Home Page | Ciao a Tutti | Dicono di noi | Libro degli Ospiti| Un pensiero per... | Una preghiera per... | Contattami

Rubriche di
Patrizia Fontana Roca


COLLABORAZIONI

In questo Settore vengono riportate notizie e immagini fornite da altri redattori.
Nello specifico, i testi sono stati realizzati da Gianfranco Brienza, mentre le foto e la grafica sono state curate da Cartantica.
Tutti gli articoli degli altri Settori sono state realizzati da Patrizia di Cartantica che declina ogni responsabilità su quanto fornito dai collaboratori.

"N.B.: L'Autore prescrive che qualora vi fosse un'utilizzazione per lavori a stampa o per lavori/studi diffusi via Internet, da parte di terzi (sia di parte dei testi sia di qualche immagine) essa potrà avvenire solo previa richiesta trasmessa a Cartantica e citando esplicitamente per esteso il lavoro originale (Autore, Titolo, Periodico) ."

 

POESIE E CANTI

 

‘A MARONNA ASSUNTA
(Canto del 1800)

 


 


“Ciento croce e ciento Avummarìa
faùzo nnemico arràssa all’là
ca’ cu mmico nun hai che fa’. 
                              Ogge è lo juòrno de la Vergine Maria
ciento croce e ciento Avummarìa.”

Chesto m’’o dicèva ‘a nonna mia
ca pe l’Assunta tenèva na malia.
Li vècchie do’ paese, vutàte a chisto culto
dalla Schiavona cercavano l’indulto,
dicevano alli paisàne “ E’ la cchiù bella festa
uè, de la stagione, è la  capintesta!”

“Ciento croce e ciento Avummarìa
faùzo nnemico arràssa all’là
ca’ cu’ mmico nun hai che fa’!
Ogge è lo juòrno de la Vergine Maria
ciento croce e ciento Avummaria!”



******

 

BALLA BALLA

 

 

Scetatève nennelle ca se sòna.
Se canta la canzona da' figliola,
de la figliola che se chiama Rosa.
Canzona antica de li pate nuoste,
canzona antica de li paise nuoste.

Venite ccà nennelle, ca s'abballa
nu ballo antico 'ncoppa 'a nu tamburo
pe te scurdà lu munno ca s'annera
e ca ce 'nchiova 'nfacce 'o muro.
Scurdammece de guaie cu 'o tamburo...

Balla balla balla balla balla balla
'ncoppa a stu tamburo
e comme facevano li pate nuoste
allontanate, allontanate do' muro
si vuò guardà int'all'uocchie nu creaturo (2 v.)

******

Scetateve guagliune ca se sona
se canta la canzona da' figliola
de la figliola che se chiama Rosa,
canzona antica de le mamme nuoste,
canzona antica de li paise nuoste.

Venite ccà guagliune ca s'abballa
nu ballo antico 'ncoppa a nu tamburo
pe te scurdà nu munno ca s'annera
e ca ce 'nchiova sempe 'nfaccia 'o muro.
Scurdammece de guaie cu 'o tamburo...

Balla balla balla balla balla balla
balla balla balla balla balla balla...

 

 

******

HO SOGNATO

 


 Ho sognato di volare
su rigogliose foreste
su letti di fiumi e…
mari non oltraggiati !
 
Ho sognato di volare
tra stormi di uccelli
in cieli senza uragani e…
su estese savane assolate!
 
Ho sognato di volare
su di un mondo sereno
senz’armi ed in pace
tra sorrisi di bimbi satolli!

 

******

MADONNA DEGLI ANGELI

 

Quanta celeste, sta dint' 'a stu quatro
e che fiùra bella è sta Madonna?
Fùie truvàta, in vero nel seicento
da quatto vuòie ca tiravano n'aratro
fui truvata là. 'mmiezo alla terra!

Po' lu contado, le facette na cappella;
sta fòre mano, ma mo' è na chiesa bella!
Na zizza 'a fòra, tène chesta mamma
allatta 'o figlio. ca' è nato Patatèrno
e, ca', overamènte aiuta, sta cuntrada
facenno onore, 'a Mamma ca' l'allatta!

Quanta miràcule sta Madonna ha fatto?
Ca' la gente, de cchiù ce vène 'a frotte!
Ccà, continua 'a stirpe e l'allummata
pecchè 'nce fanno 'o struscio li nennélle
ca', 'nce vèneno a truvà. nnammuratièlle!


******

'E FIGLIE

 

'E figlie so' ancora piezze 'e core
ma, se ne jetta uno ogne mez'ora.
Pe na famiglia so' sèmpe na prièzza
ma spisso mo', vanno int' 'a munnezza!

Stanotte so' passato p' 'a duchesca
proprio llà, sì p' 'a strata d' Annunziata
e de la grande ròta, me so' arricurdato.
Madonna. Madonna vuie ce pensate!
Quanta figlie 'e mamma ca' ha salvato
dalla miseria, 'a fàmma e d'assucciàta.

Bella è 'a famiglia si se resta abbracciate
ma che vvuo' fa', 'o munno ogge è cagnàto
Ce stanno ati famiglie, chelli cchiù allargate
e chelle cu duie pàte ca vònno fa' 'e spusàte
o' cu ddoie fèmmene, ca mamme nun so' state
ma ca nu figlio 'o vònno. Mè. gente traviàte!

Na ròta assaie cchiù grossa ogge s'avesse fa'
ma no pe li creature ca DIO n'terra vo' mannà
ma pe sta feccia umana ca' avimmo suppurtà
e ca manco li discariche. nun ponno cchiù accettà!
Sultanto nu buono inceneritore, ogge 'nce vulèsse
ma nun 'o putimmo fa'. ce chiammano Esse Esse!

 

******

'O RAMAGLIETTO

 


A Ninetta aggio purtato
'o cchiù bellu rammaglietto!
L'aggio fatto d'int all'uorto
l'aggio fatto pe dispietto!

Né marì tu la jettaste
chella rosa bella e rossa
addirosa e avvellutata?
Tu Marì faje 'a spustata?
E Tatuccio trov' 'a nata!


*******


PIEDIGROTTA

 


Gianfranco Brienza la dedica a tutti coloro che sono riusciti a vivere una Piedigrotta in Napoli

Nun pozzo maje scurdà , 'a litoranea.
quanno jèvemo purtanno 'o cuppulòne.
Pe ce 'nfelà là dinto li cuppiette...
facenno, piglià collera 'e cafune!

Calàvemo 'o cuppulòne sin' 'a 'nterra
redevèmo, 'e nu juoco ca era 'a 'uèrra!
La chiòrma de bardasce nun tremmava,
si coccheduno ajemmè se ribellava!

Tutt'allummata, de Chiaia la riviera,
sfelavano li carre, sunanno pe li vie
purtavano alla gente, cchiù alleria!
'Ncopp' 'o palco cantavano 'e canzone
'o fuoco 'a mmare... era n'emozione!

Cu tromme, sciosciammocche e raganelle
se jeve 'a piedigrotta festa bella!
'E mentre ca la folla cchiù cresceva
'a spica, 'ncopp' 'a vràsa se cuceva!

Na palla 'e segatura cu la molla
tuccava arrèt' e spalle li nennelle
ca ieveno a truvà nammuratielle!
'A festa, era chiena 'e bancarelle
addò accattàvano, pe figlie 'e pazzièlle!

Tram affullate, scugnizze allu staffone,
se jeve a festeggià, Mamma Schiavona!
Passavamo, primma 'e tutto p' 'a chièsiella,
avevamo da' nu vaso... a' Madunnella!


******

 

L'INTERVISTA

Dedicata al Maestro Mario Merola

 


ME CHIANGNE '0 CORE
GUARDANNE CHESTA GUERRA
CA 'E FIGLIE 'E NAPULE
MO SE STANNO A FA' !

Dicette MARITTIELLO, ll'atu juòrno
al giornalista, ca 'o jette a' intervistà!

Po', na pausa alla Celentano le venètte
ma, tutto 'nzième, se repigliaie de botto.
"Amìco, permettete
'a sti guagliune primma ca moro
nu consiglio, io le voglio da'!"

('E SORDE ! Cu 'a camorra' subbeto'se pònno fa'
ma se more ampressa. è chesta, è verità!)

Pirciò, nun v'accedite e stàteme 'a sentì!
Facite pure vuie comme facc'io
ca pure viecchio vaco 'a faticà
calcanno 'o palcoscenico de sta società!
Jate, jate luntano,
purtateve 'e canzone 'e sta città
cantate a tutto 'o munno "'O sole mio"
"Santa Lucia luntana" e "Maria Maria"
nu filo e voce, v'abbasta pe' cantà
poca fatica e sorde 'e qualità
pe vuie ca site artiste, pecchè figlie 'e sta città!

jate, jate luntano!
E nun guardate si se chiamma America o Giappone
'a vita è bella. jettate. sti cannune !

 

******

LE LUCCIOLE E IL BAMBINO

 

D’estate a Montoro!
Nel buio stellato d’allora
per niente inquinato
da luci al mercurio.
Collinare frescura
via lattea, d’incanto!
Guardavo estasiato!

D’intorno, volanti
minute stelline.
Piccole lucciole,
talvolta inseguite
prese, osservate.
Poi lasciate volare,
al loro destino!

Osservavo felice
le minute creature
per me tanto grandi
perché mie compagne
in quel buio stellato,
di un sì grande creato.
Inconsce paure… fugate!

 

*******

 

ARBERO ADDURUSO


Stò menato ‘ncopp’ ‘o lietto
Guardo attuorno, penso a te.
Quanta male, ca me fatto?
Io nun t’aggio donna Carmè!

Tengo n’arbero ‘e rimpetto
chin’ ‘arance assaie addurose
ca na smania mette ‘mpietto
mentre penso tanta cose!

Nu pensiero me consola
Tengo ‘a vita ‘nnanze a me
Tu menàta ‘ncopp’ ‘o lietto
nun tiéne arbere ‘e rimpetto
nun c’è vita ‘nnante a te!
Mentr’ io assaporo, già ‘a vendetta
farte chiangnere pe mme!...

 


Foto fornite da Cartantica tranne quella di "Ho sognato"
che è di Andrea Leganza
(http://www.flickr.com/photos/neogene/1379297888/)

dello stesso Autore:


- La Festa di Piedigrotta

- La Tombola


- Permettete? So' o' Vesuvio - Versi scherzosi

Ciao a Tutti | Contattami | Nota Legale | Ringraziamenti |©2000-2013 Cartantica.it