Rubriche di
Patrizia Fontana Roca

 

COLLABORAZIONI

In questo Settore vengono riportate notizie e immagini fornite da altri redattori. Nello specifico, i testi sono stati realizzati da Luca Preato del sito http://www.mariaevita.it, mentre le foto e la grafica sono state fornite da Cartantica.

Tutti gli articoli degli altri Settori sono state realizzati da Patrizia di Cartantica che declina ogni responsabilità su quanto fornito dai collaboratori.

"N.B.: L'Autore prescrive che qualora vi fosse un'utilizzazione per lavori a stampa o per lavori/studi diffusi via Internet, da parte di terzi (sia di parte dei testi sia di qualche immagine) essa potrà avvenire solo previa richiesta trasmessa a Cartantica e citando esplicitamente per esteso il lavoro originale (Autore, Titolo, Periodico) ."

 

******

 

 

 

NOTIZIE DA LUCA

 

Cari amici,


oggi desidero condividere con voi l’uscita del nuovo film “Garabandal, cascata inarrestabile” che Mater Spei AIE ha prodotto, e che si affianca a “Garabandal, solo Dio lo sa”.

 

Ora sono entrambi visibili con questo unico link:


https://www.filmgarabandal.com/it


In questo nuovo film un gruppo scelto di esperti e di testimoni diretti delle apparizioni ci guida a capire ciò che veramente avvenne a Garabandal, TUTTA LA SUA IMPORTANZA e adesso possiamo vederne i frutti in «Garabandal, cascata inarrestabile» . Tra di loro si distingue il contributo di P. José Luis Saavedra, autore della prima tesi dottorale sulle apparizioni di Garabandal, e che ci guida in questa rigorosa e illuminante indagine.

 

Buona visone, e non trascurate di visitare anche il sito su Garaband: https://www.garabandal.it/it/ 

 

LE APPARIZIONI DI GARABANDAL SONO STATE CONSIDERATE SERIE E ATTENDIBILI ANCHE DA PADRE LIVIO DI RADIO MARIA e particolarmente importanti. VEDI A RIGUARDO LA SEGUENTE TRASMISSIONE DI QUESTA RADIO TENUTA DA PADRE LIVIO: https://radiomaria.it/puntata/010-le-profezie-mariane-garabandal-i-tre-segreti-di-medjugorje/

 

Il primo messaggio di Garabandal - 18 ottobre 1961
È necessario fare molti sacrifici, molta penitenza, visitare spesso il Santissimo Sacramento, ma prima di tutto bisogna essere molto buoni. E se non lo faremo vi sarà per noi un castigo. Già la coppa si sta riempiendo e, se non cambiamo,il castigo sarà grandissimo.

 

Il secondo messaggio di Garabandal - 18 giugno 1965
Siccome non si è compiuto, non si è fatto sufficientemente conoscere il Mio messaggio del 18 ottobre, voglio dirvi che questo è l'ultimo. Prima la coppa si stava colmando, ora trabocca. Cardinali, Vescovi e Sacerdoti camminano in molti sulla via della perdizione e trascinano con loro moltissime anime. All'Eucaristia si dà sempre meno importanza. Dovete con i vostri sforzi evitare la collera del buon Dio che pesa su di voi.Se Gli chiederete perdono con animo contrito, Egli vi perdonerà. Io, vostra Madre, per mediazione di S. Michele Arcangelo,voglio esortarvi alla conversione. Questi sono gli ultimi avvertimenti. Vi amo molto e non voglio la vostra condanna. Pregate sinceramente, e Noi vi esaudiremo. Dovete fare più sacrifici. Meditate sulla Passione di Gesù.

 

 

P.S. Desidero evidenziare questa parte del messaggio di Garabandal: “All'Eucaristia si dà sempre meno importanza.” Questo anche in riferimento alle Belle parole di Papa Francesco su di essa:

 

UNA VITA PREZIOSA
*11 maggio 2019 *

 


In un tragico e banale incidente in moto, è stato chiamato al Cielo Gioele un ragazzo italiano di Montà, Padova, un bellissimo giovane di ventidue anni con un animo buono e di certo gradito a Dio. Gioele è sempre stato un ragazzo entusiasta, simpatico, amato dagli amici e dai colleghi. Dopo la sua dipartita si sono verificate varie stranezze e coincidenze che lasciavano stupiti sia chi le raccontava che chi ne veniva a conoscenza.

Da allora per molte persone che lo conoscevano o lo hanno conosciuto sono cambiate tantissime cose, c’è stata una “rinascita” a vita nuova, innanzitutto suo fratello Tobia si può dire essere veramente risorto!

Attraverso questo giovane si sono dati così occhi nuovi a chi non vedeva, avendo accolto in tal modo nella propria vita la presenza di Gesù: il suo Amore misericordioso, immenso senza fine, un amore che si apre all’Eterno.
«E adesso Scateniamo il paradiso»: queste sono state, infatti, le parole con cui il Papà di Gioele ha concluso il primo evento intitolato “SpritzGioi” in suo ricordo. Durante l’evento, riproposto di volta in volta ogni undici del mese, viene celebrata una Messa, cui seguono delle testimonianze anche su Gioele. Lo “SpritzGioi”  è trasmesso su questo sito attraverso Youtube. Esso si svolge in Italia a Montà, Padova, nella Chiesa parrocchiale e cattolica di “San Bartolomeo”, nella stessa strada dove è accaduto l’incidente.  Se possibile vi è alla fine dell’evento anche una gioiosa condivisione del cibo pensata soprattutto per i giovani.
L’evento è svolto in comunione con la comunità “Koinonia Giovanni Battista”di Campermon: un associazione privata di fedeli riconosciuta dalla Chiesa cattolica, e il suo gruppo musicale anima questa festa gioiosa in ricordo di questo giovane. Le parole del Papà di Gioele «Scateniamo il paradiso», espresse sopra, hanno voluto riprendere quelle del Film “Il Gladiatore”, che tante volte Papà Massimo aveva visto insieme a suo figlio.
Vogliamo portarle a ciascuno di voi per celebrare insieme la gioia della vita, un dono d’immenso amore per tutti noi. È veramente una festa. Gioele un dono dal Cielo. Una vita preziosa.
 Il nostro grazie a tutti voi.

P.S. Per maggiori informazioni su Gioele potete inviare una mail possibilmente in italiano alla famiglia a questo indirizzo mail: braecri@libero.it Se non potette scrivere la mail in italiano specificate in essa la lingua con cui la scrivete. I genitori faranno il possibile per rispondere.

 

Per partecipare con Don Umberto dall'Igna e don Lelio Grappasonno SACERDOTI NELLA DIVINA VOLONTÀ


Giovedì 31 Dicembre 2020 alle 23.30 per festeggiare Maria e Consacrarsi al suo Cuore Immacolato,

in diretta
sul canale YouTube:
FIAT VOLUNTAS DEI,

e iscrivervi al canale,

cliccate sul link di seguito riportato ⬇️
https://youtube.com/channel/UCIGX1EsPEnNDrv4ipO5JEkQ

 

LA DIVINA VOLONTA'E LA SERVA DI DIO LUISA PICCARETTA

La Serva di Dio Luisa Piccarretta viveva di sola eucaristia rigurgitando il cibo che assumeva e ha ricevuto delle rivelazioni da Dio per conoscere e approfondire le Parole del Padre nostro: Sia fatta la tua volontà come in Cielo così in terra.

 

La Santissima Vergine Maria è colei che si è unita perfettamente con il suo Si alla volontà di Dio dato per sempre stando ai piedi della  Croce come in tutta la sua vita.

 

Canta Alleluia al Signor e alla Mamma sua la più piccola, la più bella. Ave Maria..

******

 

I GIRI DELL'ANIMA NELLA DIVINA VOLONTÀ DELLE SERVA DI DIO LUISA PICCARRETTA:

 

https://youtu.be/KLFNxXLVMEU

 

 

 

Commento personale al Vangelo di oggi Domenica 24 Gennaio 2021 - Chiamata degli Apostoli

Il Vangelo di oggi mi invita proprio a restare nel momento presente perché è in quell' istante che Dio ci chiama. È  nel momento presente che Gesù chiama: che chiama i suoi apostoli e non in un futuro ipotetico costruito dai nostri pensieri e tensioni. Gesù ci chiama nella nostra vita di tutti i giorni, attraverso la Parola, passo dopo passo condotti dal suo vincastro di Amore: Gesù Buon Pastore.

 

Luca

 

MARIA CI INDICA COME PORTARE LA CROCE DI SUO FIGLIO


Vi siete mai chiesti perché noi recitiamo il rosario. Siamo in famiglia qui, la nostra famiglia quindi possiamo parlare in confidenza, ma, secondo voi, alla Madonna ma che gli cambia se le diamo cinquanta Ave Marie o quarantacinque, che stiamo al supermercato. Ti do cinquanta Ave Marie: tu mi dai la Grazia, però ne aggiungo tre in più con quest’altro, ma non funziona così. Il Rosario non è un favore che facciamo alla Madonna, è un favore che la Madonna fa a noi.


Sapete quanti favori ci fa la Madonna nel Rosario:

La Madonna ci prende in braccio e ci accompagna mistero dopo mistero nella vita di Gesù, affinché ci rimanga impresso quello che è successo e noi viviamo uguale; semplicemente ci prende in braccio e ci porta nella grotta di Betlemme e dice: Guarda quel Dio Onnipotente come si è fatto bambino, anzi prendilo in braccio quel bambino tu, durante queste dieci Ave Marie, stai lì: questo è il regalo che ci fa la Madonna, ci fa ripercorrere tutto il Vangelo e ce lo fa entrare nel cuore: per questo non possiamo fare a meno del Rosario, capite? perché abbiamo bisogno che la Madonna ci prenda in braccio e ci insegni a vivere, contemplando esattamente quei Misteri: non è una questione di Ave Marie è una questione di vita.

 

Ecco perché la Madonna ci invita a recitare il Rosario perché è come se volesse dire a ciascuno di noi perdete troppo tempo a lamentarvi, a non trovare vie di uscita, io voglio perdere tempo con voi, vi voglio prendere in braccio e voglio insegnarvi che cos’è la vita, allora diciamo il Rosario dice la Madonna, vi prendo in braccio io e vi insegno la vita di Cristo, così che voi cominciate ad assomigliare a Lui e che la vostra vita cominci a somigliare alla sua vita e che la sua infanzia possa insegnarvi l’umiltà, la sua sapienza possa insegnarvi la capacità di leggere dentro gli eventi, il suo dolore possa insegnarvi la dignità di che cosa significa stare in Croce, ma poi sapete come finisce tutto che Gesù Risorge: perché dovremmo sopportare le nostre Croci, perché sappiamo che hanno… le ore contate le nostre Croci, sì avete ragione, possono durare anche tutta una intera esistenza, ma poi basta, poi basta, poi basta: Gesù ha vinto. Gesù è Risorto. Gesù ha vinto le nostre Croci, le ha vinte.

Se io accetto di portarle è perché so che ha vinto, per questo accetto di perdere oggi, perché so che Lui ha vinto per sempre, allora io accetto di perdere oggi.

 

Don Luigi Maria Epicoco

 

 

 

ORAZIONE DELLA SACRA SPALLA DI GESÙ

 

San Bernardo di Chiaravalle e la Serva di Dio Luisa Piccarreta

 

https://youtu.be/d_PJScbgFgs

 

Il tutto sta nel darsi tutto a Gesù e nel fare in tutto il suo Volere


Dagli scritti della Serva di Dio Luisa Piccarreta elaborazione mantenendo il significato

 

 

 

 

 

 

 

 Ecco il canale Youtube dove sono stati raccolti tutti gli eventi SpritzGioi, di cui parliamo DI SEGUITO:

 

https://m.youtube.com/channel/UCYdD7DxUuRaK2lvK0xxWrog

 

*11 maggio 2019 *


In un tragico e banale incidente in moto, è stato chiamato al Cielo *Gioele*, un bellissimo ragazzo di 22 anni con un animo buono e di certo gradito a Dio. 
Da allora per molte persone che lo conoscevano o lo hanno conosciuto dopo la sua dipartita al Cielo, sono cambiate tantissime cose, c’è stata una “rinascita” a vita nuova, in primis suo fratello Tobia si può dire essere veramente risorto!

Così da subito ogni 11 del mese, è stato costituito un evento chiamato “SpritzGioi”
con “Gioi” che è il soprannome da sempre di Gioele, ma anche “Gioi” come gioia quale è sempre stato il suo carattere solare:
un ragazzo entusiasta, simpatico, amato dagli amici e dai colleghi.
Sì perché tramite Gioele questo evento, questa celebrazione d’eternità, è un soffio di gioia, momenti veri di condivisione, di vita, come ha sottolineato anche Massimo, il papà del ragazzo.
L'evento viene svolto ogni 11 del mese a Montà (Padova), nella Chiesa parrocchiale “San Bartolomeo” in via Montà, 208 che è la stessa strada dove è accaduto l’incidente e per poter essere informati circa l’orario esatto della celebrazione che di volta in volta può cambiare si può inviare una mail alla famiglia a questo indirizzo e ricevere anche il link dove viene trasmesso in diretta l’evento:
braecri@libero.it

Inizialmente era un incontro mensile con sole testimonianze, soprattutto di giovani che raccontavano, dopo la dipartita di Gioele, le varie stranezze/coincidenze che vivevano, lasciando stupiti sia chi le raccontava che chi ne veniva a conoscenza.
Attraverso Gioele sono stati dati così occhi nuovi a chi non vedeva, avendo accolto in tal modo nella propria vita la presenza di Gesù: il suo Amore misericordioso, immenso senza fine. Ecco allora che per alcuni queste “Dio incidenze” sono diventate vere e proprie conversioni.

Successivamente lo *SpritzGioi* è diventato sempre più spirituale, con la celebrazione di una S. Messa con la Koinonia Giovanni Battista di Campermon: un associazione privata di fedeli riconosciuta dalla Chiesa cattolica, e, a seguire, le testimonianze e lo” Spritz-Happy hour”, sopratutto per i giovani.

In questo tempo di corona-virus si è un po’ modificato, giocoforza togliendo la parte di happy hour e condivisione del cibo.

In questi ultimi mesi il format è inizio alle 19:30, alcune volte alle 18.30, con la S.Messa di Padre Alvaro e la band musicale della Koinonia che anima questa festa gioiosa in ricordo di questo giovane, a seguire le eventuali testimonianze.

È sempre un momento prezioso, una super occasione per incontrare Gesù ed il suo Amore sconfinato nella nostra vita!!!!

È invitato .... Chiunque, ma soprattutto chi si ritrova lontano da Lui . Provare per credere.

«E adesso scateniamo il paradiso»: queste le parole con cui il papà di Gioele ha concluso il primo evento in suo ricordo, parole che hanno voluto riprendere quelle del film “Il Gladiatore”, che tante volte papà Massimo aveva visto insieme a suo figlio.
Vogliamo portare queste stesse parole ad ognuno di voi per celebrare insieme la gioia della vita, un dono d’immenso amore per tutti noi. È veramente una festa. Gioele un dono dal Cielo. Una vita preziosa. Vi aspettiamo tutti.

 Ecco il canale Youtube dove sono stati raccolti tutti gli eventi SpritzGioi,di cui parliamo sopra:

 

https://m.youtube.com/channel/UCYdD7DxUuRaK2lvK0xxWrog

 

Ecco l’indirizzo in cui si svolge l’evento:
Chiesa parrocchiale e cattolica di “San Bartolomeo”
Via Montà, 208
Montà,( Padova)
Italia

 

PREGHIERE E CONSIGLI PER LA FAMIGLIA

 

https://www.preghiereperlafamiglia.it/m/obiettivo-famiglia.htm

 

Cari bambini, vi scrivo pensando a quando anch'io molti anni fa ero bambino come voi.
Dobbiamo pregare inseme e molto, affinchè l'umanità, formata da diversi migliardi di esseri umani, diventi sempre più la famiglia di Dio, e possa vivere nella pace...
(Vi ho ricordato) le indicibili sofferenze che tanti bambini hanno sperimentato in questo secolo, e quelle che molti di loro continuano a subire anche in questo momento.
Quanti, anche in questi giorni, cadono vittime dell'odio che imperversa in diverse regioni della terra...
Proprio meditando su questi fatti, che colmano di dolore i nostri cuori, ho deciso di chiedere a voi, cari bambini e ragazzi, di farvi carico dell preghiera per la pace.
Lo sapete bene l'amore e la concordia costruiscono la pace, l'odio e la violenza la distruggono.
Voi rifuggite istintivamente dall'odio e siete attratti dall'amore: per questo il papa è certo che non respingerete la sua richiesta, ma vi unirete alla sua preghiera per la pace nel mondo con lo stesso slancio con cui pregate per la pace e la concordia nelle vostre famiglie.
E' alla vostra preghiera, cari piccoli amici, che desidero affidare i problemi della vostra e di tutte le famiglie del mondo.
E non soltanto questo: ho ancora altre intenzioni da raccomandarvi.
Il papa conta molto sulle vostre preghiere.

 

Lettera ai bambini di Papa  Giovanni Paolo II del 13 Dicembre 1994

 

Guardando gli occhi di un bambino

 

Guardando il volto di un bambino
nella miseria dell’esistenza,
pur tra tanta tenerezza
forse si sarebbe potuto pensare
a come il costo della vita quotidiana
non potesse permettergli
vera dignità.

Quella scintilla
non sarebbe dovuta essere più
per tante, tante misere ragioni umane,
ma, agli occhi di Dio quell’esistenza …
oh ne intuisci la bellezza?

Quanto i nostri occhi
sono diventati incapaci di vedere e riconoscere
che la verità delle cose
quella verità che tutto copre
è solo l’Amore.
Quella piccolezza
che si fa oceano
verso chi si scopre
figlio di Dio.

Quell’esistenza grida il nostro aiuto,

 

Luca Preato

 


VOLETE SEGUIRE QUESTO BREVE VIDEO: https://youtu.be/VkHnYDZLpcM
Perchè la maggior parte delle persone deve pagare le conseguenze della speculazione finanziaria che porta solo all'arricchimento di pochi?

Siamo ancora in tempo per cambiare un modello che genera ingiustizie e di praticare un'economia diversa, che non lasci indietro nessuno.

Lo ricorda Papa Francesco nel Video del Papa del mese di maggio, https://youtu.be/VkHnYDZLpcM presentato dalla Rete Mondiale di Preghiera del Papa, che conta sul tuo aiuto e sulla tua diffusione.🙏



Ciao Luca Preato

https://www.retepreghierapapa.it




 


 


 

MARIA DEPONE GESU' NELLA TOMBA

 

GESU: Oh mamma
un’anello d’amore sei con me
ed è l’amore che per primo mi porta a te
Risorto alla vita

MARIA: In quel sepolcro… 
accompagno Figlio mio il tuo corpo senza vita
ed abbandono lo sguardo tuo nel mio,
 le tue mani santissime
avvilite e trafitte da ogni male...
contemplo i tuoi piedi feriti
per correre al tuo posto presso i peccatori
 strappandoli dall’inferno.

Vedi mi sento lacerare il petto
per la veemenza dell’amore
deh permetti oh Figlio di avere la forza
per separarmi, sepolta tutta in te…
e corro verso il tuo cuore
per prendere nel mio il tuo sacratissimo,
il tuo Amore respinto, vilipeso da tante creature,
per essere innanzi a loro, affinchè non cadano per sempre,
e bacio la tua  larga ferita,
quel tuo sangue è dono di vita:

Oh Figlio che tu possa vivere assieme a me
i tuoi palpiti d’amore:
 così assumo le tue sofferenze
per poter essere madre nuovamente
e depongo nel tuo cuore
il medesimo abbraccio di ogni Figlio
raccogliendo nel loro palpito il tuo,
e sento in me il tuo Cuore ferito,
nel tuo cuore è  il palpitio del mondo,
morte e vita,
anime e amore.

Nella passione l’Amore tuo
totalmente mi consuma:
ecco ti dono il mio cuore:
accolgo la tua vita,
per sempre sia in te.


Fiat 

 

A MARIA REGINA DELL’AMORE  E MADRE DELLA VITA


Le mani avvolte come velo
e uno sguardo fisso al Cielo
che stai facendo oh bella signora
chi stai guardando così bella
in quell’abbraccio raccolto al cuore?

Mi sei certo vicina,
così lontana al contempo
tu sei di Dio
un raggio nello Splendore
astro dell’infinito Suo Amore
e sei sì pura, oh Soave bellezza
la più bella, creata dal Suo Cuore
oh mamma nostra,
Regina dell’Amore.

Oh Maria,
stando sotto la Croce,
hai detto sì a tutti noi.

E’ il tuo Sì alla Vita
 che nasce dal tuo umile cuore.

Nel tuo cuore il nostro cuore
come un sol cuore
nel Signore.

Nostro rifugio sei tu.

 

Fiat oh Maria
“il tuo sì alla Vita”

 

Copri di bontà oh Maria
ogni uomo ancor piagato dal peccato,
cui doni il tuo Cuore
che colmi d’amore
in Gesù solo nostro bene,
e nostro Redentore.

Oh mamma
ci ami con quello stesso grande amore
con cui strinsi al cuore
il Figlio tuo,
di Lui hai accolto l'Offerta sua soave
su quello stesso Altare
dove, noi che col nostro peccato
abbiamo “crocifisso” tuo Figlio
siamo divenuti il tuo Gesù,
 figli nuovi per te.

Nei vostri cuori s’ode
su quella croce
un nuovo canto d’eterno amore.

Nei tuoi ultimi palpiti oh Signore,
offri a noi tua Madre
perché sia nostra Madre:
“Madre ecco tuo figlio”.

Oh Cuore di Maria trafitto per noi,
nel tuo “eccomi” doni a noi Gesù,
fino all'estremo Suo respiro,
tra le tue braccia mamma ,
lo partorisci alla Croce:

Sì il tuo amore Maria era tutto per Lui
quando il divino volere chiedeva il suo sacrificio per noi,
che strazio nel tuo cuore. Tu ti donavi prigioniera d'Amore.

Nel sì del Suo Cuore fu il tuo,
ed ora il nostro di figli
per sempre sarà con Voi…. 

Oh Soave agnella
nel mare del Vostro dolore la tua Pace:
l’Amore per le anime:
è lo stesso volere divino
che viene a vivere in te..

In quel Suo  sguardo
d’eterna bontà
hai concepito nell’intimo
tutti noi:
da te nacque Gesù,
oh sì da te, noi tutti nasciamo
e tuo Figlio… nel tuo umile Cuore…
c'inonda di nuovo Amore…
e quando lo Spirito di Dio
innalzò il tuo Magnificat
credesti a una tale armonia di gloria:
all’infinito valore della vita,
ed anche da sotto la Croce…
camminavi nella sua luce. 

Oh Mamma nella croce Gloriosa di Gesù
ci hai legati per sempre:
… nel sì del tuo Cuore
è la nostra preghiera.

In quel suo abbraccio che da sempre ti copre,
tutto ottieni da Lui.
Nell’offerta della tua vita
tuo figlio t’avvolse  fin nell'ora della Morte:
Lui il figlio dell’uomo …. 


Da sotto la Croce mamma
lo sguardo tuo incontrava il Suo:
 legati in un solo cuore,
fusi in un Puro anello d’Amore:
Oh Cristo ha amato a tal punto la Sua sposa
come un marito la ama e  la stringe a Sé.

Madre vogliamo consacrarci
a questi vostri cuori
tanto stretti nell’unità
ed è Gesù che sulla Croce ci porta a te,
“Figlio… ecco tua Madre”.
Guardarti per noi significa amarti
perché chi ama
guarda sempre il volto della persona amata.

Ecco i nostri sguardi sono  fusi nel tuo,
per poter essere nel tuo cuore
tutti tuoi,  tutti di tuo Figlio:
e in quell’unione,
nell’intimo avviene la tua intercessione …
una nuova effusione d’Amore per noi:

… Oh mamma … lo Spirito scoprendoti dentro noi
non resiste alla tua bellezza soave,
che ci parla di te. 

Madre nostra
fin dal concepimento di Gesù,
nella luce della sua Parola,
s’ode l’eco del  Mistero
ancor nascosto nel Cuore tuo,
e tu nella Fede lo Portavi,
nel rischio di morire lapidata quale adultera.
Beata sei tu per aver creduto.


Oh Vergine Bella,
Madre della VITA tu sei.
Dio Amore soffiò nel tuo Cuore,
e tu dimorasti in Lui, Lui in te.

La purezza della tua preghiera,
diffondendosi si fece eco
e come miracolo … tuo Figlio vene a noi
ed ecco il Cuore del piccolo Gesù
battendo nel suo Sì d’amore eterno,
nel tuo – oh, mamma -
nel grembo tuo fu generato,
oh attraverso te.

Lo Spirito inondava le vostre anime,
e in una gioia grandissima
la Volontà tua ponevi nella Sua …
or ecco fiorire un solo Volere d'Amore,
nei vostri cuori:
nacque il frutto del tuo cuore
nel suo Si d'amore Eterno,
fatto Carne in te ….

L’eccomi tuo
in eterno si posò così nel suo
ed il nostro
per sempre volle vivere con tè.
Stringi così, oh Mamma,
ancora le nostre anime  a tè
invocando su noi tutti
l’Amore del tuo Figlio Divino…
… Che il nostro cuore
possa palpitare legato al tuo
in un incessante atto d’amore
verso il Signore;
anime e amore
morte e vita,

Oh Madre supplisci
alla nostra preghiera
e  come gocce d’amore
fa che guardiamo al tuo Gesù
con gli stessi occhi tuoi,
scoprendoci i tuoi piccoli figli.

Maria, cristallo finissimo,
 trasparenza di Cielo:
nell'umile Sì del tuo cuore
riluce il mare eterno del Suo Amore:

Sì oh Mamma, nel tuo Sì al Padre
hai detto sì a tutti noi:
nostro rifugio sei tu.

Sì, oh perla del Paradiso,
sì oh sua Regina:
il sì del nostro cuore
ci leghi per sempre
al  tuo Sì d'Amore…
fatto Carne in te.

Nel vostro eccomi
s’aprì dal Cuore trafitto di Gesù
un fiume d’Acqua viva.

Piccola Sposa dello Spirito,
prezioso sigillo,
dalle mani tue offristi sì grande Amore,
mamma … che medi tutte le grazie del Signore:
è il Divino Spirito,
oh Madre della Vita,
è una Vita Nuova
Madre del tuo Signore.

Gioia avvolgerci nel manto tuo,
celeste poesia …
lo Spirito attende
per soffiare nel nostro cuore;
la Salvezza, solo il nostro respiro
nel vostro Amore.

Si Maria hai aperto il Cuore tuo
al Cuore di tuo Figlio
e Lui, in una gara d'Amore eterno
ha posto su di te il suo Sigillo.

Nel Cuore del tuo diletto
dimori fin dal Principio,
portaci fino a Lui, alla fonte della vita,
a quell’Albero divino, quale gioia,
a te vicini, noi i tuoi bambini. 

Ecco l’umiltà del Figlio tuo tutta ti copre
e tu, semplice creatura
umili l’orgoglio di satana
più dell’Onnipotenza divina.

Oh Mamma in tè l’Altissimo si fa voce…
Oh tu, che dall'alto dei Cieli
vieni, su nuvole bianche,
a portare l'Amore e la Pace,
nuova VITA ai figli tuoi
… e vita sia.

Luca Preato

 

 

******

 

 

LA CONSACRAZIONE AL CUORE IMMACOLATO DI MARIA

 

 

 

ANNUNCIO KERIGMATICO

Nella storia dell’umanità
si dischiudono le gioie più vere
ma, è essa segnata dal peccato, dalla morte,
ed anche i nostri affetti più cari,
sono contraddistinti dal procedere del tempo.
Ma Dio vuole Salvare questo mondo,
portando a tutti un lieto annuncio
di liberazione, di giubilo,
e ogniuno potrà scoprire la gioia più vera della Vita
pur nascosta nella lotta, nella sofferenza
attraverso il cuore compassionevole di Gesù.


Si Gesù è vivo, è il risorto,
il suo sacrificio d’amore è soffio vitale per noi,
la sua persona è via è verità, è Vita,
respira allora il suo Spirito, come respiri l’aria
e vivrai la gioia:
possiedi Gesù, con Lui nulla più ti manca.
Lui è l’amore, la misericordia, Gesù, si, Gesù,
Lui nostro Signore vuole attrarci a sè
poichè se con lui moriremo, al nostro io, al nostro egoismo,
con Lui risorgeremo a vita nuova.


Guarda a Gesù nostro Redentore e a Maria
indissolubilmente legata a Lui fin sulla croce gloriosa
lei la sua e nostra madre.


O Madre della vita
vita sia e sia vita nuova
o Maria madre mia
che ci dici:
…“Pregate, Pregate, Pregate”.

Ecco, ora viviamo nello Spirito,
abbandonati al suo Amore,
segnati dal suo crisma,
a Lui legati come i tralci alla Vite
e, Vita Nuova sia,
Nuova Vita nel Suo Spirito.

Amen

 

 

 

INTRODUZIONE

"Quando verrà quel tempo nel quale le anime respireranno Maria come i corpi respirano l'aria? In quel tempo avverranno cose mirabili su questa misera terra perché lo Spirito Santo vi troverà la sua cara Sposa come riprodotta nelle anime, e quindi scenderà su di loro con l'abbondanza e la pienezza dei suoi beni - in particolar modo del dono della Sapienza - per operarvi meraviglie di grazia..." (dal punto 217 del Trattato del Santo di Montfort)

I testi seguenti relativi a Papa Pio XII, Paolo VI, Giovanni Paolo I, Giovanni Paolo II, sono stati tratti dal libro dell'Editrice Ancilla "Ecco tua Madre - La Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria" e da uno scritto di Don Gabriele Amorth pubblicato sul sito: http://medjugorje.altervista.org/

 

I PAPI E LA CONSACRAZIONE

La Madonna apparendo a Fatima nel 1917 chiese la devozione al suo Cuore Immacolato. Nel 1917 avvennero le sei grandi apparizioni di Fatima alla Cova da Iria (che significa Conca della Pace). La più importante di queste apparizioni è quella del 13 luglio, in cui la Madonna fece vedere l'inferno ai tre pastorelli e rivelò i famosi tre segreti. In quella occasione disse: "Verrò a chiedere la consacrazione della Russia al mio Cuore Immacolato e la Comunione riparatrice nei primi sabati." Solo questo.

E' perciò un errore dire che la consacrazione era stata chiesta nel 1917.
Maria adempì la sua promessa (“Verrò a chiedere la consacrazione”...) in due tempi diversi. Il 10 dicembre 1925, mentre Sr. Lucia era a Pontevedra, in Spagna, la Vergine le apparve per chiedere la comunione riparatrice.
Il 13 giugno 1929, mentre Sr. Lucia era a Tuy (pure in Spagna), Maria le apparve di nuovo per chiedere la consacrazione della Russia: "E' arrivato il momento in cui Dio chiede che il Santo Padre faccia, in unione con tutti i Vescovi del mondo, la consacrazione della Russia al mio Cuore Immacolato... La guerra sta per finire; ma se non smetteranno di offendere Dio, durante il Pontificato di Pio XI ne comincerà un'altra ancora peggiore. Quando vedrete una notte illuminata da una luce sconosciuta, sappiate che è il grande segno che Dio vi dà che sta per castigare il mondo per i suoi crimini, per mezzo della guerra, della fame e delle persecuzioni alla Chiesa e al Santo Padre.

Per impedirla, verrò a chiedere la consacrazione della Russia al Mio Cuore Immacolato e la Comunione riparatrice nei primi sabati.".
E' da questo momento che incomincia il periodo della richiesta di Suor Lucia. E si notino due cose:

1) Sempre, conforme ai messaggi ricevuti, Sr. Lucia ha unito insieme le due richieste, quella della consacrazione della Russia e quella della Comunione riparatrice. Sono richieste integranti ed è errato vederle separate.

2) Non si parla ancora di Consacrazione del mondo.

 

Nel 1936 un'altra Santa: Alexandrina Maria da Costa, che il Signore fece partecipe della sua stessa dolorosa Passione, per ORDINE di Gesù, chiese al Papa, per mezzo del padre Pinho, la Consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria.

Quest'ultima supplica fu più volte rinnovata fino al 1941 e l'episcopato Portoghese la fece propria, ossia fu l'Episcopato stesso a presentarla al S. Padre.

Alexandrina Maria da Costa è stata proclamata beata dalla Chiesa il 25 Aprile 2004.

Si può verificare quanto dichiarato su Alexandrina Maria da Costa sul sito ufficiale del vaticano, al link qui sottostante:

http://www.vatican.va/news_services/liturgy/saints/ns_lit_doc_20040425_da-costa_it.html

 

- Il direttore spirituale di Sr. Lucia venuto a conoscenza della richiesta inoltrata a al Santo Padre da parte dell'Episcopato, consigliò a Sr. Lucia di aggregarsi alla richiesta che era partita da Alessandrina Da Costa.
La suora, avutone il consenso dal Cielo, accolse il suggerimento. Fu così che essa scrisse a Pio XII il 2 dicembre 1940, chiedendo la Consacrazione del mondo “con menzione particolare della Russia”. La sensibilità di Pio XII fu molto sollecita, dal momento che il 31 ottobre 1942 il Papa, per mezzo di un messaggio trasmesso a Fatima in lingua portoghese, consacrò il mondo al Cuore Immacolato di Maria con un chiaro accenno alla Russia (ma si era già in guerra!). Questo atto lo rinnovò a Roma nella Basilica di San Pietro l’8 dicembre dello stesso anno. Il 7 luglio 1952 Papa Pio XII poi Consacrò, infine, tutti i popoli della Russia a Maria.

Gli atti interi della Consacrazione a Maria di Papa Pio XII si trovano sul sito ufficiale del Vaticano ai seguenti link:

Atto di Consacrazione del mondo al Cuore immacolato di Maria di Papa Pio XII: " A voi, al vostro Cuore Immacolato, noi, in quest'ora tragica della storia umana, affidiamo, rimettiamo, consacriamo non solo la Santa Chiesa... ma anche tutto il mondo straziato da feroci discordie..."

http://www.vatican.va/holy_father/pius_xii/prayers/documents/hf_p-xii_19421208_prayer-cuore-maria_it.html

Atto di Consacrazione della Russia al Cuore immacolato di Maria di Papa Pio XII:

http://www.vatican.va/holy_father/pius_xii/apost_letters/documents/hf_p-xii_apl_19520707_sacro-vergente-anno_it.html

 

Paolo VI nuovo successore di Pietro, sentendo forte l’invito di Maria, avanzò sulla scia dei Papi che lo precedettero e il 21 novembre 1964, durante i lavori del Concilio Vaticano II, ricordò a tutti e rinnovò la Consacrazione a Maria ribadendola nella lettera enciclica "Ad Caeli Reginam", attraverso l'istituzione "(della) festa di Maria regina, da celebrarsi ogni anno in tutto il mondo il giorno 31 maggio. (Ordinando) ugualmente che in detto giorno sia rinnovata la consacrazione del genere umano al cuore immacolato della beata vergine Maria. In questo gesto infatti è riposta grande speranza che possa sorgere una nuova era, allietata dalla pace cristiana e dal trionfo della religione."

La lettera enciclica si trova nel seguente link del sito ufficiale del Vaticano:

http://www.vatican.va/holy_father/pius_xii/encyclicals/documents/hf_p-xii_enc_11101954_ad-caeli-reginam_it.html

Pellegrino a Fatima il 13 maggio 1967, nel 50° anniversario delle apparizioni, Paolo VI invitò nella sua esortazione apostolica "Signum Magnum", ”tutti i figli della Chiesa a rinnovare personalmente la propria Consacrazione al Cuore Immacolato della Madre della Chiesa e di vivere questo nobilissimo atto di culto con una vita più conforme alla Volontà Divina, in uno spirito di filiale servizio e di devota imitazione della loro Celeste Regina”.

L'esortazione apostolica si trova nel seguente link del sito ufficiale del Vaticano:

http://www.vatican.va/holy_father/paul_vi/apost_exhortations/documents/hf_p-vi_exh_19670513_signum-magnum_it.html

A Paolo VI successe Giovanni Paolo I che, in soli 33 giorni di pontificato, riuscì a trasmettere a tutti il sorriso e l’amore di Cristo.

Fu un Papa che, come ricorda bene la terra veneta, amava la Madonna con la semplicità, la purezza e l’abbandono di un vero figlio e che insegnò al mondo non solo come la Consacrazione deve essere enunciata, ma come deve essere realmente vissuta quotidianamente.

 

 

 

Tra i grandi devoti di Maria e sostenitori della Consacrazione al suo Cuore immacolato troviamo il Santo Padre Giovanni Paolo II che come abbiamo accennato ha fatto di essa uno dei punti costanti e qualificanti del suo Pontificato. Sia con i fatti che con le parole egli ha realizzato il motto del suo stemma Pontificale “Totus Tuus” (Tutto Tuo) ispirato alla dottrina spirituale del Santo di Montfort, santo che con molta semplicità e rigore per primo ha enunciato le basi dottrinali di tale atto cultuale. Questo nostro Papa non perse occassione per rinnovare l'affidamento a Maria e per inculcare al mondo l'essenzialità. Ricordiamo l'8 dicembre 1981, quando rinnovò la sua consacrazione alla Vergine per ringraziarla della protezione ricevuta il giorno dell'attentato subito in Piazza San Pietro, sette mesi prima. Altrettanto significativa fu la visita a Fatima del 13 Maggio 1982, primo anniversario dell'attentato e 65° anniversario della prima apparizione alla Cova da Iria a Fatima. Quel giorno, dopo la Santa messa, sul grande piazzale del Santuario di Fatima, Giovanni Paolo II rinnovò la Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria, supplicando la mediazione della Madre di Dio, perchè "...allontani le minacce quasi apocalittiche che incombono sulle nazioni e sull'umanità...". Ecco memorabile e decisivo il giorno dell'8 dicembre 1983, festa dell’Immacolata, quando il Santo Padre inviò una lettera riservata a tutti i Vescovi del mondo, invitandoli a prepararsi a celebrare in Piazza San Pietro il seguente 25 marzo 1984, sollenità dell’annunciazione, in unione con lui, la Consacrazione del mondo al Cuore Immacolato dela Madre di Dio.

Preghiera di affidamento e Consacrazione del mondo a Maria avvenuta in piazza San Pietro il 25 Marzo 1984:

http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/homilies/1984/documents/hf_jp-ii_hom_19840325_giubileo-famiglie_it.html

Lettera pontificia dell' 8 dicembre 1983 a tutti i Vescovi del mondo per invitarli a rinnovare l'atto di affidamento e consacrazione al Cuore immacolato di Maria uniti al Papa il successivo 25 Marzo 1984:

http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/letters/1983/documents/hf_jp-ii_let_19831208_vescovi-immacolata-concezione_it.html

Preghiera del Santo Padre Giovanni Paolo II di affidamento e di Consacrazione alla Vergine fatta a Fatima il 13 Maggio 1982:

http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/speeches/1982/may/documents/hf_jp-ii_spe_19820513_vergine-fatima_it.html

 

Papa Benedetto il 12 Maggio 2010 ha solennemente espresso un Atto di Affidamento e Consacrazione di tutti i Sacerdoti al Cuore Immacolato di Maria. In esso è posto in evidenza il fatto che Maria è la sposa dello Spirito Santo. Nel si del suo cuore immacolato lei è divenuta suo purissmo tempio: ecco un'unica consacrazione ai Cuori di Gesù e Maria stretti in un solo Amore, nello Spirito dell'Amore di Dio, così l'uomo non separi ciò che Dio ha unito.

"Sposa dello Spirito Santo,
ottienici l'inestimabile dono
della trasformazione in Cristo.
Per la stessa potenza dello Spirito che,
estendendo su di Te la sua ombra,
ti rese Madre del Salvatore,
aiutaci affinché Cristo, tuo Figlio,
nasca anche in noi."


La Preghiera di Affidamento e Consacrazione alla Vergine si trova nel seguente link del sito ufficiale del Vaticano:

http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/prayers/documents/hf_ben-xvi_20100512_affidamento-fatima_it.html

 

Scrive Don Gabriele Amorth da cui questo mio lavoro sulla Consacrazione è stato in parte tratto :"Ci sono stati ritardi (nella consacrazione a Maria)? Sì, indubbiamente. Se la Madonna ha voluto l'unione dei Vescovi col Papa era evidente che non si accontentava di un atto di culto di una persona, sia pure del Pastore supremo della Chiesa, ma voleva la partecipazione della Chiesa tutta, rappresentata dai Vescovi. Anche un Vescovo a sua volta, per muoversi in una direzione, ha bisogno di sentirsi incoraggiato e seguito. Non esito a dire che la colpa del ritardo è stata del popolo cristiano. Non a caso, come abbiamo rilevato, la Vergine ha unito la consacrazione e la comunione riparatrice; perciò era richiesto a tutti un contributo di Preghiera, di Riparazione, di Culto Eucaristico.

I mutamenti dell'Est-Europa sono sotto i nostri occhi. Ma se non si arriva ad una vera conversione a Dio di questo mondo, in parte dominato dal marxismo, ma in parte dominato dal consumismo e dalla corruzione, c'è da pensare che prima del trionfo definitivo del Cuore Immacolato di Maria ci sia ancora una dura prova per l'umanità. Forse il terzo segreto di Maria ha qualcosa in comune con i dieci segreti di Medjugorje la quale, a mio parere (e non solo mio) è un prolungamento e un aiuto di quanto dopo Fatima non è stato fatto."

 

Don Stefano Gobbi: UNA GRANDE DIFFUSIONE DELLA CONSACRAZIONE AL CUORE IMMACOLATO DI MARIA E' AVVENUTA PER MEZZO DEL SACERDOTE DON STEFANO GOBBI, ORA PASSATO ALLA CASA DEL PADRE, ATTRAVERSO CUI QUESTA CONSACRAZIONE SI E' DIFFUSA IN MANIERA SILENZIOSA E STRAORDINARIA IN QUASI TUTTE LE NAZIONI DI EUROPA, AMERICA, ASIA, AFRICA ED OCEANIA RAGGIUNGENDO RELIGIOSI E LAICI TRA I QUALI, AD OGGI 2012, CIRCA QUATTROCENTO VESCOVI E OLTRE CENTOMILA SACERDOTI, FONDANDO IN QUESTO MODO IL MOVIMENTO SACERDOTALE MARIANO.
PAPA GIOVANNI PAOLO II SEGUIVA QUESTO SACERDOTE E LA SUA MISSIONE INCONTRANDOLO SPESSO DI PERSONA, TALE MISSIONE DON STEFANO CONFIDA DI AVER RICEVUTO DA MARIA SOTTO FORMA DI LOCUZIONI INTERIORI.
IL SITO UFFICIALE DEL MOVIMENTO E' IL SEGUENTE: http://www.msm-mmp.org/Default.aspx

 

Messaggi dal Cielo: ATTUALMENTE MOLTISSIMI MESSAGGI RELATIVI AD APPARIZIONI DI GESU' E MARIA IN TUTTO IL MONDO, IN TESTA MEDJUGORJE, PARLANO DELLA CONSACRAZIONE A MARIA.

 


COSA SI INTENDE PER CONSACRAZIONE

E' Maria stessa dunque che ci chiede di affidarci e consacrarci a Lei. Maria Madre e Regina del Cielo e della terra, dal trono in cui siede osserva il mondo denso di pericoli e insicurezze, la, dove, anche i valori più puri sono calpestati e la morte stessa è brutalmente legalizzata anche mediante l'aborto. E' per questo che QUESTA MAMMA, Maria desidera stringere i propri figli fra le sue braccia materne e portarli a Gesù, donando loro la salvezza. Dinanzi al senso di smarrimento e confusione in cui versa il mondo troveremo sicuro rifugio nel Tempio del suo Cuore Immacolato, come nell'Arca al tempo di Noè, così che il nostro cuore potrà palpiterà con il Suo in un incessante atto d'amore verso il Signore. Il Suo Cuore è, infatti, una fornace di purissimo fuoco: tutto brucia, tutto consuma, tutto trasforma, in esso saremo come "germogli" che crescono in un terreno immacolato e fertile; battito dopo battito ci sarà donato il suo stesso Spirito e la sua stessa capacità d'amare.

Rinunciando volontariamente, per amore ai nostri interessi, alle nostre volontà, Maria ci prenderà per mano e come Madre piena di tenerezza, scoprendoci liberi da ogni ricchezza e attaccamento, potrà rivestirci della sua veste immacolata, del suo Splendore, di tutte le sue virtù introducendoci nell'intimo del Cuore di suo Figlio Gesù. Chi le è fedele si lascia portare da lei con la fiducia di un piccolo figlio, nella povertà e nell'umiltà, senza guardare ad alcuna creatura e senza attendere umane approvazioni, lasciandosi penetrare dal dolce suo sorriso che ci conduce ad amare ogni nostro fratello, come, sul legno della croce, fece Gesù.

Il Cuore Immacolato della mamma del Cielo è la Strada Luminosa che ci conduce al gioioso incontro con Gesù, è il luogo più prossimo a Lui, la via più sicura per giungere alla sua Onnipotenza, la stessa che Gesù ha seguito per divenire uomo e venire a noi. Ecco perché è importante affidarci e consacrarci totalmente al suo Cuore così che la nostra umanità possa rivestirsi di bellezza divina.

Maria nella tua pienezza di Grazia sei perfettamente unita a Dio, a Lui il tuo Si, tu tempio Santo del Dio vivente. E' per questa perfezione, in vista della tua maternità spirituale, che ci chiedi un nostro atto di fede, poichè in te, oh Madre risplende il Signore, consacrarci a te significa consacrarsi a Gesù.

 

ALCUNI PUNTI SULLA CONSACRAZIONE A MARIA SECONDO IL SANTO DI MONTFORT

San Luigi Maria Grignion de Montfort è un Santo la cui spiritualità mariana è stata un esempio per moltissimi cristiani. E' stato questo il moto del defunto Papa Giovanni Paolo II: "Totus Tuus", moto che è di inspirazione monfortana, ed è stato parte dello stesso stemma pontificio del Papa suddetto. Desidero in questo capitolo riportare alcuni punti del trattato della vera devozione a Maria scritto da questo Santo dove sono esplicitate le ragioni per cui essere CONSACRATI a Maria al fine di esserlo perfettamente a Gesù.

Dal trattato della vera devozione a Maria:

1) Per MEZZO della ss. Vergine Maria Gesù Cristo venne nel mondo, ancora per MEZZO di lei deve regnare nel mondo.

125) 3°. Ci si CONSACRA dunque nel medesimo tempo alla Santa Vergine e a Gesù Cristo: alla Santa Vergine come al MEZZO perfetto che Gesù Cristo ha scelto per unirsi a noi e per unirci a lui, e a Gesù Cristo Signore come al nostro ultimo fine, al quale noi dobbiamo tutto ciò che siamo, poiché è nostro Redentore e nostro Dio.

132) noi ci siamo offerti e CONSACRATI senza riserva al servizio di Gesù Cristo Signore e della sua santa Madre.

265) Maria (non) viene considerata come l'ultimo fine del nostro servizio. Questo fine ultimo è solo Gesù Cristo. Si prende invece Maria come FINE PROSSIMO, AMBIENTE MISTERIOSO e MEZZO FACILE per incontrarlo.


O Maria di Gesù, Gesù di Maria

63. Io mi volgo qui un istante verso di te, o mio amabile Gesù, per lamentarmi amorosamente con la tua divina Maestà del fatto che la maggior parte dei cristiani, compresi i più dotti, non sanno il legame necessario che esiste fra te e la tua santa Madre.
Tu, Signore, sei sempre con Maria e Maria è sempre con te e non può essere senza di te: altrimenti ella cesserebbe di essere quello che è; ella è talmente trasformata in te dalla grazia che non vive più, non è più; tu solo, mio Gesù, vivi e regni in lei, più perfettamente che in tutti gli angeli e i beati.
Ah! se si conoscesse la gloria e l'amore che tu ricevi in questa ammirabile creatura, si avrebbero verso di te e di lei ben altri sentimenti. Ella è così intimamente unita a te che sarebbe più facile separare la luce dal sole, il calore dal fuoco; dico di più, sarebbe più facile separare tutti gli angeli e i santi da te, che non la divina Maria: perché ella ti ama più ardentemente e ti glorifica più perfettamente di tutte insieme le altre creature.

 

PREGHIERA DI CONSACRAZIONE

 

O Maria Regina del mondo
e Madre di bontà
fiduciosi nella tua intercessione
noi affidiamo a te le nostre anime,
accompagnaci ogni giorno
alla fonte della gioia,
donaci il Salvatore
noi ci consacriamo a te Regina dell'Amore.

Amen

FRASI PRESENTI NELLE POESIE

 

MARIA INDISSOLUBILMENTE LEGATA A GESU' NELL'AZIONE REDENTIVA

La parola indissolubile è usata nel vincolo matrimoniale e significa che non si può sciogliere, così si espresse Papa Giovanni Paolo II il 15 Agosto 1983 nella sua omelia alla Grotta delle apparizioni di Lourdes.

Punto 6 dell'omelia: "Maria - la “Bella Signora” - disse a Bernardetta: “Io sono l’Immacolata Concezione” (Que soy era Immaculada Councepciou). Con queste parole ella espresse il mistero della sua nascita sulla terra come un avvenimento salvifico unito indissolubilmente alla Redenzione e legato all’Avvento. "

Si può visitare il seguente link relativo al sito del vaticano per trovare il punto cui sopra:

http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/homilies/1983/documents/hf_jp-ii_hom_19830815_assunzione_it.html

 

Ancora nell'enciclica Redemptoris Mater al punto 27 si legge:

"Maria appartiene indissolubilmente al mistero di Cristo, ed appartiene anche al mistero della Chiesa sin dall'inizio, sin dal giorno della sua nascita. Alla base di ciò che la Chiesa è sin dall'inizio, di ciò che deve continuamente diventare, di generazione in generazione, in mezzo a tutte le nazioni della terra, si trova colei «che ha creduto nell'adempimento delle parole del Signore» (Lc 1,45). Proprio questa fede di Maria, che segna l'inizio della nuova ed eterna Alleanza di Dio con l'umanità in Gesù Cristo, questa eroica sua fede «precede» la testimonianza apostolica della Chiesa, e permane nel cuore della Chiesa, nascosta come uno speciale retaggio della rivelazione di Dio. Tutti coloro che, di generazione in generazione, accettando la testimonianza apostolica della Chiesa partecipano a quella misteriosa eredità, in un certo senso, partecipano alla fede di Maria."


Si può visitare il seguente link relativo al sito del vaticano per trovare il punto immediatamente cui sopra:

http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/encyclicals/documents/hf_jp-ii_enc_25031987_redemptoris-mater_it.html

 

MARIA CI GENERA ALLA VITA

Punto 3 dell'udienza generale di Papa Paolo Giovanni Paolo II del 13 Agosto 1997: La Chiesa diventa madre, prendendo a modello Maria. A questo proposito il Concilio afferma: "La Chiesa, contemplando l'arcana santità di Maria, imitandone la carità e adempiendo fedelmente la volontà del Padre, per mezzo della Parola di Dio accolta con fedeltà, diventa essa pure madre, poiché con la predicazione e il battesimo genera a una vita nuova e immortale i figli concepiti ad opera dello Spirito Santo e nati da Dio" (Ibidem, 64).

http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/audiences/1997/documents/hf_jp-ii_aud_13081997_it.html

 

 

******

 

FIAT

 

 

Copri d’amore oh Maria
ogni uomo ancora piagato dal peccato,
cui doni il tuo Cuore
che colmi d'amore
in Gesù nostro unico Redentore.

Oh Mamma,
ci ami
con quello stesso grande amore
con cui hai stretto il Figlio tuo,
di Lui hai accolto l'Offerta sua soave
su quello stesso Altare,
dove tutti noi,
siamo divenuti figli tuoi.


Oh, fin dal suo concepimento...
nell'eccomi del suo Cuore
ecco fu il tuo, ora il nostro
per sempre resterà nel tuo.


Oh soave agnella,
nel mare del Vostro dolore
regnava nell'anima tua
la Sua Pace,
l'Amore per le anime.


Nel Suo sguardo
d'eterna carità
hai concepito nell'intimo
tutti noi:
sì, da te nacque Gesù,
oh sì da te, noi tutti nasciamo
e tuo Figlio... nel tuo umile Cuore...
ci inonda di nuovo Amore.


Oh nostra Regina con la tua umiltà
hai schiacciato la testa ORGOGLIOSA di satana
più dell'onnipotenza divina.


 

Sì, oh Mamma, da sotto la croce
Gloriosa di Gesù
tu ci hai legati per sempre:
supplisci alle nostre suppliche,
sì... nel sì del tuo Cuore
è la nostra preghiera.


Ecco in quel suo abbraccio che da sempre ti copre
tutto ottieni da Lui
nella supplica del tuo amore
che lo avvolse fin nell'ora della Morte:
Lui, il figlio dell'uomo.


Stando sotto la Croce,
lo sguardo tuo incontrava il Suo:
una sola comunione d'amore
tra quei vostri Cuori,
stretti nella carità,
una sola consacrazione

in Dio...in Dio Spirito Santo Amore.


Fin dal concepimento di Gesù,
nella luce della sua Parola,
s'ode l'eco del Mistero
ancor nascosto nell'anima tua
e tu nella Fede lo Portavi,
nel rischio di morire lapidata
quale adultera.

Beata oh Maria tu che hai creduto.



Oh Vergine Bella,
Madre della VITA tu sei.
Dio Amore soffiò nel tuo Cuore
e tu dimorasti in Lui, Lui in te.


Ecco il Cuore del piccolo Gesù
battendo nel suo Sì d'amore eterno,
nel tuo - oh, mamma -
nel grembo tuo fu generato
- oh - attraverso te.


Ecco lo spirito inondava le vostre anime,
e la volontà tua ponevi nella Sua...
or ecco fiorire un solo volere d'Amore:
ecco il frutto del tuo Cuore,
nel suo sì d'amore Eterno,
fatto carne in te...

e l'eccomi tuo
in eterno si poserà così nel suo
e il nostro per sempre vivrà con te.


 

Stringi così, oh Mamma,
ancora i nostri animi a te
invocando su noi tutti
lo Spirito d'Amore del tuo Signore:
il Figlio tuo Divino.


Che il nostro cuore
possa palpitare legato al tuo,
in un incessante atto d'amore
verso il Signore,
oh, nelle lacrime tue supplisci
alla nostra preghiera,

Mamma, e fa che guardiamo al tuo Gesù
con gli stessi occhi tuoi.

Maria, nel tuo Cuore
da sempre dimora il Suo Volere...

La Chiave sei tu del Paradiso,
il Sì del Cuore Suo
fin dal Principio
e verso un tale inizio
portiamo il nostro sguardo,
nella luce tua:
nostro sì nel tuo.

Maria,
cristallo finissimo,
trasparenza di Cielo,
mare in cui introduci
i tuoi piccoli figli,
oh mamma con il Sì tuo al Padre
hai detto sì a noi.


Sì, oh perla del Paradiso,
sì sua Regina:
il sì del nostro cuore
ci leghi per sempre al Sì tuo d'Amore...
fatto Carne in te...
Il nostro Fiat
sia così nel tuo per sempre,
oh sì... s'incarni con amore

 

 

Ecco sulla Croce, oh Madre
dal costato trafitto di tuo Figlio
sgorgò un Fiume d'ACQUA VIVA.

Oh, Piccola Sposa dello Spirito,
prezioso sigillo,
dalle mani tue offristi
tale divino Amore
è il divino Spirito...
oh, Madre della Vita
è una Vita Nuova...
oh Madre del tuo Signore.


Gioia avvolgerci del manto tuo, celeste poesia...
ecco, lo Spirito attende
per soffiare nel nostro cuore;
la Salvezza, solo il nostro respiro
nel vostro Amore.


 

Sì Maria hai aperto il Cuore tuo
al Cuore di tuo Figlio
e Lui, in una gara d'Amore eterno
ha posto su di te il suo Sigillo.


Oh tu, che dall'alto dei Cieli
vieni, su nuvole bianche,
a portare l'Amore e la Pace,
nuova Vita ai figli tuoi.


 

******

 

 

 

ONNIPOTENTE NELLA GRAZIA DIVINA

 


Un fiore d´umiltà
sei per noi Maria,
onnipotenza supplice
tu Regina del creato,
Madre nostra,
tuo Figlio nulla ti rifiuta.
Si, tu sei in Lui, Lui in te.

A Cana hai anticipato
i Miracoli di Gesù.
Stando sotto la Croce,
nel nostro cuore
hai spostato Montagne,
e, quanto hai in comune con Lui
è la medesima Volontà del Padre.
Oh Maria nell´Eterno tu Sei,
così come saremo noi
partecipando al tuo Mistero, Gesù,
Via, Verità e Vita.

Si oh Madre della Vita,
sei stata assunta in Cielo
e Vivi in anima e corpo
nell'esistenza ineffabile ed eterna di Dio.

 

 

Sei l'Immacolata dell'Amore
che conosce il segreto della Vita
che ci conduce a Lui,
poiché ogni vita nasce
da questa fonte di Misericordia
e ogni uomo vivrà
se riconoscerà il tuo Gesù, il Figlio di Dio,
così tu, dolce Madre,
ci accompagnerai alle sorgenti dell'Essere,
gioia inenarrabile dove tu vivi,
e, nello Spirito Santo che t'avvolse d'Amore,
con te finalmente sia,
L'Amore, la Pace, la Vita e la Gioia nel mondo.

A Maria, alla Vita.

*******

 

GESU’:

Non furono i dolori che costituirono Regina la mia mamma e la fecero rifulgere di tanta gloria, ma il mio Fiat onnipotente, fu il Sì del mio Cuore… al Padre, cui Lei intrecciava ogni suo atto e dolore e si costituiva vita di ogni suo dolore.

Si che il mio Fiat, il mio Amore era l’atto primo che formava la spada, dandole l’intensità del dolore che voleva senza l’ombra della minima resistenza, anzi si sentiva onorata che il mio Fiat si costituiva vita anche d’ogni suo palpito, come sarà d’ogni creatura di cui Lei è per sempre Madre e Regina.

 

ANNUNCIO KERIGMATICO

 

Nella vita d'ogni uomo
si dischiudono le gioie più belle,
ma, ogni cosa, scorre nel procedere del tempo.

Ecco, sì… Dio vuol portare al mondo un lieto annuncio
di liberazione, di giubilo
così che ogniuno potrà scoprire la gioia più vera


CORO: "pur nascosta nella lotta, nella sofferenza"
attraverso il cuore compassionevole di Gesù suo Figlio.

Gesù vive, Lui  è il risorto
il suo sacrificio d’amore, è soffio vitale per noi,
Lui via verità, E’ Vita,
oh respira ora il suo Spirito, come respiri l'aria
e vivrai la gioia
possiedi  Gesù, Lui ti Ama, con Lui più nulla ti manca
Lui l’amore, la misericordia, si…
Gesù,
nostro Signore ci conduce a sè
e se con lui moriremo al nostro egoismo,
al nostro io, con Lui risorgeremo a vita nuova.

Cantiamo a Gesù, cantiamo alla Vita,
Sì al nostro Redentore e a Maria sua Madre,
Indissolubilmente a Lui legata fin sulla croce gloriosa.

Oh, madre della vita
vita sia e sia vita nuova,oh Maria mamma
oh Maria mamma nostra,
Mamma di Gesù
che ci dici:

"Pregate, pregate, pregate...!"

 

 

 

 

- Dello stesso Autore vedere le Litanie Lauretane figurate

Ciao a Tutti | Contattami | Nota Legale | Ringraziamenti |©2000-2020 Cartantica.it