti storici contenuti nel Vangelo di Giovanni

Parte Terza - La Redenzione contemplata - Nel gruppo delle Via Crucis che contemplano la Redenzione alla luce della Risurrezione si essenzializza il binomio: Morte-Vita.
Dunque la scansione delle ’Stazioni’ perde i suoi contorni. In sintonia con la Liturgia Cattolica, viene messo a fuoco lo scontro tra la Morte (Satana) e la Vita (Cristo), che ci ha meritato la redenzione.
In particolare: In MORTE–VITA (I, II, III) si è insistito sul fatto che dalla morte viene la vita.
Perciò in ogni citazione sono messi in vista, anche graficamente, i due termini e fatti correlativi.
I testi sono tratti dagli ‘Atti degli Apostoli’ e dalle ‘Lettere’ del Nuovo Testamento.
In IL GRANDE DRAMMA (I) campeggia lo SCONTRO tra Cristo e la Morte.
In IL GRANDE DRAMMA (II) quello tra i Cristiani uniti a Cristo e la Morte.
I testi di queste ultime due Via Crucis sono tratti dall’Apocalisse di S. Giovanni.
Chiude la raccolta una ‘Via Crucis’ di intonazione ‘tradizionale’.

- Via Crucis MORTE E VITA I - Costruita nella luce della risurrezione con insegnamenti, riflessioni e accadimenti storici contenuti in Atti degli Apostoli e in altri scritti del Nuovo Testamento
          

- Via Crucis MORTE E VITA II - Costruita nella luce della risurrezione con insegnamenti, riflessioni e accadimenti storici contenuti in Atti degli Apostoli e in altri scritti del Nuovo Testamento

- Via Crucis MORTE E VITA III - Costruita nella luce della risurrezione con insegnamenti, riflessioni e accadimenti storici contenuti in Atti degli Apostoli e in altri scritti del Nuovo Testamento
               
- Via Crucis IL GRANDE DRAMMA I - Riflessioni, predizioni e letture profetiche di accadimenti storici contenuti nel libro dell’Apocalisse - Prima parte


- Via Crucis IL GRANDE DRAMMA II - Riflessioni, predizioni e letture profetiche di accadimenti storici contenuti nel libro dell’Apocalisse - Seconda parte

- Appendici - Via Crucis Tradizionale


Per altre Preghiere e Devozioni:

- Coroncine

- Litanie Lauretane

- Litanie Mariane di don Tonino Bello (1)


- Litanie Mariane di don Tonino Bello (2)


- Misteri del Rosario

 

- Preghiere a Gesù

- Preghiere a Maria

- Preghiere per ogni occasione


- Preghiere Semplici


- Preghiere di pace e di guerra

e

nella sezione dedicata al Natale

- Preghiere a Gesù Bambino

 

 

Ciao a Tutti | Contattami | Nota Legale | Ringraziamenti |©2000-2016 Cartantica.it